Skip to main content
Internet Archive's 25th Anniversary Logo

Full text of "Vocabolario della lingua Italiana"

See other formats


This  is  a  digitai  copy  of  a  hook  thiat  was  preserved  for  generations  on  library  shelves  before  it  was  carefully  scanned  by  Google  as  part  of  a  project 
to  make  the  world's  books  discoverable  online. 

It  has  survived  long  enough  for  the  copyright  to  expire  and  the  hook  to  enter  the  public  domain.  A  public  domain  hook  is  one  that  was  never  subject 
to  copyright  or  whose  legai  copyright  term  has  expired.  Whether  a  hook  is  in  the  public  domain  may  vary  country  to  country.  Public  domain  books 
are  our  gateways  to  the  past,  representing  a  wealth  of  history,  culture  and  knowledge  that's  often  difficult  to  discover. 

Marks,  notations  and  other  marginalia  present  in  the  originai  volume  will  appear  in  this  file  -  a  reminder  of  this  book's  long  journey  from  the 
publisher  to  a  library  and  finally  to  you. 

Usage  guidelines 

Google  is  proud  to  partner  with  libraries  to  digitize  public  domain  materials  and  make  them  widely  accessible.  Public  domain  books  belong  to  the 
public  and  we  are  merely  their  custodians.  Nevertheless,  this  work  is  expensive,  so  in  order  to  keep  providing  this  resource,  we  bave  taken  steps  to 
prevent  abuse  by  commercial  parties,  including  placing  technical  restrictions  on  automated  querying. 

We  also  ask  that  you: 

+  Make  non-commercial  use  of  the  file s  We  designed  Google  Book  Search  for  use  by  individuals,  and  we  request  that  you  use  these  files  for 
personal,  non-commercial  purposes. 

+  Refrain  from  automated  querying  Do  not  send  automated  queries  of  any  sort  to  Google's  system:  If  you  are  conducting  research  on  machine 
translation,  optical  character  recognition  or  other  areas  where  access  to  a  large  amount  of  text  is  helpful,  please  contact  us.  We  encourage  the 
use  of  public  domain  materials  for  these  purposes  and  may  be  able  to  help. 

+  Maintain  attribution  The  Google  "watermark"  you  see  on  each  file  is  essential  for  informing  people  about  this  project  and  helping  them  find 
additional  materials  through  Google  Book  Search.  Please  do  not  remove  it. 

+  Keep  it  legai  Whatever  your  use,  remember  that  you  are  responsible  for  ensuring  that  what  you  are  doing  is  legai.  Do  not  assume  that  just 
because  we  believe  a  book  is  in  the  public  domain  for  users  in  the  United  States,  that  the  work  is  also  in  the  public  domain  for  users  in  other 
countries.  Whether  a  book  is  stili  in  copyright  varies  from  country  to  country,  and  we  can't  offer  guidance  on  whether  any  specific  use  of 
any  specific  book  is  allowed.  Please  do  not  assume  that  a  book's  appearance  in  Google  Book  Search  means  it  can  be  used  in  any  manner 
anywhere  in  the  world.  Copyright  infringement  liability  can  be  quite  severe. 

About  Google  Book  Search 

Google's  mission  is  to  organize  the  world's  Information  and  to  make  it  universally  accessible  and  useful.  Google  Book  Search  helps  readers 
discover  the  world's  books  while  helping  authors  and  publishers  reach  new  audiences.  You  can  search  through  the  full  text  of  this  book  on  the  web 


at|http  :  //books  .  google  .  com/ 


'vrr^vA 


'iVy'^li'J-yfl'^^- 


^»i>^^*ì^ 


*«fe. 


•   -  ♦     - 


Digitized  by  VjOOQIC 


VOCABOLARIO 


DELLA 


LINGUA  ITALIANA 


««•SM- 


PARTE  SECONDA 

4 


!zedbyG00gk: 


Digitized  by  VjOOQIC 


VOCABOLARIO 


DELLA 


LINGUA  ITALIANA 

GIÀ   COMPILATO 

DAGLI  ACCADEMICI  DELLA  CRUSCA 


ED  01*  MOTAHRNTB  COBBBTTO  ED  ACCBE8C1UT0 
DAL  CAVALIERE    ABATE 

GIUSEPPE    MANIIZZI 


SECONDA    EDIZIONE 

RIVEDUTA  E  NOTABq,Mi;NTE  AMPUATA  DAL  COMPILATORE. 


PARTE    SECONDA 


D  —  L 


IN  FIRENZE 

NELLA  STAMPERIA  DEL  VOCABOLARIO 

E  DEI  TESTI  DI  UNGUA 
MDCCCLXI. 


Digitized  by  VjOOQIC 


Digitized  by 


Google 


VOCABOLARIO 


DELLA  LINGUA  ITALIANA. 


».  [1^  fMrrta  hlltrm  dell' Jlf abelo,  e  fa 
tartM  ehtie  tomeemamli,]  che  ha  gran  pere»- 
<^  tmUm  T,  emercii  mette  veci  la  Uh*  nei 
f'rù  mmsfnJi  kamno  mmlale  II  T  il*  D,  m- 
«  ■■■  Jate»  Jl  JHMW,  Mteeome  Latro,  LA- 
MO;  FMolu,  PODESTÀ;  LiCiu,  UDO.  ^m- 
Mrtte  rfayg  4ftf  M  eelememte  le  R  (elfre  el- 
le eetmti)  tmmie  te  pHHCIpie,  quelito  In  mut- 
ee  éelim  dixieme,  e  eelle  itene  rtllebe,  eoa 
fmtlH  e  alamamle  tU  etteao,  come  MIACO, 
SALAMANOBA,  HiceM  eeentl  di  ti ,  nel 
meta»  delln  martla,  «ut  te  divena  tllle- 
ie,  U  Is  N,  R,  S,  eeau  GELORA,  BAM- 
•OtTabOB.  DISDICEVOLE.«a  le  S,  eniH- 
ti  Im  9  ei  traea  di  rade  te  «msm  di  paro- 
le, e  ^Hati  tempre  ne'  verbi  composti  delle 
partUatla  MS,  euM  DISDIRE.  Nel  prlaci- 
fieeitreeteaiùtpeM*e,come80EGKO,SOES' 
TATO  ;  •  deetl  eeaipre  preferire  le  8  eveli- 
Haet  e»etmdnm»ai,epéirlmet*o,eomenelle 
•mee  ACCUSA,  ilceeme  ti  dice  nelle  lettera 
S.  Mmddoppieei  nel  meteo ,  eueudo  egli 
eeeerre,  cerne  FREDDO,  ADDURRE. 

:  5  *  -  Teiere  si  eggimage  ella  perlitel- 
ia  A,  eie  eeee  prepoti aiome,  etegme  del  ter* 
te  eate,  par  itf uggire  le  ineomtre  delle  vo- 
celi,  a  per  eàglior  taeao  dei  protatorii  e 
dei  paell,  actiocdiè  tua  eweage  elleiome.  Il 
die  ti  fa  etieadie  eolle  vteeli  E,  «rf  O.  i>. 
A,  S  M.  •  ». 

*  St.  M  ajlgge  pare  ed  eltre  parHeelle. 
tale.  Aerert.  I.  t.  S.  t4.  Il  primo  moAi,  on- 
ia  la  lia)P**  ''  »ttiJ itila  Moalro  fagga  dalla 
«tali,  i  la  'irtaifomtn  'I  tue  dalla  pracadaa- 
■a  asca  ai  il  pnacipio  dalla  lagnaate  almin 
ItOera  onoacMMata ,  cbs  qnafi  irmpre  è  il  D, 
Cam  dicali  ed,  tvd,  od,  elied,  bemeked,  in  va- 
ia di  a,  i«,  o,  die,  bmc/ii,  a  rinili  :  Ih  po- 
eetore,  chaMiinne  iniracadi  lapoee  ore 
^ceeeeiei  pretto  toggiagme  il  citate  SaMeli.) 
S  S.  Permmatere  romane  comunemente  uta' 
le,  tigaijha  Cinipteceate.  Sul.  Parg.  SS.  NaI 
^■lll  BV  óaqliecaiilo  diace,  e  cinque  Heuodi 
là  U  fata,  E  qoal  gigiiilr,  cba  eoa  lai 
_Ba.  ìm  litun  D  rilava  ctaquacanto,  iii>- 
«ha  par  ^«ilo  ioteada  ano  D.  dr.  Far.  SS.  4. 
Cba  «eai'anai  principio  prìm  onrabba,  Cba 
aair  ■,  a  eoi  0  fiuia  aotHo. 

DA 

DA.  Segno  drW  attimo  ceto,  o,  come  al- 
ami eeglieme,  ebe  ti  debba  dire,  prepoti- 
eime ,  le  elette  ette  7  Lai.  i ,  o  ib,  ibi. 
f.  ìnti,  ttctpki,  iaci,  9p6t, 

S  S I.  Oe,  talora  t'Incorpora  cogli  mvver- 
U,  e  ce'aemi,  ed  oliere  raddoppia  la  con- 
maeate  de  gli  tegue  ;  come  Dàddoeere  , 
Deliete,  Dappoi,  Dappoco,  Dappiide,  e  ti- 
etili,  eie  ti  tìrtranne  filari  a'Ioro  luoghi. 


DA 

*  %  i.  Da  ,  tetende  C  ortografia  antica 
raddoppiava  anche  la  prima  lettera  tìe'pro- 
nomi  Lui ,  Lei,  Loro,  con  ati  ti  univa  ;  coti 
Ba  ìvi,facevtt  Dalloiac.  Frenc.Berb.  0.17. 
«ao.  I.  «  17.  e.  Dalloro,  cioi  Da  loro.  B  «8. 
8.  •M*.47.Ddlat,  cioè  Oeìà.hemb.  Stor.i. 
S.  Furono  diUoi  con  dubbia  fortuna  ilouae 
laggiiri  bi<li|lia  fatta.  E  eppreiio:  Fu  dil- 
lei  ornilo  delli-  etttidinanza  a  del  conaiglio  a 
aobila  nuiiian  fatto. 

•  SS. Da,elltedalle  tegnente vocele, Petr. 
len,  %t.  cóli  fu'io  da' bagli  oeebi  lucami,  E 
d*  un  dolca  ailuto  iniiame  igainuto.  Ar*  Far, 
<tS.  1  SS.  Poi  di  fatlease,  qua!  ai  pinga  Eaupo, 
D' atliittir,  M  ri  fona,  il  Paradito. 

%  4.  Da',  eoli' apottrofo.  Voce  tronca  da 
Dal,  o  Dalli,  che  è  prepetitione,  e  tegne 
di  ceto  effittt  eli' erticelo.  Boee.pr,  6.RÌ- 
alratta  da'nlari,  di'piiari,  di'comandimanli 
di'pidii  *ti  aal  pìeceto  circuito  delle  lor  »- 
man  racchiuaa  dimorano,  Snov.  lì.  i.  Rie* 
cogUarò  diir  uaufirìo  li  gonnella  mii  del  per* 
lo,  e  lo  Kaggiile  da' di  della  fette. 

S  5.  Da ,  telare  per  proprietà  di  lingueg- 
gio ntttto  tenta  l'erticele,  benché  in  tignijlc. 
che  per  altro  il  richiederebbe.  Bocc.  nef.  18. 
SS.  MmnglioMi  Aleaundro,  udendo  li  iMglia 
etaer  tgliooli  del  Rad'IngbillaiTi  ic:  da  al- 
tra parte  il  Papa  ae.  S  «ap.  M.  8.  Eoeado  a 
Ini  n  ealeudano  caduto  da  cintila  ec,  la  co- 
miaciè  a  coiifiHtire  con  fitli.  B  nov.  SO.  SI. 
Cbe  venir  poaia  fuooo  da  cielo ,  cba  tutta  vi 
arda.  S  Tet.  Br.  8. 6.  Di  alln  piiU  c'iaiegni 
Tullio  cba  tutta  ooolensioai  o  di  boeca ,  o  di 
Kritta  naicooa  del  fatto. 

S  6.  Talora  denota  Opera  tiene,  Dani.  Inf. 
83.  Che  nou  i  mpreaa  da  pigliu*  a  gabbo  De- 
icrivcr  fondo  a  tutto  l'univerio.  Ne  da  lingua, 
cbe  chinai  manmu,  o  babbo.  Boer.  pr.  7.  E 
te  per  quelli  alcnwa  amltnconii  er.  sopravvie- 
ne nelle  loro  manti,  in  qVMlle  eoavieiie,  che 
con  grave  nota  ti  dimori,  se  da  nuovi  ragiona- 
menti non  è  rimoiia.  £  g.  4.  p.  tS.  Per  certo 
ehi  nou  v*aBui,  e  da  voi  non  diaidera  d' atier 
amilo  oc.  li  mi  ripiglii.  4 

$7.  Talora  denoie  Separatone.  Petr.ton. 
437.  Piea  d'un  Vigo  pensier,  ebe  mi  dìiviiDa 
tutti  gli  altri. 

5  S  8.  Talvolta  donala  Termine,  onde  al- 
tri ti  parte.  Booc.  noe.  4.  II.  Gradando  lui 
etaer  tornato  dai  boaco,  avvitò  di  ripreuderlo 
forte,  [ifed.]  fi(.  Oitl.  [101.]  Cominciò  a 
andare  da  Naiiaritta  a  lernmlemme.  £  fi-anc. 
Sacch.  nov.  f  53.  lanao»  ch'egli  tucitie  di  ta- 
voli, egli  il  dominderebbe  ec. 

S  $  8.  Talora  in  vece  del  nome  del  luogo 
donde  altri  parla,  ti  pone  miello  dcUa  per^ 
tene  che  vi  abita,  fit.  SS.  Pad.  S.  SS1.  Una 
miltini  par  tempo  nioendo  egli  (t'itane)  di 
una  di  ^elie  mereiriei  ec.  un  rio  uomo,  e 


DA 

immondo  iteoutrandolo  te.  diègli  una  gnnde 
goinciiti.  «  Bocc.  g.  IO.  ji.  8.  Ed  io  voglio 
di  graaia  da  voi,  che  vi  deU»ia  piaeen  di  di- 
morarvi qui  con  Bkia  madn  infiualtaoto  eh'  io 
da  madonna  toruL 

•  SS  iO- 1^*1  talora  indica  II  luogo  e  cai 
ti  va.  tlorg.  I.  49.  E' far  la  via  da  que'gigau- 
li  morti.  (Cioè  i  fecero  la  via,  andando  al 
Imago  dee'  erano  i/nei  oc.) 

•  S  «•  Fa/ora  denota  il  Laage  dove  abi- 
ta aleaiuK  Jlam.  Colt.  9.  43.  A  noi  diede  il 
veder  l' One  e  Boote,  Cba  non  a'  attufi  in  mar, 
ma  intomo -gira  Sopra  i  manti  Rifai  dal  fredda 
Scili. 

;  S  18.  Talora  accenna  il  Lmoge  donde  è 
ttata  tcritla  nna  tenera.  Car.  leti.  8.  4S8. 
Con  mollo  mio  contenlo  he  letta  là  letlan  di 
V.  S.  Ravereodiuima  del  gioano  da  la  Madda- 
lena, da  Lnbae. 

:  S  *'•  Talora,  colla  eorriepeadenaa  di 
A,  denota  Spailo- coti  di  tempo  ,  come  <fi 
manaro,  e  di  Inege.  «  Bocc.  pr.  8.  Dalla  mia 
giovanena  inGno  a  «atto  tempo  oltre  modo 
eaaeado  aecete  itala  d'altiitimo,  a  nobile  aaio- 
re  K.  £  ^.  a.  B.  4.  Cf«daii  da  la  marina  da 
Reggio  a  Gaeta  lia  qnaai  fa  più  dilettevole j 
te  d'Udia.  Cnnìehett.  ISO.  A  di 91. dir 
gno  tcurò  tutto  il  iole,  e  durò  da  dopo  lena 
a  nona.  S.  Agoil.  C  D.  18.  1.  Da  Platone  a 
Palemooe,  il  quale  è  qaarto  da  lui,  la  acuola 
li  chiama  Aoeademia. 

•  S  14.  Da,  talora  denota  Tempo,  o  Nu- 
mero, onde  ti  comincia  a  cantare.  fav.Etop. 
468.  Da'  pnmi  aoitri  parenti ,  falli  dt  Dio  in 
qua  (dalla  creazione  ec.  in  qua),  ciaaena  cor- 
po è  nonio  in  questo  mondo  ual  principio  con 
attualità  di  peooato.  J  Jieai.  fior.  Sp.  Ovid. 
».  88.  Titolo  bai ,  e  il  auo  figliuol  Pelope, 
Onde  ti  poim  gloriare,  e  sei.  Sete  «umeii  ben, 
da  Giove  il  quinto. 

S  i5,  Taieni  denota  Differente  ,  e  Con- 
trarine. Ut  eb.  Petr.  tea.  4.  Quaód'aia  in 
parte  altr'  uom  da  qacA  eh'  i'  soaa,  •  Bocc. 
g.  1.  n,  8.  Oltramodo  era  Imifiirmalo  da  quel- 
lo che  eiier  lolevi.  E  g.  l.jutv.  4.  Con  le  pm- 
genti  aoUecKudiai  d'uHae  de  iuteniato  animale 
ti  recarono-  ad  esser  aoaao. 

Ut.  Da,  talora  in  tignile,  d' Origine  di 
patria,  talea  te  ti  parli  di  Uegno,  di  Pro- 
vincia, e  d' Itola,  che  oliera  in  vece  di  Da 
ti  uta  Di,  Beee.  Ha*.  H.'tit.  Aadnuocio  da 
Peragìi  venuto  ■  Mapali  ec.  Snef.  »0.tit.Ve^ , 
uino  da  Manie*  ruba  la  aaoglia  a  meoer  Rie- 
eiaido  di  Chimica.  Shop.  84.  III.  Matetlo  da 
Lamporaechio  li  fa  mutolo.  Enee.  U.  IH.  Cui. 
dotto  d4  Ceamana  latcia  a  Giaeomin  da  Parta 
una  ana  fanciuHa,  e  muoni.  •  Doni.  Parg. 
8.  L*  Angal  di  Dio  mi  prme,  e  quel  d'inferno 
Gridavi:  O  tn  dal  ciel,  perdtè  rat  prùri7  (O  tu 
che  tini  in  cielo.) 


Digitized  by 


Google 


DA 


DA 


DA 


t  S  I7<  Da  ,  tt  ma  anche  per  significare 
Origina  iti  parenti ,  di  razza  «r.  Car.  £^. 
4.  186.  Ed  ancor  io  ddl  Cielo  Traggo  prìDci|no, 
«  son  da  Giovs  anch'  io.  •  £  9.  940.  In  una 
genia  Ante  dato,  che  da  stirpe  i  dura. 

$  18.  £  Irati andùtt  «T  impresa,  o  d'inse- 
gna, vale  Che  ha,  0  porla  la  insegna  del. 
tì,  y.  9.  934.  4.  Il  quale  aTcra  iiomeGuiglìel- 
mo  dal  Como.  Ar.  Fnr.  S3.  67.  Con  ricca  m- 
(•raTicJla,  e  bello  arocM  Serpentin  dalla  Sulla 
m  gioKra  venne. 

•  S  49.  Da,  talora  importa  Fina,  o  Inlen- 
zlone,  Bocc.  g.  8.  n.  6.  IH.  Fannegli  fare  la 
spcrìeuaa  da  ritrovarlo  (a  Jtne  di  trovare  il 
porco)  con  galle  di  gengionh 

•  S  SO.  Va,  serva  ad  accennar  il  Sito  do- 
ve, 0  verso  dove  i  qualche  cosa  ;  così  si  dice 
Uscio  da  via.  Porta  da  via  ,  e  simili,  per 
Uscio,  0  Porla  che  riesce  tnlla  via.  Bocc. 
g,  7.  n.  5.  E  perciò  ferrerai  bene  1'  uacio  da 
via,  e  qoello  da  meua  scala  (cioè  l'uscio  che 
sbocca  nella  via,  e  quello  che  è  posto  a  mena 
scala.)  n-anc.  Saech.  nov.  4(0.  Due  porci  ec. 
bellissimi  quasi  ogni  di  entravano  d.illa  porta 
da  via,  e  poi  subitamente  entravano  nella  drt- 
ta  camera.  Cecch.  ylssiuol.  9.  8.  Non  potrei 
io  entrar  d'altronde,  che  dall'  uscio  da  via? 

*S  S  94.  Da  ,  si  adopera  a  denotare  lo 
state,  il  modo  d' essere,  la  condizione  d'ai- 
cumo,  e  specialmente  l'eli.  Trall.  gev.fam, 
487.  Questo  gli  bisogna  più  iàra  da  grande,  che 
essendo  pargoletto. 

•  S  »•  Da,  lalvoba  indica  la  Cagione,  • 
altro,macon  $otlÌHlendervi  alcuna  cosa. Ca- 
vale. FhtII.  ling.  408.  QnesU  rivelaaione,  e 
aapianaa  umilmente  confessava  8.  Paolo  da  Cri- 
sto (cioè  d'aver  ricevuta;  r/i«  dleesl  anche  ri- 
conosceva da  Cristo.)  Pece,  g,  95.  n.  S.  E  disse 
■'baroni  ec;  questo  è  segno  da  Dio  (cioè  di 
Dio,  ovvero  venuto,  mandato  da  Dio.)  ]  G.  f. 
i.  9.  4.  Riconoscendosi  Mele  di  Santa  Chie- 
sa, e  che  r  Isola  di  Cicilia  tenea  da  lui. 

«  $  98.  Da  ,  talora  accenna  Cagione,  o 
yirtù.  Boce.  nov.  14.  Qtusi  lutti  doveaaers 
dal  toccameulo  di  questo  corpo  divenir  sani  (se 
già  non  accenna  tempo  ;  quasi  dicesse  :  do- 
po il  toccamento  ec.) 

Z  S  94.  ^alora  accenna  Strumento,  o  Me»- 
to  con  che  si  fa  alcuna  azione,  e  vale  Con. 
Bocc,  Filoc.  4 .  Io  non  ave*  ancora  compiuto 
di  parlare,  ch'io  mi  sentii  lo  sinistro  lato  pia- 
gare da  una  saetta  d'oro. 

•  $  96.  Da,  denota  Trasmulamento  d'uno 
stato  ,  o  condizione  in  altra,  e  corrisponde 
all'Ex  d^ Latini,  coma  quello  di  Fedro  :  ex 
autore  audicas.  Tuttavia  anche  in  questo  sen- 
so e  strano  quel  del  Petrarca,  son.  489.  Ben 
riconosoo  in  voi  l'usato  iórme.  Non,  lasso!  io 
me  ;  che  da  si  lieta  vita  Son  latto  alberga  d'io- 
Snita  doglia. 

i  S  98.  Da  ,  serve  ad  accennar  Luogo,  o 
altro,  che  rendette /amoso  alcuno,  come  che 
sia.  Dani.  Inf.  93.  E  ■  Ul  modo  il  suoecto  si 
stenta  In  questa  fessa,  e  gli  altri  dal  concilio. 
Che  fu  per  K  Giudei  mala  sementa.  •  E  30. 
Egli  è  '1  £ilso  Sinon  greco  da  Troia  (perchè 
con  tradimento  famoso,  in  Virgilio,  tradì 
Troia  a' Greci.  Così  noi  chiamiamo  S.  An- 
tanioda  Padova,  quanttuiqtie sia  di  Lisbona. 

%  97.  Da,  in  vece  di  Per  uso  del,  e  In  si- 
gniKc.  di  AnUudina,  Convenevolezza,  AH- 
liti,  e  iimlli.  Bocc.  nov.  99.  8.  Esscado  ella 
giii  di  etì  da  marito.  E  nov.  39.  8.  Frate  Al- 
berto oc,  parendogli  terrena  da'  ferri  suoi,  di 
lei  aabilamente,  ed  oltremodo  s'innamorò.  E 
nov.  81.  8.  Gioie  da  donne  portandole,  come 
i  asercntanti  fimno-,  a  vedere.  E  nov.  44. 1. Ma- 
teria da  crudeli  ragiimamenti,  e  da  larvi  pia- 
gnere, v'  impoli.  £  nov.  60./.  43.  Parendo  lor 
tempo  da  dover  tornare  verso  casa,  con  soave 
passo  ec.  in  cammioo  si  alisero.  £  nov.  79.  9. 
Le  gonnella  mia  del  perso,  e  lo  scaggiale  da 'di 
delle  fasto.  E  nov.  79.  44.  E  bmi  vorreT,  tocca 
mia  da  salo,  che  voi  credesteec  {  Giov.  Geli. 
VU.  Alf.  48.  Fu  giudicato  e  tenuto  da  molti 
che  egli  fiisse  piuttosto  uomo  desideroso,  •  a- 
autor  d'una  certa  vita  quieta  e  riaieasa,  che 
da  alti,  e  notabili  eserdai,  e  da  quelle  cose  le 
quali  si  riceicon  nai  lovernare  uno  stato.  Sa- 
gner.  Mann.  Olt.  48.  8.  £  una  pianto  bensì 
da  fraudi,  e  da  (ari,aM  non  da  fratto.  <S  Cr. 
4.  7.  3.  In  quella  parte  allato  alle  ripe  della 


corte,  si  piantino  irabili  generazioni  di  vili  da 
pergole. 

•  S  98.  t/ou  esser  da  cosa  alcuna,  vale 
Sion  valer  nietUe.  Bocc.  g.  4.  n.  4ii.'Mauicate 
le  frondi,  le  isaali  non  souo  da  cosa  dcana,  ma 
son  di  malvagio  sapore. 

^  S  99.  Da,  avanti  a  verbo,  o  a  nome,  de- 
nota Convenienza,  o  Necessità;  ma  davanti 
a* verbi  si  congiugne  collo'n/hiilo  e^è  equi- 
valente  al  nominativo  geriutdio.  Bocc.  pr. 
8.  La  gralitudioe  ec.  è  sommamente  da  com- 
mendare, e'I  contrario  da  biasimare,  £  hm*.  13. 
94.  Diede  ordine  a  quello,  che  da  far  foase.  £ 
nov.  99.  46.  Fattesi  venire  per  ciascuno  due 
paia  di  robe  ec.  non  mica  cittadine,  uè  da  mer- 
catanti, ma  da  signore,  e  tre  giubbe  di  aeuda- 
do,  e  panni  lini,  disse  ec  Dani.  Inf.  39.  Che 
non  è  impresa  da  pigliare  a  gabbo.  Descriver 
lìjndo  a  tutto  ruuiverso,Né  da  lingua,  che  chia- 
mi mamma,  o  babbo.  iSegner.  Mann.  Ott.  17. 
8.  Il  Dir  cosà  è  procedere  da  figliuolo;  il  brontola- 
re è  da  discolo.  £  flovembr.  IO.  4 .  E  cosi  sempre 
essi  bau  da  tendere  ad  una  perfeaiou  maggiore. 

•  SS  80.  Talora  serve  ad  accennare  il 
Vantaggio ,  il  Privilegio  che  imo  ha  so- 
pra  un  altro,  a  preferenza  di  un  altro. 
Legg.  S.  Gio.  Ball.  43.  Qui  dovemo  sapere 
che  Santo  Giovanni  ebbe  nove  privilegii  stngu- 
lari  e  spesiali  dalli  altri  santi. 

•  $  81.  Da,  nota  uso  nel  Bocc.  g.  4.  nov, 
4.  Queste  sono  cose  da  farle  gli  scherani  (cioè 
degne  di  esser  btte  dagli  scherani.)  Sen.  Pist. 
90.  Gli  uomini  di  quel  tempo  non  erano  sa- 
vii,  con  tutto  che  facessero  cosa  da  bre  a'savii 
(cioè  cose  da  fare,  ciak  da  farsi  da'savii.) 

•  S  89.  Altro  uso  del  DA.  Boez.  88.  Si 
sformano  esser  da  riverire  da'lor  cittadini  con 
onori  acquistati  (lat.  adeptis  honoribus,  re- 
verendi civibus  suis  esse  nituntur.)  E  63.  Le 
dignitadi  fanno  onorabile,  o  da  essere  auto  in 
reverenaa  (lat.  reverendum),  quegli  a'c'ui  pro- 
vengono. E  64.  Conciossiachè  la  dignità  non 
posm  fare  da  esser  riveriti  (reverendos)  colo- 
ro. £  IM.  Se  adunque  esser  da  riverire  (reve- 
rendos) le  dignitadi  làr  non  possono,  ec.  £ 
74.  Perctoccbe  se  io  non  sono  ingannalo,  quel- 
la è  vera,  e  perfetta  feticitade,  la  quale  soffi- 
ciente, potente,  da  esser' da  reverìre  (reveren- 
dns),  glorioso  e  leliiiuso  Ciccia.  £  410.  Non 
da  euere  perseguiti,  ma  da  essere  avuti  in  mi- 
sericordia sono.  £  418-  Forti  d'animo,  da  non 
poter  esser  vinti  (inexpugnabilés)  con  tor- 


*  S  88.  Da,  in  senso  simile  a  quel  di  so- 
pra. Bocc.  g.  I.  «.  4.  Non,  disse  ser  Ciap- 
pelletto, uon  dite  legger  cosa;  che  la  domeni- 
ca è  troppo  da  onorare  (cioè  rispetlabile,  da 
dorerai  onorare.)  Borgh.  Orig,  Fir.  498.  Uo- 
Biini  da  non  ira  dietro  a  cose  puerili,  e  da  sa- 
per molto  bene  diseernere  le  cose  gravi  (cioè 
incapaci  d'ire  dietro  ec.,  e  capaci  di  saper  ec.) 

•  S  34.  Dà,  aggiunto  agVinJinUi  de' ver- 
bi, importa  Moto  da  luogo,  e  serve  a  dimo- 
strare azione,  o  caso  pur  dianzi  intervenuto. 
Fi-anc.  Sacch.  IH.  nov.  48.  Il  detto  messer 
Ridolfi  a  un  auo  uipoto  tornato  da  Bologna  da 
apparare  ragioue  gli  prova  die  ha  perduto  il 
tempo.  Ar^  FUr.  93.  93.  Veniva  da  partir  gli 
alkwgiaaunti  Per  qnal  contado  a  cavalieri  a  a 
fanti, 

•  S  38.  Da,  nota  eoelrtaio.  Vil.SS.Pad. 
9.  813.  E  quando' alcuna  volto  gli  paressi  tar- 
di da  tornare  al  momstero,  rimaneva  ec  (che 
è  quello  che  i  nostri  moderni  direbiono  ma- 
le: troppo  tardi  per  tornare,  ec)  Vit.S.Gio. 
Gualb.  999.  E  l'altro  popolo,  eiso  B.  Giovtn- 

^i  da  euera  lapidato,  o  d'altra  generaiione  di 
morto  da  essere  ucciso,  giudicò  (  nota  il  tras- 
portamento dal  secondo  DA.) 

*  $  36.  'Da,  premesso  all'infinito,  in  for- 
za di  Per,  Pass.  48.  E  d'onde  debbono  pren- 
dere cagione  e  argomento  da  non  peccare  (per 
non  peccare,  a  jfitte  di  non  peccare);  ad  cgK- 
no  per  lo  contrario  più  peccano. 

S  37.  Da,  congiunto  co'proaomi  ME,  TE, 
SE,  LORO,  va/a  Solo,  Senza  l'altrui  aiuto, 
0  consiglio.  laU  ex  me,  ex  le,  ec.  gr.  «ùre- 
/uteCTMS.  Dani.  Purg.  I.  Poscia  rispose  lui  : 
da  me  non  venni.  £  Par,  9.  88.  Ma  dimmi 
quel,  che  tu  da  te  ne  pensi.  £  19. 143.  Nepo- 
to  ho  io  di  la  e*  ha  nome  Alagia,  Buona  da  se 
purché  la  nostra  casa  Nou  ftccia  lei  per  esem- 


pio malvagin.  :  Car.  Bneid.  '2.  946.  A  cotal 
manto  Cosamosri,  e  da  Bui  Cuti  alleo  pietosi 
Vita  e  venia  gli  diamo. 

$  38.  Talora  ci  si  frammette  il  P8R  co- 
me Da  per  me.  Da  per  le,  ec,  \aX.per  mr, 
per  te.  gr.  ili  i/tcO,  im  ni.  Lib.  eur.  ma- 
lati. Molte  malattie  gueriscono  da  per  sé  zen- 
aa  l'opera  del  medico.  Tav.  Bit.  'fu  ci  elide- 
rai da  per  te,  perchè  io  non  voglio  venirvi. 
;  Fir.  As,  435.  E  pensa  da  per  te  come  ec.  S 
496.  Eie  mura  di  oro  schietto  rilucevano  sa 
guisa  da  per  loro,  che  la  casa  si  faceva  giorno. 
Varch.  Quesl.  JUeh.  98.  Mediante  il  quale 
elle  ai  postono  muovere  da  per  loro  a  quel  fi- 
ne, che  iutoude  e  cerca  l'arte. 

;  $  89.  Talora  il  Per  ci  si  prepone,  e  vai» 
Sino.  Cecch.  Assiuol.  8. 9.  Per  da  ora  io  vi  pro- 
metto di  contarne  una  a  voi,  che  sarà  nou  meo 
bella. 

;  S  40.  £  congiunta  co'proaomi  NOI,  VOI. 
Dani.  Purg.  44.  Vegna  itt  noi  la  pace  del 
tuo  regno.  Che  noi  ad  essa  non  potem  da  noi. 
S'ella  non  vien,  con  tutto  nostro 'ngegno.  >/f^. 
Pnnd,  19.  Questi  vostri  precetti  ditegli  voi  da 
voi,  o  avetegli  imparali  da  altri?  Car. leti.  4. 
73.  Intenderemmo,  e  faremmo  meglio  i  iàlli 
nostri  da  noi. 

*  $  41.  £  a'  suddetti  pronomi  si  unì  an- 
cora l'aggiunto  Solo,  o  Medesimo.  Ar,  Fur, 
44.  13.  Risposto  gli  avea  Amon,  che  da  se  solo 
Non  era  per  conchiudere  altramente.  Segner, 
Mann.-Lugl.  4.  4.  Fa  tu  rapplicaxione  più 

{mutuale  da  le  medesioMs  a  di  Ira  to  ec.  Car. 
eli.  I.  73.  Cosi  bene  spesso  non  ci  fanno  il 
servigio;  dove  da  noi  medesimi  faremmo  ogni 
cosa  meglio. 

•  S  **■  Da,  accompagnato  da'  pronomi, 
vale  anche  Degno,  Dani.  /n/lS.  40.  E  quel 
couoscitor  delle  peccato  Vede  quel  luogo  d'in- 
ferno è  da  asm.  Peir.  son,  993.  Allor  che  Dio 


per  adornarae  il  cielo.  Le  si  ritolse;  e  cosa  era  da 
lui.  «  Bocc.  nov.  9.  6.  proem.  Ha  poi  che  fat- 
to ebbe  alle  parole  fine,  la  reìna  ridendo,  vol- 


to a  Dioneo,  ilisse:  Dioneo,  questa  è  question  da 
tea.  :  Fraac.  Barb.  Begg.  Doim.  919.  Fu  si 
bella  Fanciulla,  che  'I  conto  d' Anguersa  fu  ar- 
dito di  dire  al  re  di  Francia  che  questo  era  da 
lui. 

•  *  S  43.  Da,  preceduto  da  un  nome  immora- 
le ordinativo,  vale  Dopo.  Ovid.  Stminl.  1. 99. 
Cosi  Aiace  è  terao  da  ówie.  Paol.  Oros.  439. 
Caio  (>aligola,  terao  da  Augusto,  eominciò  a  re- 
gnan'.  £  436.  Tiberio  Claudia,  da  Augusto 
quarto ,  il  regno  pigliò. 

%  44.  Da,  {ne'  giuramenti,  a  nelle  asser- 
zioni, serve  ad  esprimere  la  qualità  di  Chi 
parla,  a  sta]  in  vece  di  Per;  come  Da  quel 
eh'  io  sono,  cioè  Per  quoti'  uomo,  eh'  io  so- 
no ;  Da  uomo  dabbene,  cioè  Per  quello  che 
dee  dii'e  UH  nomo  dabbene;  Per  quell'uo- 
mo dabbene,  ch'io  professo  d' essere,  ltt.se- 
cundiim.  gr.  xttxi.  Star.  Aiolf,  Ti  giuro  da 
cavaliere,  che  io  non  l' ho  veduto.  Bed,  leti.  4. 
309.  Rispondo  ora,  ma  nou  le  rispondo  da  bm- 
dico,  ma  bensì  da  suo  buono  amico. 

•  S  45.  Da,  in  vece  di  Per.  Bocc.  g.  8. 
K.  4.  Le  quali  cose  udendo  Lisio  dalla  sua  don- 
na (perciò  che  vecchio  era,  e  da  questo  forse 
un  poco  rilrosello)  disse:  che  rusignuolo  é  que- 
sto, "a  che  ella  vuol  dormire?  Bomb.  Stor.  19. 
178.  £  dalla  paura,  che  egli  aveva  del  Concilio 
incominciato,  maravigliosameute  sì  sbigottiva  e 
dalla  cupidigia  d'aver  Ferrara,  nessuna  colpa, 
nessun  mislirtto  intralasciava.  £  As,  97.  Ciò 
loro  ec  da  celesto  dono  awenin.  ;  tiuiccT 
Stor,  46.  809.  Da  altro  canto  faceva  difficolti 
l'astuaia  ee.,«  la  facilità  per  e^ere  terre  in 
piano,  da  poter  anche  meglio  ripararle,  e  ibr» 
ti6oarle.  £  47. 44.  Da  questo  tregua  s' intenop- 
pero  tutti  i  disegni  di  Lombardia,  e  lutto  il  frut- 
to della  vittoria  di  Cremona. 

S  46.  Da,  talora  awerb.  di  tempo,  va- 
le Nel  tempo  del,  come  Da  sera.  Da  matti- 
na, lai.  vespertino,  matntino  tempere,  gr. 
['ir/tit  inelpoLv,]  Hftil.  Bocc.  nov.  45.  6.  Co- 
me avvenisse,  che  Giacoaoino  per  alcuna  cagio- 
ne da  sera  fuori  di  casa  andasse.  £irm>.73.  49. 
A  me  pare,  se  pare  a  voi,  che  questo  àa  ope- 
ra da  dover  far  da  mattina.  Dani.  rim.  13.  E 
eaoliuiie  gli  augelli.  Ciascuno  in  suo  latino,  Da 
sera,  a  da  mattino  Solli  verdi  arboscelli. 

•  J.  47.  Da,  noia  coslmila.  Bocc.  g.  5. 


Digitized  by 


Google 


DA 


inpatlwne  ili  ngÙHiare;  ed  io 
w  da  1 


I  una  Dorelb,  «imtl«  la  par- 
il  farò  Toleittierì  (cioè  il 
in  ^à  rvccoatarr  niu  norelU,  o  pitre  il  fa- 
»  raccowtaudo  una  nordU.) 

S  M.  Oa,  ittW  tignile,  m^d^simo  che  A, 
**.'f—  dtU  <«rs«  CASO.  £occ.  g,  S.  /r.  .4.  Esso 
•>M  ««tomo  da  tè  •  per  lo  mk/aa»^  ia  asni  par* 
»,  vie  aaipliuntt*.  S  no**.  SO.  40.  Io  ce  vi  me- 
«■ò  dU  lei,  e  aoa  certo,  dia  ella  vi  couosrarà. 
K  ««r.  9S.  15.  Adouque,  dUsa  la  buona  fem- 
mmm^  aaidalevcaa  da  lui.  Enov.  70.  84.  Aii- 
^a  fiiec^ado  |*«r  la  piena  diuausì  da  voi  no  grao 
«afìalara.  JT  mov,  00.  88.  La  <|aal  cosa  come  il 
^Jadiau  senti»  che  toauaaaeote  l'aman,  T«nu- 
l»4alaii  «e.  ti  lMasi»&  naolto.  A7r.A  Gio.Bat. 
W9,\  Questa  ^acialla  verrà  dioansi  da  toì,  e 
mmk  y trite  sae  pollerie.  S*h.  Pisi,  Non  audrò 
■I  per  la  traccia  di  coloro^  che  furono  diiiauat 
^  aai  f  OttW.Orif .  S86.  Ella  ù  levò  molto  per 
toHf»  msa  aiattioa  dittaui  da  tatti,  e  veoua  con 
feoBoaì  «nigttcoli  per  trovarvi,  e  per  nogere  il 
««tfio  eoepo.  Pnir,  Uom-,  iU,  Mandala  iniun- 
s»  paste  della  gesta  da  cavallo  ad  altiaaie  ■  ni- 
mica salto  la  capàlasausa  dì  Hassintssa.  *  Pal- 
imm,  Sfr.  Caec.OH.  Dai  cardinal  Uonwe,  ap- 
pena ■oìvato,  andaron  tatti  gli  Ambasciatori. 
S  49.  Dm,  p0r  A  modo,  A  foggia,  lat.  im- 
gr.  ^ixnv,  Tmtt,  gw,  fum.  Mon 
e,  ch«f  i  fiwcìnlU  vestano  sui 

S  Mk  Dm,  per  Avanti,  laL  anta^propa.  gr. 
abréMDm.  Bece,  nav,  05.  10.  La  donna  ec., 
«BglgeDdoI  da  casa  Stt^  molto  ^lesao  paasare,  dis- 
ae. 

•  5  SI .  Da,  par  Avanti,  A,  in  accannanda 
eaafe  m  Imago.  Fir,  As.  ISt.  Andatosene  ec. 
^lla  caia  din  gran  Giove.  J?  145.  Se  ne  andò 
^  amai  ahisaiau  torre.  Frane,  Sacch,  hov.  475. 
Oetumin  Pnoci  avaa  una  casa  dalle  fornaci  del- 
la vie  Ghibellina.  •:  i'acor.f.S.M.O.  Passando 
pat  Ift.  Baondalmoote  no  giorno  da  casa  i  Do- 

S  ss.  Da,  in  vaca  di  Di.  Bocc.  pr.  7.  Essi 
ac  haeir  awlb  au>di  da  alleggiare,  o  da  passar 
^•«Ho.  Sno*^.  18. 08.  La  donna,  a  cai  pia  tem- 
fn  da  esaforto,  che  da  riprensioni  parea,  sor- 
fìdaede  diaaa.  E  nov.  40.  16.  Degno  cibo  da 
sei  il  vepetai.  liv.  Ai.  [Dac.  È.  65.]  Gli  bia- 
simava dnnwwste,  oca  da  fullla,  ara  da  codardia. 
«  Baec.  g.  4.  hov,  10.  Siccome  savia,  e  di 
Mimo,  per  potere  quello  da  casa  ri- 
e,  si  dispose  di  gittarsi  alla  strada,  e 
■  logorme  dello  altrai. 
S  SS.  Da,  por  Di  rAf,  Onde.  laL  wtda.  gr. 
j$<y.  Bace.  nav.  3.  8.  Pensossi  costui  aver  da 
poterlo  servire.  I?  no»*.  7.  0.  I'  viaìosa,  e  lorda 
vita  de'  cberiei  dà  di  se  da  mordere,  da  parlare, 
e  da  npreodcre. 

{  S4.  Da,  taiora  si  pana  col  noma  ia  vaco 
dtd/o  injtaitoy  ovale  pttriatente  Dt  ckOfOude, 
Boee.  nav  50.  SS.  Sì  da  cena  ci  ba:  noi  siam 
■tolto  «sale  iK  Cir  da  cena,  quando  tu  non 
dee*. 

••  S  55.  Da,  por  fUorcAo,  EvcaUochà, 
Caeah,  Samum.  0. 3.  Cbe  da  quel  eh*  io  ne  spic- 
eo cella  bocca,  io  oon  torrei  il  valor  d*  una 
leeU. 

«  $  50.  Da,  per  Dopo,  accomando  luogo, 
a  poeitnra  di  cosa  posta  appresso  ad  nltra, 
i^nc.  Sacca,  nov.  £  da'  pieoi,  tocca  la  gambe 
(e  dopo  toccali  i  piedi,  otvero  salendo  su  da* 
piedi  «r.;. 

S  87.  Dm,  par  Intorno,  o  per  quello  che 
ai  dica  Poco  più,  o  meno.  In  circa,  Ul./era, 
faraae,  ad,  quasi,  usqtte  md,  circHer,  plus 
mùmms.  [gr.  ttoTttpML]  Bocc.  nov.  15.  7.  Essa 
ieoontrogU  da  tre  gradi  discese.  JET  MOi*.  08.  SI. 
la  eoa!  Cttti  ragiouamenti,  ed  in  simili^  con 
mangiare,  e  con  battiture  fu  tenuto  Ferondo 
da  d^eci  mesi.  Ehov.  43.  5.  Si  videro  vicini  ad 
ea  castelletto,  del  quale,  esseudo  stati  veduti, 
sebii amente  asciron  da  dodici  r.iuli.  [Hed.]  Fii. 
CHst.  [101.]  Coraiuciòe  ad  auda^da  Nas- 
sjrette  a  IcrumteMme,  cbe  v'  bae  974  miglia. 
Cr.  4.  0.  4.  Di  quattro,  ovvero  cinque  gene- 
raaioai  dì  oc^hU  sermenti  porremo.  Dnnt.  Purg. 
S.  Veramente  da  Ire  mesi  egli  ha  tolto  Chi  ha 
«oImo  eotrar  con  tutta  pace.  G.  K.  7.  07.  7. 
Allora  prese  da  30  in  40  de'  ntgliorì  baroni 
del  Ro.  e  1 1. 03.  S.  Iitifluvasi  avere  io  Fireuie 
da  M  eaila  bocche.   Uà  uomini,  e  lèmmine,  e 


DA 

fanciulli.  B  man.  8.  Cinque  badie  con  dne 
priorie  con  da  ottanta  monaci;  ventiquattro 
monasteri  di  monache  con  da  500  donne.  Stor. 
Pisi.  43.'QoeUi  da  sau  Simone,  e  da  Mottte- 
cuceoli  con  da  400  Giptì,  e  da  10  uomini  a 
cavallo. 

S  68.  Da,  intutee  di  Perlo,  Mediaute.  laL 
per,  gr.  ^cdc.  Cr,  4.  8.  1.  Alcune  (viti  sono) 
che  1  Gratto  suo  dal  melumo  perdono.  Bocc. 
g.  X.f.  7.  Verso  ou  rivo  d'acqua  cblarìssinia, 
il  quale  d'una  moiitagnclla  discendeva  tn  una 
valle  ombrosa  da  molti  ffbori  ec.,  con  lento 
pauo  se  n'andarono.  •  Dani.  Purg,  7,  Luogo 
e  laf^iù,  non  tristo  da  martiri,  Ha  di  lacrime 
scJo,  ec.  (E  all'usa  Ialino,  come  Firg.: 
Torrida  semper  ab  igne;  e  Catntl,  :  Purpurea- 
que  prorul  naiiLes  a  luce  refulgent).  Pallad. 
1.  10.  È  migliore  (l'arena),  se  incontanente 
cavata  si  mischi  ;  perocché  stando  o  da  sole  o 
da  aequa,  o  da  freddo  diventa  vana. 

$  59.  Da,  altere  talora  esprime  la  forza 
della  particola  SIKO,  e  vate  Sia  da,  laU 
ex,  a.  gr.  ix,  i{.  Boce.  hov,  100.  SO.  Ove 
colei  in  continue  fatiche  da  pìccoliua  era  stata. 
Petr.  cap.  3.  Da  quel  tempo  ebbi  gli  occlti 
umidi,  e  bassi. 

%%¥>.  Ein  questo  senso  gli  si  prepone 
anche  Injino.  noce.  g.  7.  n.  8.  Coma  colei, 
cbe  infiuu  da  piccoliua  l'avete  allevala. 

S  01,  Da,  per  Tra,  Intra,  seguitandogli 
A,  a  AL.  G.  F.  0.  84.  11.  Fua  aspra  battaglia 
infino  BcirAnio  dagli  usciti  Guelfi  a'detti  Te* 
desebi,  ir  10.  7.  1.  La  reiua  Isabella  d'Inghil- 
terra ac.  passò  col   suo  maggior  figliaolo  in 


da  lui  al  Papa.  Cap.  Comp,  disc.  Si.  Da  m  a 
lui  lo  ritveoda,  a  ammonisca.  M,  F.  8,  38. 
Qui  cominciò  l'odio  da'gentil uòmini  al  popo- 
lo. •:  anj*.  Calv.  3. 00.  e  pure  ancor  la  bat- 
taglia non  resta  fienchò  da  prua  (dalla  parta 
di  prua)  è  perduta  ogni  cosa. 

•  S  63.  E  colta  corrisponde»  sa  di  £.  G. 
F,  1.  S3.  4.  Per  avere  il  retaggio  del  re  Lati- 
no grandi  battaglie  ebbe  da  fcnea  s  Turno  e 
que'di  Idurenza  per  più  tempo. 

*  S  63.  £  cUia  corrispondanta  di  un  al- 
tro Da.  Esp.  Pai,  Nost.  74.  Gran  differeu- 
sia  bae  da  colui  che  dà  e  fa  limosina,  da  colui 
che  la  riceve.     ' 

•*  S  4'*  ^o  >"•»  ti"  '^  ^c->  pigf**^  *^''<  ''* 
gni^cati,  secondo  i  verbi  a  a*i  si  accompa- 
gna. Ovid.  Simiul,  3.  04.  Questi  peccali  io  no 
gli  trovo  da  me  (qui  vate  DI  mia  teSa,  Di 
mia  iuvenaiuoe.  Dant.  Inf.  10.  Da  me  slesso* 
non  vegno  (qui  vate  per  mìa  Tirtn) 

•  5  65.  Da,  per  Ficino.  Fit.  S.  Frane. 
103.  Giaoea  infermo  nel  romitorio  da  Reale. 
(Il  testo  latina  hat  Prope  Reale.)  Frane. 
Saech,  nov.  0.  Fate  posare  la  gabbia  da  quel- 
la fiueslrs.  Bocc.  g.  6.  n.  0.  Io  dico  de'  Baron- 
ci  vostri  vicini  da  Santa  Maria  martore  (qui 
denota  contrada.)  BorgA.  Orig.  Fir.  183. 
Ancora  oggi  si  vede  in  case  i  Gondi  da  Sw  Fi- 
reme. 

;  S  66.  Da,  talora  serva  a  denotare  il 
passaggio,  ed  equivale  a  Per.  lat.  per,  gr. 
Jfó.  <2uice.  Stor.  1 .  57.  Il  cardinale  aveva,  quan- 
do passò  da  Savona,  mauìfestato  quel  cbe  occul- 
tamente, per  onisiglio  o  meaio  suo,  trattava 
Alfonso  co'  fuorusciti. 

*  %  67.  *Da,  congiunto  colVarticolo  fem~ 
minino  a  cogli  add.  mio,  tuo,  suo,  oc,  vale 
Dalla  mia,  tua,  sua  parte.  Borgh,  Fesc. 
fior.  409.  L'imperadure  ec.  ed  alcuni  altri 
dalla  sua  ec.  tentano  di  divenire  assoluti  pa- 
droni. E  48S.  Armala  mano  scacciò,  e  pers^oi 
acerbamente  tutt'i  vescovi,  ed  altri  religion,  che 
non  tennero  risila  ina. 

*;  $  68.  Da,  talora  serva  ad  nccetuiare  la 
Fin  che  si  è  fatta,  od  il  luogo  pel  quale  si 
è  passati.  Borgh.  Ricord.  11.  Poi  dopo  il 
capitolo  tornammo,  io  dj  Firenae,  lui  da  Ca- 
setta ;  e  fui  in  Arexzo  a*  di  27  di  Maggio. 

S  5  09.  E  coti" articolo  del  mascolino.  Far- 
cii. Err.  Giov.  31.  Egli  |>ensò  subito,  per  es- 
ser poi  rafférmo  Gonfaloniere,  a  tirar  più  dal 
suo  di  tutte  le  partì  che  poteva  (kìoÒ  dal  suo 
seguito.) 

l  S  70.  Xola  costruito.  Fit.  S,  Gir,  130. 
E  pciy  sopra  questa  materia  da  me  tanto  non 


DAB  7 

intendo  più  dire  (cioè  per  quel  solo  cbe  riguar- 
da me.  lai.  ad  me  quod  attinet.) 

*  S  71.  Da,  in  farsa  di  Dotta  parte  dot. 
Dant.  Inf  16.  Si  come  torna  colui,  cbe  va 
ginso  Talora  a  solver  ancora,  che  a^i^appa  O 
scoglio,  o  altro,  cbe  nel  mare  è  chiuso,  Che'n 
su  si  stende,  e  da'  pìè  ti  ratlrappa  (cioè  si  ra&> 
coscia,  e  restringe  dalla  parte  de'pìedi.) 

%  79.  Da^  congiuntOtO  accompagnoto  col- 
te  particelle  POCa  MOLTO,  ASSAI,  NIEN- 
TE.  BENE,  TANTO,  PIÙ,  e  simili,  sta  ai*- 
verbiatm.,  e  con  esse  ha  forza  d'add.,  del-* 
le  quali  vedi  a  suo  luogo,  e  tra  ossa  DA  a  7 
PIÙ*  talora  vi  s' intromettono  gli  avverai 
TROPPO,  ASSAI,  MOLTO,  POCO.  Bocc. 
nov,  SS.  3.  Uomo,  quanto  a  naaìone»  di  vilis- 
sima  coudisione,  ma  per  altro  da  troppo  più , 
che  da  cosi  vii  mestiere.  Bnav.  00.  16.  Non  so- 
spicò,  cbe  ciò  Guccio  Balena  gli  avesse  fatto , 
perciocché  noi  conosceva  da  tanto.  Cas.  Vf 
com.  05.  Laddove  rcssorne  scusa,  che  dì  sua  na- 
tura è  biasimevole,  da  molto  più  divenire  le  fa. 

*  DA  ALLORA  INNANZI.  Bi>sto  awer- 
bialm.  Da  nnet  tempo  in  poi.  G.  F.  10.154. 
S.  Che  da  allora  iunanai  nulla  si  potasse  vestir 
di  sciaraito.  E  1.  47.  1*  E  da  allora  iunsui  fu 
chiamata  Areno. 

*  DA  ALTI,  e  DA  ALTO.  Posto  awer* 
bialm,,  che  si  disia  anche  Dall'alto,  vate 
Dal  ciato.  Da  luogo  sublime.  San.  Pisi.  OS. 
lu  guisa  degl'Iddìi,  spr^,  e  ragguardi  da  alti 
i  ricchi.  Serm,  S,  ^^ojf.  Attendete  iratellijmct, 
cbe  il  dimonio  invita  i  giovani  al  bene,  e  poi 
in  quel  bene  ttimola  l'uomo  tanto,  che  lasci 

3u^  bmic,  per  farlo  cadere  |hù  da  alti.  Cavale, 
'poceh,  cr.  170.  Iddio  ci  ba  visitati  nascendo 
e  venendo  da  alto,  cioè  da  cielo. 

DA  BANDA,  Posto  awerbiatm.,  vate  Dm 
una  parte.  Da  un  lato.  lat.  a  latore, gt.  IttlpK, 
Bem.  Ori.  1.  5.  37.  Draghinaiao,  e  FalsetU 
Ine  da  banda.  Gli  allrì;  cbe  vadan  via  tosto 
comanda,  tir.  Ftir.  40.  48.  Quando  da  terra 
una  tempesta  rea  Mosse  da  banda  impetuoso 
asalto. 

DA  BANDA  A  BANDA.  Posto  ai'verbìalm., 
vale  Da  una  parta  all'altra.  Dm  una  su- 
perdete  JSito  ali" altra;  lo  slesso  che  Fuor 
fnora.  lat.  trans,  gr.  Ttipjs.'».  Fir.  As.  00.  Il 
teno  tuBlxaudosi  ec.  ri  passò  per  lo  petto  da 
banda  a  banda.  Sen.  ben,  Farch.Z.  30.  Se  tu 
non  giuri  ec.  d'abbandonar  l'accusa  di  mìo  pa- 
dre, io  ti  passerò  con  questo  coltello  da  banda 
a  banda.  lìern.  Ori.  K.  5.  70.  Ben  cento  volte 
r  avrebbe  passato  Da 'banda  a  banda  il  mostro 
maladctto. 

;  DA  BASSO.  Posto  awerbialm.  Dalla 
parte  di  soUo.  lat.  infra.  Bed.  jCons.  1.  90. 
Quel  sollievo  tanto  confortativo  che  provano 
coloro,  cbe  hanno  dolori,  ogni  qualvolta  o  per 
bocca,  o  per  da  basso  ributtano  qualdio  poco 
di  flatuosità. 

*  DABBASSO.  Dalla  paHedi  sotto.  Salv, 
Avveri.  1.  8.  1.  8.  Questo  nostro  V.  cbe  s'ap- 
punta cosi  dabbasso. 

^l  DABBENACCIO.  Atld.  Aecrostit.  di 
Datibene,  Lor.  Med.  canz,  137.#.  Ella  è  tanto 
dabbeaaccia,  Gb'  ognun  di  vederla  brama. 

:  DABBENAGGINE,  fo/i/à ,  Semplicità, 
lat-  probiias,  simptìcitas.  gr.  (i^i^iist,  ecffid* 
noi.  Batdin.  Deceun.  4.  907.  Possiamo  anche 
affarraare  che  alla  altre  buone  qualità  di  que- 
st'oomo  fosse  congiunta  quella,  cbe  noi  sogliam 
chiamare  volgarmente  vera  dabbenaggine.  Hed, 
tett.  1.  151.  Si  consigli  con  quella  dabbenag- 
gine, e  con  quella  virtù,  che  risieda  nell'ani* 
mo  suo  con  tanta  ouorevolcBxa. 

5  S  Si  prende  anche  in  mala  parte,  e  m- 
le  implicita,  Sciocchessa.  lat  slupidilas. 
gr.  ààft^o;.  Satvin.  Pros.  Tose,  1.  106.  ^e 
io  mi  stessi  sempre  ne'confìni  della  mia  natu- 
rale dabbenaggine  ec.,  questo  non  mi  sarebbe 
intravvenuto. 

DABBENE,  che  anche  si  scrive  DA  BENE. 
Aggiimto  che  si  dà  a  Uomo  di  bontà,  Buo^ 
no.  lai.  probtts,  bonus,  hotiestus.  gr.ocyol&tf;. 
G,  F,  11.  04.  3.  Il  quale  fu  savio,  valoroso, 
e  dabbene.  Bocc.  nov.  19.  14.  Par  persona  mol- 
lo  da  bene  e  costiunata.  Euov.  38.  O.Seuaacbè 
In  diventerai  molto  migliore,  e  più  costumalo, 
e  più  da  bene.  E  nov.  70.  14.  Ora  avete  mac* 
Siro  mio  dabbene,  inleso  ciò,  che  uoÌ  diciamo 
l'andare  ìu  corso  ?  (qui  per  ironia.) 


Digitized  by 


Google 


OAD 


KA    iiMiii«i  ««Mv  imi—  «M  te  «I  >«ii<i. 


Jl*^^^    "iwl    V^^^^IN^^^ 


««•••  *  caaln- 


^<K<K  At  *bM«.  «  utili.  A\  titinl.  frtH.t. 
M.  iJ^MM  AMh  yn<i  «otall  mUi  ScrUliira, 
tiMi  mAstu,  nw*  (MB»  «li  fcMlci  ani  uà- 

l>W««v  J^<«k.  Dwv.  WS.  n  nmKm  n  «ti,  « 
WM  ik«*  fMà  fante:  >•  Ma  ck*  6  Tmira  i 
tii»i(l»i.»«l«  kxvt  «  «ilthN  M«  ràtt*. 

IM  •i'MlA.  Am*»  mivu*imlm.,  i-ml*  ftr 
•xAm'*»,  J^  ^tt^  t**-  f*^  itnm,  iM9$*. 
1^,  è»  MMI^.  *K  UiMrrf.  PrrA.  Jl.  Subito 
»  «rracvav  cW*  W  iKmiM  <U  burla ,  e 
u«W««M«  <w«  i«m  Al*.  P<rtA.  A.  N«  vi  CI 
l«v  «b»  M  t*  Iw  **()mi  ^«i  i>>*>««l<imiile  Aìn 
in  biwU.  v«A  «M.  r;A.  I.  4.  S*  gii  In 
«MI»  |W<m  «W«  bir«NM>il»<U  buri*,  •  |>*r  iteher- 
•»>  •  «•«  WfWMMili  IknoloM  «e.,  li  posu  proi- 


w  *»'»«  <ll  jwyfoiu)  •••♦,  lo  tttsn  cha  Da 
k*»J*,  t>»t  *-nf*.  )•(.  «  ttihti-é.  nr.  7t«s«. 
.\^<«.  >««.  *  «»i4,  *,  I*.  Crur»  ripose  pwrt»- 
«i»«l*  U  nm>«  mll<  |MÌu<,  Bi  non  h  la  le- 

^  4<  fM>««  «Mi. 

l\l  (..«.«.v.tMrtAwrfimitfo. «.CANTO. 

V\  OAIH>.  ^Mf*  antriinlm.  DI  Mova, 
I  «'  >kht^  tv/r«  Ut.  il#rMM.  ittmlà^  lidHiio. 
tft,  l'Ai,  kÌ.  Jloff,  KM*.  (3.  t4.  Quiri  da 
«.«MI  ti  INira  Ck«  mlMnmnaut*  la  tponialiiie 
««Ubawr*.  ti  K.  «0.  SS  S.  Da  capo  gli  diedo- 
IM  U  Mumviu  il»IU  cìttado.  Cr.  5.  19.  5.  E 
•alUiAta  «U  IWTTa  1I4I  jkadalc,  «  rìmaiiaUla  bc. 
«tv  ^^  M  l*^"R*  ''^  '^l***  alf|iiaiito  più  rilevata, 
tb^  pnaia.  .#ìit«f.  IO.  Dotte  <|nesle  panile ,  la 
(^«•rdan  da  ca|<o.  fata,  Itft.  Non  ci  ha  al- 
ti^ rtiwti^  M  MOV  cbo  il  peccatoro  si  ricou- 
lr.«ii  >U  ta|iifr. 

li  I  |t<  >M^i  >«•'«  aHe»m  PnI/it  prlHcipa- 
«, ,  ^  iM^  «/frf  /tufttticoHtmHotti  ihippii.Xat. 
*  ,.41»,^*,  fVMMr,  iVitcfA.  Ho^  iS5.  Egli  ti  co* 
Ih4>l<|>(>ml«  eoa  una  maulacbello  logretaBiou- 


mtm  XETTA  ti 
«,.  a^  «^  ..  iM..  Mm^  Tote.  SSI. 
liMMBaa^  •  oHiHH  «a  aM*  ai  fàè  agni  cou. 
u».  ^m^  •m.ì^^àm  f armadi /a- 
MC*a»  *  a*  faariAv  Baaiava,  «a  il  pro- 
low  saana  taaa  A  aaahvta  tatla  dal  capo 
>  wai«  -aaa  jhBa  paaaaaao  all'ultima.) 
<  JiA  Cl&k.  Ai/iraa  J'aM.parDometli- 
».  SallHtt.  Calali.  IS. 
•  r  arerà  da  casa.  (lat. 

'<i'*X  CAVALLO,  luforta  d'add.  par 
.'1  iiìir..  SaUmtt. Cateti.  38.  Alenai  da  ca- 
aaMk  Mb  Baaada  del  popolo  di  Roaia  acgli 

•  MOCARTO.  tó  Hfuo  eia  Da  canto, 
nt.  X  ^Uas.  MS.  Ma  il  pòpolo  daiidaraao 
A  toeaa*  il  aanlo  corpo,  poMo  daccanto  l' ama- 
ra 4M*  pacania,  laolto  più  con  maggiora  in- 
pata  •BOffTca   ec  ftpU  JSguratam.) 

.  DACCAPO.  Da  eana.  Borfh.OHg.  Fir. 
M.  Parooo  «Liceapo  lollevati  i  Vetoraai. 

•  DACCHÉ,  te  tteste  che  Da  eia.  Fr. 
Gard.  ISO.  Aoii  gli  dispiace  qualunque  pa^ 
cato  i,  dacché  peccato  à  (cioò  per  questo  cba 
i  peccato,  perchè  i  peccalo.)  Borgh.  7«jr.SiS. 
Noa  tacerò  anche,  dacché  siamo  caduti  ia  qnaito 
pnpoaito,  che  ec.  i  Dav.  Scitm.  47.  A  coi  il 
Caocelliero,  giti  la  couttaddict  (la  fuiesv  lag* 
gè.),  dacché  tao. 

•  :  $  Talara  vaia  Quando.  GiildoU.  Hall. 
T.  Saasa  la  favella  aarabba  la  boati  sua  come 
UDO  taaom  riposto  sotterra,  che  se  non  è  sa- 
pulo, più  che  tcm  non  vale;  e  dacché  la  ravcl-. 
la  é  accompagnata  d' alcuna  persoua  colla  giù- 
stiaia  0  col  senno  si  rende  pia  perfetto  l'oomo 
cba  non  sono  ali  altri, 

D'ACCORDISSIMO.  Snparl.  di  D"  aeeor* 
da.  Ar.  Nagr.  5.  S.  C.  Siam  d'accordo.  A. 
D'accordo?  C  D'accocdissimo. 

D'ACCORDO,  ^tlo  awerbtalni.  Cencer- 
davùl^katUa,  Di  concordia ,  Con  accordo,  Pa' 
ci^eamauta.  Ut.  concordilerf  pari  contansu. 

y.  i/Ufpótttt.  G.  ^.  IS.  8.  t.  Riaaaaeodo 
accordo  a' Fiorentini  tutte  la  caslelU  di  Val- 
darao.  Kr.  As.  78.  Io  stessa  lo  coafeaso  d'ac- 
cordo, io  atessa  sono  stata  la  cagioae  delU  tua 
trìbolaaioue.  E  195.  Sanaa  pensar  più  allm, 
tutti  d'accordo  ad  una  voce  lo  fecero  lor  ca- 
pitano. 

^  DA  CHE.^v<wrA./>a/c//é,G/acrAé.latee 
ipiod,  co  quia-  gr.  iitnji).  Past.  119.  Se  po- 
tesse avere  il  prete,  si  confesserebbe,  da  che  si 
conduce  a  eoufeuare  a  laico.  B  17i.  I  quali 
(paceall  carnali)  i  più  sicuro  dirli  lu  gauo- 
rale,  da  che  sono  una  volu  ben  coofessati. 
Dani.  Purg.  1 .  Ma  da  che  è  tuo  voler,  che 
più  si  apieghi  Di  nostra  condiaioo,  com'ella  è 
vera.  Esser  non  puole  '1  mìo,  che  a  te  si  uie* 
f;hi.  iVof.  alt/,  io.  A.  Donna,  da  che  Dio  ha 
falla  bene,  si  il  ci  loglumo.  Aocr.  nov.  79.  37. 
Da  cita  non  avendomi  ancora  quella  ctMtasaa 
veduto,  ella  s*ó  si  iniiamoraU  di  me. 

:  S  I.  Z>a  rAe,  talora  vale  Perchè.  ••  Tav. 
Bit.  Da  che  volete  con  noi  battaglia,  [dissono 
i  cavalieri?]  Si  voglio,  disse  Girone,  [la  voi  la 
volete  difendere.] 

•  SS.  Da  che,  par  Dappoiché.  Ut.  pott- 
ifiiam.  gr.  iir4ra«.  Aarc.  ;.  5.  n.  10.  E  da 
che  diavoi  stara  noi,  da  che  noi  siam  viKchie, 
se  non  da  guardare  la  cenere  intorno  al  foco- 
lare  7  JVoi'.  a/>r.  8.1 .  E  non  avrebbe  avuto  ec.  si 
gran  gnadagno,  che,  da  che  egli  area  guada- 
gnato i  quattro  soldi,  che  elli  facesse  poi  uà- 
rute  (e  nella  ffov.  ant.  84.  e'  è  due  volte.) 

•  5  3.  Per  Da  quel  tempo  ia  cui.  Petr. 
cans.  3.  9.  Ed  io  da  che  comincia  la  bcl- 
r  alba  ec.  Non  ho  mai  Iricgiia  di  sospir  cui 
sole. 


•  I  ^  'Air  Qtumda.  Kov.  ant.  Da  che  io 
aM  salh  Citadc  (dicaa  fra  sa  andesiaso)  io 
•aglia  amagiaaa,  a  bara  quanta  mi  bitt^aa. 

.  •ACHIDH&  y.  A.  Preparaxione  du- 
ae  taccate  par  migliorare  il  motcadello.  Se- 
der. Colt.  t9.  AggiuugiMivi  alcuni  cpiello  che 
è  rbrimato  dachiume,  avendo  saccaie  l'uve  con 
liaallarle  .spetto  ee. 

DA  CIÒ.  Posto  in  vaca  d'aggiunto,  eva- 
le Idonee,  Atte.  lai.  Idonaue.  gr.  (1T<t>ì^«««. 
Boee.  Test.  S.  Allora  vaglio  pattano  coH'au- 
torità  de'Ior  tutori,  te  io  età  oa  ciò  fiMtouo.f 
isop.  SI.  19.  Ed  egli  è  il  atiglior  del  mondo  da 
ciò  costui  fcf'otf  alto  a  far  aò.)  *  E  nov,  Tt. 
97.  Ed  ha  il  più  bel  destro  da  ciò  del  autado. 

:  S  £  dette  di  cosa.  Cai.  FU,  Gaia.  87. 
Fosse  par  via,  o  negli  alberghi,  trovava  luogo 
a  tempo  da  ào{da  orazioni.)  B  yn.  Crisi. 
3.  309.  Perfeiiaue  specifica  dell'uccella  ti  e  il 
volare,  avendo  ilaUa  natura  le  ali  da  ciò.  S 
Prot.  999.  Fin  ila  queiU  mattina  oc.  appottai 
un  coUl  altro  luogo  ila  ciò. 

DA  COSTA.  Pesto  awarUalm.  Da  ban- 
da, lai.  a  latara.fr.  %Xtupidn.  n-anc.  Bari, 
4S.  4.  S'al  ti  aahtu  il  malto,  fa  rispoaU;  Ma 
ridendo  da  coala,  81  cba  l'uom  legni,  che  scala, 
a  ao'itdapii. 

:  DA  CUORE.  Poste  awarUalm.  lo  sles- 
so elle  Di  cuora  Giov.  Gali.  Fil.  Alf,  ISI. 
Ma  rivocati  gli  aaimi  -  alU  religiona,  ss  po- 
sarono di  subito  l'ire,  e  cancelUronti  la  oimi- 
eiaie,  riconciliandosi  fra  loro  da  cuora. 

•  :  DADDOU.f'aearf'uao.JMaa.Carsaaa. 
«:  DADDOLONE.  fV  <<'«'••  CU<t<  eh» 

fa  molli  daddoli. 

*:  DADDOLOSO.  Add.  Simor/es»,Cha  fa 
molti  daddoli,  Veca  d'uso. 

D'ADDOSSO.  Peste  awerUatm.,  vaia  Di 
sopra  la  persona,  D' in  snl  doaso.  lai.  a  te. 
gr.  if'  ieuteH.  Bete.  nov.  79. 4S.  E  eoa  ama 
sospintobi  d'adflotao  di  netto  col  capo  innami 
il  gitiò.  Lab.  51.  E  mngnemi  sì,  e  con  Unla 
fona  ogni  umor  d'addosso,  che  a  nino  carbone, 
a  ttiuiu  pietra  divenuta  calcina  mai  nella  vo- 
stre fornaci  mm  fu  così  dal  fuoco  vostro  munto. 

S  Lavarsi,  e  Tersi  checchessia  d'addos- 
so, vai»  par  mata/.  Levarselo  d'  alterne, 
Beec.  nav.  98.  II.  Io  me  lo  avrei  per  maniera 
lavato  d'addosso,  che  egli  aaai  .non  avrebbe 
guabto  U  dove  io  Gissi  sUla.  fase.  8 1.1.  Non 
solo  la  potenaa  d'amore  comprenderete,  ma  il 
senao  da  una  valorota  donna  nulo  a  torsi  d'ad- 
dosso due,  che  contro  al  suo  piacere  l'anuva- 
no,  cognoscerete.  Emnm.  17.  Fosdié  assi  dò, 
che  esm  acMomaudato  atea,  noa  avean  fàllo,  se 
gli  tolse  d'addosso. 

DADDOVERISSIMO.  Snperl.  eU  Dadde- 
vero.lmi,cenissime,[gt.iXii^i»T«x»i,]  fareh, 
Ereol.  9IS.  C,  Voi  dite  pur  daddovera,  cba 
Dante  vantaggi,  e  soverchi  Oauto  ?  y,  Daildu- 
veriuiaHi. 

DADDOVERO.  Posto  awerbialm.  Dasen- 
noi  contrari»  di  Da  he  fé.  Ut.  serio,  vere. 
gr.  aJl)j5à(.  Boce-  nov,  78.  8.  Calandrino  gri- 
dava allora  più  fòrte,  e  tlicava  ec  :  io  dico  ttad- 
dtnero,  ch'egli  m'  è  auto  imbolato.  G.  V.  49. 
S.  18.  Chiunquo  gli  rivelava  trattalo,  o  da  bef- 
fe, o  dadduvero,  o  parlava  coutra  a  I  ui,  facea 
morire. 

$  1.  l'alerà  è  pesto  in  vece  d'aggiunte,  e 
vale  lo  slesse  che  Beale,  Eff'tlive.  San.  ben. 
farch,  7.  90.  A  ehi  io  non  manderai  navi,  o 
galee  daddovero,  gli  manderò  bene  delle  di- 
pinte. 

5  9.  Per  lo  stesso  che  tn  verità.  Cara- 
mente, Ut.  wrra.  gr.  àìifi&i.  Cren,  iterali. 
[315.]  E  come  piacque  a  Dio,  e' morì  daddo* 
vero.  Cani.  Cam.  177.  E  poi  chi  vede  il  dia- 
voi daddovero.  Lo  vede  cou  meo  corna,  eaun- 
co  nero.  Fir.  As.  308.  Allora  gli  pene  avere 
un  atìno,  che  aveise  tUddovero  deìl'uom  dab- 
bene. Malm.  1.  68.  FtUo  arrogante,  al  fine  al. 
aò'l  pensiero  A  voler  tiuostì  onori  daddovero. 

•  :  DA  aiSC()STO.i>aifo  awertlalm.  Lon- 
tane, Da9ugi.  Geli. leti.  5.  8.  58.  Gliela  di- 
mostrò di  fuori  da  discosto,  e  gli  parlò.  B 
cari.  81 .  L'uomo  non  otlora  molto  da  diacosto, 

:  DA  DI  VERO.  i«  sli-sso  che  Davvero, 
mi.  U.  Poi.  9.  943.  Fanno  ardere  il  corpo 
con  tnlle  queate  cose,  e  credono  che  quel  mor- 
to avrà  nelraltro  mondo  tutte  quelle  cosa  da 
di  vero  al  suo  servigio. 


Digitized  by 


Google 


I)AD 


1>AD 


DAI 


bAlHX  fe*MMol0  d'osto  di  tdijitcce  giui' 
4tm,  *  mgmoiif  iu  ^gtutma.  detU  qttttU  m  sc^ 
fmti»mm  luumero,  comÌMcimudoti  dalVuHO 

mimai  »fi,  #  si  $»moea  con  msfo  a  sarà,  a 
iJ  Mitri  pt^chi  di  nrie,  lat.  lesserà, talus. 
m.su^ii.  Botx,  mmf.  1 . 8.  Gtucatore,  e  mrUilor 
Aail«Mi  fUdi  en  foleaue.  Pass.  340.  N«l 
tere  c««olr,  o  ftucegli  a  mchio,  e  a  ventura, 
9  9dptlja^  ^di.  Mmtratrttsz.  S.II.S.Chhiu- 
^ma  poca  eoli*  UToIe,  ovvero  dadi  oc  pecca  ? 
E  ap^rets»  :  S«  comnisv  iu  esso  i^uoco  io- 
^HM,  me^tndo  d^dt  falsi,  ovvero  volgcuduti 
rnaXa,  e  UifaaacT«lnunKe  gilUndolt. 

•  $  I.  O^do,  per  metonimia f  vale  Oinoco 
M  gemane,  ^r.  SmI.  [4.j  Diverao,  al  mio  parer, 
d  BoaW  gracchia,  £  dioe:  abb'  lo  pur  roba, 
e  Ki  1  acviaiito  U  veuulo  pel  dado,  o  per  U 


J  i.  Ù^do,  si  dice  mmehe  a  QuatitHqiie  cor- 
f*  dà  sei  f^ece  ^nadre  «^ftatf/i. 

%  3.  Dado,  Hicesi  anche  a  Una  sorta  di 
Strmatemlo,  cài  tfuaie  si  tormeniano  gii  UO' 
m»imi,  sirigìtemdo  lóro  con  asso  U  noci  dei 
ptede.  Zar.  jts.  395.  Ma  n^  cord:i,  né  dafdo, 
B«  itaogheUa  «e  U  polereu  mai  far  cangiare 
à'mfmminar-  Òcm.  bau,  Farch.  A.  3i.  Giora  la 
b«Àu  coscìrtua  anco  oelli  riessi  aartoii,  quau- 
<ki  à  tacca  deUa  fune;  giova  nid  meno  del  ftio- 
cO|  ^«aiido  sì  dà  il  d«du,  o  la  staagheLU. 

$4.  Dado,  dicesi  anche  per  similit.  la 
Basa,  staiia  tft^le  si  posano  statue,  colonne, 
e  olire.  haUbasls  ^adratu,  piiitikns.  Malar, 
^  Si.  Su  i  dadi,  ì  torsi  nobili,  sculture  ec, 
SaCaavaU  aooo,  e  ricreiti.  •  *  Metiia.  Descr. 
SS.  KeU'ultimo  pesdio  d^l  Fconleipiaio,  a  di- 
ii«|»«lio  della  prima,  e  della  sesta  culotma,  e* 
m»  la  sa  d«e  dadi,  dae  lUlue. 

^  5  ■*•  Pro^'erbiaim .  Tirare  pel  dado,  va* 
U  t'omimciare  ora,  o  in  tfuei  pnnto;  tolta 
la  meimf.  liai  gittoco,  tptamdo  si  rimette  ai-» 
la  sarta  ti  vanimggio  dal  tratto,  dalla  ma- 
mo,  e  simili,  l  Car,  leti,  iaad,  i.  370.  Ve- 
dKc  ^MMfuM  abastcUe  questa  faccenda  s'ab- 
bi a  icTOMare  avauti  al  vu»tro  arrivo,  che  pur 
m*  »  ooMÌacta  a  Irar  per  il  dado. 

«:  S  ft.  Dicasi  anche  del  Fare,  o  jiwenire 
più  che  mai  la  cosa  di  Citi  si  parla.  mMorg. 
«t.ltXQu«l  die  ai  ruba,  non  l'ba  a  saper 
pwào,  E  «ai,  cb'ìo  comiacio  ora  a  trar  pel  ila- 
da.  Fir.  Trm.  4.  3.  E  ora  ch'io  penuva  qoe- 
tfi  dì  a  riposarmi,  e'  si  trae  pel  dado  .  Malm. 
11.  51.  Adesso  è  tribolaU  al  maggior  grado;  B 
se  altvr  piaauo,  or  qui  tira  per  dado  ».  Sara, 
ialt.  74.  ila  coAÌociato  a  rovinar  il  cielo  di 
{■aggia,  e  tira  per  il  dada  di  sotte,  cbe  non  so 
<m  che  aai  ùun. 

S  7.  Scam&iare  i  dadi,  o  le  carta;  ma» 
Miara  proverbiale,  che  vaia  Hidira  in  altro 
modo  gnallo,  che  s'è  dotto  altra  volta,  par 
ttcoprirsi.  F'areh,  Krcol,  7Ì.  La  qual  cosa 
si  d«e  aocora  rivolgere,  o  rivoltale,  e  talvolta 
scaaUan  s  dadi.. 

•:  S  •-  Cambiarsi  i  dadi  ad  atcìtno,  prò- 
varbtalm,,  ^ala  CamltimrsHa  coudisiùne,lo 
rtaio.  Esp.  Pat,  Nost.  M.  Ma  alla  morie 
drfl'aa*  e  deiraltro  li  dadi  molto  furuuo  loro 
I  liiiMi,  cbé  Lanaro  liie  porlalo  dalli  angeli 
•A  «eoo  d'Abrabara,  e  *1  ricco  Tue  aepulto  ec. 


S  tt.  Pigliare,  o  Tenere  i  dadi  ad  alai- 
ma,  ernie  Impedirgli  l'operasioua;  tolta  la 
meta/,  dal  parare  i  dadi  a  chi  giitoca  con 
eass.  lai.  impedire,  prohibere.  gr.  ipTto$i' 
Cftv-  M.  y.  9.  i&.  11  valeute  cavaliere,  veggeit- 
do,  cbe  gli  erano  presi  t  dddi,  e  eh'  e'  non  po- 
tei Itf  weule  di  suo  intaodimealo,  lasciò  l'uf- 
faM.  Crms.  àtondl.  f29l.)  Quando  «vide  gli 
cfaao  stali  presi  i  dadi,  e  che'l  suo  graccbu- 
R  ara  da  belè,  ec 

S  4«.  Tirare,  Trarre,  o  Fare  diciotto  con 
tre  dadigCUcesi  del  HÌitscire  in  alcun  nego* 
uo  re«  agni  vantaggio  possibile^  essendo  tpte- 
sto  il  mtaggim- punta, che  possa  vemreeotitre 
dadi,  Jialm.9.  3.  Là  gli  uomia  ai  disfanno;  e 
da  se  scampa.  Ha  tirato  diciotto  eontre  dadi. 
%iì.  Esser  pari  guanto  ttn  dado,  dicesi 
di  Cosa  ugnale,  e  pari  per  tnltj. 

)  If.   Piantare  il  dado,  vale  Trarlo  con 

malizim,  sicché  seuopra  il  patito,  che  si  vttole. 

%  13.    Andare  al  dado,  dicono  i  gincalo- 

r«  dal  Untare  caini ,  che  tira ,  i  dadi ,  e 

dal  ai«M/tf  prenderne  altri. 

Vocabolario. —  S. 


$  14.  Ciucars  al  dado,  assolutane,  s'in- 
tende del  Giifcare  n  giuoco  di  zara,  o  al" 
tro,  che  si  faccia  co'dadi. 

$  <5.  Pagare  il  fuma,  e  i  dadi,  0  Pagare 
del  lume,  e  tle'dhdi,  vale  per  mela/.  Paga^ 
re  del  tutto.  Non  lasciare  addietro  nulla. 
Cren.  Veli.  [97.]  Io  me  ne  pagai  bene  del 
lume,  e  de' dadi,  pcroccbò  ne  sou  dì  peggio  più 
d'un  milion  di  fiorini.^ 

J  S  16.  E^gitratam.  Pagare  il  lume,  e 
i  dadi,  vale  Dar  [soddisfazione,  o]  il  conto 
suo.  JHorg.  18.  94.  E  domJlUna  in  sul  campo 
saremo,  E  so,  che  *1  lume  e  i  dadi  pagheremo. 

;  S  ^''*  P^gnre  uno  del  lume,  e  de' dadi, 
pure  Jfgnrat.,  vale  Dargli  soddisfa ziotte, 
«  Frane,  Sacch.  nov.  211.  Graiide^uirnviglia 
mi  pare,  che  ne'dt  suoi  non  trovasse  chi  lo 
pagasse  del  lume,  e  de* dadi,  come  meritava  m. 

*  S  48.  //>  prov.  Usuer  pagato,  e  del  lume, 
e  de' dadi ,  vate  hicoglienie  mele.  Frane. 
Saech.  nov.  453.  Abbiiile  cura  a  una  cosa,  che 
quando  voi  gli  ap  presentii  te  al  signore,  cb*  e* 
uon  ispeteuassono  a  «focsto  modo,  perocché  voi 
potreste  esser  pagati  edel  lume,  e  de'dddi  Cct'oè 
n'avreste  la  peggio.) 

5  S  <*•  "  dado  è  tratto,  vale  L'afflare  è 
fatto,  lat.  iaeta  est  alea.  gr.  xv^9i  t^ptirroi. 

:  S  20.  Tirare  il  dado,  va/ejigitrrt.  Ar- 
rischiare, Assardare,  Conunettersi  alla  sor- 
te.  K  Buon.  Fior.  8.  4.9.  Poi  traggo  il  diido,  e 
vince  Per  la  parte  del  st  la  mìa  licenza  h. 

S  81.  Tirare  Un  gran  dado,  vale  Avere 
una  gran  sorte,  o  Scampare  da  un  gran  pe- 
ricolo. Buon.  fior.  1.  5.  9.  No'abbian  tratto 
un  gran  dado,  Scampjta  una  gran  furia. 

X  S  S'2.  Levare  il  dado,dicesf  J^guratam. 
dell*  Essere  il  primo  a  dar  le  mosse  a  che 
che  sia.  KarcA.  Stor.  9.  46.  Dubìtofo  e  so- 
speso, eogtiando  deliberò  di  non  volere  es- 
sere egli  colui,  che  primo,  per  usar  le  pa- 
role d'oggi,  questo  dado  levasse,  ma  di  man- 
dare innanzi  a  tenitre  ti  guado  madonna  Chirice. 
♦  S  Busin.  leti.  40.  Ci  laccva  coutro  assai  Nic- 
colò per  paura  di  Iaco)>o,  come  quello  che  lo 
voleva  second.ire,  parendogli  quello  che  era  da 
levare  ogni  d-jdo ,  come  e*  fece.  Segn.  f^it. 
Capp.  40.  Per  lo  che  fattasi  una  ìmpurtantis- 
sima  Pratica  sopra  *l  mandato  da  darsi  agli 
Ambasciadori,  ìjorenio  S^aì  vivamente  ù  sco- 
perse, e  levò  'I  dado,  come  si  dice,  che  si  do- 
vesse dir  loro  'I  manildto  libero. 

*  DA  DOSSO.  Pasto  awerbialm.  D^addoa- 
so,  cioè  Dalla  persona.  Dfl  corpo.  Vit.  SS. 
Pad.  9.  367.  Veramente  ora  Ve  «scito  11  Dia- 
volo da  dosso,  e  bai  vinto  quella  tmpiirissìma 
passione. 

*  S  Efguratam.  Borgh.  Ftr.  Disf.  330. 
Per  questa  via  levò  da  dosso  alla  patria  una 
periooh>sa,  e  fastidiosa  guerra. 

•:  DADOTTO.  Dim.  di  Dado;  Dado  non 
molto  grosso. 

*l$  E  per  similit.  Bari.  Cos.  Archit.  Al- 
bert. 6.  8.  481.  Io  ho  visto  nelle  gran  pietre  e 
massime  nelle  colonne,  ancora  che  elle  ftisstno 
6nitedel  tutto,  lasciativi  cWti  dadotti  che  esco- 
no in  fuora  quasi  come  manichi,  alti  quali  ri 
legassino  le  legature,  acciò  uoii  iscorressìno. 

DA  DOVGRO.  Lo  stesso  che  Daddovero. 
lat.  serio,  vere.  gr.  «Xrt^i.  Bocc.  Introd.  46. 
Ma  poiché  riderò  ,  che  da  dovere  parlava  la 
donna,  ritpnosero  lietamente  sé  essere  apparec- 
chiati. S  Car.  leti.  4.  ìtOI.  Quando  io  icrivo  a 
certi  uomini,  che  sono  nomini  da  deverò,  soglio 
sempre  parlare  pia  voleulìeri  ad  essi  medesi- 
mi, che  a  certe  lor  terze  persone  in  astratto. 

S  Per  lo  stesso,  che  fa  verità,  Fernmeu' 
te.  laL  vere.  gr.  iXr^&i,  Belline,  son.  966. 
Udite*,  é  ei  delle  sue  membra  intero?  Coma-, 
re,  il  feri  maschio  da  dovero. 

DAGN^*E.  r.  d.  Colui  che  d&.  lat.  dans. 
gr.  itioùi.  Fr.  tac.  Tod.  6.  43.  5.  Ch'egli  è 
il  d&ente,  e  tu  il  ricevitore. 

*  DAERE.  y.  A.  Dare.  Sen.  Prov.  496. 
Vegniamo  a  Ilagolo;  che  gli  seppe  daefe  la 
fortuna,  che  ammaestramento  di  fede,  ammae- 
stramento fece  di  pacienzia  ?  (yei  testo  è:  quid 
illl  fortuna  nocuit?) 

DA  FRONTE.  Posto  avoerbialm.,  vale  lo 
stesso  che  A  dirimpetto.  Ut.  centra  ,  e  re* 
gione.  gr.  «'.frtx^v.  Frane.  Sacch.  rim.  53.  É 
quell'altro  ivi  da  frouteMesscr  Francesco  Brii- 
nellesdii  uggin. 


DAGA.  Spesie  di  spada  [corta,  e  larga.] 
tal.  ensis,  sica.  gr.  ['itfliiM.]  Fit.  Plut.  Si 
ropi>e  la  lancia  d'Alessandro,  e  allora  mtso  ma- 
no alla  daga  ce.  Alessandro  altresì  in  essa  ora 
uccise  Risaqui  culla  daga.  2'ratt.  gm*.  fam. 
[446.]  Cumperaudoli  la  ['spaducria],  ovvero 
la  daga,  sarà  nato  a* soldati.  F.  V.  44.  84.  Ló- 
ro armadnra,  quasi  di  tutti,  erano  panseroni,  e 
d'avanti  al  petto  un'anima  d'acciaio,  bracciali 
di  ferro,  cosriali,  e  gambaruoli,  daghe,  e  spade 
sode. 

:  DAGHETTA.  Dim.  di  Daga.  Bent'.  Celi. 
Fit.'^.  464.  Mosso  dall'ira  fece  oegno  di  met- 
ter mano  a  una  sun  daghetta. 

DA  GRAN  TEMPO  IN  QUA.  Posto  av- 
verbialm.Oopo  lungo  tratto  di  tempo  passa- 
to, lat.  4  multo  naie  tempore,  multis  ab  hine 
ajtais,  iamdndum.  gr.  ànò  TToXAoO  ;(pdy9tf. 
Bocc.  nov.  91.  4.  Dovete  adunque  sapere,  che 
tra  gli  altri  valorosi  cavalieri,  che  da  gran  tem- 
po iu  qua  sono  stati  nella  nostra  ritta,  fu  un 
di  queHi,  e  forse  il  più  dabbene,  metter  Rug- 
gieri ec. 

*  DAlENTE./>Aii/e^  Daeute.  Vjl.dans.Fr. 
Ittc-  2'od.  6.  44.  9.  Non  riman  dal  dalente, 
Ma  dal  recipiente. 

DA  IMO  A  SOMMO,  o  DA  SOMMO  A  IMO. 
Posto  awerblttlm.,  vale  Da  basso  ad  alto  , 
0  per  lo  eofttrario.  lat.  ejr  imo  ad  summum, 
gr,  is  Ttò$tAi  in  y.svotXi;i.  Petr.  cap.  9.  Onde 
da  imo  Perdusse  al  sommo  V  cdifizio  aanto,  Fir. 
Disc.  an.  36.  La  buona  donna,  i>reia  una  cer- 
ta cumia,  la  quale  cita  avea  forala  da  imo  a 
sommo  ce.,  se  n'andò  alla  stanza,  dove  il  gio- 
vanetto addurmentdto  giacffM.  Malm.  7.  89. 
Sgomina  ciò,  che  v'è,  da  sommo  a  imo. 

DAINA.  'Femm.  di  Di*iHe.  Red,  Oss.  an. 
4  34.  Conforme  ho  osservalo  nell'uova  delle  leo- 
nesse ec.  delle  daine,  delle  cerve,  «  di  altri 
animali  pur  quadrupede 

:  DA  INnE  IN  SU.  Lo  stasso  cbe  Da  in- 
di  in  su.  Stai.  Pisi.  Folg.  7.  Da  inde  iu  su 
non  possono  spendere  senza  coscienza  de' signo- 
ri aniiani.  Eà^.  Se  da  inde  in  su  si  trovasse 
maggiore,  u  minore  si  si  acconci. 

^  DA  INDI.  i*oj/o  avverbi alm  .parlatHlo' 
si  di  tempo,  vale  Da  quel  tempo.  Dopo.  Ut, 
inde  ad  eertnm  fempits.  %r.  iurru^ev  oj;  t&pf 
phov  xxtpo^  Albert.  %.  47.  Ai  quaK  coman- 
dò, che  da  indi  all'ottava  innanzi  la  sua  pre- 
senza si  presenta  ssono.  ^l^r.  Pist.  99.  Se  non 
s' arrcntlessouo  ila  indi  al  terzo  di  ec.,  non  gli 
rìccvcbbono  da  iijdi  innanzi  te  non  per  mor- 
ti. •  Fit.  SS.  Pad.  9.  344.  Da  indi  a  quìndi- 
ci di  Taisis  rendè  poi  l'anima  a  Dio,  eandon- 
uo  a  viti)  eterna. 

*  DAINDI  ADDIETR04i»oiro  awerbialm., 
4*ate  Per  lo  tempo  passato.]  Bocc.  g.  8.  m. 
9.  Se  da  indi  addietro  onorati  gli  aveva,  mol- 
to più  gli  onorò,  e  careggiò  con  coimti,  edal*- 
tre  cose  da  indi  innanzi. 

.  DA  INDI  A  POCO.  Posto  aoverbialm., 
[vale]  Poco  dopo.  «  Cavale.  Med.  cuor. 
[948.]  Quivi  presso  sefleva,  e  tesseva  sportallo, 
e  poi  da  indi  a  poco  si  levava,  e  orava  ».  Fit. 
SS.  Pad.  4.  446.  Da  indi  a  poco  I'  Augelo  di 
Dio  apparve  a  Pafìinrio,  e  dissegli  :  ec. 

*  DA  INMIN  AVAN'«.  Posto  attverbialaf., 
vale  Poscia.  Bocc.  g.  ^.jSn.  Sogliono  simll- 
meete  ec.  digiunare  ;  e  dt  ìndi  in  avanti,  per 
onor  della  sopra v vegnente  domenica ,  da  cia- 
scuna opera  riposarsi. 

DA  INDI  IN  GIÙ,  e  DA  INDI  IN  GIUSO. 
Posti  awerbittlm.,  vogliono  Da  mei  luogo,  o 
Da  quel  tempo  in  gin.  lat.  exinde,  deorsum. 
gr.  «iTCU^fy  XKTW.  Dant.  lnf.  44,  Da  iodi  io 
giuM  k  lutto  ferro  «letto.  Bocc.  nof.  96.  6. 
Eran  vestit«,d'  un  vestimento  di  lino  sottìKsft- 
mo ,  e  bianco,  come  ne^-e  ec-,-  o  da  indi  in  %%à 
largo  a  guisa  di  un  podigliooe. 

DA  INDI  IN  LÀ.  Posto  avverMaìm.,vate 
Da  qitel  luogo  verso  un  altro.  Di  poi.  lai. 
deinde.  fgr.  ?»T«Oafv.]  Bocc.  nov.  60.90.  Per- 
ciocché* da  ìihIì  in  U  »  va  p«r  acqua,  indietro 
tornandomene,  arrivai,  ec. 

*J  S  5  <letto  di  tempo.  Sallust.  Catell.  88. 
Ella  tutti  gli  mali  degK  oomini  disfà  io  tal 
modo,  che  da  indi  in  1^  non  ba  luogo  né  bri* 
ga,  né  letizia  nìuna.  . 

[DA  INDIINNANTI.tf]  DA  INDIINNAN- 
ZI.  Posto  awerbialm.,  vaie  Da  qttet  tempo 
innanzi,  lat.  tfx  «o  tempora,  ex-   ea    die.  gr. 

3 


Digitized  by 


Google 


40 


l»AI 


f 


ix  rliiiì/tifVf  ixtinii.  Chid.  PUl.S.  B.  {%%. 
«•Ar.]  £  dii  indi  imi«iisi  per  grande  idegiio 
uoii  prendeva  arme  contro  1Ì  TruÌJui.  Coti,  SS. 
Pati.  [3.  6.  33.]  I  (juali  da  indi  inuiiiixi  »egui- 
Undo  cattÌTÌtà  di  cuore,  e  durcua,  ridderò  in 
jiocevolo  tiepidezsa,  «  nel  proroiidu  pejugo del- 
la morte.  Itocc.  nor.  9.  4.  Rigidisiinio  perse- 
cutore divenne  di  ciascuno,  clie  contro  all'ono* 
re  della  tua  cortfna  alcuna  cosa  commettesse 
da  ìndi  innaiiii.  *  Gr.  S.  Gir.  46.  Guardati  da 
indi  innanzi  non  permanere  in  male. 

*  DA  INDlINPOI.i'o*/ort«vrWir/»i..«'«- 
h  Di  quel  tempo  in  poi.  Stfgntr.  Crist,  iustr, 
3.  34.  20.  Rtrordrflevi  ce.  di  purificar  ben  l'a' 
nima  con  una  conre»ion  generale,  e  dì  non  ri- 
toglierla da  indi  in  poi  più  da  IHo. 

DA  INDI  IN  QVA.  Posto  awetbiaÌm.,Da 
uiel  tampo  iu  qua.  lai.  ab  itla  nsqite  afi 
hanc  diem.  [gr,  cu;  t^9  viifitpov.\  Dani.  luf. 
25.  Da  indi  io  c|u«  mì  furie  serpi  amiche.  fiY. 
S,  Atti.  Da  indi  in  qua  n  messe  quella  santa 
veste  il  giorno  delle  fesle  piti  solenni.  X  Ar. 
Fiir.  29.  59.  Da  indi  in  qua  che  quel  furor  lo 
tiene. 

DA  INDI  IN  SU.  Pósto  at^rbinlm.  Con- 
trarto Hi  Da  indi  in  giù.  lat  Iride  snrstun, 
[gr.  fv^cw  dfvtt.] 

DA  INDI  INTORNO.  Posto  nvi'erbiatm. 
In  qnai  torno.  Incirca y  itUornOt  lat.  circi- 
ter,  gr.  (*Ù97C<^c^]  Tdg.  Br.  3.  2.  Ma  «'egli 
i  15  piedi,  o  da  indi  ititoruo,  allorit  è  ella  do- 
viaiosa  d'ogni  bene. 

•  DA  INNANZI.  Posto  aiwrbiatm.Da  in- 
di iunansi,  fit.  S.  Gir.  109.  E  da  innanzi 
tulli  comiociaronoad  avere  in  grande  revereniia 
messere  santo  Girolamo. 

DAINO.  Animai  salvatico  simile  al  ea- 
prinolo,  ina  alquanto  maggio/  e;  e  por  lo  più 
di  pflo  macidato.  lat.  datna,  gr.  iopy.óc.^.  M. 
Aldobr.  P,  y.  146.  Carne  di  cervio,  e  di  dai- 
no sono  di  natura  calda,  e  tena.  Polis.  Stans. 
87.  Pruovan  lor  pugna  i  daini  paurosi,  E  per 
l'amata  druda  arditi  fansi.  Bern.  Ori.  2.  4. 22. 
Dolci  pianure,  e  lieti  mooticclli  ec,  Daini,  cer- 
vi, e  capri  appiè  di  quelli. 

$  Alctm  poeta  il  disse  in  rima  Dono. 
Morg.  27.  163.  Ogni  d!  era,  o  con  orsi  alle 
mani,  O  porci,  o  cervi,  o  caprioli,  o  danì. 

*  DAITORE.  y.  A,  Datore.  Fr.  lac.  Tod. 
S.  30.  ['77]  Non  rìman  dal  dailore  Ch'ei  mo- 
rì per  nostro  amore.  £  3.  19.  1 1.  Il  daitor  che 
sci  non  vcsgio. 

*  DA  IVI  A  CERTI  TEMPI.  Da  qnel 
tempo  a  certo  altro,  yit.  S*i.  Pad.  1.  126. 
Tornando  da  ivi  a  certi  tempi  all'ecclesia,  mo- 
stròe,  er. 

;  DAL.  F'oce  eot^posta  della  preposisio- 
ne  DA,  e  dell'articolo  maschile  IL,  è  segno 
articolato,  nella  declinaiionOy  del  sesto  ca- 
so maschile  nel  numero  del  meno  delle  vo- 
ci comineianti  per  consonante,  che  non  sia 
S  seguila  da  altra  consonante,  2'alora  pi- 
glia la  forza  di  varie  preposizioni ,  i  etti  si- 
gn^cati  sono  stati  tirali  fuori  sotto  la  vo- 
ce DA. 

:  DA  LARGO.  Posto  awerbialm.,  vale 
Dalla  lontana.  Da  lungi.  Car.  leti.  2.  325. 
Perche  avendole  per  disperate,  e  non  mi  pa- 
rendo che  il  giudicio  dì  ohi  non  le  sa  fare,  che 
possa  saper  comr|^ere,  m«  uè  passo  da  largo 
(qid  metaforicam.) 

•  DA  LATO.  Da  presso.  Sali.  Giug.  cap. 
12.  Lì  nimici  erano  da  lato;  voi,  amici,  eravate 
molto  da  lungi. 

•  DAL  CAPO  AL  PIEDE,  i*.  DA  CAPO 
A  PIE. 

DALFINO.  [f.  A.'\  Lo  stesso  che  Delfino. 
ULde/phiniis,  delphiii.ftr.  StX^iv,  ^tìfii.  ^("* 
Pov.  P.  S.  [ca/i.  25.]  Lo  grasso  del  dalfino, 
colato,  e  bevuto,  una  l'idropisia.  3forg.  14. 
64.  Il  dalfin  v'è,  che  mostrava  la  srliiena. 
.  S  *'  Dalfino,  è  anche  Titolo  d'un  princi- 
pato in,  Francia ,  oggi  speli  ante  di  mano  [*in] 
mano  al  primogenito  del  lìe^  che  si  chiama 
con  questo  titolo  ;  [ma  oggi  si  dice  pili  l'O- 
lentimri  Del/Siui.]  G.  K.  9.  311.  1.  Fu  grao 
battaglia  in  Viennese  tra  il  Dalfino  di  Vienna, 
e  *1  Conte  dì  Savoia.  E 11.  89.  2.  Oltre  a'  Fran- 
ceschi, menù  seco  il  Conte  di  Savoia,  e  1  Dalfiuo 
dt  Vienna. 

$  2.  £  Dalfno,  per  Unm  de* peni  on*U  si 
giuoca  a  scacchi,  [che  oggi  r  anche  dotto 


DAL 

Alfiere.]  Tav.  Rlt.  A  quel  punto  dimentica- 
rono lo  giuoco  degli  scacchi;  che  quando  Tri- 
stano pensava  giucure dello  dalfino,  ed  e'giucava 
assai  volte  della  reìna.  Karch.  Giuoc.  Piti.  Si 
possono  muovere  ec.  angoliirmente,  corno  van- 
no i  dal6ui.  E  altrove;  Ma  non  mai  aiigolar- 
meule,  e  per  traverso,  come  pigliano  le  pedone, 
o  i  dalfini.  • 

\  DALL' A  SINO  ALLA  ZETA,  o  DALL' A 
ALLA  ZETA.  Posto  avverbialm.,  vale  Dal 
principio  aliarne.  Da  capo  a  pie.  lai.  a 
capite  ad  calcem.  gr.  li  TCóSxi  ix  K$foikiJi. 
Fir.  Lue.  4.  1.  Nou  t'ho  io  detto,  che  io  le 
ho  scoperto  tutta  la  trama  ?  [vedi,]  dall'  a  sino 
alla  seta. 

:  S  Onde  Fare  dalV  A  alla  Z,vale  Fat^ 
tutta,  m  yttìlm.  1.  19.  Maqnt  Baldo»  farà  dal- 
l'a  alla  zeta  ». 

DALLA  LONTANA.  Posto  awerbialm., 
lo  stesso  che  Da  lontano,  lat.  e  longinqno, 
gr.  nÒ^pta^tv.  Afalm.  2.  63.  Incominciò  coti 
dalU  lontana. 

^  DALLA  LUNGA.  Posto  avverbialm.,  lo 
slesso  che  Da  lungi.  laL  e  longinquo,  lon- 
ge.  ^T.TZò^p'^f*.  k'eges.  [H8.]  Perchè  mag- 
giormente e  mestiere,  che  calcatamenle  com- 
battano, che  più  dalla  lunga  sceverati*  Tes. 
Br.  1.  13.  Udire  sormonta  l'odorare;  che  noi, 
udiamo  più  dalla  lunga,  che  non  odoriamo. 
Morg.  23.  41.  E  scorson  dalla  lunga  un  romi- 
torio. Che  non  facca  mai  festa  seuaa  alloro. 

♦  S  E  figurai.  «  Fir,  Trin.  1.  2.  Ales- 
sandro Amadori  ha  latto  tastare  più  volle  così 
dalla  lunga,  se  voi  volete  la  sìrocchia  n. 

DALLA  LUNGE.  Posto  avverbialm.  Da 
lontano,  lat.  proculy  emiiius.  gr.  Tti^pfà^tv. 
Mor.S.Greg.  Cui  solo  fì^to  delle  nari  corrom- 
pe ciò,  che  egli  toccasse  eziandio  dalla  lunge, 

DALLA  LUNGI.  Posto  avi<erbialm,  vale 
lo  stesso  che  Dalla  lunge.  lat.  procul.  gr. 
Itóppta^ev.  Bocc.  nov.  75.  4.  Costoro  dalla 
lungi  cominciarono  a  rider  di  questo  fatto.  Cr. 
6.  3.  2.  Se  lo  vorrai  jar  ben  capitato,  quando 
comincerà  a  nascere  il  suo  stìpite  dalla  lungi 
calca,  e  così  il  sugo  tornerà  a  lui.  E  9.  88.  I. 
Dagli  uccelli  rapaci  [i  colombi  bianchi]  molto 
si  veggono  dulia  lungi. 

«:  DALLA  V^IMA.  Posto  avverbialmente; 
Da  principio.  Ovid.  Simint.  Snpp.Ji.QueWat 
dalla  prima,  non  ne  intendea  alcuni  fuochi 
d'umore.  Sen.  Pist.  86.  E  per  questo  modo  i 
bagni,  ch'erano  tenuti  gran  cosa,  quando  dalla 
prima  furono  trovali,  ora  sono  spregiati. 

l  DALLA  S\Sh.  Posto  avverbialm.,  eoi  ver- 
bi Essere,  l'enere,  e  simili,  vale  Essere ^^  Te- 
nere  ec.  dalla  sua  parte,  opinione,  o  simile. 
V.  DA  S  63. 

DALLATO.  Awerb.  che  anche  talora  si 
usa  a  modo  di  preposizione,  e  vate  Per  fan- 
co.  lat.  41  latere.  gr.  TtXcupó^iv.  Bocc.  nov. 
77.  S7.  Le  trafitture  delle  mosche,  e  de' tafani 
d«llato,  e  si  per  tutto  l'avevau  concia,  che  ec. 
Dani.  Purg.  3.  Imi  volsi  dallato  con  paura 
D'essere  abbandonato.  E  9.  Dallato  m'era  so- 
lo il  mio  conforto.  Petr.  canz.  4. 3.  Là  've  tolto 
mi  fu,  di  e  notte  andava  Ricercando  dallato, 
dentro  all'acque. 

*  S  L  Dallato,  col  dativo  espresso,  e  va- 
le Dal  f  anco.  Bocc,  g.  9.  ».  6.  A16ne  ù  levò 
dal  lato  ali  '  oste,  [e  loroossi  al  letto  con  Adriano.] 

*  S  2.  Dallato,  vale  anche  Per  via.  Frane, 
Barb.  27.  6.  E  se  periglio  è  porto  Dallato 
d'arme,  a  vita  la  difendi. 

•  DAL  LATO.  Posto  avverbialm.,  vaia  Da 
parte.  In  un  orecchio.  lai.  seorsim.  gr.  );o«- 
pii.  Cavale.  Pu/tgll.  235.  Volle  provare  la 
moglie,  che  si  vantava  d*  essere  buona  srcreta- 
ria,  e  dissegli  in  grande  secreto,  ch'egli  aveva 
fatto  un  novo.  La  quale  ec.  si  lo  diuc  alla  co- 
mare dal  lato. 

•  D'  ALLATO.  Posto  avverbialm.  *e  a  mo- 
do di  preposizione,  lo  stesso  che  Dallato. 
Vit.  S.  M.  Madd.  47.  Pensomi  eh?  MarU  era 
levata  d'allato  a  Maria  per  qualche  cagione 
(essendo  seduta  allato  a  Maria,  di  là  s'era 
levata.) 

*  $  E  inforza  di  agg. ,  vale  St$ssegueH- 
te.  Fr.  Giord.  Fred.  Ut.  69.  Predicò  frate 
Giordano  questa  medesima  mattina  d'allato, 
ammano  ammano,  dì  po'  la  sopraddetta,  in  San- 
ta Maria  Ma{Q[iore. 

DALLE  DALLE.  DiCs'si  per  dinotare  una  \ 


DAL 

aziotta  continuata.  Lab.  S39.  La  quale  mai 
dì  ciarlare  non  risti,  mai  uon  molla,  mai  non 
fina,  dàlie  dìiUe  dàlie,  dalla  mattina  in6no  alla 
sera.  Bern.  rim.  36.  TuUa  mattina  dalle  dàlie 
dàlie. 

DALIA  DALU,  DALLA,  DALLE.  Tutti 
sono  preposizione,  o  segno  di  caso  a^sso 
all'articolo  ,  divemtti  una  sola  di  due  pa- 
role, composti  dal  DA  LO,  DA  LI,  DA  LA, 
DA  Le,  a' quali  Vuso,  per  cagion  di  pronun- 
zia, ha  raddoppiata  nel  mezzo  la  consonan- 
te, e  congiuntigli  insieme  ;  con  riguardo , 
che  allorachè  la  voce  seguente  da  vocale  co- 
minci, o  dalla  S  seguita  da  altra  consonan- 
te, non  mai  si  tronca  l'articolo ,  o  si  usa 
l' apostrofo,  ma  distesamente  si  scrive  e  si 
pro^risce.  E  HKGVl^quaikdo  non  è  voce  dei 
verbo  Dare,  è  affisso  simile  a  Dalli,  e  s'usa 
quando  la  parola  ,  che  segue  comincia  da 
vocale ,  come  Dagli  uomini  ec*,  o  da  S  se- 
gtdta  da  consonante, 

D'ALLORA  CHE.  Awerb.  Da  quel  tempo 
[che.]  lat,  ex  quo.  gr.  i^  du.  Amet.  94.  Le  di- 
vizia eteme  Serbate  tord'allor,  ch'io  le  creai. 
Dani.  Par.  6.  Vedi  quanta  virtù  l'ha  fatto  de- 
gno Di  rìverenzia,  e  cominciò  d'allora  Che  Pal- 
lente mori  per  darli  regno. 

D'ALLORA  VmkmA.Posto avverbialm., 
vale  Da  indi  innanzi.  Ut  ejcinde.  gr.  i-triv- 
dcv.  G.  Ki.  47.  1.  E  d'allora  innanzi  fu  chia- 
mata Arezzo.  E  7.  146,  1-.  D'allora  inoansi  lo 
reame  di  Francia  sempre  andò  dibassando,  • 
P^jlgiorando. 

.DALLORAINNANZI.i>o.«roA»'er^/«/m., 
vale  D'indi  innanzi,  Fit.  SS.  Pad.  2,  275.  E 
dall'ora  innanzi  presono  in  consuetudine  spes- 
se volte  di  vetiìre  alla  predella  chiesa. 

*  DALMATICA.  Tonicella  ,  Paramento 
del  diacono,  o  suddiacono.  Dial.''S,  Grig, 
4.  44.  Per  avventura  toccò  l'alia  della  dalma- 
tica sua,  cioè  il  vestimento  che  porta  lo  diaco- 
no all'altare.  E  appresso:  ha  dalmatica  del  qua- 
le toccando  lo  indenuniato  fu  liberato. 

.  DAL  NATURALE.  T.  de'Pittori.  Posto 
avverbialm.  Dicesi  del  disegnare,  dipigna" 
re,  modellare  o  s»?olpire,  con  aver  davanti 
il  naturala,  quello  imitando;  e  la  cosa  co^ 
sì  fatta  dicasi  fatta  dal  naturale.  Baldin, 
roc.  Dis.  [42.1 

DA  LONTANO.  Posto  avverbialm.,  vaU 
lo  stesso  che  Dalla  tofana  ,  Da  lungi;  m 
denota  per  lo  più  lontananza  di  luogo,  lat. 
procul,  e  Icngirufuo,  gr.  Ttó^poi&tv.  Cas, 
leti.  56.  Sempre  sarò  tutto  di  V.  S.,  come  so- 
no stato  sempre  ec.,  e  tanto  più,  quanto  eh'  io 
veggo,  ch'ella  si  degna  aver  memoria  di  me  co- 
si da  lontano. 

*;  %  Esser  parmite  da  lontano,  vale  Es- 
ser parente  fn  uh  fjrntlo  lontano. 

*  DAL  PIE  ALLA  FRONTE.  *Posto  av- 
verhialai.  vale  Da  capo  a  piede.  Ar.  Fur, 
26.  109.  E  ti  farò  sudar  dal  pie  alla  front* 
(qui  vale  ti  darò  molto  che  fare.) 

*  DAL  PRIMO  ALL'ULTIMO.  Posto  a^ 
verbialm.f  vale  Minutamente,  Esattamente, 
Segner,  Mana.  Lugl.  30.  2.  Se  dunque  dal 
primo  all'ultimo  noti  bene,  tu  vedrai  chiara 
che  ec.  (considerata  ciascuna  cosa.) 

*:  DAL  SEZZO.  Poslo  avverbialm.  vale 
Da  ultimo.  Ovid.  Simint,  3.  93.  E  quello  par- 
rà più  degno  d'averle  (le  armi)  di  me,  perchè 
le  prese  dal  seno. 

*  DAL  TEMPO  IN  QUA  CHE.  Posto  av* 
verbialm.,  vale  Dal  tempo  che.  Fav.  Esop, 
['S,  70.1  Dal  tempo  in  qua  che  messer  lo  Cer- 
vio mi  fiMre  cortesia  del  suo  granone  mi  aoc- 
corse ne' miei  bisogni,  io  uon  ebbi  in  mia  casa 
grauello  di  grano. 

*  D'ALTRA  ^AUTE, Posto  avverbialm., 
vaia  All'opposto,  ^emb.  Pros,  2.  91.  E  d'ai- 
tra  parlo  cercando  la  piacevolezza,  puossi  tra-» 
scorrere,  e  scendere  al  dissoluto. 

«  DAL  TRAVERSO.  Posto  avverbialm., 
vale  Per  traverso.  Alom.  Colt.  5.  111.  Ti- 
ri dritto  il  soiilier  ec.;  poi  dal  traverso  Venga 
un  altro  a  ferir  si  messo  al  filo,  Che  aian  pari 
i  canto  n. 

D' ALTRONDE.  Per  lo  slesso  che  Altron- 
de, lai.  alinnde.  gr.  [*iX^y.xòòiv.\  Boec.nov. 
40.  12.  Chi  in  quella  iltroverrà,  non  so  per- 
chè più  di  qua  entro,  che  d'altronde,  vi  sei 
cc^a  messo.  Cr.  2,  22.  3.  Se  desideri  di  pian- 


Digitized  by 


Google 


DAL 


DAM 


U\H 


II 


Lm  per  Mw,  evTcto  per  |>ijule  diradicale,  • 

filli  mWr  rfmkr    ec.  cnusìdefa  ec. 

•  M  LCl  A  SÉ.  Posto  Mtvtròialm.,  Dn 
»d»  *  Wo.  Ffmmc.  Sacch.  ho».  (54.  Quello 
«0  piiviilc  tt4flado  costai,  e  domaudindolo  da 
taij  ar  diocMMieote,  ebbe  per  certo  ec. 

DA  LDNGA.  Lo  stesso  eh*  Da  lungi.  ìwlL 
pr^ati-lfT.  irtfò/MÙrv.J  Patlad.  [eap.  39.]! 
fpaAai  M  Togltono  fare  nella  più  bIu  jarte  dei- 
fa  CSM,  da  Innga  de  ogni  aBudore,e  da  stalla. 
Jf.  /^  9.I0A.  C  «puodo  usctvauo  da  lunga  del- 
lotlr,  cìa  (artfeaao  con  acorta  de'caralieri  deii- 
tiv.  Cr.  1.  97.  3.  l^  tena  ù  dee  alteiidere,ae 
ii  Vme^  sarà  troppo  da  lunga.  Amm,  QUt.  4. 
1.7.  L'mwio,  ■!  i|iule  <|uaulo  è  da  lunga  del- 
le Wibe  per  lónoe  corporale,  taulo  dee  essere 
per  bontà  d'«oi«o. 

*  S  Pew  Di  iomimm  pttMte.  AVr.  SS.  Pud. 
t.  rSI7.]  Pdoo  omoidulo  uou  solanevle  da 
^•eHidiloaa,  Marsiandtoda  quellidapreuo. 

DA  LC5UE.  Posto  awerbialm.,  vaie  io 
«fesa*  cAr  Dm  Ittngi.  Ut.  procni.  gr.  Ttópp^- 
^e*.  Pttf.  aeM.  <89.  S  arder  da  luuge,  ed  ag- 
gbiawr  da  prraao,  Son  le  cagiou,  cb'aoiau- 
da  i'  ai  dMtctapre,  Voitro,  duoiia,  il  peccato,  e 
*M  fia  1  dumo.  Ae«.  ben.  Rarefi.  G.  39.  Co- 
leiCa  eerMOtt*  tua  è  Bolto  dolorosa,  e  da  do- 
«are  caaer».  riaftoua  da  ogni  duìdéro,  e  scaccia- 
tt  da  liaa»g«.  jtimm.  CoÌt.  3.  A7.  Bla  perch'io 
m^op*  chianar  da  lange  II  pampinoso  Bac- 
c«v  (e  dir  cTttcrìuto  ec  ] 

*  $  S  im  Jorcm  di  preposi MtoH0.  AÌor. 
S.  Gt^.  •.  17.  Nou  essendole  (alla  mente) 
aperta  l'eutrata  delle  cose  scerete,  appresso  |ier 
b  ■»  dàxtniaiotte  è  discacciata  da  longe  da 

DA  LUNGI.  Patto  twerbialn».  Di  lungi, 
Di  fornimmo,  comtrmrio  di  Da  presso,  lat. 
proemi,  Ìmmg0.  gt.ltòfióoi'Hv.S,  Oio.Grisott. 
lUI.]  lisce  per  un  suo  itrofeU:  io  sono  Iddio 
^  presso,  e  wn  da  Ittogì;  [cioè  chemapprus- 
urna  al  peccetore  e  noi  foggo.]  P^ss.  147. 
Hoa  dorò ■  udì  de* peccali,  clic  noa  sono  comu- 
■siffiela  oMaìiMli  ec,  ma  Tacciasi  da  lungi. 
Dmml.  imf.  8.  E  un'altra  da  lungi  render  ceu- 
«».  B  Pmr,  19.  Per  giudicar  da  lungi  mille 
adglw.  B^ce.  mo».  60.  Ì5.  I«i  (juali  stati  alla 
aaa  prwitca,  ed  aveodu  udito  il  nuovo  rì|>aro 
psvao  da  luì,  e  quauto  da  lungi  fatto  si  tosse, 
e  eoa  che  parole^  aTcau  tanto  riso  ebe  erau 
««dati  «Bàacellaffv. 

*  S  *•  Pr^f*  come  oHdiett.Jo  st9SS9  che 
Lùmtmma.  Dimt.  S.  Greg.ì.  5.  Venne  da  lun- 
gi parte  uoo  rìllano  per  vederlo.  FU.  S,  M. 
Mtmdd.  103.  Molti  inferni  ci  sono  abbonda- 
ta» e  da  loi^  parti  venuti,  e  baiiuo  bisogno 
M  grmode  aiuto. 

(  t.  Tmtmru  è  in  for%n  di  preposizione, 
ehm  cot  terzo,  tfneHo  ,  e  sesto  ceso  ti  een- 
fimm^e,  e  vmle  LoHteno.  lat.  proctd.  [gr. 
«^/fpM^te.]  Cr.  S.  13.  16.  Tutte  le  erbe  ne' 
buo^  delle  piante  divelte  si  deouo  di  presen- 
le  giCtar  da  Iliaci  da  loro. 

OALTEOeRE  ALNON  VEDERE,  (e  DAL 
VEDERE  E  NON  VEDERE]  'Pósti  ewtr* 
hieim  ,  ¥mlgotu>  io  ttetso  che  In  un  batter 
stoetAio,  /m  nn  attimo,  Sttbitametite;  modo 
hmsse.  laL  ieln  acuii,  gr.  iv  kt^/xa».  Mnlm. 
7.  ii.  Pe  ai,  che  dal  vedere,  e  non  vedere 
B  diade  al  eiuo  lolalmeule  Ibndo.  {v.  VE* 
ftEREJ 

DAMA.  Demma;  tehbene  nelVute  ti  dice 
per  Dmmma  medile,  Gentildoame.  lat.  matro- 
mm.  gr.  0ÌK94Ì9Tt9<veL  [àted.]  nt.  Critt.  [5. 
B.  Mt.]  Daaaa,  perdié  piagni  tu?  cui  addo- 
auidi  to?  Boce.  nev.  5.  7.  Dama,  nasoouo 
sa  Mesto  paese  solamente  galline,  seou  gallo 
»>  Vee.  -       -  -y   • 


«it<.  SI.  7.  E  vi  non  dee  essere 
m  Ittogo,  dove  dama,  o  damigella  sia  dìscon- 
■glìala,  cbe  egli  non  la  consigli  di  suo  dirìt- 
lo.  •;  iUd.  lett./mm.  3.  33.  Godo  di  avere 
arala  fisdisna  di  aver  lelicemeiile  servita  una 
4ama  «sai  victuoca,  cosi  ragguardevole  come 
è  V.  5. 

«*  S  4>  Dame,  per  Sfoglie.  Z'ac  rit.  Cia- 
ama  re  •  barone  lornarooo  in  loro  contrade; 
e  lo  re  Melìedus  con  soa  dama,  e  cou  sua  ba- 
nata  loraarooo  «Ila  citU  di  Lioo'u.  Bappret' 
—:  Tolta  genie  n^ostravs  grande  all^reasa  si 
detta  poco  fatta,  e  dallo  re  Meliadus  che  avea 


•S  S  '•  Dame,  per  Signore,  o  Padrona. 


Tev.  rit.  E  Uduniella  si  grida  vedendo  larei- 
na  sua  dama  morire. 

S  3<  ^Sgi  eHcAe,  per  Dama,  contMtemente 
ialendinmo  la  donna  amata.  Ut.  emaWd.gr. 
ipàerpt*.  Mor%.  7.  ftS.  Caduto  son  dìrirattet- 
to  alla  dama,  Dond'ho  perduto  il  suo  amore,  e 
la  fanu.  Ambr.  Beru.  4.3.  Che  abbiate  biso- 
gno, ch'uu  uom  simile.  Che  sta  con  altri,  vi 
faccia  aver  graxìa  Colla  dama,  eh?  Malm.  I. 
43.  Ma  siòrtunsto,  perche  co'  danari,  Giocan- 
do, egli  ha  |*erdulo  anco  la  dama.  •*  Red. 
ielt.Jam.Z.  90.  Non  possono  patire  {^j^/Vaia' 
morati)  di  vedere  un  6ore  torto,  o  mal  situa- 
to intorno  al  viso  della  dama. 

•  «ì  4.  Per  simitii.  detto  di  bestia.  Barn, 
rim.  b»rl.%.[' Ìi.]Sono  come  un  stallou  quan- 
do si  scioglie,  Che  vede  la  sua  dama  in  sur  un 
prato,  E  balla  e  salta  come  tiii  paladino. 

;  5  5.  E  per  Titolo  d'onore.  Ott.Com.  Par. 
9.  SI9.  Nella  prima  (patte)  l'autore  converte 
il  suo  sermone  a  dama  Clemeii»,  madre  del 
detto  Carlo,  la  quale  viveva  ancora  ìn  prima 
vita.  éX  Morg.  H,  17.  Sapea  il  jieusier  della 
dama  ClemeusÌJ. 

$  6.  :ff  Mostra  Dama^  per  eccellenza,  di- 
ciamo la  Saniistima  tergine  Maria,  Ma* 
dre  d'iddio  «  G.  K  7.  151.  4.  Non  vi  rima- 
se quasi  casa,  n^  chiesa,  che  non  ardesse,  ed 
eiiandjo  la  mistra  chiesa  di  Nostra  Dama  >*. 

^  $  7.  Talora  anche  le  Chiese  consacrate 
al  suo  nome,  Bocc.  nov.  S.  li.  E  a  Nostra 
Dama  di  Parigi  con  lui  insieme  aiidaLosene,  n- 
cbiese  i  cberici  di  là  entro  che  ad  Abraam  do- 
vessero dare  il  battesimo. 

•S  5  6.  Per  Una  tMle  figure  delle  earte 
da  giuoco,  Miin.  annot.  Mnlm.  7.-  03.  Meta- 
forico da  quei  giuochi  di  carie,  nei  quali  tre 
^nre  uguali  insieme  si  chiamano  cricca,  come 
tre  re,  tre  dame,  e  tre  fanti. 

$  9.  Per  una  Sorta  di  giuoco,  che  ti  fa 
ttùlo  tcacchiere  con  alcune  piccole  girate 
di  legno  tonde  di  due  colori,  te  tfuali  ti 
chiatnan  pedine,  e  tetto  di  lutmero  dodici 
per  ciaschatltut  colore. 

$10.  Onda  Fare  a  dama,  vale  Giitcare 
a  tptetto  giuoco  Buon.  Pier.  3.  3.  6.  M'era 
parso  Vederti  cou  gli  astanti  fare  a  dama. 

•1$  M.&'  jfndiire  a  dama,  %f ale  Coitdttt^ 
re  una  pediita  sino  agii  ultimi  scacchi  del- 
Vawer tarlo, 

**  $.  13.  B  Dama,  tCdlce  Quella  pedina 
che  è  andata  a  dama,  e  topra  la  tptale  te 
ne  mette  un'altra  deiV  awertario  per  di- 
ttlnguerla. 

%  13.  Damayper  Datnma,  ifaino  [/»  uta^ 
to  in  rima  da\  Dant,  Par.  4.  Sì  si  starebbe 
un  cane  iutra  due  dame. 

DAMAGGIO.  K  A.  [dal  francete  Dom- 
mage,  cAe  ti  trova  dotto  «NcAeDamaffe.]  Dan* 
maggio, Da/mo.  \»t.damnum,  periculum.  f^lt. 
Brtfl.  43.  Rompeanst  i  capelli,  e  catuno  pia- 
gnea  il  suo  damagglo.  •;  Stat.  Calim.  338. 
Della  quale  cosa  ne  starno  stati  e  siamo  molto 
cracciosi,  pensando  lo  sconcio  e  la  briga  e'I 
damaggio  che  intervenire  ne  punte. 

«  DA  MALA  PARTE.Poi/d  awerbUlMn- 
lamento,  BrHieamente,e  peggio.Ricord.  Mal. 
cep,  IR.  Ma  il  Centurione  non  gli  lasciò  trarre 
plesso  al  palagio,  e  accomiatògli  da  mala  parte. 
*■  DA  MALE.  In  fot-se  d'aggitmto,  con- 
trario di  Da  bene;  Malvagio,  Cattivtf.  Fior, 
yirt.  8.  L*  uomo  irato  non  favella  se  non  co- 
se  da  male.         »■ 

DA  MANGO.  Lo  stesto  che  da  meno.  lat. 
minor,  gr.  ifrruv. 

*  DA  MANE.  Posto  atvorbialm.  In  tem- 
po di  mattina,  lat  mene.  gr.  Ttptui,  i*  t6  Sp' 
djOM.  Dant,  Par.  37.  Di  quel  color  che  per 
lo  Snie  avverso  Nube  dipinge  da  sera  e  da  ma- 
ne, Vid'io  allora  tutto  *l  cìal  cosperso. 

*  DAMARE.  T.  di  giuoco  di  dama;  e  di' 
ceti  tjttando  il  giocatore  km  condotto  una 
pedina  tino  agli  ultimi  qttadretti  dello  tcac- 
chiere alla  parte  opposta,  e  la  fa  coprire 
con  un'altra  pedina  del l'aifver sarto. 

•  5  Damar  la  pedina:  al  gittoce  degli 
scacchi,  dicesi  del  Farsi  restituire  dall'ax** 
versarlo  U  miglior  petto  perduto  In  cam- 
bio di  une  pedina, 

•  :  DAMASCATO,  ^dd.  Lavorato  a  fo- 
rame u  uso  di  Damasco,  etl  è  aggiunto  di 
panno  o  velluto. 


DAMASCHINO,  jidtl.  jéggiutito  di  ferro, 
0  simile,  e  vale  Che  ha  la  tetnpra  di  Da- 
masco, lat.  damascenus.  gr.  d'xuavxiivdf. 

5  f.  ^ggitinto  d"  ima  Sorta  di  rose,  Bem. 
Ori.  3.  1.  38.  Non  l'avea  tocco,  come  io  dis- 
si, il  foco;  Pieno  é  di  fiori,  e  rose  dafnascbìue. 

*  S  3.  'D.imnschinOj  è  anche  apginnto  di 
lina  Sorta  di  popone.  Cani,  Carn.  i  48.Chi  vuol 
buon  damakcUiui  (poponi)  Tolgagli,  che  sieii 
teneri  di  buccia;  Quando  son  succheriui,  Strug- 
gonsi  in  bocca,  quando  altri  gli  succia. 

*  DA  ME.  Per  me.  Pei  fatti  miei.  Amhr. 
Flirt.  I.  3.  Quantunque  io  abbia  che  far  da 
me  per  infin  sopra  i  capegli  ce.  (Terent:  Re- 
rum suarnm  satagit.) 

*  DAMEGGIARE.  Cestirti  In  gala.  Con- 
vertati e  andata  attorno  come  dama.  Se- 
gner.  Crlst.  instr.  3.  39.  6.  Vorrcbbooo  che 
ogni  di  fosse  festa  per  uscir  fuora,  e  che  ogni 
d)  si  danzasse,  e  dameggiasse,  per  essere  ve- 
dute in  un  pieno  popolo. 

DA  MENO.  Particella  comparativa,  che 
ti  usa  in  forza  d'aggiunto,  e  dinota  Infe- 
riorità, lat.  minor,  gr.  ^rruv.  Lab.(^.  Non 
solamente  rìgiisrdaudolo  uiu  no  vergognai,  ma 
di  compunzione  debita  mosso  ne  lagriiuai,  e 
me  niedoìmo  biasimai  furttf,  e  da  muiio  ec.  mi 
riputai.  7*ac.  Dav.  atta.  t.  43.1  suoi  figliuo- 
li, come  molto  da  meno,  spregiava.  Cas.  Vf, 
Cotti.  94.  Le  meretrìci,  quanto  più  di  vergo- 
gna hanno,  toiito  sono  da  meno  \cioè:  tanto 
sono  meno  tenute  in  pregioJ\ 

DAMERINO.  Susi.  Inclinato  a  fare  alfa- 
more,  f^agheggiatore ,  t^ago.  lat.  amasiits, 
amatorins,  ad  amandum  prontts.  gr.  ipx- 
9T^Ì.    Lor.  Hied.  Nette,   45.  Or  chi  sareobe 

3uella  si  crudele,  Ch'avendo  tftì  damerino  si 
assai.  Non  diventasse  dolce  come  il  mele? 
Buon.  Pier,  3.  4.  7.  Portati  quest'oggi.  Non 
dico  gli  serbtni.  Non  dico  damerini.  E  Tane, 
3.  4.  Ma  ecco  qua  qnell'attro  damerino. 

DA  MEZZO  IN  GIÙ,  e  DA  MEZZO  IN 
SU.  Posti  avverbialm,,  si  dicono  di  tiiialsi- 
voglla  cosa  divisibile  per  metà,  pigliando- 
si o  la  parte  superiore,  o  l'inferiore. 

DAMIGELLA.  Pulsetla,  Donzella,  lat. 
pitellay  adolescentnla,  virgo,  gr.  Tro^S^lvo;, 
vsavfffxjj,  xéptov.  Bore.  nov.  18.  29.  Non  è 
convenevole  che  cosi  bella  damigella,  come 
voi  siete,  seiixa  amante  dimori.  Gnid,  G.  E  fue 
molto  amato  dalle  damigelle,  conciossiacosaché 
egli,  osservando  eguale  modestia,  si  ditettasse 
eoq  toro.  G.  F.  8. 33.  4.  Nella  presura,  e  mor- 
te della  innocente  damigella  di  Fiandra. 

%  1.  Per  Denteila  nobile,  che  serve  alle 
principesse.  Bocc.  Hov,  31.  8.  Mandate  vìa  le 
sue  damigelle,  e  sola  serratasi  nella  camera, 
aperto  I'umìo  nella  grotta  discese,  àforg.  19. 
33,  Ove  son  or  le  damigelle  mie  / 

•;  S  3.  Per  Cameriera.  Loop.  cap.  89.  Non 
vogliam  più  fante  intorno,  Teogbiam  or  la  da- 
migella. 

<]  DAMIGELLO.  Garzone,  Donzello,  Gio- 
vanetto, lat.  puer,  adotescens.  gr.  Ipq^d;. 
Pecor.  g.  30.  ball.  Con  quanta  pace,'  e  cou 
quanta  allegreaaa  Mi  veniva  a  veder  quel  da- 
migello :  IS  g.  34.  ball.  Donne,  per  Dto  non  vi 
fidale  mai  In  nessun  damigel,  che  non  sia  sag- 
gio, ^r.  Fiir,  35.  63.  E,  secondo'!  mandalo 
al  damigello  Fa  l'ambasciata.  Bern.  Ori.  3. 
17.  59.  Fu  Narciso  al  suo  tempo  un  dami- 
gello Tanto  leggiadro,  e  di  tanta  bellesta, 
Che  ec. 

«•  DAMIGIANA.  Sotta  di grossisslmo fe- 
sco di  vetro  vestito  di  sala  o  di  vinchi,  per 
uso  di  trasportate  o  di  tenervi  vino  od  al- 
tri liquori,  ^ 

DAMMA.  Daino,  lat.  dama.  gr.  Sepxót?. 
Petr.  Cane.  41.  3.  E' non  si  vide  mai  cervo, 
n4  damma  Con  tal  dc»io  cerrar  funle,  né  fiu- 
me. 4ittet.  80.  Luogo  abbondevole  dì  giovi- 
nette cavriuole,  e  lascive,  e  di  damme  giovani. 
Fir.  As,  330.  Né  lepre,  né  damma,  ne  di  tut- 
to le  altre  fiere  la  minsuetiuima  cerva  si  lasciò 
mai  vedere  il  giorno.  Ualm.  3.  55.  Non  più 
cercava  caprìolu,  o  damma,  Ma  da  far,  s*o*p<>-* 
tea,  nn  iio'di  fiamma. 

DA M MAGGIO,  f^  y/,  Datmaggio,  Dan- 
no, Damaggio.  Ui.  damnnm ,  periculum.  [gr. 
I^^fiiet  ]  J/.  Z'.  IO.  4.  E  dato  di  coaio  in  essa, 
con  loro  dammnggio  e'  si  tornarono  a  fiologna 
(coti  il  ms.  Hicci.)  Dep,   Decam.  IIU.  Nel 


Digitized  by 


Google 


43 


DAM 


DAN' 


DAN 


secondo  fu  mutalo  Peri,  che  è  voce  propria 
d'uoa  dignità  iu  Fraucia,  ìu  Padri,  e  dmm- 
maggio,  che  negli  auticbi  e  spesso,  iu  danno, 
u  daniiaggio. 

DAMMASCHIN'O.  Lo  stesso  che  Dama* 
schino.  lai.  damascentis.  [gr.  (TauocTXyivós.] 
Fir,  rim,  IS.  Vidi  l'allricr  scben^r  ben  mil- 
le amorì  Iti  quel  bciroccbio,chedinaust  piuse 
Con  bianco  refe  un  ago  dammascbiuo. 

DAMMASCO.  V.  DOMMASCO. 

DAMO,  amante,  t'ungo,  sust.  Ut.  amans, 
amator,  amasius,  gr.  ipv.TCr,^.  Lor.  Med* 
Canz.  [5.  5.)  Iu  questa  bella  ghirlanda  Ben 
sa^  chi  gUele  manda:  E  1  suo  damo  si  pu- 
lito. Bttott.  Tane.  5.  7.  louanxi  cbe  tu  m'ub- 
bìa  auto  amore,  A  un  tratto  damo,  e  sposo  mi 
ti  fai. 

DA  MOLTO.  Usalo  inforza  di  aggiunto, 
vale  Di  grande  stima.  Vi  gran  condizione. 
Int.  aptiis,  slrenuns.  gr.  «TtiT^icTwoj.  Boce* 
nov.  Ì2.  44.  Riiialdo  ec.  vcggeodu  la  donna,  e 
da  mollo  parendogli,  revereittemenle  la  salutò. 
£  nov.  19.  3S.  Sempre  di  gran  virtù,  e  da 
molto  mentre  vìsse,  fu  reputata.  £«ih'.53.  f  0. 
E  sempre  poi  per  da  multo  l'ebbe,  e  per  ami- 
co.  ;  E  g.  5.  n.  9.  Li  fratulli  udendo  l'animo 
di  lei,  e  conoscendo  Federigo  da  molto. 

9  %  Da  motto  più,  vale  Di  motto  maggior 
pregio,  condizione,  «  simili.  Bocc.  g.  \.  n. 
40.  Si  crede  dovere  essere  da  molto  più  teuu- 
la,  e  più  cbe  l'altre  onorata.  E  g.  S.  n.  40.  La 
maggior  parte  (degli  nomini)  sono  da  molto 
più  (quando  sono)  vecchi,  che  giovani.  E  g. 
IO.  n.  9.  A  messer  Torello  d'ultra  parte  pare- 
va cbe  costoro  Tolsero  magui6chi  uomiut,  e  di 
molto  più  cbe  avanti  slimato  uou  avea. 

DA  MONTE  A  VALLE.  Posto  avverbialm. 
Da  sommo  a  imo.  Dal  capo  al  pie.  lat.  a 
snmmo  ad  imum.  gr.^vta  xad  xàroi.  Tes.  Br. 
3.  36.  Come  '1  sangue  dell'uomo  si  sparge  [ler 
lo^ue  vene,  siccbc  cerca  tutto  'I  corpo  da  mon- 
te a  valle. 

[•DA  MONTE  E  DA  VALLE.]  Per  tutti  i 
versi.  Per  tutti  i  modi,  [lat.  ovtuintodo.  gr. 
Tt»JtoSoc^&Ì.]  Tds,  Br.  1.  38.  Egli  procacciò 
tanto  da  monte,  e  da  valle, ch'egli  combattè  con- 
tro a  PoDipco. 

D'AMORE,  E  D'ACCORDO.  Posto  awer- 
bittl.,  vate  Unitamente,  ^imichevolmentet  lai. 
concorditer.  gr.  òftovpóiwi. 

DA  MOTTEGGI'  ).  Posto  avivrbiatm.,  va- 
le lo  stesso  che  Da  ùeffe.  UL  iocose,  per 
ioeum,  gr.  fffuj.'xci;.  AÙegr.  449.  La  ragion 
vera  è  la  madre  legittima,  e  naturale  di  quel 
saper,  cbe  non  è  da  motteggio.  E  455.  Pertan- 
to io  vi  mando  questo  miserabii  sonetto ,  fatto 
da  me  parte  in  daddovvcro,  e  parte  iu  da  mot- 
leggio. 

DAMUZZACCIA.  Pe^^/erAr.f^e/rfiAi/M.^/ 
Dama,  jiltegr.  57.  Essendomi  &ccaltata  un 
jio'di  damuzsaccia  salvatica. 

DANAIACCIO.  Peggiorai,  di  Danaio. 
Ceceh.  Servi g,  3.  S.  Porla  il  dauaiaccio,  cbe 
Gli  è  stato  un  peno  chiuso  ove  gli  tiene. 

DANAIALE.  K  A.  Jdd.  Di  un  danaio. 
Cap.  impr.  43.  Della  oflTerta  delle  immagiui  di 
cera,  e  delle  candele  più  che  ddnaiali  ec. 

•  DANAIESCO.  Agg.  di  pecunia  ,  vate 
Contante,  In  contanti^  o  simile.  Arrigh.  75. 
Colui,  il  quale  il  più  e  '1  meno  con  pari  onori 
agguaglia,  iiiformenta  Ì  chiarì  costumi  colla  da- 
uaiesca  pecunia  (cioè  col  danaio  eotttante), 
la  quale  se  ella  ti  urà  oste,  io  filosofia  ti  sa- 
rò nimica. 

DANAIO.  Moneta  della  minor  valttta,  al- 
la quale  per  la  sua  picciotesia  si' dice  an- 
che Picciolo.XsX, mimttiM, gr.rò  Xtnxòv.Nov. 
aut,  94.  S.  Usavausi  allora  le  medaglia  in  Fi- 
reoxe,  cbe  le  due  valevano  un  daqaio  pieoolo 
*  Ar.  Zen,  4.  4.  Questo  «  un  fiorino:  (e'.  Non 
me  ne  rendere  Daoaio  indietro. 

S  4.  Per  Moneta  geueralmente.  laU  pecu* 
ma,  tutmmus.  gr.  apyùptoy.  Bocc.  nev.  B4. 
tt.  Volendo,  per  andarsene  l'osta  pagare  ,  non 
ù  trovò  danaio.  Off.  Coni.  Inf.  44.  [140.]  Da- 
naio non  può  far  danaio,  ne  ingenerare  danaio. 
E  \Purg.\  23.  [409.  l'a'r.]  Buono  è  1  danaio 
nel  savio,  reo  nel  prodigo,  iieiiimo  nell'  avaro. 
Agn,  Pand.  [*8I.]  Si  vede  il  danaio  essere  ra- 
dice, o  esci,  o  nutrimento  di  tulle  le  cose;  Ìl 
danaio  e  nervo  di  tulli  i  mestieri. 

S  2.  Danaio,  è  anche  Sorta  di  peso  con- 


tenente la  vi gesima quarta  parte  dell'oncia, 
lied.  Esp.  nat.  5.  Le  maggiorì  pcc  lo  più  non 
pesano  un  danaio,  e  diciotto  grani,  e  le  mino- 
ri pesano  un  danaio,  e  sei  gmiii. 

S  3,  Danaio, per  [simitit.,  vale  anche'\  Cro- 
sta, o  Macchia  procedente  da  bolle  di  ri- 
scaldamento. (Jrou.  yeti.  [139.]  Gli  veone  . 
e  convertì  il  detjo  suo  difetto  iu  un  roasore,  e 
diventò  tutto  un  danaio. 

*l  $  4.  Costi  ogrti  danaio,  tocHZ^c/ie  vale 
^Qualunque  no  sta  il  prezzo.  Atlegr.  901.  E 
voglio  ancora  (e  costi  ogni  danaio)  Dìnansi  al  • 
r  uscio  un  di  ficcarti  il  maio. 

DANAIOSO.  Add.  Che  Ita  dimolti  dana- 
ri, lat.  pecuniosns.  gr.  TTcAu/^tì/AOTOf.  Buon. 
Pier,  A.  3.  1 .  Mercanti  dauaiosi,  Scioperati,  cu- 
rìosi.  l  Borgh.  Mon.  461.  I  quali  (cniichi)  , 
come  che  molto  ricchi  fossero,  e  più  die  non 
si  crederebbe,  dauaiusi,  non  passaron  però  mai 
ue'fornimonti  di  casa  l'uso,o  la  maniera  civi- 
le degli  altrì  cittadini  più  poveri  di  loro, 

^  DANAIUOLO.  Din:  di  Danaio.  Ut.  niim- 
mutus.  gr.  V0fu9p.àrtcv. 

*  $  Danaiuolo,  o  Danartizzo  propriamen- 
te usasi  come  aìvilttivo  di  Danaro  nel  nu- 
mero del  più,  e  vale  Piccola  somma  tU  da- 
naro. «  Pir.  nov.  7.  264.  Ancorché  e' girasse 
certi  suoi  danaiuoli,  cbe  fra  ugiolì  e  banigioli 
gli  stavano  a  capo  all'anuo  a  trenlatrè,  e  un 
terso  per  cento  il  manco  il  mauro  m. 

:  DANAIUZZO.  Dim.  di  Danaio;  Dana- 
russo.  F/:  Giord.  Pred.  4.  208.  Quando  que- 
sti fattori  rassegnano  ragione,  il  loro  rassegna- 
mento è  molto  iu  grosso:  perocché  non  pocso- 
uo  scrivere  ogni  dauaiusao,  scrìvono  pur  le  co- 
se più  grosse. 

DAN  ARESCO.  Aild.  Di  danaio,  [in  siguijSc. 
di  Contante]  Arrigh.  75.  Colui,  il  quale  il 
più,  e  1  meno  con  pari  onore  af;guaglia,  in- 
fbrmenta  i  chiari  costumi  colla  daiiarcsca  pe- 
cunia [lo  stampato  ha  dauaiesco.  v.  di  so- 
pra a  questa  voce.\ 

*  BAUaIìISO.  Dim.  di  Danaro.  Car.Oraz. 

5.  Greg.  79.  Giovanni,  che  vestì  di  pel  di  cam- 
mello, e  Pietro,  cbe  si  nutrì  don  dauarìn  di 
lupini  (cioè  di  tanti  lupini,  quanti  si  com- 
prano per  un  piccolo  danaio') 

DANARO.  Lo  stesso  che  Danaio;  ma  Da- 
naro appo  i  wigtiori  scrittori  si  trova  per 
lo  più  usato  net  numero  del  più.  Bocc.  nov. 
43.  4.  E  lascio  correr  due  soldi  per  ventiqual- 
Iro  danari. 

%  4.  Per  Moneta  generalmente.  laL  pecu- 
nia,  nunmuis.  gr.  àpyùptov.  Bocc.  nov,  43. 

6.  In  pochi  anni  grandissioia  quantità  di  da- 
nari avanzarono.  Anibr.  Cof.  S.  4.  Di  questo 
statene  Sopra  dime  :  e'daiiar  fan  miracoli.  Dav^ 
Camb.  94.  Fu  poi  battuto  ìl  deuarìo  d'argen- 
to con  questo  segno  X,  perclkè  valeva  dieci  di 

3 nelle  monete  prìme  di  rame  dette  assi  ;  quin- 
i  fu  poi  forse  chiamata  tutta  la  pecunia,  da- 
nari. *l  Cattate.  Att.  Ap.WI.  Valevano  più 
di  cinquanta  migliaia  di  danari  d'arieuto  grossi. 
^  %  %,  E  Trar  danaro,  equivale  alcuna 
volta  ad  Esigere ,  o  ad  Estorcer  danaro. 
Dia.  Camp.  3.  [43.]  Comìncio. a  volere  trarre 
danarì  da'  cittadini.  E  appresso  :  £  così  gli 
perseguitava  per  trarre  danarì. 

*  S  3.  [Danaro  contante^  o\  Danari  con- 
tanti, [vale  Danaro  effettivo.]  lat.  pecunia 
praesens.  C  F".  8.  63.  Forniti  di  multi  dana- 
rì  contanU.  v.  CONTANTE,  $  4. 

5  4.  Abbruciato  di  danaro,  vale  Bisogno- 
so,  e  Quasi  mendico,  tal.  mendictttus.  gr. 
ItTfax^i-  Tae.  Dav.  Star.  4.  S46.  Adescando 
i  più  leggierì  di  cervello ,  abbruciati  di  dana- 
ri, ec. 

S  5.  Fiire  checche  sia  per  danari,  dicesi 
del  Lasciarsi  corrompere  con  danari.  laL 
pecwiia  corrumpi.  Seti,  ben,  Farch.  4.  S5. 
Vcrgognamoci,  che  alcuno  benefiiìo  sì  rìtrovi, 
il  quara  per  danari  si  faccia. 

«  $  6.  Far  danaro,  vale  fendere  ima  co- 
sa per  cavarne  danari.  Frane,  Sacch.  nov. 
4.  Uiliberò  quella  notte  col  suo  compagno  uc- 
cìdere l'uno,  e  l'altro  (porco),  e  par  debito, 
che  avea  mandarli  a  Firenac  a  un  suo  amico 
tavernaio,  e  drne  danarì,  e  cosi  feciono.  *xDat, 
Lepid.  84.  Il  giovane  (disse)  che  non  sapeva 
cbe  farsene,  e  come  esitarle  per  far  danarì. 

•  l  %  1.  Far  danari,  vate  anche  Mettere 
insieme  danari ,  Avanzarseli.  Buon.  Pier. 


9.   9.  4.  n  Paciensa  ha  Citlo  Roba  e  danari, 
e  è  in  rìputaaione. 

;  S  8.  Far  danaro,  vale  anche  Metterne 
fuor  a.  Sborsarne,  Segr.  Fior.  Stor.  5. 4  40.  Se 
e'  si  manteneva  con  le  genti  d' intorno  a  Firen- 
ze, faceva  che  chi  governava  quella  città  uoii 
poteva,  se  non  con  rispetto*  stringere  i  cittadi- 
ni a  iàr  dauarì,  e  con  più  difficoltà  ragunavano 
le  genti. 

*  S  9.  Danari  secchi  ,  vale  Danari  effet- 
tivi. Lttsc,  Cen.  4.  noe  5.  pag,  400.  Il  qua- 
le, secondo  la  pubblica  Cima,  pensava  esacre 
rìcchissimo,  e  sopra  tutto  di  danarì  secchi. 

;  S  40.  Danari  morti,  dieonsi  Quelli  che 
non  sono  posti  a  profitto  ;  onde  Tetter  mor^ 
to  il  dnnnro ,  vale  Pian  lo  trafficare,  fton 
ritrarne  tUite.  v.  TENER  MORTO. 

•  S  $  4  4.  S  danari  sono  il  verbo  principa-. 
te;  maniera  proverbiale  che  importa  che  I 
danari  souo  la  cosa  più  importante,  e.  VER- 
BO. 

S  42.  Danaro, per  Sorta  di  peso  cofttenen- 
fe  la  vigesimaquarta  parte  deWoncìa. 

S  Ì3.  E  Datari,  per  Uno  de' quattro  semi, 
onde  sono  dipinte  le  carte  delie  minchiale. 
Malm.  4.  12.  E,  prìa  che  mamma,  babbo,  pap- 
pa e  poppe ,  Chiamò  spade,  baston,  dauan,  e 
coppe. 

§44.  Quindi  il  proverbio:  Accennar  cop- 
pe, ovvero  in  coppe,  e  dare  in  danari;  che 
vate  Mostrar  di  fare  una  cosa  , e  fame  un'  al- 
tra assai  da  quella  diversa,  Salv,  Spiu.  3, 
3.  Chi  sa,  cbe  questi  non  sieno  di  quelli  umo- 
ri, ch'io  nou  vo'dire,  o  ch'e'  non  si  accenni 
iu  cop|>e,  e  vogliasi  dare  in  djnarì? 

DANAROSO.  Add.  Lo  sfesso  che  Danaio- 
SO.  laL  pecnniosus.  pr.  ■noXMp^pOtt^i.  ^ar- 
eh.  Stor.  40.  [306.]  Ma  in  fatti  per  pulergti,  co- 
me danarosi,  taglieggiare.  Tnc.  Dav.  anta.  3. 
71.  Questi  Edut,  quanto  piò  danarosi  so!to,  e 
più  morbidi,  tanto  meno  da  guerra.  E  Stor.  4. 
261.  Sotto  Galba,  Ottone  e  Vìtelliofu  sicura; 
rimase  poi  danarosa,  e  senza  reda'.  Fir,  As,  i%. 
Quivi  abita  cotesto  rìcco,  e  danaroso,  ma  uomo 
duuM  eHrema  avarìaia. 

DANARUZZO.  Dim.  di  Dàharo;  Moneta, 
lat,  uummnlus,  pecuniola.  gr.  vO/tiv/séiTtOv. 
Pist.  S.  Gir.  D.  Visilauo  le  matroue,  e  que- 
ste cotali  vedove,  e  eommendanlc  |ter  alquanti 
danaruxzi,  cbe  e*  danno  loro* 

DANDA.  Modo  particolare  di  partire  eiel- 
V  aritmetica. 

DANGIERO.  y.  A.  Dannarlo,  Danno,  \A. 
damntun.  gr.  ^ij,u/«.  F.  f^.  4  4.  400.  Per  fug- 
gire  la  grande,  e  incomportabile- spesa  dell*  ar- 
me, e  loro  daM;>terì,  e  perìcoli. 

DA  NIENTE.  Usato  in  forca  d"  aggiunto, 
vate  Che  non  vate  niente.  Gite  nou  e  buono 
a  niente,  lat.  futitis,  homo'uihiti.  gr.  «m#K- 
y^<.  Bocc.  nov.  91.7.  Il  non  avervi  dottato,  co- 
me fatto  ho  a  molti,  li  quali  a  comparaaìone  di 
voi  da  niente  sono,  non  è  avvenuto,  perché  io 
non  ubbia  voi  valorosissimo  cavalier  conosciu- 
to. *  Segner.  Pred.  3. 5.  Cortesie  minime,  ser- 
vìziucci  da  niente. 

*:  DANIO.  Lo  stesso  che  Daino,  Cirijr, 
Calv.  4.  47.  Serpentino  era  un  famoso  correu- 
te.  Che  più  veloce  assai  che  un  danìo  f»rre.  E 
24.  La  lamia  abbassa,  é  '1  suo  cavallo  strinse 
Che  corre  come  un  danio,  non  galoppa.  Pule. 
Episi.  2.  Non  corre  si  veloce  tigre  o  daaio. 
Ovtd.  Simint.  4.  37.  Mai  nou  usòe  (Febo)  di 
cosi  fatte  armi,  se  non  conlra  dani  e  cerili,  ('l^ 
DAINO.) 

DANNABILE.  Add,  Da  esser  dannato. 
Biasimevole,  lat.  damnandus,  vituperabili s, 
gr.  inip9'f0i.  Libr.  ^mor.  Svmprc  agli  atti  in* 
cesinosi,  e  dannabili  uom  dee  coulraìre.  Amet. 
63,  Alle  parti  predette  rìsponde  con  proporxio- 
ne  più  dannabile.  S.  Agost,  C.  D,  Accioccbè 
l'umaua  infermità  non  si  possa  rivocare  dalli 
latti  viziosi,  e  dannabili.  Maestrusz.  4.  59.  S'e- 
gli r  addomanda  scientemente,  la  donna  il  dee 
svolgerò  con  priegbi,  ed  ani  monizioni,  non  per- 
ciò si  efficacemente,  cbe  egli  |>oteise  cadere  in 
altra  danuahile  corruiiotie  per  questo  neo- 
menie. S  Guicc.  Stor.  46.  84  4.  Ansi  essendo 
r  uno,  e  r  altro  errore  gravissimo,  e  più  dan* 
nabile  in  un  tanto  Prìncipe  quello  che  proce- 
dt!  da  timidità.  Pallav,  Stor.  Conc.  484.  Co- 
me poleano  teslifflohiare  qtie*  padrì,  cb*  eransi 
deputati  a  raccorrc  i  dannabili  usi. 


Digitized  by 


Google 


DAN 


DAN 


DAN 


13 


DAICaUSIUSSDIO.  Superi,  di  Damuibi- 
<«.  Ul  mmxitne  dmtmuMHttuÉ.  gr.ftàìiivTit.  xat* 
r^jMtr^fr  Fr^  Oiont.  Prml.  H.  Vivouo  eoa 
^laiMuMMc,  e  aoa  crisluue  costanijuze. 

Ai.N'XABUJtfENTE.  Mferb.  Con  moda 
dMmmkiU.  Ul.  dmmmose,  periculoge.p^.^X'X- 
^yéfr  Mmssirm^  Colut  cbc,  euciido  sospeso, 
e  Mltfrdntu ,  ovvero  ftcomunicutu,  daunubil- 
■oMe  s' lalrafacitr  nalle  cose  divine.  S.  /égost. 
C  D.  Ati^W  wguiuto  il  nccrdute  uel  lem- 
fm  baio  pM  dUoiuibUuenle,  quaato  le  coie 
cW  r'  Cbcct^  Hmotale,  «  aeudjccneute,  ec. 

DANNAGGIO.  Lo  tiesso  che  Danno,  lat. 
énmmwm,  é^rimenttum.  gr.  ^fda,  fì)M^. 
4m,  F^.  9.  <S9.  %.  GraDtliuiBio  dainiaggio  vi 
ncnerm  qaeJJi  del  ea  più  a  di  Melano.  Bocc. 
■or.  IO.  4.  la  (]aeito  in  min  danneggio  Cerchi, 
•  pcvlfean.  ihiHt.  /m/I  30.  £  quale  è  quei, 
cW  •••  daoiiaf^io  Jc^na,  Che  «oguando  ditì- 
4en  Mfnare.  Kim.  ani.  Gmd.  Coionn.  ili. 
A  ■or  wom  c«ra  di  far  xdoì  daiiuagf;i.  Rim,  ant. 
F,  Jt.  r«gcàè  sansa  daunaggio  amor  non  fere. 
Ai^.  /ì^rvM.  IfO.NcI  secoudofumuUtoPeW, 
cW  e  voce  propTM  d'una  dìgitità  in  Fraucia, 
■■  Fmdrty  e  dammmggio,  che  iiexlì  antichi  e 
afiauj,  Ui  •/•/■«o,  o  damtaggio.  ^iam.  Cott.k, 
U.  CW  daanafgio  avreUbe  Dalla  vii  conipa- 
(a«a  dell'  atra  «Biurea. 

DA>>AGGU)SO.  F,  A.  Add.  Dannoso, 
Ul  dMmmos»€£,  ejciUoMMts.  fi.  /Siat^Cf  4$.  JUù. 
S»fr.  Alesai  T  appellano  parole  oziose,  ma 
mam  aaw»,  osa  tono  daauaggiose,  e  perigliose. 
D^Jrmd.  J*^c,  Non  può  allr^mcntì  essere  scer- 
pate,  «  giuato  pcrieMameule  ue'frnUÌ  si  dan- 


DANNAGGIONE.  Dannazione,  lai.  eon- 
damumtio,  gr.  JMcrdcy vai9c$.  Sertru S,  Agost.  1 0. 
i«  Vergine  Maria  ee.  nou  pianse  tanto  la  passio- 
ne drl  Figlitsolo,  quanto  ella  pianse  la  dan- 
aagwKpe  de'Giiidei. 

•  DAN.NAIUOLO.  Odni,  r//e  danneggia 
«  hocchi  e  terra  aitrni,  a  perciò  viene  accii' 
tato  di  damma  dato.  Band^ant,  Uanaaiuolo  uè' 
boM^  Uglsar  ddl  pedano,  sbarbare,  scbeg* 
giare,  «e 

D.OCNASIENTO.  Dannazione,  Perdizio- 
ne, %tSL  damiuUio.  gr.  xflcrÓYvuscf.  Gr.  S.  Gir. 
4.  Cogootroo  bene  quella  cosa,  che  è  danna- 
»enlo  deiraoisna  e<'.:  elli  non  hanno  unque 
Hk  «echi  a  cooosccr  to  daoaameuto  dell'anima, 
JW.Qwetto  e  pericolo,  e  daunamento  del  mon- 
do. Ftf.  Bari.  7.  E  si  non  fai  male  solo  per  lo 
tao  da— aasewto,  ansi  meni  a  daunameuto  tutti 
^•elli,  ette  sono  ubbidienti  a  le. 

*:  DANNANDO.  F.  L.  Add,  Da  dotarsi 
damtutrr,  GalU.  iett.  3fad.  3.  Hanno  per  loro 
■imi  ceralo  di  spargere  che  tali  projwsi- 
>  contro  olle  ucre  lellere,  ed  iu  coa- 
I  daanande  ed  eretiche.  £  appresto: 
9«a  gUc  «tato  dificite  il  trovare  chi  per  tale, 
cane  per  dasoanda  ed  eretica,  1*  abbia  ec  pre- 


«  t>kSyAVTE.Add.Chedanna.Bece.Fit, 
Demi.  SS3.  Pobblicbissima  cosa  è,  in  Romagna, 
lai  ogM  femminella,  ogni  piociol  faiicìullo , 
tagioaaodo  dt  parte,  e  danaante  la  Ghibellina, 
l'aerehlte  a  Canta  iounia  mosso,  che  a  gittate 
le  pietre  l'airrebbe  condotto. 

^  DANNARE.  tZondenitare.  lai.  damuare, 
cemdemnmre.  gr.  icstrayiyfi#ax<cv.  Bocc.  nov. 
%%.  41.  A  perpclno  eeilio  luì,  e  i  noi  discenden- 
ti duMiono^  G.  F.  k.  3.  3.  A  nraite  pena 
era  dannata  1*  ankae  «lei  marchese  Ugo.  *  ;  Tac. 
Dav.  aiiM.  4. 9S.  Letitolo  Gelulico  ec.  nell'eli- 
ho  la  éennò.  Galli.  Iett.  Mad.  5.  Propongo 
Bea  cbc  noa  n  danni  questo  libro,  ma  die  non 
a  daaai,  eone  vorrebbon  esn,  Musa  intender- 
la, alcultarlo,  né  pur  vederlo. 

%  I.  Dannare,  per  Bi€ttimaref  Dar  cari' 
re.  Ul,  erimimmri,  piluperare.  gr.  pcùyciv. 
Moec,  ma^,  97.  30.  JSasi  dannano  l'usura,  •  i 
■aJeagi  gasdagni.  E  nov,  41.  S.  Quanto  sìen 
iaaU  ce  le  Ibnw  d'Amore,  le  quali  molti,  sansa 
ssfcr  cba  «  dicauo,  dannano  e  vituperano  a 
pan  lorto.  Sea,  bfn,  Fareh.  6. 37.  Non  è  dua- 
^•e  dabbio  neasuuo,  che  coaloro,a'quah  ehiun- 

rba  a  giovare  loro  morendo,  nuoce  vùren- 
•oa  daaàdcriao  più  do'beccbini  quello,  che 
«  d^iaolo  in  loro  solL  •;  Tratt.  go**.  /am. 
31.  Noa  daauo  cbi  s'astiene  da  certi  cibi. 

^  1.  Dammare,  per  CanceUare,  Fregare, 
ed  è  prepria  di  eeitii,e  dt  paPlitéAtX.  deUrc. 


gr.  t^adtifttv.  Bocc.  net:  71.  %.  Li  dugeuto 
fiorini  ec  iu  gli  recai  qui  di  presente  alla  donna 
tua,  e  sì  gliele  diedi,  e  perriù  dannerai  la  mia 
ngione.  jS'oif.  ant.  H.  i.  Messere,  io  errava; 
e  volle  dannare  il  soprappiù.  Allora  il  Saladino 
parlò:  Nou  dannare;  scrivi  quattromila. 

$  3.  Dannare  a  serpiceNa,  ti  diceva  quando 
la  tcrittura,  in  cni  era  errore,  ti  dannava 
con  frego  torto.  Fedi  neW  Indice  delte  Sov. 
ant,  a  questa  voce, 

•X  S^>  ^"*  Condannare  alle  pene  dell'in' 
ferito,  Pnnire  colle  petto  dell'inferno.  Tratt, 
bea.  vip.  6.  Ellì  non  averà  paura  d'essere  giu- 
dicato e  dannato  al  die  del  iudicio.  E  7.  Allo- 
ra è  la  vita  bella  e  onesta  quando  uomo  fug- 
ge il  male  e  fa  il  bene  non  neetife  [ler  paura 
d'esser  dannato,  ma  per  dtaiderio  del  cielo  e 
per  amore  di  Dio. 

*Ì  S  A*  ^'a/«  a$icAe  Render  degno  delle 
pene  dell'  inferno.  «  Dant,  Par,  7.  Danuao- 
do  sé,  dannò  tutta  sua  prole  ». 

%  5.  Daiuiare,  netttr.  pati.,  di0si  anche 
d^V  Andare  alt*  inferno  a  penare  perpetua- 
mente, Atleg.  308.  Come  far»  mai  Ìl  Ciel, ch'io 
non  mi  danni,  Dappoi  ch'io  soii  tenuto  ne' pu- 
pilli? •  ;  Segner.  Crisi,  instr.  i.  5.  25.  Av- 
visati da' Dottori  della  Chiesa,  ansi  dalla  bocca 
medesima  del  Salvadore  del  gran  pericolo  che 
loro  sovrasta  di  dannarsi.  £nfim.S6.  Iddio  non 
ha  latti  ne  snelle  i  Turchi  per  dannarli,  e  pu- 
re si  dannano. 

♦  S  è.  •  Dannare,  per  Offendere,  Danneg- 
giare, Guastare.  Pallad.  Genn.  IO.  Le  viti 
non  sì  pO!;n«no  attorte  giacendo,  acciocohc  poi 
quando  si  lavorerà  co' ferramenti  non  si  danni- 
no  le  viti.  Ar.  Far,  34.  (5.  E,  se  non  che  fu 
scarso  il  colpo  altnianto,  Per  mesxo  lo  fendea 
come  una  canna;  Ma  penetra  nel  vivo  appena 
tanto,  die  poco  più  che  la  pelle  gli  danna. 
*{  Cai,  Cost.  I.  3.  34.  Più  lievemente  danna 
quello  che  dinanai  è  preveduto. 

*  S  9.  Per  Proibire,  Ar.  ò'at.  I.  I  cibi  tutti 
son  con  pepe,  e  canna  D'amomo,  e  d*  altri  Bro- 
mati, che  tutti  Come  nocivi  il  medico  mi  danna. 

♦;  S  10.  Dicesi  fgnratam.  e  per  iperbole 
Che  una  cosa  o  una  persona  fa  ofarà  dan* 
nar  uno,  a  tigni^earo  Che  una  cosa  o  una 
persona  è  cagione  ad  une  di  grande  impa* 
zienta  ;  Che  reca  ad  uno  gran  tormento, 

•  DANlNATISSIMO.  Superi,  di  Dannato. 
Cari.  Svin.  ['27.]  Togli  vìa  dagli  occhi  miei 
Quecta  effigie  eh' è  fujsìisima,  Uigettali,  dan- 
itatissìma  Dal  popul  de'  Pagani,  e  de'  Giudei. 

DANNATO.  ^#M.  </rt /)aMfmre  lat.  rfam* 
natus,  condemnatus.  gr.  jttfT^*^ix%epiv09* 
Bocc,  nov.  TI.  60.  Noti  un  bicchier  d'acqua 
volermi  dare;  che  a' micidiali  dannati  dalla  ra- 
gione, andando  esfì  alla  morte,  e  dato  ber  molle 
volte  del  yiuo.  Petr.  cap.  3.  Con  pia  altri  dan- 
nali a  simil  croce. 

*:$!.£  nel  tento  del  $  3.  Di  ragione  pa* 
gata  e  debitamente  dannata, 

$  3.  In  vece  di  Perduto,  cioè  Condannato 
all'inferno.  Dant,  Purg.  33.  Dimmi,  s'è* son 
dannati,  ed  in  qual  vico.  G.  F,  4.  3.  3.  Fugli 
dettoehe  erano  anime  dannate.  *;  Segner.Crist. 
instr.  1.  5.  3.  Più  iu  paradiso  debbono  essere 
i  fedeli  salvati,  che  non- saranno  noli' inferno  i 
fedeli  dannati. 

••  $3.  E  in  forza  di  tust.  But,  Purg,%i. 
I.  Non  può  comprendere  della  dottrina  di  Vir- 
gilio, se  non  la  punixione  dei  dannati  e  la  pur- 
gaiione  dei  salvali. 

DANNATORE.  Ferbal.mate.  Che[o  Chi] 
danna,  lat.  damnator,  cendeminalor.  gr.  xoe* 
xtotpivw.  Filoc,  5.  804.  Ma  perche  la  con- 
teicniia  del  danoalore  era  perplessa  ee.,  colai 
conditione  aggiunse  alla  data  senteaBÌa.  Ovid. 
Ptst.  D.  [36.)  Adunque  si  dee  servire  love  dan- 
netore. 

•  :  DANNATURA.  L'Asiotte^  o  l'  Effetto 
dei  dannare  nel  tignifc,  del  %  3.  Stat.  Ca- 
/lift.  36.  Non  ostante  alcona  dannaturo,  o  can> 
cellalura  fatta  sopra  la  principale  ragione. 

DANNAZIONE.  Il  dannare,  Dannanienlo, 
Condanna gione.ÌMt.  damnatio^  condemnatio, 
gr.  xardcyvMnf,  xonàxptpcc  AT.  F.  3.  SS.  E 
per  giustificarsi  della  corrotta  fede  aggionsono 
una  corrotta  dannaaione.  Bocc.  Fit.  Dant.  330. 
In  luogo  di  quelli  (meriti)  ingiusta,  e  furiosa 
danoasione,  perpetno  sbandimento  ec  gli  fu- 
ron  donate. 


S  I.  Invece  di  Perdizione.  ìni.damnatio  , 
perditio.  gr.  xar^éyvueif.  S.  Già.  Gritott. 
[139.]  Pensa  quella  dannaaione  dello  'nfèroo , 
dove  è  conliuovo  pimito,  e  Mridor  di  denti. 
Patt,  33.  E  alla  morte  le  menr  a  dannaaione. 
Maestmzs,  3.  43.  Onde  questo  colale  riceve 
il  Corpo  di  Cristo,  e  gli  altri  aagramenti  in  sua 
dannaaione. 

•;  5  3.  Dannazione,  ti  piglia  anche  per 
Pena.  Segner.  Mann^  Apr.  30.  3.  Sanno  i  de- 
monii  che  per  ogni  anima  a  Dio  rubata  si  ac- 
crescono dannaiionc. 

•  DANNEFICARE.  [F.  A,  DannijScare.] 
Fior,  Firt.  cap.  45.  73.  Guarda  quello, 
die  può  avvenire,  che  può  leggermente  danne- 
ficare  quello,  che  dinanzi  i*  provveduto. 

DANNEGGIAMENTO.  Il  danneggiare,  lat. 
damiutm,  detriiuentnnt,  indura,  peridcies. 
gr.  ^>]ju/a,  fiXótflii,  O*.  4.  18.  1.  Avvengono 
danneggiamenti  ntit  primo  anno  alte  pianiate 
viti,  che  periscono,  o  rimangono  qujsi  morte. 
Slor.  Eur.  S.  100.  Mandava  nienledimeoo  qua' 
pochi  soldati,  che  e'  si  trovava,  a  scaraomccia- 
re,  ed  a  riparare ,  in  quanto  e*  potevano,  alle 
o0ese,  e  danneggiamenti  degli  Ungari. 

.  DANiNEGGlANTE.  Che  danneggia.  Che 
nuoce.  Salt'in.  lun. 

DANNEGGIARE.  Far  danne.  Nuocere. 
lat.  obetse ,  iactnrant  afferre,  laedere.  gr. 
RXàn-vuv.  G.  F.  7.  161.  6.  E  molto  danneg- 
giaro  r  oste  de'Franceschi,  e  difendeano  la  ter- 
ra. Mor.  S.  Grog.  Al  nostro  nimico  non  è  per- 
messo da  Dio  di  danneggiare  i  santi  eletti 
dentro  dalla  mente.  3t.  F.  3.  31.  Da  potere 
slrigncre,  e  danneggiare  ì  nimìct.  Maettrttzs. 
3.  7.  4.  Pelote  eskere  tale  guadagno,  per  lo 
quale  l'altro  non  è  danneggiato. 

*J  S  %.  E  in  tignile,  neutr.pass.  Recar 
danno  a  to  ttetso. 

•  ;  S  3.  £  Datuieggiarsi  d'alcuna  cosa ,  va- 
le Riceverne  danno  per  cagione  di  essa.  Pal- 
lad, yovemb.  I.  La  terra  nou  ingrassa  per  la 
semente  d^lle  fave,  ma  men  se  ne  danneggia 
che  d  altra  semente. 

DA^^EGGIATO.  Add.  da  Danneggiare. 
lat.  laesut.  gr.  ^>ay9«{;.  Cr.  pr.  5.  Per  in- 
crescimento  di  lungo  circuito,  e  di  danneggiata 
lihcrtade.  Red.  Ins.  59.  Riposatosi  lo  scorpio- 
ne ec.,  ferì  cinque  volte  una  cervia  net  costa- 
to ec,  ma  la  cervia  non  ne  rimase  né  morta, 
ne  danneggiata, 

DANNEGGIATORE.  Ferbal.  masc.  Che 
[o  Chi\  danneggia,  lai.  laedent,  gr.  ^Aa/jc- 
pò^.  Fr.  Giord.  Pred.  R,  Crudeli  danneggia- 
tori del  santo  ovile.  Buon.  Fier.  \,  4.  3.  Ora 
ho  da  provveder,  die  quelle  bestie  Non  rìtoiv 
nino  in  qua  dannesgiaton. 

DANNEVOLE.  -^rf(?.  Biasimevole,  Fit»- 
perevole.  lat.  vituperabilit ,  probrotut.  gr. 
initffoye^.  Bocc.  nof.  93.  13.  Maladetta  sia  la 
iwKuna,  la  quale  a  si  damieVul  mestirr  ti  co* 
sthgne.  ;  Pallav.  Star.  Couc.  498.  Ondo  la 
spiegaaione  contraria,  benché  non  fosse  danne- 
vole ,  non  si  doveva  proporre  come  certa. 
*X  Tratt.  gov,  fam.  419.  Oh  di  buona  mer^ 
cstanaia  dannevole  guadagno! 

$  Per  Dannoso,  lai.  damnotnt,  exitlosns, 
gr.  fiXn^spói.  Lab.  410.  Di  quante  rovine,  ed 
estenniitasioni  questa  ilannevofe  passione  è  sta- 
ta cagione,  l  Rncell.  Dial.  406.  I  |trincipali 
baoni  sono  dannevoli  a  cbi  li  regge,  quantun- 
que giovevoli  agli  altri. 

DANNEVOLMENTE.  Avverò.  Con  dawto. 
lui.  perniciote.  gr.  ^Xrt^tp^.  Amm.ant.  k^, 
S.  7.  A  correggere  gli  eccesM  de'sudditì  tanto 
piA  diligentemente  si  dee  il  prelato  levare, 
quonto  più  donaerol mente  lascerebbe  l'uflcse 
non  corrette. 

.  DANNIFICANTE.  Che  dannifca.  Che 
dà  altrui  danno,  Danneggiante.  Band,  ant, 
DANNIFICARE.  Datmeggiare,  lat.  laedo' 
re,  damnnm  inferra.  gr./WàJTreiv.JWwewv.  G, 
F.  13.  413.  3.  Della  quale  noi,  o  voi  ec.,  poles- 
umo  exsere  dannificati,  molestati,  o  perturbati 
in  alcun  modo.  Olt.  Coni.  Inf.  6.  [90.]  Offu- 
sca l'anima,  cioè  lo  'ntelNlto,  ma  eaiandio  dan- 
nifica  il  corpo.  Cavale.  Med.  cuor.  [59]  Per 
questo  sono  dannificati  alcuna  volta  poveri  uo- 
mini, e  innocenti.  Cr.  9.  50.  3.  Percuotendo, 
o  gravemente  calcando  in  alcun  lungo  duro,  si 
dannifica  il  tenero  tuello.  Maettrttzs.  3.  35. 
E  perchè  in  daiinificaudo  alcuno,  euandfo  cor- 


Digitized  by 


Google 


ik 


DAN 


DATf 


DAN 


ponlin«nt«|  ovvero  nelle  coso  curporalì,  «Icu- 
iio  morlalnuDte  pece»,  perciò  Ja  Cliiett  {loole 
ùcomuutcere  per  lo  danno  temporale. 

S  Danttijieartfptr  Condannare,  Proibir0f 
Dannare,  lat.  vetara.  %t.  xuìùctv.  Cap.  Impr, 
ft.  £  noo  Unto  Aolo  dauoiBcbiaiQO  qnettijoetli 
peccati,  ma  ancora  ojint  altri    peccati  mortali. 

:  DANNIFICATIVO.  Adtt.  Chtì  fa  daw 
HO.  Hag,  matr,  3.  La  qual  rota  i  auai  noci- 
Te,  e  in  perpetuum  danuificaliva. 

)  DANNIFICATO.  Add.  da  Dannijicmre. 
lat.  àamno  «T/^c/N5.(*gr./SJl«^(i{.]  Cron,  iio' 
reii.  Kato  Pigolo,  ingannilo,  e  dauiiificito,  fu 
rede  in  gnu  quanlilà  di  pecunia.  AlaeMtrnxs. 
3,  35.  8«  ec.  delle  cose,  che  lianuo  usurpalo, 
non  todditfauno  alle  danni6cate  cliieie  fra  due 
meiif  tono  «Dtpesi  duiramminiatrasione. 

l  $B  in/orsa  disusi.  **['S.yéut.  Confrss.] 
Ciatcuno  topruddelto  è  tenuto  lu  tulio,  inlino 
che  lia  i^ddìiratto  il  dannificato  n. 

DANMO.  y.jé.  Danneggi  amento. Ui.law' 
SÌ0,  iattura.  ^r.VfiXA^.]  iìnt.  Le  compagne 
dell'  utura,  crudeltà,  daniiK»,  in  verto  il  prot- 
ùmo,  avarìaia,  cupidità,  e  n^lìgeuaa. 

DAMNiO.  f^.  A.  Add,  Atto  a  far  da/uio. 
yit.  S.  Ant.  Per  direndersi  dagli  animali  dau- 
nit,  e  dalle  bestie,  die  tono  in  nue' deserti. 

•:  DANNITA ,  DANNITADE  e  DANNI- 
TATE.  ^.  A.  Danno,  Guitt.  rim.  Che  piò 
vai  onta  e  noia  e  dannitate  Che  vertù,  che  con 
vili  onore  e  bene. 

^  DANNO.  IS'ocnmento  che  venga  per  qua- 
luntfne  cosa  si  sia.  lat.  pernicies,  damnum, 
iactura,  gr.  ^Xécp^.  tìocc.  Jnirod.  :I3.  Non 
aveva  potuto  con  pìccoli  e  rari  datiui  a*  tavìi 
mostrare.  £  nov.  100.  5.  Voi  proverete  ,  con 
gran  vostro  danno,  quanto  grave  mi  fia  l'aver 
conlra  mia  voglia  presa  mogliere.  il/.  /^.  3.  106. 
Catuno  creditore  dovesse  avere,  ed  avesse,  per 
dono,  danno,  ed  iuleresao,  un  danaio  per  lira. 
Maestriias,  3.  45.  Per  la  ingiuria,  e  danno 
dato  altrui,  Ire  co^e  «oglìono  nascere  iu  colui, 
che  le  riceve;  rior,  rancore  neiraffetlo,  seguo 
di  rancore  nell'  effello,  e  aaione  di  ragione  con- 
tro a  colui,  che  ingiuria.  Dant.  Pnrg,  II.  Io 
tono  Ouiberto:  e  non  pure  a  me  danno  Super- 
bia fé;  che  lutti  i  miei  consorti  Ha  ella  tratti 
seco  nel  malanno.  Pelr.  son.  II.  E  '1  viso 
scolorir,  ohe  ne' miei  danni  A  lamentar  mi  fo 

Siuroko,  e  lento.  Sen.  ben.  ^arch,  7.  IO.  Che 
oveauo  essere ,  uscendo  fuori,  a  gran  danno 
del  mondo,  ffent.  Ori.  S.  IO.  3.  Ch'oltre  al 
danno,  porta  Vergogna,  e  ci  h]»reude  d'ìmpru- 
denzìa.* 

*  S  I .  Danno,  per  £e  coso  in  che  altri  eb- 
be danno.  Frane.  Saech.  nov.  100.  Menatelo 
al  Podestà,  che  '1  punirà,  e  farawi  restituire 
ogni  vostro,  danno. 

*:  S  S.  Andare  a*danni  d'uno,  vate  Andar- 
gli contro  per  danneggiarlo^  Assalirto.Stor, 
Sur.  7.  157.  Contro  a  costui  ult-gnalosi  il  Re, 
nguuale  le  genti,  te  n'andò  e' danni  del  Ve- 
scovo. 

*  S  3*  Danno  elemo^  estivalo  a  Perdisio^ 
mtt  o  Condanna  mlV  inferno.  Petr.  cap.l. 
S.  Negar,  disse,  non  posso,  che  l'affinDO  Che 
va  iniiaBai  al  morir,  non  doglia  forte,  E  più 
le  tema  dell'eterno  danno. 

^  $  4.  alio  danno,  spesfe  di  giiu-amento; 
e  aicesi  optando  si  vuol  dinolara  tmn  cosa  , 
che  si  créde  impossibile,  lai.  ptremm,  dispa- 
ream.  gr.  Tcdveu'ijy. 

S  S  5.  Mia  danno,  se  oc,  maniera  di  dire 
denotante:  Mio  Uà  il  danno,  se  avviene  qttel- 
/«  che  io  dico,  m  Malm.  II.  49.  Ed  eì  rispon* 
de:  s  io  sto  sn,  mio  danno  ».  C«ccA.  Prov.  72. 
S*  io  lo  polso  serrar  tra  l'uscio  e  *1  muro.  Mio 
danno  poi  s'i' infreddo. 

$  6.  &*o  danno,  modo  di  dire,  che  espri- 
me le  sfesso  che  A  me  non  importa.  Malmk. 
I .  S.  AJcau  tane  dirà,  eh'  io  noo  so  cica,  E 
ch'io  tamil  meglio  a  starai  siUo:  Suo  danno, 
ianaQaìpar,cbi  vuol  dir,  dira.  \  Bnomm,  deal. 
Pr,  fior.  I.  i.  100.  L'Algebra  è  nna  Sctoa- 
le,  che  ehi  iioit  la  'oteude,  suo  danno. 

S  $  7.  Danno  en^rgente,  lerm.  de'Ginri' 
$ri,  e  i*ale  Qmel  danno  che  sncctde  dal  non 
essere  rendiato  mltrMi  mi  tempo  cemvMMlo  , 
^nelio  eh'  egli  aeea  predale  ;  e  dicesi  anche 
di  Qnatmnmi*  danno  the  emergm  dm.  choc- 
chessla.  ^.EMERGENTE. 

$  0.  Kgti  è  MN  dnitno,  mede  di  dire,  che 


si  usa  per  dinotare  il  dispiacimenlo,  o  le 
compassione  che  si  ha  di  atctma  cosa  ;  che 
anche  si  dice:  Egli  è  nu  peccalo,  o  simili. 
Lib.  son.  SO.  DiavoI,  gU  é  pnr  de' Pulci;  egli 
i  un  danno  Cb'e'  sia  così  cimiero  ad  ogni  el- 
metto. 

•:  $  9.  Esser  di  dawto,  vale  Arrecar  dan- 
Ho.  Agn.  Pand.  5i.  Tenere  uomo  o  femmina 
ec,  vedete  quanto  è  di  danno. 

:  S  IO.  In  prot'erb.  :  Il  danno  toglie  an- 
che il  cervello,  dicesi  di  Chi  nelle  disgrazie 
non  sa  governarsi,  «  Bern.  Ori.  9.  IO.  4.  Ed 
uu  certo  proverbio  cosi  fatto  Dice,  che  '1  dan- 
no toglie  anche  il  cervello  ». 

*  S  M.Pnre  in  proivrùio,  tolto  dalie  mas- 
sime de'  giocatori.  Ar.  Fnr.  19.  150.  Restar 
in  danno  lieo  miglior  consiglio,  Che  tutti  i  do- 
nar perdere  e  la  vesta:  Meglio  i  ritrarsi,  e  aal- 
var  qualche  schiera,  Che,  stando,  esser  camion 
che  1  lutto  perA. 

DANNOSAMENTE.  Avi'crb.  Con  danno, 
lat.  ejciffatitfr  f  perniciose,  gr.  fiXxpspù^, 
Lib,  ciir  inalatt.  Ma  que'rìmedit  gli  provano 
sempre  dannosamente.  Fr,  Giord.  Pred.  lì. 
Volle  andarvi;  ma  vi  andò  per  sé  molto  dan- 
nosamente. 

DANNOSISSIMO.  Sitperl,  di  Dannoso. 

DANNOSO.  Add.  C/te  apporta  datato.  No- 
civo, lat.  damnostts,  pernidosits,  exitialis. 
gr.  fiXx^tfiói.  Bocc.  introd.  I.  Universalmen- 
te a  ciascuno,  che  quella  vide,  o  allrìmenli  co- 
nobbe, dannosa.  E  Lab,  77.  La  qua!  mai.  se 
non  in  cosa,  che  dannosa  mi  dovesse  riuscire, 
Don  mi  fu  piacevole.  G.  y.  II.  8.  I.  Il  disav- 
veduto, e  subito  acridenle,  e  molto  dannoso 
Ciidimunlo.  Petr.  canz.  39.  5.  Latin  sangue  gen- 
tile. Sgombra  da  te  queste  dannose  some.  E 
cap.  A.  E  diiniioso  guan<tgno,  e  util  datmo.Pass. 
IU3.  L'  uomo  non  dee  amare,  né  desidera- 
re quella  cosa,  che  è  dannosa,  e  nociva.  Dant, 
inf.  li.  Per  la  dannosa  colpa  della  gola.  Come 
tu  vedi,  alla  pioggia  mi  Gacco. 

DANO.  i*.  DAINO. 

^\)hKT^.Chedà.UKMans.^.9tMi.Boec. 
nov.  33.  3.  Danti  a  ciascheduut  che  muore,  se- 
condo la  quantità  de* danari  loro  lasciata  da  lai 
più,  e  meno  eccellente  luogo.  Liv,  Dee,  3.  1 
Cartaginesi  altresì  furon  rotti,  li  quali,  danti  le 
spalle   {cioè  fuggtaUi.\ 

*J  S  E  in  farsa  di  snst.m  ['S.Ant,  Con- 
yìus.jQuaiido  si  fa  il  patto  tra  il  dante,  e  *1  ri- 
cevente. Sen,  ben.  Farch.  ì.  3.  Allora  si  dimo- 
stra la  virtù  del  dante,  allora  si  conosce  la  be- 
nìgaitìi,  quando  ec.  Tratt.gov.  fam.yt.ììzn- 
uo  ricevuto  per  salute  dell'anime  de'danti. 

D.\NT£.  Pelle  concia  di  daino,  o  cervo, 
ed  è  di  molta  grossesma  e  dttresta. 

DANTESCO.  Add.  Dello  stile,  o  ^ella 
maniera  del  nostro  divino  poeta  Dante.  F'ar' 
eh.  Lez.  [159.]  Pieno  di  quella  antica  purexaa, 
e  Daulesca  gravità.  •  Dep.  Decam.  39.  Per  tol- 
to sì  vede  (il  Boccaccio)  pieno  dì  parole  e 
molti  Danteschi. 

DANTISTA.  Chi  studia  nel  poema  di 
Dante,  o  Chi  imita  Dante.  Frane.  Sacch.  Op. 
div,  40.  Franco  Sacchetti  mandò  a  messer  An- 
tonio Piovano,  ecceUeiite  Daolista,  e  dì  quel- 
lo lettore.  Lib,$ott.i.  Parce  pur  nondimanco, 
e  da  te  dele  Ogni  rugo  invér  me  nuovo  Dantista. 
[Geli.]  Capr.  Boti.  3.  [34.J  Tu  fai  pure  profes- 
sione di  Dantista,  e  non  te  ne  vali  quando  e*  t' è 
dì  bisogno. 

DA  NULLA.  Lo  sfesso  che  Da  niente,eome 
Uomo  ila  ntdia,  ec.  laC  futilis,  homo  nihtli. 
gt.oxmieaò^.  Cr.  0.  0.  I.  La  ndice  verde ba 
virtù  diuretica,  dì  romper  la  pietra,  e  aprir  le 
vÌeairorìue;ma  la  secca  non  è  da  onlla.  *  B^ 
lÌH,Disc.i.  171.  Badaste  mai  a  un  accidente,  che 
tutto  dì  vi  sarà  occorso  nel  muoversi  le  vostre 
braccia  da  un  posto  in  un  altro,  e  voi  l'averetc 
Ibrse  dispreaaato  come  da  nulla? 

DANZA.  Ballo,  Carola,  lat  chorea,  tH- 
pudit^m,  saltmiio.  gr.  x^ptieu  Bocc.  introd. 
54.  Comittciarooo  soavemente  una  densa  e  so- 
dare [ani  ptire  che  vmlga:  una  di  ipt^le 
armonie,  al  cni  summo  si  dansa.]  E  g.  I.y. 
t.  Comathdò  la  reiiia,  die  una  densa  fesse  prese; 
e  quella  menando  la  Lourelta,  Eoùlia  cantasse. 
Dant.  Pnrg.  31.  In^  wÀ  tolae,  e  Inguaio 
m*otktee  Dentro  alla  dausa  delle  quattro  belle. 

:  %  %.DanzM,  vele  spesse  Qumlun^me  mate 
regolare,  massimt  di  balteglia.  if^it,  OW. 


I.  9.  5.  Colse  il  nemico  suo  a  testa  iguVida,  E 
si  credeva  sensa  dubitanaa  Finita  eoo  «luel 
colpo  aver  la  danaa.  E  58. 0  Crìstianacci,  aieCo 
voi  giìi  stauchi?  Evvi  ìncresciuta  sì  tofto  la 
dansa? 

$  2.  Per  metaf  in  signijic,  osceno.  Boee. 
nov.  78.  II.  Avea  sentita  ìa  dansa  trivigiaoa, 
che  sopra'l  capo  fitta  gli  era. 

%  3.  Essere,  o  Entrare  in  dnnsa,  detto 
proverb.,  che  vale  Ritrovarsi  in  qualche  mf' 
fare  impacciato  ;  che  attche  diciamo  Esse- 
re, o  Entrare  in  ballo.  Petr,  cent,  93.  3. 
Ed  anch'io  fui  alcuna  volta  io  dansa. 

*  $  4.  Dicati  anche  Fornir  la  danza,  cioè 
Fornir  l'affare  intricato.  Lasc,  Spirit,  I. 
3.  Poiché  ci  conviene,  prima  che  passi  i^gì, 
fornir  la  dansa. 

S  5.  Menar  la  danza  ,  vate  Gtti<9kr  chi 
balla,  Bocc.  g,  %.  f,  8.  Comandò  la  reìna,  che 
una  dansa  fosse  presa;  e  quella  menando  la 
Lauretta,  Emilia  cantasse. 

S  0.  E  per  tuetaff  vale  Maneggiare,  o 
Guidare  atcìuio  aff'are.  Salv,  Grnneh.  I.  9. 
Il  GranchLa  mena  tutu  la  dansa.  *;  Segr.  Ffmr. 
3.  lil.  GU  venne  nelle  mani  quel  proprio  cu- 
gino di  ser  Piero  che  menava  la  dansa  ,  e  per 
misericordia  e  compassiuue,  risparmiatogli  qual- 
che tratto  di  fone,  non  lo  potette  scoprire. 

*l  $  7.  Tenere  a  dnnsa ,Jlgnratam.,  vale 
Tetterò  impacciato.  Bern,  Ori.  I.  19.  35.  In 
eterno  sì  tìen  vituperato,  ch'una  donna  lo  tenga 
tanto  a  dansa ,  £  più  perde  con  lei,  che  oon 
ava  lisa. 

*  S  8.  Cariare  la  daitsa,  figuratamente, 
lo  stesso  che  f^ariar  tenore,  fCariar  manie- 
ra d'  operare.  Ar.  Fnr.  36.  18.  Non  così  Ric- 
ciardetto, e  il  suo  cugino  Tra  quelle  genti  v^ 
riavau  dunza.  Perchè,  lasciando  il  campo  Sara- 
cino ,  Sol  tcnea  l'occhio  all'altro  di  Magansa 
(a  diffetensa  di  Ruggiero  e  di  ATaiJSsa,Ì  qua- 
li or  davano  deiUro  alla  schiera  de'Magan- 
tesi,  ed  ora  a  quella  de' Mori,  e  cosi  varia- 
vano la  dansa  delle  persone.) 

DANZANTE.  Che  danza,  Dansalore,  lat. 
saltans,  choreas  ducens,  gr.  òpxtT^i'  Fr, 
iac.  Tod.  5.  18.  93.  Su  vi  cantano  gli  santi. 
Si  riufreKaoo  i  dansauti  Sempre  che  ne  g;ion- 
gè  alcuno. 

^  DANZARE.  Bn/lare,  Carolare,  lai.  tri- 
purfia're,  choreat  ducere,  gr.  ;^/9c0cfv.  Dani. 
Pnrg.  39.  Venian  dausando  l'una  lauto  rossa, 
Ch'a  pena  fdra  dentro  al  loco  nota;  L'allr'em 
ec.  Fr.  Iac.  Tod,  7.  8.  I .  Noi  mi  pensai  giam- 
mai Di  danzare  alla  danza.  Montem,  son,  19. 
Dunque  non  din^ar,  giovine  bella,  Dansar  ne* 
tempi  dilettoti,  e  gai. 

:  DANZARE.  Slist,  Danza,  Ballo,  lat.  rAo- 
rea,  saltatio.  «  Bocc.  g.  4.  f.  3.  Come  usati 
erano ,  al  dausare  e  al  cantar  sì  dìedono  ». 
*  Pros.  Fior.  1.  4.  139.  Rexiiaù  ancora  ad- 
dietro i  sì  spessi  danzarì  pubblici,  così  vago 
diporto  di  donne,  e  di  cavalieri,  le  musiche,  e 
le  cavalcale. 

DANZATORE.  F'eròal.  masc.  Che  {o  Ch{\ 
dama.  laU  saltator,  gr.  ipxn'T^i'  '^J?'*.  Pand. 
[*  4.]  Ghiotti,  bugiardi,  aodomili,  buffoni,  sonato- 
ri, dansa  tori,  cantori,  ruffiani,  con  frastagli,IÌTree, 
e  frange  addobbati,  corrono  a  far  ccrchìoairnscìo 
di  chi  è  prodigo,  come  a  una  scuola,  e  fiilArì- 
ca  di  visii.  Ceceh.  Esalf.  cr,  4.  4.  Ma  che 
feroo  i  dansalori  >  N.  Fuggirò  io  qua,  e  'n  là, 
che  parvon  proprio  Una  covata  di  starnotti. 
#:  Castigl.  Corteg.  9.  194.  Quivi  era  capiu- 
to  uuo  Spagnuolo  ec.  ingegnosissimo,  musico, 
danxalore,  ballatore. 

*  DANZATRICE.  Odei chedanxn.  Chiabr. 
('rial.  3.  315.]  Quinci  in  catena  dolcemente 
acerba.  Trionfo  dì  beltà  ,  l'alme  Iraea  La  dan- 
aatrice  Amazzone  saperba. 

DANZETTA.  Dim.di  Danza; Bmlletto.Uì. 
chorea,  saltatio.  gr.  ;i(0^Stet.  Bocc.  g.  5.  />• 
3.  E  cogli  sturmeoti  e  colle  caosooi  alquante 
danselle  lecera. 

«  DA  OG<;i  INDIETRO.  'Pesto  mvver- 

bimlm,,  vmle  Per  lo  passato,  .Vr/  tempo  scor- 
so. Cecch.  Dissim.  3.  4.  \D.  Simone]  io  Ten- 
go a  ma  a  sicurlà;  e  aoconhè  da  nggi  isdietro 
io  non  v'ebbi  più  parlalo.  [£.  Madonaa  Doro- 
lea,  dite  qud  che  vi  accede.] 

DA  0(k;i  INNANZL  T'osto  a^^^erbialm., 
vele  Per  l'  mtxmtire.  laL  i*  postemmt.  gr.  rov 
IfcXrÀ  Gmid.  C  Io  de  oggi  iuuamd  tutto  mi 


Digitized  by 


Google 


DAO 


DAP 


DAP 


4S 


»  é  M>  quello,  che  to  abbia  a  Eira  di 

^Ml»6tta.  'S  In/rotl,  t'irt.  30.  Io  t'ammct- 
ID  ftr  Mtlc  dt  D^  tonann ,  e  promettoti, 
|(a4i  b  poiu  aia,  d'aUrti  coiic|uistare  U  re- 

BiOGXI  MI.  Posto  in  forza  fCaeghmto, 
miéUttttio  cke  Quotidiano,  lat.  ^totidia- 
mt.  a.  tsiovM;* 

•  DA  ORA  AVANTL  Posto  awetùialm, 
It  «fMM  rAa  Al  «r*  tHManMi,  Segitsr,  Crist. 
mar.  1 9.  Si.  [fic]Da  ora  avaati,  luvece  di  al- 
haUaareì  da  questo  paoc  di  vita ,  preghiém 
ivapn  il  agoore  ve. 

BA  OAA  INrCANZI.  Posto  atntrùiaìm,, 
0»it  Ptr  lo  av%tniro.  lat.  poithac,  im  poste 
nm,  dcimceps.  gr.  if^f .  Petr.  sou,  31.  Da  ora 
laaaaà fibcoM^  calto  Loco  uon  6»,  dove  '1  vo 
kr  «oa  «'«i^a.  ;  Coti,  ^b*  Isaac  57.  Adun- 
^  Il  eeiu  da  ora  ìanausi  cotale  cogilasione 
fM>,t  lUi  io  Dio  per  contiuua  oraatoDe. 

\^\.  E  sema  V  Innanzi  net  significato 
mtÀuméBtic.  nt.  Cotomh.  C.  10«.  Fald^ 
di  cn,  pak*  aio,  ciò  cbe  volete,  cbe  io  aooo 
dupoAi  ac  a  &re  ogni  cosa. 

S  t.  T»lorm  0  usato  a  gttis»  d'un  nome. 
Bmc,  Htm.  98.  15.  E  da  questa  ora  ionaiizi 
Urto  a^cUi  ì  aeriti  del  tuo  molto  ptù  degno 
man,  cW  il  aio  non  era. 

DA  PAfkTE,Posto  awarbimlm.  In  dispar- 
te Id.  ttcrtto,  saorsim.  gr.  X^p(i.  Cren, 
ìtértìt.  fiì  aaìea,  oè  parente  si  trova,  che 
iQfiti  aejlio  a  (e*  che  a  aè,  disposta  la  buo- 
«  (Mneuia  da  parte.  Bocc.  g.  6.  /.  6.  Eliia, 
dnailc  l'altra  doooe  da  oda  parte,  disse. 

•  $  I.  Da  parta,  it»  Jorsa  dÌ[*Quanfo  «r,] 
U  fitto  di.  rfov.  ani.  S3.[5.]Io  uro  poi  il  più 
ncn  enaw  di  tutto  questo  paese  da  parte  d'a- 
ma. 

\t.  Da  parta  di  ufctmoj  vota  In  suo  no- 
■«.  Cat.  tott.  V  Sire,  Ìo  mando  a  vostra  Mae- 
ai  ìk  s^oor  Annibale  Rucellaì,  perchè  le  Tm- 
oa  martaca  da  nia  parte. 

*^i.  Da  parte,  vaile  anche  Perrisgnar' 
Ì*,Ptr  ritpHto.  Ut.  ffuod  attinat.  Pass. 
tn.  Ha  l'iMMtto  naterìa  d  esaer  umile,  e  da 
prtv  4t\  corpo,  e  da  parte  dell'anima:  da  par- 
te del  cdr|«,  se  roasidera,  ec.;  da  parte  detlV 
■■a  ^knmo  materia  d 'umiltà,  ec. 
^  ©APE.  f .  L.  ki*^anda.  lai.  dapes.  gr.  I- 
max  Dmat.Par.  33.  [5.]  Cosi  la  mente  mia  tra 
^le  dap«  Fatta  ptù  grande,  di  se  stessa  u- 
ne. 

I»A  PER  Sè.  Posto  awarìftatm.  Senza 
»^ffa/#.  Separatamente,  lai.  disttnctim, 
»or$im.gr.x^t'G.Kn.9'r.  I.  Prima  s'an- 
^  ctascanadelfe  21  Arti  dj  per  sé.  Fir.  As. 
IM.  5<efliersiai  adunque  ffuesti  semi  di  qne- 
**  fatide,  cbe  sono  ìo  questo  monte,  e  porrai 
epaa  da  per  sè. 

•  \  \.  ba  per  si  ec,  vaia  Da  sè.  Sansa 
Hufut  ^phro.  lart.  per  se.  Borgh.  Orig. 
nr.  306.  Che  di  tali  basiliche  ne  fosse  nello 
Celaaic,  è  cosa  da  per  se  chiara.  E  Coi.  Mi- 
'tf.  Mt.  Che  egli  aVesser  poi  proprie  leggi,  re- 
*i|ÌBee,riti,  aaeslrati,  co'quali  da  per  loro  stea- 
■  «  n^gasaen»,  lo  credo. 

Hi.  Da  per  sè,  fata  anche  Da  sa  solo. 
<^aitc.  Sler.  <7.  S3.  E  ciascuno  (esercito)  da 
per  sé  li  pUenie,  che  fosse  baslanle  a  difen- 
<WB  Ìm  luire  le  forze  niiitedegl'inimiri. 

1>A  PER  TUTTO.  i*o*/o  at^rbiaf ni.,  va- 
le Ba  battista  luogo.  In  tutti  i  inoghi,  lat. 
>adffii#,  nbi4fua.  gr.  ir«yT«x*i'*  Tratt.  gov. 
/'*.  E  perthé  lo  padre  di  (amif;lia  uon  può 
**Hr  scapre  da  per  lutto,  pertanto  fa  meatie* 
rete 

•  DA  PICCOI/).  Posto  awarbiaim.  vale 
^  daltimfmntia.  Fr.  G/orc/.  14.  Quegli  cbe 
••,P*<ele  pigliano  mala  forma  ec.,  diventano 
patpfttiu,  E  appresso:  E  però,  perchè  dou 
•*••  caMigili  né  corredi  da  piccolo,  si  prendo- 
>a  I  «ìiii  ec.  Cheoli  debbono  esser  da  grandi, 
*tdi  pìomlo  aoao  osi  ne;!*  male  ec»?  Il  roon- 
**  *  a  lauto  male  per  le  mala  genti,  che  ci 
K ideali  lono  q«  a'vtsii  da  piccolo.  £156. 
t  pero  è  di  grande  atilttade  ad  avvezaaro  da 
V^i^  i  Eineialli  al  bene.  È  appresso:  E  non 
maiiiAe  dc'leoni,  ma  de 'serpenti  si  domcsti- 
'^  4»  f»ccplo. 

1  l*A  PIÙ.  Haniara  esprimente  ti  contra" 
^4iDa  mano,  a  denota  maggioranza  ;  e 
tdort  U  usa  in  forza  d'aggiunto,  lat.  pln- 


rie.  gr.  ltA(/0V9$.  Bocc.  nov.  S.  6.  Tanto  nel 
snu  disio  più  accendendosi  qiiaiito  da  più  tro> 
vava  esfter  la  donna,  che  la  sua  passata  stima  di 
lei.  *  Segnar.  Mann.  Apr,  S3.  3.  Quando  Id- 
dio ti  fa  bene,  non  supplicato,  noti  ti  dichiara 
eoo  tal  atto  da  più  che  da  meritevole  dì  rice- 
vere. 

X%\.  Esser  da  pin  d'alcuno,  vale  Es- 
sergli superiora  neiia  condislone.  m  Bocc. 
nov,  39.  i.  Da  più  furono  coloro,  a*  quali  ciò, 
che  io  diro,  avvenne,  e  con  più  fiero  acciden- 
te, che  quelli,  de'quali  è  parlato  ». 

*  fi  3.  £  usato  in  forza  d'aggiunto,  t  hf. 
^.10.  75.11  quale  a  quel  tempo  era  il  da  più, 
e  il  maggiore  cittadino  di  Perugia  >».  Frane. 
Sacch.  nov.  1S3.  11  quale  (messer  Do/cibena) 
in  più  uovelle  a  drielo  è  stato  raccontalo,  pe- 
rocché fu  il  da  più  uomo  di  corte,  che  fosse 
giii  è  gran  tempo. 

f  DA  POCO.  Maniera  contraria  di  Da 
motto;  ad  è  usato  in  forza,  d'aggiunto.  lat. 
iners,  ignnwts,  gr.  O'xXtXOi.  Belline. son.lt'^ . 
Ma  n'è  cagione  il  mio  figliuol  da  poco.  San. 
ben.  F'arch.  4.  30.  Come  i  luoghi  imbrattati 
e  sucidi  divengono  chiari  per  lo  rìpercuotimen- 
tu  de'raggi  solari,  così  gli  uomini  pigri,  e  da  pò* 
co  per  la  luce  risplcndoiio  de'progcnìlorì  loro. 
:  Cronichett.  S69.  Ora,  che  noi  vi  facciamo 
aprire  qual  porta  voi  volete,  e  voi  dubitale, 
gente  vile  da  poca,  che  morti  siate  voi  a  ghiadi. 

i  S  1.  Esser  pin  da  poco  e/ta  alcuno,  va- 
la  Essargli  inferiore  in  checchessia,  v  Lasc. 
Spir.  5.  7.  Tu  se' più  da  poco  che  Maio,  che 
si  lasciava  fuggire  i  pesci  cotti  ». 

*  $  %.  E  nel  plurale.  Petr.  ['  Fit.  Imp. 
Pont,  437.]  Sprezzati  i  suoi  figliuoli,  conctos- 
siacbè  fusrino  da  pochi,  volle  che  gli  succe- 
desse nel  regno  il  suo  avversario  Arrigo. 

DA  POCO  FA  IN  QUA.  Posto  awer- 
bialm.,  vale  io  stesso,  che  Da  poco  in  qua. 
lat.  recantar,  gr.  vto«7rt.  Bocc.  nov.  41.  li. 
Cosi  nou  fossi  io  mai  in  questa  terni  venuto, 
come  io  mai  uon  ci  fui,  se  non  d:i  poco  fa  io 
qua. 

DA  POCO  IN  QUA.  Posto  awerbialm., 
vale  Di  fresco.  Nuovamente,  lai,  recenter. 
gr.  vtuTrf. 

DA  POI.  Awerb.  Lo  stesso  che  Dappoi. 
lat.  pohten.  gr.  iitttrv..  *  Fit.  S.  Frane.  338. 
Subito  fue  liberato:  onde  da  poi  ebbe  singolare 
fede,  e  amore  in  santo  Vr»nct*co.Befnb.Stor. 
5.  69.  Se  da  poi  quel  di  usar  voleano  le  navi, 
bisognava  che  essi  dessero  loro  il  soldo. 

*  $  E  in  forza  di  preposizione  per  Ap- 
presso, Cavale,  Espos.  Simb.  \.  32.  Una  me- 
desima fede  dee  essere  dj  poi  tutti.  E  dopo  : 
Vie  affinioni  del  cuore  umano  sono  comuni , 
e  quelle  medesime  da  poi  a  tntla  la  gente.  E 
sotto:  L'iutellelto,  e  l' affetto  sono  natural- 
mente quelli  medesiroi  da  poi  tutti.  E  3.  85, 
La  stoltuta  degli  buoni  Cristiani,  che  dispre- 
giano lo  mondo,  è  sapienza  da  po'  Dio, 

DA  POI  CHE.  Lo  ttesso  che  Dappoiché. 
lat  postqnam.  gr.  ittii.  Lab.  37.  É  senza 
speranza  alcuna,  da  poi  ch'io  mi  ci  vidi,  che  è, 
sempre  stato  di  notte,  dimorato  sono.  Gniee. 
Stor.  I.  1.  lo  ho  deliberato  di  scrivere  le  go< 
se  accadute  alla  memoria  nostra  in  Italia,  da 
poi  cbe  l'armi  dei  Fraiizesi  cominciarono  con 

5randÌMÌmo  ranvìraento  a  perturbarla.  Capr. 
ìott.  I.  [17.]  Io  non  so,  anima  mia,  se  da  poi 
che  io  ebbi  conoscimento,  io  ho  avuto  mai 
tanto  piacere,  quanto  io  ho  questa  mattina,  e 
da  poi  che  ec. 

*•  $  Da  poi  che,  vale  anche  Poiché,  Da 
che.  Stor,  Mos.  13.  Io  mi  voglio  fare  questo 
fanciullo  mio  figliuolo,  da  poi  cbed  egli  è  co- 
si bello.  «  Geli.  Sport.  5.  6.  Da  poi  che  e' vuol 
cosi  chi  può,  iti  nnn  vo'gìà  contrappormegli  ». 

*  DA  POI  INNANZI  CHE.  Posto  awer- 
bialm.,  l'ale  Dappoiché.  Fi f.S.  Fratte.  <8I. 
E  mostrava  da  poi  innanzi  che  fece  questo  mi- 
racolo, essere  rìnovato  un  altr'uomo  per  la 
grazia  di  Dio. 

*  DA  POI  IN  QUA.  Posto  avverbialm., 
vale  Da  quel  tempo  innanzi,  lat.  ex  Ìilo. 
Pecor,  g.  8.  m.  3,  £  da  poi  in  qua  si  chiamò 
ec.  Via  Ghibellina. 

*  DA  POI  IN  QUA  CHE.  Da  che,  lat.  ex 
tltto.  gr.  ({  0  j.  ^or.  Bari.  53.  S' io  volessi 
compitare  il  tem|>o  mio  da  poi  *n  qua  eb'io  fui 
nato  di  mia  madre  ec.  Vii.  S.  AI.  Madtl.  87. 


La  più  dolce  melodia  ec.  che  mai  avessouo  (at- 
ta da  poi  in  qua  che  furono  criali.  S  Bete.  Fit, 
Colomb.  C.  398.  Da  poi  in  qua  che  facemmo 
quel  tradimento,  e  togliemmo  la  offerta  a  Dio, 
la  città  di  Bologna  è  sempre  slata  a  grandi  pe- 
ricoli. 

DA  POSCIA  [CHE.]  Avverb,  Da  poi  [eha.] 
Stor.  Pist.  308.  Da  posila  cbe  per  mare  nou 
si  poteva  andare. 

DAPPIÈ,  e  DAPPIEDE.  Posti  avPerbiatm., 
vagliano  Dalla  parte  più  bassa.  Da  basso. 
lat.  ab  ima  parte,  ab  imo.  gr.  Ix  ffodc^y.  G. 
F.  6.  34.  10.  I  Ghibellini  facendo  tagliare 
dappiè' la  detta  torre,  si  la  làcero  puntellare. 
ìdalm.  9.  59.  La  camicia  dappiè  fregiala,  e 
nera. 

»  5  1.  Dappiè,  per  Sotto,  parlandosi  di 
scrittura.  Frane.  Saceh.  not^S.  I  brevi  det- 
ti ec.  la  passala  novella  mi  riduce  a  memoria, 
de'quali  ne  dirò  alcuni  qui  dappiè. 

S  3.  Farsi  dippiè,  vale  Cominciar  dal 
primo  prittcipt'o.  lat.  iterare,  gr.  dct/rc^oOv. 
Allegr.  143.  Ma  facciamoci  dappiede  a  mon- 
darla  con  mano. 

DAPPOCAGGINE.  Astratto  di  dappoco, 
fnjSngarderla.  lat.  inerita,  gr.  (kpyioc.  Tac. 
Dav.aun.  3.  08.  Se  la  donna  esce  de' termini, 
questo  è  (chiamiamola  per  lo  nome  suo)  dap- 
pocaggine del  marito.  E  Stor.  1.  356.  Slavasi 
a  mani  giunte  a  contemplarli  Oirdéonio  Placco, 
legato  consolare,  senza  opporsi  agli  infuriati, 
ma  pigro,  spaurito,  innocente  per  dappocaggi- 
ne. J?3.  380.  Se  quasi  a'prìmt  colpì  finiroti  le 
guerre  dì  questi  prìncipi,  abbiasene  grado  alla 
loro  dappocaggine.  Capr.Bott.  4.  [63.]  La  dap- 
pocaggine è  ancor  ella  un*tm perfezione  deiruo- 
mo.  CVrc.  Geli.  [3.  89.]  E  questo  nasceva  tut- 
to dalla  dappocaggine  sua. 

*  5  Per  Azion  d'uomo  dappoco.  Fine. 
Mart.  iett.  68.  Se  Alessandro  me  la  conferiva 
ec.  non  l'arci  lassato  incorrere  in  questa  dap- 
pocaggine. **  Tolom.  Iett.  4.  33.  Questo  ri- 
spetto solo  delta  gìusliaia  contraripesa  tulle  le 
dappocaggini  e  Irtstiaie  e  gaf^IiufTerie  e  scostu- 
malezie  dello  Strafalcia.  Al/fgr.lefl.  Bone.  33. 
Mi  parrebbe  (con  sanità  si  ricordi)  una  bella 
dap|>ocaggine. 

«:  DAPPOCAMENTK.  Avxyirb.  Con  dap- 
pocaggine. A'gn.  lìett.  Arist.  3.  349.  Sicco- 
me forse  avvenne  a  costoro  nella  guerra  Troia- 
na, i  quali  per  essersi  |>ortati  ìn  tal  guerra  o  dap- 
poramente  o  con  poca  fedeltà ,  furon  perciò 
d^ni  d'esser  amati  da* Troiani. 

DAPPOCHEZZA.  Dappaeaggine.ht.iner- 
tia.  gr.  A.pyiv..  Cas.  Iett.  73.  Non  credo,  che 
bisogni,  che  io  ti  raccomandi  la  dappochezza 
di  Calino. 

*  S  D  A  PPOCIIINO.Diw.  di  Dappoco.  Busin. 
Iett.  51.  Francesco  Zati  era  dappocbino,  e  Luto, 
tino  Nasi,  ma  buoni.  E  85.  Antonio  de'Pazai  fu 
veramente  uomo  da  bene,  ctl  amatore  della  li- 
bertà, ma  dappocbino.  £^97.  E  con  tutto  eh 'ci 
fosse  dappocliino,  pure  fu  massaio,  ed  ìn  tua 
vecchiezza  tolse  donna. 

DAPPOCHISSIMO.  Superi,  di  Dappoco. 
lat.  inepfissimus ,  ignavissimus.  gr.  ^oojiXé- 
T«TO;.  Gtiar.  Past.  Fid.  3.  3.  Prendila,  dap- 
pochissimo:  cbe  badi.  Ch'ella  li  corra  in  brac- 
cio? 

DAPPOCO,  [fusnfflcienta  a  ragionare,  a 
ad  operare  secondo  che  ragiona  ed  opera 
il  più  degli  uomini  riputati  ;]  Di  poco^  o 
niun  valore,  lat.  iners,  ineptuji.  gr.  oouAo(, 
Bocc.  Iett,  [Pin.  Ross.  372.]  Chi  è  dappoco, 
se  perde  Io  stalo,  non  ha  di  che  dolrrst.  Cran. 
Morali.  [303.]  E  questo  si  crede  fusic  consì- 
glio del  padre,  perchè  il  coiioseea  dappoco. 
Beliine.  sot».  340.  E  secondo  con  chi  farò  '1 
dappoco,  Ed  or  l'ardito,  o  '1  tìmido  e  '1  rimes- 
so. Farch.  Stor.  10.  [307.]  Cominciò,  come 
dapfìoco,  e  invidioto,  a  cozaare,  e  gareggiar  se- 
co. Tac.  Dav.  ann.  13.  144.  Dappoco  in  casa, 
e  sgrazialo  ìn  guerra.  *  Buon.  Tane  3. 3.  Pen- 
saci un  po'bene  Chi  e* ci  sarà  che  *\  piglìerà, 
dappoca.  ;;  Cren,  Veli.  34.  Mìco  di  Lapo  fu 
piccolo  di  statura,  e  soszo,  e  dappoco  bene, 
né  ali  né  suti.  *S  Lasc.  Pinzi,  1.  3.  Oh!  cr- 
stei  è  la  dappoca  femmina.  Aliegr.  110.  Ella 
s'è  ìncopata  che  per  le  mie  dappoche  mani  si 
tiri  al  vìvo  il  ritratto  del  suo  capriccio  bisbe- 
tico. 

*  S  1.  Nel  plurale.  Barn,  rim.  1.51.  Anzi 


Digitized  by 


Google 


16 


I»AP 


DAI» 


DAR 


loo  proprio  coso  du  dappochi.  £  56>  Noi  senio 
stali  Troppo  dapi>ocbi ,  e  voi  troppo  dabbene. 
l  Suga.  Htìll.  Àri$f.  74.  Gli  uomiui  vili,  e 
djipjM>chi  ec.  non  hanno  questo  abito  della  ìn- 
dignasione. 

*;  5  2.  E  inforza  di  sttst.  Bronz.  Cap.  13. 
E  speiidaralti  sempre,  che  cortesi  Sono  ì  dap- 
pochi, alnion  percbè*rìporre  Non  sanno  roba. 
Sasseti.  Itrtt.  169.  Perchè,  come  a' dappochi, 
mi  manca  il  tempo.  Bmoh.  Pier.  1.  4.  6.  Questi 
Dappochi  ec.  sono  coloro  Che  ce. 

*:  DAPPOCONE.  jéccrese.  di  Dappoco, 
in  Jbrza  di  sutt.  Sasseti,  leti.  329.  bparse- 
misi  il  Trele,  come  a  dappocoiie,  glk  sono  15. 
giorni. 

*  DAPPOCUCCIACCIO.  Scioccherei/o. 
Voce  cha  hqh  s'  tiferebbe  di  leggieri  in  al- 
tro stUe,  che  ^elV  infimo,  e  ÌHitteseo.  lat. 
stttìtuins.  gr.  à/SiJlTC^Of.  Bttott,  Tane.  4.  5. 
Che  borbotti,  Dappocucciaccia?  e  perchè  lì 
sbigolt  i  ? 

DAPPOI.  ^*nvrb.  Di  poi.  lai.  postea.  gr. 
inurx.  G,  V,  9.  303. 1.  S'arrendco  Cappiano, 
salvo  la  rocca  ;  e  dappoi  la  rocca,  salvo  1  '  avere. 
Petr,  cans.  4.  5.  E  ciù  sepp'ìo  dappoi  Lunga 
stagion  di  tenebre  vestito.  %  Se^n.  yil.  Capp\ 
9.  Ma  Filippo  da  prima  negando,  da  poi  mo- 
strando la  pratica  esser  mollo  «vanti,  fece  die 
Niccolò  pio  non  volle  ragionargliene. 

*  SI.  Per  Dappoiché,  Gnitt.  Lett.  %.  2. 
Dispregio  ommi  minore  ricever  voi  alla  poveret- 
ta men.«elta  mia,  dappoi  convitato  vi -siete  ad 
casa,  che  rifiutarvi  non  credendovi  pascer  bene. 
Sali',  jiv^rt.  3.  I.  9.  Che,  usata  di  congiu- 
gnersi  con  li  coda  di  certe  voci,  si  lascia  spesso 
dal  parlar  nostro,  e  dicesi  poi,  poscia,  dappoi 
ce. ,  in  vece  dì  poiché,  poxciachè^  dappoiché, 

S  3.  Talora  è  usato  in  forza  di  prapo' 
sizione,  benché  rade  volte  nelle  buone,  ed 
antiche  scritture,  M.  V.  3.  44.  Dappoi  a  po- 
chi di  fu  il  caldo  sì  disordinato,  che  tutte  le 
biade  verdi  inaridì,  e  seccò.  *  Pecor.  g.  30.  n. 
3.  E  la  loro  andiita  fu  l'anno  CCCI,  da  poi 
r  cdilìcazioiie  di  Roma. 

^  DAPPOICHÉ  ^i'verb.  Dopoché, Poscia- 
che.  lai .  pogtqnam.  gr.  i^tti.  *  Nov,  ant.  S4. 
Neuna  duiina  si  osava  dì  rimaritare  dappoiché 
il  suo  primo  marito  era  morto. 

*  S  I.  £  con  voce  frapposta.  Vit.  S.  GÌo. 
Guaio.  289.  Dappoi  adunque  cbe'l  beato  Gio* 
vanni  ec  il  dominio  della  Badia  rifiutato  aveva, 
si  dispose  ec. 

*  S  3.  Per  Gì  acche, [Poiché  f  Dacché.]  tCirc. 
Geli.  6.  153.  Non  vi  dolete  della  natura,  se 
ella  non  vi  ha  armalo  il  cur|>o,  come  l'ha  fallo 
■A  noi,  d' unghie,  di  denti,  o  di  corna,  dappoìcìiè 
voi  vi  debilitate  tanto  da  voi  stessi  l'armi^  e 
lo  forze  dell'animo  n. 

*  DAPP()I  IN  QUA  CHE.  PoHo  ayver- 
hialm,,  vale  Dacché.  lat.  ex  4fuo.  gr.  If  oZ. 
Cecch.  /éssiuol.  3.  I.  Dappoi  in  qua  ch'io  m'in- 
namorai di  questa  madonna  Anfrosina,  io  non 
trovo  né  bene,  uè  riposo. 

*  DAPPOI  POCO.  Posto  avverbialm.,  vale 
Poco  appresso.  S  jigost.  C.  D.  3.  9.  Dap- 
poi poco  dice:  per  Io  a>utrario  la  legge  delle 
nostre  dodiri  Tavole,  ec. 

DAPPRESSO.  Zg  stesso,  che  Da  presso. 
lai.  prope,  cominns.  gr.  Ìy/y«.  G.  V.  \\.  k. 
E.  Nò  credeache'l  suo  giudicio,  e  sentenaa  dì 
Dìo  gli  fosse  così  dappresso.  Bocc.  canz.  1.  4. 
E  maggior  gioia  spero  più  dappresso. 

*  S  [if  in  fona  d*  add.  vele  Prossimo, 
Seguente.]  Liv.  Al,  4.  [4.]  L'anno  dappresso 
furono  fatti  Consoli. 

DA  PRESSO.  Avverb.  Appresso^  Luogo 
vicino,  lat.  propo,  eominns.  gr.  C/yu{.  Dani, 
Ptirg,  3.  L'uccel  diviuo  più  chiuro  appariva, 
l'erchù  l'occhio  da  presso  noi  'sostenne.  Petr. 
son.  35.  Poiché  cercando  stanco  non  seppe  ove 
S'albergasse,  da  presso,  o  di  lontano,  •  Vit. 
S.  A/.  Jlfadd.  4A.  Quello  (miracolo)  dì  Las- 
serò, che  noi  diremo  ora  qui  da  presso  (cioè 
qui  sotto,  subito  dopo.) 

S  /«  forza  d*  aggiunto,  e  vate  Futuro, 
Vegnente,  Dopo.  \»i,proJcimH$.  Liv,  3f.  {Dee. 
4,  55.]  E  che  nullo  ne  fosse  fatto  Tribuno 
l'anno  da  presso. 

DA  PRIMA.  Posto  awerhimlm.,  vale  lo 
stesso  che  Prima,  Primieramente,  Nel  prin- 
cipio. laU  primo,  primUer,  primitus,  prin- 
cipio, gr.  ìf  Kpx^i-  Bocc*  H0¥*  SI.  19.  C  so- 


lamente da  prima  questa  notte  la  mi  sento  es- 
sere restituita.  E  nov.  81.  4.  Chi  conosciuto 
non  l'avesse,  vedendolo,  da  prima  n'avrebbe 
avuto  paura.  Daiit.  Itif.  4.  Quando  l'Amor 
['divino]  Mosse  da  prima  quelle  cose  belle. 
Petr.  son.  SO.  Lasso  !  che  male  accorto  fui 
da  prima. 

*  :  S  Vale  anche  Per  la  prima  volta.  Pri- 
mamente. Ovid.  Simint.  4.  9.  Allora  da  pri- 
ma l'arrostita  aria  da'seccbi  isboglientìmenli  sì 
riscaldò. 

DA  PRIMAIO.  V.  A.  Da  prima,  v.  FRI- 
MÀIO. 

DA  PRINCIPIO,  e  DAL  PRINCIPIO.  Po- 
sti  awerbialm.y  vagliouo  Nel  principio.  In 
principio,  lai.  ab  inttio,  hiiHo.gf.  scTt*  ó.px'ti' 
G.  V,  11.  8.  46.  Intenda  rispondere  a  lui  la 
boutade  delle  creature,  la  quale' il  faMirtcato- 
re  di  tutte  lexose  dal  principio  ra^uardò  nel* 
le  sue  creature.  Bemb.  Pros.  [3.  498.]  Tro- 
vasi nondimeno  detto  ancora  in  luogo  di  dire 
da  prioripio.  Bed.  lett.  I.  333.  Quel  che  si 
è  fatto  da  ultimo,  poteva  e  doveva  farsi  dal 
principio.  X  Gnicc,  &er.  47.  35.  I  quali  fne- 
mici)  attendevano  ec,  a  fortificare  Milano,  non 
la  cilLb,come  facevano  da  principio  delta  guerra. 

*  DA  QUA  A  LÀ.  Posto  a werbialm.,  va- 
le Qua  e  là.  Serd.  Stor.  3.  91.  In  quel  tu- 
multo il  nugolo  delle  Saette  adombrava  qua- 
si il  Cielo ,  e  risplen^feudo  da  qua  a  là  (hac 
illac)  spessi  lampi  con  ispaventcvole  strepito 
d'artiglieria,  volavano  da  per  tutlo  dardi. 

DA  QUANTO.  Posto  inforza  di  aggiun- 
to, vale  Di  ipianta  su^cienxa.  Di  quanto 
valore,  lai.  tptaltSy  qualistjualis.  gr.  i»roìO{. 
Bocc.  nov,  25.  7.  Ninna  cosa  avete,  qua!  che 
ella  si  sia,  o  cara  o  vile,  che  tanto  vostra  pos- 
siate tenere,  e  cosi  in  <^ni  atto  farne  conto,  co- 
me di  me,  da  quanto  die  io  mi  sia.  Lab, 
466.  E  se  il  minore  uomo  e  da  tanto,  d4  quan- 
to dovrà  esser  colui,  la  cui  virtù  ha  fatto, 
che  egli  dagli  altn  ad  alcuna  eccelleniìa  sia 
elevato  ? 

»  DA  QUELLA  IN  POI.  Posto  avver- 
biatm.,  vale  Da  indi  innanzi.  lal.V*  ilio, 
et  déinceps.  S.  Jgost.  CD.  4.  34.  Per  le 
sue  parole  commossa  la  providensa  sanatoria 
(senatoria),  vietò  da  quella  in  poi,  che  non 
si  ponessono  le  sedie. 

*  DA  QUELLA  POI.  i>«w/o  awerbialm., 
vale  Da  quel  tempo.  D'allora  in  poi.  S.  À- 
gost^  C.  />.  4.  3.  Ma  non  è  però  vero  quello 
che  seguita  (in  P'irgìl.  Eueid.  3.^  che  da 
quella  poi  mancò  la  speranza  de'Grcci  (Vir- 
pillo;  Et  ilio  fluere,  ac  retro  subljpsa  referri 
Si>es  Danaiim.) 

*:  DA  QUELLO  INNANTL  Posto  avver- 
biatm,,  vate  Da  quel  punto  in  poi.  OtI.  Com. 
Purg.  8.  117.  Sallo  Iddio,  che  di  qualunque 
di  voi  ne  mangerete,  da  quello  innantì  opri- 
rannosi  li  orrhi  vostri,  e  sarde  Dio. 

.  DA  QUELL'ORA  INNANZL  Posto  av. 
verhialm.t  D'allora  innanzi.  £iv.  IH.  [Dee. 
l.3.m./at'.]Eda  quell'ora  innanzi  furo  li  ac- 
cogliticci altresì  leali,  e  altresì  fedeli  verso  £• 
neas. 

:  DA  QUEL  PUNTO  INNANZI.  Lo  stes- 
so che  D'allora  in  poi.  lat.  in  posterum.  Fr. 
Giord.  Pred.  4.  95.  Da  quel  punto  innanzi 
non  andarono  più  insieme. 

*  DA  QUESTA  INNANZI.  Posto  awer- 
tiialm.t  vale  Quinci  innanzi,  lat.  exinde.  gr. 
ivrtù^tv.  S.  jégost.  CD.  4,  36.  Sicché  da 
questa  innanzi  pigliamo  d'altro  esordio  le  co- 
se disposte.  E  40.  32.  Sicché  da  questa  innan- 
zi, come  promettemmo  ce.  parlerò  brevemente. 

*  DA  QUESTO  APPRESSO.  Posto  av- 
verftiatm.f  vale  Dopo  questo  tempo.  Da  que- 
sto tempo  innanzi,  Bocc.  Jntrod.  Dalle  due 
parti  del  oorpo  predette  ec.  cumìncìò  il  già 
detto  gavorciolo  mortifero  indifferentemente 
in  ogni  parte  dì  quello  »  nascere  ed  a  venire; 
e  da  questo  appresso  s' incominciò  la  qualità 
della  predetta  infermità  a  permutare  ìn  mac- 
chie nere,  o  lìvide. 

*  DA  QUESTO  INNANZI.  Posto  avi'or- 
bialm,,  vale  Da  qttesta  inuansi.  S.  Agost, 
C  D.  3.  39.  Che  sopra  ciò  non  posano  quello 
che  credono  costoro  ec,  vedremo  da  questo  in- 
nanzi. 

«  5  Per  Da  questo  tempo  in  poi,  Bocc.  g. 
4.  f^  8.  E  da  questo  inuansi  (di  lanlj  virtù  fu 


la  parola  da  Guif^ielmo  detta)  fa  il  più  libe- 
rale ec.  che  aliro  che  in  Genova  Iòne  attempi 
suoi. 

DA  QUI.  Avverb,  di  luogo  e  di  tempo,  e 
vale  Da  attesto  luogo.  Da  questo  tempo.ÌA, 
hinc.  gr.  Of^ev.  Fltoc.  3.  43I.GonciossiaGosa- 
che  la  fesla  del  nostro  dio  Marte  ec.  si  debba 
da  qui  a  pochi  giorni  relcbrare. 

*  DA  QUI  AVANTI.  Avverò,  Lo  stesso 
che  Da  qui  innanzi.  Red.  Cons.  4.  80.  BoGi- 
vellalo  come  medico,  da  qui  avanti  voa^l  io  [total- 
mente spogliarmi  dì  questo  carattere.] 

:  DA  QUI  INDIETRO.  Lo'stesso  che  in- 
sinó  a  qui.  Bete.  Vit.  Colomb.  C  350;  Come 
da  qui  indietro  chiaramente  avete  potuto  com- 
prendere. 

DA  QUI  INNANZL  >/tv«r6.  Lo  stesso  che 
Da  quinci  ittnaatÌ.\aL  in  postertmi.  gr.  é{j^(, 
»j&€i.  Dani,  taf  39.  Al lor disse  il  maestre: 
non  si  franga  Lo  tuo  pensier  da  qui  innanzi 
tovr'ello. 

*  S  Singolare  é  l'uso  di  qttesta  voce  nella 
&or.  Bari.  89.  RìsuKÌtò  il  terzo  giorno  fTrl- 
sto),  e  poi  salito  in  ciclo,  e  da  qui  iunansi  dee 
venire  per  giudicare  H  vìvi,  e  lì  morti  (cioè  nn 
giorno,  qnandu  che  sin.) 

*  DA  QUINCI  INDIETRO.  A^-K'erb.  In- 
sino  ad  ora,  Da  questo  tempo  inditftro.Boes. 
488.  Questo  da  quinci  indietro  ^bbiam  com- 
piuto (il  lat.  dice:  vA  vero  hactenus  egimus.) 

DA  QUINCI  INNANZI.  Awerb.^  Per  l'av- 
venire, lat.  in  po3terttm.gr.  Ì|ì?e,  ax/^i.Bocc, 
nov,  68.  34.  Guanb,  che  per  It  vita  Ina  da 
quinci  innanzi  simili  novelle  noi  non  «eniiimo 
più.  Lib.  Moti.  Io  ho  trovato  chi 'la,  e  scorti- 
ca più,  che  noi;  t  però  se  mai  scorticammo,  da 
quinci  innanzi  si  rìscortichi.^/WcrjF/rfo;,  4.  53. 
Che  sarà,  se  alcuno  dica:  io  ti  voglio  da  quin- 
ci innanzi  avere  per  mo^^lìe? 

*  DA  QOINDI  ADRIETO.  A^^erb.  Per 
Vaddietro.  Vit.  S.  M.  Madd.  33.  A  te,  cor- 
po mio,  sia  pena  e  vergogna,  e  confusione  la 
tua  mala  vira. clic  tu  hni  falla  da  quindi  adrieto. 

DA  QUINDI  INNANZI.  Awerb.^vate  Da 
qttell'ora  innanzi,  lat.  ejr  eo.  gr.  ix  toutOo. 
Bocc.  ttov,  99.  38.  Il  che  da  quindi  iunauii 
ciascun  fece. 

«  DA  QUI  IN  SU.  Modo  di  esprimere  la 
testa,  accompagnando  queste  parole  col  con- 
no,  Cecch,  Dot.  3.  [3.]  Sono  disposto,  se  me  ne 
andasse  da  qui  in  su,  dì  dìrfi  cosa,  pa  quale 
io  non  ho  mai  più  dt^ttn  a  persona.] 

»:  DA  QUIVI  INNANZI.  Avverò.  Losfes- 
so  che  Da  quindi  iwianzi.  S,  Berti,  Pist.fn 
Gio.  Celi.  914.  Risiile  ce.  di  molestarmi  senza 
perchè,  acciocché  voi  non  mi  f»>slringi-ite  d'an- 
dare ancora  più  dì  lungi  da  voi,  se  voi  man- 
derete più  mesn  per  me  da  quivi  innanzi. 

DARDEGGIARE.  Tirar  ilardi,  o  Colpi- 
re, come  con  dardo,  lat.  inetti  ari.  f;r,  cbcovrf* 
^etv.  Sannaz,  Are.  pros.  8.  Novelli  piaceri  a 
prendere  ricominciammo,  ora  provandone  a  sal- 
tare, ora  a  dardeggiare  colli  pastoruli  bastoni. 

DARDETTO  Dim.di  Dardo.  \at.  parvum 
iacttlttm.  gr.  àxòvrtov.  Fir.  As.  319.  Poicia- 
chc  con  alcuni  loro  dardctti  ebbero  sparso 
molti  fiori. 

«  D.ARDIERO.  Coliti  che perstta  professio- 
ne è  armato  tti  dardo.  Satviu.  Odis.i.  447. 
Che  dicono  i  Troiani  esser  guerrieri  Uomtn, 
dardieri.  e  scoccator  di  frecce. 

DARDO.  Arme  da  lanciare;  ed  è  itn'A' 
sticciuola  di  legno, Ittnga  intot*no  a  due  brac' 
eia,  coti  tuta  punta  di  ferro  in  cima,  fatta 
come  punta  di  lancetta^  e  con  dtw  penne; 
che  anche  si  dice  Freccia,  lat.  teltim,  iactt- 
lttm. gr.  y^iXoi.]  G.  V,  e.  78.  4.  Lcggìen 
d'arme,  con  balestri  e  dardi,  e  giavellotti  a  fis- 
sone. Amm.  ant.  19.  3.  3.  I  dardi,  che  sono 
preveduti,  meno  fcggono.  Red.  Vip.  4.  39. 
Loggesi  ec.  che  i  Dalmati,  ed  i  Sari  ['avvele- 
navano] i  dardi,  fregandovi  sopra  l'elenio. 

S  4.  Per  similit.  {Impretsione  amorosa.] 
Petr.  eon,  338.  EM  oiinè  il  dolce  rìso,  ond*ti- 
scio  *1  dardo  Di  che,  morte,  altro  bene  ornai  nou 
spero.  , 

*  ;  S  3.  Per  l'Effetto  dei  raggi  del  Sole. 
Marchett.  Lncr.  4.  40.Non  gi)i  co'  lucidi  Dardi 
del  giorno  a  saettar  poco  abili  Fuorché  l'om- 
bre notturne  e  i  sogni  pallidi. 

DARE.  Verbo  che  in  alcune  veciesee  tli 
regota,  e  perciò  dai  Gratnmatiei  è  detto  ir- 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


IT 


nflm;  td  <■  mlemmi  tempi  hm  thppl*  l$r- 
munajMdfCwmmJh  mtinéf*$io  «i«$ii  «Mff»- 

fk  tiéM  m'tmM  tigmlJletUi,  *  lutU  m* 

Jr^,»  maniwrm, 
•  j  I.  /^«rM  Micitt,  *^*^  lo  più  «Htitpt*- 

tL  htr.taMM.  tS.   IO.    Or    b'Iu  poita  in 

•UH»  CM  ^k  iamuM  Ch'  ■'  li  di«'p«r  co- 
Imm  Mb  aa  Ernia  tiU.  Oirmlc.  PHHgil.  «T. 
b  (HÉiaB,  U  nula  8.  Piallo  della  centra 
Aaaii  tSàk*.  SSloltiM.  S1«.  Gridiimo  •  Dio 
fk(éJOaaa«ae.c  dieci  il  ino  iiuta.GniYI./rr/. 
L  L  Cam»  daa^ao  damo  ftemal  tatto  bene 
as  fitnili  a  taapanle?  BmA.  Prtt.t.  I5t. 
m  m  faa  ia  «■ora  di  dnta  quallo  che  tu  in- 
dili uiiiadii,  e  dialalo  (diedittte.) 

•  {  1  f*Hmmd*  di  itm/o,  a  $imtU,  va/a 
Ttttrt,VrUrt,  Frrirm.  Dmmt.  Purg.  M.Tal 
■■  «ali  «a  faolo  dar  par  maaaa  La  liroala. 

•  { 1.  Dmrt  n/rlS.  ptr  Scambinrt.  Guilt. 
falt  I.  4.  Ckm  aula  marcito  è  dunque,  il  ca- 
la laara  4tn  ia  tanta  rila?  E  IO.  ti.  Non  da- 
rau  m  nra  in  pinmlio  ?  noa  doDipia  aag- 

•  1 4.  Ar  Ar  endtre.  FU.  S.  Bf.  UtiiJ. 
li.  Li  laaldaaia  danUo   la  darà  par  ktmo, 

cW  db  (Murim  ì  m  eourertirebba. 

•  S  I.  /In-  Far»,  Ofritm.  Fr.  Gttrd.  IO». 
>  le*,  cfa«  di'cha  la  stella  diuno 


•  S  *.  P*r  ArH^mrm,  Toccar*,  Aggitegnc-' 
KL  U.  ptrUmgére.  gr.  ttieyc7a»ai.  Ntv.  mot. 
a.(l.)QBalU  file;  •  le  bea  manata  no  bai  mU 
IM,fil  fiala]  ladan  a  ginocckio,  e  raealan 
ci|^a«  «e;  Ftrdk.  ■»«/■.  ».  Sopri  nna  bdlis- 
■■>  Baia  ac,  gnanùta  con  molto  ricca  ma- 
Mn  d'ero  ec,  eoa  ani  ctipertiai  di  broccato, 
àm  le  davi  iofino  ai  piedi,  e  quwi  toccava  ter' 
a.  •  Alan.  rttr.  t.  S.  ».  [Nell'icqu]  ch'era 
■t  paCmda  laato  Ch*  al  mag^r  di  paraotta 
én  a  (ala.  Al  minor  wpra  '1  meato  ». 

•  S  *.  Prr  imfnulrrt  tpulUi.  Ar.  Fkir. 
Il  1  E  ad  iiiac»  gli  aeceaa  di  Vulcano,  E  did> 
W  eoa  patere  caaer  aaei  ipenti.  «•  Trall.  $ov. 
/<■■  U.  Le  qoali  eoi  latta  dico  loro  amor  di 
••(iailL 

l\l.Ptr  Mi/ter*  ùnuntt,  Ofi-lrc,  B- 
tfm.  SmUnst.  Ging.  M.  Quagli,  che  da  Gin- 
V^  Ialino  preai,  «Icuna  parta  làca  pone  io 
cmn,akau  dare  alle  beUiOb 

•  S  t.  PmrUmdoil  tbigli  aHùnall,  vai» 
Jl<—Mm  aaliigmijle.  dal  %  l«.  Mtl.  M.  Poi. 
y^  Aaoon  fi  dico  che  la  un  graa  deitrìere 
■  ^"o  a  aaa  gran  eanlb,  non  ne  naicarebbe 
la  aaa  aa  picaolo  ronaiao. 

)  S  l«.  Parlambnt  dal  Sala,  di  Luma,  a 
iWA,  m/«  Arrirmra,  Baltara.  lat.  paHIm- 
(WT.  Btce.  «a».  7S.  II.  PeccioediJ  il  Sole  è 
aka,  t  dà  per  Mugnone  aolro.  Ut.  mf.  ma- 
/•II.  la  i|aelr  orto  il  Sole  ri  dava  dalla  mat- 
Uii  alla  lera.  HieHt.  Fior.  [3.]  1.  La  botlajia 
dallo  ipeaiale  ec.  debba  irere  o  orto,  o  ler- 
noa^e  dia  il  Sole. 

•  S  II.  'Par  Perlara.  Borgk.  Moh.  SM. 
Cane  di  il  Tatiara  dall'naMna  cole,  cba  tempre 
neaa  reno  il  peggio  calando. 

'\%M.Par  Ogrira,SommlHltlrart, e  ti- 
mUa.  Btc.  g.S.lt.^.I  tempi  à  oooraage- 
••  par  nfiacir  bui  eoaia  la  Magioai  gK  dauno. 

1  $  U.  Par  Tras/erlre  ma  cosa  da  tè  In 
ollnU;  Damare,  la»,  dare,  damare,  largir!, 
"^deri.  gr.  Méaau.  Beee.  h«v.  IS.  IS.  E 
fmiiiiaii,  a  caia  d  ba  data  e  di  continua- 
■mU  al  mio  marito,  a  Ino  cognato,  ch'd  boo- 
«  pmtnnaaa.  B  ma».  \%.  K.  Al  Conta  piie- 
^  aolto  fMMa  domanda,  e  prestamente  ri- 
■feie  di  il,  e  con  lagrime  gliele  diede.  Bmav, 
^-  *■  Cbc  uno,  per  l&eraliti  nmre  ad  no  al- 
ti»,  cbe  il  sQo  sangue,  ansi  il  ino  spirito  de- 
a Issala,  rmismenta  a  dargliele  si  disponesse. 
Cmalt.  Fhtlt.  limg.  (7J,  ■Tosto]  si  perde  m 
aaa^l  se  aan  lo  guarda  colui,  Àa  lo  diede. 
^'-  *^  t,  I.  Sol  -maatra  eh'  io  ti  do,  ma  ne 
ToHocbè  ho  dato,  il  conlTtrio  fai 


;S  ».  Bara,  par  Fare.  RhcII.  V.  lìh.  t. 
•'■  II.  Qae«»  raramente  diletto  si  i  propor. 
*— e  a  MaaoC»  ec.  e  sanai  Suini  di  restin 
ornali  pameggiale  airombra  pei  riali  di  qua» 
••rifdiaa  piana  di  fontane. 

:  S  •>.  Per  CameegHare.  m  Bore.  mav.  It. 
^^i,  e  malti  eltri  amici,  e  aerridorl  del  re 
"■eredi  faieae  per  prigioni  dati  al  T«  Carlo  ». 
t^ecaMarit.—  9. 


•]  SK.  Dare,  vaia aucha  Jttegmare, PUac. 
6.  615.  Comandi,  cba  i  motti  corpi,  fossero  le- 
rali  dalla  gian  prateria ,  e  data  lor  sepoltura, 
e  ciascono,  lasciando  ogni  dolore,  s'apparacobì 
a  far  gran  festa  :  e  Hi  lo  giorno  a'auoi  popoli, 
od  quale  tutti  nella  gran  prateria  venissero, 
acciocché  la  cagion  della  comandata  festa,  a 
tutti  fono  maaiieita. 

S  IT.  Per  Itlatiltra;  modo  di  dira  ali» 
latina,  lat.  si  dattim  ett.  Ben*,  rtm,  SS.  E, 
a'egli  ^  dato,  cfa'i'abbia  a  stentare,  Fa'almen, 
che  qualcun  altro  stenti  meco. 

^  %  l>.  Per  Permettere,  Concedere.  lat. 
darà,  concederà ,  permlttere.  gr.  v«p*xo>- 
ptìv.  Petr,  eoa.  Vii.  E  agli  amanti  è  dato  Se- 
darsi  insieme.  E  316.  Dammi,  signor,  che  'I  mìo 
dir  giunga  al  seguo  Delle  sue  lode,  ove  per  sé 
non  sale.  Boex.  Farch^t.  9.  Dammi,  pedra 
pietoso,  che  nell'  alta  Diniia  sede  colla  mante 
IO  saglii.  :  Dani.  Par.  84.  Le  gratta  cba  mi 
dk  eh'  io  mi  coobsii  Comincia'  io,  dall'alto  pri- 
mipìlo.  Faccia  li  miei  concelti  euere  espressi. 
Bemb.  Som.  I.  Date  a  lo  stil,  che  nacque  de' 
min  danni.  Viver  quando  io  sarÀ  spento  e  sot- 
lem.  Cas.  Sch.  I.  Date  al  mio  slil  cotlei  Se- 
guir volando. 

«  $  19.  Per  Produrre,  «  Cani.  Cam.  4. 
Poi  cogliemmo  certe  fimtte  Bdle,  come  di  il 
paese  ».  Ang.  J/rl.  I.  M.  Ogni  soave,  e  de- 
beato  frutto  Dava  I]  gnto  terreo  liberameote. 
Chiabr.  Hm.  [S.  •>.]  SI  eoitaso  il  leiren  da- 
va le  biade. 

S  SO.  Per  Parenotere;  a,  oltre  al  signiJSe. 
att.,  ti  tua  am'che  nel  neutro  pait.  e  nel  neu- 
tro attolMo.  lat.  verherare  ,  percutere.  gr. 
ireclny,  ruTrTOv,  TsXi/CTtn.  Boce.  nov.  15.  34. 
Noi  ti  darem  tante  d'uno  di  questi  pali  di  fer- 
ro sopra  la  testa,  che  noi  li  fiirem  cader  morto. 
E  nov.  81.  IO.  Io  mi  vidi  sopri  nn  giovane  bel- 
lissimo ec,  il  quale  presomi  per  la  cappa ,  e 
tinlomisi  a' pie,  tanto  mi  die,  che  tutto  mi  rup- 
pe. E  Hiun.  H .  Io  ci  tornerò,  e  danttena  tan- 
te, ch'io  ti  CirA  tristo  per  tolto  il  tempo,  che 
tu  ci  virerai.  E  nov.  T3.  IO.  Quanto  egli  potè 
menar  le  braccia  e'piedi,  tanto  le  die  per  tut- 
ta la  persona  pugna,  e  calci.  E  nov.  88.  9.  E 
straccìalJgU  la  cuffia  iu  capo,  e  gittato  il  cep- 
pocdo  per  terra,  e  dandogli  tuttavia  forte,  di- 
ceva. Dant.  Piirg.  9.  Miierirordia  chiesi  che 
n*  apriiae  ;  Ma  pria  nel  petto  tre  fiate  mi  die- 
di. Barn.  Ori.  I.  7.  17.  Chi  di  qua,  chi  di  U 
gli  andava  ■  4ite.  Jf  3.  5.  II.  nuggier  allor 
da  parla  si  tirava,  Che  cosi  stando  non  gli  avreb- 
be dato.  <  Slor.  Sari.  413.  Allor  si  davano 
catttno  nel  petto,  e  rompeansi  i  capelli,  e  ca- 
tttoo  piagnea  il  suo  danneggio.  Frane.  Sacch. 
nov.  70.  E  caccia  di  qua,  caccia  di  14,  e  quel- 
lo ferito  dìi  in  una  scanceria  tra' bicchieri,  ed 
orciuoli  per  forma,  e  per  modo,  che  p<fchi  ve 
ne  rimasooo  saldi.  Sattett.  leti.  404.  Poiché 
a  loro  Caf  Turchi)  i  lecito,  sania  esseme  pu- 
niti, di  6rei  nelle  terre  loro  molte  ingiurie; 
come  dare,  sempre  die  il  furore  a  eii  li  spinge; 
coglierci  addosso  qualche  cagìooe. 

«;$>•■£  detto  del  vanto.  Sattétt.  lelt.  M9. 
Ma  condotti  gii  a  metto  giorno  e  tramontane 
con  la  punta  dell'isola  di  S.  Lorenao,  ci  det- 
tero altri  grecali,  che  ci  tennero  sulle  volte, 
leiua  potere  spuntare  quell'  isola  Suo  a  18 
gionii. 

.  $«.  Dilli,  Dilli,  è  frate  propria  di 
chi  lava  rumore  contro  ifualaine.  Ar.  FUr. 
89.  ta.  In  casa  non  restò  gatta  né  lopo«  Al 
inon  che  par  che  dica  :  dilli,  dilli. 

•t  J  11-  A  ehi  ma  di  e  a  chi  ne  promet- 
ta, diceti  d'un  Inialenfe/attidioio  che  fa  lo 
tmargiatto,  t  percuota  quando  uno,  e  Quan- 
do minaccia  un  altro,  hfolm.  9.  SI.  Maso  di 
Coccio  a  questo  e  a  quel  comadda,  Ed  a  l' un 
danna  e  a  un  altro  ne  promette. 

«  5  14.  Par  Attribuire.  Pass.  ^cch. 
Penlt.  cap.  a  J  ultimo.  Avvegnaché  l'erbe  e 
le  iHaute  abbiano  certe  virtù,  secondo  le  lor 

auaìitadi,  e  le  loro  speaie  ec.,  tuttavia  non  cre- 
o  che  abbiano  tanta  efficacia,  quanta  i  filosofi 
danno  loro.  ^r.  £^/. [335.]  Davano  a  lei  quel- 
l'inclita onestade.  Che  giunta  c6n  bdtà  par 
che  si  stime  Al  nostre  tempo  ritrovarsi  in  ra- 
de, t  Ep.  Ov.  Rem.  Fior.  46.  19».  Del  tuo 
aposo  Non  poi  narrar  cosi  famosa  prave,  Né 
tura  al  grand' Atiida  arie  si  bella. 

•  S  13.  Par  Mandar  fuori.  laL  emitlar». 


t 


Dami.  Ittf.  4,.  La  terre  lagrimosa  diade  velilo. 
(Il  Bocc.  lo  spiega  per  causare.) 

$  16.  Per  Fendere,  lat.  vendera,collocara. 
KoUt».  Ar.  Cats.  I.  5.  Io  sarei  contento 
ar  per  simile  Prezzo,  a  chi  lo  vòieise,  la  mie 
fommine.  £  3.  3.  £  quella,  che  el  gìodisio 
Mio  folle  di  miglior  viso,  volendola  ^a  dar 
per  pretto  onaato,  e  coaveaevule,  Gli  coiap»* 
ressi. 

S  17.  tIoH  dar  ni  in  del,  ni  in  terra,  va- 
ia Esser  fiori  di  si.  lat.  Heaiw  eaalum,  na- 
tpse  terram  attingere,  gr.  nn  yJIc  oCn  eiS* 
^euoG  ixTt&iu.  Malm.  5. 89.  Perch'  ella  non 
di  più  né  in  dd,  né  iu  lem. 

S  18.  Dare,  par  Pagare,  Darà  ia  paga- 
mento,  lai.  solvere,  gr.  ixrlM».  Bocc.  nov. 
61.  IO.  Mia  mogliere  l' ha  venduto  aette,  do- 
ve tu  non  me  ne  davi  altro  che  dnque.  Olt. 
Com.  Inf.  49.  [349.]  Nullo  maggiore  tfraaio 
puote  nomo  fare  della  sua  donna  [eh'  egli  ha 
sposata],  che  aoUomellerla  per  moneta  a  chi 
più  ne  di.  Smt.  ben.  Fnrch.  6.  16.  B  pan  i 
noto  a  dascnno  quanto  d  di  il  giorno  a  nn 
muratore,  che  le  là  {le  mura.)  Ar.  Cast.  3. 

3.  EgK  é  mio  uffido  Santa  rispetto  a  chi  mi 
dà  più  attendere. 

S  99.  Quindi  Avere  a  darà,  vale  EsseA 
debitore. 

S  16.  Par  Dimostrare,  Palaiara,  {Dlrt.^ 
lat,  attendere,  indicare,  palam  tacerà,  gr. 
ecnepuiiwiv.  Fav.  Etop.  [45.  m.  la  ■>.]  Il  co- 
lore dd  tuo  abito  di  che  sii  fornaio,  o  carbona- 
io, o  appanoator  di  guado,  o  maestro  d' io* 
chiostro. 

•  %  tt.  Prr  Dire,  Uanlf ettaro.  Fr.  Barb. 
340.  5.  l*  ragion  togli  accorta  ;  Ohe  tu  la  vedi 
dipinta  e  desoUta  Via  più  ehiara  e  diritta  Ch'  io 
non  pone  qui  legoitando  dare. 

%  31.  E  Dartela,  uenlr.  pati.,  vale  Somi- 
gliarti, Bttar  slmile,  [lat.  assimitaH.]  gr. 
i/iMoùv^eu. 

S  33.  Dare,  parlandoti  di  titoli,  come 
Dare  del  mettere,  del  signore,  del  serenIS' 
Simo  te. ,  vale  Trattare  alimi,  in  parlando 
o  scrivendo,  con  quel  titolo,  lat.  honoris 
causa  dominnm  eie.  competlare,  appellare. 
gr.  i  »««  TtpfiS  xiflio»  TI  «  TtpooxiXsXv.  Cecch. 
Serxig.  4. 10.  Ch  oggidì  s'usa  di  dare  del  mes- 
seve,  e  signore  a  ogni  furbo.  «  Buon.  Tane. 

4.  1.  La  non  é  tua  né  mia  quella  aignon.  C 
O  dille  del  signore  per  li  testi.  «  {  I^eop.  Cap. 
71.  Tu  non  conosd  più.  In  non  discerni  Quii 
il  dttadia  sia,  qual  l' artigiano,  E  son  tra  lor 
odii  e  raocor  interni.  Danno  poi  del  signor  sino 
al  villano  I 

•  •  S  34.  Dicesi  anche,  nel  senso  medesima. 
Dar  II  signore,  il  magni  f  co,  reccelleuta,  a 
slmili.  Allegr.  407.  QÓeiU  aari  per  dirvi, 
Beniardetto,  Senia  darvul  Magnifico,  o'I  Signo- 
re, Come  si  converrebbe,  che  il  Lettere  Mi 
fece  un  soleoniuì^o  banchetto. 

S  35.  Altresì  Dar  del  briccone,  del  vitu- 
peroso, di  becco,  di  ladro,  a  simili,  modo 
d'ingiurlarealtnii,tacciandoloditatilgno- 
mlniosi  attributi,  lat.  vituperare,  contiunelia 
officerò,  gr.  Iruppl^v,  eùtUiu*.  »  Tac.  Dav. 
Perd.  Eloq.  (*41».}  Se  m'avessero  udito,  SO 
certo  m' avrebber  dato  di  sdocco,  a  volere  che 
l'oratore  sia  di  necessiti  legista  e  filosofo,  tfana. 
Sat.  t.  E  pur  Cnrculiou  suda  e  si  sbatte;  Di 
di  becco  pel  capo  al  legnduolo.  Che  corna  dis- 
ngnaK  al  palco  ha  falle. 

$  M.Dare,lrattandotl  di  curar*  Infermi, 
si  dice  dell'  Ordinare  II  medico  il  medica- 
mento, lat.  curae  rallonem  praescribere,  me- 
dicamantum  dar*,  gr.  fip/uatn  iTtniUtn. 
!  Red.  lett.  1.  164.  B,  se  Ippocrate  dava  le 
bevande  calde  ai  febbridtanti  ec.,perehé  avre- 
mo nm  paura  di  dar  le  medesime  bevande  eelde 
in  uno  atomico  laaguido,  oon  febbriciUnte  7 

$  37,  Dare,  parlandosi  di  lettere,di  cor- 
rieri, a  simili,  vale  Poriare  avviso.  Dar 
nolitia.  lai.  ntmliimt  afferra,  gr.  intCfilX- 
Xm  Ttd  n. 

$  88.  Per  Dar  retta,  Abbadare  ,  Cura- 
re. Frane.  Saerh.  nov.  148.  Il  minicdarc,  e 
il  nmbraltare  del  Piovano,  fu  aitai,  e  stette 
coppie  d'anni,  che  non  bvelli  allo  Inaamon- 
to,  il  quale  non  vi  die  onlla,  dicendo  questa 
novella  e  nel  contado  e  nella  dtti. 

•  J  3».  Prr  Imporiare.  Franr.  Sacci. 
ii«i>.  48.  Sennao  molti  cba,  non  cba  temino 

3 


Digitized  by 


Google 


48 


DAR 


DAR 


BAR 


f|l>  Mffurii  ma  agli  non  vi  dmnso  «Icona  co 
•a  di  ciacera  e  di  tiara  tra  i  corpi  raortL  Bnev, 
461.  Un'altra  brigata,  chandaTano  poco  Cu  r»/ 
poco  imporliìva)  d'auara  itati  icioparati,  ri- 
deano il  maglio  rbe  potaano. 

•  J  40.  Per  jtoHmrt,  DiJI lutti.  Frane. 
SaecA.  nov.lO.  Corra  (Il  porco)  per  uno  andro- 
ne, a  l'altro  porco  drielvli,  e  danno  lu  per  una 
acala.  B  hov.  138.  £  Boniiaiio  dàlia  lu  par  la 
acala,  a  giugna  alla  cucina.  B  hov.  <SS.  E'I 
medico  icappucciato  ac  dalla  giiiao  da  casa  i 
Tomaquiaci,  o  giaao  Tarao  la  porla  dal  Prato, 
eba  mai  non  lo  poti  tenera.  Credi.  Dot.i.i. 
Se  Toi  ec  lo  redeui  ionauai  per  la  TÌa,  datala 
peìngelti. 

$  41.  Uar»,  termìH0  di  g'MOca,  m/«  Met^ 
Ur  la  carta  Ih  Invola. 

•  $  41.  Par  Supporrà,  Porr»,  Porrà  ca- 
io, Coneadart  par  Ipataal.  lai.  poi  fra,  darà. 
Segnar.  Crisi.  laMr.  t.  SO.  SI.  Diamo  par 
abboodania  di  cortaiia,  clw  le  mode  odierne 
del  TOitir  femminile  fixiero  iolanienlo  Tane,  e 
non  immodeste;  diamo  che  la  inlaitaioue  di 
chi  la  adopera  per  comparir  tolanionte,oia  non 
per  nuocere,  doresie  ammellerii  nel  divin  Tri- 
bunale qua!  gìusii£caxiooa  vance,  e  valida; 
diamo  cbe  lutti  i  aacri  Dottori  si  fossero  accor- 
dati, ec.  B  Prad.  0.  4.  Ma  su,  diamo  ch'egli 
vi  lasci  lotte  poaiedere  abbmidanlameute  le  To- 
ur* r*odile. 

•  $  43.  Non  ita  darà  ima  ttrìnga,  unpa- 
raetteckiHo,  o  cosa  slmlla,  ti  uia  dire  par 
motlrara  gran  dltpraato  di  qualche  cosa. 
lai.  N«  tpiidem  litMIIilio  emere.  Plani.  Far- 
eh.  Ereoi.  101.  Quando  vogliuao  mostrare  la 
vilipennoue  maggiore,  diciamo  con  parole  an- 
tiche ;  io  non  ne  darei  un  paracucclàno,  o  to- 
ramente  buaaago;  e  con  moderne:  una  stringa, 
un  lupino  ec,  una  frulla,  un  baghero,  o  un 
ghiabaldano,  de'qnali  so  ne  davano  treutasei 
per  un  pelo  d'asino. 

•  S  44.  Per  Giudicare,  [Silmara,  Creda- 
r*.]  Bart.  Tort.  [*I1.]  U  valentuomo  ec  dava 
per  malo  adoperala  quanta  voci  non  erano  avi 
eoo  vocabolafio. 

•  S  45.  Par  .iffidare,  [Commettere.^  A- 
lam.  Cali.  4.  [S.]  E  d'ogn' intorno  risilando 
vada  Tutto  il  terren,  che  alla  sua  cura  è  dato. 

t  S  40.  Par  Dettiuare,  Dedicera.  2'ae. 
Da»,  aHH.  14.  108.  Non  dico  di  voler  mendi- 
can,  ma  dati  TÌa  gli  splendori,  che  mi  nuoco- 
no,  quel  lampo  che  u  perde  nella  cura  da' 
giar<»ni,e  dalle  ville;  dari  tutto  all'animo. 
•;  A  mei.  84.  Io  non  tiaacorsi  la  puerile  eli 
oaiosa,  ni  tutta  la  diadi  solamente  alla  conoc- 
chia. 

:  S  Vt.  Ptr  Ferirà.  Bear.  Celi.  Fit.  4. 
400.  Per  non  dare  ai  suoi,  non  ardiva  egenn 

10  ava  artiglierie. 

•  $  48.  Dare,  partendoti  di  famclulla, 
rata  Maritare,  Dare  per  m/oglle.  Late.  Spir. 
(1.  8.]  Niccodemo  padre  daUa  bnciulla  gliaca 
davavotaalierì;maMdoleguaal&.OecA&n>>y 
(4. 8.]  Achi  la  dettef  J.  A  uno  calaaiol,  eh'  ba 
degli  aeudi.  Farci.  Slor.  S.  [15.]  Eitandoii 
■otto  poco  avanti  Honsigoor  d' Alauaoo  ano 
aurito,  si  dicoTa  che  Celare  aveva  iu  animo  di 
volarla  dare  a  Boibone. 

l  i  40.  Dare,  ti  dica  amcHa  dalle  cow  dke 
/àrnno  un' Imprettione  troppo  forte  al  nato, 
alla  latta,  allo  tiomaco,  e  timlll.  Allagr. 
881.  Ond'  ella  aeaU  CoaM  U  vio  dì  nel  cape 
•  addnrmaiila. 

•:  $  80:Z><r»,  parlandoti  di  Spota,  vale 

11  mandarla  a  marito  ,  dei  la  eerimtenia 
In  carf  i7  marito  mena  la  tpota  in  tua  ea- 
ta.  Proevlt.  Cam.  Ftr.  18.  Iidlno  a  tanto  che 
natale  sposa  non  sari  data  al  suo  marito. 

.  S  8>-  f*r  Volgare.  Deal.  Pmrg.  3.  ta 
manta  mìa  cha  prima  ara  ristretta  ,  La  'oleata 
rallaigi,  si  coma  vaga,  E  diadi  '1  via»  mio  in- 
contra '1  poggio. 

•  S  81.  Ptr  buagnara.  Boee.  nar.  Tt.  84. 
Ov*  voi  mi  prumetliate  aopra  la  vostra  grande,  e 
caharila  fede  di  teoerloms  catdutas.  io  vi  di- 
ci il  anado,  eh*  a  l«er*  avraU.  Vm>.(*88.] 
Ho*  sai  ta  quello  mirolin».  che  la  acseaaa  a 
acaola  diedeb?  Cor.  En.  0.  (M8.)  A  me  n«i 
ifià  onesta  craanaa  Ofelia  Mw 


I  «nasta  craanaa 

:  S  83.  Ptr  Imporra,  ilaieiftopra.l 
CW/.  Ora/ 88.  Sopn  i  dalli  CU  •  debba  mat- 
inee della  mmiaém»  lana  ne..  «  aoa  t'imponga 


grólla  corno  l'altra;  e  cii  li  fa,  pordià  tenga 
meglio  quella  mano  di  terrai  che  t'i  data  di 
sotto.  £  414.  Si  debbo  di>e  alla  detta  lUtua 
una  coperta  di  ilaguuolo  da  dipintori.  B  ap- 
pretto :  Quando  ugtù  cosa  è  bene  strutta,  dia- 
si sopra  la  detta  statua  Hi  terra  cosi  bollente 
con  un  pennello  ec  soUilissìmiuiiente,  e  gen- 
tilmente, acciò  non  sì  guasti.  Borgh.  Hip.  [157.] 
Di  questa  cosi  calda  (tinta)  danuo  una,  o  due 
volle  sopra  il  marmo. 

«  $  54.  iVoK  air  che  et  e  dato,  modo  prò- 
verbiate,  che  vele  Senta  dir  parola.  Frane, 
Secc/i.  HOV.  160.  La  novella  giunse  nella  Vi- 
gna a  quelli  caitiinolt,  di  cui  erano  i  panni  : 
non  dicono  cbe  ci  i  dato;  avviauii  reiio  Bler- 
cato  vecchio,  e  domandano  di  questa  faccenda. 

S  SS.  'Dare,  Feibo  nella  nottra  favella 
utalo  frequentemente,  e  ne*  tuddetli  tiguijì- 
cali,  e  per  espretnoae  d'  altre  operationi 
ti  congiugne  cogli  Infiniii  d"  altri  verbi  col- 
te parllcétle  DA,  A,  IN,  o  timlll,  come  pu- 
ra ti  accoppia  con  moltittimi  nomi,  e  con 
erticelo,  e  tenta,  e  parimente  con  awerhtl, 
o  con  altre  particelle,  fermando  Infinite  ma- 
niere, proverbii,  e  frati  etprettive  di  par- 
ticolari tignif  cationi,  difficilittime  a  com- 
prenderti, e  ridarti  tetto  generi  determi- 
nati ;  onde  a  maggior  comodili  te  ne  por- 
ranno appretto,  tratte  fuori  per  ordine  di 
alfabeto,  quelle  che  più  frequenti  ti  odono 
nell'iito,opiù  tpetto  t'Incontrano  nelleterit- 
ture. 

DARE  A  DAUA.  *C<ire  attnU  taglinoli 
ad  allattare.  Ut,  Jlllet  milriendot  dare,  gr. 
rixya  ndtivi)  Ttoipttiiiòvcu.  ».  BALIA. 

a  Da  poich'Ioti  detti  a  balie, io  non  t'ho 
piti  visto  :  proverbio,  che  vale:  Non  mi  sov- 
viene d'avtrli  veduto  mal.  Ceech.  Pro».  88. 
lo  non  ho  vistoti  Da  poi  in  qua  cbe  io  ti  delti 
a  balia. 

DARE  A  BARATTO.  Baratlare.Ut per- 
mutare, gr.  oLpai^e^eu.  Ar.  Len.  8.  S.  Non 
cha  io  vendita,  Ma  a  baratto,  ma  iu  don  dar  si 
dovrebbono. 

DARE  A  BERE.  Fala  lo  eletto  che  Dar 
bere. 

S  Dare  a  bere,  flgnratem. ,  vate  Dare  a 
eradere.  Dare  ad  intendere.  Modo  bette. 
lat.  Imponare.  [gr.  ifa;ncràiv.]  Bern.  Ori.  1. 
10.  3.  Però  si  dice  volgarmeote  in  piaaaa  Per 
u»  proverbio:  e' glie  l'ha  data  a  bere.  Malm, 
T.  84.  E  s' ella  non  m'c  stala  data  a  bere.  El- 
le soo  Fate,  c'han  rirtù  divina. 

DARE  A  BUCm  MERCATO.  Fendere  a 
pretto  vita,  lai.  parvo  vendere,  gr.  iraJiacv 
ÒXlyau  n.  Cani.  Cam.  SVI.  Donna,  chi  ha  dì 
voi  caslagoe  secche,  Datele  a  buoa  menato. 

DARE  A  CALO,  v,  DARE  CALO. 

DARE  A  CAMBIO.  Dare  per  riavere,  ol- 
tre alla  sorte  principale,  anche  l'interesse 
guadagnato  col  cambio,  laL  dare  foeneri, 
pecuniam  foenort  occupare,  gr.  /aM{{«> 
rive  TI.  Dav.  Camb.  06.  L'ingoi^igia  di  que- 
llo guadagno  ba  Goavertìto  il  cambio  in  arte, 
e  dannosi  i  danari  a  cambio,  non  per  bisogno 
d'avergli  altrura,  ma  per  rìaTcrgli  eoa  ulUe. 
E  pìglianiì,  non  par  trarre  i  danari  suoi  d' al- 
cun luogo ,  aaa  per  servirsi  di  quei  d'altri  al- 
cun tempo  per  interesse.  E  00.  Però  bisogna 
arer  gli  occhi  d'Argo  in  aTTcrtìre  a  chi  tu  din 
a  cambio,  a  chi  lo  rimetti,  e  chi  ridda  colui, 
che  ti  ritoma  il  lue  B  101.  Può  ilare  a  cam- 
bio a  se  medesimo.  San,  ben.  Fareh.,4.  Ut 
Chi  djri  a  cambio,  o  fidcri  isuoi  danari  ad  uno, 
il  quale  sia  usato  a  fallir*?  Ambr.  Bem.  8.  1. 
Soo  quei  proprii.  Che  Giulio  mi  lasciò,  cb'i'bo 
dati  I  cambio  Scmpie  per  lui. 

DAllC  ACCUSA.  Acctuare,  [Pretanlart 
un'  accnta  in  giudizio.]  lai.  «crNaare,  postu- 
lare, drferre.  gr.  (u'tuctSw.  G.  F.  8.  06.  3. 
Fu  data  una  inqnìsìaìoue,  ovvero  accum  alla 
Podestà  (ch'en  allora  maaser  Piero  della  Bran- 
ca d' Agòbbto)  contro  a  m?sscr  Coreo. 

DARE  A  CEi\SO.  •-.  Cl:^SO. 

DARE  A  CONOSCERE.  Mostrare  ,  Far 
conoscere,  lai.  ottendere,  monttrare,  decere. 
gr.  ittxwùsA,  ilttiuMÙtte.  Segnar.  Pred.  10. 
6.  Quanti  io  potrei  qui  nomeiare  a  csascua  di 
loro  di  magnanimi  aaisaiooafii,  che  sempre  U 
dall'Ilalsi  a  andarono,  e  vanao, Boa  per  altro 
unadagno,  eh*  di  dac  loto  a  miuitai»  il  aoab* 
Dio! 


S  £  iwMr.  patt. ,  vaia  Maatrartl,  Forti 
eoHoteere.  lai.  te  te  otteudera,  otteniere.  gr. 
iltittbaveieit.  Cren.  Morali.  815.  A  loro  ti 
dà  a  ooooacere,  a  loro  lì  raccomanda,  e  ricor- 
da l'operaaiopi  buone  de* tuoi  pasaalL 

DARE  hCQVh.  Annaffiare.  Ut,rigare,ir. 
rigara.  gr.  Apitiu*. 

$  1.  Dar  acqua,  parlandoti  delta  ttagio- 
ne,  e  tlmili,  vale  Piovere.  Ut.  pluere.fr.  fi  fi- 

$  1.  Dar  l' acqua ,  vale  anche  Aprire  i 
CMulatti,  onde  vien  I*  acqua.  Ut.  aqttae  edt- 
tut  aperire,  gr.  vipKj»/iecf  àye^ycn. 

$  S  3.  Dar  l'acqua,  o  tlalf  acqua,  vate 
anche  Concedere  il  ber  aequa.  v.  DARE  L'AC- 
QUA. 

S  4.  Dar  P  acqua  a' drappi,  vateBagnar- 
li  con  alcttna  materia  atta  n  rendergli  p^ 
flitletl,  e  più  lucidi. 

$  5.  Dar  l*  acqua,  e  Dar  V  acqua  alte  ma- 
ni, vate  Fertar  ad  altri  acqua  tutte  ment, 
perché  te  le  lavi.  lai.  aqaam  manibut  for- 
re, gr.  ùtap  if  TCtlpat  [y^ien.]  Ifev.  ant.  M. 
1.  SUndo  lo  'mperaJore  uno  giorno,  e'faces 
dare  l'acqua  alle  mani.  lì  mim.  4.  Non  era  tì^ 
baro  dì  dar  1'  acqua ,  la  quale  ai  dava  quaado 
il  Conte  n'andò  co' maestri.  V.  Ole.  Celi. leti. 
14.  [13.]  E  come  se  ricevessi, Cristo,  dargli  l'ae- 
qua  alle  mani.  Calai.  17.  £  l'acqua  data  alla 
mani. 

:  DARE  A  COTTIMO,  v.  COTTIMO. 

DARE  A  CREDERE.  Pertuadere  per  lo 
pia  il  falso,  lat.  credendum  dare.  gr.  7fi- 
&(I>.  Ambr.  Cof.  5.  7.  Voi  volete  nna  volta 
darmi  a  credere  Che  il  male  .mi  sìa  sano? 
S  Frane.  .KtccA.  iioi>.73.  E  domandandolo  diede 
loro  a  credere  cbe  dicea  a  se  mcdesiino. 

S  E  neulr.  pass.  Credere ,  Darsi  ed  in- 
tendere, lat  pittare,  arbitrari,  eensere,  per* 
suasiim  habere.  gr.  vopi^teÒtu.  Boat.  Fard. 
1.  3.  Datti  tu  a  credere  the  nelle  cose  umane 
sii  cosliiiaa,  o  fcnnesaa  alcuna?  Ambr.  Cof. 
5.  1.  Non  si  fan  queste  forse,  come  a  credere 
Forse  vi  date.  :  Cronichett.  153.  Sentitosi  in 
Pila  questo  accosaamento  dì  Gabriello,  e  di 
messer  Haao,  si  dettero  a  credere  i  Cìltsdioi 
Pisani,  che  fulse  stato  per  venderla.       

DARE  AD  AFFITTO,  e  DARE  A  FITTO. 
Affillars.  lat.  locare,  [gr.  aclt«iusM>.]&». 
^CK.  Farch.  3.  7.  Come  quando  si  lo^a,  o 
si  dà  ad  affilio  alrnna  cosa.  

DARE  ADDIETRO,  «DARLA  ADDIETRO. 
Cadere,  Piegare,  Ritirarti,  lai.  retro  con- 
cedere, retro  evadere,  recedere,  gr.  scvstx^* 
$<!■•.  Tac,  Dav.  ann.  13.  181.  Gli  AnCbarii, 
soli  rimasi,  la  danuo  addietro.  £  45.  108.  Il 
caTallo,  cbe  portaTa  le  'nsegne  consolari,  senaa 
cagione,  che  si  redesae,  ombrò,  diede  addietro, 
e  scappò. 

J  Figura  lam.  vele  Peggiorare,  lat  •«  peint 
^lere. 

5  DARE  ADDOSSO.  Invettire,  Attaccare. 
lat  invadere,  gr.  iittxttptìe.  Dav.  Colt.  163. 
Quel  Tento,  che  è  di  natura  ditseocalÌTO,troTal^ 
dola  abbandonata  ^fiii'aj  e  separala  dal  vino,  la 
rasciuga  tutta,  e  consiinia,  come  fa  un  eserci- 
to, che  vedendo  l' oste  suo  recatoai  in  guardia, 
con  aver  le  bagaglie.  abbandonate,  non  quello 
investe,  ma  dà  addosso  a  quelle,  e  fanne  suo 
bottina. 

.  $  1.  Per  Cader  sopra.  Dent.Satm.penil. 
4.  E  queclì  eh'  en  appresso  a  me  pia  buono. 
Vedendola  rovina  darmi  addoaio.  Fu  al  fug- 
gire, più  cbe  gli  altri,  prono.  Malm.  11.  33. 
Dalle  diacciale  bambole,  e  gnaslade  II  vino 
sprigionalo,  bianco,  a  cosso.  Fugge  per  l'asse, 
e  da  un  fesso  cade  Giù ,  dov'è  Piacìantco,  e 
dagli  addosso. 

•  SI-  Fate  anche  Opprimere.  Saldar. 
Lem.  Cecc.  tt.  Si.  S  t  darmi  addoaso  il  dia- 
scoi  s'è  acoordato. 

:  S  8.  Dare  addosso  ad  urne,  talora  vale 
Biatimarlo,  Dime  male.  Attaccarlo.  Laep. 
Cap.  6.  Tal  li  loda  in  preseoaa.  che  kalano, 
Di  «larti  addoaso  bene  spesso  gode. 

•  S  4.  /<•  provarb.  :  Le  mosche  donne  ed- 
detto  a  cavai  magri,  vale  I  memo  petenti 
tono  temprai  primi  ad  essaexpnnUi.  e  Ceech.^ 
Donx.  5.  1.  Le  aaoacàc  danno  adAaaao  a'cava' 


;  DARE  AD  EFFETTO.  Bfèetmare.  Pel- 
ine. Star.  Cine.  4. 888.  Rim^iaamo  acUa  ma- 


Digitized  by 


Google 


san  U  mmitn  «al*  im'  coodotticfi  Ebrei 
g^  MT  iteAr  al  Stgoore,  ed  iudi  per  dar  ad 
iC»  b  rauoniioo  dell»  ciU),  e  del  tawpio 


•  liRE  AU  DiTENDERE.  PtrjtinHtrt, 
0mMlrer*  ;  e  J«  HSa  tmcAm  uml  Nttilr.  pass. 
kL  fvtKtdcrr.  fr.  ictiàm.  lioce.  «oc.  (ST. 
M]  hr  pMuaaeala  darli  ed  iutei-dere  il  cato 
M^Miiiael»,  «Hi  léce,  «uue  Paiquina  avea 
ftoa.  Hnm.  SI.  *■  Cheute  è,  Ciiti7  è  buono? 
Crii.  Icfale  prcilameule  in  [mv,  rispose  :  mes- 
ar  ^  lu  ^nuto  uo«  h  fàlre'  io  ilare  «d  in- 
latiti*.  Pru.  M9.  R  ciò  di*va  ad  intendere 
■cr  MÌlitadine  il  profeta  luia.  Late.  Spir^ 
t,  I.  Cke  |li  date  t<À  ad  inteudcre  per  queMo 
■arile? 

•  { I.  Ar  Fer  saper*.  Cavale.  Mt.  Jpatt. 
1  Da  id  Mteodere  cke  p«Tvhé  le  parole  acrit* 
toa  y»ilira  eoa  li  posaono  iiiTeitieare  oc., 
aula  «■  certi,  aa  in  pocbi  luogbi  l' ordioe 
d<lltr«ie. 

(  t  (  atafr.  puf,  Crtdrn  ,  Stputar: 
fìr.  jIi.  in.  Tu  hai  «eJnto  già  più  tempo 
la,  fa  qaaato  io  aai  da  ad  intendere  ,  l 'espe- 
Mm  Mia  alia  fede.  jtr.  fitgr.  S,  3.  Che  non 
J^iiMr  Ceste,  eoaaa  lì  dìi  Tone  ad  inleor 
in.  )l«  di  padre,  e  di  Madre  gentiluomini  E 
alla.  E  Cnu.  4.  S.  N«ii  pauerk  coi)  facile- 
leito,  caaaa  fi  date  I>>cm  a  'otenderi^ 

J  t.  ftr  Dir*  alimi  e*ta  falm  ,  l'ugflia- 
%énblf.  lat  ìmpomare.  *  e  Bocc.  Htw.  S3.  9, 
nnfrewdcirMlefMlrre,  e  del  gnardare,  clie 
^  atim  ,  che  eeao  bctsae  a  quella  donua, 
ttcoa»  ella  gli  aveva  dato  ad  intendere  ». 
.;  ìM.  Imt.  97.  DiM  favoloaa  genefasiuii  di 
B|ai  fa  laealaTata  dagli  autori  e  datoci  ad  io- 
Hséere  per  vera. 

DIIS  k  DISCREZIOKE,eni8CRIZIONE. 
IfaiO-.  pru.,  vai*  fteathrtl  la  piatta,  a 
b  mléalt$tlt»  «e.  tlla  Hherlaltae  dal  via- 
attn,  Mua  altri  p^/tl,  *  capitali.  S*gH. 
Aar.  <•.  MS.  Non  pure  ai  dettono  a  patti,  an- 
■  ■  deaoao  a  diaerextone. 

B*B£  ADITO.  Far*  aptrhira,  Pargtra 
ffcriimiià  lat.  aHIlHi  aperira.  gr.  Ttpiae- 
A>  hirfta.  fìr.  A:  3Ì9.  E  ne  dava,  per 
^atfK  ld»efo  adito  ■*  miei  penfìerì. 

Mae  A  DITEOintE.  Mostrar*,  Far  co- 
start.  bL  atlaiular*,  commonslrara,  doea- 
rt.  p,  /lix>5>ga,  ttHaxuf.  Patr.  san.  53. 
fn  danù  a  diveder,  ch'ai  ino  dettino  Mal 
<^  eaairaita,  e  atei  chi  ai  nakconde.  Sagg. 
ui.esp.  IT.  ProteaUnduci  di  fìrerirlo  più  per 
dn  a  divedere  il  modo,  col  quale  abbianio 
Mata  di  &r  questa  eanerienaa.  Malm.ì,  14. 
la,  pextbè  et  nou  vuol  darlo  a  divedere,  Si 
■aa,  e  frada  il  colpo,  eb*  gli  duole. 

•  DABE  ADOPERA.  Implegara  Ih  alcu- 
na tfra.  ru.  SS.  PrH.  «.  479.  Guai  a  quel- 
li <be  danno  ad  open  di  vituperio  le  membra 

DÀBE  A  DUE  TAVOLE,  e  DABE  A  DUE 
TATOLE  A  UN  TRATTO.  Mata/,  latta 
dal  giuoco  di  sbara glina^  ed  è  lo  stasto 
eW  Par*  ma  viaggia  e  dita  servigi,  o  come 
dice  ««  altra  prowrbio:  Pigliar  due  CO' 
'wM  a  ama  Java.  lat.  in  saìtu  itna  caper* 
éoos  aproSf  dnoe  parleles  eudem  ^tleliu 
imUtre.  Malm.  8.  14.  E  a  due  tavole  dar 
nmWte  a  en  tratta. 

MRE  AFA.  arrecar  alimi  fastidio,  lat. 
•aedi»  essa.  gr.  ['i^Xistt.]  Palaff.  %.  Tu  mi 
Aiaià:  dehl  levati  qninri.  (Alcun  testo  a 
fata  leggo;  Tu  mi  fai  nefa. j 

•  DARE  A  FARF.P.  DARE  DA  FARE. 

•  MKE  AFFANNO.  Travagliar*,  lat  v*- 
*art,a0ig*re,  divxara.gr.  iilSu*.  Lese. 
^.  S.  (.Egli avrebbe  ee.  dato  affanna  gran- 
•maa  a  quella  poverina. -SGe/or.  S.  3.  Non- 
mfiaabiaa'era  lavala  appunto,  parebè  la  doo- 
m  del  earpa  le  ha  dato  qneita  natte  affanno. 
Caar.  Cent.  IO.  Deb!  andate  col  malanno, 
y«««bi  fami  rimbaaibiti  :  Non  ci  date  più  af- 

DARE  AFFLIZIONE.  Àjllggtre.  lat.  maa- 
•Waaa  dare,  mtaroram  afferra,  gr.  XiiltAt. 
tns.  3U.  Chi  più  aa,  più  gli  t  ricbieflo,  e 


R*ar  peto  ha  a  aoatenere,  e  più  cole 
**  e  *aM.  che  gli  da'ino  affliaione,  e  pena. 

•  DARE  A  FI  IMMA,  tuctttdiart.  Ar.  rial. 
r**.]  Che  Alarico,  e  poi  Telila,  flagello  Det- 
I*  '  Dia,  £4  Roma  ■  aamo  a  a  fiamme. 


DAR 

DARE  A  FILARE.  Dar*  altrui  Uno  o  si- 
mili, parchi  lo  Jitt.  lat.  Hendnm  dare,  gr, 
i«  ri  xJlai5(iftoei  TtKp«ttti»ou..Bocc.  nw.  S7. 
4.  Ad  ogni  pano  di  lana  Alata,  che  al  fuao  aa* 
volgeva ,  mille  auspiri  più  cocenti  che  fuoco 
giltava,  di  colui  ricordandoaì,  che  a  filar  gliele 
aveva  daU.  Fr.  Giord.  Salo.  Prad.  7*.  Quan- 
do di  a  filare,  e  quando  ricoglie,  quando  dà  ■ 
tenere,  e  quando  ricoglie. 

S  Torre  n  filar*,  par  dare  a  filare,  [si  di- 
ce del  Dare  a  far*  la  su*  fircceud*  per  pi- 
gliare a  fare  mieli»  d'altri  smta  prò.]  v. 
FIL\RE 

DARE  A  FITTO,  v.  DARE  AD  AFFITTO. 
DARE  A  GAMBE,  e  DARLA  A  GAMBE. 
Fuggir*.  Modo  basso,  lat.  <«  conferre  lupa- 
dts  te  dare  In  pid*s,  Plaut.  gr.  «fOyciy, 
^auxtutc»  T^»  &niip«3n.  Fir.  As.  Sii.  Spel- 
lai la  fune,  con  che  io  era  legato,  e  diedita  a 
gambe.  Ctceh.  Servlg.  3.  S.  E  egli  per  non 
eawr  eonoieiato,  Par  poterci  tornar,  la  darà  a 
gambe.  E  Corr.  4.  t.  Una  notte  il  ganou  la 
darà  a  gambe.  Lase.  Spir.  4,  3.  t  quali  di  lat- 
to ci  s'avviaron  dietro,  e  noi  la  deinnto  a  gam- 
be. Molai.  4.  55.  Poi  fatte  le  mie  scuse,  e  re- 
te ad  ambe  Blille  graiic,  le  lascio,  e  dolla  ■ 
gambe.  * 

5  Dare  alle  gambe  ad  nleimo,  vale  Per- 
seguitarlo, Aitravertargli  i  suoi  negotll.  lat. 
atiquem  persequi,  alieni  adversarl.  Buon. 
Fler.  < .  1. 4.  Oli  come  tpeaao  avvio*  darti  al- 
le gambe  Altrui  da  chi  mal  informalo  tira  At- 
traveno  fendenti  ! 

DARE  AGIO.  Porgere  opporlimlli.  lat 
lempns  dare,  spalium  dare,  opporlutilta- 
tem  dare.  gr.  xou/id'j,  4  tixKtpIxv  tiiò-tait. 
Ovid.  Pisi.  [151.  Elli  non  ci  è,]  ansi  te  n'é 
ito  per  darti  agio.  Tue.  Dav.  Slor.  t.  975.  Ta- 
le iudugio  diede  agio  a'Vitelliani  a  salvarsi  in 
certe  vigne  intralciale  lungo  un  picciol  bosco. 
Bemb.  Star.  3.  40.  Il  qnale  Massimiliano,  per 
dar  agio  a  Filippo  suo  figliuolo,  duca  di  Bor- 
gogna, che  trovare  il  potesse,  ritornò  alquanto 
a  dietro  più  a  dentro  nellk  alpi. 

DARE  A  GODERE.  Conceder»  altrui 
ehaccttessta,  perchè  lo -goda  tino  al  tempo 
determinalo,  o  colla  cottditlon»  ttaUlila. 
lat.  in  enttchrasin  dare. 

DARE  A  GOLA.  v.  DARE  ALLA  CIN- 
TOLA. 

.  DARE  A  GUADAGNO.  •>.  DARE  GUA- 
DAGNO. 

•  DARE  A  GUARDIA.  Affidar»  alla  en- 
Madia,  o  guardia.  Peir.  ['/Ilf.  /mp.  Pont. 
80.] S' ingegnò  cou  preiao  di  corrompere  gl'ini- 
basciadori  ;  e  non  potendo,  gli  dette  a  guardia 
a'suoi  sold.*ti,  comandando  loro  die  per  ues- 
suoa  città  li  lasciassino  entrare. 

.  DARE  A  GUASTAMENTO  E  PREDA. 
Lasciar  che  si  guasti  e  depi^edi.  Bemb.Stor. 
19.  173.  Una  ricca  ed  illustre  città  a  guaita- 
mento,  e  preda  essere  slata  de' nemici  data. 

DARE  AITA.  Lo  ttasso  che  Dare  aiuto. 
lat  anxlllnm  dare,  opem  forre,  gr.  fioigM». 
Petr.  cant.  45.  4.  E  sempre  andai  (tal  amor 
diemmi  aita)  In  quelli  esilii,  quanto  e' vide, 
amari.  Di  memoria,  e  di  speme  il  cor  pascendo. 
Ar.  Fitr.  95.  5.  Che  se  non  è  chi  lotto  le  dia 
aita.  Tolto  Tonor  vi  lascerà,  e  la  vita. 

DARE  AIUTO.  Aiutar»,  lat  anxllium 
dare,  opem  ferra,  gr.  fiorfitU.  G.  F.  40.  5. 
1.  Scomunicando  chi  gli  desse  ainto,  o  fìtvore. 
Bacc.  nov.  40.  99.  E  pregolla,  che  allo  scampo 
di  Ruggieri  dovesse  darò  aiuto  siccome  coiri 
che,  volendo,  ad  un'ora  poteva  Ruggieri  scani- 
pare,  a  servar  l'onor  di  lei.  flerii.  Òri.  1.  15. 
7.  State  in  riposo:  ognun  sia  cieco,  e  muto  Non 
sia  di  voi  chi  venga  a  darmi  aiuto.  Ar.  Fnr. 
SS.  54.  Non  m'avrai,  disse,  dato  aiuto  invano. 

$  Dare  in  alato,  per  aluto,  a  tlmlll,  va- 
glioHO  lo  stesto,  lat.  tubsidio  darà.  gr.  ({( 

DARE  ALBERGO.  Albergar*.  lat  hospl- 
llo  excipere.  gr.  (nl^liv.  Bocc.  nov.  19.  •. 
Va', e  sappi,  se  il  tuo  san  Giuliano  questa  not- 
te ti  darà  buon  alberga,  che  il  nostro  il  darà 
ben  a  noi.  Bnreh.  9.  1*67.]  Usciam  fuor  di 
temone,  e  là',  BalisU,  Ck'  uua  tara  mi  dia  ceni, 
e  albergo. 

$  Par  metaf. ,  vale  Rlealtar*.  Ar.  FUr.  19. 
7t.  Ma  quel  che  al  timor  mai  non  diede  al- 
bergo. 


DAR 


IO 


.:  DARE  ALCUNO  PER  CHECCHESSIA. 
Fole  Prometter*, Assicurar* chat  Inla.Car, 
Ioli.  1.  87.  Ve  lo  do  per  ano  da' migliori  ami- 
ci che  si  Irorino. 

*X  S  Talora  si  tralascia  la  preposlxione 
Per.  Ces.  Ter.  Etinnc.  3.  H.  Fanne  pur  prova 
nelle  lettere,  nella  palettra,  nella  musica  ;  in 
tutte  le  cose  die  a  libero  giovane  si  convengou 
sapere,  tei  do  maestro. 

;  DARE  AL  CANE.  Andam*  colla  pog- 
gio. ••.  CANE,  S  85. 

DARE  A  LIVELLO.  Conceder»  a  livello. 
lai.  in  emphjrleusin  dare.  Atlag.  S86.  La 
Golpaia  é  un  Castel,  che  pare  un  forno.  Dato 
a  livello  ab  antico  al  rimedio  Del  rappreso 
fitlinol  dell'oppilato  Dalla  mattana,  suocera 
del  tedio. 

.  DARE  ALLA  BANDA.  Inclinar*,  Pi». 
gare  da  wia  parto  semplicemente.  Bari.  At. 
Carro  incastellato  di  fieno,  che  barcollando  ac- 
consente al  dechino,  e  per  che  dia  alla  banda, 

DARE  ALLA  CIECA.  Darà  tenta  conti- 
derrtione.  Int.  quo  sors  lulerll  Ictus  inge- 
minare, gr.  tUli  7rii{rr«'J.  Segnar.  Pred.  S. 
4.  Son  poscia  i  primi,  quando  lo  veggono  nel- 
la vernala  già  secco,  a  levar  la  scure,  e  a  dargli 
alla  cieca  tra  capo  e  collo,  tra  tronco  e  rami. 

5  DARE  ALLA  CINTOLA,  DARE  ALLE 
GINOCCHIA,  e  DARE  ALLA  GOLA,  o  A 
GOLk,»  simili.  Arrivar» fina  alla  cintola, 
alla  ginocchia,  alla  gola,  *e.  Ut  pertingtre, 
[v.  DARE.  5] 

.;  DARE  ALLA  MORTE.  Uccidere.  Ovid. 
Simtnt.  4.  434.  Quegli  diede  i  forti  alla  morte. 
E  S.  50.  Prima  che  una  parte  di  loto  fosse 
data  alla  morte. 

DARK  ALLA  PALLA.  T.  del  giuoco  det- 
ta palla,  che  vaia  Svignarla,  o  con  mano, 
0  con  istntmanlo.  lat  pilam  trudar*.  Cecch. 
Dot.  S.  S.  CU  non  può  dare  alla  palla,  sconci. 

S  Dar»  atta  palla  quando  ella  batta,  a 
ovunque  alla  balta,  figuralam.,  vale  tìon 
perdere  ni  luogo  ni  tempo  quando  l'  occa- 
sione lo  porge.  Itt.oecasionem  arripere,  casa 
obi  al  a  ji ed  ere  ad  eonslltnm,'lir.p.i.fapp.-^t 
Xxfiiiv.  Alleg.  957.  E  se  scheru  con  voi  nuovo 
Gbiadnto,  Febo,  dato  alla  palla  ovunque  balli. 

DARE  ALLA  RADICE.  Flguratam.  si  usa 
per  esprimer*  il  lavare  ogni  occasiona  di 
proseguire  alcun  negotlo.  lat.  in  negotil  ca- 
put, alqua  arcam  Invader»;  uegolli  caput 
pelerò,  gr.  A^ov  tlaSHXsn. 

DARE  ALL' ARME,  »  ALL' ARML  Dare  II 
segno  per  venire  a  combattimento,  lat.  ad 
arma  conclamare,  proellun  oectpere.  gr. 
p.i.yyii  ApxiAoa.  Bern.  Ori.  4 . 45. 4. Quando 
Astolfo  di  sopra  fece  dare  Costoro  all'arme  coti 
scioccamente.  Conobbi  quel  che  Dio  sapeva 
fare.  ;  Car.  Long.  Sof.  49.  Sentivano  vod,  che 
davano  all'armo,  che  chiamarauo  il  capitano, 
che  incitavano  i  cooihaUenti. 

$  4.  Dar*  all'  arme,  figuratam.,  vaia  Far 
romore.  Far  fracasso,  lat  strepllnm  dar». 
gr.  JoOjrev  wotrT».  •  C»ceh.  Dot.  S.  3.  Quel» 
la  beitiaccia  del  padrone,  che  dà  all'  arme  par- 
chi io  ho  badato  troppo.  5  Cor.  leti.  Tornii.  84. 
L'amico  di  Trastevere  dà  forlo  all'  arme  non 
avendo  in  tanto  tempo  vostra,  Cas.  leti.  G-ialt. 
481.  Penule  poi  se  il  Quiilui  e  M.  Gio:  Ago- 
stino hanno  dato  all'armi. 

i%  i.  A  maniera  di  sust.  Ar.  Ftir.  3». 
35.  E  un  dar  all'arme  uè  se^l  si  fiero,  Che 
fece  a  tutti  far  più  d'un  pensiero. 

DARE  ALLE  GAMBE,  v.  DARE  A  CAM- 
BP 

DARE  ALLE  GINOCCHU.  v.  DARE  AL- 
LA  CINTOLA. 

t  DARE  ALLE  MOSSE./Br«in/iif/«r»,  Dar 
principio.  Sagner.  PaH*g.  4.  Non  già  promMIn 
di  narrarveli  tutti  (I  prodigi)  perch*  tanto,  il 
eonlèsso,  io  nnn  bo  rirtù,  ma  ben  prometto  di 
narrarveli  soli,  e  con  ciò  sia  dato  alle  mosse. 

DARE  ALL'ERTA.  Andar*  alla  volta 
della  sommità  de'moatl.  lat  In  tuga  mon- 
tinm  decedere.  Tacilo.  Tee.  Dav.  aa».  49. 
4SI.  I  Barbari  la  diedono  all'erta,  e  i  nostri 
lor  dietro,  cosi  gli  armati  alla  leggiera,  come 
alla  grave. 

.  DARE  ALL'UCCELLO.  Colpirlo,  Ca- 
vale. Slotlit.  S30.  Stolto  sarebbe  quel  bale- 
striere che  pur  gitlaste  li  strali,  uon  credendo 
di  poter  BUI  dare  all'uccello. 


Digitized  by 


Google 


so 


DAR 


DAR 


DAR 


DARE  AL  HQNBO.  Pmrttrire.  lat.  in  lu- 
evm  etkr*.  gr.  rima.  Amel.  W.  Allora  che 
la  mia  madre  mi  diede  al  moudo  Saturno  i  cari 
regui  dell'oro  govemava  uè' correuli secoli  fol- 
lo aule  leggi.  B  54.  Tanto  che  il  numero  em- 
{>iemmo  delle  6gliuole  di  PieriOi  e  dì  u  notabi- 
e,c  bella  Ibrma,  tutte  ci  diede  al  moudo,  che  ec. 

DARE  ALTO,  Accennare,  o  jinkare,  e 
Percuotere  verso  I»  perle  superiore. 

i  Flgurelem.  vele  Eccedere  le  mediocrl- 
li,  «  /o  sialo  comttne  in  falli,  o  in  parole. 
ist.  alla  patere,  snUimius  ferire  fu<im  a- 
porlttìt,  saprà  sigHum  iacere.  gr.  ìi^ìà 
cutkI». 

DARE  AL  VENTO.  Spiegare,  Spargere 
al  vento.  kL  dare  venlls,  pendere,  expli- 
rare.  Ciriff.  Calv.  3.  80.  Ch'i' voglio  arder- 
gli in  croce,  e  dare  al  veato.  Per  icmltura  d'a- 
mendue,  la  polTere.  E  appresso:  £  coti  dati 
gli  alendardi  al  Tento. 

DARE  A  MACCA.  Dare  in  alibondauia, 
o  Dare  a  ufo.  lai.  aj^alim  dare,  gratuito 
dare.  gr.  iwfnXSti,  il  iuptin  iiiivax.  jilleg. 
SS2.  Mou  Ti  ù  danno  i  manapaui  a  macca, 
Come  >i  crede  qualche  nuovo  pesce,  Che  squa- 
dra glìaoinuli  alla  casacca. 

DARE  A  MAN  SALVA.  Dare  altrui  col- 
'pi,  o  simili,  sensa  che  esso  abbia  modo  di 
difendersi,  [o  di  offendere.]  laL  imparatum 
potere,  gr.  óxo^ornuvoy  (■«^óUtty. 

DARE  A  MUJURA.  Dar  inliurnlamente. 
lai.  ad  mensnm  dare.  gr.  tò  pSTpiìòàv  ^tjd- 
vcu.  ^V.  lae.  Tod.  [4.  Ì3.  4SI.]  La  lungheaia 
e  la  lateasa  Molto  gli  si  dà  a  misura, 

DARE  AMMIRAZIONE,  far  murviWg/ia- 
rf.  Cagionar  maraviglia.  laL  admiralionem 
concitare. 

;  DARE  A  MORTE.  Uccidere.  Cuid.  G. 
8.  3.  Nel  qiule  noe  trovando  alcuno  ardiredi 
rìbellìoue,  preselo  per  le  corna,  e  segandogli 
il  collo  lo  diede  a  morte,  Car.  En.  13.  517. 
Spinse  ì  cavalli  iufni'nemici,  e  molti  A  morie 
dìenue.  •;  A11.638.1o  'non  fui  già  da  Paiidaro 
Caccialo,  uè  da  Bilia,  uè  da  mUle  Che  in  un 
dà  vincitore  a  morte  io  diedi. 

.  DARE  A  MOSCA  CIECA.  Dar  colpi 
senza  discre*iOtte;eJiguratam.  Parlare  sen^ 
za  eousiderasione,  e  rispetto,  v.  MOSCA. 

DARE  A  MOSTRA.  Mostrare,  Dare  per- 
chè si  consideri.  Ut.  estendere,  ostentata, 
specimen  exhibere.  gr.  Jrtxvvciy. 

DARE  AKIMA.  Jnirare.  lat.  spirilum 
dare.  gr.  (tteltouì». 

i  t.  Dar  r anima,  vele  lo  slesso. 

%  i.  Dar  Canima,  vale  ancia. Solleporr* 
r  animo.  laL  se  dedare,  devovere.  «r.  ioonbt 
ixìiiitou.  Amel.  11.  MJt  la  natura  del  dotoI- 
lo  signore,  a  cui  ignorautemenl*  aveva  pur  le- 
ale l'anima  data,  noi  consente. 

C  S.  Dar  Canima  al  diavolo,  o  al  nemico, 
vale  Disperarsi.  Fir.  Trin.  I.  i.  E  cosi  tut- 
to '1  di  ti  tkaao  dar  l'anima  al  uimico. 

DARE  ANIMO.  BtoHare,  Invogliare,  In- 
eeragglare.  laC  aitimum  addere,  aaimos 
augere,JidHClam  fecero,  gr.  i*p7v»u*.  Dav. 
jiccus.  141.  Estimavate  voi  essere  il  nostro 
Reggente  andato  a  Pisa,  per  dar  animo  a  voi, 
accàidemici,  a  seguitar  di  dare  all'  Accademia 
&ma,  e  riaomea?  Tac.  Dav.  ann.  13.  175.11 
che  diede  animo  d'assalire  la  metropoli  Artas- 
sata,  e  passò  l'esercito  il  fiume  Arasse,  che 
bagna  le  mura.  Sen.  ben.  Farch.  0.  17.  On 
mi  diede  aninao  col  lodarmi;  e  on  coli*  awer- 
lìrmi  scaccia  da  me  la  pigriaia. 

%  4.  Dar  buon  animo,  vale  Fare  star  di 
isum  animo.  laU  MrrMure,  gr.  èeftipnt.  Jl- 
iag.  Ai,  Ni  mollo  sposso  le  disnmte  voci  d«l- 
k  nrà  ktigati  ia  dar*  altnii  buon  «niao  a'ae- 
conkmk 

S  S.  Dar  l'anime,  vale  lo  stesso  che  Sa- 
^ar  Canimo.  lat.  conjidere,  audere.gt.  9eE^. 
peTt.  Berna.  Jsol.  1.  [5<.]  Che  amore  aia  buo- 
no, Gismoodo,  daratli  l'animo,  dicci,  di  dimo- 
strare? Sagg.  Hai.  esp.  T.  Gli  dava  ben  1'  a- 
nia»  di  fiibteicare  due,  a  Ire,  e  quauti  termo- 
metri si  lÌMter  voluti. 

$  S.  Dar  l'animo,  per  lo  slesso  eie  Delter 
ramiate.  Suggerir  l'animo,  lat.  Ubere,  colli- 
bare,  quodcnmqua  animo  collibitum  est  fe- 
cero, gr.  i(4»Mit,  ioaUt.  Ar.  Cass.prol.  Li 
2uali  Taceraronk,  E  di  lei  f^r  ciò  che  lor  die- 
er 


DARE  A  PATTL  Concedere  con  condlslo- 
iM.  laL  eoudilionibus  dedere.  Cecch.  Esali, 
cr.  3.  10.  Ma  i  colpi  non  si  dauno  poi  a  pat- 
Iv  Sega.  Stor.9.  355.  Dette  quella  rocca  a 
patti,  e  vi  ricwelte  deulro  il  presidio. 

S  E  neutro  pass.,  vale  Arrendersi  eondi- 
zionatamente.  laL  condiliones  accipere,  se 
dedere,  Ciriff,  Calv.  [1.  18.]  CU'pgli  avea  pre- 
so già  quasi  parlilo  Di  darsi  a  pallL  Segn.  Stor. 
11.308.Noa  pure  si  dettono  a  patti,  ami  sì  dct- 
tooo  a  discreiione, 

;  DARE  A  PENSIONE.  Dare  ed  affitto. 
Cas.  teli.  Gnall.  S10.  Non  so  se  H.  Marc' An- 
tonio Flaminio  sia  di  animo  di  dar  la  sua  ab- 
basia  dì  Valdicavino  a  pensione,  come  soleva 
essere.  £  334.  Il  quel  la  tiene  (V Abbaila) 
in  persona  del  Ravereod.  di  Carpi,  e  si  conten- 
ta di  darla  a  pensiono  a  me. 

DARE  APPALTO,  DARE  L'APPALTO,  « 
DARE  IN  APPALTO.  Appaltare.  laL  mo- 
nopolium  conslituere.  gr.  /sovemUiev   ^<- 

tÓ-MU. 

X  DARE  APPARENZA.  Simulare,  Finge- 
re. Inlrod.  Fin.  38.  Ipocrisia  si  è  quando 
l'uomo  dà  vista,  od  appareuaa  alle  genti  d'esser 
quello  che  non  è,  o  ds  lare  quello  bene  che 
non  là. 

DARE  APPICCO.  Dare  speranza.  Fare 
apertiua  tale,  eie  eltri  possa  sperare,  lat. 
aditiim  aperire,  adilum  relinquere,  ansam 
praebere,  gr.  XecSìiv  Sii&tìa.  Dav.  Scism,%i, 
Scrisse  molto  inlastidilo  al  Campeggio,  ch'ei 
non  doveva  lasciar  venire  a  Roma  le  domande 
che  s'avevano  a  risolvere  in  laghiltem ,  né 
dare  appicco  veruno  alle  cose,  che  il  Papa  non 
può  mai  concedere.  Varch.  Ercol,  89.  Dare 
appicco  è  làvellare  dì  maniera  ad  alcuno,  che 
egli  possa  appiccarsi,  cioè  pigliare  speraoaa  di 
dover  conseguire  quello  che  chiede. 

DARE  APPOGGIO.  Sostenere,  Aiutare. 
laL  roborare,fnlclre,  robore  circumdare, 
Tacgr,  TiTioi^i*.  Tac.  Dav.  ann.  13.  148. 
Slimolava  Claudio,  che  pensasse  al  beo  pob- 
blico  ;  desse  alla  fancÌBlleisa  di  Rrittanaico  nn 
appoggio. 

$  Dar  t'appoggio,  vate  Conceder*  al  vi- 
cine, ette  appoggi  il  suo  edificio  al  muro  di 
tua  proprietà;  che  non  si  pui  megere,  pur- 
ché il  ricino  paghi  la  metà  delta  valuta  del 
muro  a  cui  vuole  appoggiare ,  rimanendo 
poi  II  muro  per  tal  metà  di  suo  dominio. 
lai.  tigni  in  suiim  parielem  immlssionem  con- 
cedere. 

^  DARE  APPRENSIONE.  Uellere  in  ap. 
prensione.  laL  melum  Incuterà,  gr.  tioi  ntp- 

DARE  A  PRUOVA.  v.  DAR  PRUOVA. 

DARE  ARBITRIO.  Conceder  facoltà  ..ìzl. 
poteslalemfacere.gr.iSeueitetitiiìmi.Boce. 
g.%,f.  3.  Per  dare  alcun  riposo  alte  vostre 
forse,  arbitrio  vi  die  dì  ragionare  ciò,  che  più 
vi  piacesse. 

DARE  ARDIRE.  Rincorare,  [Comunica- 
re altrui  coraggio,  od  anche  temerità.]  laL 
audaciam  gignere,  audere  fecero,  gr.  docp- 
eÙMt>.  Biu-ehJ't.  ISO.]  Che  parte  hai  ta,  che 
ti  dia  tanto  aidire.  Essendo  il  sopraccapo  d'o- 
gni pecca?  E  [*3.  133.]  Ardir  mi  desti  col- 
la Toce  d'ecco.  Cent.  Cam.  84.  Dell'entrar  si 
6eri  in  giostra  Ci  dà  il  ria  talvolta  ardire. 
•:  Ovid.  Simint.  1.  197.  Collo  scodo  difen- 
de lo  fratello,  e  dagli  ardire. 

DARE  ARGOMENTO. &»nM<'«4<rdr«  ca- 
gione, [argomento,  o  pruova.]  laL  argumen- 
tum  dare,  doctimentitm  dare,fidem  fecero, 
gr.  itìknMi,  Bocc.  Vii.  Dant,  345.  Le  qua- 
U  (deità)  molti  vollero,  che  fossero  il  Sole,  e 
la  Lana  «e.,  e  dascnoo  degli  altri  de'setle  pia- 
neti, dagli  loro  ellvtli  dando  argomeolo  alla  lo- 
ro deità.  Boez.  Varch.  4.  6.  Le  allegre  (pe- 
ne) danno  a'  buoni  grande  afjgonsento,  oude 
traggono  quello,  che  dì  sì  làtla  felicità  giudi- 
care debbiano. 

•  :  DARE  ARU  AD  UN  LUOGO.  Aprire 
le  finestre  affinchè  Varia  antri  ed  esca  piti 
liberamente. 

DARE  A  RIMPEODLARE  LE  CERVEL- 
LA. Uscir  di  se  stesso.  laL  excordem  esse, 
amentem  esse.  gr.  iitow  uiteu.  Lab.  147.  Tu 
menti  per  la  gola;  tu  hai  le  traveggole;  tu  hai 
le  cervella  date  a  rimpedulare;  bei  meno,  ^a- 
taff:  4.  E  le  cervella  die  a  rim|>edulare. 


•:  DARE  A  RUBA.  Concedere,  Permei- 
toro  a' soldati  di  sarcheggiare,  Bemb.  Stor, 
8.  83.  I  Proveditori  (avendo)  proposto  di  dare 
a  ruba  la  città  a'Ioro  soldati  ec-,  Faeuaa  si  do- 
nò alla  Repubblica. 

.  DARE  A  SACCO  E  A  RUBA,  .^ecar- 
dare.  Permettere  ai  soldeli  di  dare  il  sec 
co,  Bemb,  Stor,  3.  30.  Vedendo  M.  Aotouio 
ec.  che  la  bisogna  andava  non  bene,  diede  Is 
città  a  sacco  e  a  ruba  alle  sue  genti.  Allora  ì 
soldati,  e  i  rematori,  dalla  speraoaa  della  pre- 
da  incitati,  •  In  sé  inanimati,  s'accostarono  al- 
le mura,  e  posteri  le  scale  ec.,  s' avventarono 
nella  terra,  e  a  ruberia  si  diedero. 

.  DARE  A  SAPERE.  Far  conoscere,  Kt- 
nifeslare.  Segner,  Incred.  9. 3. 3.  Come  avreb- 
be potuto  l'uomo  mai  indovinare  qoelU  verità, 
che  sono  sopra  di  lui,  e  singolarmente  la  Dor- 
ma di  una  religione  vera,  e  valevole,  se  Dìo 
slesso  non  glie  le  avesse  amorevolmente  date  a 
sapere. 

.  DARE  A  SCAPITO.!'.  DARE  SCAPITO. 

•  DARE  A  SCELTA.  11.  DARE  SCELTA. 
:  DARE  A  SERBO,  o  IN  SERBO  UNA 

COSA.  Derla  in  custodia,  o  >'»  cura  per 
qualche  tempo  con  palio  di  riaverla,  v. 
SERBO. 

•  DARE  A  SERVIRE.  Cavale  SlolUz. 
357.  Acciocché  piaccia  a  colui  a  cui  è  dato  a 
servire  (cioii  al  cui  servigio  «  posto,  a  cui  ser- 
ve ec) 

.  DARE  A  SOCaO.  Si  dice  del  bestiame 
che  si  dà  altrui  a  governare  a  smezzo  gua- 
dagno e  perdita.  Cren.  Slrln.  1i9i  Diodi  a 
soccio  a  Vivolo  lavonlon  d'  Alfieri  dì  Mugel- 
lo pecore  e  vacche  e  mansi  ìa  quel  Icape 
che  ec. 

•  DARE  ASSAGGIO.  ■>.  DARE  SAGGIO. 

<i  DARE  ASSALTO,  e  DARE  L'ASSAL- 
TO, Assaltare,  Assalire,  lat.  aggredì,  Im- 
petum  f acero,  gr.  cìaySójLjUcy.  G.  F.  13.  58. 
4.  Li  continuò  l'oste  dall'Agosto  1345  al  Mag- 
gio 1340,  dando  alla  terra  conlinue  baUaglìe,e 
assalti.  Tac,  Dav.  ann,  13.  4S4.  Radamistoa- 
veudo  invano  o  con  danno  dato  l'assalto^  loco- 
miocia  l'assedio.  E  Stor.  3.  308.  Dw  l'assalla 
i  soldati  straccili  k  notte  e'I  di,  cow  dura,  e 
sema  ricino  aiuto  peiicoloia. 

.  S  fi  meteforlcam.  «  Petr.  cane.  4.  ».  I' 
dico  che  dal  di  cbe'l  primo  assalto  Mi  diede 
Amor,  molt'aooi  eran  passati,  E  som.  313.  Or 
tristi  Bugurii,  e  sogni  e  pensier  negri  Mi  danno 
assalto,  e  piaccia  a  Dio,  che  iavaao  a. 

DARE  ASSETTO.  AreomoHare,  [Mettere 
in  ordine.]  laL  accomodare,  concinnare,  gr. 
KOa/uZ*.  Segner.  Memm.  SeU.  M.  1.  Voleva 
prima  ottenere  lìceusa  di  fame  consapevoli  ì 
suoi,  per  dare  assetto  agi'  interessi  domestici. 
:  Car.  leti,  3.  147.  E,  se  pur  volete  prowi- 
dare  alle  vostre  faccende  di  qua,  basta  che 
mandiate  M.  Sebastiano,  che  darà  loro  quel- 
l'assetto, che  bisognerà,  e  che  ha  dato  all'altra. 

DARE  ASSOLUZIONE,  o  DAR  L'ASSO- 
LUZIONE.  Assolvere.  laL  abselvere  a  fui. 
pie ,  a  peccetis  abselvere,  cum  Dee  cemci- 
liare.  gr.  inoytsiieian  T&»  àftupnipArm. 
i  Paltav.  Stor,  Come,  3.  Non  si  lennera  i  sol- 
dati vincitori  dall'aodar  con  iocredibìl  freqnea- 
sa  a  venerar,  come  legalo  del  Vicario  di  Cristo, 
il  lor  prigioniero,  rirevendone  l'asaolmiooe, 
ch'egli  avea  podestà  di  dar  loro,  per  avoveom- 
battuto  contro  alU  chiesa,  con  proaùssioned'a- 
steuersene  per  iunanai. 

DARE  A  TAGUO.  Favellando  di  casa  da 
mangiare,  vale  Fenderne,  datone  prime  il 
Saggio,  o  Fenderne  a  mimulo;  a  parlando- 
si di  pamni,  vale  solamente  Femierma  a  mi- 
mao.  ìzLporlionibus  vendere,  gr.  ecMt  fdpot 
vvìmU,  Cani.  Cam,  104.  Noi  ne  dmemto  (del 
cacio)  a  taglio,  e'n  tutti  i  modi  Cba  voi  vole- 
te, freschi,  passi,  e  sodi.  ^ 

•  DARE  A  TEMPO,  e  A  TEMPL  r,  DA- 
RE TEMPO. 

•  DARE  A  TERRA.  Cedere,  Bovimere. 
Frane.  Saceh.  leti.  339.  Sono  sUle  poste,  e 
appiccale  tante  immagini,  che  ae  le  mura  non 
tossono  poco  tempo  la  state  incatenale,  a  peri- 
colo erano  col  tetto  di  noa  dare  a  lem, 

«  $  1.  Dare  a  terra,  parlandosi  dittava, 
a  simile,  vate  Piglier  terra.  Approdare. 
Car.  Si.  3.  834.  Alkir  le  vele  Calammo,  a 
con  le  prore  a  terra  \ 


Digitized  by 


Google 


04R 

.{lJW&«rsr«  mttrr*.  S.  jlnt-  C 
D.t.Uk  QMaii  uailt  f«i;ai  furono  dutnlti, 
«■Mt  mUi  ti  •ape  otti  dato  a  l«rra  I 

UlDtn*  Urrm,  »  ptrUrr»,  mU  MA^ 
Jaffmf.M^IItn.  S.Jgttt.  C  D.  pni, 
k^^lMrO  >  pn<«  cuiqa*  dauno  a  terra 
k  tmt  *  ulw »>  •  quali  ToglKHW  cba  l«  co- 
■  ■■■t, ai  (riti  M  Boado  nm  poèieiio  pro- 
^■■•.«£t.S.S6naii  eoa  tua  argoouula- 
mm  ék  hn  a  larra  ogm  pnii««ia.  B  «ppm-< 
M  O^cfca  caaa  ■dnugiia  taaelte  Ciceroua  nel- 
la piMMM  drlU  cfM«  fuiora,  cha  ti  slórai 
■e. Mi  far  lana? 

DlU  k  TBAVKRSO.  lai.  tihwfrtpa- 
Im.  p.  ffét  htanalnìiu.  yarch.  Er- 
ttL  M.  wn  a  ttmrm  ngnilica  dira  lutto  il 
cHiraia  di  qaeUo,  cba  dire  un  altro,  e  wo- 
■Ipn  Mayra  d'arar  par  aaale,  e  par  fallo  tul- 
io ^«lU,  A*  aitli  dice,  l  ha  te.  Cvh.  4.  hcv^ 
%.  tL  làrti  iulla  bolloai  afaMcro  apuuto, 
e  atta  nke  datogli  a  Inrerio. 

MBS  ilTACCO.  Sommimiélrmr  cmgto- 
aa  aadli  ii  sfri,  Aflrtlar  ro«  iiptraHU. 
kL  «uw  tfarr.  |^.  jM/9iì»  jijdvxi.  B»nt. 
(W.  Ut.  S.  Balta  loro  a  acuaani,  l'ai  uoa 
4Maa 0|ai  poao  d'attacco,  ogni  colon. 

.DiBE  AUDACIA.  Xfara  ariiirr.  FU. 
Si.  ttd.  I,  ìi.  All'altiBO  Tadeodoli  Io  nimi- 
ta  Mia  caafiiw  e  vinlo,  aoitralto  per  Tìrln  di 
Ika,  la  ^nala  par  qooato  modo  volla  dare  an* 
imkìÀ  ano  caviliara  Aiitoaio,  lì  gli  appanre 
aaUaaata  ia  forma  d'ano  garaone  Uidiuimo. 
)  MBC  AOOIENZA,  e  UDIENZA.  {/></- 
nitii  fnprt»  d»  Uagiiimli,  •  it'frmH 
fm  imaigtf.  laL«a></«r«,  cvpiam  iùguemdi/k' 
ora  p.  diaùd*.  C,  f.  H.  10.  5.  Ami  era 
Lmm  £  Jan  aodiensa,  t  Italo  ipedira.  Jl- 
Uf.  I.  Nan  a,  caed'ìo,  p>'iese,  Dora  non  legga 
■palaM  dar  dall'udienaa  II  prìncipe,  il  ri- 
ona,  c'I  wigiilrata.  FSr.  Dite.  alt.  U.  Noi- 
b  palai  aono,  eke  vmitn  Altaisa  «e.  non  dà 


•  S  t.  Stmplinmmtm  per  Udire,  Dure  e- 
Katb.  •  Afr.caaa.  27.  <.  Data  audiena  ia- 
àaa  AHt  daleali  mi*  paol*  aitrema  •>. 

$  1  Atra  aMiA«MS«,  vaie  mnehe  Dmr  ret-' 
u.ieLmimadtmrlrre,  menttm  adiiberé.  [gr. 
■I>3aac<»«i.]  FU.  SS.  Ped.  <.  III.  Se  in> 
ha  alUn  aoa  ai  pieudal*,  lappiate,  che  io 
am«d^  più  andimua.  Mr.  Ceti.  t.  I.  E- 
(k  r  li  ialaala  a  'mrealigir  dov'abbiano  Coitei 
<aBdill^  «ka  nan  dà  aaadiauiia  A  eoM  ch'io 
|li^««XAu-.I>.79.Gli  diade  allor  odiaii- 
■  |ià  che  prima,  E  rÌTerillo,  «  fé  di  lui  gran 

«àia. 

it.l>ar  tendieuMM  che  di  ti  Pepe  e' 
ferfeelì,mteda  ietto  ;  e  vele  Itoa  dare  orec- 
tti;rtlle  alleperoia  di  colui,  che  li  perla, 
Mtbk  IO.  U.  Pancclaé  dai  ribaldi  ali  rien 
ieo  L'adianaa,  che  dh  il  Papa  a'furfauti. 

DUE  A  TEDERE.  Pertnadert,  Far  ere- 
dvr;  (a  ti  dice  per  lo  bìù  di  cote  contro 
^ilè  ac.)  laL  persuadere,  otlendere.  gr. 
itoairmi.  Bece.  mov.  S7.  6.  La  Simona  diaiea 
<W  la  pjcen  ;  e  dato  a  Tadcr*  al  padre  una 
'■aiiiia  dapo  aungiara,  che  andar  rolen  al- 
hp»<i amia  aianCal lo, con  un* ina  compagna 
•e  ai  aa  aldi.  M  nof.  SI.  ^.  Mi  vuol  dare 
•  <adc*,eh*  la  natta  prima  che  Sicofante  giao- 
fa  am  lai,  meaer  Mao*  enlnne  io  Monte 
Boaparfaim.  S eev.  U.  IH.  Al  quale  ella 
'il  tedot  eh*  ama  an  prale.  E  iuuh.  11.  E 
'  *e  «ndi  aver  dato  a  redare,  che  tu  allrore 
■'Maia  cena.  fiiw.  SI.  4.  Dandogli  a  re- 
^ch'aam  rcain  reno  balia.  Lab.  301.  Te 
*^  maatnva,  par  dare  a  vedere  a  quelle, 
'^  imfi  ti  dimoalFaTa,  i^  ancora  eaiere  da 
■■V  WUa.  Cw/:  Celv.  1.  Sg.  Dandogli  a 
'*'■  Vuala  ia  cii  erra.  Sperano  d'  aei|iii> 
*">aAaia,e  bau. 

BABE  A  oro.  Bere  teium  rietorre  ri- 
'»fmte.  laL  <f«r«  greti:  gr.  iaptia  Ìi- 

>  OABE  A  VISTA.  ».  DARE  VISTA. 

•  DABB  A  VITA.  ».  DARE  VITA. 

•  OABC  A  D!f  MORTO.  Figurel.  vele 
jj*^  'a  /altea.  Perder  il  tempo.  Borgh. 
""t-  fir.  M.  Melchior  Caaa  ac  ha  in  au- 
■^U  raaiià  di  i|Beita  trarala  Koperta,  eh* 
"'*'*  °n  iggiugaere  nalla  di  nuoro^  aarabb* 
"••dm  a  an  morto. 

1  DABE  A  CSDRA.  Bere  per  ricever*. 


DAR 

oltre  ìu  iene  dela,  mdie  tiuure.  lai.  <<ar« 
feeturi,  gr.  Javd'f^r. 

*  %\.  B  per  timilit.  m  Amm.  ent,  16.  4. 
S.  Cb**l  b«neficio  non  li  dee  dare  ad  usura. 
Albert.  A.  L'uomo,  che  ha  miiericozdia  del 
povero,  dà  a  mura  a  Donanneddio  ». 

S  i.  Dare  di  usare,  [va/a]  Pegera  per  u- 
ture. 

DARE  AUTORITÀ  Concedere  /ecolli, 
petente.  laC  euctoriflem,  potettetemque 
lergiri,  demanderò,  gr.  àfeueiei*  Mitii. 
G.  F.%.  SII.  i.  Feeelo  paciaro  in  Toieana, 
acciuccbi  melleu*  oooiiglio,  e  pace  nelle  di- 
acordie  di  Toacana,  dandogli  graud*  antorìtade 
di  procedere  ipiriftualmeote  a  chi  Iòne  diiub- 
bidieul*  alla  CbieM.  U.  r.  ì.  Vt.  E  di  ciò 
diedoiio  agli  ambaiciaduri  piena  autorità,  e  ba- 
lia. :  Pallty.  Sior.  Cane.  748.  Par  cui  deputi 
otto  Cardinali,  che  aopraataaaera  alla  piena  eie- 
cuaione  del  Coucilio,  e  die  loiu  rautorilà  op- 
portiiua. 

DARE  AVVIAMENTO.  Dare  occetione, 
e  mesto  di  far  conteguire  qtiello  che  ti  de- 
sidera. Dar  da  lavorare,  Arrecare  utilità. 
lau  in  atte/ftiendam  rem  viam  monstrere. 
Cant.  Cam.  307.  Donne,  nou  vi  sia  affiaiio  Di 
darà  avviamento,  a'e'vi  piace.  Ber».  Ori.  I. 
17.  4H.  lo  polso  darti  un  altro  avviamenlo. 

^  DARE  AVVISO.  Avvitare.  Utcerliorem 
facere.  gr.  fiiktijv.  Test.  Ger.  9.  14.  Entra 
in  Geruaalemuie,  e  tra  le  meste  Turbe  panando 
al  Re  dà.  l'alio   avviso  Del   gran  campo,  cfad 

P'unge,  e  del  disegno,  E  del  uotturno  assalto  a 
ora,  e  '1  leguo.  Ar,  Fur.  33. 47.  E  promette 
gran  premio  a  chi  dia  avvilo  Chi  italo  lia,  cba 
gli  abbia  il  figlio  neciso.  Aarii.  Ori.  i.  S4.  M. 
Fu  tosto  dato  avviso  io  che  periglio  Femù  sa 
trovava,  e  'I  re  Miraiglio. 

;  S  £  per  Dare  inditlo.  «  Ar.  fitr.  il. 
431.  Che  la  presenia  gli  dii  certo  avviso; 
Gh'er'uoiiio  ilfuatre,  e  piea  d'atto  valore  », 

DARE  BAGGIANE.  Dare  a  credere  me»- 
togue.  laU  imponere.  gr.  ifaTTacràcv.  Farch. 
Breol.  70.  QueMi  due  verbi,  dar  pantana,  ov- 
vero baggiane,  e  ficcar  carote,  sono  non  pur 
fiorentini  e  toscani,  ma  italiani. 

DARE  BALDANZA.  Porgere  animo,  ardi- 
re, lat  anlmot  addere.  gr,  ftoeosuvrtv.  Petr. 
ton.  II.  Pur  mi  darà  tanta  baldania  Amore 
Fr,  lac.  l'od.  3,  3.  i.  Onde  esce  speranaa.  Che 
dà  faaldanaa  Al  .cor,  eh*  è  levalo. 

DARE  BALLA.  Concedere  aulorllà.  lai. 
imptriitm  dare.  gr.  xpónot  ittineu  oàrrosoi.- 
ropx  TiMc  ireilTv  G.  r.  8.  68.  3.  Fu  loro  data 
per  necessità  balia  generale,  sicché  sedici  di 
signoreggiarono  liberamente  la  terra^  mandaudo 
il  bando  par  loro  pafle,  E  40.  488,  3.  lu  Fi- 
renae  elesiono  13.  buoni  uomini  popolani  di 
tre  in  In  mesi,  a  cui  diedono  piena  balia  della 
governesiooe  di  Piitoia,  e  delle  riformagiout 
delle  Mgnorie,  co*  Priori  di  Fireua*  insimae. 

.:  DARE  BALTA,  v.  BALTA. 

DARE  BANDO,  Etiliere.  laU  exilio  dam- 
nare.  ir.  i(oel^:t.  Bocc.  nov.  84.  8.  E  minac- 
ciandolo di  larlo  impiccar  per  la  gola,  o  fargli 
dar  bando  delle  forche  di  Siena,  montò  a  cavallo, 

S  B  per  timiiit.  Scacciare.  Fir.  Ai.  aS7. 
Perch'io,  dato  bando  a  tutti  i  miei  consigli  ec., 
mi  diadi  a  giran  *c  Burch.  4 .  55.  E  facavau 
fra  loro  un  gran  consiglio  Di  far  dar  bando  a' 
fichi  castagnuoli.  Alleg.  40.  Fate  che,  vedendo- 
vi dentro  ritratta  al  naUirala  la  misera  condi- 
aton  da' poeti  oc.,  dieno  un  tratto  bando  alle 
rime  bngiarde,  e  mandin  le  mus*  in  chiasso  a 
suon  di  corno.  E  401.  Ma  il  volgo  ignoranlis* 
simo  veduto  Non  ha  le  muse  al  suon  d'aua 
tabella  Dan  a'  poeti  mediocri  bando. 

DARE  BASSO.  Conirerie  di  Dar  alto.  lat. 
Infra  suMdere.  gr.  ùnoxtài^f, 

S  BJSgHrelam.  tion  prender  eppunte  to- 
rà, Ilon  estere  a  tempo,  lat.  serltit  quam 
oporluit  eccedere,  gr,  ùmptìì)  Tfiv  mhaSv, 

DARE  BASTONATE.  Percuotere  con  bo- 
ttone, lat.  baculo  perculere.  gr.  pet^if/Uìi. 
Bocc.  Hov.  45.  S5.  Io  non  so  a  cba  io  mi  tan- 
go, che  io  non  vagna  leggili,  e  deati  tante  ba- 
stonate, che  ec  Ar.  Supp.  4.  S.  Sa  t'appros- 
limi.  Io  ti  darò  una  bastonala. 

%  BJgHralam.  Farcii.  Ercol.  89.  Dan 
nna  bastonata  a  uno,  ijiia  aule  di  lui  scon- 
ciamonle,  e  tanto  pia  te  vi   l'aggingne,  da 


DAR 


U 


9  DARE  BATTAGLU.  e  DAR  LA  BAT- 
TAGLIA.  Combattere,  Fentre  alla  tuffa. 
lat.  praelium  commilter*.  gt.  pAYtedca.  G.  F. 
9.  44.  I.  A  quello  fece  dare  più  batlagbe,  e 
votan  i  fosii  d' acqua  par  empiergli  di  tetra. 
£  41.  SS.  4.  Vi  continui  l'osu  dall' Agotto 
1145.  al  Maggio  4348,  dando  alla  terra  con- 
tinue   battaglia,  e  aiiaìti, 

*  %  E  malaforic.  «  Peir.  ton.  S4.  L'aspet> 
tata  virtù,  che  lu  voi  fioriva  Quando  Amor  co- 
mincii  darvi  battaglia.  Produce  or  frullo,  che 
quel  lion  agguaglia.  Fr.  lac.  Tod.  E  contn 
la  ragione  Si  dà  nanda  battaglia  >. 

1  DARE  BATTITURA,  »  BATTITURE. 
Battere,  Percuotere,  lat.  verberai  e, pulsare. 
gr.  Slpmv.  Bocc.  nov.  73.  49.  Seiilirmio  la  fie- 
ra bdltilun,  la  quale  alla  moglie  dava. 

:  S  E  figurai  am.  m  Arrig.  [55.]  Prima  dia- 
di le  mammelle  a  Dario,  poi  le  battiture  ». 

DARE  BECCARE.  Dar  mangiare  agli  ne* 
c«//i.  lat  avet pascere,  gr.  Spvtàot^  ecrouè^ov. 
Bocc.  g.  k.  p.  41.  Deb!  se  vi  cai  di  me,  fate 
eh*  noi  ce  ne  meniamo  una  oolassù  di  qusst* 
papan,  e  io  le  darò  beecan. 

J  4.  Dar  beccare  al  cervello,  moda  bat- 
to, vale  Pensar  tra  tè  tose  di  niun  momen- 
to, lai.  inanes  cures  disponere.  gr.  xtva  lu- 
Xn&>.  V.  CERVELLO. 

S'  1.  Dar  boccerò  olla  putta  ,  dicasi  del 
Riporre  nascosamente  In  glncando  parte 
del  danaro,  o  per  atsicurarii  di  non  riper- 
derlo, o  per  far  vista  di  vincer  meno, 

%3.  DAr  beccare  a'  polli  del  prete,  modo 
basto,  elle  vaie  Uorire.  lat  diem  tiutm  obi- 
re.  gr.  TCàcunSv. 

^  DARE  BÉU.EZZA.  Abbellire,  lat  deciit 
addere,  pulcritudinem  adtciseore.  gr,  xcol- 
ÌOf  Ttporcàivtu.  Patt.  153.  Parva  che  due 
fortune  contrarie  si  divideisono  insieme;  l'una 
gli  diede  grande  nobiltà,  e  smisurata  belleasa  , 
prodeaaa,  molla  gloria  ec.  Boct.  Farch.  3,  4. 
Che  belleaaa  non  dico  possono  elleno  dan  ad 
8llrat,ma  hanno  in  sé,  che  si  debba  desiderare?  ' 

DARE  BENEDIZIONE,  o  DAR  LA  BENE- 
DIZIONE. Benedire,  lat  'benedicere,  gr.  (0- 
Àoyfly.  Bocc.  nov,  I.  30.  Veggendo  il  frate  non 
esser  altro  restalo  a  din  a  ser  Ciappelletto,  gli 
fece  l'assoluaàone,  «  diedegli  la  sua  banediaif^ 
ne,  avendolo  per  santissimo  uomo.  Fr.  iae, 
Tod.  Poiché  da  la  mi  parto.  Dammi  la  b«tta- 
diaione. 

DARE  BENEFICIO,  a  BENEFICI!.  Far 
bene^cii,  Conferir  benefica.  Beneficerò,  lat 
beneficia  conferre,  beneficia  facere.  gr.  eùtp- 
yrra^v.  Bocc..pr.  4.  Non  perciò  é  la  memoria 
fuggita  de'beoelicii  già  ricevuti,  datimi  da  co- 
loro ec. 

S  Dar  beneJSeii,  termine  de'Canoulsti,  va- 
le Pretenlmre  a*beneficii  ecrletiattlci  vacan- 
ti, Confarirgli.  G.  F.  41.  10.  LPuosef^/M 
Giovanni)  le  ris«rvaaioni  di  tutti  i  beneficii  col- 
legiali di  cristianità,  e  lutti  gli  volea  dare  egli, 
dicendo,  il  faceva  per  levare  le  simonie. 

DARE  BERE.  Porgere  da  bere,  Metcere, 
Apprestare  la  bevanda,  lat.  dare  blbere.  gr. 
Ttoriitn.  Bocc.  nov.  47.  16.  Ordinò  con  co- 
lui, che  a  In  serviva,  che  ^i  vani  vini  mesco- 
Isti  le  desse  bere,  £  nov,  40,  15.  Come  ella 
sua  amica  in  cau  il  medico  menato  1'  avea,  a 
come  gli  avea  data  ben  1'  acqua  addoppiala.  B 
nov.  76.  44,  Buffalmacco  facea  dar  ben  alla  bri- 
gata. Ar.  Cast.  8. 1 .  Se  a  cena  cosi  prodigoSarai 
nel  darmi  ber,  com'on  chiacchiero.  La  cosa 
soderà  gaia. 

S  4.  Dar  da  bere,  o  a  bere,  vale  lo  ties- 
se, Bocc.  nov.  SS.  II.  A  la  sta  onmai,  <|iia- 
Imra  tu  mi  vuogli  «oat  Imo  dar  da  mangiare^ 
eoa»  iàcaiti,  ed  io  darò  a  la  coti  bea  da  bara^ 
come  avelli.  O.S.S4,5,  Contro  alla  diiianla- 
ria  vale  il  sugo  .Ielle  fo^ie  dato  a  bere.  £  op- 
presso: Anche  la  polwre,  secondo  Oiosaoride, 
data  a  bere  ec^  cura  i  porri. 

J  1.  Dar  buon  bere,  [vale]  Hender  gustoso 
il  bere.  lat.  gusliim  potili  conciliare,  Allegr, 
98.  E,  giunto  all'oste,  dissegli  pian  piano  :  Ar- 
racami,  se  v'hai,  cba  dia  buon  bere,  E  poi  ria 
rosso,  e  bianco ,  e  non  di  piano.  Buon.  Fior. 
4*  3,  4.  Studiando  molto  me  persuadere ,  Col 
taira  a  dir,  che  quel  dava  buon  ben. 

$  3,  B  JIguratam.  vale  Dar  gusto.  Dar 
piacere,  lai.  piacere,  arridere,  bomim  tpe- 
cìmen  praeber*.  gr,  ày$«i>ny,  •:  Hed.  leti. 


Digitized  by 


Google 


M 


DAR 


I.  ISS.  I  ^nili  (eaiupt)  ialonio  A  tMo  A- 
g]i  uomiut  non  diniiio  nji  bo«a  b«re. 

{  4.  'Dar  ber»,  e  Dar  a  btr€  utui  tota  ad 
urne,  vmU  Dar»  ad  iutéudtre,  *  Far  erada- 
r*  ad  uno  ipul  eia  iwit  i.  Barn.  Ori.  t.  IO. 
S,  P«r6  u  dice  rolguBMttte  in  piana  Per  un 
proverbio:  e' glie  1  he  deU  a  bere.  Farch. 
Sreoi.  87.  Dar  bere  una  cosa  ad  alcuao,  i  br- 
;liele  a«d«re;  mido  li  dico  berMla,  e  il  Ul  «• 

ba  beala,  o  (Ma  la  naia  di  bcraala. 

DARB  HIAOA,  «  DAR  LA  BIADA.  Gomp- 
iure  t»  betti*  da  toma  colia  biada.  Ut./r»- 


fi 


géé  prmeberé,  gr.  ^piat  «cr^v.  Burch.  \. 
87.  Al«Maoilnf  Tucii'I  fieuu,  e  la  paglii  In- 
luaxi  Hi  barbaraicU  di  Cicilia,  Non  daudo  bia- 


da i\  dì  della  TigilU,  Che  'utrava  il  Podestà 
di  Siiiig alalia. 

DARE  filASIUO.  Biagimnr9o  Ut  vitupe- 
rare, gr.  f iyccv.  G.  y.  IO.  f4$.  9.  la  Pireo- 
■e  ebbe  molti  repetii,  e  bia«tno  dato  a  coloro, 
che  non  eveauo  luciato  preadere  l' accordo  co' 
Tedoichi.  Daui,  Inf,  7.  Q(ie«t'  è  rolei,  eh'  è 
taoto  polla  ili  croce  Pur  da  color,  che  li  do- 
vHaa  dar  lode,  Dandole  biamo  a  torlo,  e  ma- 
la voca.  Frane,  lìarb.  106. 13.  La  (jolota:  da- 
ta Freno  alla  lingua,  che  può  biasmo  dare.  Ar, 
Fiér.  10,  50.  Vede  moi  viiìi,  e  sue  virtudi 
aapreice,  Sicché  a  luiiagbe  poi  di  sé  oon  cre- 
da* Ne  a  chi  dar  biasmo  a  torto  gli  volesse. 

*  5  Per  Ac<f*ti9t4r  biasimo.  Petr.  {' f^it. 
imp.  Poni.  5.]  Ma  molte  co«e  gran  biasimo  gU 
del  tono. 

DARE  BORNIOLE,  [o  UNA  BORNIOLA.] 
ìiodo  ùa$so.  laU  iuiquam  ietUsuUam  /erre, 
gr.  iTfl^àvO/sOy  '^fov  tl^te^ou.  f^arch.  Ercol. 
tS.  Dare  una  boriiiolai  ^  dire  il  contrario  dì 
quello,  che  h\  e  si  dice  propriamente  d' uno,  il 
quale,  avendo  ì  giucatori  rimessa  in  lui,  e  fat- 
tolo giudice  d'alcuna  lor  difiorenaa,  dà  il  torto 
a  chi  ha  la  ngioiie,  o  la  ragione  a  chi  ba  il 
torto. 

DARE  BOSSOLETTI.  i'.  BOSSOLGTTO. 

;  DARE  BOTTONI,  «v  BOTTONE,  S  ». 

DARK  BRACCIO.  Porgere  il  braccio  in 
aitilo,  laL  eubvenire,  attxitiari,  difenderà. 
gr.  /99i]d<lv,  iirtxou^cTy. 

S  4.  Dar  braccio,  per  $meta/.  Mutare.  Se^ 
gnor.  Predo  S5.  3.  («omo  gli  (>utrauno  addrix- 
s«r  ne' costumi,  se  voi  nou  dite  lor  braccio? 

$  9.  Vare  il  braccio,  vate  Ì)ar  facoltà. 
ì$i.  potestatam/fteera,  gr.  i(ou9Ì%v  Jt^dvOt. 
v/r.  CasM.  S.  1.  E  che  tu  lo  preghi,  che  ti  dia 
il  braccio,  siccbi  tu  possa  andare  a  cercarli  la 
casa. 

S  3.  Dart  il  braccio  regio,  vaie  Concede- 
re  di  potere  operare  coli' autorità,  a  co'pri' 
vilegii  regii.  lai.  regiam  potestatem  conce- 
cedere,  gr.  r^v  /SwTtAixtìv  i^oviiot*  ^iÌAvìu. 

DARE  BRIGA.  Infastidire,  Molestare. 
lai.  molestiam nffltrre,  ^i,  nv.pixttytnHnpA- 
y/uiocrK.  Hocc  Hov.  SS.  15.  lo  gli  credo  persi 
fatta  maniera  riscaldare  gli  orecchi,  che  egli 
più  briga  non  li  darìi.  E  nov.  59.  8.  Ciascuno 
vtìJoee  quello,  ohe  Guido  avea  voluto  dire,  e 
vergognossì,  uè  mai  più  gli  diedero  briga.  G. 
V,  9.  SS.  S.  Fecero  decreto ,  che  per  offesa, 
che  'I  Re  di  Francia  avesse  falla  ■  papa  Boiù> 
làaio,  o  a  santa  Chiesa,  mai  a  luì,  o  a  sua  rede 

riesse  esser  apposto,  o  dato  briga.  AUegr.  88. 
la  vostra 'itatural  cortesia  mi  v'alletta  a  dar- 
vi, abbiale  pacieuaa,  la  sagiteute  briga. 

*;  $  I.  Dare  briga,  vale  anche  Impedi- 
re,  Toglie»^.  Daat,  Purg,t, Hoa  pwò ch'ai* 
tn  cosa  desse  briga,  Che  U  Dotturoa  tasdwa, 
ad  ir  suso. 

$  S.  £  HOHtr,  pmee,  vale  Brigarsi,  biffati* 
carsi,  [o.  sempiìceinemte  Adoperarsi  la  una 
cesa.]  iat.  stmiere,  euram  gerere.  gr.tTi/tfl- 
XtXe^eUo  Ceech.  Sarvig.  4.  9.  DaUi  briga  Di 
Sàt  cristeì,  e  non  del  fatt&  mio. 

t  DARE  BUBOLG.   v.  BU0OLA,  $  S. 

DARE  BUSSE.  Percuotere,  lai.  pulsare, 
verÒerare.  gr.  irsu  »v.  Bocc.  nov.  04. 1 S.  Li  qua- 
li venuti  là,  e  udendo  la  cosa,  e  da  un  vicino,  e 
da  altro,  presero  Tofiuio,  e  diedergU  tanto  bus- 
aa,  che  lutto  il  fummuo.  K  mo%'.  88.  8.  Ella  in 
ptraoua  di  U  uef  suo  lotto  la  mise,  pragan- 
dola  che,  Miua  farsi  conoacere,  quelle  busse 
nasieolamanle  ricevesse  ^m  Arriguccio  le  desse. 
e  NNiN.  16.  Non  ti  diedi  io  di  molte  busse  7 

DARE  CACCABALDOLE.  rareM,  Brcei. 
88.  UmosI  aiicoraìn  T«ct  di  adsdare,  s^ar^. 


DAR 

0  dar  ta   tùia,  e  cosi  dar  Pafiodeta,  dar 

caccabaldole,  moine,  roseilime,  ta  quadra 
ee.,  e  pii  popolarmeate  andare  a  Piacente, 
ovvero  atta  Piacentina,  e  talvolta  iigiar  la 
ceda.  :  Cas.  lett.  Gualt.  188.  E  sopra  lutto 
vedete  d'intendere  come  S.  S.  Reveread.  ai 
tieite  servito  io  questa  canaa,  avverteodo  a  aoo 
mi  dar  caccabaldole. 

DARB  CACCIA,  o  LA  CAGCU.  Far  fug- 
gire, correndo  dietro  a  chi  fugge  per  arri~ 
vario-  lai.  aliqitem  in  fugam  cwtiicere,  pel- 
lere,  fugare,  gc  fVfOtieùuv.  Bem.  Ori.  S. 

8.  49.  Kiuo  alla  rocca  detloo  lor  la  caccia.  B 
3.  ft.  38.  Moi^i4e,  die  gli  dava  più  la  caccia. 
Ebbe  in  meaao  all'assalto  uu  strano  iuloppo. 
Jr.  Fur.  li.  38.  Come  il  òoe  tslor,  se  gli  è 
intmvelta  O  lepre,  o  volpe*  a  cui  4ava  la  cac- 
cia. Seggo  uat,  eep.  119.  Per  molto,  cbe  se 

fli  dette  la  caccia,  spavea^trdoto,  e  agitando 
acijna,  non  fu  noi  veduto  sollevarsi,  come 
facevano  gli  altri  pesci.  JHalm.  7.  82.  Oimè  le 
mie  stoviglie  e'I  vii«  di  Chiauti,  Ch* io  tolsi  in 
dar  la  caccia  a  nn  vetturale. 

DARE  CAGIONE.  Porgere  occasione.  Iat. 
dare  oecasionem,  occasiouem  praebere.  gr. 
à90pfii/,v  9tÌ6iMiA.  Bocc.  f .  8.  /  3.  Voglio, 
che  nomare  sì  dica,  poichi;  donna  Licisca  data 
ce  n'ha  cagione,  delle  beffe,  le  quali  ec.  E nov. 

09,  IO.  Le  die  cagione  dimandare  ad  eSeUo 
la  seconda  cosa.  Enev.  85. 13.  La  quale  estn- 
tamci'to,  tecondo  T  ammaestramento  di  Bruno^ 
adoperando,  molto  bene  iic  gli  dava  cagione. 
Lab.  18.  S'iiigegna  di  darti  dolente  vita,  e  ca- 
gione di  desiderar  la  tnotXc.Amet.  45.  E l 'occhio 
lonundo  alle  eose  più  basse,  mi  die  cagione  di 
maggiore  maraviglia.  E  70.  Alla  quale  Giui>one 
invidiosa  diede  cagione  di  mancamcoto  a'mol- 
tiplicali  uomini.  Albert.  04.  Lo  stolto  sempre 
procrastina  dì  far  bene  ec  ;  dae  cagione,  cbe 
oggi  promette  di  far  dimaue;  e  quando  dima- 
ne è  venuto,  e  anche  promette  «limane.  Petr, 
cane.  46.  3.  Crudele,  acerba,  inesorabil  morte, 
Cagion  mi  dai  di  mai  non  esser  lieto.  Tass. 
Ger.  5.  3.  E  quella  elesion  sovra  se  toglia; 
Cosi  non  avverrù,  ch'o'dia  cagione  Ad  alrtui 
d'essi,  che  di  lui  si  doglia.  Ar.  Caàs.  I.  S.  Noi 

J,1Ì  diam,  per  irasciiraggine  Nostra,  cagion,  cbe 
a  stitxa,  e  la  collera  Sleghi  sopra  di  noi. 

$  1.  Emeulr.  pass.  Ar.  Snpp.  4.  3.  Se  ne 
potrebbe  morire,  o  impaozare  facilmente,  o  di 
qiialch'alira  dìserasia  darsi  cagione. 

$  3.  Par  Incolpare  uno.  Iat.  cattsam  alieni 
inferre.  gr.  etinàeieu.  Fiamm.  3.  43.  lo,  le 
feste  non  pooo  intra  In  sciate,  dando  di  ci&  al  ses- 
so lem^Kk  cagione,  veggendo  il  nuovo,  rico- 
minciai ad  ttsare. 

*  $  3.*^«r  Addurre,  e  Allegare  satsa, 
pretesto,  o  simile,  Iat  nancisci  causam.  gr. 
o^rtaAoycty.  PUt.  SS.  Pad.  9.  154.  Questo 
secolare,  volendolo  onorare,  diagli  alcuna  ca- 
gione, ch'egli  aveva  bisogno  d'andare  innansi. 
*S  liicord.  Malesp.  113.  Non  li  assealtrouo, 
dando  cagione,  che  la  detta  msrcatansla  era 
barattata. 

DARE  CALCI.  Tirar  colpi  col  piede.  Iat. 
calcibus  potere,  calce  ferire,  gr.  >gorrt£;«cv. 
Becc,  nov.  08.  9.  Credendosi  la  moglie  piglia- 
re, prose  la  fante;  a  quanto  ^li  potè  menar  le 
matti  a*  piedi,  tante  pugna,  e  tanti  calci  le  die- 
de, tantoché  tulio  il  viso  rammsccA.  E  uov, 
73.  19.  Niquitoso  eorse  verso  la  moglie  ;  e, 
presala  par  le  trecce  ec,  tanto  le  die  per  tutta 
la  persona  pugna,  e  calci  sansa  lasciarle  in  ca- 
po capello,  o  osso  addosso,  che  macero  non 
U^se.  Tac.Dav.  ann.  10.  338.  Finìu  la  ferto, 
Poppea  mori  d'un  calcio  datole  dal  marito 
crucciato  nel  ventre  pregno. 

X  4.  E  Dar  d'un  calcio,  vale  Tirare  un 
colpo  col  piede.  Borgh.  C»/.Lat.40S.PostaaUo 
diade  al  lecìale  d*an  ealdo, 

*  $  3.  [£  Dar  de^ calci  ad  una  cosa,  va' 
le  Jiguratam.  DisproMiarla  grandemente.] 
Segnar.  Mann.  [Sett.]  91.  4.  Sì  contento 
di  avere  solo  Dio  testimonio  di  quel  buon  fine, 
per  lo  quel*  avea  dato  cosi  de*  cala  al  onondo. 

$  S.  Dar  de*  calci  al  vento,  al  rovaio,  al» 
/*  aria,  e  simili,  vale  Asere  impiccete.  laL 
laqmeo  suspendl.  gr.  «htecyxow'Cte^fla.  i^occ. 
«or.  19.  49.  I  Ire  masnadieri  il  dì  seguente 
andarono  a  dar  da* calci  al  rovaio.  Morg.  18. 
94.  r  ri  promatto  Ch'ai  vaoto  sosìeme  dei 
calci  darato.  Cfr^^  Celv.   9.  87.  Falcon  h 


DAA 

ti  voto  eoM6  il  patserioo;  Coit  timaia  a  dir 
de*  ealci  al  vento,  E  cfksl  vuole  il  gmAcso  Avi- 
DO,  Che  ekì  mal  vìve,  mnoia  mal  coulcoto.  Fir, 
Disc.  an.  44.  Se  il  ladro  ne  avesse  Usriato 
star  le  cose  altrui,  non  sverebbe  dato  dei  cal- 
ci al  vento  sul  Mercslale.  Ar.  Cass.  4.  i.  Che 
IKM  mi  lasci  por  tompo  di  «vvolcermì  Un  lac- 
cio al  collo  e  dar  de' calci  all'  aria  ? 

S  4;  Per  Tirare  i  fratti  moreudo.]*i.  mu- 
ri, gr. TcAtuncv.  Bern.  Ori.  1.  0.  70.  Edi 
de' calci  al  vento  io  sul  sabbione,  Dall'una  b». 
da  air  altra  trapasaato. 

:  DARE  CALDO.  Riscaldare.  Bene,  Celi. 
Oref.  35.  Accostisi  destramente  1*  opera  si 
fuoco,  e  comincisi  dargli  moderato  caldo  ec. 
Non  bisogna  dargli  tanto  caldo,  sicché  la  tua 
o|tera  s'infuocasse. 

;  S  1.  Darsi  un  caldo,  vale  Scaldarti 
leggermente,  v,  CALDO.  Sust.  $  11. 

;  S  S.  Dar  caldo  a  uno,  figuratam.  vele 
Caldeggiarlo,  Metterlo  su,  M.  y.  -9.  39. 
Sotto  coirne  di  /guardia,  nu  nel  vero  per  dare 
alla  compagna  caldo,  e  favore. 

bARE  CALO,  DARE  DI  CALO,  e  DARE 
IL  C.\LO.  Concedere  altfuatito  per  celo. 

S  Dare  a  cale,  Dare  per  riavere  la  ròte 
data,  e  il  presso  di  quanto  ella  sia  calata. 
DARE  CALUNNIA.  Calunniare.  \si.  ce- 
lumniari.  gr.  iiàfiaXXttv.  Bemb.  lett.  [t.]  4. 
117.  Come  ella  s'è  ii^egnala  di  difendami 
dalle  calunnie  datomi  appresso  Sua  Beatitu- 
ditte. 

DARE  C.\MBIO.DARE  IL  CAMBIO,*  DA- 
RE IN  CAMBIO.  Cambiare.  Iat.  permuta- 
tum  dare,  permutare,  gr.  ^cflcAiecrrCiv.  Ar. 
Cass.  4.  7.  E  dato  in  cambio  Gli  ha  la  Uti 
veste,  e  gli  altri  panni. 

DARE  CAMPÒ.  Dar  di  vantaggio  ad  al- 
Inti  alcuno  spazio  di  via  nel  camminare, 
nel  correre,  ec.  Ut.  spatiwn  dare.  gr.  éfep- 
/o}v  Mivou. 

S  1.  Dar  campo,  {per]  Porgere  opportu- 
nità, comodo,  Iat.  camp*un  dare.  Se».  Fir. 
As.  483.  Mi  salse  a  dosso,  e  di  nuovo  di  cor- 
rere mi  die  campo.  Malm.  10.  3.  Di  campo, 
cbe  di  lui  sempre  si  predichi. 

S  3.  l)ar^  il  campo,  \j^er\  Concedere  luogo 
per  li  combattenti, 

DARE  CANZONE.  Lo  stesso  che  Dare 
erba  trastulla.  Dar  parole,  lai.  verba  mitre. 
gr.  .7r«^fltA9yf5«ff&«i-  Fr.  Giord.  Fred.  R. 
Quando  vieti  chiesto  il  pagamento,  soglioo  dar 
csnaoue.  Gal.  Capo  tog.  3.  180.  Per  dar  nc- 
sone,  e  pasto  agi'  ignoranti. 

^  DARE  CAPARRA.  Sborsar  parte  del 
presse  pattuito  per  fermare,  e  stabilire  il 
contratto.  Iat.  in  arrltabottem  dare,  gr.  «t.^ 
potfiwliétv.  Go  K  10.  438.  1.  E  fsHo  il  pst- 
lo,  dièronne  caparra  13000.  Boriili  d'oro,  ì  qua- 
li si  perderono:  per  la  fretta  che  ebbero  uou 
uè  presero  sUdichi,  ne  cautela. 

1%  K  per  similit.  «  Cavale.  Med.  cuor. 
[151.]  Come  Dio  dà  ai  buoni  in  questo  mondo 
caparra  di  Paradiso,  così  alcuna  volta  dà  ai  rei 
caparra  d' Inferno  ». 

DARE  CAPO.  Costituire  superiore,  lai. 
superiorem  constituere.  gr.  ^•elej^ot  xoSterA- 

J  S  *•  ^^f"  ^^T^  *  "'"  cosa  ,  vale  Darle 
principio.v.CA^O,  $  73. 

5  9.  Dar  del  capo,  o  Dar  di  cape;  Incon- 
trar col  capo.  Capitare,  lai.  adventre.  gr. 
KMXvfflvd».  Ar,  FUr.  90.  80.  Dopo  molti  sa- 
ni alle  ripe  omicide  A  dar  di  capo  venne  un 
giovanetto. 

S  3.  Bjfguratam,,  vale  JUtorrere,  ^ppi' 
gliarsi  a  tptalche  partito,  Iat  consilium  ce- 
pere,  gr.  Ttpoìtiptleòeu. 

S  4.  Dar  tra  cepo  «  colle,  pale  Colpir 
senza  discrezione.  Ut.  temere  plegas  infti^ 
gere.  Seguer.  Pred.  9.  4.  Soa  poscia  i  primi, 
quando  lo  veggano  nella  vernata  già  secco,  a 
levar  la  scure,  e  dargli  alU  cieca  tra  capo  e 
colto,  tra  tronco  e  rami. 

$  8.  Dar  del  capo  nel  muro,  vale  Dispe- 
rarsi. Iat.  furerò,  ituanire.  gr.  patlTHe^n. 
yemd,  CHst.  47.  Chi  si  vuole  iscaodalinsre, 
si  si  acandalessi,  e  dia  del  capo  nel  muro.*  farch. 
Ercol.  55.  E  se  continua  nelU  stissa,  é  mottra 
segni  dì  volere  star  forte ,  e  aver  pasicoss,  si 
dice:  ^li  ba  rabbia,  e  vuol  dare  del  capo,  o 
battac*  il  capo  nel  auro.  Ar.  Fktr.  38.  41.  N< 


Digitized  by 


Google 


VAU 


DAR 


DAR 


b  f«  mltim,  (><r  *•■«  malto;  M*  fu  per 

ittUofo''  'Bn*  '  ■Miri. 
•  <  t  Ar  M  c<M  KM'timiUrt,  vmU  Et- 

mmtmMt  mtrU.  •>.  CIMITERO,  $  S. 
j  T.  D*rt  im  ctp»  ,  •»/(  OffimUra  mila 

wju  dJ  etf»,  Cilptrm  net  cape,  l»L  capai 

mfétrr.  |r.  ttlfaìifi  ['jSisnTU».] 

\  I.  Dmrt  al  cmpt,  a  Dar»  ari  capo;  \par- 
iJUttt  il  MW,  «  timilr,]  vaia  ÒgUtcare 
la  m»M.  ìtL  capili  aacara.  gr.  xuftùiit  [*x«- 
irii  ta<!>.]  Jlltgr.  ni.  Oad'  eli*  muU  Co- 
bi d  na  A  ad  Ctfo,  e  addonnenU. 

.MBS CARDO,  r.  CARDO. 

DIKE  CABOiA.  T.  mariaaretc»,  e  vale 
Jeaaciar  la  carama,  mandarci»  il  naviglio 
alU  inda  per  rattllargli  ilftadapar  tu» 
iimatiiart. 

>ABE  CARICO,  titearieara,  Jtauar*. 
ià.  Mtcaiart,  cahtmmtari,  invidia  onerar». 
p.  aitii«i>«t.  ^r.  Caos.  5.  4.  Par,  cha  «oglia- 
aa  ht  lai,  laitiCrjic,  •  darli  carico.  £  Siipp. 
l.[*t.]ll^■■i■«  UD  uomo  dabbeiM  pahblica- 
amc,  €  4rli  carice.  Tac.  Dav.  aan,  4.  85. 
SniUan  aaa  à  t]  ìdìibìco  di  Tilieiia ,  cba  gli 
èa  uj  caiica;  a  pur  gli  ritroraBo  l'altre  coaa, 
e  l' KOaicaao. 

$  I.  Pir  Arrecar  pragiuéitii,  Etter  di 
fu.  U,  datriatamlo  atte.  ja.  iinuevv.  Tac. 
De*.  Ser.  1.  lìS.  Apiuio  Tìrone,  uacilo  fuo- 
npadadìiaaaaai  amugnerequelletarre  accr- 
kmeate,  ien  più  carico,  cba  ulila  alU  parie. 

S 1.  '£  Dar  carico,  e  il  carico,  per  Dar 
tare,  feto,  triga,  o  timile,  lai.  onnr  Irnpo- 
am,  «amai  dare.  gr.  ÌTinpiltu»  nW  n.  Jr. 
Stgr.  I.  4.  O  la  provredi,  cbe.ii  conpriuo, 
Unoa  ■  me  da*i  daoari ,  e  il  carico.  :  Cut. 
Im.Gaelt.  IM.  Dio  ve  Io  pardoui  che  mi  areto 
iéù  carato  di  tue  i  sonetti  lopra  il  rilratlo. 

DUE  CARTACCE,  lat.  rem  petenti  re- 
auan,afamr«.gr.au>«Mva».  f'arch.Ereol. 
n.  Bv  cartaccia,  matalbra  presa  da'giucatori, 
«  para  leggìaraieiile  d'ulcuua  cosa ,  e  non 
nrpoodctc  a  cbi  ti  dfMnaiidj,  o  rispoodcr  me- 
ao,  che  aon  n  couvìena  a  cbi  t'  ba  o  puoto,  o 
Aaaadilo  d'alcooa  cosa;  il  else  si  dice  ancor 
*a  finita,  o  dare  una  stagnala.  Cacch.  he. 
1 4-  E  se  eoa  era,  che  in  fati'  io  gli  ho  obbli- 
1*1  le  gli  darà  cartaccia  da  principio.  Buon, 
fitr.  4, 3. 9.  r  do  cartaccia,  u  la  netto  in  can- 
•Ml.  Jfafaa.  t.  49.  Arandone  più  rolla  tocco 
■a  liMa^  E  sealettdoai  dar  ^mpre  cartacce. 

D4BE  CAVO.  Porgere  il  cava-  Uu/«u«k 
freitert. 

DAIB  CAUSA.  X«  lesto  the  Dar  c«- 
pme.  111.  caueam  praebtr».  gr.  ifoveiety 
MjMi.  ftr.  Ime.  5.  C.  Io  non  gliene  do 
oaia. 

«  DABE  CAUTELA.  \Fare  altrui  canto, 

•  limite.]  Mar.  S.  tìrag.  1.  I.  Accioccba 
par^acslo  la  rìrtà  de'meggion  ci  lòrtifichi  io 
■Y*****)  e  i  loro  cadimenti  d  diano  cautela 
'■liU  (fii  metaforicamente.) 

DARE  CAUZIONE.  Atticurare  con  mal- 
latitare ,  a  timill.  lai.  cavare,  'caullonem 
^n.  pr.  iijiduoa  tiSiteu.  UaeilniMM.  ì. 
^  Dceà  assolvere,  ricevendo  imprima  da  lui 
^«aea  yanaiona,  che  soddisfarà,  se  mai  agli  avrì 
**de  ec;  U  qnal  cauzione,  se  non  la  può  da- 
**>  ^  la  cauaiooe  dei  giuramento,  /ir.  (Jais. 
1-  5.  Né  altra  cauaione  dar  mi  vogliono ,  Che 
hlorfcde. 

:  BARE  CAZZUOLE,  Dar  eaeeatmldole. 
Carct.  Prav.  S3.    Caccabaldole   sono    apciie 

*  soie,  berte  o  moine,  che  si  fanno  a  uno  lo- 
•mdala,  a  pregandolo;  cb'  e'si  risponde:  Deb 
^M  ai  dare  o  non  mi  &re  tante  coccabaldole 
*^  pieni  ancora  dar  cassnote  che  sono  quei 
mcti  acri ,  che  naacon  uell'  acqua,  che  nulla 

i  e  che  da'  Sanasi  Mn  detti  peaci  ear> 


BARE  CENA.  Apprettare  altrui  da  ce- 
•a,  CsaWlarr  altrui  a  cena.  lai.  dare  eoe- 
•*»  gr-  iiml^t.  C.  y.  If.  59.  ».  Dimorò 
■  'naaaa  sai  di,  e  alla  fi.ie  ricevuti  più  cor- 
***  da'  Priori  ,  e  dato  continovo  desinare,  e 
^  a'citladiqi.  alla  sua  partita  fece  un  corre* 
^  ìa  Saala  Croce  molto  nobile,  ^occ.  nov.  56. 
*  k  egli  ce  a'  è  ninDo,  che  voglia  metter  su 
"''«m  a  dovirla  dare  a  chi  vince  ce,  io  la 
■"■•i  volastiari.  Allagr.  195.  Cena  mi  det- 
1^  •  rredoaaaii  il  carile.  Facendomi  Kaltar 
■"  •«viian,  Tal  ch'io  aempr*  l'ani  ^lo  ael 


eoora.  S  STO.  DaUmi  desinkr,  merenda,  è  ««• 
ne,  Fiiigralia,  com'na  principe,  alloggialo. 

DARE  CENNO.  Accennare,  hi.  immura, 
tlgnijlcare.  gr.  iiriatÙMv.  y///^r.  947.  La  qoal 
cosa  ancor  io  farò  volentieri  reno  di  voi,  ogni 
volta  che  mi  darete  cenno  di  cosi  fitte  occa- 
sioni. 

DARE  CENSO.  Pagar  cento,  lat.  emrtus 
tolvere.  gr.  ^owvca  tUìveov. 

%  Darà  a  cento  vale  Dar  denari  per  ri- 
tcHolemò  canto,  lai.  'cantai  dare,v.  CENSO, 

SE- 
DARE CHE  DIRE.  gr.  ieuXor  Aflpti». 
Agn.  Pand.  ['«8.]  Dare  che  dire  di  sé  a  tulle 
le  pcraone,  che  1'  odano.  KarcA.  Srtol.  M. 
Dar  che  dire  alla  brigata,  è  fare,  o  dir  cosa, 
medioate  la  qoale  la  gente  abbia  occaaioDe  di 
làvellara  sinistrameote  che  i  Latini  dicevano 
darà  termonem,  e  talvnlta  iàr  bella  la  piaa. 
aa.  Cani,  Cam.  40.  Coooscete  la  saluto,  E  non 
date  più  che  dire.  Tac.  Dav.  Sior.  4.  330. 
Mudano'  acrisie  al  Senato,  e  diede  che  dire. 
Se  egli  era  privalo,  iiercbè  fare  ufficio  pub- 
blico? 

DARE  CHE  FARE.  Appratlara,  e  Som- 
ministrare occasione  di  operare,  o  di  fati- 
care, lat.  negolium  facessero,  gr.  ne&y/Mret 
nctpiXt'v.Amm.ant.l'ti.']  10.43.  Lo  parlare 
della  scrittura,  come  per  siguìficasione  dì  che 
fare  a'savii,  cosi  spesse  volte  colle  parole  di 
fuori  ammaestra  i  semplici.  Alleg.  459.  Un 
nome  vi  ba  tra  gli  altri,  U  qual  m' ha  dato  tanto 
che  fare  col  suo  doppio  sentimento,  ch'io  ho 
creduto  mille  volte  intisichirgli  sotto  davvero, 
e  Ilo  ancora'  iu  dubbio,  s'io  ne  son  fuor  di 
pericolo  afiàllo.  B  375.  Ricevetelo  adunque;  e 
lellolo,  scumatatelo  a  un  dipresso,  non  conforme 
al  suo  bisoguo,chè  e'vi  dsrefabe troppo  che  fare. 
Ar.  Pur.  39.  9.  E  poi  Guidon  mi  die  che  lare 
assai. 

DARE  CHE  NON  DOLGA.  E  DIR  CIIE 
NON  DISPIACCIA.  Cioè.  Neito  tcherzmre, 
e  Nel  fmr  celim  non  offèndere  altrui  ne  in 
fatti.  Iti  in  detti.  Ut.  tfuod  alteri  doteal,  n«» 
qne  facito,  neque  dicito. 

*  DARE  OHE  RIDERE.  9,  DARE  DA  RI* 
DERE. 

DARE  CHIACCHIERE.  Lo  gtesso  che  Dar 
parole,  bt  blaterare,  verba  dare.  ^.  ^3lu«- 
pۓv.  Ar,  Cass.  3.  I.  Se  a  ctiM  cou  prodim 
Sarai  nel  darmi  ber,  eom'on  chiacchiere,  La 
cosa  anderk  K'is* 

i>ARE  CHIAREZZA.  Rsndm*  chiaro,  lat 
clarutn  facere.  gr.  Xot/iltpvvttv.  Amet,  9», 
Nascemmo  a  dar  del  suo  alto  Talora  Chìarea' 
za  rera  al  mondo,  che  dovea  Arnlopparai  dell'- 
Irò al  cieco  orrore. 

DARE  CIANCE,  [o  CIANGETTE.]  Le 
stesso  che  Dar  parole.  Discorrere  per  non 
atlcHére.  Ut  verba  dare.  gr.  fXyofitX».  Ar, 
Cass.  I.  4.  Le  roglio  questo  dubbio  Tor  del 
capo  a  ogni  modo  che  s'iramagìna,  Gh«  io  la 
dia  ciance.  S  Snpp,  3.  3.  Questa  debbe  es- 
sere qualche  ciancetta,  che  colui  gli  dìt  da  parte 
di  questa  giovane,  che  l' ha  fallo  iropaxsire  con 
isperanaa  di  Uame  qualche  guadagnatto. 

SJfar  ciancia,  o  Dar  la  ciancia,  diceM 
per  Dar  la  baia.  Dar  la  burla.  Burlare. 
lat  ladijtcart.  gr.  ifinoU^tv.  Ar.  Hegr.  I. 
8.  Ma  che  ¥i  dia  U  ciancia  vo'ben  credóre.  E 
appresto:  Non  mi  dà  cUncU  no,  nine  certia- 
simo. 

.  DARE  CIBO.  Cibare.  lat.  cibare,  gr.  nW- 
^C(V.  Fr.  lac.  Tod.  Altro  cibo  me  dann, 

*  S  Dar  cibo  alle  orecchie,  v.  CIBO. 

:  DARE  COGNIZIONE  DI  CHE  CHE  SIA. 
Renderlo  noto,  famoso.  Boce.  iéit.  3t3.  E 
dando  cogniatouo  di  te  «  de' meriti  tuoi,  dod 
polendo  tu  esser  presente  in  tutti  i  luoghi,  ti 
ftrà  a  queiu  età  paleie,  e  all'avvenire  eter- 
na. 

^  DARE  COLORE//*«rre  averm  apparen- 
za [di  vero  a  cosa  non  pera.  Dar  verosimi- 
glianza  di  v^efv  aduna  cosa,  o  simllia]  lat 
signum  edere,  indicare,  t^deri,  apparare. 
gr.  tfoUvttSrou.  fV.  lac.  Tod.  Nell'altre  vir- 
ludi*  avaiiaa,  Cbe  ti  dian  bel  colore.  Cecch. 
Mogi.  1.  3.  E  per  dar  colore  a  questa  cou  ec. 
Maini.  5.  IS.  É  per  dare  al  uegoaio  più  colore, 
Iu  ruma  vogl'ir  io  d'una  comare. 

X  $  i.  Dar  colore  a  ima  cosa,  vale^figu* 
ratani.  ^etti€MÌ«,  lUcaHm  njlw,  «  ìkrm. 


S.  Agost,'!.  La Mrt*veraiisa  iniònna  U  mwilO| 
•  dà  colora  al  buon  proposito,  n 

«  S  9.  Dar  colore  a  un  disegno,  figutU' 
tama  vaU  anche  Condurre  a  tarmine  una  co- 
sa cominciata.  Ar.  Onq.  Cani.  I.  109.  A- 
dopra  ogni  saper,  ogni  aoo  ingegno  Per  dar 
colore  a  coti  bel  disegno. 

S  3.  Dar  colora,  parlane  delta  carta  da 
giucare,  ¥aìe  Dar  Giostra  di  esser  dal  eo- 
lore  del  some;  che  si  desidera^  Ut  tolorem 
estenderà. 

$  4.  Dar  colora,  vaie  anche  f^orgegnar- 
si.  Arrossare,  lat  eruboscera.  gr.  tp\^pi9t», 

DARE  COLPA,  e  DAR  LA  COLPA.  In- 
colpare, lai.  vitto  dare,  impattare,  gr.  OCtii • 
&»  odt^ite^m.  Bocc.  nw.  64.  <3.  Comincia- 
rono a  rìpreuder  tulli  Tofbno,  e  dar  la  colpa 
a  Ini,  e  a  dirgli  vilUnia  di  di.  G.  V.  40.  8. 
4.  Di  dò  tutta  la  colpa  si  dava  al  detto  Iiega* 
lo,  che  '1  Pape  ri  mandava  moneta  inSuita ,  • 
male  erano  pacate  le  masnade.  Dav.  Scism, 
31.  Quanto  il  Re,  perduta  ogni  speraiia»,  so 
n'iufocosse,  non  si  può  dire:  e  dando  la  colpa 
tutta  a  Vuolseo  ec.,  mostrAgran  irgni  d'averlo 
in  odio.  Afa  Pur.  19.  12.  Tutti  cercando  U 
vali,  tntti  gli  danno  Colpa  di  furto  alcun,  che 
lor  (atto  ubbia.  R  Supp:  4.  [*8.1  Mi  vorranno 
dar  colpa,  che  da  principio  io  non  gli  abbia 
bene  infòrraati.  Boa*,  f'arch.  9.  4.  Non  pooì 
ragionevolmente  der  di  ciò  colpa  alle  cose;  e 
se  pure  questo  nome  vano  della  felieìtìi  della 
fortuna  ti  muove,  comincia  ec.  Barn.  Ori.  9. 
16.  4.  Ne  va  dando  la  col}»  a  questo  e  quello. 

DARE  COLPO.  Colpire^  Pcratoter  con 
colpo,  lui,  icere.  gr.  ^ttAAnv.  Cani.  Cam, 
Paol.  Ott.  41.  EvogliOQ  dare  a  molti  giova- 
notti Del  calciò  sei  bnen  colpi,  a*  a' po^noo. 

DARE  COME  IN  TERRA.  Percuoter  san- 
sa discrisionè.  Ut.  gravifer  verberare,pulem 
sart».  Barn.  Ori.  3.  90.  35,  Il  giovanetto  dava 
come  in  terra. 

DARECOMUTO,  0  COMMIATO.  Lieen- 
siare.  Accommiatare.  Ut.  dimittere.  gft  k- 
irOTtijuTrctv.  G.  V.  9.  308.  S.  Per  tema  degli 
altri  Franceschi  non  fu  giustiiiato;  ma  datoli 
comiato,  facendo  risU  d'andare  a  Napoli  ec.,  ai 
tornò  dalla  parte  di  Gastniccìo.  E  cap^  333. 
3.  Per  la  qnal  cosa  molto  n  turberò  i  soldati 
e  masnade  di  Castruccio,  e  diede  comiato  a  tut- 
ti i  Franceschi,  e  Borgognoni  cfa'avea.  Boce. 
nov.  SS.  14.  Bruito  commiato  datole,  temendo, 
ch'ella  per  tò  non  U  tenesse  ec,  It  richiamai 
indietro. 

DARE  COMINCIAMENTO.  Cominciare. 
Ut.  inittum  facere.  gr.  àp'Kr,'^  Itotitv.  Bocc. 
nova  I.  1.  Dovendo  io  al  vostro  novellare,  nc- 
eoma  primo,  dare  cominci  amealo,  intendo  da 
nna  della  luo  maavìgliose  cose  iocoroinciare. 
E  nov.  71.  I.  Se  così  ha  disposto  iddio,  die 
io  debba  alla  presenta  giornata  colla  mu  no- 
TelU  dar  comìndameuto,  ed  el  mi  pUoe. 

DARE  OOHMISSIONG,  o  COMMESSIO- 
NE.  Commeilere,  Ordinare.  Ut  mandare, 
mandata  dare.  ^.  ['ivriXXt^n.]  Dav.  Sci' 
sm.  36.  La  lopplica  al  Papa  fu  in  noma  di  Ca- 
terina, e  del  fanciullo:  che  mai  a'padri  loro  noo 
no  diedoao  commouione,  e  ogni  &lso  «sposto 
viaia  il  supplicato. 

DARE  COMODITÀ  Lo  stesso  che  Darà 
comodo.  \mt.  facnltaiem  prmebera,  n.  lfou> 
oitt.10  iiiò'eou.  Ar.  fUr.  38.  108.  Della  como- 
dità, cbe  qui  n'^  data*  I<f  fmvero  Medor  ri- 
compensarvi D'altro  non  posao,  «ha  d'ogoor 
lodarvi. 

DARE  COMODO.  Concadar»  opportunità . 
ÌA  spafijuH  dare,  facuitatem  praebtro.gt, 
iÌov7Ìocv  St^évou.  Ar.  Cass.  4.  3.  Sto  in  gran 
dubbio.  Che  non  tardi  Crìton  troppo,  o  dia  co- 
modo Al  ruffian  di  nascondere,  e  nmlmettere 
Le  robe. 

DARE  COMPAGNIA,  e  DARE  PER  COM. 
PAGNIA.  Assegnar  persona,  che  accompa- 
gni, che  faccia  compagnia,  lat.  comitem  da- 
re.  Bocc.  Vit.  Damt.  341.  Giace  con  compa- 
gnia Msat  pia  Uudavole,  che  quella,  che  tu 
gli  potessi  dare.  Alleg.  107.  Perch'io  non 
volli  poi  restar  alloggio,  Mi  dette  lume,  e  un 
tal  per  compagnia.  Che  don  sarà  col  tempo 
mal  appof^gio. 

DARE  COMPIMENTO.  Condttrre  ttfné. 
Finire,  Compire,  lat  Mbsolvera,  permeerà, 
gr.  KirmMv.  Hocc,  noe.  39.  18.  Minna  aitni 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


coM  aspettando,  w  Don  die  il  marito  andaue 
in  alcuna  parte  per  dare  all'cipera  cOBapimento, 
arveotte  ec.  E  nov.  S5.  13.  At  nostro  amore 
daremo  piacevole,  e  intera  compimento.  Em<hk 
66.  8.  A  dare  al  loro,  amor  compimento,  mol- 
lo tempo  non  s'ioterpese.  G.  F.  8.  00.  I.  A- 
doardo  primogenilo  prese  per  bso^Im  Inbella 
figliuola  del  re  Filippo  di  Fnucu,  e  dtedouo 
conpimeoto  al  Taceorde  della  ^uistìone  diGoa- 
soogoa.  E  0.  80.  6.  lonanit  che  ai  partìuooo 
«  diede  compimento  alla  paceal  piacer  de^Fìo- 
reutioi, com'era  prima  domandata./Jo#s.A^arc//. 
I.  4.  Ma  che  ogni  ribaldo  possa  alle  cose  che 
a'  ba  oonceputo  di  volere  operare  cootra  uno 
iauoceule,  dar  compimento  ec,  k  cosa  quasi 
moatmoaa,  e  non  naturale. 

J^DARE  COMPITO.  IL  COMPITO,  o  A 
COMPITO.{^<Mfn(ir««/rrsti  qtiaisisia  som- 
-JiM  di  iMvnrio  d^ermÌH*t amente*  lai.  HentcH* 
stim  dare,  penentn  dare,  gr.  itKfitrptìv. 

1$  ì.  Dare  U  compito  aduno,  vaiejtgip- 
rat.  assegnargli  do  che  dee  /are,  o  dire, 
m  Saiv.  Cranch,  5.  3.  Dorè  tu  non  esca  Del 
compito,  cbe  io  ti  darò,  Non  ci  sari  uno  acru- 
polo  a!  moudo  ■*. 

X  S  *•  Tatara  pare  ffguratam,,  pale  Si- 
fnoreggiarU,  m  Tac.  Da».  Star.  4. 33S.  Gli 
darebbe  bene  un  buoo  consiglio  di  non  fare  ìl 
aatrapo  co'priucipi,  dou  dare  il  compito  a  Ve- 
spasiano vecchio  trionfatore  e  padre  dìfiglìuo- 
li,  non  più  raiicìulli  ». 

:  DARE  COMPLIMENTO.  Concedere  pie- 
na facottài  Car,  leti.  3.  418.  A  Muos.  Fac- 
chineito,  a  moni.  Recuperato,  e  per  non  farvi 
ogni  volta  un  catalogo,  vi  do  complimento  per 
sempre  che  mi  raccomandiate  a  chi  vi  pare.  E 
Ilo.  Agli  altri  raccomandatemi  secondo  il  CODI- 
plimento,  che  v'ho  dato. 

DARE  CONFORTO.  Confinare,  lai.  re- 
JSeere,  recreare,  gr.  a->ec^ùx(tv<  Petr.  son. 
146.  Un  conforto  m'è  dato,  ch'i' non  pera  Ào- 
lo,  per  coi  virtù  Talna  rei|»ira.  Cant.  Cam. 
45k  Queste  cibo  gentil  ec.  Dà  singoiar  cou- 
forto. 

DARE  CONFUSIONE.  Confondere.  Ut. 
confnndere,  turbare,  pemiiscere.  gr.  Jye- 
X^tU,  etiyxi^v.  Coti.  Ab.  Isaac  49.  Se  tu 
isforaerai  il  corpo  tuo  più,  cbe  non  possa  por- 
ta», porrai  all'eniBU  tua  aieurtade  sopra  sìcur- 
tade,  ed  aoche  le  dai  confurìone. 
.  S  Dar  confusione,  [vale"]  Far  vergognare. 
]at.  pudorem  affkrre.  [gr.  Jrr^vnv.]  Colt. 
Ab.  Isaac  IT.Tiitte  lecosc^rhe  ci  danno  con- 
fusione,  udendole  ricordare  sì  ce  ne  conviene 
evere  ptura. 

DARE  CONGEDO.  XiceN8/«rr.  tat.  »«n/«m 
darà,  dimittere.  gr.  àlteviftirtiv.  Bemb. 
Stans.  M.  Darete  agli  orstoh  ornai  concedo. 
Seguer,  Prad.  SO.  IO.  E  raccomandai  osi  in 
fiiM  alle  sue  oraaiooì,  da  cui  sì  acrive,  che  ri- 
cevesse per  lavoro  eceelsiasino  la  salale,  gli  àie 
congedo, 

.DARE  CONSCI ENZIA.A/niort/ef e.  fV. 
Cierd.  16,  Sempre  almeno  gli  &  (Vaver  re> 
minciato  a  viver  bene  da  piccolo)  ^Vieska^  ehi 
gli  da  consdenata  (del  peccato),  e  ha  pena 
alcua'olte. 

DARE  CONSENSO,  o  IL  CONSENSO.^r- 
coHsemiire.  lat.  consenstim  dare,  conseniire, 
msseniiri,  gr.  «v/a9uvi7v.  Ar.  Ftir.  30.  SO. 
Chetale  accordo  obbrobrioso  stima  A  chi  'I  con- 
senso suo  vi  darà  prima.  E  Set.  I.  Se  tu  ve- 
di cbe  tocchi  o  vada  appMSM  U  a^no,  al  mio 
parer  dagli  il  conienio. 

DARE  GONSIGUO.  Consigliare.  lat  con.^ 
sitium  dare.  gr.  vuptfiouXMtv.  Pass.  134. 
Non  abbia  in  veruo  modo,  lecito,  o  illecito, 
dato  aiitlo,  consiglic»,  o  favore  a  morte  di  per- 
aona.  Petr.  cuna.  46.  S.  Ch'Amor  moitrommi 
sotto  quel  bel  agito.  Per  darmi  altro  consiglio. 
Dani.  Jh*rg.  S.  Ecco  di  qua  chi  nedaràcoii- 
aiglio.  G.  K  IO.  69.  S.  Item,  che  ciascuno  si 
guardaase  di  dare  aiuto,  o  consiglio  ad  alcuno 
ribello.  Tac.  Dav.  Stor.  4.  832.  Gli  darebbe 
bene  un  buon  consiglio,  di  non  fare  il  satrapo 
co'prìncipì,  non  dar  ìl  compito  a  Vespasiano 
yeccbio  Irioufatore,  e  padre  dì  figliuoli  non  più 
fanciulli,  fi  amn,  6.  186.  Soien  Cartcte  ^ran 
medico,  ne' mali  del  prìncipe,  se  non  medicar- 
lo, dargli  eoiiaigU.  Alteg.  5T.  E' non  4  cosa, 
che  più,  ne  meglio  faccia  squadrar  gli  amìei, 
cbe  *l  confidare  ì  aegreii,  dii«der«  litrto  a  vi- 


cenda, e  dar  conaiglio  odrocoorreme.  Ceceh. 
dona.  4.  1.  Il  tempo  vi  darà  consìglio. 

%  Dare  per  consiglio,  vale  lo  stesso,  lat. 
auciorem  fieri,  auctorem  esse.  gr.  (iTrdvi)- 
pxtlvtiv.  Bocc.  nov.  85.  93.  Dieron  per  consi- 
glio a  Calandrino,  che  a  Firenae  se  ne  andas- 
se. Jr.  Cass.  9.  I.  Al  fine  io  diedi  per  eon- 
aif  lio  a  Lucnums  Che  iàcease  veuir  ^uìtì  la 
giovane. 

^  DARE  CONSOLAZIONE.  Cemsotmre , 
Confortare,  lat.  solatiiim  ferre^  solari,  con* 
solari,  gr.   noLpirr/epsiv.  Bocc.  nov.  20.  6.  E 

Jiuivi  standosi  per  darle  alcune  consolaaioue, 
ece  an  giorno  pescare.  E  nov.  80.  7.  Ta  mi 
darai  grandissima  consolaaione,  e  a  Dio  fiirai 
grandiasimo  piacere,  e  servigio. 

S  Arr  censolasione,  per  Dar  pirtcere.ìat. 
recreare,  gr.  xipTtttv.  Cant.  Cam,  89.  Ma 
potrebbe  bene  altrove  Darvi  nà  cooaohnooe . 
*  n  Bocc.  nov.  90.  0,  Il  quale  a  Monaco  me- 
natala, olire  alle  eonsolaaioni,  eh*  di  di,  e  di 
notte  le  date,  onoratamente  come  sua  moglie 

la  tetiea  »»,  ■ 

DARE  CONTEZZA.  Significare,  Far  no.- 


te,  lat.  certiorem  facere,  gr.  juiivuecv.  Bemb. 
tett.  rt.  9.  69.]  Quanta  al  dovenri  dir  con- 
teaaa  del  mìo  stato,  dico  ec.  E  altrove:  Dam- 


mi tu  contesaa  particolare,  e  vera  del  tutto. 

DARE  CONTO.  Sigtiifieare,  letificare, 
lat.  certiorem  facere  ,  notnm  faeere.  gr.  pM- 
vùciv.  Cas.  leti.  9.  Io  mando  a  vostra  Bfaestà 
criatianissima  il  sig.AnnìbaleRucellaiec.,  per- 
chè le  faccia  reverenza  da  mia  parte  ec.;  eoi* 
tre  a  onesto,  perche  le  dia  conio  pienamente 
di  quello  ec.  À  18.  Ho  pregato  S.  E.  che  dia 
conto  diligentemeute  a  V.  S.  Xllustrissìma  di 
lutto  quello  che  occorre. 

^  $  I.  Dar  conto,  [tv/e]  Render  ragione, 
laU  rationem  reddere.  gr.  Jl^yov  ioXf9ta.  Al- 
leg.  373.  E  per  conto  migliore,  e  delle  cagio- 
ni e  del  fatto,  rispondendo  con  esso  all'ultima 
Tosira,  vi  mando  rinchiuso  capitoletto. 

:  S  9.  Dar  conio  di  tè  ad  atcmno,  vate 
informarlo  del  fatto  suo.  Raccontargli  lo 
stato  della  propria  condizione,  m  Ar,  Fnr. 
90.  9. L'altro  comincia,  poiché  tocca  a  lui,  Con 
più  proemio  a  darle  dì  sé  conto  ». 

;  $  S.  ^  Dar  conte,  o  buon  conto  di  sé, 
vale  Dar  prova,  saggio,  e  simili,  del  pro^ 
pria  valore,  »  Bemb.  tati,  [l!]  3.  99.  Mesaer 
Paolo  Giuatìniano  ec.  viene  alla  corte  per  dar 
di  se  buon  conto  in  servizio  dì  N.  S.,  [se  sua 
Santità  si  degnerà  di  rìcevemelo,  e  dargli  modo 
di  poterne  far  pruova.]  *;  Cecch.  Esali,  cr, 
9.  9.  Chi  è  nomo  da  bene,  e  dà  buon  conto 
Di  sé,  trov»  ricapito  per  tutto. 

S  4.  Dare  a  conto,  e  Dare  a  bnan  conto, 
[vale]  Pagare  per  istarne  a  conto.  lat.  par- 
tem  pretti  solvere.  Bemb.  iSBfor.  4.  90.  I  Pa- 
dri ordinarono,  che  senaa'  dimora  gli^Msero 
date  cento  libbre  d'oro  a  conto  del  suo  soldo. 

DARE  CONTRASSEGNO.  Dar  segno, 
Recat'e  indlsio,  lai.  ^mbolum  dare,  tesse- 
rem  dare.  [gr.  ffacpr/ybólv  vb  eCvdig/uix.)  Se- 
gner.  Pred.  4.  8.  Anzi  così  dalla  sua  bocca 
medesima  insegnò  Cristo,  quando  ci  die  quel 
sì  famoso  contrassegno  a  distinguere  i  prede- 
stinati da'reprobi. 

S  Dare  il  contrassegno,  termine  militare, 
vate  Assicurare  dell'esser  suo,  o  degli  or^ 
dini  portati f  con  mostrare  il  contrassegno 
laU  tessernm  mititarem  ostendere,  vel  da- 
re ;  sigmtm  dare,  Tecito.  Tac,  Dat:  amt. 
13.  168.  Pure  alla  madre  Aceva  ogni  onore  io 
apparenaa,  e  diede  ad  un  Tribuno,  come  s'usa 
a'soldati,  questo  contrassegno,  ec 

DARE  CONTRO.  Contraddire,  lat.  can- 
tra facere,  cantre  dicere.  gr.  «vrtiroicci»,  àv- 
nlfyaiy .  Dev.  Scism.  49.  Intese  che  Papa  Paolo 
IlL  avein  fatto  Cardinale  ìl  Roflènse,  il  quale 
non  darebbe  mai  contro  al  Papa,  ne  a  sr;  on- 
de deliberò  uccidere  prima  costui,  per  vedere 
se  il  Moro  s'arrendesse. 

S  1 .  f  neutro  pass.  Darsi  contro,  [<w/«] 
Contrmddìrsi.  laU  sibi  pugnare,  eecum  pn- 
gnare, 

S  t.  Dar  eoiUre,  [vate]  opporre.  Opporsi 
ad  alctinm  cose.  ìoi.  se  eppontre,  intercedere, 
pugnare,  gr.  dcvetvno&e3«ei. 

*X  S  '•  0*re  contro  alta  comune,  vale  O- 
perare  in  modo  diverso  dai  piti,  ^ssett. 
teil,  136.  E  la  cbe  altri  non  s'arriacbi  •  dar 


«oulro  alla  cottone  per  non  «kiere  teente  sa- 
ligno. 

*S  S  4.  Darla  centro,  termine  de'Legi»ti, 
dicesi  del  Senteneiare  a  disfavore,  a  daims 
d'atcuno, 

DARE  COPIA.  CWi4m/ep«.lat.  eoplam/e. 
cere,  gr.  :ropi^mt. 

;  $  I.  Dar  copia  di  se  ad  alcuno,  veh 
Trattar  seco  dèmestieamante,  con  femiUa- 
riti.  V.  COPIA,  S  8. 

*  S  9.  */>«r  copia  di  una  cosa  ad  stamo, 
vale  Sommittistrarglielm.  Bemb.  Sler.  1.  S6. 
E  io  quel  meno  tempo  fosse  loro  data  copia 
di  vettovaglia  dal  Re. 

S  8.  Dar  copia  di  scritture,  a  simdi,  fo- 
le Conciare,  o  Permettere,  che  siano  re- 
piate,  lat.  exmnptum  dare,  excribere.  ft. 
ànoypetfn^  Aito^t^éifm.  ;  Pallev.  Stor. 
Come.  369.  E  sopra  ciò  fu  dau  copia  all'  Abate 
d'una  risposta  fatta  dianù ,  ed  altra  scritiart 
mandata  intonw  elio  stesao  dall'  Impendorc. 

DARE  CORPO,  e  IL  CORPO.  Darsodet- 
sa,  o  sostansa.  lat.  corpvrare,  gr.  eujaxra- 
iroifllv.  Ricett.  Fior.  [3.]  18.  Usanle  (Ve- 
spa Ito)  i  profumieri  per  dare  il  corpo  agU  va> 
guentì. 

^  DARE  CREDENZA.  Credere.  ULjSdsm 
mdkibere.  gr.  Ttiextiitv»,  Ar,  F^tr.  16, 1.  Pe- 
rò s'io  dicov  e  s'bo  detto  altre  volte  ec.,Ch'oa 
mal  fin  lieve,  un  altro  acerìm  e  fiero.  Data  ere- 
deuaa  al  mìo  giudicio  vero, 

{  S  1.  Dar  credenza  ad  uno  di  unacota, 
tutte  Fargliela  credere.  «  Bocc,  noe,  97.46, 
Per  darle  di  eìó  più  intera  credeoxa,  óò,  cbe 
làUo  avea,  pienamente  le  raccontò  m. 

S  9.  Dare  a  credenza,  a  credilo  ec,  vele 
yendere  senta  ricevere  il  prexto,  pronte' 
mente,  lat.  absqtaa  praesenti  pecunia  rem 
emptam  tradere. 

^  DARE  CREDITO.  ['Prestar  fede,] 
Credere.  \^.fSdem  adhibere,  credere,  gr. 
irceravaiv.  Ar.  Cass.  9,  6.  Egli  ha  una  lia- 
gua,  che  potrebbe  radere,  Coai  ben  taglia,  e  1 
padron  gli  dà  credito.  Barn.  Ori.  3.  8.  63. 
Danne  credito  a  me,  che  il  ver  ti  dico, 

S  1.  Dar  credito,  e  Dar  debito,  si  dice 
dello  Scriver  le  partite  a'iibri  de'conti  la 
credito,  o  in  debito  d'alamo.  lat.  referre  la 
codicem  eccepii,  et  expensi.  X  ìntir.  Cane. 
78.  Il  Cancelliere  ne  li  (àccia  il  defalco,  e  m 
li  dia  credito  dì  contro  al  suo  dare  nel  libro 
del  caooriere. 

5  S  9.  Dar  credito,  si  dice  anche  del  cre- 
ditore, che  si  contenta  delia  proatesie,'t 
della  fede  del  debitore.  «  Ar,  Lea.  4.  9. 
Venticinque  fiorini  infin  biamano,  Nalli  qusì 
siamo  coiideiiuali,  e  graaia  Noo  se  n'ha  avar. 
uè  voglion  darci  credilo  ». 

1  DARECROLLO.Cro//or*.lal.rf/mo(«W, 
excidere.  gr.  ixnitntt*.  Dant.  inf  99.  Che 
non  polea  con  essedare  nn  crollo. ['-rfr.ftr.) 
91.  40.  Pervenne  Argeo,  senaa  pnr  dare  creilo 
Della  misera  vita  al  fine  amaro.  Cirif.  Cattf. 
i.  99.  Ma  poiché  ride  le  braccia  distate  A  Si- 
oeltor,  che  non  darà  più  crollo. 

:  S  1.  E  figurai.,^  Dar  danno.  mPetr.  cep. 
I. Cbe  solca  dispreaaarl* etate,  e  rarco,Chegli 
diede  in  Tessaglia  poi  tal  crollo  •. 

:  S  9.  BpurfSgurat.  Dar  crollo  da  una 
cosa,  vale  Liberarsene,  «  Petr.  son.  164.  Ne 
posso  dal  bel  nodo  ornai  dar  crollo  ■. 

:  S  3.  Dare  il  crollo  alla  bilancia,  r. 
CROLLO,  S  9. 

:  S  4.  Dare  il  cretto,  o  Puttimo  erotto,  ools 
Morire.  «  Ar.  Fkr.  18.  67.  Di  adla  cadde,  a 
die  l'ultimo  crollo  ».  v.  CROLLO.  $  3. 

:  S  9.  Dare  un  crollo  i»  suite  forche, vai* 
Esservi  impiccete,  «  Ar.  fkr.  14.  90.  E  sei 
fratel  di  Ferrea,  Isolìerov  ec.  Non  faon  fiede 
ìnDaiisi  al  Re  del  vero,  Avrebbe  dato  io  sn  la 
forche  un  crollo  ». 

DARE  CUOJIE.  Animare,  incoraggiere. 
lat.  animos  addere.  gr.  òttpexrsus. 

%  I.  Dare  il  cuora,  per  metaf.  Concedere 
V  affetto,  Volger  la  tnente.  lai.  cor  tradere. 

Sr.  ^yx^  7r«?«d'0vy0U.  Bocc.  nov.  86.  94. 
ladfuana,  nel  vero  egli  mi  diapiaeque  bene  nn 
poco,  siccome  a  rolnì  che  mi  trarrei  il  cuora 
per  darlov  i  ae  io  credessi  piacervene  (^i  s  per 
espressione  d'affetto  nei  proprio  stgai^c.) 
Ar.  Fkr.  6.  49.  Il  cor.  che  m'avea  dato,  si  ri- 
lolsn,  B   ad  altro  nuovo  amor  tolta  si  volse. 


Digitized  by 


Google 


0AR 


DAR 


DAR 


{ 1  flsvtf  tntr»,  (Mr/«]  Btltlar  V  mttm», 

[ibv  irnm/fi»,  o  timiU-ì  !■<■  (iMdert,  con- 

jJmt^f.iaifOr.  Bact.  mcrU.  •.  Scnu  <■• 

cnHni  ik  2  coor  J<  &re,  cb<  le  tn  M>reflc, 

«1^  fMU  A  ^ello  del  patire  bns  ma  «uo 

a,  *im  lei  a'ar  ae  *oneBO  uà  remano.  iF 

M».41t.Sr«amtìdÀil  coeredi  veuire,  io  mi 

ori» kealir%cW fitto  Oli  vecTìi  di  donnìrTÌ.fi 

MiMI.Gik  Mai  Toho  ailUDUndoB  I»  del- 

t^^tm  wlli  Mata  fease,  le  arrebbe  dato  il 

caaia  d'ffaoor  di  fortezxa,   ooo  che  Marco 

Ma,  sa  il  MfiWnrdiiK),  ebe  combattè  ma 

rana.  Btz.  f^mné.  9.  •.  Or  datti  il  cuore  di 

r  alcom  cova   airaiiinio,  Il  ijaale  è 

»?  Tm$i.  4m.  i.  S.  Cmdel,  darslti  il  cor 

I  metta  7  Lmtc.  Sftr,  8.  S.  Danni  il 

coeca  d*  br  poesia  bcceoda  ? 

5  I.  *D€rt  il  cfiore  a  checckmsti«j  va/e 
l^tifwfi  ti  f9msier«.  lat.  mnimtt»t  indurar*, 
p.  i^^àUaf  tt'(  «eO>.  Nov.  ani.  ti.  t.Lo  re 
MacadMe  la  cnorr  a  «roderlo,  eordini  una 
meÒL 
5 1  fcreaa/  more.  v.  CDORE,  (.  Al,  «  «1. 
f  MllECORA,  e  DAR  LA  CtRA.  Or- 
aun,  Ctmmttltrt,  Raccomaiutare.  lat. 
rimllii  a,  fwmtUtr*.  pr.  itrrr^iicnv.  Tac. 
Dt».  «ai.  li.  171.  Il  Prtacipe  tolie  di  mano 
•'QaaMn  ■  Nkti  pabblici,  e  ne  diede  cara  a' 
rnWL  tSl*r.  4.  M6.  La  con  dell'impresa 
fcde  a  iatoaio  Novello. 

•  J I.  P*r  P»r  mtmtf,  Bttdar*.  «  fi-aMe. 
tot.  41.  tT.  Sìa  la  Ima  aaeate  attem,  Cbe  ■ 
hvcaiecaavìco  aocor  dar  cara  a.  Pee,  g,  1. 
a.  1  Kob  date  ean  ■  aue  paiole. 

:  S  L  Ptr  Bmr  pmultra,  tollecilMtllH», 
Irttt/li».  •  l>«af.  rim.  S8.  Che  quantunque 
oiNmii  frfoé  noeolt»  insieme-,  pari»  drile 
itiiàau),  Ha*  poaaoa  qnlelar,  au  daa  pù 
ttn  : 

S 1.  Dar*  ia  «mm;  Dar*  tm /fiiariU».  lai. 
la  aulmnam  dar».  Rr.  tltrtpiìtu*.  Tass. 
'Grr.M.t.  M  la  pari  i  di  awno  al  fnU  io  ca- 
la; tfft  a  daUra  a' allunga. 

:  $  t.  f  aenf r.  pmas.,  vaia  Pnitdarsl  pan- 
«•era,  a  mllacinuliit».  Hòce.  nov.  SI.  >.  Po- 
ca cara  li  darà  di  piò  maritarla. 

•  DUE  DA  BEiie  •>.  DARE  BERE. 

•  DARE  DA  DESINARE,  v.  DARE  DESI. 
Sin. 

DARE  DA  FAHB,  «  DARE  A  FARE.  Oc- 
mpra,  Tiure  Impiagatapar  lapin  eenaf- 
f*Uc»r€,  a  IriMara  altrrii.  lat.  Magotlnm 
fmutre.  ft.  itzéc-ffim  TltCfixin.  G.  K  IO. 
M.  8.  1  quali  traendo  dietro  a'nemici  nel  pra- 
ia,  i  IVdcaebidi  Caitroccio  vigorosamente  per- 
m«aa«  al  capitano  o  a  ina  geotc,  e  dieroao  lo. 
■a  Mallo  a  làrv-  per  piò  assalti,  e  furono  in  pe- 
rnio ri' atiera  sconfitti.  Tac.  Dar.  ami.  1t. 
In.  Ma  a  Corbulotw  più  dava  da  fare  la  poi. 
limarli  de'wldsli,  cbe  la  perfidia  de'aemici. 

5  I.  B  noHfra  /><s5s.,  t^/e  lo  slesto.  /Itlof^. 
ttT.  Qai  parve  il  tempo  dello  sgomberan  :  Il 
astici,  il  Fontana,  e  A  Portigìaiw  Si  dettono 
■  an  mbilo  da  (are. 

<it.  Dare  a  farà  iinA  casa  ad  mhó  (n 
*"»  rrr,  iptaltro  volta  ec,  vale  Seommelte- 
t  tic  ama  mam  fa  mialla  casa  tn  dna.  Ire, 
paura  valle  ec.  Val.  lapid.  ISO.  Era  lUlo 
madinaato  an  delinquente  a  precipitarsi  da 
aaatalealteiaa.ma  quando  pigliava  la  corsa,  si 
nMImcaa  e  non  faceva  il  gran  salto,  e  ciÀ  lÌKe 
una  I  In  volle,  ti  principe  stava  ciò  a  vedere 
h  vea  finmiradel  polaaso  e  non  si  potette  coo- 
Imcre  di  eoo  cliiamaflo  vigliacco.  Udito  dò  il 
"•Jneato  dUsn:  fé- darò  a  V.  A.  a  farlo  in 
<aDvalU. 

•  DARE  DA  MANGIARE,  v.  DARE  MAN- 
CllIK. 

MU  DANARI,  o  tlmtìl  saprà  ehecehes- 
^-  Prestara  oc.  tal  pegno,  lai.  capto  pi^ 
f^^  pecuMiam  dare.  [gr.  aoyUjSiav  xacrs- 
Jtiiaa  itt)ypiÌ'>-.\  Àr.Sùpp.  t.S.Ti  darò 
a  Ma  saia  i«  pegno.  D.  È  tristo  pegno:  TE- 
si*a  aeo  gli  dà  sopra  danari. 

DARE  DANNO.  DaHHegglare.ltL  damnum 
•"/«Tra.  gr.  iìticjnt  CiiaUia,  Tac.  Dav.  ami. 
^^  lU.  Questo  danno  dìedooo ancora  i  Silo* 
"t  a,  icarTendo  assai  paese,  Didio  li  eaceiò. 

BARE  DA  OntE,  a  DA  PARLARE  DI  SÉ 

»c.  Bere  aecattoiu,  eh'e'si  parli  di  ti;  a  pi- 

("••<  per  la  più  Ih  mola  parla,  lat  nnsaos 

M'aamfae  praabert,  Koee.  mv,  1.  S.  La  ri- 

yacoMarìa. —  1. 


(iosa,  e  lorda  vita  de'cbefici  ec.  di  dì  sé 
da  parlare,  da  mordere,  a  da  riprendere  oe. 
4r.  fiir.  Sì.  SI.  E  molte  più  da  dir  darà  al- 
la genie.  £49.  Ut.  Di  questo  dà  da  dire,  e 
da  udir  tanto,  Che  ogni  altra  cosi  è  muta  in 
ogni  canto. 

«  DARE  DA  PENSAR  E,  o  DA  VECCHIA. 
RE.  'Mollar*  in  poniiero,  o  Etser  cagtou 
di  voglia.  Cor.  Sa.  I.  lOTi.  Onde  sospetto 
Pia  non  aggìa  o'I  swe  regno,  e  la  perfidia  De 
la  soa  goate,  o  di  Ginnen  l'ittsidie,  Cbe  da  pen- 
sare, e  da  veggbiar  le  danno  Tulle  le  iiolti, 

DARE  DA  RIDERE ,  CHE  RIDERE,  DI 
CHE  RIDERE,  o  slmHi.  Dare  occasione  al 
rito.  lai.  rimi  cansiam  praelierr.  gr.  yOtt- 
T«  wa^*z"»-  e»™-  e-  '•/  I.Qnesla  nmella 
di^  tanto  che  ridere  a  tutta  la  compagnia,  che 
niuiie  r'  en  a  cui  non  dolessero  Je  mascelle. 
K  nov.  SS.  il.  Al  suo  rcrvenle  amor  |>ose  fi- 
ne, arendo  mollo  dato  da  ridere  a*  ino' com- 
pagni, ed  alla  Niccolosa,  ed  a  Filippo.  Bnov. 
M.  I.  QactU  novella,  dalla  reina  della,  die- 
de un  poee  da  mormorare  alle  donne,  e  da  rì- 
dere a'giorani.  Lab.  997.  Cosi  adunque  detti 
da  ridere  alla  tua  savia  donna  e  valorosa,  e  al 
atto  dÌMnmto  amante,  rér.  Catt.  9.  9.  Non  è 
tanto  pericolo  L'esser  befTato,  e  dar  altrui  da 
ridere.  <I  Buon,  teli,  103.  Il  sig.  Nori,  vrg- 
gende  la  tavola  apparrrchiata,  garrì  per  gioia, 
e  mettendo  nn  grand'OO,  e  le  mani  aperte 
aliando  allvspalle,  detto  cbe  ridere  a  tutti. 

DARE  DA  SEDERE.  Dare  alimi  comodi- 
li di  sedere,  lat.  sedem  proebere.  jtllegr. 
SI7.  Ma  da  seder  mi  dettmi  Ira  le  mani  Una 
ciacranna  vecchia,  e  due  deichetlì, 

<;  DARE  D'  ATTORNO.  Frequentare. 
Ceech.  Match.  1. 9.  Per  sedici  e  diciotlo  mesi 
Egli  non  ha  mai  fatto  alilo  cbe  dare  D' ittoruo 
a  quella  vedova. 

:  DARE  DA  VEGGHIARE.  v.  DARE  DA 
PENSARE. 

DARE  DEBITO.  Detcrlvere,  o  Scrìvere 
[le  parlit»  al  libro  de'conll]  In  debito  [di 
alcuno!]  lat.  debllorem  fecero.  Allear.  999. 
Laonde  e  rei,  ed  ogni  altro,  cbe  me  n'abbia 
dato  |>«r  iufio  qui  debile,  di  qui  in  U  può  a  sui 
posta  far  conto  d'arerue  a  riaver  più  di  dugeu- 
to  per  cento. 

•  DARE  DEL  BASTONE.  Percuotere  col 
battone.  Fit.  S.  Siifrag.  171.  Verrà  a  te  Eu- 
fregia,  e  daratli  del  bastone. 

:  DARE  BBGU  SPRONL  Spronare,  e 
Jtgiir.  Sollecitare,  Sltmotare.  Pallav.  Star. 
CoHC.  I.  S36.  I  Legati  avvedutisi  deiratti6iio, 
e  die  ciò  era,  rom'essi  scrivevano,  un  dar  degli 
sproni,  ed  insieme  liran  la  briglia,  rìspos<*ro. 

DARE  DEL  BDONG  PER  LA  PACE.  Iit. 
prò  bòna  pacis  aliqiitd  ramittere,  condona- 
re; non  omnia  suo  iure  agore.  Farcii.  Ercol. 
87.  Dar  del  buono  per  la  pace,  è  favellare 
umiiraenle,  e  dir  cose,  mediante  le  quali  si  pos 
sa  comprendere,  cbe  alruoo  cali,  e  voglia  venire 
agli  accordi  ec.  Ciriff.  Calv.  3.  71.  Come 
Irlacon  la  vide  così  tinta.  Cominciò  a  darle  del 
buon  per  la  pace.  Ceceh.  Inc.  9.  9.  Sentendo 
scoprir  gli'  altri,  mi  parve  buono  dare  del  buon 
per  la  pace. 

•  :  DARE  DEL  BURRO.aTm  PO'  DIBUR- 
RO. Dtcesi  Jigiirntam.  per  Lodare. 

:  DAREDELCAPONELMURO.Xo/^r/- 
to  che  Dare  delta  testa  nel  muro.  Benv.  Colt. 
Fit.  9.  988.  Stando  ostinalo  a  queste  rostre 
faulasle,  rei  darete  del  capo  nel  muro.  v.  DA- 
RE CAPO. 

DARE  DEL  t.'CPFO.  Ballare  il  ceffb.  Ca- 
dere, lai.  labi,  excidere.  gr.  Jxtrfimiv.  Ceech. 
Servi f.prol.  Ma  egli  arveuue  come  suole  AgU 
amaulali,  che  per  poco  danno  Del  ceflù  in 
terra.  Buon.  Pier.  3.  3.  9.  Del  cefl!>  vi  die  sa 
parecchie  volte. 

;  5  Ifor  dal  affo  nella  fotta,  vale  Rtter 
decrepito,  Etter  vicino  a  morire.  Ceech, 
Stlav.  i.  8.  A  ma  para  aompre  dar  del  capo 
ne'flwileri,  e  del  cello  nella  fossa, 

.  DARE  DEL  COLTELLO.  Ferire  di  col- 
tella, S.  Agoil,  C.  D.  9.  99.  A  te  slesso  diede 
dd  eoltdlo,  e  gittossi  morto  sopra  il  corpo  del 
fratello. 

DAREDELCULO  IN  TERRA.  Uodobat- 
to.  Cadere,  Catcara,  lat  laU,  excidere.  gr. 
(xTiirniv. 

S  I.  Dare  del  culaia  terra,  in  tul  lastro- 


ne, in  sul  patrono,  e  ilmilt,Jtgitralam.,  M- 
loFalliro,\A.decognere.\ff.Afiftn,'\Palaff. 
1.  Egli  ha  dato  dd  culo  in  sul  prtrone.  lUalm. 
4.  78.  Donne,  che  feron  già  per  ambiaione 
D'apparir  gioiellale  e  luccicanti,  Dar  del  culo 
al  marito  in  sul  lastrone. 

$9.  Bar  del  culo  in  un  cavicchio,  diceol 
proverbialm.  di  Chi  imprendo  a  far*  ehae- 
chesHa,  eh*  gli  riesca  male.  lat.  offìmder*, 
male  r*m  gor*re,  aberrare,  gr.  KlìOTVjfK?*. 

5  8.  JRf  dice  anche  per  Incontrar  disgra- 
zie, lat.  in  malum  impiugere.  gr.  ixKtltttrs- 

DARE  DEL  DITO  NELL'OCCHIO.  Heutr. 
pass.  Lo  slesso  che  Darà  la  tcnra  tul  piò. 
Farti  male.  Recarti  pregiudizio  da  tè  ttet- 
to.  Dani,  Conv,  407. Nessuno  dee  l'amico  sup 
biasimare  palesemente,  peroochò  a  aè  medesimo 
dà  dd  dito  nell'oechio. 

.  DARE  DELL'ACQUA,  v.  DARE  L'AC- 
QUA. 

.  DARE  DELLA  MANO,.-.  DARE  MANO. 

;  DARE  DELL'APPRENSIONE.  Gi;ioH>i- 
ro  Umor*.  «  Hed.  loti,  9.  970.  Questo  poi 
dar  dell'apprensione,  e  del  tiroora  », 

DARE  DELLA  SCURE  IN  SUL  PIE.  v.- 
SCURE 

>:  DARE  DELLA  SPUGNA.  Canctllar*. 
Magni,  leti.  Sctanl.  43.  Non  dico  di  ritoccare, 
ma  di  dar  della  spugna  a  qoeala  bellissiau 
immagine. 

:  DARE  DELLA  TESTA  NEL  MURO. 
Mettersi  ad  impreta  pericolosa ,  e  non 
rluscHile.  Beno,  Celi.  Fit.  9.  I«l.  Mi  dine 
che  volea  far  quanto  gli  piaceva,  .e  che  io  davo 
della  testa  nel  muro  a  voler  contraltare  contro 
a  di  lui. 

DARE  DELLE  CALCAGNA.  Fiiggiro,  lat. 
in  Jiigam  to  eeniicore.  p.'fiir/tn. 

S  Dare  dollexaleagna  altrHi,Jtguratam. , 
vale  Slimolare,  Spronare,  ìncltarw.  lai.  tli- 
mnlos  adderò,  calcaria  adderò,  fgr.  i-/xe- 
IfOnv.]  Dani.  Purg.  19.  Onde  lì  mahe  volle 
se  neiHagne  Pi?r  la  puntura  d*tlla  rimembranta. 
Che  solo  a'pK  dà  delle 'ealcagne.  Bui.  Dà  del- 
le ealeagne,  cioè  punge  li  pietosi,  eome  li  pun- 
ge lo  cavallo  colli  speroni,  che  sono  alle  cal- 
cagno. 

DARE  DELLE  COLTELLA.  Ferire,  lat 
gladio  lanciare,  vulnerare,  gr.  pxjcaiptt 
nrpAmm.  Boer.  nov.  IO.  97.  La  quale  pòi 
con  Ini  insieme,  e  eolla  cara  fante,  che  dare  gli 
area  voluto  della  coltella,  più  volte  rise,  ed 
ebbe  festa. 

DARE  DELLE  GRIDA,  *  DAR  GRIDA. 
Gridare,  Rampoguare.  lat.  ìncrepare.  [gr. 
x«r«yS95v.]  Ceech.  Servig.  4,  8.  l'so  ben  io 
le  grida,'  eh' e'  mi  delle  L'altra  mattina  fra  Lai* 
tanain,  mio  Confessore,  per  questo. 

.  DARE  DELLE  LEGGI,  o  DELLE  LEG- 
GIACCR.  V.  DARE  LEGGE. 

•  :  DARE  DELLE  NOCCA. fff/«  Daredelle 
pugna.  Late.  rim.  9.  94.  Darebbon  delle  ntK* 
ca,  e  poi  de'mssi  A  chi  dinansi  gli  mettesse  loro. 

.;  DARE  DELLE  SCHIENE  IN  TERRA 
Lo  stento  che  Dar  del  culo  in  sul  pelroiuf  ;  o 
dicesi  di  chifnilitee.  Lese.  rim.  4.  4».  Maxi 
par  propio  un  mercante  fallito,  E  ch'abbia  dato 
delle  schiene  in  terra 

DARE  DEL  MACCO  A  IOSA.  Maniera 
proverbiftle,  dinotante  Dare  in  abtwndausa 
delle  cose,  che  non  rilevano,  e  che  non  costa- 
no, lat  villa  copiose  praeliere.  Salo.  Granch. 
9.  4.  Agli  uomini  grossi  Bisogna  dar  del  mac- 
co a  iosa.  « 

»  %  B  nello  tiosto  sento  dlc*tl  ancora 
templicemente,  Dar*  del  macco.  Ceech.  At- 
tlnol,  8.  9.  Orsù  io  son  coutente;  perché  la 
ragion  vuole  eh*  all'uom  groaio  gli  si  dia  del 
macco. 
DARE  DEL  MESSERE,  v.  DARE,  S  9S. 
$  Cosa  da  dargli  del  metterà,  vale  f,'ostt 
grandi;  e,  per  Ironia,  Cote  dispregevole, 
/llleg.  999.  L'ignoranaa  (diceii  per  una  hoc- 
ca),  e  la  rogna  sono  due  mali  da  darli  del  mcs* 
sere  per  eccellensa. 

.  DARE  DEL  NASO  Di  CULO.  v.  DARE 
DI  NASO. 

.  DARE  DELPIEDE.  Incappare.  Ar.  Pur. 
45.  53.  Ferma  il  destrier,  non  sema  gran  so- 
spollo  Cbe  non  vada  in  qne' lacci  a  dar  del  pie- 

'»:  DARE  DEL  SIGNORE.  <■.  DARE.  $  SS. 
•       4 


Digitized  by 


Google 


se 


DAR 


.  DARE  DEL  SUO.  ».  DABE  n.  SUO. 
.  DARE  DEL  VINO.  v.  DARE  IL  VINO. 

•  DARE  DEL  VOI.  ».  DARE  DI  VOI. 
DARE  DENTRO,  e  DRENTO.  <^M<>//<tr«, 

Investire.  lat.  impetum  fueere,  adwiri.  gr. 
tlttpx"'"'  Tivet.  DUc.Cnlc.  (IO.]  Na(|l>  «w- 
óti  «ulicbi  de'Bonani  i  funditorì,  ed  oggidì 
Ile*  moderni  gli  arebibusierì,  atUccaiio  le  wm- 
paaucee  ;  suuo  i  primi  a  djr  dentro.  Tac*Dav, 
MHH.  i4.  i9i,  CoiiibrLiti  diti  capitauo,  e  Ut- 
molalisi  tra  loro  a  iiou  arer  i>aura  di  doune,  e 
di  passi,  danno  d«Hitro,  a  gì'  iucontrsli  abbatlo- 
uo,  e  riuvolgouo  nelle  lor  fiamme,  £  Slor,  3. 
!i7S.  Ottone  voleva  dar  dentro  :  a  Tisiauo 
tuo  fratello,  e  Procalo  prefetto  del  Pretoria, 
come  a  ignoranti»  parca  milP  anni.  £  SSO.  Er». 
vi  giunto  battendo  un  Numida  con  sue  lettere, 
cke  li  minacciava  del  non  dar  dentro,  itrug- 
gendolo  e  1'  aspettare,  e  '1  più  ilare  sulle  spe- 
rauxe.  Bern.  Òri.  I.  IO.  M.  E  dette  dentro 
con  molta  rovina.  S I.  16.  53.  Ed  alle  schie- 
re d'India  dauno  dreuto,  E  S.  18.  8.  Ancor- 
ché ardisse,  e  disiasse  molto  Di  darvi  dentro, 
pnr  si  raffrenava.  Ciriff.  Calv.  {.  \k.  Dal- 
l' altra  parte  Lionettii  vieoef  Vide,  eh'  aveva 
Falcon  sotto  vento:  Come  colui  cbe  l'arte 
intende  bene,  Hissesi  in  punto  per  dar  tosto 
dreuto.  E  si.  31.  Carne  Beltran  die  con  sua 
scbiera  drento,  Ucctsoo  colle  lance  astai  pagani. 

$  I.  '  Dar  dentro  innna  cosa, per  Urtar* 
vi,  hciaitiparrt.  la»,  offendere,  gr.  Ktpitv/- 
X<ti>«v.  Jr.  Fur.  15.  59.  Quivi  adattolla  in 
modo  in  sull'arena,  Che  tutti  quei,  cb'avean 
da  lui  la  caccia.  Vi  davan  dentro. 

;  S  *•  Dar  dentro  in  che  che  sia,  per 
Abbattersi,  jiwenlrsi  in  che  che  sia.  Bel' 
Un.  Disc.  1.  93S.  Vi  ao  dir'io  che  Iroverele 
un  gran,  miracolo,  se  ci  date  dentro. 

•  S  3.  Dar  dentro,  per  opporsi.  Pigliar 
Il  nerbo  della  cosa.  Dar  nel  segno.  Cecch. 
ilasch.  I.  .3.  Sai  tu  di  monna  Adriana,  che  fu 
moglie  di  Niccoluccio  LambcrteKhi?  6'.  Della 
vostra  comare  adunque.  JJ.  Tu  vi  bai  dato 
dentro.  Galil.  Cap.  Tog.  [3.  175.]  Mi  fanno 
|>atir  certi  il  grande  stento,  Che  vanno  il  som- 
mo bene  investigando,  Epure  ancor  non  v'han- 
no dato  drento.  l  Red.  leti.  45.  lo  ho  rico- 
nosciuto l'autore  di  quel  sonetto  ce.;  egli  è 
il  fratello  del  nostro  gentilissimo  signor  Fru- 
soni. Ci  bu  io  dato  dentro?  Ho  io  buon  naso? 

«•  S  4.  Dicesi  anche  Darci,  e  vale  II  «e- 
drsimo;  come:  Egli  ci  dà  sempre;  Ci  badato. 

S  5.  Dar  dentro,  JtgHratam.  vale  Coarìn' 
dare*  bit.  Initinm  Jacert,  aggredì,  ingre- 
di.  gr.  ipx^edm.  Cani.  Cam.  4t5.  Su,  tam- 
buri, e  trombetti.  Datevi  dentro;  e  voi  altre 
brigate,  Perch'  e'posseu  giocar,  lar^o  uè  fate. 

S  6.  /?  Dar , dentro,  vale  talora  Comin- 
ciare tata  cosa  senta  far  seguo  di  sfinire. 
Malm.  IO.  38.  Sta  Paride  a  sentirlo  mólto  at- 
tenta; Ha  |M>i  vedendo  quanto  ei  si  prolunga. 
Fra  se  dice:  costui  ci  ha  dato  dreuto. 

•  :  $  7.  yaleanche  Far  sentir* internameli- 
te.  yit.  S.  il.  iladd.  1 1.  La  confidenaa  den- 
tro mi  dà,  cb°  ella  (Uaria)  n  coaivertirebbe. 

•  $  8.  £  per  Proseguire  di  farsa  a  far 
checchessia,  lat.  opus  urgere,  gr.  1zp9.yftaL 
<xay!r//à;«v.  Lasc.  rial.  3.  [316.]  Ha  trop- 
po arci  tormento  e  passiou*.  So  tu  restassi 
(  cioè  di  cantare  i  miei  gesti) .-  or  dunque 
darai  dentro  Con  somma  gloria,  e  mia  riputa- 
xione.  CVir.  lelt.  I.  8.  Venovi  dar  dentro  in 
que'  libai  a  luU'uomo.  ;  £9.  83.  Vi  prego  a 
scrìvermelo  s^lo  :  perchè  sono  risoluto  dì 
darvi  denlio,  e  di  staanparla  qui  in  l'arma,  per 
csaervi  sopra  io  medosimo. 

S  9.  Dare  in  dentro,  vai*  Pendere  verso 
l*  parte  Interiore.  UU  converger*. 

S  IO.  Der*  di  dentro,  vale  Percuotere 
dalla  parte  interiore» 

$  II.  Darci  dentro, detto  assolutamente, 
vale  Intoppar*  in  qualche  dificolli,  in  9>'*l- 
chaecota  incomoda,  o  dispiacevole.  Buon, 
Pier.  I.  1.  4.  Oi  ho  dato  drento:  A  aaa  nou 
s' appartiene  Cercar  più  oltre. 

•  DARE  DE'  PIE  IN  TERRA.  Batter*  il 
taccone.  Partirsi  InfrHta.  lat  solum  ver- 
tere. Buon.  Tane.  a.  II.  Perù  «'  sark  ben  dar 
de*  pie  iu  terra, 

:  $  fi  Dar  de' piedi  in  una  cosa,  vale  an- 
che Darvi  dentro ,  Inciampar*  in  essa. 
Bear.  Celi.'  yit.  9.  34.  In  mentre  cbe  io  au- 


DAR 

davo  inoauzi  e  indietro  poosaiido  al  latti  mìa, 
detti  da'  piedi  iu  una  gran  pertica,  la  quale 
era  coperta  dalla  paglia. 

DARE  DE'REMI  IN  ACQUA.  Comincia- 
re  a  remare.  Partirsi  dal  UdoJal,  solvere^ 
remigio  aijnam  scindere,  gr.  [*ày«?rAc?v.] 
Bocc.  nov.  14.  6.  Dato  de*  remi  in  acqua,  si 
mise  al  ritornare,  fi  nev.  17.  40.  Comandò, 
che  de'rcmi  dessero  in  acqua,  e  audasscr  vìa. 
Knov.  33.  II.  Di4r  de* remi  inacqua,  e  andar 
via.  fi  fiu».  41.  89.  Sopra  la  quale  messe  le 
donne,  saliti  essi,  e  tulli  i  lor  compagni  ec, 
iAo  de' remi  iu  acqna,  lieti  andaron  pe' fatti 
loro.  Bnrch.  I.  83.  Quando  verrà  colai,  il  cui 
rimbombo  Farà  subilo  in  acqua  dar  de'rcmi. 

DARE  DE  SERGOZZONI,  o  DARE  UN 
SERGOZZONE.  Offemlere  con  sergoitoni. 
Percuotere  con  pugni,  lat.  subter  menlitm 
puguis  ferire.  Ilocc.  nov.  79.  14.  Fa  bolo  a 
Cristo,  cbe  mi  vico  voglia  di  darti  un  gran  ser- 
gozzone. 

DARE  DESINARE,*  DARE  DA  DESINA- 
RE, /apprestare  il  desinare,  Cenvitmre,  Ri- 
cevere a  convito,  lat.  prandium  dare,  pran- 
dio excipere.  gr.  ipmlliu*.  C.  K  ti.  5».  6. 
Dimorò  in  Firenae  sci  di,  e  alla  fine  ricevuti 
più  corredi  da'|iriori,  e  dato  coutinovo  desi- 
nare, e  cene  a*  cittadini,  alla  sua  partila  foce  un 
corredo  in  Santa  Croce  molto  nobile,  jtllegr. 
270.  Datomi  desinar,  merenda,  e  cena,  Fui  gra- 
tis, come  un  principe,  alloggiato.     • 

DARE  DI  BANDO.  Lo  stesso  che  Dare 
bando.  Discacciare,  lUandar  via.  lat.  amo- 
vere, amaudare.  gr.  ànoxtvsXVtttBélv.  Malm. 
S.  30.  Onde  ai  timori  alfìn  dato  di  bando.  Ti- 
rava innanzi  il  volontario  esilio. 

^  DARE  DI  BECCO.  Mordere,  Percuo- 
tere col  becco,  lat.  mordere,  abradere,  gr. 
Sàxvtn.  Frane.  Saech.  Op.  div.  90.  Nibbio 
ce,  se  vede  li  6glìuolì  ingrassare  nel  nido,  dà 
loro  tanto  di  becco  nelle  costole,  cbe  dima- 
grano. 

S  $  I.  Dare,  di  becco  in  tuta  cosa,  vale 
fgurat.  Mangiarsela.  «  Daut.  Pnrf;.  93.  Io 
dicea  fra  me  stesso  peusaodo:  ceco  La  gente, 
che  perde  Gerusalemme,  Quando  Maria  nel 
figlio  die  di  becco.  Bui.  Die  dì  becco,  impe- 
rocché 1*  uccise  per  mangiarlo  n. 

S  9.  fi  /wr  metaf.  Fareh.  Brcol.  87.  Da- 
re di  becco  in  ogoi  cosa,  è  voler  fare  il  saccen- 
te, e  il  satra|>o,  e  ragionando  d'ogni  cosa,  far- 
ne il  Quintiliano,  e  l' Arislarcik  Bnrch.  9.  08. 
Nou  mi  sentendo  tal  da  dar  di  becco  Nel  fa- 
condo suo  ingegno,  alto,  e  gentile. /éllegr,  tSS. 
Danno  di  becco  iu  ogni  cosa  a  sproposito.  B 
348.  E  quegli  sputatondo,  al  mio  parer,  danno 
più  spesso,  e  più  gran  seguì  di  scemo,  lì  quali, 
per  parer  savii  a  credeiua  dai/no  di  becco,  sci- 
muniti, in  tulle  l'opere  dì  poeta  celebre. 

DARE  DI  BERRETTA.  Trarsi  la  berret- 
ta. Far*  ima  sberrettata ,  Salutare.  Buon. 
Fier.  4.  I.  8.  Quel  sì  ritira,  e  gli  dà  di  ber- 
retta, E  dice;  gran  merce. 

DARE  DI  BIANCO.  Tigner  col  color  bian- 
co, lat.  dealbare.  gr.  ìnnutieuv. 

5  I.  Dare  di  bianco,  vale  anche  Cancella- 
re, lai.  obliterare,  gr.  àooaU^n».  ••  Salvin. 
Annoi.  Mur.i.  153.  Or  pérchr  questa  o  quella 
voce  oggi  più  non  si  direbbe,  si  dee  dar  dì  bian- 
co, a  quegli  autori  per  altro  puri  e  netti,  ov 'el- 
la si  trova  ? 

$  ì.  Per  metaf..  Pregiudicare  con  sinistri 
uffisii  agli  interessi  altrui,  lat.  alieuius  ne- 
gotium  intervetere. 

DARE  DI  BOCCA.  Mangiare,  lat.  coine- 
rfeiv.  gr.  ficfu». 

S  Dar  di  bocca  a  checchessia,  vale  Par- 
larne con  liberta,  o  arroganza,  lat.  libere 
legni,  gr.  1txió)iatiÌI9dM. 

•  DARE  DI  CALO.  ».  DARE  CALO. 

:  DARE  DI  CAPO.  Capitare.  ».  CAI>0, 
S75. 

•  DARE  DI  CHE  RIDERE.  ».  DARE  DA 
RIDERE. 

DARE  DI  CIUFFO.  Ciiffare.  lai.  »e//e- 
re,  avellere,  'dtripere,  capere. ^t.ÌTtoaTtf.v. 
Frane.  Sacch.  nov.  70.  E  'I  porco  ferito  gli 
dà  di  ciuffo  alla  gamba,  e  quanto  ne  prese,  tao- 
Io  ne  levò.  Cir(ff:  Cntr.  3. 78.  D;ite  di  ciiiffit  a' 
padiglion  dì  Citto,  E  '1  mroar  delle  man  non  vi 
rincresca. 

DARE  DI  COLLO.  Dare  aiuto,  lai.  auxi- 


DAR 

littm  forre,  gr.  fini/Ui*.  Cecch.  Inc.  1. 9.  Tu 
sei  un  traditore,  e  non  ci  bai  lui  volalo  dar 
di  callo,  e  disporti  ad  aiulamà. 

DARE  DI  COZZO.  Costar*  in  checches- 
sia,  Abbattersi,  Intoppare,  lai.  offendere, 
impinger*.  gr.  icpoftixnn.  M.  F.  IO.  4.  E 
dato  di  coaxo  in  essa,  eoa  loro  daaatnia  si 
loriiarooa  a  Bologna  (cosi  nel  ms.  Meei.) 
Frane.  Saech.  Op.  div.  CU  e  in  Orieate,{ìig- 
geudo  verso  Levante,  conviene  che  dia  di  ras- 
ao  uel  cielo.  Da nt.  Purg.  16.  Siccome  cicco 
va  dietro  a  sua  guida  Per  uoa  smarrirsi,  e  per 
nou  dar  di  cosso  In  cosa,  chc'l  molesti,  obe- 
se ancida.'Orri^  Ce/».  I.  35.  Ch'  io  so,  ch'e- 
gli è  pc'aigaiili  si  caldo,  Ch'  e'craderebba  ud 
ciel  dar  di  cozzo.  Ar.  Fur.  99. 91.  Henlio  co-  - 
si  pensando  seco  giva.  Venne  in  quel,  ch*  (er- 
rava a  dar  di  cozzo. 

S  Figuratam.  Opporsi,  Centrtstare.  lai. 
adversari,  gr.  tysewieCiaSeu.  Dani.  In/,  t. 
Cbe  giova  nelle  fata  dar  di  cozzo?  Bai.  Dst 
di  eosso,  cioè  contrastare,  e  volere  impedire  le 
(aia. 

DARE  DIETRO.  Seguitare,  lai.  lasefil. 
gr.  ^uixny. 

S  I.  Dar  di  dietro.  Ferir  dalla  parte  pe- 
steriòre.  lat.  eversa  vulnera  in/ligere,  terga 
ferire.  Cent.  Cam.  70.  Crediam  questo  ■«' 
riesca,  Po'ch'ognun  dà  dì  dietro  oggi  (qui  in 
sentim.  equivoco.) 

%  9.  Dare  indietro.  Pendere,  e  Unoverii 
verso  la  fiarte  poslerior*.  laL  r«»re  reffrrl. 
gr.  ivKx'it". 

DARE  DIFESA.  Concedere  alimi,  che  a 
difenda,  lat.  defeusiouem  dare,  defentio- 
nem  tribiiere.  gr.  ÌTSoXv/uu  iiiineit.  Tee. 
Dav.  aiM.  16.  339.  Ccsrrompe  uno  schiave  t 
rapportare,  che  Petronio  ara  tutta  di  Sceriao: 
nou  gli  è  dato  difesa. 

S  Dar  la  difese.  Dar  campo  ad  altri  di 
difendersi.  T.  de'Legisti.  Tac.  Dav.  eoa. 
1 3.  1 69.  Le  difesa  darsi  a  ciaschedu  no,  neo  che  ' 
alla  madre.  Dav.  Scism.  61.  Senza  dargli  le 
dìlèse,  forse  perchè  ci  non  gli  sqnadcniaise  ia 
giudìsio  le  commessioni  di  questa  cosa,  e  Hsl* 
l'altre. 

.  DARE  DI  FUORA.  ».  DARE  FCORA. 

a  DARE  DI  GIU.NTA.».  DARE  GIUNTA. 

DARE  DILETTO.  Dilettare.  ULvetapU- 
lem  creare,  gr.  rtpTtu*.  Bocc.  g.  9.  raiu.  Il 
qual  come  gli  >en|e,  a  dar  diletta  Di  sé  a  « 
si  aiave,  e  viene  in  quella  Cb'  i'son  per  dir: 
deb  vie»,  ch'i' non  disperi.  £  Fit.  Deal.  (8. 
Diletto,  e  iutcndimenlo  di  sé  diede  agl'idioti 
abbandonai  i  per  addietro  da  ciaschedune. '€'- 
legr.m.  Perché  nou  può  giovare,  o  dar  dilet- 
to. Canti  a  suo  mo'  di  Enea,  canti  d'  Achille, 
Chi  vuol  comporre  a  suo  marcia  dispetto. 

S  K  neutro  pan.  Dilettarsi.  Cani.  Con. 
3.  Noi  ci  andiam  dando  diletto.  Come  s'osa  il 
carnasciale.  :  Belc.  Fil.  Celomi.  C.  998.  Hs 
vedendo  il  padre  che  nou  si  dava  diletto  di 
giucare  ec.  prese  sospetto,  e  teneralo  chioso 
in  esagera.  £  308.  Perché  non  li  dai  dilcMe,  e 
piacere,  meniro  cbe  se' giovine  e  bello  e  ricco? 

:  DARE  D'INDUGIO.  Indugiare.  Bui. 
350. Onde  lo  Re  noUndo  le  parole,  diede  d'ia- 
dngìo  al  giodicio  all'altro  d!. 

DARE  DI  MANO.  ».  DARE  MANO. 

DARE  DI  MORSO.  Mordere  con  avidili, 
e  talora  Mordere  semplicemente,  lat.  mifr- 
ilere.  [gr.  ióxtea.]  Pass.  343.  Dava  dì  ■*«* 
in  questo  pane,  e  iu  questo  cascio.  Bern.  rim. 
49.  Vi  dà  né  più  né  men  dentro  di  morsa,  Co- 
me se  fosse  un  pczso  dì  {Min  unto.  Gelai.  IO. 
E  molto  meno  si  dee  porgere  pera,  o  altro  fnil- 
lo  nel  quale  tu  aversi  dato  di  morso.  S  «  Icf/. 
Oss.ann.  136.  Forse  in  quelle  stesso  erbe  die- 
de dì  morso  quell'anlìco  Glauca.  Malm.  I. 
55.  Ed  io,  cb'  allora  arci  mangiate  i  sassi,  M'sc- 
comodaì  per  darvi  su  di  morso  ». 

'  S  B  metaforlcam,  «  Dani.  Purg.  18. 
Vedine  due  All'accidia  venir  dando  di  mor- 
so ». 

DARE  DI  NASO.  Foler  vedere,  ejhtiere 
ogni  cola;  melaf.  presa  da' cani.  IsL  easni- 
bus  se  immiscere.  gr.  itoXunpctype:it(v. 

J  I.  Dar  di  naso  per  tulio.  Cercar  dio- 
gnt  resa. 

5  9.  Dare  del  naso  in  culo,  maniere  espri- 
mente dispr*tio,  *  vale  Dar  notar  che  an- 
che si  die*  assolutam.  Dar  di  naso  ;  modo 


Digitized  by 


Google 


tu»  tt»f.  *.  Tu  m'^tà  p<»to  I  {fiualo,  e 
tt«  Ma  •:  Omt.  ttfid.  SI.  Ci  wu  earti 
c<«|k  nflva  MBpra  oar*  M  naia  in  colo, 
ti  f^  vaA  poter  farla  del  paro. 
SI  Dm- ite  mmt».  p.  NASO. 
•UE  U  PEMHA.  Snmntiar;  Cauare. 
kt  4i<err,  MUenne,  ejrpMMger».  gt.  i(»- 
ilifa.  •  CrtK.  Siria.  183,  Andrea  ralle  ebc 

■  d  liaaia  dalla  aaaUeveria,  e  dcM  di  peana 
t  «adb  afta  dagli  M  tonni  d'oro. 

\  UMF.  Ili  P£TTO.  UHnre.  lat.  Implit- 
|in.  |r.  s^HiéXTRv.  Ai'ii.  Comp.t.  11.  In 
av  ulei  aao  da  ft  petto  sanaa  malisia  a  nn 
ak/a.  Bureé.  S.  15.  E  porcfa'io  vo  testilo  alla 
tiajan,  Mi  dm  di  petio  atropieciaiido  il  bru- 
<»,  Facaado  ràu  di  fiatar  la  roa.  iforg.  7.  M. 
Ma  e4  ktlaglia  uou  dava  Jì  petlo. 

;  5  I.  f  la  t/gnj'/Scasioac  neiitr*  fiMjg.  Pe- 
ir  rap.  S.  9ìaa  con  altro  rowor  di  petto  dau- 

■  INO  lesa  ieri,  u  d»o  ful|^  ardenti,  n  fio- 
Ut.  Ami.  IT,  Battoa  le  codc,>  con  occhi  fo- 
eoa.  lagji««<i.  i  Ser  leoa  di  petto  dan»  a, 

;$  1  JiÙ€r  di  p^lo  Httia  rnfftttt^  o  luii 
arala,  «air  iUmmmar^  prrn.  m  Ar.  Fiir.  83. 
MI  AnH-  <^  "  ritron  In  ragna,  o  in  viico 
arar  im  di  petto  •. 

.  J  J.  Bar  il  pana,  per  Bar  di  capo,  Ca- 
^•w.  4r.  fitr.  4S.  «SI.  Il  giudice,  ricoame 

■  n  dicaa,  Vmm»  a  qneslo  palagio  a  dar  di 
ptta. 

t*IE  DI  PIATTO.  Ptrcnater»  eolia  par- 
H  fiatla  dalVarma,  non  C9t  taglio,  né  aol- 
Itfa^m.  lai.  éatiorl  ahtls,  ■«/  gladi!  parfe 
pdtmrt,aartrrara.  Frane.  Sacih.  hov.  138. 
E  à^  nna  buooa  dì  piatto. 

UBt  UVIS.  fareaalan ro' piedi, Seac- 
liv—l  piede,  lat.  péditus  propellere,  aùl- 
j<ni  p.  Ji«tI{b». 

•  i  Dare  di  pie  mI  camallo,  »  simile,  vate 
SfrmeH:  Berne.  Cieli,  t'il.  *.  118.  Io,  che 
ma  dita  dì  pia  al  cotbIIo,  e  in  mentre  che  e* 
^lafpe»,  pfMIaaaenfe  avevo  rimesso  in  ordi- 
■I,  r  carica  il  mio  awclrilnno.  £  4 19.  Hate  di 
•fé  s'aiArì  cavalli,  e  f*alo|<ptatto  finoa  Staggia. 

\  DME  DI  MULIO.  Pigliar  empretltt- 
u.  In.  arripere.  jr,  n^ses^irà^fiv.  Dant. 
M-  fi.  Ongb^aaaa  noch'ei  volle  dar  di  pi- 
li». £  Parg.  I.  L»  dnca  mìo  allor  ni  die  di 
Pfl»,  E  c««  parolff,  e  eoo  mani,  e  con  ceuiit 
tnaealiari  te  le  pimtb»,  «'1  eiglio.i>fic.  Cale. 
31  Averterebbe  giovamento  grande  alla  sua 
^ada  ■■  gineatare  gagtiardo,  il  quale  alla 
HI*  daa«  di  piglso.  E  »».  Urlando  oii  po' 


r  aa  po'ijnello;  riccbè  il  datore  suo  ab* 
hi  tapi  di  dar  di  figlio  alla  palla.  Bureh. 
1. 113, 8aaleada  f|aeslo  on  gran  lupo  marino, 
S^te  die  di  piglio  ad  uu  agnello.  Tee.  De». 
^*^'  I.3M,  1  pnh  severi  centurioni  danno  di 
P>|Be  all'arasi,  otoutano  a  cavallo,  ec, 

•SI-  Per  Approdare,  a  Ar.  Pur.  IO, 
♦*•  l)ei  da  man  manca  ba  un'isola  vicina ,  A 
<ai  mi  par,  cb'abbiaaio  a  dar  di  piglio  >. 

S  *•  Per  Cemiueiare  a  fare  alcuna  eota. 
Helm.i,  M,  C^e  a  sarrirti  a»  mo  va' dar  di 

♦  $  3.  Per  Impùteetearsi,  detto  sfigurata- 
■"•f,  e  riferite  »  basta  passioni.  Ar.  Pur. 
~-  '.  0  aieenbilr  avarizia,  o  ingorda  Fame 
•sao^  ia  Ma  sei  manvìglio  Che  ad  alma  vi- 
K  e  d'alti*  aHcehte  lorda.  Si  racilmenle  dar 
^  'piglia. 

'5  *•  Dar  di  pigile  ad  alcrttt  paese,  va- 
*  Oteaperle.  Ar.  Onij.  Cani.  ».  M.  Noa 
'■•ada  aè  Papa  ne  intanlallo.  Alla  Romagna 
sfts  duo  di  pl.Ko. 

'Si.  Per  Amtare.  Ar.  Pur. 9».  IS.Que- 
m.  nuto  a  a  sua  legno,  a  dkr  di  piglio  Si  po- 
•^  e  s  det>ra4ar  per  la  manna. 

'\t.  Dardi  piglio  mei  sangue,  o  nelFa' 
•"»,  vale  Teglianf  la  vita,  o  le  sestante, 
•UGUO. 

•  DARE  DI  PINTA.  Urlare,  Spingere. 
"•.A  Fl-ene.  1M.  ^avrebbe  l'uomo  sem- 
'"  laasara  la  superbia,  che  non  rIì  dia  di  pin- 
**>  aUeeblo  cadere  C^iii  métafaHcam.) 

MllE  DI  PUNTA.  Ferir  colla  pimta.XA. 
^^ff—  ferire,  gr.  x«»T«?«v. 

►MIE  W  QUEL  CH"  UN  VA  CERCAN- 
».aOA»E  QUEL  CH'  UN  VA  CERCAN- 
W.  Mede  tasso,  dinotante  Marllfieare  al- 
™  eella  ferma,  eh'e' merita,  Boee.  uev. 
••  H.  la  gli  4ffà  quello,  ch'egli  va  cercan- 


DAR 

do.  S  nsm.  S4.  Ma  io  ni  peti  in  cuore  di  dar- 
ti quello,  che  tu  andavi  cercando,  e  diedilelo, 
Ceech,  Servig.  3.  3.  In  buona  veritJi,  che  s'io 
credessi.  Che  fasse  ver,  che  cotesto  Perlonc 
Facesse  questo  torte  alla  mia  vedova,  To  gli  da- 
rei di  quel  eh 'e 'va  cercando. 

DARE  DIRITTO,  Dare  per  dirillura,Co- 
gliere  per  l'appunto  il  tersagllo,  lat,  ivnt 
attingere,  gr.  tun»xtii. 

DARE  DISAGIO. 'v/<'r«care  /Hcomorfa.lat. 
incoinmodo  esse.  gr.  r'/SinTTr'».]  Lasc.SpIr. 
4.  3.  lo  non  ve  dar  disagio,  ne  lasciar  la  casa 
sola. 

fi  In  proverbio  ;  Chi  da  spesa,  non  dia  dis- 
agio ;  e  si  usa  dite  a  Chi  è  convitato  a  ea- 
sa  altrui ,  perchè  non  si  f uccia  aspettare. 
Ceech.  lUalt.  Cr,  I.  3,  Sì,  chi  di  spesa  non 
dee  dar  disagio, 

DARE  DISCIPLINA.  Bisclplinare,  Ad- 
dottriaare.  Ut.  instr**ere,  decere,  castigare, 
eoereere.  gr,  Itnitjtn,  etafpfd^Hì. 

«SI-  l^^^t-  una  disciplina  al  corpo, e  sl- 
mile, vale  Disciplinarlo,  Percuoterlo  eon  la 
disciplina  a  fine  di  tormento,  e  di  peutten- 
«n.  Fir.  S.  M.  Maàd.  13, Ordini  in  sé  mede- 
sima, che  ogni  di,  ovvero  di  notte,  al  corpo 
sao  desse  una  disciplina  da  insanguinare, 

$  à.  Darsi  la  disciplina,  vale  Percuoter- 
si col  flagello  detto  Disciplina,  lat.  'Jlagel- 
lis  se  caedere.  Jgr.  iovria  /ixmyov/.]  Fr. 
lae.  Tod.  Per  la  tua  negli-enaa  Datti  una  di- 
sciplina, 

DARE  DI  SPUGNA.  Cancellare,  lat.  ex- 
tergere,  spancia  delt're.  gr.  artroeTrey^^jfi».. 

DARE  DI  TAGLIO.  Ferir  col  taglio.  U. 
eaesim  ferire. 

DARE  DIVIETO.  Dar  Impedimento  cir- 
ca il  risedere  ne'  putittlici  magistrati.  Llb. 
sen.  A3.  Rhiniego  Iddio,  loi  cbi  ci  d'i  divieto. 

DARE  DI  VOI,  o  DEL  VOI.  Parlare  alimi 
in  seconda  persona;  e  si  usa  eolie  persone  fa' 
miliari  o  inferiori.  Cas.  Galat.  SS.  [Colai  ec. 
intende  che  tu  lo  spreaai,  e  che  In  gli  dica 
villania,]  quando  tu  il  chiami  per  lo  sito  no- 
me, o  che  la  gli  di'Metsei'e,  ogii  da*  del  Voi 
per  lo  capo,  •:  E  lelt.  Sor.  360,  Nelle  quali 
(lettere)  dà  di  voi  a  suo  figliuolo,  e  pregalo  e 
fa  quello  ohe  gli  della  l'amor  paterno, 

S  Talora  l'usiamo  a  denotare  dlspres' 
so,  e  biasimo  t  Questa  i  una  cosa  da  darle 
del  voi. 

DARE  DI  ZANNA.  Asiaiuuire.  lat,  denti- 
Ihu  arripere.  gr,  ['idaativO 

5  L'usiamo  ancora  per  Bntntre,  perchè  a 
brunire  alcuna  cosa  talvolta  si  adopera  una 
Manna.  Malm.  1,  61,  Lo  riucbiuse,'  e  lo  leniM 
soggiornato  ec;  Perocché,  a  guisa  poi  di  met- 
tiloro. Voleva  dardi  sauna  al  suo  lavoro Y<^(£ 
per  equivoco.) 

•  DARE  D'OCCHIO.  Affissare,  Himirare. 
Plul,  Adr.  Op.  mor.  S,  333,  Filippo  di  Ma- 
cedonia «e.  caduta  e  rovesciato  in  campo  ec, 
diede  d'occhio  alle  forma  del  ino  corpo  stam- 
pata nella  polvere  e  disse, 

•  $  [Dar  d'occhio,  vale  anche  Guarda* 
re  con  desiderio,  e  coneempiaeensa.']  Frane, 
Sacch.  nov.  S3,  Costui  (Berto  fu/c/i/).  avendo 
plA  tempo  dato  d'  occhio  con  una  ióresa  nel 
|K>polo  di  Santo  Felice  ad  Ena.  v.  DARE 
OCGHK). 

DARE  DOLORE.  Apportar  doglia,  lai. 
eruetalum  afferre.  [gr.  /Sa»x»i5«iv.]  Frane. 
Bnrb.  SVi.  t.  Si  li  dea  dar  dolore.  Se  ehi 
più  serva  più  ha  da  costui.  J'ae.  Dav,  anu.  16. 
S3T,  Dandogli  poi  1'  uscire  a  stento  il  sangue 
dolori  eccessivi.  Beni.  Ori.  ».  IS.  13.  Slor- 
digli il  capo,  e  diodo  tal  dolore.  Che  poco  meo 
cba  noi  privi  di  vita.  Ar.  Far  S8.  33,  Non 
lo  lasciò  que&to  ribaldo  amore,  ec.  Desiarla  pur 
per  no»  le  dur  dolore.  Che  fussa  da  lui  còlta 
in  si  gran  fallo. 

S  Darsi  [dolore  o]  sul  dolore,  [vale]  At- 
tristarsi, lat.  cimtrlstari,  gr.  ['  i-J<txXaedtu.] 
Flloe,  3,  W,  Perché  pure  in  sul  dolore  li  dai  7 
;  G.  r.  T,  93.  4.  Onde  lo  Re  Csrin  si  diede 
gran  dolore  sì  per  la  presnra  del  figlinolo,  e  sì 
perché  la  fortuna  li  era  fatta  sì  contraria,  ^if. 
SS.  Pad.  1.  31.  Udendo  dire  die  n'  era  in  sul 
morire,  tal  dolore  se  ne  dava,  che  ae.  ^ 

DARE  DOTE,  Dotare.  ht.dare  dolem.p. 
ilioXn. 

S  Olir  di  dote.  Assegnare,  »  Pagare  per 


DAR  n 

dote.  lat.  doti  dare,  dotis  nomine  dare,  prò 
dote  dare.  gr.  ftpìtl%sn.  Ceech.  Dot.  prol. 
Perché  E' si  sapeva  qael,  cbe  osava  darà  (Quel- 
la casa  di  dote, 

.  DARE  DOTTRINA,  Insegnare,  yit.  S. 
Frane.  183.  Per  questo  modo  l'uoiuo  puro  e 
santo  se  medesimo  avviliva,  a  dava  dottrina , 
che  niuHO  avesse  materia  da  iiuaperbire. 

DARE  DOVE  GU  DUOLE.  [Flguratam.] 
Promuovere  un  discorso  sopra  materia,  in 
cui  altri  abbia  passione,  rartli.  Kreot.  87 , 
Dare  in  quel  d'alcuno,  avvero  dove  gli  duole, 
significa  ec,  dimandare  appunto  di  quelle  cose, 
o  mettere  materia  in  campo,  cbe  egli  deside- 
rava, e  aveva  caro  di  sapere, 

•  DARE  D'UN  l'IÈ  IN  ALCUNA  COSA, 
Lo  stesso  che  Dai-vi  del  pie,  Percuotervi. 
Car.  Long.  Sof.  71,  E  sollevando  di  quell'a- 
liga di  m^ire,  sotto  cui  pensava  che  appiattate 
si  stessero,  diede  appunto  d'un  piede  nei  grop- 
po, che  cercava, 

DARE  D'URTO,  Urtare,  lai.  Impellere. 
[gr,  iltiyny.]  Buon.  Pier.  4,  4,  [8.]  Ed  avan- 
aando  troppo  in  fretta  il  passo.  Nello  svoltar 
d'un  cairto  danno  d  orto. 

DARE  ECCEZIONE.  Opporre  eceeilont. 
lai,  opponere,  gr.  itptfiiiXttim,  Segner, 
Mann,  [*  .Mars.]  3,  4,  Se  fosse  chi  li  senteoiia 
un  nonio  siraiiicro,  un  alieoo,  nn  avverso,  gK 
polresti  djrv  eccezione,  come  a  crudele. 

DARE  EFFETTO.£'^iMrni>n',laUy>ii>/ifn>, . 
perficere,  executioni  mandare,  gr.  avòtcv. 
Boee.  nov.  81.  3.  Ed  essendo  già  tra  lui,  e 
lei  tanto  le  cose  ìnojrni,  che  altro  che  dare 
effetto  con  opera  alle  parole  non  vi  mancavi, 
penso  ec.  E  nov.  77.  30.  Se  n'andò  a  casa 
d'  un  suo  amico,  che  assai  vicino  stava  alta 
lurricella,  per  dovere  al  suo  pensiero  dare  ef- 
fetto. Amet.  73.  Il  nuovo  Re  per  le  non  di- 
raetiticate  belleasè  s'infiamma  più  Sovente  ve* 
dendole,  e  sollecita  di  dare  cITcKo  al  suo  pen- 
siero, Ar.  Far.  33.  35.  Sicché  si  dcsst  al 
matrimonio  elTelto. 

S  Dare  eff'etto,  quasi  Dare  affetto,  cioè 
Badare,  Attendere,  lat,  vacare,  gv,  a^faJlÀ- 
?«iy, 

*  DARE  ENTRO,  Lo  stesso  che  Dare 
dentro,  Tae,  Dav.  [Post.  435.]  Nei  perìcoli  il 
pensare  appo  loro  è  viltk;  il  dar  entro,  atto 
reale;  come  de 'Parti  si  dice. 

DARE  ERBA  TRASTULLA.  Lnsingara 
eoimisperanze,  ma  senta  venire  a  conelu" 
Siene;  [Modo  basso],  lat.  inani  spelactare, 
pascere,  verba  dare.  gV.  iiaitteix&*,  tlalm, 
S,  34.  E  che  'I  mìo  Siehigio  e  il  non  risolver 
nulla  Sia  stato  uii  voler  darti  erba  trastulla? 

DARE  ESEMPLO,  o  ESEMPIO.  Essere  II 
primo  a  operare,  per  dare  occasione  tVes- 
sere  imitato,  \Sm-vire  eon  alcuna  operai  od 
altro,  di  etoHfilo,  »  norma  di  eli,  che  si 
debba,  o  non  si  debba  fare,  Henderit  ad 
altrui  notabile  per  landevoli  astoni,  cita 
possono  servire  ti' esempio.  Proporre  alcu- 
na eota,  o  persona  per  esemplo  da  essere 
Imitato,  0  fuggito  ].  lat,  exemplo  dotare, 
erempbmt  praebere,  gr,  ire^«^//s«CTJ$uy, 
Boee.  Introd.  SI.  Acdocehé  io  prima  esem- 
plo dea  a  tutte  voi.  Amet.  40,  A  tulli  dando 
delle  virtuose  Opere  esemplo,  e  regola  verace. 
Rendendo  vane  sempre  le  viziose,  G,  V,  IS, 
43,  3.  Di  questo  torto  ec  avemo  fatto  men- 
lione,  per  dare  esempio  a<|iialli,rha  vendano 
come  riescono  i  aervigì  fntls  allo  'ngrato  polla- 
lo di  Firente,  Petr.  sen.  814,  l'vo  piangendo 
i  miei  passati  tempi,  I  qaai  posi  in  amar  co- 
sa mortale.  Senta  levarmi  a  volo,  avend'  io  le 
ala,  Per  dar  fona  di  ma  non  bassi  esempi, 
Pa.is,  180,  Di  ciò  ci  diede  esemplo  santa  Ma- 
ria Maddalena.  Bureh.  I.  81,  Per  dar  esem- 
plo ti  farem  la  bua.'y^r,  Cass.  4,  7.  Io  darò 
si  nolahile  Esempio  agli  altri,  che  non  avran- 
no animo  D'ingannarmi  mai  più, '£  Leu.  S.  41. 
Per  lui  darò  esempio,  Cbe  non  sì  debbon  li 
mìei  pari  oHèndere, 

e  %  H.  E  per  Somministrare,  Porgere  per 
ria  di  racconto  l'esempio  di  qualche  fatto, 
Ar,  Fur.Vt.  148.  Rispose  ilS4rarìn:cha  puoi 
tu  farmi.  Che  più  al  prelente  mi  diletti  e  piac- 
cia. Che  dirmi  istoria,  o  qualche  a«em|He  dar- 
mi. Che  eon  l'opinion  mia  si  cenfaoeùlT 

j  2,  Dar  buono  esemplo,  vale  Dare  esem- 
plo di  operasloni  buone.  Ut.  *e««  exempla 


Digitized  by 


Google 


98 


DAR 


DAR 


DAR 


dar*.  C.  y.  IO.  iM.  9.  Per  U  gran  CiUo,  che 
la  (euuio,  n'  «veàao  latto  nenom,  e  per  dare 
biiouo  etcmpio  ■  chi  ptrTauiiu  uu  vorrà  fare 
limosioa  a*  poveri  di  Grùto.  Bocc.  g.  7./*.  9. 
Volendo  il  hoouo  esenplo  daloue  da  NeiGle 
tet^tùUrtf  esiino,  die  oaesU  cosa  sìa  te.  *  Ctt* 
vule.  Frtitt.liHg,  937.  Si  studiajaouo  di  dare 
buono  esempio  di  se  alle  geutì. 

5  3.  Dar  mal  eMmplc,  contrari»  di  Dar 
ùitono  eseatpla.  \aX.  prava  ejcampia  dare^  im- 
pnobiun  se praebere.J*ass.iZ7, Paouo  uu  al- 
t  ra  ofieia  al  prussiaao  gli  aojttiui  •upcrbi,  daud» 
il  malo  esenpio. 

DARE  FACCENDA.  Dar  da  farà.  Dar 
da  lavorare,  laU  opits  JaciOMdttm  locare.  ^• 
gH,  Pand.  [97.]  A  aito,  o  più  sari  data  fac- 
ceuda,  alta  quale  agli  tia  iuutile,  e  disadatto. 
Cani.  Cara.  185.  Dateci  purfacceuda,  Blauuu 
laroro  statsoualo,  e  ìvccIuo. 

DARE  FACOLTÀ,  o  LA  FAGULTA.i'tfr- 
metterà,  \o  Dure  ad  attriti  alcuna  potania, 
ch*a'uvn  ahLia.\  Ut.  potestatem  facere,  per* 
mitlere.  gr.i|&un'stv  Si^óvou.  jélUg,  164.  Di- 
te a  bocca  alle  Muse  aduutiiie  da  aita  parie  ec. 
cbe]  le  doTevau  d^r  la  facultà  del  poetare  agli 
alberi,  ed  a' sassi,  ì  ({ttali  non  si  muoTon  pro- 
priamente, e  uon  sentono,  t&^te/-.  Prod,  29. 
[13.]  Si  dk  loro  facoltii  di  cavarne  quali  più  la- 
ro piacciali,  arai  ed  araaati,  per  rtseutiru  degli 
aggravi  lor  Cittì, 

DARE  FAMA.  Render  famoso.  laL/iwntf/i 
/acare.  Petr,  son,  153.  Se  ViigiUo,  ed  Ome- 
ro avesser  visto  Quel  Sole,  il  qual  vegg'io  co- 
gli occhi  miei,  Tutte  le  fune  in  dar  lama  a 
costei  Avrìan'posto. 

*  $  £  per  Spargere  voce  in  mala  parte. 
Ut.  rumorem  spargere,  ^H,  S.  Gir,  SU.  Per- 
▼enuesi  agli  orecchi  a  quello  iuuoceiMe  la  Cima 
coutr'a  Ini  data  di  biuta  soelleratcna. 

DARE  FAKTASIA.  Dar  trita,  lat.  auU 
madpertere,  mmtem  adkibera.  gr.  Vp99ix*v» 
ròv  V9W.  Berti.  Ori.  I.  9.  80,  Urlando  gli  dj 
lauta  làuiasia,  Quanta  se.lòsce  d'India,  o  di 
Zimla. 

DARE  FASTIDIO,  arrecar  moleslia.UU 
molestiam  amarre,  gr.  ['àvi&vA  Cecch,  Ser^ 
vig,  3.  5.  E  tanto  pia  fastidio*  Blì  dà  la  coso, 
quatit*  io  Te^uil  ano  Male  sema  riparo.  Lasc. 
Gelos.  1.  9.  Per  nou  avere  a  disagiare,  uè  an- 
che dare  a  te  fasUdio.  àfalai.  1.  14.  Cosa,che 
a  Marte  diede  gnin  Cisiidio, 

5  DARE  FATICA.  Ajaticare,  a  IVacn- 
gliare  \il  corpo.]  laL  laborem  afferra,  gr. 
KOXtxj.  Cani.  Cam.  17.  A  làr  dell'olio  la 
pregna  è  uimica;  Facci  gran  danno,  e  dacci  as- 
ta* fatica.  *.  Boee.  g.  4.  n.  4.  Io  amo,  «  amor 
m'indusse  a  darvi  la  preseute  £itica. 

5  S  *■  Per  affaticare.  Travagliare  C ani- 
mo. Dare  pistone,  u  D.  Ciò.  Celi.  leti.  ^9. 
(37.]  Pregolì  bii  scriva  se  questo  i  vero,  che 
tu  debba  andare;  ovvero  cbe  ni  sia  stalo  detto 
per  darmi  fatica  ». 

S  9.  £  neulro  pas8.,vale Affaticarsi,  Dar- 
si travaglio ,  {afflisione.]  Mirac.  àlad.  La 
madre  non  trovando  lo  fanciullo  suo,  si  dava 
moka  fatica.  {  Din.  Camp.  9.  31.  La  gente, 
ebc  teuea  co'Cerdu,  ne  prese  viltà,  dicendo  : 
Nou  -è  da  darsi  fatica,  che  pace  sarà. 

DARE  FATTO,  o  PER  FATTO  UNA  CO. 
SA  AD  UNO.  'Msienrarla  che  la  tal  cosa 
è  fatta,  termiuitta,o  simile.Ux.  remfactam 
iri,prociU  ditbio  affirmare.  Lasc.  Spyr,  9. 
3.  Te  la  do  fatta  nou  c*è  pericolo.  *l  Segr. 
Fior.Afandr.i,  3.  Se  ti  confiderai  in  mc^  io  ti 
do  questa  cosa  fatta  inuauai  che  sia  donun  que- 
st'otu. 

•  DARE  FAVOLE.  Dare  ad  intandera 
ntéoxogne,  o  vana  casa.  Boce.  ^ ,  40.  a.  6.  Ma 
aveudi^ti  più  volt«  Tito  dato  favole  per  na\M>- 
sta,  Gisippo  avendole  oouuscsate  ec,  gK  rispo- 
se ìu  cotal  guisa. 

DARE  FAVORE.  Fniwi>#,  FavrareUt 
favore  proseqi$i,  titiari.  gr.  ewffT»ud«£tt».  G. 
y.y.  349.  9.  Facceudo  per  sue  l<ntore  ammu- 
uisione  a  tutte  le  ciu4  e  signoridi  sua  legaxio- 
ne,  che  lo  dovesaero  ubbidire,  e  dare  aiuto,  e 
favore.  B  19.  49.  3.  ^oQ  era  lecito  di  farla 
contro  aUa  liberti  di  santa*  Chiesa,  né  mai  più 
fu  latta  in  Fireiise;  e  chi  vì  die  aiuto,  o  con- 
siglio, o  Civore,  issofatto  fu  scomunicato.  Pass. 
434.  Non  abbia  in  veruno  modo,  lecito,  o  illi- 
cìto,  d^to  aiuto,  consìglio,  u  favore  a  morte  di 


persona,  fass.  Cor.  4,  4.  U  ciel  gli  die  fiivo* 
re,  e  sotto  ai  santi  Segni  ridusse  a  suoi  compa- 
gui  erranti. 

S  Darla  in  favore,  termine  de*  Legisti; 
dicesi  dal  Sentensiare  a  favore  [di  aUnna, 
e^gnratant.  Del  risponderà  secondo  il  da- 
siiterio  ili  alcitna.]  XaX.senteutiam  iectmdttm 
mliqnem  ferra,  gr.  (  *  <in^tx«é^(iv.  v,  FA- 
VORE.] 

DARE  FEDE.  Dar  eredeusa.  Prestar  fe- 
de. Credere  attriti.  ì^t.JSdem  kahere.  gr. 
maxtiitvt.Bocc.noe,  4.  5.  Dandosi  a'  que 'lem- 
pi  tu  Francia  a'saramenti  grandissima  fede.  B 
nov.  49.  19.  Per  quello  dieder  fede  alle  sue 
parole.  B  nov.  73.  6.  Calaudrioo  semplice,  va- 
gendo Maso  dir  queste  parole  ec.  quella  fede 
vì  dava  che  dar  si  puù  a  qualunque  verità  é 
più  mauifesU.  G.  k.  7.  154.  4.  i  frati  Predi- 
catori,  e  anche  t  Minori,  per  invidia,  o  per  al- 
tra celione,  non  vi  davano  fede.  Bern,  Ori. 
9.  7.  18.  Il  duca  Nauo,  ch'ogni  cosa  vede,  A* 
gli  ocdii  stessi  suoi  non  può  dar  fede. 

«  S  4.  [£  con  singoiar  costrutto.  Dar  fe- 
de di  ttna  cosa  ad  nno,  per  Prestargli  cre^ 
denja  in  ^lefla.}  Cavale.  Sspos,  Siaié.  4. 
33.  [Dice  S.  Gregorio,  chiunque  non  è  fermo 
nella  Fede  delle  cose  ìnvisibifi,]  dee  dar  fede 
di  ciò  seuaa  dubbio  agli  detti  de'  maggiori. 

S  9.  Dar  lafede,vale  Dar  la  parola,  Pro  ■ 
mettere.  Uujfdem  dare,^,  ['i^uòéT^ac.]  Ci- 
riff,  Calv.  1.3.  E  di  nuovo  la  fède  detti  a  que- 
sto, Sempre  in  abito  a  star  vedovo,  onesto.  Tac. 
Dav.  ann.  6.  195.  Lo  apaventarono,  qnau  ve- 
nuti ad  neeìderlo;  ma  datogli  la  lede^  cbe  au- 
si a  rendergli  il  r^^no,  si  riebbe,  donsaudò  ec. 
Cecch,  Servig.  1.  4.  Io  gli  ho  d.ito  la  fede;  e 
quauto  apio  E  all'animo  mio,  ell'è  mia  don- 
na. 

•  S  3.  fate  anc/te  G>nJermar  la  promes- 
sa. Fior.  S.  Frane,  44.  Io  voglio  cbe  come  In 
mi  desti  fede  di  questa  promessa  fuori  della 
porta,  così  dinanm  a  tutto  il  popolo  mi  dia  fe- 
de della  tua  promeua,  ec. 

S  4.  Par  Far  tastimonlanza.Ui.ffdenfa' 
cere.  [gr.  ittTrcSÌ9^ou.]Boce.  fio*'.46. 36.  Fat- 
ta inquistaione  dì  questa  opera,  e  più  ogni  ora 
trovando  cose,  che  più  lède  gli  davano  al  fatto 
ec.  fT/oc.  7.  315.  Io  poi  da  tutti  ì  tuoi  paren- 
ti riconosciuta,  darò  colle  mìe  parole  ferma 
fede,  che  tu  di  Lelio  e  di  Giulia  sii  slata  fi- 
glinola, ^r.  Fur.  40.  44.  Che  se  la  faccia  può 
del  ow  dar  fede.  Tutto  benigno,  «  lutto  en 
discreto. 

«  DARE  FERITA.  FeHra,  a  ti  tua  atte/te 
•flgnratatneiue.  Chiabr.rim.  [9.  443.  Occhi 
che  alla  mu  vita]  Deste  un  tempo  ferita  Piena 
di  tal  dilelLo  Ch'io  v'oflcriva  il  petto;  Qual 
novella  vagheaia  Can^  vostra  bellesaa  Per 
via  ch'alia  mìa  vite  Or  nou  dute  ferita? 

DARE  FESTA.  Sei  propria  sentimento, 
vale  Far  feste  pnòòlicna  al  popelo.  Dare 
spasso,  lai,  spectacitlnm  laetum  praehere, 
volnptatem  afferro,  gr.  ^fi09tx  ^lati  JiriTC- 
Xttv.  Cant.  Cam.  973.  Di  paeu  lonUni,  e  di 
«tran'  loco.  Lasse,  venute  siamo  a  pooo  a  poco. 
Sol  per  darvi  diletto,  feste  e  gioco. 

S  Dar  festa ,  fguratam.,  vale  Licensia- 
re;  a  si  dica  comnnemente  [del  Licentimrel 
i  lavoranti  dal  lavorv.  ìmt.ferias  indicere.  gr. 
ioprài  xripÙTTUy.  Malm.  40.  49.  Ed  in  un 
tempo  a'giocaTor  dà  feste. 

DARE  FIATO.  Sofjare,  lat.  inflare.  gr. 
i/spueàév.  ^r.  Fnr.  28.  54.  Come  a  vicenda  i 
mantici,  che  danno  Or  l'uuo  or  l'altro  fiato 
alla  fornace. 

%  Per  Dar  tempo  a  rimatore.  Dar  ripo~ 
so.  lat.  mtietem  dare.  gr.  ii9i)(ix»  Mòsxt. 
Barn.  Òri,  8.  5.  16.  Né  diede  al  tuo  cavfl 
aaai  lena,  »  fiato. 

DARE  FIENO  A  OCHE,  v,  FIENO,  a 
OCA. 

DARE  FINE.  Finire,  Terminare,  lat.  /!- 
nem  facere,  ad  ejcitmn  pofdncera.  gr.  jirc- 
TsAcTy.  Bocc.  g.  4./.  0.  Piacque  alla  teina  di 
dar  fine  alla  prima  gtornaln.  B  FU.  Dant.  61. 
Acciocché  se  possibil  foue,  a  tento  principio 
dessi  lo  immaginalo  fine.  Fir.  ^«.169.  Nou 
già  per  adempire  il  rigido  comaodameuto,  ma 
per  dar  fine  col  giUarsì  giù  per  uu  di  qne'bal- 
sì  di  quel  fiume,  alle  uxo  fatiche,  ^r.  Fitr. 
90.  70.  Ella  sog!;iunse:  il  mìo  cuor  mai  nou 
teme  Di  non  dar  fine  a  rosa,  che  cominci.  B 


Siipp.  9. 1.  Non  volere  intendere  tn  prìaNdia 
io  abbia  date  al  mio  raf^oamcnto  fièe. 

DARE  FINIMENTO.  'Lo  stesso  che  Dar 
fine. 

%  [Darffnintemio,  vale  amdèa  Der  l'ulti- 
mm  mane^  Adornare  a  perfeziona.  lat«i»i- 
tuam  manum  imponere,  ornare,  axorttare. 
gir.  TÒy  xoleedva  nrcàccvoi.  Piai.  •  Betw. 
Celi,  Oref.  51.  Per  dar  poi  fioimeuto  a*  panai, 
che  vestono  le  deUe  fignre,  ho  usate  pìglìan 
un  ferro  sottilissimo  a  tutte  tempera  «ec. 

DARE  FONDO.  Fermarsi;  e  dicasi  pro- 
priamente de*  navigli,  lat.  tMckoram  tace- 
re, gr.  X°^'  &fxupav.  Buon.  Pier.  4.  4.6. 
E  cosi  navigando  ogiior  per  perà,  Detter  poi 
fóndo  ìu  questo  ascìutlu  porto. 

^  1 .  Dar  foado,  vale  anche  Censnmere, 
Dissipare,  [che  si  dice  anche  Federas  il 
fondo  :  tolta  la  metafosv  dall'  arrivare  al 
fontlo  della  cassa  ove  che  che  aia  ai  contie- 
ne, allora  quando  e' si  cava.]  lat.  distipa- 
re, evertere,  prodigera.  gr.  aacrtotùieiutf. 
7  «e.  Dav.  Slor.  1.  941.  Dato  CÌMido  al  snos- 
vere,  venne  in  steto  pericoloso,  B  9.  997.  A 
ventidue  mìltont  e  aaeaao  d'oro  diede  Ande 
in  pochi  mesi,  bastandogli  godere  seaa*  altre 
pensare.  Cecch.  Dot.  %.  1.  Il  quale,  oltre  all'a- 
vere, A  poco  a  poco  alla  spexxate  date  Fondi», 
e  a  masserixie,  e  a  cose  mobili,  ec.  Bed.  Di- 
tir.  39.  Ha  se  chieggio  Dì  Lappenìo  ta  be- 
vanda porporina ,  Si  dia  f<M>do  sTh  caatìua. 
àfatm.  7.11,  Così  per  celia  comiociaudo  a  ba- 
re. Dagliene  uu  sorao,  e  dagliene  il  aeeoado, 
Fé- si,  che  dal  vedere,  a  non  vedere  £i  dieilt 
al  vino  totalmente  foudo. 

«  S  ^  ^'"*  yò^e»  è  aiu:he  quel  Fare  la 
prima  bozza  nelle  pimstre  di  metaBo,  in 
etti  si  vogliotut  condurne  lavori  di  basso  ri* 
(f'eifo,  battendo  da  una  faccia  con  mattai- 
letti,  0  cesa/li,  affinchè  rigonfi  dall'altra, 
e  serva  di  rudimento  mllafgura  da  farsi. 
Banv.  Celi.  Oref,  50.  C^wninciai  a  dar  iòaile 
co'ceselletU  a  quei  pnttaiù,  cbe  io  aveva  pro- 
filati dal  diritto  dell*  opera,  spìngendo  più  qoel* 
lì,  cbe  dovevano  più  degli  altri  apparire  in 
fuori. 

%  9.  Dare  in  fetido,  vale  jindare  alla  psr- 
te  inferiore,  lat.  mergi.  gr.  [*^flnCTÌ^v9«i.] 
^''gg-  "«'-  *SP'  418.  L'aria  finalmente  li  U* 
ce  dare  in  fondo,  dove  acnxa  potant  mas  pi« 
riavere,  sì  morirono.  E  449.  Fa  nondimeno 
costretto  dare  tu  foudo  sempre  boccheggiando. 

DARE  FORMA.  Formerà,  [Aggiuager 
forma  ordinata  a  cosa,  che  mom  l'abbia.] 
lai.  darà  formam ,  fotwtttra.  gr.  popf^v*. 
Bocc.  g,  3,  p.  8.  Non  sapevano  cottaecere,cbe 
altra  forma,  che  quella  lù  quel  giardino,  gK  ri 
potesse  dare,  jimet.  31.  Prima  ihrò  per  lo  tuo 
effetto  forma  nel  ragionare  al  graaioso  coro,  al 
quale  te  abbbmo  eletto  autiste.  £76.  Ccasìuo 
gì*  Iddìi,  che  questo  sìa,  ch'io  mai  pin  ec  dip 
venti  d'alcuna,  o  che  più  per  aae  Calliope  dia 
forma  a  nuovi  versi.  Dav.  Scism.  73.  AUi  4  di 
Novembre  1547  in  Loudra  comiodanmo  a  te- 
nersi gli  steli  per  dar  fórma  alla  nuova  relipo* 
ne.  Boez.  Farci*.  3.  0.  Te  nulla,  fuor  dì  te, 
d,ir  forma  spinse  Al  gran  Caos  eh'  ornò '1  «on- 
do, e  '1  diUiuse. 

DARE  FORZA.  Rinforzare,  lat.  wm  ad- 
tiare,  roborara,  robor  affarre. gr,[^Ì9X»P^' 
TtouÌTt.]Dant.Pttrg.ìi.lìU  dì«aawlai,peraaiti 
fona  al  {riede.  Petr.  canz.  47.  5.  Mercè  di 
quel  signor,  che  aù  dìè  forza,  ^/^g.  900.  E  tu 
sola  puoi,  dar  foraa,  e  perdono  Alla  coatadiae> 
sca  musa  mia.  Sodar.  Colt.  86.  A' vini  di  pisao, 
cbe  sien  deboli,  sì  dà  loro  Soraa  achiarandogli 
coir  allume  di  rocca. 

é  DARE  FRA  LE  MANL  Lo  etesso  ehs 
Dar  nelle  maiU,  Fenir  davanti,  o  sett'oc- 
chio.  Incontrarsi ,  o  simile.  Borgh.  Orig. 
Fir,  99.  E  simile  alcuni  altri  (prenomi),  che 
ad  ogni  ora  davano  Imo  fra  le  mani.  B  Artn. 
Faut.  35,  Ed  altre  alette  (famiglie),  che  ci 
dan  tutte  il  giorno  fra  le  mani.  £  60.  Ma  per 
esser  cosa,  che  tutto  il  giorno  ci  dà  fra  mauo, 
e  di  sua  uatura,,e  perimmo  uso  notissima,  non 
è  da  perderci  tempo.  B  Mon.  477.  Cerca  la 
breritù,  a  la  comodità,  ed  in  quelle  cesa  spc- 
lìalmcnte,  che  ad  0(;uì  punto  ci  das  lira  m*iM^ 

;  DARE  FRA  NCMICL  Caricarli,  Ar. 
Fitr.  95.  49.  Come  stormo  d'augei,  ec  S'im- 
provviso dal  ciel  Cilcon  grifagno  Gli  dà  nel 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


mmam  ar.,£  "pM^  >■  ^MS^  ■  ogooo  laMÌa  «I 
nH^^pM^E  4^lo  ic«apo  »uo  cura  «i  praiiiU; 
Csfe  n^iri»  ineUe   Car  costoro.  Tosto  che! 


I  AMpT  di«l«  fn  loro. 

uicfre: 


&UlCFRE^O.  iU/#vnAr«.lat/ra«/fifrff, 
fftmtm  £M(Cvnr.gr;(aJU»ewi'.  Frane.  Bnrè, 
ti&.  i4.  La  ^MBls:  datB  Freno  aJia  lingua. 

DAB£  FC5ì£.  Lasciar  ccfrtr  i a /HHt.  Ul. 
jWmì  ^nM^anr,  ftmem  /«x«rv.  gr.  «^(tftiiov 

{  I.  Atfr  Imjéut^,  vai*  Tarmemture  con 
ytnw,  CMmcr-  laC/wM  tùr^uàr»-  gr>  xoJlK- 

S  $  S.  f  Dmi'  /tamm  m  UM9,Jignr4itam,  vtiiét 
Tmiri»  dm  tm  im  cmrtUif  Dargti  p^na  coilm- 
émfÈ^  Bm*M,  Tmme-Ì.  I.  Diauael  m  vuoi,  deb 
■oa  ■>  ^«r  pin  CtuM  ;  Tu  mi  stravolgi  't  cuor 
ctts' u  balcOTA. 

1»ARE FUOCO.  Jrdare,  jibbtuciore.  lat. 
jwcfrfiTiuy.  us«x«cc«y.  Étunt.  Fiet;  I.S.  9. 
&  tbmUn  a  voler  siirpresot  e  preso  Hesser 
Ef  lalìa*  vwrfirini  ia  lui.  Poi  dar  fuoco  al  pa- 

J  I.  Ihr  Ju%c9,  pariitidoti  d'armi  da 
Jmfg»$àmUigSidÌcmd<dÌ'jéppiC€arviUfuO' 
mpariscaritari^.ìat.  i$tt«ndere,  ignem  itiii- 
(«rv.  Orég:  Cmiv.  «.M.  E  dato  «  tuUe  le  boni* 
imrée  Amko,  A  c|a«ito  nodo  talutsti  s' hanno.  S 
LM.  £  poi  gli  acoppiettieri  Parati  di  dar  fuoco 

•  agaipttMo.  ^r.  Fkir.  S7.  S4.  Come  quando 

•  4»  fiKK*  aiU  ^ao< 

i  i.  Dmr  /meco  mila  bombarda*  Farck. 
£hc*L  IS.  O^  f<M>c(^alla  bombarda,  è  comiuciar 

•  de  male  d'nuo,  o  scrivere  couira  di  lui;   il 
dhe  H  dice  cavar  fuori  il  limbello. 

:  S  ^Mfmr/tuyf  aiU  girandaU.  v.  FUO- 
CO. 

]  4.  D09*  mi  Jnof  aitnna  cosa,  tmU  jtb- 
irmeiarim^  Ut.  i«reN«/#rr.  gr.  ùnomecluv.  j/i- 
itf.  Ui.  C«to  cbc  uo,  datelo  al  fuoco. 

%yi>mrjMaco  ai  c^mcìo,  v,  CENCIO,  $ 
1  Aacc.  ita*'.  56.  7.  Di  che  qnand'io  mi  ri- 
oorit,  veggemlowi  Jìitta  come  tu  mi  vedi,  che 
ftoe  tts««rrci  cbi  mi  desse  fuoco  a  ceodo,  Dio 
■I  sa  oc  San,  ban,  yarck,  4.  S9.  Cbi  chiamò 
mai  bfàiaitt  donare  una  fetta  dì  pane,  o  un 
■afro  ne  alt  rieo,  o  1'  aver  d«to  fuoco  al  cencio? 
DARE  F  UOB  A,  o  FUURL  Mandar f nera. 
Iti  admear^fOmiUare^.  if óyciv.  Sodar.Coit. 
J4.  Del  legiM»  vi  ao»  due  tempi,  seusa  «lan- 
o^ipac  le  viti  ;  cioè  o  prima,  che  comincino 
aém  luovi  gli  ocebì^  o  di  poi  quando  le  novel- 
It  marne  ai  potrauoo  onm<Nlameute  accostare,  o 
dMtaadcrsi  a'  pali. 

%  I.  Dar  /Hora,  vaia  Uscir  dot  suo  lua* 
ga,  €  décmsé  da'jStimif  o  simili.  laL  axttnda~ 
rm.^  izseufULi^su». 

%  1.  Dar  /Mara,  vate  àiaudara  alia  iu- 
te, PmbUicmra,  lai.  adora,  publirara.  [gr. 
(>Jc^^iMU.]  Bemb.iati.  %.  [3.  54.]  Egli  gii  le  ha 
mTcìliyte.  e  trovale,  e  daralle  |k>ì  fuura  ad  u- 
labtà  jrobblica.  Cas.  latt,  3ft.  Io  nou  bo  dato 
faon  qeest'ode,  e  non  la  darò,  se  prima  oou 
aceto  ti  pwere  di  V.  S  Aiafm.  4.  53.  Mi  fece 
«■  ekprcssisHnio  comando.  Che  in  alcun  lempu 
»  Boa  Li  «lessi  fuor»;  Ed  io  soii  iu,  disse,  a  far- 
K  U  beodo.  •  Sargb.  Fir,  lib.  333.  E  di  ve- 
ra Cfperiva  ragionevolissima,  e  piena  di  pietà, 
h  Csme  cb«  dova  fuori  n«Ua  prima  giuuia  suu 
I  Imperadore. 

;  S  3.  Dare  fuori,  periaudosì  di  Bene- 
^u,  vmic  Camfrrira.  Ott.  Cam.  /n/ 49. 347. 
Tetti  b  beuefici  di  Santa  CbioM,  che  diede  fuo- 
ri, a'moi  consorti  vendè,  e  prese  moneta, 

»S  $  4.  Dar  fuori,  parlamiosi  di  erbe, 
fair  Bfaaeera,  t^auir  fuori  daiia  terra,  So^ 
der.  Cu/i.  Oh.  44.  Dà  fuori  (il  basHico)  iu 
t»  di  ec.  e  seminato  che  e'  sia  calcandosi  con 
■armo  o  Leu  calpestaodosi,  darà  fuori  più 
|VM>a.  E  &S.  Ordioariamente  {il  calamo)  dà 
faeri  nei  lagfai,  paoiaui,  ec 

■  S  5.  '  Dar  fuori  ita  nome,  vale  Sparge" 
^  fra  la  gente  tata  voce.  Cecch.  Dot.  4.  5. 
^  demmo  fuori  questo  nome,  acciocchù  e*  non 
u  mpame  ut  per  ebe,  uè  per  come. 

S  5.  Dar  fuara  qu^  ca'uao  ha  in  tìorpo, 
*ala  Pubblicare  tutto  ciò  che  si  abbia  in 
— '*<,  e  par  la  atonie,  lai.  animi  secreta 
pendere,  aperira. 

S  T.  Dar  di  fuori,  «•«/«  iVon  colpire  nel 
iersaglda,  ma  fuori  di  quello.  leU  a  scopo 
aberrare.  Casti,  Cara,  399.  Im  m^itrla  è  il 


córre,  Paunr  b«u  dentro ,  e  non  dar  mai  di 
fuori. 

S  6.  Darà  Ìnfnora,vale  Pendere  verso  la 
parte  difuora.  Ut.  exlertus  vergere. 

S  9.  Dare  in  fuoray  \  'dicesi  del  male 
quando  manda  alla  cute  /'  interna  maligni- 
ti.] lat.  gliscere,  se  efferre,  v,  DARE  IN 
FUORA. 

%  40.  Dare  in  fuor  a, pari  ondosi  delle  ul- 
cofVf  e  simili^  vele  Far  capo,  F'entre  a  capo* 

DARE  GARBO,  BR]0,ec.  Adornar  vaga, 
menta*  lat.  timuslatetu  dare,  deeus  afiare. 
gr.  {*itp9Ìì;tiv.\ 

DARE  GASTIGO,  [GASTIGAMENTO,  o 
IL  GASTIGO.]  Castigare,  lai.  pumre.  gr. 
•ttfiOèptìv.  Bocc.  MOV.  89.  4.  AIU  quale  Iddio 
quel  gasligamento  mandò,  che  il  marito  dare 
non  aveva  saputo.  Boet.  Vnrch.  4.  4.  A  cui  re- 
pulewsti  tu,  che  li  dovesse  dar^  il  gastigo  ?  a 
colui,  che  avesse  fatto,  o  a  colui,  che  avesse 
sopportata  ringiuria/ 

DARE  GELOSIA,  indurre  appreusiona. 
Fare  apprentUre,  Far  temere.ìei.  suspicio- 
nem  incutere,  [gr.  ivii^ivsu  uiro^'aev.] 

l  ^  E  Dar  le  gelosie,  vale  Destar  sospet- 
ti, Pallav.  Slor.  Couc.  999.  Perocché  Parma 
tornata  in  mano  del  Papa,  non  avrebbe  date  a 
Cesare,  ed  al  Gonta^  le  gelosie,  che  gt  incita- 
vano  a  prevenir, uell'ofiesa. 

^  DARE  G\\l.\Scemere  di potensa,d'an» 
torilà,  e  simili],  'Feuire  al  basso.  Calare. 
lat.  concidere.  gr.  [*;i(0CÌlà99«i.]  Toc.  Dav. 
Star,  4.  350.  Così  prima  Sacroviro,  e  gK  Edui, 
dianai  Vindice,  e  le  G«llie  dieder  giù,  ciasche* 
duno  elle  prime  battaglie. 

•  SI.  Itar  giù,  talora  vale  Fallire,  ad 
anche  Sfagliare,  h  F'arch.  Èrcol,  90.  Dar 
giù,  ovvero  dar  del  cefiò  in  terra  ec.,  si  dice 
non  solo  de' nwrcatanti  ec.  quando  sono  falliti, 
e  di  quelli  cittadini  o  geuliloomini,  ì  quali, 
come  si  dice  in  Vinegia,  sono  scaduti,  ma  an- 
cora di  quelli  spositori,  i  qnali  interpretando 
alcun  luogo  d'alcuno  autore  non  s'appongo- 
no n. 

l  %%.  Dar  giù,  dicesi  anche  del  Kenire 
a  peggior  condizione  di  salute,  v.  RIDARE. 

S  S  3.  Darla  già  pur  un  luogo,  va/e  Av- 
viar $i  fuggendo  per  quello.  Giov.  Gell.^Fit. 
Alf.  35.  Il  Trevisano  commissario  generale  sbri- 
gatosi con  non  poca  fatica  da  tale  assalto,  la 
dette  ciù  pel  fiume  alla  seconda  salva  a  gran 
pena  la  capitana.  **  Buon.  leti.  403.  li  Sig. 
marcello,  che  non  essendori  gli  altri  nou  po- 
teva più  as{iettare,  la  dette  giù  per  la  cbiua  iu 
fiirsetto,  e  giunse  alla  porta. 

DARE  GIUDICIO,  e  GIUDIZIO,  [o  rV 
GIUDIZIO.]  Giudicare,  lat.  censore,  sentea- 
iiam  forre,  gr.  KpivW*^  ^toatpÌ¥tt¥.Cant,Cam, 
Pool.  Ott.  83.  Quel,  e'  ha  sol  di  mercante  e- 
sperimento,  Vnol  dar  giudixio  de' preti,  e  de' 
frati.  F'arch.  ErcoL  313.  Udite  Quìutiliauo, 
il  quale  avendo  fatto,  e  dato  il  giudico  degli 
scrittori  Greci,  ec. 

DARE  GIUNTA,  DAR  PER  GIUNTA,  e 
DAR  DI  GIUNTA.  Aggiugnere  nel  baratto 
di  alcuna  cosa  tlenaro,  o  mercantia.  lai. 
maiuissam  dare.  Alteg.  969.  Me  ne  dette 
una  ginuta  alla  derrata  [qtù  metaf]  Boom. 
F^arch,  3.  40. Cosi  ti  darò  ancora  io  come  uo 
corollario,  ovvero  giunta,  perchè  diventandogli 
uomini  beali  ec  [qui  persimiiil.]  Cani.  Carn, 
405.  A  cbi  lo  spender  largo  poco  giovi.  Cose 
convieuri  dbr,  che  grosse  trovi,  E  noi  per  giun- 
ta darem  pestei  nuovi.  Che  fieno  il  caso  pei  vo- 
stri mortaL  Seu.  ben,  F'arch.  0. 47.  Usiamo  di 
dare  qual  cosa  di  giunta  e  un  barcaruolo,  e  a 
cbi  ci  lavora  di  mauo,  e  e  uno,  cbo  va  per  o- 
pera. 

DARE  GIURAMENTO,  e  DARE  IL  GIU- 
RAMENTO. Giurare,  lat,  iurare,  iusinran- 
duat  dare.  gr.  «cffo^d/veu  BpM\Ji.  Tac.  Dav. 
atta,  46.  933. Rimproverava  oltre  a  ciò  a  Tra- 
sea,  che  egli  sfuggiva  di  dare  il  giuramento 
ogni  capo  d' anno*  ^ 

$  4.  Dare  il  giuramento;  termina  legale, 
vale  Costringere  a  giurare  altrui  eoa  an» 
torità  pubblica,  lat.  iusiuraiulnm  deferre. 
gr.  3px6v  inàystv.  Fine.  Mart.lett.  57.  Cre- 
do, cbi  vi  desse  it  gitirainento,'voi  ituu  sapre- 
ste mai  dire  ìn  che  modo  ella  fusse  fatta. 

*  %  %.  Bd  anche  senza  autorità  pubblica. 
Ar,  Fur,  S4.  43.  Di  dover  servar  questo  Zer- 


bin  diede  Ad  Odorico  uu  giuramento  Iurte. 

DARE  GIUSTO,  Percuotere  per  a ppunio 
nel  luogo  determinato,  lat.  certos  icttu  di- 
rigere, gr.  aùorox^^7^m. 

S  S  [figuratam,  vale  Dare,  o  Far  chec- 
chessia per  l'appunto,  lai.  ad  amussim  a- 
liqutd  facere. 

*  :  DARE  GL'INGEGNI  Affaticarsi  cóu 
Viugegnoo  co»  l'arte.  Uu  studerà,'  San,  Art, 
liber.  Gli  unguentìeri,  e'cnochi',  e  colom 
che  danno  gl'ingegni  loro  a  tutti  gli  altri  no- 
stri diletti. 

DARE  (■  LORIA.  Onorare,  lat.  Aenorews 
dare.  gr.  n.udEv.  Pass.  953.  L*  una  gli  diede 
gran  nobiltà,  e  smisurata  belleiu,  prodeisa,  e 
motta  gloria.  Barn.  Ori.  9.  7.  49.  Non  dar 
l'onore  a  questo  rinnegato.  Ne  la  gloria  alla 
genie  soracina.  Ar.  Leu.  3. 3.  Demmotì  la  glo- 
ria, e  il  vanto  di  saper  me'6ngere  D'ogni  poe- 
ta una  bugia. 

«  $  £  nattro  pass.  Gloriarsi,  btor,  S, 
Greg.  5.  46.  Sempre  vanno  ioveatigando  eoie 
nuove,  le  quali  perlantocbè  gli  altri  non  san- 
no, allora  nel  cospetto  degli  stolti  sì  danno  glo- 
ria di  singularità  dì  sctensa. 

DARE  GOLA.  IneUtr  desiderio,  o  appe- 
tito. Amet.  44.  E  trascorrendo  agli  occhi  miei 
s'imbola  La  vista  della  tua  chiara  bclleaxa. 
Che  sol  di  sé  ognor  più  mi  dà  gola. 

DARE  GRATIS.  D<\re  senta  ricompetisa. 
laL  dare  gratis,  gr.  Jw^tÀv  Mòvou.  Alleg, 
997.  Cosi  cbi  ve  a  servir  iu  corte  offende.  S'io 
•non  m'inganno,  la  miglior  natura.  Poiché  i 
don  gratis  dati  a  pregio  veiule.  Dando  il  libero 
arbitrio. 

DARE  GRATTACAPO.  •-.  GRATTACA- 
PO. 

*  DARE  GRAVEZZA.  Dare  l'incomodo 
di  una  incombenza,  Aov.  ani.  404.  8.  Ora 
la  gravessa  ch'io  ti  vo'dare  si  è  questa. 

DAR£GRAZIA,[oLA  GRAZlA.]a»>W/> 
beneficio^  Far  gratta.  lat.  beneficìum  dare, 
gr.  CUI py<TC4tf.  Èocc,  F'it.  Dani.  '65.  Io  cerche- 
rò di  ridurmi  a  memoria  il  primo  proposito, 
e  procederò  secondo  che  data  mi  6a  la  graaìa. 

^  S  4.  Dar  grazia,  vale  Aggiugner   va- 
ghesia.  Conferire  eceell^iza.XiÈl.  decns  af- 
ferre.  gr.  [*x0v/tfTy.]   Beru.  Ori.  4.  48.  57. 
Che  par,  che'l  tonno  ad  un  bel  viA»  dia  Non  ' 
w  che  più  di  gratta,  e  leggiadria. 

*;  S  t.  Dar  grazia,  vale  anche  AccaltsLr 
benevolensa,  fossore,  lat.  favorem  afferra. 
«  pass.  953.  L'una  gli  diede  gran  nobìHà,  e 
smisurata  belleua,  prodesaa,  e  multa  gloria, 
fama  dì  gran  loda,  l'amore  dei  cittadiuì,  grakia 
nelle  genti  ec;  l'altra  a  mano  a  mano  a^;uilù, 
cbe  gli  diede  povertà  ». 

%%%.  Dar  grazia,  vale  anche  Assolverà 
dalla  pena.  Serd.  F'it.  ina.  98.  Il  Pa|»  4i«- 
de  grassa  a  tutti  i  banditi  e  fuorasdti,  e  li  ri* 
chiamò  dentro  la  eitUt. 

S  4.  Dar  grazia,  0  la  grazia  i  tarmine 
teologico,  che  vale  Dare  aiuto  sopranna» 
turale,  o  Conferire  la  gratin  divina,  lat. 
'gratium  conferre.  Pass.  99.  Questo  fa  Id- 
dio occultamente  nel  segreto  del  cuore,  dàu- 
do  grasia  di  dolorosa  contrìiione.  S  947.  On- 
de alla  quistioue,  cbe  si  fa,  perchè  Iddìo  dà 
la  grnata  all'  uno,  e  non  atl*  altro,  0  più  all'u- 
uo,  che  all'altro,  dirittamente,  e  sauamoole  as 
rs»f>onde:  perché  Iddio  vnolo  così  fiire.  Al' 
beri.  9.  Chi  ama  nelle  coae  far  fraude  lark 
dttufradato  iu  tutte  le  cose,*perctocchè  non  gli 
h  data  da  Pomraeddto  grazia.  Bocc.  R^.  96. 
90.  Ma  se  Dio  mi  dea  la  graaìa  sua,  io  te  ne 
farò  ancor  patir  voglia  [qui  è  detta  con  modo 
proverbiala,  e  valn:  Se  io  lo  potrò,  o  simi- 

*  $  5.  Dar  grasie,vttle  Ringraziare.  Chia* 
br.rim.%. 486.  AUor  davansì  graaie  Al  monarca 
delciel.*:£er/i.OW.  9.43.  32.  Edipoi  cb'am- 
bedue  gli  vede  usciti,  Ne  dura  grana  all'aiuto 
divino.  E  9.  90.  44,  Il  conto  appunto  oqui  co- 
sa gii  crede  E  quante  più  potè  grazie  gli  diede. 

DABE  GRIDO.  Mandar  rinomato,  lat.  no- 
man  faeere.  Bemb.  rim.  [Stani.  93,]  E  qua^ 
luuque  fumai  dura,  e  superba  Verto  quei  cbe 
potea  per  ogni  Udo  Alm^la  a  volo,  e.darle  la- 
ma, e  grìdo. 

DABE  GUADAGNO.  Far  guadagna  rr.  Ul. 
Inerum  dare,  gr.  xkodoi  iltififittv.  Cant. 
Carn.  Pool.  Ott.  54..  Date  duuqttf  guadagno, 


Digitized  by 


Google 


30 


OAH 


o  Piorsotiiii,  A  questa  nooTi  fo^ia  di  tuf- 
fetto. 

$  Dare  n  guadagno,  vaU  Pare  eìtecchcs- 
éU  ad  effetto  di /nfi  guadagno,  \at.foeHùrÌ 
dare.  gr.  SttvtiCttv. 

DARE  GUASTO,  o  IL  GUASTO.  Detv- 
stare,  lui.  tastare,  tirvaslare.  gr.  nopdttv. 
Tac.  Dmv.  Star.  4.  339.  Cotnindù  ad  ogni  vi- 
ciuo  dnr«  U  giusto  agli  Ubii,  e  Treveh.  FSr. 
jit.  375.  Or  gli  toglieva  i  buoi,  or  gli  durx  il 
guasto  alle  biade. 

S  Fignratatn.  Ar.  Cast.  4.  8.  Or  mnotonù 
Contra  questo  ruffian,  con  uii  «SRrcito  Di  bugie 
voglio  dargli  il  guasto.  E^.  3.  Orsù,  l'esercito 
Delle  uetnogiie  venga  iniiami,  e  diasi  II  gaa* 
sto  a  questo  vecchio  tenacissimo. 

^  DARE  GUERRA.  Portar  gtéerra.  lat. 
belliim  iudieere.  gr.  nòXtfjL9v  xq^ùrrciv. 

•  S  E  per  metaf.  TravagHafe.  ••  Petr.  sen. 
332.  E  le  cose  presentì,  e  le  passate  Mi  danno 
guerra,  e  le  future  ancora  ».  Dani,  Par.  95. 
Neaìeo  ai  lupi,  rhe  ^li  danno  guerra. 

•  DARE  GUIDERDONE.  Gtùderdonare, 
Rimeritar».  Ar.  Fitr.  <•.  33.  Or  ecco  il  gai- 
dcrdon,  che  me  ne  dai. 

DARE  GUSTO,  e  Mimiti,  Arrecar  giitte. 
lat.  vehtpiatem  afferre,  gr.  ripItttV. 

•  S  Ùar  gusto,  per  Rendtir  gttsfaso.  A- 
lam,  Cott.  1.  [36.]  Graaioso,  e  vago  D'un  iu- 
solito  «al  Oh  gusto  al  latte. 

:  DARE  I  DORSI,  o  I  DO&Sl.F^i^gire,D^r 

te  spaile.  Ut.  terga  dare.  Bus.  73.  Gli  Ambi 

non  potendo  soslenerH   lo  'ncarico  della  bdtta-* 

-  glia,  per  fona  furono  costretti  a  dare  i  dorsi. 

•  %  E  si  dice  anche  dalle  bestie.  Cr.  9. 
[101.  3.]  E  i  re  (delie  api)  nel  meico  delle 
schiere  con  valoroso  animo  intra  Inr  combat- 
tono co«  risplendmiti  ale,  e  alla  battaglia  non 
danno  luogo,  infino  che  la  auffa  non  costringe 
o  l'uno,  o  l'altro  dì  dare  i  dossi. 

DARE  II  BATTESIMO,  fìaitvssarv.  lat. 
baptitare,  tingere,  Tertull.  gr.  fictltvi%uv. 
Bocc.  Hop,  3.  A.  Non  credi  tu  trovar  qui  chi 
il  battesimo  ti  dea?  E  ner.  2.  13.  Rirhìese  i 
cb«rÌ4adi  làeutreche  ad  Abraain  dovessero  dare 
U  battesimo.  Tass.  Gtr.  1^  35.  Ne  gi^  poteva 
allor  batfosRMr  darti,  Che  l'uso  noi  «ositien  di 
quelle  parti.'  Ar.  F^tr.  15. 95.  Oriundo  le  con- 
verse a  nostra  fede,  E  di  rea  man  battesmo  an- 
co gli  diede. 

DARE  IL  BEN  GUARITO.  Rallegrarsi 
[con  alamo]  della  ticitperafa  sanità,  lai.  rv- 
citperataiti  valetitdinem  gratulart.  gr.  [  *Ti^( 
Aifocx9pA^ou.i)njì  v/tritii  mr/xodpt(v  rtvt.] 

DARE  IL  BEN  TORNATO.  Rallegrarsi 
deiV altrui  felice  ritorno,  lat.  solvnn»  alt-' 
qneni  rediisse  gaudere,  gr.  ^it  Ti{  rJti  np9- 
óijìdc  vuyx^p€t9.  l  Pitit.  Adr.  Op,  ntor.  5. 
303.  M' inviti  una  sera  a  cena  (come  dicono  i 
Romani)  d' accoglicma,  per  darmi  il  ben  tor- 
nato. 

DARE  IL  BENVENUTO.  Rallegrarsi 
dett  altnri  arrivo.  \aX.  salvtun  aliqnem  ad- 
vptisse  gaudere.  gr.  én  tts  9^i  TtpCTl^ìAt 
9Vfx^p€*y.  Segner.  Mmtm,  Ott.  31.  4.  Con 
setittmcoCo  di  chi  scorgendolo  gii  giè  arrivare, 
gli  dà,  com*  è  convenevole,  il  ben  venuto. 

^  DARE  IL  BUON  ANNO.  Augnrant,  o 
Confa rirt  felicità  in  fjuclVanno;  ett  è  an- 
che spezie  di  iptotidiano  salnto.  Uf.felicem 
annum  precari,  lìoce.  mot.  38.  34.  lìi  che  kr 
prego  Iddio,  che  vi  dea  il  buon  anno,  e  le  buo- 
ne calendt,  (^gi,  e  tuttavia.  E  nov.  33.  4.  Ca- 
landrino- gli  rispose,  che  gli  desse  il  buon  di, 
•  '1  buon  anno. 

*S  $  ^'Se  Dio  mi  dea  il  buon  anno,  ma- 
niem  deprecatltni,  cella  «ptale  altri  fa  at- 
lestasione  di  ferità  a  cièche  asserisce, *t  Bocc. 
noe*  73;  40.  Rispose  il  prete:  se  Di»  mi  dea 
il  buon  anno,  ionon  gli  ho  alialo  (i  danari.)  m 

5  3.  Per  Angnrar  Imottn  ventnra  assoltt- 
tam.  Cecca.  Scrtng.  4.  13.  Orsù,  andate  vìa: 
date  il  buon  anno  A  qvafcun  altro  più  av* 
venlarato  Di  me. 

DARE  n,  BUON  CAPO  D*  ANNO.  Augu- 
rare felicità  nel  principio  dell'anno,  lat./n- 
cipiontii  anni  tolemnia  precari.  Tac.  Dav. 
ann.  4.  f04.  Cesare  nelle  calende  di  innato 
per  una  lettera  a'  Padri,  dato  prtnu  II  buon  e%- 
pò  d'anno,  disse. 

DARE  [IL  Buon  DI,  o]  IL  BUONGIOR- 
NO, K  DARE  IL  GIORRO. 


DAR 

:  DARE  IL  BUONO,»  DEL  BUONO  PER 
LA  PACE.  Dicesi  del  Cercare  anche  con 
suo  svantaggio  la  pace.  •*  Busin.  leti.  180. 
E  dava  il  buono  per  Ja  pare,  perchè  vedeva  che 
il  Ferruccio  veniva,  v.  BUONO,  Siisi.  5  IO. 

DARE  IL  BUON  PRO.  Rallegrarsi  con 
altrui  d'alcun  suo  prospero  avvenimento. 
lat.  alieni  gratitlari.  gr.  vir/y_a.ipav  rtvi, 
*  Car.  loft.  Tamil.  68.  Questo  sarà  solo  per 
dare  a  V.  S.  Reverendiss.  ed  lllustriss.il  buon 
prò  della  pace  conclusa. 

DARE  IL  BUON  VIAGGIO.  Augurare 
felicità  Juil  viaggio,  lat.  prosperum  iter  ad- 
precari. 

DARE  IL  CALO.  v.  DARE  CALO. 

*  DARE  IL  CAMBIO,  i^.  CAMBIO. 

*  DARE  IL  CAMMINO.  Conceder  luogo 
di  passaggio.  Ar.  rim.  cap.  43.  E  vidi  un 
morto  all'alfro  sì  vicino,  Che  senza  premer  lor 
quasi  il  terreno  A  molle  miglia  non  dava  il  eam- 
miuo. 

*  DARE  IL  CAMPO,  i*.  DARE  CAMPO. 
:  DARE  IL  CARATTERE.  Caratterlssa- 

re.  V.  a  rocab.  in  CARATTERIZZARE. 

;  DARE  IL  CARDO. /'ro/iriamtfH/tf  Cavar 
fuori  il  pelo  al  panni  col  cardo.ìat.  carmi' 
nare.  v.il  S  3.  dì  CARDO. 

S  Dare  il  cardo,  o  Dar  cardo,  \jSffnrat. 
vale]  Mormorare.  ÌMX.famam  alicnius  pro- 
sclndei*e,  lacerare.  gr.Uttip  tivoj  JÌXkv^vi' 
p€tv.  /''(TrrA.  £>'Co/.  55.D*uuo,  clt«  dica  ma» 
le  d'uH  altro,  quando  colui  uon  è  presente,  si 
usano  questi  verbi,  cardare,  scardassare  ec. , 
cosi  dargli  il  cardo,  ìt  mattone,  la  sissiaccbera 
ec.  Cant.  Cai-n.  384.  Or  |»er  l'invidia,  e  pes- 
simi rancori  Si,dan  cardi  arrabbiali.  £"  Pool. 
Ott.  36.  Voi  udirete  questi  cicaloni  D'ogni  co- 
sa dir  mal«,  E  pien  d*  invìdia,  e  «aio,  ìr'lrìsti, 
e  buoni  A  tutti  dare  il  cardo  onivenale. 

:  DARE  IL  CARICO,  r.  DARE  CARICO. 

DARE  IL  CARTONE,  v.  CARTONE. 

DARE  IL  CAVALLO.  //  gastigare  che 
fa  il  àlaestro  agli  scolari;  detto  così  dal 
far  prender  colui,  che  si  dee  gastigare,  da 
un  altro  sulle  spalle  per  percnoterglì  le 
gambe,  o  le  naticheé 

%  Per  metaf  Dav.  Accus.  441.  Fatto  sa- 
lire in  cattedra  messer  Giovanni  Dati  a  darci 
la  uulerìa  di  ragionar^,  ehe  UnlV*  a  óìre  quan- 
to a  darci  l'orma,  e  il  latino,  anzi  it  cavallo. 

DARE  IL  CENCIO.  \Figuratam.  rtf/cr}  Li- 
centiara  altrtti.  Mandarlo  Wa.  Modo  basso, 
[tratto  dalVuso  che  si  teneva  in  antico  dal- 
le  femminelle,  alioripiando  alcuna  di  esse 
andava  in  cerca  di  fuoco  col  cencio  nell'ai- 
trui  casa,  alla  ifnale  quando  non  piaceva 
che  si  trattenesse,  immantinente  si  conse- 
gnava acceso  il  cencio,  e  cosi  si  costringe- 
va a  partire,  perchè  il  cencio  non  si  consu- 
masse.^ lat.  dtinilfere.  gT.ècTtOTtifATtttTt. 

*  DARE  IL  COLLO  AL  GIOGO.  Sol* 
tometterveto;  e  figurai.  Farsi  servo.  Chiabr. 
[*rf/».  3.  3d3.]Per  dare  il  collo  all'amoroso 
giogo,  [Francamente  negò.} 

DARE  IL  COMANDO.  Consegnar  Vanto- 
rità  di  comandare,  lat.  regimen  transferre, 
tradere.  gr.  as^^"  xxroifiptnt.  Tac.  Dav. 
ann,  13.  193.  Fu  dato  il  comando  de'Pretnria- 
tn  a  BurroAfraniu,  tenuto  gran  soldato,  ina 
conoscente  chi  gliel  deva. 

DARE  IL  COMINO.  Allettare  i  colombi 
con  espor  loto  il  cornino,  lat.  cyminium  dare. 

S  E  per  metaf.  dlcesi  del  t  Al  letta  re  i  com- 
pratori  alla  bottega  eoi  far  loro  piacere, 

*:  DARE  IL  COMPITO  AD  ALCUNO. 
F'itle  Assegnargli  un  lavoro  o  opera  di  de* 
terminata  qnaHfitàf  e  figurai.  Signoreg- 
giarlo, Fargli  il  maestro  addosso.  Dargli 
il  latino.  Tac,  Dav.  Stor.  4.  338.  Gli  da- 
rebbe bene  un  bnon  consiglio  di  non  fare  ri 
satrapo  co' prìncipi;  non  dare  il  campito  a  Ve- 
spasiano, vecchio,  trionfatore,  e  padre  ec  (lat. 
prarceptis  coercerat.) 

DARE  IL  CONCIO.  Concimare,  lai.  star- 
cerare,  gr.  xoltpi^u*. 

5  Dare  il  concio,  o  la  concia  alle  pelli, 
al  vino,  e  a  Cose  simili,  vale  Acconciarli  con 
varii  modi,proporsionandogli  por  l'uso*  lat. 
concinnare,  gr.  ov^xpnéKtiv. 

:  DARE  IL  CONSkCNSO.  Consentire,  v. 
CONSENSO  S  1. 

DARE  IL  CONTO  SUO.  Fare  altrui  quel' 


DAR 

lo,  che  gli  si  conviene;  [ed  usasi  così  alpro. 
pria,  come  al^figuratoÀ  Rem,  Ori,  4.  4.  M. 
Quaud  io  fussi  attcbe  iofu,  spero  in  Dio,  Che 
mi  sarebbe  dato  il  conto  mto. 

DARE  ILCONTRAPPELO.i'.COWTRAP. 
PELO. 

•  DARE  IL  CONTRASSEGNO,  v.  DARE 
CONTRASSEGNO. 

•  DARE  IL  CORPO,  v.  DARE  CORPO. 

DARE  IL  CROLLO,  v.  CROLLO. 

DARE  IL  GCORE.  Dispersi,  Folgtr  l'a- 
nimo, lat.  animitm  ittducero.  gr.  ipSàUttf 
<{(  vsOv.  Noi',  ani.  63.  3.  Lo  re  Marco  diede 

10  cuore  a  crederlo,  e  ordinò  nna  caccia,  v. 
DARE  CUORE. 

«  DARE  IL  DOSSO.  Lo  stesso  die  Dare 
le  spalle,  f^'eges.  34.  Bisogno  fa  clte  per  |iid*  . 
ra  t^iiì  cosa  sì  mescoli,  se  rutto  la  tclitera  si 
combattere  si  dà  il  dosM  a*  nemicL  E  78.  Se 
la  detta  oste  per  alcuna  scìagnra  desse  it  dei- 
sia  aSiemici  ec. 

X%  E  Dare  il  dosso  a  un  luogo,  per  Par- 
Urne.  Dant.  Inf.  31.  Noi  demmo 'I  dusse  d 
misero  vallone. 

•  DARE  IL  FILO.  Parlandosi  di  ferri  ta- 
glienti, vale  Aliarli,  lai.  acnore.  Chialtr, 
Rim.  [3. 1  11.]  l^'afTaoni  A  dar  più  filo  alle  sia- 
te acute? 

DARE  IL  FOGLIO  BIANCO.  Lo  stette 
che  Dar  la  carta  bianca,  v.  CARTA.  Segr. 
Fior.  C/(s.  5.4.  Uanimi  dtto  il  ft^lìo  biaacd^ 
e  vuole,  eh*io  governi  a  mi»  modo. 

DARE  IL  PRIZZANTE.//^s(»g-»er/ff7»«- 
lilà  del  Frizzare,  lat.  acfe  alfqnid  roecin- 
nare,  Dav.  Colt.  461.  E  (ler  dargli  il  frìssan- 
te.  Senta  cui  non  ha  garbo,  ammosta  cerne  di 
sopra,  ma  imbotta  più  verdine. 

DARE  IL  GAMBETTÓ,[e  IGAMfiETTI.] 
Attraversare  alle  altrui  gambe  impeti- 
semente  un  piede,  o  altro,  per  farlo  cade* 
re.  lai.  snpplantare.  gr.  wT0»wl<5«w.  A*'*- 
/OH.  63.  Purché  venga  da  man  dare  i  gambetU. 

^  S  t.  E  Dare  Si  gambetto,JlgHralam,,vale 
Interrompere  con  modo  non  aspettato  g" 
altrui  avansahtenti. 

;  S  3.  Dare  il  gambetto  a  uno,  vale  fign- 
ratam.  Scacciarlo.  <t  Cren,  J/or*//.  378.  Coo- 
corrì  tu  ancora  a  ogni  cosa  con  gli  altri  iuiie- 
me,  che  altrimenti  saresti  rìpotato  sospetto,  e 
sarebhHi  dato  il  gambetto  in  terra  ». 

DARE  IL  GAMBONE.  Modo  basso,  la». 
licentiae  oceasioneot  praebere.  gr.  «o««t 
afCop^v  itió'sett.  yarch.  Brtol.  88.  Dare  il 
gamuotie  a  chi  che  sia,  e  quando  ^i  di«,  * 
vaol  fare  una  cosa,  non  sola  mente  ■ccooseati» 
re,  ma  lodarlo,  e  in  somma  mantenerlo  ia  mi- 
l'oppenione,  e  prosopopea  sua,  e  dargli  Min»*» 
a  segnìtare.  ^„_ 

DARE  a  GANGHERO,  0  UN  GANGHE- 
RO. Dare  volta  addietro.  Tornare  indie- 
tro. Malm.  3.  76.  Dli  au  gai»ghero  a  miti,  e 
toma  fiiora,  Dietro  al  suo  c«n  veloce  ««e  » 
vento. 

DARE  IL  GIAMBO.  Uccellare,  Mottfg- 
giare,  lat.  irridere,  illudere,  gr.  Ixpfit^»* 
•  Salvia,  Disc.  3.  38».  Onde  noi  diciai».  da- 
re il  giambo  ad  uuO  ;  e  i  Greci  ittppi%tnì  P* 
satireggiare. 

^  DARE  IL  GIORNO,  IL  dI  ec.  Fermar 
la  giornata,  lat.  diem  pncisci,  gf-  ^1^.?? 
ffWvn&<»oa  CiHff.  Calv.  4.  53.  Fo  dato  il  di, 
secondo  il  lor  costume,  E  il  lut^  «H»  atta- 
glia depDUto,  Tra  il  campo,  e  la  città  presso 
a  un  fione.  . 

5  Dare  il  buon  giorno,  e'I  bum  dì,  vele 
Anatrare  felicità  in  quel  gioroo.  Saluto  co- 
munale.   Ut.  dfem   faustnm  adprtcan.  p- 

Mti*y»  ^tti0«f  vittp'iùxtv^eu.'Boife.  <""*•  v!; 

44.  Si  fóce  loro  iricontr»,  dicendo,  che  W*o 
des>e  loro  il  buon  S.  E  noi».  «S.  4.  Calantfn- 
no  gli  rÌS|>ose,  che  Iddio  git  desse  il  buon  *. 
e'I  buon  anno.  Ceceh.  Servig:  ».  3.  Dio  «  <»'• 
il  buon  di,  monna.  Antonia.  Lase.  Splr.  •- 
Dio  vi  dU  «I  buon  giorno.  ^^vkv 

:  DARE  IL  GONGONE.  v.  GONGOPifi- 
DARE  ILGOVERNO.  Concedere l amM- 
nislrasione,  lat.  regimen  transferre,  tra  ^* 
«'•  «f-  »PX^^  xotraal^tv.  Tass.  (Ser.  M_  * 

11  Rege  etemo.  Che  te  di  laure  »«"«f.  8"' 
onora.  Vuol,  che  da  quegli,  onde  ti  die  il  g 
verno.  Tu  sia  onorata,  e  rirerito   anco"'  ^  • 
Pur,  44.  46.  P^rvhè,  vedendo  ove bi*»P»* '"' 


Digitized  by 


Google 


»AK 


DAR 


DAR 


SI 


Gui^  '  |D««nm  ad  ogni  scbicn  dtm.  f£  Sd. 
t.  Ih  MjBtesPò  gowcruoi  e  scettro  dato.  J9ocs. 
farcL  4  *.  Arricue  «ncoTB  sp«ui*  volte,  che 
«I  grtnm  delle  o»s«  «i  dia  a'buoui,  perdiv  U 
■dnyità  dc'nnivi,  quaudo  •  UuCo  cresciuta 
cW  trabocca  si  ffi«toasi. 

j  Auv  i/  gtfmrHo  m'viui,  vate  ^ggiugner' 
n^wtkmtaH  arfv,  «  spt'cciqìtite,  «  «mmo- 
ir«/r,  fvfmrti  pin  coittriti,  m  pia  tnpcro* 
f>,  cAr  mmekB  Mi  kict  Govtrttmrgli .  bt.  vintim 


.  OAHE  ILGUASTO.t'.DARE  GUASTO. 

•  D4BE  IL  LASCIO.  »-.  DARE  USCIO, 

DAKR  ìt  LATINO  Maniera  esprinwHi* 
d  trmUmr  mltmi  dm  J*tneÌuÌio,  [E  viene  ptr 
mélmfirm  i/m  m»  mitro  tigni/lcalo  di  questa 
frmte,  cAé  rmim  prcprimmente  Dettare  ai  fan- 
atUli  mitmm  citm  di  volgare  da  essere  per 
osi  irmÀelto  i»  iafimo.]  Dav.  jiccus.  Ì4I. 
F«u»  m1u«  ia  cattedra  meucr  Gionuiit  Dati 
a  darri  U  H«teria  di  ra^otnrei  cbe  taal'  è  a 
dav.  maato  ■  darci  Torva,  e  Ìl  latiuo,  ausi  il 
cvdla. 

•;  DARE  IL  LATTE.  JlUltare,  Ovid. 
Smimf,  t.39.  Gli  disìdcrosi  0gliuolÌ  avevano 
rménOt  le  poppe  che  davano  loro  il  latte.  #>. 
Zar.  Tad.  9.  4.  S9.  Ta  nel  luor  magou  stavi, 
QnaÌ>t  a  UUcGbdavi  (parta  a  ài.  K^Fior, 
A  31.  La  rc^na  ebbe  fatto  venire  più  balie 
epmt  per  darli  lo  latte. 

•J  $  SjSgHrmiam,  Segmer,  Crist,  ins/r, 
I.  4.  13.  Li  aapcrbia  del  cuore  a  lei  fu  ma- 
^l'igaoffaosa  della  sua  mente  le  diede  il 
bue. 

.  DiRE  IL  LUSTRO. ,»,  DARE  LUSTRO. 

DARE  IL  MALANNO.  Si  dice  per  modo 
d'tmprurmziome  .-  Dio  ti  dia  i/  malanno.  Ut, 
DtMS  te  perdat;  mahim,  quoti  tfbi  DH  dent, 
Pbal.gr.  «acxMf  tk-»iXoi9.  JJoce*  hov.  79.  43. 
(^Kite  eoa  diciaa»  noi  a  voi,  anaì  preghiamo 
id£a^  che  vi  d«a  lauti  malanni,  che  voi  siale 
«orto  a  (biado.  E  nov.  85.  S3.  Im  donita  dis- 
»:  Sia,  che  Iddio  le  dea  il  malanno.  Lai*.  292. 
G^  «  dì  vero  nacito  dal  scnttm«>u(o,  e  vuole 
c»s«r  («alito  savio:  Domine,  djglì  il  mjdiiii». 
fir.  THm.  3.  3.  Tu  dicevi,  die  «Ila  lo  fa- 
rrfi  prr  ooeUà:  per  il  aalan,  che  Dìo  (ì  dia, 
e  la  mala  pasqua,  ftirrjule,  pollrone.  '  Cecch. 
XerM|p.  3.  I.  Egli  è  'I  malau,  che  Dio  ti  dia. 

•  (  JJarm  il  mmlanao,  per  Castigare ,  P*!r- 
tmeter^.  €^crA.  Dot.  4.  f.  Se  io  lascio  andar 
l'ae^as  alla  china,  Federigo,  aggÌMittu  questo 
ditpiauer*  a  naello  ch'io  gli  ho  fallo  di  Fasio, 
•I  darà  1  maUaoo. 

•  DARE  IL  MAL  DI.  Trattar  male.Bocc. 
f.  %.  m,  S.  Sl^  bene  accorto,  che  egli  ttou  tì 
paafWr  le  mani  addosso,  perciò  che  egli  li  da- 
rebbe <t  «a  dì. 

DARE  IL  MATTONE.  Lo  stesso  che  Da- 
re  ii  emrda.  Ut.  famam  aticuiits  proscinde- 
np,  tmtermre.  gr.  uTtlp  rtìo^  fiXvaf-npii'f. 
i'mrr^.  Ercol.ìS.  D'uno,  che  dica  male  d'na 
sito*,  4pmndo  colui  non  è  preseute,  si  usano 
^amli  tAU,  cardare,  scardassare  er.,  dargli  il 
c«da,  il  auKone,  la  suxxjcchera,  ec. 

DARE  IL  MI  DISPIACE  Condolersi  del - 
telimi  disa*>wfniure.  Ut.  dolere,  amico  con- 
dolete, gr.  wjujt's&ii*. 

DARE  IL  MI  RALLEGRO,  lìallegrarsi 
drll'mUmi  movcMture,  lai.  gratnlari  alieni. 
^.  mjfjpdptiv. 

.  DARE  IL  MODO.  if.  DARE  MODO. 
.  DARE  IL  NOME.  v.  DARE  NOME. 
DAREILPANECOLLA  BALESTRA.  3/d- 
•seni  premerà.,  che  vale  Strapasiare,  Fare 
dke  d  kem^sio  sia  di  dìsi;nfto  a  chi  io  tt- 
eere.  Meìm.  3.  3.  Quando  picchiavao  poi,  dal- 
U  Saeitta  Facea  lor  dare  il  pan  colla  balestra. 
*  Ferteg.  Ricctard.  i.  84.  Un  de^gigauti  che 
(«arda  da  deitra.  Vedendo  a  se  venire  il  pala- 
d««;  Vien,  che  vo'dartì  ìl  pan  colla  balestra 
"Oh  Ta  dt<'«ado  in  svo  sciocco  latino.) 

.  DARE  IL  PARTITO.  Darla  ^nta.  Dar 
*nfggto.  Frane.  Sacch.  nov,  103.  L'altro 
^mòe  d  pvtito  d'unj  xucca  Vola  al  Vangelo  di 
t^aGioTanai  (t'olendo  provare  che  quella 
rra  àm  più  che  qnesto.  Fedi  il  luogo.) 

-  DARE  IL  PASCOLO,  e  poeticamente 
fASa).   Pasturare.    JUm,    Colt.   I.  [36.J 
^  ondeggia  il  citiso,  ove  abbondc  D'alcuu 
>dio  Mpor  erba  odnraCa,  Dia  Iwo  il  pasco. 
•  DARE  IL  PASSO,  v.  DARE  PASSO. 


•  DARE  IL  PEGNO.  P.  DARE  PEGNO. 
DARE  IL  PEPE.f.  Uccellare^  o  Sbeffare 

alcuno.  laL  tultsattìtare,  eiconiae  rostri  in- 
star a  tergo  pinéere,  Pers.  [gr.  x«TOc/AMxàé- 
edoc.]  Ftttxh.  Ercol.  90.  Dare  il  pepe  ovvero  le 
spcaie,  è  up  modo  per  uccellare ,  e  sbaffàre 
alcauo;  e  si  faceva  ec.  in  questo  modo:  [chi 
volevi  uccellare  alcuno,  se  gU  arrecava  di  die- 
tro, a  fine  che  «gli,  che  badava  a'casì  suoi,  noi 
ved^sseìje  accoaaati  iusierae  lulti'c  cinque  i  pol- 
paslrelli,  cioè  la  summilà  delle  dil»,  (il  che 
si  chiama  6ctfcDtinanieute  ̻r  pepe,  onde  nac- 
que il  proverbio  :  tu  non  fareati  pepe  di  lu- 
glio) faceva  della  mano  come  un  becco  di 
gru,  owero  di  cicogna ,  poi  gli  dìmenura  il 
gomito  con  quel  becco  sopra  1  capo  come  fanno 
coloro  che  col  bossolo  mettono  o  dol  pepe  o  della 
speaie  iu  su  le  vivande.]  Late.  Streg.  3.  1.  A 
questo  modo  si  dà  il  pepe,  o  le  spese. 

DARE  IL  PIATTO.  Dare  il,t»itto.  Dar  le 
spese,  lai.  victum  prveliere,  gr.  r«  SXfixtt 
blTtopit^tiv.  Ifalm,  3.  6:1.  A  cui  dovrebbe  dar 
pialla,  e  stipendio. 

•  DARE  IL  PIEKO.  Dare  quel  che  scap- 
pamene. Sah.  Jwert.  I.  3.  4.  48.  Nove  fie- 
no «dunque  i  caraUeri  almeno  che  maochereb- 
bono  alla  nostra  abbiceì,  volendo  dare  ìl  suo 
pieno. 

•  DARE  IL  POMO  D'ORO  A  UNO.  Dar- 
"gli  la  preferenza  ;  modo  proverbiale  deri' 
vaio  dal  ponto  d'oro  gettato  dalla  Discor- 
dia sulla  mensa  nutiale  di  Teti  e  Pelea. 
Chittbr.  [*rim.  3.  434.]  Forse  ad  onta  di  ago- 
sto, e  di  geunaro  Nou  ['darauuo]  a  Firenze  il 
pomo  d'oro? 

DARE  IL  POSSESSO.  Mettere  in  attuai 
posseesione.  lai.  pessessionem  tredere.  gr. 
iyX^tptXv.  Toc.  Dav.  ann.  45.  340.  Gli  Id- 
dìi, arbitri  di  tutte  1«  potente,  uè  avevano  da- 
to il  possesso  a'Parti,  non  senta  onta  romana. 

•  DARE  IL  PREMIO,  v.  DARE  PREMIO. 
^  DARE  IL  PRESENTE,  t».    DARE  PRE- 

SEiSTE. 

•  DARE  IL  PREZZO,  v.  DARE  PREZZO. 
)    DARE    IL  PULEGGIO.  Mandar  via  ; 

modo  bttsso,  [probabilmente  tratto  per  me- 
t^f.  dall'uso  che  si  ha  di  dare  il  pnleggio 
ai  bachi  da  seta  quando  e'  si  debbono  torre 
dalle  stuoie,  perchè  e*  facciano  il  bosaolo.] 
hi.  dimittere.  gr.  dnvdtXv, 

l  $  Onde  Dar  ptdeggio  all'  alma,  o  si' 
milej  vale^figurat.  Morire,  v  Buon.  Fier,  4.9. 
3.  Saravvi  alcun  di  loro.  Ch'essendo  or  or  per 
darpulcggio  ^ill'alma,  Parragli  esser  guanto  ». 

.  DARE  IL  PUNTO.  T.  dettli  astrologi 
e  Indovini  quando  mostrano  l'ora  favorevo- 
le a  far  checchessia.  Dmnt.  Jnf.  20.  Fu  ec. 
(Buripilo)  Augure,  e  diede'!  punto  con  Cal- 
canta  in  Aulidc  a  tagliar  la  prima  fune. 

DARE  IL  RESTO.  IPropriamente  Paga- 
re al  creditore  il  rimanente  del  suo  credi- 
lo; ma  per  io  più  si  usa  ^gm-atam.  parlan- 
dosi d'ingiurie,  castighi,  o  simili,  e  vaie 
'Compierli]  interamente.  laL  tatisf acero, 
euplere,  gr.  cxTrAq^ffuv.  Fir.  Trin.  8.  3.  Io 
va' dar  luro  il  resto;  ch'io  li  vo' metter  sur 
un  curro,  che  vada  da  se  allo'nsù,  i>ou  che  al- 
lo *ngiù. 

%  E' mi  ita  dato  il  mio  resto,  dicesi  quan- 
do altri  fa  astone,  onde  ii^  taluno  si  confer- 
mi VopinioHC  della  sua  malvagità. 

.  DARE  IL  RIPOSO,  v.  DARE  RIPOSO. 

•  DARE  IL  SACCO:  v.  DARE  SACCO. 

•  DARE  IL  SEGNO.  ».  DARE  SEGNO. 
DARE  IL  SUO,  e  DARE  DEL  SUO.  Dare 

le  cose  proprie,  o  appartunenli  a  chi  le  dà. 
Ut.  donare  sita ,  dare  de  suo.  Tac.Dav.  &or. 
4.S54.  Do  chi  lo  favoriva  (era)  detto  cortese, 
e  buono,  per  dare  seima  misura,  scusa  gìudi- 
cto  il  suo,  largir  t'aUrui;  e,  f>rr  cupidigia  di 
comandare,  agli  stessi  visii  davano  noma  di 
virtù. 

S  Dare  il  suo  maggiore ,  per  mefaf. 
tolta  dal  gitioco  delle  minchiate.  Ut.  vehe- 
menter  canari,  gr.  ^ttvui  tttip&vBou.  f^arch. 
Brcol.  88.  Dare  Ìl  suo  maggiore  ec.,  è  dire 

Jinaalo  alcuno  poteva,  e  mpeva  dire  il  più  io 
avorc,  o  disfavore  di  chi  ohe  sìa. 

.  DARE  ILTAGUO,  Jguz»are.Fr.Giord. 
18.  Il  fabro,  quando  hae  fallo  il  coltello,  se  non 
lo  arrotasse  e  non  gU  d«s»e  il  taglio,  no»  var- 
rebbe iieentc. 


*  DARE  IL  TEMPO,  f.  DARE  TEM- 
PO. 

*:  DARE  IL  TERGO,  rollar  ie  spalle. 
Fuggire,  l^iiés.  Gar.-ie.  35.  £  '|  vide  (ahi  fe- 
ra vista  IJ  al  dolce  albei^D  Dar  frettoloso  fug- 
gitivo il  tergo. 

:  DARE  IL  TIZZO,  v.  TIZZO. 

DARE  IL  TOCCO.  Dare  il  cenno.  Griff. 
Calv.  4.  96.  Era  già  il  Sol  molto  presso  al 
Mnrocco:  Uh' ora,  0  manco,  avanaava  dri  %wr- 
no;  Guidoo  per  tutto  il  campo  ha  dato  il  toc- 
co, Ed  (^uun  presto  a  Guglielmo  è  d'intorno. 

*  DARE  IL  TORMENTO. p. DARE  TOR. 
MENTO. 

*  DARE  IL  TORTO,  v.  DARE  TORTO. 
^  DAREILTRACOLLO.  rraro//are,Aa- 

vinare.  Ut.  impellere.  Ceech.  Servig.  I.  4. E 
sai  se  monu' Antonia  aiuterebbe  Darmi  il  tra- 
collo! Star.  £ur.  431.  Erano  luttavolla  al  bi- 
Unciale  le  forse  loro,  ciie  ogni  poco  ài  aago- 
mcuto  «ra  bastante  a  dare  il  tracollo. 

S  Dare  il  tracollo  ella  bilancia  ,  vale  te 
stesso  che  Dare  il  tratto  alla  bilancia.  Dep, 
Decam*  44.  SÌ  dice  una  ragione,  una  conside- 
ratiooe,  un  rispetto  aver  dato  il  crollo,  o  il 
tracollo  alla  bilaocu. 

DARE  IL  TRATTO.  Maniera  dinotante 
il  Dare  la  cagione  di  preponderare.  Far 
mttavere.  Ut.  impellere,  gr.  mS'iIv. 

5  4.  Dare  il  tratto  alia  bilancia,  J^gura^ 
lam.,  vale  Dar  cagione  ad  mlettna  risolu- 
sione,  trattandosi  di  cosa  diiòbia,  ove  talu- 
no sia  irresoluta.  Fit.  Pitt.  ^r.  Mentre  an- 
cor |wndeva  dubbioso  ec,  diede  il  tratto  alla 
bilancia  il  parere  ec.  di  Giovanni  cappellano. 

S  3.  Dare  i  tratti,  o  Dar  rnltimo  tratto, 
vale  [Esser  nell'estrema  della  vita.  Esser 
per]  morire.  Ut.  mnimam  agere,  antmam 
afflare,  gr.  rdcwrfiv.  Fir.  Js.  87.  E 'mi  ve»» 
ne  veduto  ec.  ginceirne  ai  tuoi  piedi  tr«  tutti 
imbrodolati  di  «angue,  ehe  ancor  davano  Ì  trat- 
ti. Lasc.  rias.  [I.  497.J  Come  lànno  color,  die 
danno  i  tratti. 

DARE  IL  TUFFO,  l^uffare;  e  in  sigi^i^ 
J!e.  neulr.  Tuffarsi,  lut.  immergere,  gr.  jcft- 
Tfic^vvdv.  Buon.  Fier.  4.  I.  4.  Simile  a  quel» 
la  di  colui,  che  dianzi  Delle  due  o  tre  tuffi,  e 
dice:  o  mare,  Se  giammai  più  m'imbarco;  e  In 
m' ingoi.  Ment.  sat.  9.  Come  se  dessi,  verbi- 
graaia,  un  tuffo  In  una  d'aloè  piena  tinoisa. 

$  4.  in  sentirti,  atl.^gnralam.,  vale  Ro- 
vinare, lai.  opprimere j  obritere.  Cecch.  Dot. 
f.  3.  Guardatevi  piuttosto  Da  certa  spese,  e 
da  certi  trasordini.  Che  sono  (e  voi  1  sa|iet«) 
quei  che  danuo  II  tuffo  a  chi  le  fa. 

5  9.  In  sanlim.  netttr,  e  Jfguratam.  Dare 
il  luffa,  vale  Perdere  il  credito,  Far  ma- 
le una  casa  contro  all'aspettasi one.  UU  fa- 
ma ejccidere. 

%  3.  Dare  un  tuffo,  vale  Tuffare  alcuna 
cosa  leggiermente.  Ut.  immergere:  gr.  xocroc- 
duv«v.  Soder.  Colt.  4S6.  Ponvele  (Vuve)  so* 
pra  asse,  o  graticcio  di  ginestra  verde,  da'loro 
poi  un  tuffo  net  mosto,  e  ponle  al  Sole  tanto 
che  s'asciughino:  appiccale  di  poi  in  luogo 
asciutto.  E  197.  Intrìdendo  una  poltiglie  col 
luto  della  fornace  ben  pesto,  e  sbattuto,  dan- 
dovi co' grappoli  un  tuffo  dentro. 

%  4*  Bffgitratanr.  Dare  uh  tuffo  nello  sci 
mimilo,  0  simili,  vale  Cominciare  md  oppa - 
rftv  scimuidtOt  Fare  itti*  azione  da  scimu- 
nito. Malm.  4.  17.  Si  risvi^li  Celidora,  C'ba 
dato  un  loflb  nello  scimunito. 

*  DARE  IL  VANTO,  v.  DARE  VANTO. 

*  DARE  IL  VELENO,  v.  DARE  VELE- 
NO. 

DARE  a  VINO,  é  DARE  DEL  VINO. 
CoHceiler  ii  ber  vino ,  a  Mescere  il  vino. 
Ul  viniim  praebere,   vinnm  propinare,  gr. 

dava  l'acqua,  e  non  il  vino.  B  appresso  :  Bi- 
secava dar  t'acqua,  e  non  ìl  vino, 

$E  per  metaf  Farch.  Ercol.  88.  Dare  ii 
Wmo  è  quello  stesso  che  subamara,  ovvero 
imbecherare,  il  che  si  dice  ancora  imbian- 
care. 

DARE  IL  VISO.  Follarlo.  Ut.  se  canver- 
tere.  Daut.  Purg.  3.  E  diede  il  viso  mio  in- 
contr'al  poggio. 

.  DARE  IL  VOTO.  v.  DARE  VOTO. 

:  DARE  I  MOTIVL  Addurre  le  ragioni 
di  ciò  che  -sì  opera,  ed  è  termine  de' Legisti. 


Digitized  by 


Google 


n 


DAR 


DAR 


DAR 


•t  Sàif.  inf,  See.  S3S.  Se  fosU  RìnJìce,  siffe- 
sle  obbligato  a  dare  i  motivi,  v.  MOTIVO. 

DARE  IMPACCIO,  apportar  briga.  Da- 
re impedimento,  lai.  impedimtntiim  jhrrtt, 
hnpedimetUo  esse,  praepedii-e,  impedire-  gr. 
ì/kiroiov  «(vou  Ttvc.  Boec,Hov.%%.  9.  Hai  veii- 
diUo  uà  doglio  cint|ue  gigltiitì,Ìl  quale  io  feu- 
miaella,  che  non  fu' mai  appena  fuor  dell'u- 
scio,  veggeudo  lu  *ni]taccio,  che  in  casa  ci  dava» 
t'bo  Tenduto  scile  ad  uu  buco  uomo. 

$  I,  £  ueutr»  pass.  Darsi  pensiero.  Pi- 
gharsi  atra  A»t,  curare,  gr.  ('/uAf  ròt^-)  Bocc. 
H0¥.  43.  7.  Nuu  sì  rìleiiite  di  correre,  xì  fu 
«  caUel  Guiglielmo,  ed  io  (|uello,  c»seado 
gì^  sera,  eulrato,  tenta  djrst  altro  ìiB|iaccio,  al- 
bergò. E  iMv.  M.  4.  Scnaa  altro  impaccio  dar* 
si,  quale  ella  era,  io  au'avello  d*uua  chiesa  ivi 
viciiia  dojio  molto  piaulo  la  seppellirono. 

S  8.  D'irsi  gì  impacci  dei  Rosso^fate  Pi- 
gliarsi  altri  ie  brighe,  che  non  gli  toccano, 
[siccome  Jaceva  a  Fimisenn  tale  rhiamato 
il  Rosso.]  lai.  inepte  eurìosnm  esse.  gr.  frc- 
pitp'/'ìv  cTvXt.  Mleg.  TI,  Borbotton,  borbot- 
toQ,  cioè  componeodo  questo  sonetto,  il  quale 
io  vi  mando,  jterchè  leggendolo  nella  camera- 
ta vi  rìdiate  tanto  di  me,  quanl'ìo  mi  do  gt  im- 
pacci del  Rosso  a  credeuaa.  Salv.  Granc/i.  I. 
8.  Che  diavolo  Ho  io  poi  a  volerne  alla  fine 
Piò  che  la  parte,  e  a  darmi  degl*  impacci  Del 
Rosso? 

DARE  IMPEDIMENTO.  Impé^ù^.  lai.  im* 
pedimento  esse,  impedimetiltan  afferre. 

DARE  IMPRESA.  Commettere.  Jr,  Fnr. 
M.  39.  Punito  esser  debb'io,  che  cieco  fui, 
Cieco  a  dargliene  impresa. 

•  DARE  IMPRESSIONE  DI  SE.  'Indurre 
tm  altrui  tina  opinione  di  se ,  /mprrssio- 
Hare,  Castigl,  Corteg.  I.  98.Se  saraano  dui 
oomini  di  paloam,  i  quali  uoa  abbiano  per 
prima  dato  imprcsiioDe  alenila  di  se  stessi  con 
1  opere  o  buone,  o  male  ec  £  3.  188.  Deve 
•duuque  il  coitegìauo  por  molla  cara  ne*  prio- 
cipii  di  dar  buona  impressiou  di  se,  e  conside- 
rar ee. 

*  DARE  IN  ALCUNA  COSA.  Imbattersi 
in  essa.  Dep.  Decam.  108.  Gerii  ai  soo  pur 
messo  io  capo,  come  dauno  ìn  uoa  di  queste 
Tocì  nuove  a  loro,  o  che  hanno  più  d' un  ù- 
gttificato,  di  mutarle. 

X  DARE  IN  AMMa  Lo  stesso  che  Dmre 
Fanimo,  Bastar  l'animo.  Bocc.  lett.  318.  E 
d'altra  parte  vi  darJ  in  animo  di  persuadermi 
a  lasciare  que'  piacevoli  studii,  che  voi  hanno 
liuto  cbiartiuimo  al  mondo,  ed  a  me  prometto- 
no altra  vita,  e  più  lunga,  e  più  onorata,  che 
questa  non  è* 

DARE  I\  ARBITRIO  D'ALTRI,  lascia- 
re alla  volanti  altrui,  jtr.  Fhr.  S4.  36.  Che 
datogli  ìn  arbilrìo  avea  que'dni.  Che  soli  odiati 
esser  dovean  da  luì.  Segn,  Star.  9.  S37.  Che 
gli  desse  Filippo  Strozaì  in  suo  arbitrio,  ac- 
cioecbè,  come  di  suo  ribelle,  potesse  a  sua  vo- 
glia di^MMrre. 

:  DARE  IN  ARCATA.  Tirare  in  arcata. 
Car.  lett.  ined.  I.  Si9.  Fate  roi  rispondere 
dì  cvstà,  o  ri^KMidele  a  bocca  quel  che  vi  pa- 
re; ch'io  darei  io  arcata. 

)  DARE  IN  BARATTO.  Barattare,  lai. 
permutare,  gr.  àXXàmn.  [p.  DARE  A  BA- 
RATTO-] 

DARE  IN  BROCCO,  NEL  BROCCO,  e  IN 
BROCCA.  'Dare  nel  segno.  laL  scoputn  at- 
tingere, gr.  r^9TO;ftr».  v.  BROCCO,  5  4,  e  5. 
$  Figuratam.  f^'arch.  Ercol.  87.  Dare  ìn 
bfocco,  Cloe  nel  seguo  te  r^ciouando,  è  appor* 
n.  Malm.  6.  90.  Come  quel  che  ai  pensa  da- 
re in  brocca. 

BAR  E  I\  BUDELLA.  Darr  in  nulla,  .Ven 
corrispondere  a  If.  a  spetta  sione.  Modo  bas- 
so. laC  opinioni  de  se  concrptae  minime  re- 
spandere. 

S  Fale  anche  Discorrere  mssei,  e  non 
eonchiudere  milla  di  buona,  lai.  inaniter 
lo^fui.  ^,  yxtMloysl*.]  Matm.  6.  M.  Qui  di- 
ce  1]  Re.  H  dà  sempre  in  budella. 

•  DARE  IN  CAMBIO,  p.  DARE  CAM- 
BIO. 

•  DARE  IN  CAPO.  p.  DARE  CAPO. 

DARE  IN  CATTHA  SANITÀ.  Comincio- 
rea  non  goder  bnona  sanità.  laL  vatetndima 
mti  parum»  cemimada,  band  btSle  sv  habere. 
gr.  at^pVTttìe,    Tratt.  segr.  rt«.   donm.  La 


rovina  si  e  quando  cominciano  daddovero  a 
dare  in  caltìvi  sanità. 

DARE  IN  CECI.  Dare  in  ciampanelle, 
Dare  ìn  budella,  Non  corrispondere  all'a~ 
speltasione,  nò  al  desiderio.  Modo  basso. 
ììit.  expeclationem  fallere,  opiaionent  de  se 
conceptam  frwtdare.  gr.  O^fav  j^cv^Cfdou- 
•  Allisgr.  M5.  Io,  come  colui,  che  uoa  ha  più 
cerve!,  che  gli  bisogni,  m'arrflbatlo  spesso, 
m'avvolgo, e  non  mi  ri u vengo  mai,  dubitando 
sempre  dì  non  dar,  come  è  il  mio  solito,  io 
linchc,  e  cecì. 

DARE  IN  CENCI.  Lo  stesso  che  Dare  in 
ceci.Modo  basso.  \aX.expe9tationemJallere, 
opinionem  de  se  conceptam  fraudare,  gr. 
^^fav  ^cù&t9&ou.  •:  Bellin.  lett.  Malp.  319. 
Qui  c'è  sempre  qualche  lasso,  ma  perchè  gli 
autori  di  essi  sono  un  innesto  d'ooa  somma 
bricconeria,  ma  d* un'altrettanta  eccedente  asi- 
nità,  danno  in  cenci,  e  sempre  terminano  con 
la  loro  Aethioai:.  Magni,  lett.  Jam.  1.74.  Dubi- 
to grandemente  che  rinleresse,  o  il  poco  cervel- 
lo  l'abbia  a  fur  d^re  tu  ceiict  quanto    prima. 

DARE  INCENSO,  e  DAR  XINCENSO. 
Incensare,  lai.  thns  adolere,  gr.  Xtfiàvov 
l^((9uy.  •  Pallata.  Slor.  Conc.  65i.  Commet- 
tevasi  r  rgualilà  ìn  tutte  le  condizioni  de'  due 
mioislri,  i  quali  dessero  1' incenso,  e  la  pace. 

$  ì.  B  Dare  l'incenso,  per  jidulare,  lat^ 
afsentari,  adulari*^T.  xoisativciy. 

5  3.  Dar  l'incenso  a'  grilli,  vale  Far  co- 
sa, che  non  ser\*a  a  niente,  lat  Inanin  per- 
sefifi.  gr.  [*xey«rT0udc7v.J 

$  3.  Dare  incenso,  o  l'incenso  a*morttt 
vale  lo  stesso  che  Perdere  il  tempo.  Gettar 
via  il  tempo,  lat.  temptis  incassttm  tarerà. 
[gr.  itKTpi^tiv.]  Beru.  Ori.  3.  6.  47.  Ma  che 
bisogna  dar  più  incènso  a* morti?  Chi  ha  piò 
fona,  questa  insegna  porti.  Cecch.  Servtg.  S. 
10.  n  dirlo  è  proprio  un  dar  l'in^nso  a'mnrti. 

DARE  IN  CHI  CHE  SIA,  o  DARE  IN  AL- 
CUNO.  Avvenirsi  in  lui.  Ut.  incidere,  fgr. 
i^Ttiltrttv.  Cecch.  Servig.  4.  10.  No  no,  che 
venendo  egli  per  trovarla.  Per  sorte  diede  in 
me.  Buon.  Fior.  f.  5.  9.  Per  porlo  in  opra 
contro  a  quelle  bestie,  Se  noi  dessimo  in  loro. 

DARE  IN  CIAMPAN-ELLE.  ^on  corri-- 
spondere  alfespettativa  ;  Incorrere  in  de- 
bolesse,  in  Jalli,  in  errori  ;  Fare  delle  min- 
chionerie, lat.  aliorttm  ejcpectation^n  Jru^ 
Sfrari.  gr.  J^eev  |£«v^C95ou. 

DARE  INCOMMODO,  o  INCOMODO.  In- 
comodare, lat.  incommodo  esse.gr.fiXiltrttv 
nvdc.  >^r.djj.4. 3.  Ben  m'iocresce  a  quest'ora 
darvi  incommodo.  Red.  lett.  3.93.  Io  son  scm- 
prò  a  dargli  degl'  incomodi. 

•  DARE  IN  COMPAGNO,  yeutr.  pass. 
j4ccompaenarsi,  bendar  insieme.  Unirsi. 
Bemb.  Pros,  3.  Ili.  Dannosi,  oltre  a  ciò,  per 
chi  vuole,  ìn  compagne  dì  tutte  queste,  e  simi- 
li voci,  quelle  ancora  ee. 

:  DARE  IN  COTTIMO,  v.  COTTIMO. 

•  DARE  IN  CREDENZA,  p. CREDENZA. 

•  DARE  IN  CURA.  p.  DARE  CURA. 
DARE  IN  DEPOSITO.  Dep^itare.  lat.  in 

depositum  dare ,  deponrre  apnd  aliqnem. 
[gr.  n^cpfluacr£5«9d«i.]  Jr.  Cnss.  3.  3.  Ma 
lì  darò  in  deposito,  Finch*  io  t*  arreco  il  dana- 
io ec.  Tanto,  che  pagberìa,  ec.  Jmbr.  Cof.  3. 
I.  Perch'egli  era  conleolo,  die  in  deposito  Sì 
desser,  finché  questa  esperieosìa  Sì  facesse. 

DARE  INDIETRO.  Retrocedere,  Pender 
verso  la  parte  di  dietro.  Ut.  retrocedere. 
[gr.  cbx^o^'^ffv.)  f'<p.  Disc.  Jm.  9.  Dando 
ìndteiro  empivano  le  cantine,  e  tenevano  umi- 
dì i  piani  terreni. 

•  S  1.  £  Darla  all'imlietro,  vale  lo  stes- 
so. Giov.  GelL  Fit.  4lf.  Le  galee  seosa  pon- 
to appressarsi,  sparando  solamente  da  lungi 
t*  artiglierìa,  la  dettono  a  Vqtsmì  dì  vele,  e  dì 
renù,  tnlt*  all' indietro. 

S  3.  i?  Dar  ittdietro,  parlandosi  <f  anima- 
li, e  di  piante,  vale  Dimagrare,  Intristire. 
•*  Brons.  Cap.  174.  Sdegnasi  un  frollo  con 
qualche  persoua,  E  intisichisce  e  dà  indietro, 
s'ellj  il  tocca.  ■ 

:  DARE  INDIRIZZO.  IndiHzsare.  Cor. 
leti.  I.  13.  Ci  sa  presentarono  avanti  alcuni 
morfatcsalti.  che  ne  diedero  lìngua,  ed  indirìsao 


per  venire  «on 

DARE  INDIZIO.  Indicare,  hi.  indicium 
d*ra ,  imdicinm  JnC€r€,   gr.   ivir^ju/hw». 


Amet.  6Ì.  La  tetta  eoa  pochi  caMlli,  e  Uan- 
chì  ne  dauno  certissimo  indisio,  e  le  sne  goaa- 
ce  per  crespeaxa  ruvide  ec,  più  certa  me  ne 
rendono  assaL  Ar.  Fitr.  13.  S.  Perchè  a  cohu, 
che  qui  m'  ha  chiusa,  spero,  Che  costei  neda- 
rii  subito  indisio.  E  30.  130.  Avea  la  doeu 
(se  la  crespa  boccia  Può  dame  iodisio)  |nb 
della  Sibilla.  Soder.'Cott.  14.  Gli  spini,  ci 
roghi,  danno  indisto  di  l«Ta  atta  alle  viti. 

:  DARE  IN  DONO.  Donare.  Àr.Lta.l.  S. 
Non  che  io  vendita.  Ma  a  baratto,  ma  in  dea 
dar  sj  dovrebbono.  *\  E  Cass.  3.  <.  Noti  spe- 
ro, anco  volendomi  II  padron  dare  io  dono,  uoa 
che  vendere  Che  mal  sì  troova  chi  «ogiia  levar- 
megh.  Bertt.  Ori.  1.  U.  15.  Fello  Albrìsac 
un  dotto  negromante,  Edìello  in  dono  al  Sglio 
d*  Agolante. 

DARE  INDUGIO,  indugiare,  Tardsrt, 
Metter  tempo  in  meszo.  lat.  moram  iiter- 
iicere.  gr.  pp9tfvvn¥.  Bocc.Inirod.h%.  Sea- 
xa  djre  alcuno  indugio  all'opera,  anzi  che 
quindi  tt  partissono,  diedono  cadine  ec.  E  aw. 
19.  30.  Bla  poi  che  vide  quivi  Bernibó,  pen- 
sando, che  alla  bisogna  oon  era  da  dare  iadn- 
gio,  preso  tempo  convenevole,  dal  Soldanoi»- 
petrò,  ec.  E  nov.  37.  9.  Un  gradire,  scasa  da- 
re indugio  alla  cosa,  si  mise  ad  esamioarlsdrf 
fatto.  Bern.  OH.  1.  3.  19.  E,  per  non  dirlo- 
dugio  a  sua  ventura ,  Monta  a  cavallo,  e  verte 
r  armatura.  Fir.  As.  300.  Le  amorevoli  don- 
xelle,  per  non  dare  indugio  a* piaceri  della  pa- 
drona, tratto  a  lor  l'uscio,  ne  lawiaroo  li- 
bera comodità.  •  Cavale.  Att.  Aposf.  U». 
ParendtJRli  buo>ia  la  scusa,  e  la  via  di  Paolis 
^xeòe  indugio  a  qneslo  fatto  (cioè  prese  tempo.) 

*  S  Per  Conceder  tempo.  Fit.  SS.  Pnn. 
3.  14.  Dammi  indugio  Ire  giorni,  e  in  questo 
meno  precfaerà  Iddio;  e  oò  che  egli  me  ne 
mostrerà  ti  vefrA  a  dire.  :  Belc.  Fit.  Colami. 
C.  384.  Il  quale  non  fu  ricevuto  perche  tn 
troppo  Kiovinello.  e  dierongli  indugio  tre  anni. 

DARE  INDULGENZA.  Concedere  indnl- 
gensa.  lat.  indulgenttttm  concedere,  gr.  Wf- 

zflinjTc»  (TijfJiKtt.  G.  r.  0. 19. 4.  Ei"««»!: 

li  si  crociarono  contro  a  Federigo,  daodoil 
Papa  indulgensa  di  colpa,  e  di  pena. 

*  DARE  IN  ECCESSI,  v.  ECCESSO. 
DARE  IN  FALLO.   Non  tfe/^«rr  j^" 

disegna,  lat.  a  scopo  aberrare.gr.éve^xttv. 
Ar.  Fur.  30.  180.  Si  lerÒ  su  le  staffe.  «  f  TJ* 
colie  Fermo  in  arcione  ;  e,  per  non  dare  la  fel- 
lo. Lo  scudo  in  mexso  alla  donselU  «*»«• 

DARE  INFAMIA.  Infamare,  Fitupere- 
re.  Uufnmae  alicttius  labem  aspergere. 
gr.  enjltrcun»  nvA.  Ar.  Lea.  3.  1-  Non  »• 
rebbe  premio  Sufficiente  a  compensar  Is  0»* 
mia.  Che  voi  mi  date.  E  Fur.  5.  08.  Cbevnol 
per  moglie,  e  con  gran  dote  darla  A  =*""*'' 
ri  r  infamia,  che  V  è  data.  Ambr.  Cof  1^3.  t 
costui  con   sue  rhiaechiere  Vuol  dare  »™5- 

*  DARE  IN  FAVORE,  v.  DARE  FAVO- 
RE 

:'  DARE  nt  FERVORE.  -VWr.  p'f'*- 
ftmirarsi,Prmder  fervere.  Krlc.  "*• '^ 
lamb.  C.  5».  Appena  poien  ndire,  riror*l« 
aloioi  eoi»  «  Crino,  che  «ibilo  "  *«•  " 
fervore  con  grandissime  slTÌ<b, 

DARE  IN  FO.NOO. ...  DARE  FONBO. 

DARE  INFORMAZIONE.  Inform«n.  W. 
tértiùrem  faetre,  dtcere.  gr.  rfiJ«»xn»- 

DARE  IN  FRENESIA.  Imfmzxere.  W.m- 
tamìrt,  inùumiiitim  inclJere  gr./ttl'VZ'*?'' 
BnoH  Pier.  ».  ».  »0.  Belù  anch'io  ncll  "■»• 
frcaesi'i  Di  crcdcf»  nnj  dea  la  donna  aiia. 

.  DARE  IN  FUOCO,  E  FIAMMA.  /««"; 
Ai^re.  Omrl.  S.  Greg.  ì.  tM.  Le  loro  c«i 
diede  in  (noeo,  e  ftaane. 

DARE  IN  FDORA.  Dieeri  Jelme/eyn"- 
ilo  menila  elle  etile  rmlerma  •?«/>«"!'«•  "'• 
emer^re,  efiorescerr.  Uelm.  ».  t-  E  ■"','• 
in  Minaa:  Par  potrebbe  ancori  Cn  di  gnanr^ 
ne,  perchè  il  Mal  dk  in  foora. 

.  DARE  IN  Gli'  feHamiìe  A  arnmeteli, 
vele  Peffierare:  eit  è  eemlren'o  e  Himiri'i- 
re.  Bue».  Tene.  ».  IS  Par  ch'ella  on  po'nn- 
ren^a.  e  poi  dia  in  |tià. 

DARE  Di  GC.tRDIA.  Cemsefnere  etcame 
cete  Iter  esser  cnsleitUa.  laL  CK/ftxW'"^""' 
Ireitèr*,  im  tmsttiliem  ilire.  gr.  »«P«T<*»- 
«»«o.  Petr.  rams.  M.  J.  l'dw'io  guardia  a  san 
Piciro  ;  «ta  M«  pia,  ao:  iMeadaBB  chi  r<w,  che 

■'  iolesdV. 


Digitized  by 


Google 


BAR 

S  Omr  It  ffeor*  m  tuatdia  mi  lup»,  tmtt 
U  itm—  ti*  Jfmr  U  UllMg»  in  tnariU*  »' 
ffiTt,  rtimilì,  citi  Fidar  cola  a  ehi  ti» 
amdt  éJlm  wted£tim:   laL  lupa  tvtt  eu- 


ittdmmiltt  dare.  ar.  T&  lutti  ri*  ti*. 

CCK.  " 

jLn.  r.  LDCE. 


;  URE  ni  teck.  Pubblicare,  Momdar 


BABE  IH  MALA  SANITÀ.  Comineìon» 
am  4iAi»  bttitM  imitili.  I>l.  mUludiMt  ult 
fMTtam  rcmmtrjm.  gr.  éiéfttnH*.  Fr.  darti! 
^W.  JL  At— ilo  poi  Olio  io  aula  «MiiU,  co- 
mtmam  ■  nmrimgm  di  Dio. 

BASE  IH  MALATTIA,  «  IN  MALE,  ^m- 
mtmlmrgt.  lai.  in  mórbtim  inciiimrt.  \^,  v09^' 
pan  xi^xtSTf».]  RmI.  Itti.  ì,  HS.Qiian- 
4ù  «MI  Tolcmno  correr  risico,  in  vece  di  gaa- 
fi>  h  aMUa  ■wiii«ln,  di  farli  dire  ia  mali 
aia  f«didmi. 

•  BAU  DI  MANO.  p.  DARE  MANO. 

»ARE1I^IA^ZL  PtntUrt  vene  U  par- 
te emieriere,  bt.  mitteriiis  t'ergere,  propelu 
iire,  p.  ipxfiv^te»  fifinim. 

5  I.  Oart  imitmitxi,  vale  aitebe  Dare  aulici- 
ptltmmle,  lat.  I*  amlttetuti»  dare. 

•  S  *■  Dmra  iiatsHMi,  parlaoda  di  piatite 
•alt  OcKicnc.  Seder.  Cali,  4.  Nella  grasM> 

•  fUrrm)  actloaa  troppo,  indindoieoe  ia 

;  e  aalla  troppo  aiagra  ooo  vi  è  uulri- 

■lo,  Aa  le  posn  far  dare  iunauai. 

>  J  i.  Omrr  liuiaRti,  per  Comparire  alla 

Creet.  Dal.  ».  ».  Voi  ai  date  ia- 

i  a  tempo.  (OppartuHo  le  abltiliali  mihi 

.T«.) 

!  5  *•  P^r  Tornare  a  mente,  Semiilre.  Cai. 
/^ac  176.  lo  vo'Doadiaieao  accenaarvi  un  oo- 
■•  cte  wà  dà  iunattrf,  ed  à  posta. 

\  %  ».  B  maeHr.  pese,  naìio  ataua  sigiti/, 
Cea.  fros.  Sft4.  Ora  a  aie  »  dà  ioaauaiil  var- 
ia parlare,  ehm  porterà  licae  de'begli  uù  ia 


.  BARE  IN  NOME  DI  ALCUNO,  e.  DARE 
BIKOMB. 

BARE  IN  NULLA,*  DARE  IN  NONNUL- 
LA ^ea  eomeluiimr  aioHte.  lat.  aikil  operaè 
pnUi/aemrm.  gr.  eùih  ;(^«jae«  vpiTttn. 
FarcA.  Errai.  »1.  QnBado  alcuno  fa,  o  dice 
•kaaa  ooaa  Ksorca,  o  bianmevule,  e  da  non  do- 
verli ec^  rioBcirv  ec.,  le  gli  dice  in  Firenze  :tn 
aracggi  me,  tm  t'arvolpaccbi,  la  «on  dai  in 
aalh.  Car.  leti.  i.  61.  fìhi  non  è  riwlnlo 
d'aoa  coaa ,  hioI  far  cliimerB  di  nille,  e  poi 
itrt  ia  aanmlla.  ;  E  leti.  ined.  1 .  f  < .  Per  mio 
palili  *a  ifvi  noa  si  veiiiaw  ai  particolari  si  du- 
rvfcfae  in   Donaalla. 

BARE  IH  PARETE.  PereUelere  uella  pa- 
rete. kA.  in  pariatem  impiugere.  gr.  fc(  rei- 
X*v  ^az<irrav. 

{  Quale  atime  dà  ia  parete,  lai  riceve  ; 
dono  prauerHalm.,  di  etti.  V.  ASINO.  Bore. 
tur.  M.  M.  Clu  le  la  fa,  fagliela;  le  In  non 
fai,  taenjoli  a  mente  finché  tu  poita,  accioc- 
Ar  ^aale  attoo  lU  in  parete,  tal  riceva.  Emov. 
T».  !<  Per  la  quale  potrete  comprendere,  ebe 
aaaa»  dee  ballare  a  ciajcuiio,  le  quale  aèoo  ik 
«jiarcte,  tal  riceve,  irnaa  volere,  er.  B  Lab. 
M$.  Né  é  pero  esente  co»e  egli  si  crede,  dal 
vol|^  proverbio,  il  quale  voi  «sale  dicendo 
qaate  aaiwi  di  ia  parete,  tale  riceve  ;  te  egli 
gb  afcnri  beni  lavora,  e'  viene  da  altra  parte 
cbi  lavava  i  •noi. 

•  DARE  IN  PARTE.  Mellere  a  parte.  Far 
partecipe,  lac  la  parlem  dare.  Car.  Eh.  7. 
IMt.  11  nome  sno  Fece  Claudia  nomare,  e  la 
limigtia  E  le  tribù  ronuiia,  allor  che  Roma 
Bicaaì  ai  Sabini  iu  parie  (ijai  vale:  Ih  data  la 
citladìaania.) 

DARE  IN  PEGNO.  Impegaara.  lai.  ;m'^io- 
ri  a^aaw».  gr.  ^^,:a{(di.  jtmhr.  Cof.  S, 
I.  Mi  dare'  certe  robe,  cb'es  Irovavasi  Iu  doga- 
■a.  parck'  io  le  deasi  iu  pegno  A  i|nalcha  a- 
■eoa  aMo. 

DARE  IN  PUTTOLE.  Lo  tieuo  cke  Ba- 
re ia  eiamipan^la.  Modo  baeto. 

.  DARE  IN  POTERE,  o  IN  POTESTÀ. 
..  DARE  POTERE,  •  POTESTÀ. 

BARE  IN  PREDA.  Coacedare  ad  eaer 
tardalo.  lat.  prarilae  dare,  dlripiendiim 
pmmillarr.  Bara.  Ori.  I.  <4.  14.  Allo  ipa- 
I»mI».  al  tedesco  runre,  A  quel  d' Italia  in 
rnd.  Iddw  la  diede. 
S  '  neiafr.  ^r«.  jilibaodanarti.  Darti  in 

Pier*.  laL  «<  dedart.  Ar.  Siipp.  4.  S.  Con- 
Cocabalario.—'  S. 


DAR 

viene,  cba  mi  dia  adonquo  agli  avvocali,  e  pro- 
curatori in  preda.  Cacch.  Dot.  4. 1. Io  mi  dol- 
go Mollo  forte  di  te  che  ce  tu  li  Sia  dato  si 
ia  preda  all'avariaia. 

DARE  IN  PRESTO.  Pmlare.  lat.  rem- 
modarv,mntiiii»i dare.gv.xp^99.i  tyvc.  Cecrh. 
Mogi.  prol.  Che  voloulieri  a  qualunque  al- 
tra merce  I«  cambiei^no ,  e  la  darieuo  iu 
(«esto. 

.DAREINPUBBUCO.Pnii/ira/w.&om- 
pare.  Salv.  Avveri.  1.  3.  ».  t.  Prose  simili 
ec.  alla  funerale  oraaioiie,  cbe  a  questi  auui  si 
diede  in  pubblico  di  £iovambatlisla  Slroati. 

,  DARE  IN  QUELLO  D' ALCUNO.  Kale 
l^occargli  il  punto  cita  più  gli  piace,  o  Pro. 
vacarlo  a  ciò  dova  egli  piti  vate.  Antbr.  Co- 
fan.  9.  3.  Oh  buon  I  voi  ddle  proprio  Nel  mio! 
Io  d  ro'  dir  ch'io  soii  jiiù  pralico  In  cotesUi 
mestier,  ebc  non  sun  pralico  Iu  qualsivoglia 
altr'arte  (laLmco  me  ludo  prwocas.)*^  I^arcìi . 
Ereol.  87.  Dare  in  quel  d'  alcuno,  o  vero 
dove  gli  duole,  (igiiitca  quello  che  Dante  dis- 
se; Sì  mi  die  dimattdaitUo  per  la  crtiaa 
Del  mio  desio  ec,  cioè  dimandasti  appunto  di 
quelle  cose,  o  i^etlere  materia  in  campo  ch'e- 
gli desiderava  e  aveva  caro  di  safiere. 

DARE  INQUIETUDINE.  Ingitietare.  Ut. 
molestiam,  aagriindinem ,  aitimi  aitgorem 
afferra,  wt.  npAy/iteTt  Ttasij;»!». 

DARE  INQUISIZIONE. 'y»f»(<ir«.  lai.  lie- 
/arre,  accusar*,  gr.  àjxocjlaìy.  G.  A'.  8,  96.  S. 
Fa  data  una  iuqujsiiioue,  ovvero  accusa  alla 
podestà  se.  contro  a  messcr  Corso. 

:  DARE  IN  SOMMA.  Lo  slesso  eia  Dare 
a  collimo.  V.  SOMMA. 

DARE  IN  SORTE.  Coneedere.  lat.  rorfe 
obliagere, sorta  obreuìre,  gr.  Xr/^i^Uv.  Petr. 
sott.  307.  Ed  or  uovellameule  iu  ogni  vena  In- 
Irò  di  lei,  ohe  m'era  data  in  sorte,  £  iiou  turbò 
la  sua  fronte  serena.  Ciriff.  Cali:  i.  35.  Cbe 
vincer  vorrei  te  senaa  Ina  morie,  E  non  so  quel 
che  di  me  dato  e  in  sorto.  Alam.  Colt.  I.  f3. 
E  perchè  il  pio  eullor  non  debba  solo  Soste- 
ner quello  ia  pie,  cbel  padre,  o  1'  avo  Delle 
bticfae  sur  gli  ha  dato  iu  sorla. 

J  S  Dare  Ih  sorte  ad  alcuno  una  cosa, 
vale  Concedergliela  per  distribnxioiu  di- 
pendeaie  dalla  sorte.  Tass.  Gar.  ».  «I.  E 
bella  si,  cbe  il  Ciel  prima,  ne  poi  Altrui  non 
die  masaior  bellona  in  sorte. 

DARE  IN  SULLA  TESTA,  DARE  SUL- 
LA TESTA,  e  DARE  IN  TESTA.  Perettote- 
re  la  testa;  e  più  particolarmente  preudrti 
per  Uccidere.  laL  caput  caadera,  caput  dis-' 
secare,  disciadere,  interflcere.  gr.  xt^aìif» 
TtXfiTtai.  Bocc.  KOV.  7».  SO.  Io  fo  bolo  all'al- 
io Iddio  da  Pasigaino,  cbe  iu  mi  lungo  a  poco, 
che  io  non  li  do  tale  in  stilla  tekta,  che  il  naso 
ti  caachi  nelle  calcagna.  Barn,  Ori.  3.  5.  10. 
E  che  d' un  coI|N>  perso  resta.  Che  Ruggier  gli 
avea  dato  iu  mila  teda.  Ciriff.  Calv.  t.  Sf.Il 
cavai  si  rimò  con  gran  tempesta,  E  colla  tampa 
gli  die  sulla  testa. 

.  DARE  IN  SULLA  VOCE.  k.DARE  VO. 
CE 

.:  DARE  IN  SD  QUALCUNO.  Per. 
fuolerlo.  Tratl.  gat:/am.  <37.Passon  da»  in 
su  loro  frioè  su'  figliuoli)  quando  vogliono. 

;  DARE  INTÈNDERE,  io  slesso  dia  Da. 
re  ad  intendere.  Oli.  Com,  In/.  %.  17.  Dà 
intendere  una  moralitadc,  che  uullo  per  sé 
dee  imprendere  grande  fallo,  ma  quello  dee 
dilibemre  con  lo  «msiglio  dal  savio. 

DARE  INTENDIMENTO.  Lo  stesso  the 
Dare  inleutioar.  lai.  pnilicerl,  sp'm/acere. 
gr.  <-/7uàe»ai.  G.  K  8.  iì.  3.  Dando  inteih 
dimenio  al  Re  di  Francia,  e  al  dello  messer 
Carlo  di  farlo  eleggere  Imperadore.  £  IO.  90. 
3.  Dando  a  ciascuno  inteoj^eulo  dì  tener  ia 
città  di  Roma  per  loro. 

•  ^  Dare  iuteaiUmento,  per  Isplegare. 
fu.  S.  Olo.  Ball.  999.  Tu  se'  il  prime  che  ci 
annanii  il  regno  del  csein,  cba  ci  é  pressoi 
Preghiamoti  per  1'  amor  d'Iddio,  che  tu  ce  ne 
dia  alcuno  buono  intendimento  {cioè  spiaga- 
sione.') 

DARE  INTENQONE.  Far  correrà  spa- 
rnntn.  lai.  pollieert,  sptm  /acero,  gr.  iy- 
yvàedcti.  M.  K  ».  69.  Don  Federigo  mede- 
lìmo  prese  speranaa,  e  diede  inlrnsionc  di  ve- 
oire  a  Messina.  Croit.  Uorell.  338.  Stavano  a 
udire  il  suono  dii'jnoUi  6iwini  motto  volautìeci, 


DAR 


31 


a  «ominciarono  •  darà  iitteniiono*  •  Car.  leti. 
Io,  avauti  che  partissi,  avea  dato  iulensioue  ad 
altri,  a  promesso  liberamente,  per  aiodo  che 
io  non  posso  mancare,  ;  tiiticc.  Star.  16. 80$. 
Delibero  ac.  di  aspettarlo,  con  gravissima  que- 
rela degli  Ambasciatori,  a' quali  aveva  dato  fer- 
ma inteuxione  di  stipolare,  il  gioruo  medesimo 
la  coofederaaiane. 

DARE  INTERPRETAZIONE.  lulerprala- 
ra.  lai.  interprelari.  gr.  ipparf/$ùtiv.  Amet, 
70.  Danti  migliore  inleriirctaaioue  a'versi  scriu 
ti  nello  antico  avello. 

DARE  IN  TERRA.7>err»s>erefii  rerro.lal. 
terram  pulsare,  gr.  yijv  TV3Tr«ii.  Amet.  84. 
In  terra  dando  del  destro  piede,  a  la  titrra  ca- 
vando ec.  t  Bellin.  Disr.  •■  fWI.  Per  lor  ws- 
tura  si  piegano,  si  piegheranno,  ed  il  corpo 
piomberà  giù  o  darà  iu  terra. 

S  <•  Dare  in  terra,  detta  di  Havi,edl  lut- 
viganli,  vale  Pieudar  terra.  Appiedare. 
lai.  appellerà,  gr.  1t^(XÌU«v.  Fir.  As.  <94. 
Ma  carne  prima  egli  die  iu  terra  «1  porto  di 
Duraato  ec. 

S  ».  Noa  dar  ni  ia  dal,  ni  in  terra,  vaia 
Esser  mslrallo,  Sssar/ttori  di  si  perdalo' 
ra,  o  per  altra  passiona  i  a  dicasi  m/icha  di 
Chi  $  avviluppa  Hello  sua  operasionif  a  uou 
Ha  coHtiuca  alatua  a  luton  Jine.  lai.  neqne 
coelum,  acqua  terram  a  t tingere,  gr.  eCrr 
•f^,  eCrceùsavsu  ^STre^as,  Lucian. 

:  DARE  IN  TESTA,  p.  DARE  IN  SUIXA 
TESTA. 

<  DARE  IN  TINCHE.  Fate  lo  stesso  cha 
Darà  iu  ceci'  Motlo  basso,  lat.  expectationaat 
/altera,  gr.  ^^av  tjnìtittàiu.  Altegr.  I4S. 
Io,  come  colui,  «ha  non  ha  già  carvel  ebe  gli 
bisogni,  m'arrabatto  spesso  «e.,  dubitando  dì 
uou  dar,  come  é  il  mio  solilo,  in  tinche,  * 
ceci. 

.:  DARE  IN  TISICO.  Divenir  llsieo.  Bai. 
dov.  Am.  Scori.  9SI.  Io,  che  sou  d'altra  |ia- 
xta,  Non  vo' mettermi  a  risico  Di  {Kirdera  il 
cerveUo,  o  dare  in  tisico. 

•  :  DARE  IN  UNA  COSA.  PreuderU. 
Sasseti,  leti.  93.  Stamani  ni  cavo  3  quattrini 
dì  sangue,  e  dimatliua  darò  in  scìloppì. 

:  DARE  IN  UN  VENTUNO. /«f»«<e/>n>- 
verb.j  vale  lo  slesso  che  Svegliara  il  cau  che 
dorme.  Farch.Ercol.  81.  Dicesiaucora:  egli 
desta,  o  svaglia  il  cau  cba  dorme  ec.,  egli  ha 
dato  in  un  ventuno,  o  nel  bargello. 

;  DARE  LN  UNA  CAVEZZA.  Figurai.  Ss- 
sere  impiccato.  Barn:  Cali.  ^j(.  1.380.  Den-_ 
venato  faceva  molto  meglio  a  morirsi,  perché 
gli  è  Venuto  qui  a  dare  in  una  cavesta.  A'o^- 
pressoi  Nuu  saperi  tu  quello  che' In  hai  fatto 
contro  al  Duca  che  gli  ho  udito  giurare  ec,  che 
Iu  sei  venuto  a  dare  iu  una  oaveasa  a  ogni 
modo? 

DARE  IN  UNO.  v.  DARE  IH  CHI  CHE 
SIA. 

.  DARE  IN  VENDITA.  ».  DARE  VEN- 
DITA. 

DARE  ISTRUZIONE.  Istruire,  lai.  m««- 
itala  dare.  gr.  iiriTÌU<iii. 

I  DAREI  TRATTL  Essera  alt aslramis 
della  vita.  Lase.  Con.  t.  hov.  5.  Lassù  gri- 
dando corsero,  e  ì  duo  mìseri  fratelli,  a  la  di- 
sperala madre  trovarono  che  davano  i  tnltì, 
sgosxati  a  guisa  dì  semplici  agnelli. 

DARE  La  BAIA.  Ucctllara,  Uoltaggia. 
re.  lat.  irridere,  illudara.  gr.  c/ixat{f iv.  Ar, 
Cass.  4.  9.  Non  n'hauno  voglia  Corisca,  •  si 
pigliano  Piacer  dì  darci  la  baia.  E Supp,»,». 
M' ìncresee,  che  Pasifilo  Ti  dia  la  baia. 

.:  DARE  LA  BALTA,  v.  DARE  BALTA. 

.  DARE  LA  BATTAGUA.K.  DARBftAT- 
TAGLIA. 

■DARE  LA  BENEDICA.  Moda  basi»,  vaia 
liinttHslar  checchessia  ;  [dello  parche  so. 
gtioHO  esprimer  ciò  col  gesto  del  bauedire,] 
lai.  vaia  alieni  rai  dicere.  gr.  x»f •<*  '«*• 

DARE  LA  BERTA.  Uccellare,  ilottag- 
giare,  lai.  irridura,  illiutere,  ludi/icari,  [gr. 
tunettSBvJ  BerH.  Ori.  9,  90.  SS.  Quale  una 
donna  del  mesliero  esperla.  Che  dal  marito  in 
fallo  aia  trovala.  Vedendo  ooM  poter  dargli  la 
berta  ec.  ilalm.  4.  47.  Rìdea  del  rospo,  e  da-  . 
vani  la  berta. 

DARE  LA  BRIGLIA.  Allentar  la  briglia, 
lai.  habenas  laxara,  permiltere,  gr,  jSvrà 
y_%hUvtts. 

» 


Digitized  by 


Google 


34 


DAR 


uin 


DAR 


S  S/tgiiralnm.  ['Dar  la  briglia  di  ima 
cosa  ad  atcìinOf  vaio  Conc«dxrglhH4  li  li- 
bero dominio.]  Ut.  dedere,  permuterò,  gr. 
iltiitiiou.  Jlleg.  SS7.  Perché  voi  date,  si  può 
dir,  U  briglii  Dell'  aiilrai,  e  del  corpo  a  chi 
forsato  O  dj  preghi,  o  preseiiii  le  In  piglia* 

DARE  LjV  buona  NOTTE.  Modo  di  ta- 
httare  nltrtil  nel  tempo  della  notte.  lat.At/- 
ventaHtem  noclem  fuiislnm  precari. 

DARE  LA  BUONA  PASQUA.  Fortore 
altrui  angnrti  di  felicità  per  la  Pasqua.  lat. 
'PasehatiSf  vet  ^atalis  Vomiul  jotemnia 
precari. 

DARE  LA  BUONA  SERA.  Hodo  di  ta- 
liitare  attriti  nel  tempo  della  sera.  Cecch. 
Servlg.  3.  5.  E  dcm  a  chi  che  aia  la  buona 
•era. 

DARE  LA  BURLA.  Burlare.  Ul.  Indere, 
illtidere,  ludificari^  litdos  alitptem  f acero. 
gr.  ipitaK,m  j;ii«xgÌTr(iy. 

.  DARE  LA  CACCIA.».  DARE'GACCIA. 

DARE  LA  CAPRA.  Tormentare i  rei  so- 
pra uno  stntmento  così  detto. 

DARE  LA  CENCIATA.  Battere,  o  Getta- 
re alimi  nel  viso  un  cencio  tinto  d*tuehlo- 
tlro,  o  amile  lordura. 

S  B  per  metaf.  Burlare  altrui  In /alti,  o 
In  parole,  lat.  amare,  aspere  irridere,  op- 
probrare.  gr.  Itixpii;  itMxdmrttìi. 

.  DARE  LA  CIANCIA,  e.  DARE  CIAN- 
CIA. 

DARE  LA  COLLATA.  T.  di  Cavalleria, 
,che  vale  Percuotere  il  collo  colla  spada 
al  novello  cavaliere  ,  del  tjual  costume  v. 
Dep.  Decam.  115.  e  ll(.  lat.  ense  cerviceni 
uovi  mìlitis  tangere.  G.  1^.  IO.  56.  3.  Prima 
con  grandinima  selleciludine  il  fece  cavaliere, 
cingendoli  la  spada  colle  ine  munì,  e  dandoli 
la  collata,  e  molti  altri  ne  fece  poi  cavalieri. 

S  Per  Dare  »nn  percossa  sul  eolio  sent- 
plieemente.Sen.  Pisi.  Alcnni  piangono,  (quan- 
do l'uomo  di  loro  una  collata. 

DARE  LA  COLPA.  lacotpare.  v.  COL- 
PA. 

.  DARE  LA  CONCIA,  v.  DARE  IL  CON- 
CIO. 

DARE  LA  CORDA.  Tormentare,  [come 
un  tempo  barbaramente  si  faceva,]  il  pre- 
teso reo  col  tenerlo  sospeso  alta  corda.  i*l. 
manilms  a  tergo  revinctis  appensam  tortjne- 
re  extpilrendae  veritalis  grolla,  gr.  xoA«- 
(iiy.  Alleg.  US.  ('h' estendo  preio  |<er  ladro 
il  Carpigna,  il  giudice  gli  fece  dar  la  corda. 

S  Figuratam.  Usare  arliJ!*io  per  trarr» 
altrui  di  bocca  aletuia  notizia,  lat.  urgere 
aìifjuem  extorqiteiidae  verttatis  raussa. 

DARE  L'ACQUA,  e  DAR  DELL'ACQUA. 
Concedere  il  ber  acqua.  Red.  teli.  3.  IO*. 
Ippocralc  d»va  1*  ac({ua.  e  non  it  vino. 

5  4.  Dare  l'acqua  alla  mani.  v.  DARE  AC- 
QUA. 

•  $  9.  Dare  tacque  ^  vale  auehe  .4prire  i 
condotti.  V.  DARE  ACQUA. 

DARE  LA  CROCE.  Crociare,  lat.  cnice 
signare,  gr.  OTK/poo^pv/i^ttv.  G.  f^.  7.  \k. 
4.  Diede  la  croce,  e  ordino,  che  si  desse  per 
tutta  crittianitti  per  lo  detto  passaiigio.  perdo- 
nando colpa,  e  pena  a  chi  la  prendesse,  e  v'an- 
dasse, 0  mandasse. 

J  In  oggi  vale  Conferire  alcun  ordino 
di  cavalleria. 

é  DARE  LA  CURA.  i..  DARE  CURA. 

DARE  L'  ADDIO.  Llceniiarsi.  lai.  vale 
dicere.  gr.  jpuptì))  i«y. 

S  I ,  Dare  l'ultimò  addi»,  [o  simile,  a  c6i 
eliesia,]  vate[Prender  commiato  perrultima 
volta  da  clii  che  sia,  »  per  lo  pili  senta  spc 
ronza  di  rivederlo,  e  talora]  Morire,  lat 
extremiim  vate  dicere.  [gr.  t«9v  «!»«.]  Al- 
leg. IftS.  Gi^  per  la  sete,  oimè,  giunto  atroc- 
caso.  Era  f|Qasi  per  dar  l'ullinto  addio. 

*S  S  *.  Dar  l'addio  a  una  cosa,  vale' Ali- 
handonerla.  Ces.  leti.  i.  <»5.  Sono  bellissi- 
ma e  pnrtssìma  dettatura  di  (|uel  beato  secolo, 
al  quale  i  Forenlini d'oggidì  hanno  dato  l'ad- 
dio. 

.  DARE  LA  DISCIPLINA,  v.  DARE  DI- 
SCIPLINA. 

.  DARE  LA  FACOLT.À.  v.  DARE  FA- 
COLTA. 

•  DARE  LA  FEBBRE.  Cagionare  la  feb. 
bre.  Fraiu.  Sacc/i.  nov.  <3t).  Era  si  velenoso 


(il  ciccione),  che  molti  di  gli  area  quasi  dato 
un  poco  di  febbre. 

•  DARE  LA  FEDE.  Battezzare.  Petr. 
[•  f  l'f.  fmp.  Pont.  27.^  Si  riceva  in  luogo  di 
padre,  e  di  madre  colui,  che  ti  leva  dalla  fon- 
te del  batleiinio  nel  confermare,  e  dare  la  fède. 

t%B  per  Promettere,  v.  DARE  FEDE. 

•  :  DARE  LA  FERMA.  Fermare  l'accor- 
do. Frane.  Sacci,  nov.  20S.  Quella  sera  lo 
recasse,  e  venisse  a  lei;  e  cosi'  fu  data  la 
ferma. 

DARE  LA  FRECCIA.  Dicasi  del  Chiede- 
re altrui  in  presto  daifliri,  o  simili,  lat  pe- 
citniam  muluam  rogare.  Cecch.  Esali,  cr. 
9.  3.  Gh'  io  non  abbia  A  dar  la  freccia,  e'I  tia- 
IO  ogni  di  al  suocero.  Malm.  I.  57.  Massime 
quando  atlrni  vuol  darla  freccia. 

:  DARE  LA  FUGA.  Far  fuggire.  Mette- 
re in  fuga,  (^onichelt.  263.  E  mentre  che 
davano  la  fuga  a' Pisani,  Tolsono  loro  parte 
delle  loro  bandiere. 

.  DARE  LA  FUNE.  v.   DARE  FUNE. 

DARE  LA  GAMiATA.Modobasso,espri- 
mente  il  Prendere  per  moglie,  o  per  mari- 
Io  la  dama,  o  il  damo  altrui  [che  è  quasi 
un  sostituir  se  slesso  In  luogo  d' altrui, 
dandogli  il  gambetto.]  Alleg.  4<3.  Ch'ella, 
eh*  è  venerata  Su  uclta  terza  sfera.  Dette  al6n 
la  gambata  A  chi  riluce  nella  quinta  stella. 

•  DARE  LA  LUNGA,  tndugiare  sover- 
chiamente, Fir.nov.  4.  177.  Udendola  Tonia 
che  costui  le  dava  la  lunga,  mostri  di  volersi 
adirare.  •  yareh.  Ercol.  ['83.]  Dar  la  lunga  è 
mandare  le  bisogna  d' oggi  in  dimane,  u,  come 
si  dire,  a  cresima  5ensa  spedirlo. 

:  DARE  LAGRIME  AD  UNO.  Spargerle 
per  esso.  Bocc.  g.  4.  n.  I.  Tancredi,  serba 
cotesto  lacrime  a  meno  disidenU  fortuna  che 
questa  :  ne  a  me  le  dare,  che  non  le  desi- 
dera. 

DARE  L'ALLODOLA,[oLA  CARNE  DEL- 
L' ALLODOLA.  Adulare ,  Solare.  Fir. 
Lue.  4.  1.  L.  Spola  mia  cara,  dimmi  la  cagio- 
ne perchè  tu  sei  si  in  collora  ?  F.  Proprio  cara 
ec.  S.  Dell  vedi  come  il  valent'uomo  le  sa 
ben  dare  la  carne  dell'allodola.]  v.  ALLO- 
DOLA. 

DARE  LA  MADRE  D'ORLANDO.  Lo 
stesso  che  Dar  la  berta,  [perché,  siccome 
è  nolo,  la  madre  di  Orlando  aveva  questo 
name.1  lat  irridere,  Illudere,  gr.  «ànrfiv. 
Fir.  Lue.  2.  2.  Sa'tn  qnel  ch'i'  ti  vo'  dire 
adesso,  senia  darti  la  madre  d'Orlando?  E 
Trin.  S.  5,  SI,  si,  dammi  pur  la  madre  d*  Or- 
lando. 

:  DARE  LA  MALA  MERCE.  Spacciare, 
Fendere  frodolentemettlo  còse  cattive.  Fr. 
Giord.  Pred.  1.  173.  Tulio  lo  intendimento 
dell'artifice  non  è  se  non  come  egli  ti  possa 
vendere,  e  mettere  addosso  la  mala  derrata,  e 
veuderlati  cara,  e  di  darti  pur  la  mala  merce. 

DARE  LA  MALA  NOTTE.  Far  polire 
la  notte,  lat.  mata  uox  ut  atii  sit,facere. 
Bocc.  nov.  77.  35.  Hinieri,  sicuramente  se  io 
ti  diedi  la  mala  notte,  tu  ti  se'ben  di  me  ven- 
dicato. 

DARE  LA  MALA  PASQUA.  Sorla  d'im- 
precazione, lat.  iratos  Deos  precari.  Dep. 
Deeain.  d2.  Trovurassi  ancora  talvolta  cosi 
usatoli  datti;  deh  datti  la  mala  pasqua,  che 
se'  nu  ribaldo.  Fir.  Trin.  3.  9.  Tu  dicevi, 
che  ella  lo  faceva  per  onestb;  per  il  malan, 
che  Dio  ti  dia,  e  la  mala  pasqua,  furfante, 
poltrone. 

DARE  LA  MALA  VENTURA.  Csgionffre 
altrui  male.  lat.  aliquem  perdere,  gr.  iv- 
/i7.lyu*.  Bore.  nov.  86.  13.  Questo  Ino  vixio 
del  levarti  in  sogno,  e  di  dire  le  favole,  che 
tu  sogni  per  vere,  ti  daranno  una  volta  la  ma- 
la ventura. 

.  DARE  LA  MANCIA.f.  DARE  MANCIA. 

.  DARE  LA  MANO.  v.  DARE  MANO. 

;  $  I.  Dare  la  man  dolce,  vate  propria- 
mente Lasciar  libere  le  briglie  al  cavallo, 
0  simile,  e  figuratamente  trasferendolo  ad 
Uomo,  vale  Lasciarlo  andar  liberamente 
a  su»  senno.  Cecch.  Prov.  85.  L'  ultima  Co- 
sa, che  ha  dato  la  man  dolce  a  Fabio  Fu  che 
il  soldato  er. 

:  $  a.  JT  anche  _figuralamenle,  Cecch. 
Pro*'.  86.  Vien  di  là  un  aiiuffino  Con  una 
brocca  d'aceto,.*  con  uno  CeMia  di  sale,  e  di 


saula  ragione  Insalarono  a  tulli  i  costerecci 
E  le  fonte;  un  altro  con  l'aceto  Gli  stropic- 
cia e  dà  a  tutti  la  man  dolce. 

.  DARE  LA  MATERU.  ••.  DARE  MATE- 
RIA. 

)  DARE  L'AMBIO.  Licenziare,  Mandar 
via.  Dar  l'andare,  lat.  dimlltere.  Attegr. 
307.  M'ha  dello  un  che,  mutata  fantasia  Per 
amor  di  non  so  che  garxoncello,  Avete  dato 
Tambio  aita  Maria. 

*  $  Dar  t'ambio  a' baleni,  vale  lo  stesso 
che  Dar  la  mossa  a'tremuoli.  «  I^asc.  Getos. 
2.  5.  Ch'  ei  pare  proprio  colui,  che  dà  l' am- 
bio a'  baleni  ». 

.  DARE  LA  MENTITA,  v.  DARE  MEN- 
TITA. 

(  DARE  L'AMIDO.  Insaldare,  Bar  I» 
salda.  V.  il  t^ocab.  in  INAMIDARE. 

:  DARE  LA  MONNA,  v.  MONNA. 

•  DARE  LA  MORTE.  «.  DARE  MOR- 
TE. 

.  DARE  LA  MOSTRA  ALL'ESERCITO. 
V.  DARE  MOSTRA. 

DARE  L'  ANDARE.  Lasciare  andare. 
Aprir  la  strada,  lai.  iter  aperire,  gr.  Hi' 
ivobfin.  Toc.  Dar.  ami.  12.  <58.  FMa  la 
festa,  fu  dato  l' andare  all'  acqua,  e  scoperte 
l'errore  dello  spiano  non  livellato  al  fuoAi,aé 
a  mesa'  acqua  del  lago. 

♦;  5  Per  Llcenziare.ìot.dimittere.  Cecch. 
Mogi.  4.  5.  l'sono  sUU  dieci  volU  par  dar- 
gli l'andare. 

DARE  L'ANELLO.  Sposare  celti  for- 
matila del  dar  lo  sposo,  in  segno  di  fede, 
I'  anello  alla  sposa,  lat.  annnlnm  novae  mi- 
ptae  dare.  Lasc.  Splr.  1.  3.  E  cosi  segceU- 
niente  le  diede  l'aDclla,  con  animo  di  farla 
chiedere  al  padre.  E  5.  6.  Dove  voglio,  anno- 
verali che  sarauno  i  danari,  che  Giulio  le  dia 
1'  anello.  Ambr.  Cof.  «.  2.  E  dicemi,  Cbes'o» 
prometto  turla  per  legittima  Sposa,  e  darle 
1'  anello,  è  per  concedermi  Quello,  ch'io  vegli». 
Dav.  Selsm.  26.  E  quando  I'  anello,  ch'è  "s- 
trìmouio  promesso,  fusse  mal  dato,  non  Boce- 
rebbe  a  matrimonio  conaumato,  che  pini  stare 
sema  quello,  e  la  auprabboodauta  non  visis 
r  essftoaa. 

J  Dar  nell'anello,  tarmine  fle' corridori 
di  lance,  e  vale  Colpir  nati'  anello. 

DARE  L'  ANIMA  AL  NIMICO  (dei  al 
Diavolo).  Lo  stesso  che  Disperarsi.  laL  dt- 
sperationi  se  tradere.  gr.  «T«Jrt?«».  f^r- 
Trin.  9.  9.  E  cosi  luUo  il  di  ti  làono  dar  l'aui- 
ma  al  nimico. 

.  DARE  LA  NUOVA.  •..  DAR  E  NUOVA. 

s  DARE  LA  PACE.  ».  DARE  PACE. 

.  DARE  LA  PAGA.  v.  DARE  PAGA. 

.  DARE  LA  PAROLA.  Lo  stesso  ch»  Dar 
licenza,  v.  PAROLA. 

.  DARE  LA  PENA.  v.  DARE  PENA. 

.  DARE  LA  PERSECUZIONE.  ?«•<«»"'• 
tare.  Petr.  ['Vii.  Imp.  Poni.  14.]  Fu  U pri- 
mo che  detta  la  persecuvìone  a'Criitiani.  h 
23.  Al  suo  tempo  fu  data  la  quinta  perieen- 
sione  a' Cristiani. 

.  DARE  LA  PETIZIONE.  T.legale.Pi* 
sentar»  la  petizione.  Dep.  Decam.  91.  D»"- 
mo  la  |ielixione  al  Giudice  della  Podestà  alle 
civili,  che  non  altro  imporU  che  cirilaseole, 
cioè  per  via  del  civile,  e  non  del  criminale. 

1  DARE  LA  PINTA,  LA  SPINTA,  «. 
Pignere,  Spignere.  lat.  praecipilar»,  ruea- 
lem  impellere,  gr.  x«i«Xje>g,aW$«y.  I'**-  "'"'■ 
«n«.  6.  H8.  S'  ei  pareva  ignorante,  o  ciur- 
mante, gli  era  data  la  pinta  in  mare,  pereti» 
non  ridicesse  il  domandato.  ^ 

:  S  Sjigaraiam.  ,  Tae.  Da». Star. *■**'■ 


Il  buon  uomo,  doloe  per   natura,  e 


nnlabile 


per  paura,  per  non  far  sue  le  brighe  d  alf 
coir  aiutar  chi  cadeva,  gli  die  la  pinta  »• 

DARE  LA  PORTA.  Conceder  l'ingresse 
per  la  porla  ;  e  talvolta  Consegnare  lasi- 
gnorla  delta  porta.  G.  r.  9.  «0.  «.  Tbbo»» 
la  dui  di  Chermona  per  tradimento,  P",  , 
porta,  elle  fn  loro  data,  con  gran  danno  «e 
Guelfi,  che  dentro  v'erano.  E  cap.  ***'j*Ji 
detti  traditori  li  diedono  la  notte  n»»  *^' 
porti.  £10.  99.  1.  Andando  ieilUdini  a'"»- 
sla  olia  offerta,  i  traditori  dentro  doveano  <lar 
la  porla,  che  vae  verso  Bagnorea. 

DARE  LA  POSTA.   Termine  espriPie"'* 
il  Fermar  luogo,  »  lamp»  per  ducch»  ti'- 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


35 


\é~  hatm,  i*m/mg^e  rwidifere.  gr.  xvtpòv 
ouyti3éva.  Bore.  ««*>,  85.  47.  Poco  fli  sì  die- 
icr  li  paaU  4*  cu«r  innfline  vìa  via.  ^or. 
ib*(^  IfcMiwì  tocctt  all'abate  a  dir  la  mossa 
■Hlj,»»,  •  flPÙ  4li«  U  posta  ali*  noo,  «  all'  al- 
ba. <^  ^'.  IO.  106.  3.  A  ciascnn  «oncslabo- 
h  a^mmm  pedom  eoo  pavesi,  e  balestra,  e 
dA,  e  alipa,  e  fuoco,  e  a  ciascuno  diede  la 
■u  pcMLa  asUmao  al  castello.  Sen.  ù*n,  l^'arch. 
X.  \%.  Chi  e  pudica,  è  segno  cbe  è  brutta 
•e:  i*  cUa  t»oa  dj  la  jtotfa  a  ciascuuo  ora  per 
an  ce-  ,  sì  tieoe  da  uumle,  2*«tc.  Dav,  ami. 
12.  IT7.  IMd  la  poftts,  ella  iiupooe  a  uua  sua 
Uilji  «ervetftr,  cbe  suardi  la  camera. 

«OAa£  LA  lOTESTÀ.t'.DARE  POT£. 
STL 

0ARE  LA  PRECEDENZA.  C^ncedvre  al- 
ine tm  prieecéteMt».  Ut.  primtts  de/erre , 
^rvepoMenr,  Aomorit  praerogatiifain  concé- 

.  DARK  LA  PRIMA,  e  LA  SECONDA 
PELLE.  É  Jmr*  il  primo^  o  7  secondo  in- 
tmmcm  «  fne/rA*  ceja.  ^«'nf.  CelL  Ot'ef,  36. 
|jf>mi  volU  che  s'im|H>iie  lo  smallo,  iiòo' 
■■ad»  dar  la  prima  pelle,  /i*/.  Come  poi  sìa 
hai  fredda  Io  souUo,  diasi  la  seconda  (Hille  al 
ii«ar»«a  oodla  koJm  che  si  fare  In  prima. 

DARE  LA  QUADRA.  Farch.  Ercoì.  56. 
Caauì  ancora  iu  vece  dì  mdutnre,  toiare,  o 
éérim  t*Ì4ii  e  così  </ar  tniiodola,  dar  eac" 
nkatdoi*,  -WM «e,  ropelliue,  la  quadra j  e  /a 
trave, 

5  Aesr  Vceetfare,  MoNafigiare.  lat.  /rr/- 
d^,  iUmJmr*.  [gr.  vxAdTCTStv.]  Àllagr,  3.  E 
SM  per  i|Mcli'»iiir  di  iaulaiia  ec.,  Che  più 
Alaùa  ù  Nello  star  colle  mollo  iu  mano  al 
C— co.  Che  *a  paUana,  che  'n  giuoco  ec.,  Ch'al- 
It  y— caccia  ,  o  al  cauto  Dar  la  quadra  a'cht 
pMaa ,  O  ia  altra  cosa,  in  che  più  l'uom  si 
«pai»,  r.  QUADRA. 

:  DARE  LARGHEZZA.  Omcadar  fa^ 
emltà.  Fan  a&ilHà.  lai.  dare  coptaw.  Car, 
iHt.  imad-  i.  30.  Ieri  cbi»mù  il  Kevereiidiui* 
w»  MalioD,  al  quale  Giceudule  leggere  (ìa'ici' 
ftra},  dteda  di  poi  assai  Urgbcasa  di  jioter  par- 
lare. 

:  DARE  L'ARTICOLO.  T.  Grammatica- 
ir.  Pramufterfo,  jippcrle  a'  fiomi,  e  sintiti. 
Salv.  Javarf.  S.  1.  ti.  Nou  si  potrebbe,  dico, 
éaa  t'Hticolo  ai  cosi  (atti  (HOmi),  se  uoa  quau- 
do  ce 

•  DARE  LA  SCALATA.  «*.  SCAT^TA. 

•  DARE  LA  SENT£^ZA.  a,  DARESEN- 
TENZA. 

•  DARE  LA  SICURTÀ.!».  DARE  SICU- 
&E3ZA. 

•  D.\RE  LA  SIGNORIA,  p.  DARE  SI* 
CKORIA. 

DARE  LA  SOIA.  £o  tutto  cha  Dar  U 
haém.  la.  illndara.  gr.  i/ciroU^cv. 

S  P«r  PimggiarajMi.  blandiri^  palpare,  gr. 
TUtpaciàtvdtu.  -  Karch.  Ercol.  56.  Usaosi  au- 
«ara  i«  fece  da  adtilara,  toiara,  o  dar  la  «o- 
lai  e  cari  dar  l'allodola,  dar  caccabaldole, 
moima,  rosali  ime ,  la  quadra,  e  la  tra  fé. 
Marg,  2i.  SOO.  Se  dice  il  ver,  tu  di',  c^he  dà 
la  sou.  Sa  ti  lusinga,  e  tu  di',  che  minaccia, 

:  DARE  LA  SPINTA,  p.  SPINTA. 

•  DARE  LA  SPOGLIAZZA  À  UNA  CASA, 
e  temila,  f.  SPOGLIAZZA. 

•  DAREL'ASSALTO.  t^.  DARE  ASSALTO. 
I^ARE  L'ASSENSO.  Cotiseittira.  lat.  at- 

aamtiri,  assanium  dare.  gr.  vufifWJth.  Dant. 
Par.  1S.  La  donna,  cbe  per  lui  l'assenso  die- 
de, f  Vide]  Btfl  sonno  U  mirabile  frutto.  ;  Pal- 
Ima.  Aar.  Cote.  454.  A  lutto  ciò  diero  uua- 
mmiammaia  V  assenso. 

•  DARE  L'ASSOLUZIONE,  v,  DARE  AS- 
aOLUZIONE. 

04RE  L'ASSUNTO.  Commettere  la  ctt- 
am,  U  magasio.  lat.  nagoiittm  commitlera, 
fmmjaeéamdam  tradara.  Àr,  Far,  36.  8.  Era 
Marisa,  ^e  diade  l' assunto  Al  misero  Zerbìii 
drHa  ribalda  Vaccbia  Cabrina,  ad  ogni  mal  si 
fida  K  39.  61.  Studia  almen  di  rustariie  viii- 
cilara;  Il  Aalbraa  avverrà,  se  tu  mi  credi.  Se 
d'alai  taa  qaerela  a  un  eavaliero  Darai  Tas- 
MittS  t  ae  «piel  fia  Ruggero. 

DARE  LA  STRETTA.  Sirignare.  lat. 
tfrtegerv.  *gr.  9fkf/4tv, 

S  I.  Par  ittriHgara  prapriamettte  cai 
dm»,  ingoiare.  Àialm,  9.  63.  Come  la  gat- 


ta «uando  ha  preso  il  topo,  Cbe  sebbene  e 
tralur  quell'odio  antico,  Scherza  con  esso  al- 
quanto, e  poco  dopo  Te  I9  sgranocchia  .come 
un  becra6co  ;  Coli,  perchè  più  a  filo  Iu  mi 
metta.  Voglio  Ut  io,  e  darti  poi  la  strotta. 

$  3.  Per  fare  altrui^  o  inganHO^  o  male. 
lat.  opprimere.  Barn.  Ori,  I.  7.  43.  Uggicr, 
cbe  gli  conosce,  coli*  accetta,  Strìgnendo  ì  den- 
ti, a  tutti  dà  la  stretta,  jilleg.  399.  Li  quali 
(mal  umori)  putrcbbono,  assalendoci  a  lor 
posta,  darci  la  lenaiia,  la  quartana,  o  la  con* 
tinova,  la  quale  dì  gala,  dandoci  la  stretta,  sca- 
sa lieeiiBa  ci  manderebbe  tra' più  sonaa  proccs* 
so.  Cant,  Cam.  154.  Che  ci  hanno  dato  già 
cattivo  strette.  M  185.  Che  chi  con  furia  motte. 
Dà  di  cattive  strette. 

DARE  LA  SUZZACCHERA.  Figurat: ti 
dica  dal  Fare,  0  Dare  alcim  dispiacere. 
Late,  Pìhs.  5.  I,  Però  conviene  operar  tosto, 
ch'elle  sbuchino,  e  dar  loro  la  siiuacchcra. 

DARE  LATO.  Far  luogo,  {Dare  il  pnsso,\ 
lat.  praebere  toeum.  gr.  iy;if«^«Iv.  Frauc. 
Barb.  307.  I.  E  viou  perseguitando  Te  molta 
gente  Ria,  e  nocente:  A  tutti  durai  lato.  X  But. 
341.  Si  parti  da  lei,  o  die  lato  ai  suoi  proverbii, 
e  opere  (qui  Jiguratameuta.) 

*  $  Darà  il  miglior  lato,  vale  Concedere 
il  miglior  luogo,  o  petto.  Pallav.  Stor.  Cane, 
413.  Il  marehese  volle  rìteuerlu  a  deùnar  seco, 
e  non  solo  avanti  nel  riceverlo,  opoi  nell' ac- 
compagnarlo gli  die  il  miglior  lato,  ma  nella- 
mensa  per  onorarlo  tenue  sempre  il  capo  sco- 
perto. 

DARE  LA  TRAVE,  a.  TRAVE. 

:  DARE  LA  VIA.  Concedere  il  pasto. 
Far  piatta.  Baie,  Fit.  Colomb,  C.  345. 
Tutti  ù  ridussero  da  una  parte,  e  dierongU  la 
via#  Late.  Con.  \.  nov.  5.  Non  sapendo  quello 
cbe  far  si  voleva,  le  davano  la  via. 

.  DARE  LA  VITA.  *■.  DARE  VITA. 

:  S  Dare  la  aita  in  feda  ai  vanti,  vale 
J^dargliela.  Bp.  0«.  Hem.  Fior.  15.  183. 
Per  te  sol  vegno,  e  per  te  sola  bo  dito  La 
vita  in  preda  all'onde,  iu  fede  ai  venti. 

*  DARE  LA  VOCE.  v.  DARE  VOCE. 

*  DARE  LA  VOLTA,  v.   DARE  VOLTA. 

*  DARE  LA  ZAMPA  DELLA  BOTTA. 
Sembra  cha  vaglia  Gabbare,  Inzampognare. 
Cacch.  Servig.  1.  6.  Ma  io  ti  su  dir,  Geppo, 
che  tu  gli  hai  Data  la  sampa  della  botta,  e 
cavine  La  macchia. 

DAR^  LE  CARTE.  Termine  de'gluoclti  di 
carte,  a  vaia  Dispensare  le  carta  a'gittca- 
tori.  lat.  luéoriat  pagellut  attignare,  prae-' 
bare.  Malm*  8.  61.  Le  carte  ha  diffo  mal,  non 
ha  risposto. 

S  I.  Dar  la  carte  baste,  figurat am,  vale 
Discorrere,  o  Trattar  di  checché  sia  cau- 
tamente, a  tenza  scoprirà  tutto  V  affare. 
laL  canta,  tecte  agere. 

%  3.  Dar  la  carte  scoperte,  o  alla  scoper- 
ta, J!guraiam.  laL  aperte,  ae  lUtere  agere, 
loqui.  gr.  irfl9Jpj««5*7^5et,  ii«u&fri«^itv. 
Farch.  Kreol.  87.  Dar  le  carte  alla  scoperta, 
significa  dire  il  suo  parwe,  e  quanto  gli  occor- 
re Uheraraente,  senta,  aver  rispetto,  o  riguardo 
ad  alcuno,  anoarcbè  fosse  alla  prescosa. 

4  DARE  LE  DIFESE,  v.  DARE  DIFESA. 

DARELEGGE.  Jmporlegge.Ui.  leficm  di- 
cere, pra  esc  ri  bf  re.  [f-r.vòfiov  Tt&ivflb.]  Bocc. 
pr.  3.  Diede  per  Xop^e  incommutabile  a  tutte 
le  cose  aver  fine,  jimet.  3.  Se  nou  che  t  suoi 
eflclti  tengono  in  moto  continuo  li  piacevoli 
cieli,  dando  eterna  Icf^ge  allo  stelle,  e  ne' vi- 
venti polensìata  fona  di  bene  operare.  E  08. 
Con  gipsto  amore,  ed  eterna  ragione  Dando 
legge  alle  stelle,  ed  al  rilondo  Moto  del  So- 
lo, princi|HJ  di  quelle.  Boez.  Farch.  3.  I.  Ora 
se  tu  volosii  dar  le^ge  quando  debba,  o  stare, 
o  partire  colei,  [la  quale  tu  stesso  t'  hai 
S|H)ntanea Diente  della  a  padrona,]  non  ti  par- 
rebbe far  vilUuia?  Cant.  Cam.  120.  Colui, 
cbe  dà  le  leggi  alla  natura,  In  varit  stati,  e 
seculi  dispone. 

5  Dar  delle  leggi,  o  delle  leggiacee,  vale 
Rispondere  a  traverso,  0  bissarramcnta.  lut. 
iutolenter  cum  aliquo  agare.%r,  ivrpi/pfv  tcvi. 

*  DARE  L'ELETTA.  Conceder  l'arbitrio 
della  scelta,  che  dicasi  anche  Dar  te  prete. 
Ar.  Fnr.  19.33.  Fc' portare  tu  fretta  Duo 
grosse  lance,  ansi  due  gravi  antenne;  Ed  a 
Marflsa  dar  ne  fé  l'eletta. 


DARE  LE  MOSSE.  Dare  il  tegnp  a' ca- 
valli, che  corrono  il  patio,  lat.  curttit  sf" 
gttum  dare,  mappam  niiltere.  Frane.  Sacch* 
nov.  306.  Quando  Farinello,  avendo  la  ventura 
ritta,  gli  parve  tempo  di  <lar  le  mosse  alla 
giumenta.  Buon*  Fier.  \.  3.  3.  Cbe  dato  al- 
l'ìraposiibile  le  mosse,  Per  quel  ch'egli  hau 
desio,  Lo  vogliou  giunto  al  palio  tu  vu  mo* 
mento. 

^  I.  Figitratam.  vale  Cominciare,  0  Darà 
ordina  a  chicchessìa  di  cominciare. 

S  3.  Dar  le  mosse  a  tremoti.  \a\,  stimmuìn 
iut  in  rebus  exercere.  Farch.  Ercol,.  88, 
Dar  le  mosse  a*  tremoti,  si  dite  di  coloro,  scu- 
sa la  parola,  e  ordine  de'  quali  non  si  comincia 
a  metter  mano,  nou  che  spedire  cosa  alcuna. 

^  DARE  LENA.  Allena»  a.  Ul.  respirandi 
sp^tium  praebere,  reficere,  robur  atldara* 
gr.  iv^u^t'^scv.  Ori.  3.*5.  f  6.  Ne  diede  al  suo 
cavai  mai  leua,  o  fiato. 

•  S  Dar  lena  e  polso,  parlando  di  eosn 
inanimata ,  vale  Darle  anima,  vita.  «  Petr, 
ton,  184.  E'n  quali  spine  Colse  lo  rose,  e'n 
qual  pia^a  le  brine  Tenere,  e  fresche,  e  die 
lor  palso  e  lena  ?  »  {Parla  dell' incarnato 
del  volto  di  Inaura.} 

DARE  L'  ENTRATA.  Conceder  Vlngret- 
so.  lat.  ingressum,  adituut,  accessum  prae- 
bora.  gr.  iaoSev  Ktt^ixtv»,  G.  F.  9.  335.  I. 
Stando  a  sicurtà  con  mala  guardia  qne*  cbe 
v'era»  entro  ricolti,  diedero  l'entrata  a* Pasti, 
ec.,  i  quali  quanti  Guelfi  vi  trovarono  in  sa 
le  letta,  uccisouo.  B  IO.  139. 1.  E  por  genti 
della  terra,  ch'erano  al  tradimento,  fu  data  loro 
r  entrala,  e  corsono,  e  rubarono  la  terra,  hi, 
^.  9. 64. Tenendo  quello  di  Bologna  il  castel- 
lo della  Sambuca,  eh'  era  del  contado  di  Pi- 
sleiat,  ed  ora  la  chiave  di  dar  l'culrata,  e  l'uMÌ* 
ta  per  li  pae<Ì. 

:  DARE  LE  PENE.  Pagare  il/to,  o  In 
pana,  lat.  dare  poenat.  Farch,  Lez.  Daut, 
3.  36.  Essi  stessi  (gli  atsalifi  dagli  stimoli 
della  carne)  tormentano  ad  ogn'  ora  se  me- 
desimi, e  dsuno  le  pene  della  interoperanaa  a 
incoiitinensa  loro. 

DARE  LE  PF^CUE.  a  DAR  PESCHE. 
Percttotere ,  a  più  propriamente  con  pn* 
gna.  lat.  pttgnis  caadera,  pttgnis  faedara, 
pugnis  saturare.  %v.  ìt9xQat9^v\Ì%u*.  Ciriffl 
Calv.  3.  104.  Ma  dava  col  bastou  poscbe  du- 
racine, Che  nou  che  gli  elmi,  ara*  rotte  le  ma- 
cine. 

DARE  LE  PRESE.  Conceder  i'  arbitrio 
detto  tcegliere.  lat.  optioueat  dare.  gr.  ixJlo- 
YÒv  Màym.  Peeor.  g.  5.  n,  3.  Giunti  i  Pi* 
sani  a  Pisa,  diedero  le  prese  a*  Fiorculini,  cbe 
pigliassero  una  di  queste  due  cose.  Ciriff, 
Calv,  3.  43.  Di',  ch'io  gli  do  del  combatter 
le  prese,  O  vuole  a  corpo,  o  battaglia  campale. 
F  3.  43.  Dandomi  tu  del  combatta  le  prese. 

DARE  LE  QUELLE.  Burlare  altrui,  lai. 
facete  irridere,  gr.  yiruà^ctv. 

DARE  L'  ERBA  CASSIA.  Cattare,  Pri- 
var  di  carica.  Mandar  via.  Modo  batto, 
lat  mittera,  dimittere,  gr.  (  'v.ttoitip.'ttti».  ] 
Cecch, Esali,  er,  4.  I.  Il  capitan  ci  darà  l'eri» 
cassia. 

DARE  LE  RENL  Lo  ttesso  che  Dare  la 
spalle.  laU  terga  dare.  gr.  rà  v&t«  intrepi  • 
pciv.  iSVor.  PiV.  3 1 .  Al  fine,  quelli  dentro  non 
poterono  resistere  alla  forsa  de  ca  valicri,e  dicdo- 
no  loro  le  reni.  31,  F.  7. 13.  Ansi  possiamo  es- 
sere molto  certi ,  cbe  dando  loro  le  reni,  ci 
faranno  morire  a  gran  tormento,  F.  F.  ìì, 
85.  Per  lo  detto  atto  ec.  gli  Inglesi  inviliti, 
dicrono  le  reni. 

DARE  h'ESCA.Prop$'iamente  con  materia 
avvelenata  uccidere  i  pesci  ;  e  anche  si  di- 
ce per  lo  stesso,  che  Aetcare.  laU  hamis 
eteam  imponere. 

DARE  L'ESILIO.  Esiliare,  lat  in  ejci- 
lium  mittere.  gr.  i^opi^uv.  Bocc.  Fit.  Dani. 
339.  Morto  è  il  tuo  Dante  Alighieri  in  quello 
esìlio,  cbe  tu  ingiustamente,  del  suo  valore 
invidiosa,  gli  desti. 

DARE  LE  SPALLE.  Fpltar  le  spalle. 
Fuggire,  lat  tergadara.  gr.rà  i»fiT«  iTttvtpi- 
fUv.  Fr.  Giord.  Pred.  n.  Questo  e  un  oi- 
itiico,  cbe  non  si  vince,  se  nou  con  dargli  lo 
spalle.  Bocc.  g.  4.  p.  19.  Armalo,  e  di  buona 
pasiensa,  con  esso  procederò  avanti,  dando  le 
spallo  a  qucs(o%'eitlu,c  lasciaodol  soflKart:./>in/. 


Digitized  by 


Google 


3» 


DAR 


tnf.  31.  Quando  AunibaI  co'taoi  diede  le 
ipalle.  Ar.  Fiu:  S3.  3*.  Dato  avea  ap|iena  a 
quel  loco  le  spalle  La  figliuola  d'Amon  che 
in  TrelCa  già,  Che  v'armò  Zerbin  per  allro 
calle  Con  la  fallace  vecchia  in  compagnia.  B 
tt.  43.  E  per  trovar  albergo  die  le  spalle  Con 
l'empia  vecchia  alla  fuueiU  valle.  2\tss.  Oer. 
1S,  8.  £<con  della  cinade,  e  dau  le  spalle  Ai 
indiclion  dell'accampate  centi. 

•  DARE  LE  SPESE.  MaMeHtra  di  villo  a 
propri»  ip«M.  fu.  SS.  Pad.  i.  86«.  La  vo- 
leva tenere  con  seco ,  e  darle  le  nieui  per 
1*  amore  di  Dio.  ■>.  exrAe  DARE  SPESA. 

.  DARE  LE  SPEZIE.  Lo  situa  eh»  DA- 
RE IL  PEPE.  V. 

DARE  L'ESSERE.  Creare.  \A.9Uam  prua. 
t»r».  %t.  ni*  »iolia  itiivm.  Boti,  farch.  k. 
6.  Perche  non  può  niente  Esser  giijmmai,Aiè 
dorare  altramente.  Se  non  li  volge  con  amore 
a  Dio,  E  con  quella  cagion,  sua  gran  mercede, 
Kon  si  raffronta,  che  l' esser  gli  diede. 

.  DARE  LETIZIA.  Rallegrar».  Omtl. 
Orig.  t90.  O  amor  mio  desiderabile,  ritorna 
a  me:  non  mi  ti  fare  più  aspettare;  e  dammi 
leliaia  della  tua  preseiisa. 

DARE  LE  TROMBE.  Melaf.  presa  dal 
giuoco  thtila  minehiale;  »  dicasi  jSgnralan$, 
dal  Far  ehtcehissttt  con  ogni  maggior»  sfor- 
co, »  apparenta,  lat.  snmmapere  eouarl. 
gr.  Sfiiim  mtpi'àn.  •  yarch.  Brcol.  ('•*.] 
E  perche  le  trombe  sono  le  maggiori  del  Irion- 
fo  del  passo  (nel  gioco  doli»  minehiale), Dar 
t»  trombe,  vnolidìre  far  Tnltimo  sforzo. 

DARE  IATTURA,  o  UNA  LETTURA. 
L»gg»r».  lat.  teelllar».  gr.  iitatxyni!mtn. 

$  Bar»  >«■<■  latlurlHa,  l'ai»  Leggera  In 
frolla,  htt.praaproper»  leclllar».  Alleg.  SU. 
Il  perche  datogli  una  letturina  a  corpo  voto, 
od  animo  scarico,  vi  raccapezasi  dentro,  ec. 

DARE  LE  VELE  A'VENTL  Cominciare 
a  navigar»,  lat.  v»ta  dare,  solvere,  gr.  ilSKl- 
pec*.  Boce,  nov.  17.  A.  .1  marinari ,  come 
videro  il  tempo  ben  disposto,  diedero  le  vele 
■  'venti.  E  Filoc.  4.  ^ì.  A  voi  conviene,  poi- 
ché comprata  avete  costei,  senaa  alcuno  indu- 
gio dare  le  vele  a*  venti,  ne  più  in  questi  pae- 
si dimorare.  B  5.  387.  Sentendo  il  vento  rin- 
frescare, parve  loro  di  dar  lor  le  vele;  le  quali 
date,  abbandonarono  gli  aolichi  (Mirti  dt  Par- 
teiiope.  Ciriff.  Calv.  I.  15.  Dopo  alcnu  di  si 
partì  coirumata,  Come  promise,  e  die  le  vele 
ai  venti. 

S  Flgttralam,  vale  Dar  principio,  lat. 
txordlrt.  gr.  Ap^ta^tu.  Alam.  Coli.  3.  SS.  E 
|-rimo  ardisco  Pur  col  vostro  favor  dar  vele  ai 
venti.  •  Bemb.  Asol.  3.  194.  E  quautonqae 
ec.  tra  sé  si  discordano,  non  per  tanto  eglino 
sopra  ciò  in  cotal  guisa  le  vele  diedero  dei  loro 
ragionemeutL 

DARE  LEZIONE.  Insegnar»  ad  alimi. 
Far  senofa,  tat.  schoiam  habar»,  docor».  gc. 

DARE  UBELLO,  «  UN  UBBLLO.  Por- 
g»r  al  giudica  in  domanda,  lat.  liballiim 
edare,  Éocc.  Mot*.  7S.  7.  Di  cosi  picciola  cosa, 
come  questa  e,  non  si  dà  libello  in  questa  ter- 
ra, yov.  ani.  33.  3.  Richìamossi  di.iui,  e  die- 
gli  un  libello  di  duemila  lire. 

•  DARE  LIBERAZIONE.  Apporlare  li- 
bera si  ano ,  Liberare,  Pass.  379.  Volle  di- 
scendere nello  'ufemo  a  dare  a  quegli,  eh*  era- 
no imprigionati,  salute  e  liberasìone. 

DARE  LIBERTÀ.  Conceder  liberli.  Far 
Ubero,  lai.  libertini  facere,  manitmittere,  gr. 
intXtudtpev*.  Bocc.  nov,  41.  SS.  A  Cimone, 
e  a' suoi  compagni,  per  la  liberti  il  di  davanti 
data  a'giovani  Rodiaui,  fu  donala  1*  vita.  Ar. 
FUr,  45.  99.  Ma  Frootin  prima  al  tallo  kìoI. 
to  messe  Da  sé  lontano,  e  liberti  gli  diede. 
Tac.  Dav.  ami.  13.  170.  Non  a  caso  i  nastri 
antichi  aver  onorato  ciascun  grado  di  suo  pro- 
prie podestà  ;  la  libertà  aver  fama  comune  ad 
ognuno,  la  quale  inoltre  ordinarono,  che  si 
desse  in  due  modi  ec.,  e  Aon  si  corresse  a  dar- 
la, quando  non  si  poteva  rilorre. 

;  J  E  per  Dare  libera  facoltà.  Iti.  potè- 
stalam  facere.  Pallav.  Slor.  Cene.  395. 
Dando  al  Concilio  pienissima  libertà  di  trattare 
sopra  ogni  lor  domanda. 

DARE  LIBRO  E  CARTE.  Citar  f  auto- 
rità, lai.  Ilbmm  et  pngìnnm  indicare, 

%  E  figiiralam.   Moitrar  tulle  le  clrco- 


DAR 

alante.  Addurre  luti»  le  parlicolarilà.  lai. 
suo  ipittOipi»  testimonio  conjirmare,  Uàlm, 
5.  S9.  Cosi,  poi  cIV  ebbe  dato  libro  e  carte, 
Entra  nell'  uu  vie  un,  clietiou  ha  fine. 

DARE  UCENZIA,  e  UCENZA.  Permet- 
tere, che  altri  faccia,  lat.  sincro,  veninm 
dare,  permitlere,  gr.  ifliv,  evy;^^f(y.  Bocc. 
nov,  4.  7.  Volentieri  prese  la  chiave,  e  simil- 
mente gli  die  liceniia.  E  nov.  40.  34.  Vi  pre- 
go, che  voi  mi  perdoniate,  e  mi  diate  lìceiisia, 
ch'io  vada  ad  aiutare  in  quello,  che  per  me  si 
(lotrà,  Ruggieri.  Amel.  18.  Avvisa  dove  perver- 
rebbe I9  pronta  mano,  se  data  le  fosse  liceuaia. 
Biirch!  i.  97.  Che  non  si  pon  far  palle  fio- 
routine.  Se  non  ci  dà  licenza  Scalabroue. 

^  S  4.  Dar  llcentla,  vale  anche  Dar  com- 
miato, Llceutlare,  Accommiatare,  lat.  ali* 
i/iiem  dlmllter».  gr.  inoTtifiTtut,  Boce.  In- 
tra^, SS.  Data  a  tutti  liceuaa,  li  Ire  giovani 
■Ile  lor  camere,  da  quelle  dell*  donne  separa- 
le, se  n'  andarono. 

;  $  3.  Dar  liceuaa,  dicasi  anche  del  Con- 
gedare le  soldaloscha  ,  rimandandola  ,  » 
pei'mettendo  loro  d'andare  alle  proprie  ca- 
se. mTac.  Dav.  aun.  1S.  306.  Peto,  i  sopra- 
stanti mali  ignorando,  aveva  la  legion  quinta 
lontana  in  Ponto,  e  I*  altre  svernale  di  soldati, 
dando  licenza  a  chi  voleva  ». 

.  DARE  LIETA  FACCIA.  Accorre  con 
lieta  faccia,  lat.  blandirl,  gr.  atxóJUuv. 
Cavale.  Pungil,  138.  Raccellano  i  dctraUori 
ec.,  alai  danno  loro  lieta  faccia,  e  pronta  n- 
diensa. 

:  DARE  LIMOSINA.  Lo  slesso  che  Fare 
limosina,  Donare  per' carità,  Bele,  yu,Co- 
lomb.  C,  884.  Non  si  spogliava  in  letto,  e  di- 
giunava i  di  comandati,  e  dava  molle  limo- 
sine. 

.  DAREL'INCENSO.  v,  DARE  INCENSO. 

DARE  LINGUA.  Avvisare,  Significare, 
Accennar»,  lat.  Indicare,  cerilorrm  facere. 
gn  itoeJo'MVs.  ;  Car.lett.  I.  8.  Maravigliosa- 
mente ci  si  presentarono  avanti  alcuni  Mor^ 
bisòatti,  cbe  ne  diedero  lingua  ed  indiriaao 
per  venir  dove  siamo. 

:  DARE  L'INTENTO.  fo/ger/'<ii(««./i»«ii. 
lo,  il  desiderio.  lai  animum  appellcre.  Oli. 
Com.  Pnrg.  SO.  535.  Tn  abbandonasti  il  per- 
fetto amore  per  lo  vano,  là  dove  lo  intento 
desti  in  cosa  mortale,  ed  iu  corruttibile,  tosto 
transitoria. 

DARE  L'INVESTITURA.  Investire  chic- 
chessia di  siati,  benejtcil,  o  simili  i  Dame 
Il  possessoAsX.  ^investire,  beHcfieiuni  confer- 
re,  ài.  A^  7.  33.  Il  quale  in  eoètto  eonleuea, 
come  in  derisione,,  e  in  conlento  della  santa 
Chiesa  e'  davano  le  'nveatitore  de'  beoe&rii 
ecclesiastici  a  cui  voleano. 

;  DARE  L'OCCHIO.  Far  d'occhio.  Am- 
miccare, lai.  uiclare.  Lese.  Cen.  I.  Mix-.  4. 
E  s'era  appunto  dirizaalo  in  su  la  pesta,  quan- 
do Giannotto,  dato  l' occhio  al  compagno,  co- 
minciò a  turarsi  il  naso. 

•  S  Dar  I'  occhio,  vaia  anche  f'olger  lo 
sguardo.  V.  DARE  OCCHIO,  S  3. 

DARE  LODE,  a  LAUDE,  e  LODA .  Lodare. 
lat.  celebrare,  laudlbus  effìu^e,  ornare.  In 
eoelitm  vahere.  gr.  ixifJi/U^tiy.  Dani.  Inf. 
7.  Qnest'  é  colei,  eh'  e  Unta  peata  in  croce 
Pur  da  color,  che  le  dovrian  dar  lode.  Dandole 
biasmo  a  torto,  e  mala  voce.  Bocc.  nov.  44. 
1.  Tacendo  Elisa,  le  lode  ascoltando  delle  sue 
compagne  date  alla  sua  novella,  impose  la  rei- 
na  a  Filostrato  che  alcuna  ne  dicesse  eglL  E 
yit.  Dani,  347,  Ad  auendne  si  potrebbe  da- 
re una  medesima  laude.  i>ejs.  389.  Perché  si 
manifesti  alcuna  sua  eccellenzia,  e  boutade, 
|ier  l'onore,  e  per  la  reverenaia,  cbe  gli  è  lèt- 
ta, e  per  la  loda,  e  per  la  fama,  che  gli  é  da- 
U.  l'as»,  Ger.  30. 33.  Caduil  trafitto,  e  nel  cadere 
egli  ode  Dar,  gridando,  i  nemici  al  colpo  lode. 
Sader.  Colt.  3.  Altri  agli  Amenei,  a'Nomen- 
tani,  a'Candiolti,  e  a' Corsi  (vini)  han  data 
lode.  Ar,  Fiir.  38.  5.  Avea  per  tutto  'I  mondo 
il  primo  onore:  Godea  di  questo,  udendosi 
dar  loda.  Quanto  di  cou  volentier  |hù  s'oda. 

DARE  L'OLIO  SANTO.  Amministrar» Il 
sagrnmento  dell'Estrema  timiona.  lat.  'ex- 
tivma  nnctlone  conferre,  eleo  saneto  imin- 
gera.  gr.  (u^tAu'»  xpli'"-  Fr.  Giord.  Pred. 
R.  Venne  il  (larnica  a  dargli  l'olio  santo  par- 
rocchialmente. 


DAR 

•  DARE  L'ONORE  DI  CHECCHESSÌA». 
DARE  ONORE. 

:  DARE  L' ORDINE.  Lo  slesso  che  Dare 
ordine.  Crontehell.  333.  Senaa  msnee  alraua 
la  mattina  vegnente,  a  terza  il  romore  si  lete. 
rebbe,  che-coii  é  dato  1  '  ordine.  E  appretto  : 
Armaronsi,  e  trovaronsi  dove  era  djto  l'onlìns. 

DARE  L'ORMA  A' TOPI.  (iVewriie, 
che  si  dite  per  ischerto  ,  d'  Uno,  santa  il 
ifltaie  non  par  che  si  abbia  a  poter  fare  at- 
etina  cosa.]    v.  ORMA. 

♦;  $  Dare  l'  orma,  o  V  orme  ad  alcms, 
vale  Fargli  II  maestro  addossa,  v.  ORMA. 

DARE  L'ORO.  Indorare,  [lai.  inaurare. 
gr.  iltfKpftiv».]  Borgh.  Hip.  333.  E  perciù 
alcuna  volta  arcade,  che  dopo  cbe  si  é  data 
1*0x0,  l'uomo  s'impiega  in  altie  bisogne  ec, 
sebben  Ibsse  stato  dato  l'oro  di  sei  mesi,  ec 

•  DARE  LO  SCOLO.  ».  DARE  SCO- 
LO. 

•  DARE  LO  SFRATTO,  v.  DARE  SFRAT- 
TO. 

.  DARE  LO  SPACCIO,  v,  DARE  SPAC- 
CIO. 

DARE  LO  STATO.  Far  alimi  partecipe 
da'  magistrati  d'alcuna  città.  Ammetterlo 
alle  prerogative  più  nobili  della  cittadiaam- 
sa.  lat.  civem  pieno  Iure  e/fìcere.  gr.  Ifsli- 
Tffyoayit».  Seu.  ben.  yarch.  8.  9.  To  diis- 
mi  benifizio  aver  fjito  cittadino  di  qtulcàa 
possente  cittì,  e  dato  lo  state  ad  alcuno. 

:  DARE  L'UBBIDIENZA.  J>er/eW» d'a- 
lia Città,  d'un  Popolo,  vai»  Atseggetterii 
alla  signoria  d'atesino,  qnand' anche  egli 
non  n»  divenga  il  padrwie  diretto  ,  0  sito- 
luto.  Croniehell.  aut.  353.  Giunto  Ciao  ia 
Genova  ee.,  voleva  che  noi  desaiiwi  l'ubbidica- 
la  a  Papa  Benedetto.  E  354.  Che  noi  tasàm 
tenuti  a  soccorrere  il  Signore  di  Padevs  ia 
certa  forma,  e  in  certa  inteniione  di  dare  la 
ubbidieuM  a  Papa  Benedetto.  (Era  già  delle 
prima  che  il  Papa  desiderava  d'  acquiltsra 
r  ubbidienza  della  Comunità  di  Firease.) 

0ARE  LUCE.  Dar»  lam».  Illuminare. 
lat.  Illuminar»  ,  lucer»,  gr.  iiatxrm.  fSItc. 

5.  160.  Poi,  Uceodo  le  stelle,  non  diedera  le- 
ce invano. 

•  SI.  E  in  senso  figurai. ['Bambeg.  TreU. 
Sent.  14.]  A  morto  ìume,  cb«  per  sé  no*  spke- 
de  Altro  non  se  ne  accende  :  Cosi  é  1'  »«■ 
cbe  spento  da  vittute,  Altrui  non  può  ctittf 
ger  né  dar  luce. 

J  %%.  Dare  Ilice,  vale  anche  Dar  nolitie, 

indltio.  Cor.  leu.  Tornii.  135.  R  VesM»» 
di  Lucca  ec  ba  ordine  da  me  d'aspettar  VS. 
per  darle  tutu  quella  luce,  e  quelli  awirti- 
menli,  che  potrìu 

$  3.  Dare  In  luce,  a  luce,  o  alla  tucs,et- 
le  Pubblicare,  lat.  <m  liieam  edere,  pnbliti 
iuris  facere.  [gr.  ixWxmv.]  Bemb.  Idi.  •• 
[6. 88.]  Lodato  sis  Dio,  ch'i'ho  veduto  l'open 
del  nostro  messer  Iacopo  ec., 'e  le  sue  peua- 
gioni  pubblicate,  e  date  a  Inee. 

•  :  S  4;  Dare  in  luca  e  alla  Ince ,  t'i<^ 
ra  vale  Partorire.  Cor.  En,  10.  H"- 
D'Amico  nacque,  e  ne  la  slessa  notte  Tessa 
la  sua  madre  in  lece  il  diede. 

DARE  LUME.  Illuminar».  lif.illami*ere. 
Incero,  facam  praebere.  gr.  Xknltscl.  Fi'OC. 
1.  86.  Era  manifesU  la  ferità  del  crudel  por- 
no, al  quale  egli  s'  apparecchiava  di  dsr  In"'' 
Peli:  son.  358.  Ov*  è  1  bel  ciglio,  e  I  «»•  • 
1*  altra  stella  Ch'ai  cono  del  mio  viver  Ina» 
denno  ?  [Qui  metaforic.] 

S  1.  Dar  lume,  vale  Dar  notitla,lin^'"> 
sentore.]  Ut.  inslmere.  gr.  iiìkmus,  ■"'i*' 

6.  10.  Onde  a  trovarlo  andata  via  di  vela,  Do- 
manda (perché  in  Dite  andar  pre»""*)  ^.l 
luoghi  v'  è,  che  gente,  e  che  loquela;  Ed  eim 
tutto  le  dà  conto,  e  lume.  p. 

S  3.  Dar  lume,  e  Render  lume,  vaiola- 
splendere,  lai.  splendescer».  gr.  ist/»inv'»'"' 
Amel.  86.  L*  antica  queicia  si  mosse  tutta,  e 
l'accese  lampane  diedon  maggiort  lumi,  •  Boce. 
Tes.t.  40.1  fuochi  diero  lume  vie  piò  ej»"* 

.  $  3,  ['Dar  lume,  dictsl  anche  dt  Fine- 
stre, Spiragli,  e  simili,  per  II  limili  "^f*  , 
sa  la  luce.]  Boce.  ['g.T,  n.  rj  Ne»»  I"' 
groiu  dava  alquanto  lume  uno  i|iiraglje  •"'* 
per  forza  nel  monte.  GMiir.  Fast:  FId.  '•,'■ 
PiccioU  eavemetu  ee.  A  cui  dà  lume  «■  I"'* 
ciolo  pertugio,  Cbe  d*allo  s'apre. 


Digitized  by 


Google 


PAR 


DAR 


DAR 


« 


ItABE  LTOSO,  •  tjOOO.  Caueeiler  Ina- 
M,  Fmr  /««f».  lai.  tlartì  locitm,  prathere, 
fr_  ifftfOy.  Dmmt.  Pnrg.  5.  Quando  i'  ae- 
ciTMr ,  cfcT  «oa  ilaTa  toco,  Per  lo  mio  cor- 
l«^iltnfanar  <l«'ra||gi,  MiiUr  lor  canto  in 
M  0  kajs,e  tao».  T*e.  Dav.  anu.  13.  ttK 
ftahwM  nfo^grodo  all'  armala,  cheraapettaVA 
il  lha«bio  Miit«iB«  colla  sua  gente,  a  cui  fa 
éé»  m  ya»naaìa  Inogo,  e  terrciio.  Dav.  Ac~ 
lajL  141.  Alb  Sa*  mcucr  Domenico  B<ionin> 
■c^  per  Alihui  ani  (hlU  «mIuì  ieecaji^ne, 
fi  Ar  d  na  tmlfco.  *  Stgner.  Btm$tn.  Fcàòr, 
I.  4.  Che  no*  può.  >•  la  gli  dai  luogo  (gtl 
ili  ricanti,  l'aaw  di  Crido? 

•  5  I.  Dar  Inag»  tilt  natnrti,  tal»  Ces- 
ur  il  lini».  Ut.  eoHcetlere  fai»,  natura», 
p.  TtMrm.  Sa/$ut.  Glug.  eap.  IS.  II  |>a> 
èn,  it'amt  en  per  necexitk,  diede  luogo  al- 
la •■■  «alara,  e  paui. 

JS 1.  r<r  CnUrr.  Petr.  cani.  9.  9.  Come  1 
kI^  W  'aSaaaaulc  rote,  Per  dar  luogo 
alla  100»  «ade  Ascende  Dagli  altiuimi  raoo- 
b  UHI,!  I  ftiabra.  £  17.  5.  Tal  ch'io  aspet<- 
le  ime  1  di  la  aera.  Che  'I  Sol  ai  parta,  e 
&  hf  aOa  Lnae.  Boee.  yu.  Dani.  Sa7. 
Arrivae,  rbe  Daole  infra  alquanti  mesi  appa- 
iò a  rìcerdar»  arma  lacrime  Beatrice  euer 
m«u.  e  eoa  pan  diritto  giudieio  dando  al* 
^wala  il  dolore  XmifO  alla  ragioue,  ec. 

:  S  1  Parsi  dar  iMogo^  vai»  Farti  far 
UrfB.  lac  viaaa  Mibi  apfriri.  m  Ar,  Fur. 
n.  n.  Ch'  a  cielo,  e  a  terra,  e  a  mar  ■  fa 
4rhco>. 

;  S  I.  Oar»  Imago,  rata  aHthe  Ctttar», 
Amara.  ».  LOtMiO. 

J  S.  Dar  Ifog»,  »  Bar»  il  luogo,  vaglie- 
•a  farrar»  oeeasìoM».  lat.  oceationem  pra»* 
htrt.  ft.  ìefopftift  Mitaa.  Bore.  nov.  73.  8. 
Nolo  eiierli  aoo  luogo,  e  tempo  alla  tua  in- 

{  •.  (ff  M  lamlimaato  murario,]  per  Rl- 
fatvt,  a  Scélrarr  ehattl>aa$la,  e  guati  La- 
sciar/e  aadara,  rllirandatl  Ha  pari»!  [ma 
i  atamira  ila  non  Imitarsi.]  lat.  MHHtlum 
rmmitart,  vaia  di  tare.  gr.  yaUpUf  tf  v.  Boce. 
f.  7.  f.  5.  Domane  è  quel  dì,  che  alla  Pas- 
sala del  anstro  SigAore  i  consecralo,  il  quale, 
a  hiae  *s  ricorda,  noi  dÌTotameute  celebram- 
■a«  CBMada  reiaa  Neifile,  ed  a'  ragionamenti 
UcOeroli  demmo  luogo.  •  f'it.  S.  Gir,  S.  La 
fast  rsa  «edeado  Girolaaaa  (che  >  suoi  nemi- 
n  fntaaimvmoo  a'  ìalàmarlo)  diede  luogo  a 
tarta  tato  Bslima,  o«de  ai  pati  subito  di  Ro- 
sa. 

:  {  T.  S  fnajf  la  simll  sansa  fu  detto  Dar 
Imagt  alla  taltaglia ,  par  AllaataHartaH», 
Utelarta.  Cr.  «.  «01.  t.  E  i  te(d»lla  api) 
ad  m^BD  delle  loro-  acbiere  con  valoroso  ani- 
me ialrm  lor  rombettoao,  e  alla  battaglia  uoa 
Aaiaa  laaao,  infioo  cbe  la  auffa  non  costrìnga 
e  Faa*  a  l'ehra  di  dare  i  duasi  (è  il  rìrgiliauu: 
i*aiif  aaa  eedera  eie.) 

S  (.  Ar  Dar»  agio,  e  eomodlli.  lat.  rfa- 
n,  dare  coptam,  Plant.  [gr.  Tre^^tiv,] 
Pmrg,  33.  Ma  poi  rbe  l'eltre  rergiui 
oca  A  lei  di  dir,  lerata  ritta  in  piò  Ri- 
;  ec.  •  Faa.  Esop.  M.  89.  E  rifiutalo  il  cane 
il  peae  idei  ladro),  disse  tali  parole  >.  \à  tuoi 
deas  ralaorb'io  stia  cbcto,  e  dia  luogo  a' fur. 
■t  taos* 

DARE  L-  USCITA.  Caaeedar  tuseita.  lat. 
exOam  praaèare.  gr.  Hate*  Ttctplx'a.  U. 
^  #.  M.  Teaeado  quello  di  Bologna  il  ca* 
«riM  ddb  SaabMa.  cbe  er*  del  contado  di 
Kaaa,  ad  era  la  cbiaea  di  dar  l'entrata,  e 
t  «lai!  per  li  paesi.  Amai,  SI.  Dando  libera 
■aota  al  cfaata  figliuolo,  l'aaiaBa  lolle  alla  ma- 


iiKK  LUSTRO.  Appartare  antamento. 
W.  daraa  a  ferra,  amare,  gr.  xat/Ulr. 

SDere  lì  lustra  a' drappi,  alle  pietre,  a 
aatf(,  «a/a  Farla  più  huatli.  lai.  la  splea- 
daaai  radigare,  im  splemdoram  dare.  Plani. 
Halm.  t.  i.  Ma  finalmente  dopo  mille  prove 
bi  Arasi  laalro  a' marmi  cn'ginocchi,  Tenen- 
^  gfa  eerbi  ìa  molla^  e  '1  collo  a  vita,  E  le 
ama  eal  patto  aempre  la  lite  [^1  per  stmilit. 
fie  ti  parla  ad  urn  taerhatteH».] 

»ABe  MALLEVADORE.  AsHcurar»  con 
■eBmedere.  ULJidalustorem  dare,  gr.  M- 
rin*t>  tmptxin,  G,  F'.l,  W.  S.  Diede  mu- 
mm  aoMopene  di  •roaaunieaiiona  cbi  la  rum- 


pelle  Mpiii  la  differenu  rr.,  facondo  baciare  In 
liocca  il  sindaco  delle  dette  parti,  e  far  pace, 
e  dar  mallevadori,  e  stadicbi.  Geli.  Spori.  À. 
i.  Facendogliene  una  contrascrltta,  e  dauriu- 
glìeite  mallevadori,  in  modo,  cb'  e*  si  conten- 
tasse. 

DARE  MANCIA,  e  DARE  LA  MANCIA. 
Regatare  cotui ,  che  ci  ha  retitinlo  alcun 
servigio,  o  fatto  cosa  grata.  Ut.  strenam 
darà.  [gr.  Ìvhw  Stiòttm.'l  Tae.  Dav.  «ha. 
li.  1S3.  Diedefli  ec.  dooatÌTo  t'ioldati,  e  mail- 
d>  alU  plebe.  j4tieg.  S3.  Che  qnaiido  lo  ri* 
norUf  e  non  è  ciaocia,  Dopo  i  segnali  gli  dar& 
la  manda,  ^r.  Fnr.  38.  48.  E  quante  ne  ve* 
deau  di  bella  guancia,  Trovavan  tutte  ai  prìe- 
ghi  lor  cortesi  :  Davano,  e  dato  loro  era  la  man- 
eia,  £  spesso  rimetleano  i  danar  spesi.  Cecch. 
Etaft.  Cr.  4.  6.  E  doverrà  Dar  lor  la  nancia. 

DARE  MANGIARE,  e  DARE  DA  MAN- 
GIARE.  Vare  U  eiho.  Porgere  il  cibo  ad 
attriti f  perche  mangi,  o  anche  l'etierlo 
m  mangiare  settga  che  egli  spenda,  lat.  ale- 
re,  pascere,  gr.  T^Ìp«v,  ntxivttv.  Boce.  nov. 
49.  15.  Federigo  udendo  ciò,  cbe  la  donna  ad- 
domaiidara,  e  srnlendo,  die  servir  non  la  pò* 
tea,  perciocché  mangiare  gliele  aveva  dato, 
cominciò  in  presdnsa  dt  lei  a  piagnere.  B  noi>. 
98.  4.  lenera  ne  furon  mandate  tre  altre  trop- 
po più  belle  ec.,  le  quali  non  battaodoglt,  per 
voler  dar  mangiare  a  certi  gentìltiomìni,  m'ha 
fatte  cnmprare  quest'altre  due.  E  nnm.  41. 
A  te  sta  oramai,  qualora  tn  mi  vuog*i  così  ben 
dar  da  aaaiigiare,  come  facesti  ;  ed  iu  darò 
a  te  rosi  ben  da  bere,  come  avesti.  Burch,  ì . 
131.  Or  non  d  far  di  grosso,  Ma  dacd  da 
mangiar. 

•  $  1.  Dare  a  mangiare,  Paté  fo  sfesso. 
Cavale.  Att.  Apost.  4M.  Quegli  dell' isola  ci 
ficeveltono  benignamente  e  acdesono  il  Aioco 
per  lo  grande  freddo  eh'  era,  e  perchè  pìovea, 
e  diederd  a  mangiare. 

S  9.  Dar  mangiare  il  suo,  pala  Convitare, 
Metter  tavola  con  prodigatile.  Boce.  iio«».7. 
40.  Vedi  a  cui  io  do  mangiare  il  mio  I  B  49. 
Io  ho  dato  mangiare  il  mio,  gììi  è  moll'annì, 
a  ehinoqae  mangiare  n*  ha  voluto,  senta  giiar^ 
dare  se  gentiloomo  ^,  o  villano,  o  povero,  o 
ricco,  o  raorcalante,-  o  barattiere  atato  aia,  e 
ad  infiniti  ribaldi  coli*  occhio  me  l' ho  veduto 
«tranare. 

DARE  MANO.  Dar  principio,  lai.  opus 
aggredì,  tncipere.  gr.  épxt9Ò9i*  Cecch.  Mogi. 
4.  1.  Disegnò  di  rimpalriartì;  e  dato  mano  a 
vendere  per  lo  più  comodo  modo,  che  egli  pò- 
tesae,  dò  cbe  o  suo,  o  del  morto  c<^nalo  aveva 
in  Aleasandria,  ec.  (t'invia  alla  volta  di  Ge- 
nova.] 

S  1.  Dar  in  prima  mano,  vaia  Darà  il 
primo  principio» 

%  9.  Dar  P  nttimn  mano,  vale  finire, 
ParfesioHare.  lat  par/Scere.  gr.  Alt9téX»ìv. 

$  3.  Dar  mano  a  checchessia  dicesi  del 
Cooperarvi,  lat.  opem  forre,  gr.  9Uvf^<7v. 

%  4.  'Dar  mano  ad  atcttno,  valejSgnrat. 
Soccorrerlo,  Aiutarlo,  Dargli  aiuto,  lat. 
opem  forre,  opitulnri.  gr.  mJlAa^jfiàvtiv. 
Ar.  Fur.  3.  98.  E  dia  alla  casa  di  Sansogna 
mano,  Che  caduta  sarà  tutta  da  un  Iato. 

$  5.  Dar  la  mano,  vate  Conceder  la  prO' 
eedonta.  lat.  cedere,  gr.  i^x^ptty, 

%  6.  Dar  la  mano,  vale  anche  Premotte- 
re,  [ed  è  detto  dal  porgere  che  si  fa  la 
mano  quasi  in  assicurazione  e  ratifica  di 
quanto  si  prometèe.]  lai.  promittcro.  gr.  ("ìy- 
yvSv.)  Ar.  Casa.  4.  3.  Dammi  qua  la  mano, 
Eulalia  :  Dammi,  Corìsca,  pur  la  mano. 

$  7.  E  Dar  la  mano,  vai*  eziandio  ìmpal* 
mare.  Malm.  49.  Sd.  Da)(li  dunque  la  mano 
in  mia  presenaa;  E  voi,  o  General,  datela  a  lei, 
Ch'io  voglio  ec.  Veder  solenuiuar  quest*  i- 


%  8.  Dar  di  mano,  [e  della  mano]  a  chec- 
chessia, vale  Pronderlo\cou  prestessa.]  lat. 
arripere.  gr.  TtpOitcpltK^ttt.  Jfov.  anf.  4U. 
4.  Mcsser  Giacopino  diede  della  mano  nella 
gnastada,  e  disse.  Pass.  441.  Die  dì  mano  al 
coltello,  •  si  roccise.  Allegr.  84.  Noi  per 
questo,  date  di  mano  alla  rivestita  ampolla,  col 
roarebio  ec.  ce  n'andammo.  •;  IM,  lott.  fam. 
3.  403.  Scatenatesi  lo  furie  dell*  animo  mio 
bslioMtsimOf  delti  di  mano  ad  un  peno  di  ba- 
si oite. 


S  9.  Ditr  ^i  mano  a  un  lavoro,  vale  Co- 

minciarto.  ini.  mamis  operi  admovere,  ac-^ 
cedere  ad  opus.  gr.  llttx^iptX'»  Iprfo'*. 

\%  10.  Dar  delle  mani,  vaie  Prenderò 
coite  mani,  Percuote$^  colle  mani.  lat.  me- 
uibus  pulsare,  gr.  X'^P^  3Toec«iv.. 

I  S  f '•  D^f  delle  mani  i^  una  cosa,  vaio 
talora  Spignerla  colte  mani.  lat.  manu  mO" 
vere.  «  Bocc.  nov.  85.  91.  E  all'  uscio  della 
Cd»»  pervenuti,  la  donna,  che  arrabbiava,  dato- 
vi delle  mani,  il  mandò  olire  n. 

$49.  Dar  delle  mani  sul  muso  altrui, 
vale  Percuoterlo  nel  muso  cotte  mani. 

$  43.  Dare  in  mano,  att.,  vale  Consegna' 
ré  in  potere,  lai.  in  mamts  dare,  tradere. 
n.  icccptt^ouvoru  Dav.  Oraz.  gen.detib.  447. 
Egli  prestamenle  trovatola,  in  mano  la  mi  die. 

S  44.  i?  neulr.  Kenire  in  potere.  Cocch. 
Servig.  4.  6.  Da  poi  cli''io  mi  partii  Di  qui 
per  ire  in  Sicilia  ,  ph'  io  detti  Io  mano  a  Bar- 
barossa. 

$45.  Dare  in  buone  o  in  cattive  mani, 
vale  Avvenirsi  in  persona'  dtscrotat  o  seve- 
ra, in  Intona,  o  in  cattiva  congiuntara. 

S  46.  Dar  fra  mano.  Dar  per  le  mani,  o 
simili,  vate  Abbattersi^  Avvenirsi  oc.  lat.  in 
munita  inciderò,  gr.  tlf  x*'^^$  ip.T:ÌTtruv. 
^'*8g-  ani-  esp.  939.  Ce  ne  dette  una  volta 
una  fra  mano. 

S  47.  *Dare  alla  mano,  vale  Dar  pronta- 
mento.  Dar  subito  alcuna  sommA,  o  tutta 
nell'atto  dal  mercato,  o  dot  contratto,  lat, 
0  vestigio  dare.  gr.  oe&r/xK  Mi^m.  Ambr. 
Furt.  4.  3.  Dile  a  vostro  padre  d'easer  con- 
tento a  far  quanto  egli  vuole,  e  cbe  per  voi 
noo  iUà  di  prendere  quella  moglie,  che  ptu 
gli  piace,  purché  e' vi  dia  tanti  danari  alla  ma* 
no,  che  possiate  satisfin'e  a  qualche  vostro  de- 
bilutao. 

I  S  48.  Dare  con  ampia  mano,  vale  Dare 
copiosamoMte,  largamente,  v.  MANO. 

5  49.  Dar  sulle  mani  altrui,  vaio  Impe- 
dirlo nelle  sue  operaaioui ,  Contrariarlo, 
Arrecargli  impedimenti  :  che  oggi  si  dlreb  - 
bo  più  comunomeiUo  Dar  sulle  dita,  o  mi* 
te  nocca.  Ui.UmpedÌtv.  [g;r.Ìpltó^i^ttv.]  Tae. 
Dav,  Slor,  4.  948.  Cosi  i  podn,  poi  che  fu 
dato  loro  sulle  mani,  tasciaron  la  presa  libertlk. 

*  $  90.  Dare  una,  o  più  mani  a  checches' 
sta,  vale  Tignarlo,  o  Colorirlo,  o  Impia- 
strarlo una,  o  più  volto,  v.  MANO. 

DARE  MARAVIGUA.  o  MERAVIGUA. 
Apportar  '  maraviglia,  XCogionarla.]  lat. 
admiratioHont  gigntre.  Bern,  Ori.  4 .  95.  7. 
E  di  vedere  il  fiu  dì  queste  cose  Deliberossi, 
o  di  non  finir  mai  Di  queste  cAe  nuove,  e  fa- 
ticose, Cbe  gli  dier  maraviglia,  e  noia  assai. 
Ar.  Fur.  40. 91. Sicché  per  dar  ancor  più  ma- 
raviglia, E  per  pigliarne  il  buon  Ruggier  pi& 
S'noco,  Al  volante  corsìer  acuole  la  briglia. 
oez.  Vnrch.  4.5.  Ma  se  parie  l'error  del- 
l' igiioransa.  Dar  meraviglia  altrui  non  ha  pos- 
cania.  •  Segner.  Fred.  4.  8.  Ne  ciò  dee  diarvì 
gran  maraviglia,  uditori.  B  99.  3.  Se  voi  per 
ventura  portate  invidia  ad  nn  ricco  de*  suoi 
lesori.  non  mi  dà  maraviglia. 

DARE  MARITO.  Maritare,  lat.  darenu^ 
ptui,inmalrimottiitnicollocare.^r.vupiftùttv, 
Bocc.  uov.  98.  5.  Antiche  a  dire  altro  venis- 
se, incomindò:  messere,  se  Iddio  m'avesse  da« 
to  marito,  o  non  me  l' avesse  dato,  forte  m)  sa- 
rebbe agevole  co'  vostri  ammaestramenti  d'eu- 
tr^ire  nel  cammino,  che  ragionato  n'avete. 

DARE  MARTELLO.  Dar  occasiono  di 
gelosia,  lat.  suspielonem  incntere,  tetotjr* 
piam  inditcere.  Atleg.  493.  E  però  mppieu- 
do  quanto  ella  di  lui  fòsse  cacherosa,  per  dar- 
le di  se  martello,  solennemente  saltando  la 
granata,  se  la  prese  per  un  gherone,  e  lolae  a 
dire,  er. 

DARE  MATEniA,[oLA  MATERIA.]  i>er. 
gore  occasione,  o  ttfma.  ìtA.  matoriam  prao' 
bere,  caiissam  prneboro.  Dani,  taf.  90.  DI 
nuova  pena  mì  convien  far  versi,  E  dar  mate* 
ria  al  vìgesimo  canto.  Bocc,  nov.  77.  49.  E 
darotti  materia  di  giammai  piÀ  iu.tal  ibllia  non 
cad«r,  se  tn  campi.  Lab.  990.  Alla  quale  ta 
rispondendo,  desti  loro  materie  di  rìdere,  e  di 
dire  altreltanlo,  o  peggio.  Amet.  98.  Le  candi- 
de guance,  non  d'altra  bellexsa  cosperse,  che 
sella  bianca  rosa  si  Tmria  non  veduta  dal  So- 
le, gli  danno   materia  oì  commendarle.  Dav. 


Digitized  by 


Google 


38 


DAR 


DAR 


DAR 


Aecitt.  141.  Fatto  laliiv  i»  cattura  meuer 
Gìovatim  Dati  a  darci  la  naierìa  di  ragionare, 
che  taul'  è  a  dire,  <|aauto  a  darci  l' orma,  e  it 
latiuo,  ansi  il  eavallo. 

DARE  MATTANA.  Molestare,  Tratta- 
flìttrg.  lat.  moeMlitianif  aegritHdiunm  nf" 
/arre,  gr.  i-KiXulttU.  BurcH.  %.  SS.  Noi  tro- 
To;  cui  smarrito  fra  la  lana;  Non  mi  dà  più 
mattana.  E  94.  Tu  bai  nauia  d*av«r  cattiva  co- 
da.  La  qnat  t'ha  dato  già  molta  malLana,  Se- 
condo c'bo  Mtitìto  da  GioTaimì. 

DARE  MAZZATE  DA  CIECHI.  Percno^ 
ter  coti  manza  gravemente*  lat.  eaecorum 
monffiulibui  caedere.  Bern.  Ori.  3.  6.  55. 
Queste  masaate  da  cìecbì  si  danno,  Cbe  |Melà 
me  ne  vien  solo  a  vedere. 

DARE  Memoria.  Lasciar  ricordo,  e 
forma  da  avente  mentoria.  lat.  monumentnm 
reiiinpiere.  C.  y.  8.  36.  3.  Per  dar  meniorìat 
e  esem^ilo  a  quelli,  che  sono  a  vemre,  presi  lo 
stile,  e  forma  da  loro.  :  Tats,  Ger.  15.  33. 
Canti  ella  Alcide  e  Bacco,  e  di  te  solo  Basti 
austeri  tuoi  ch'alquanto  acceuoe;  Cbe  quel 
poco  darà  lunga  memoria  Di  poeou  degnissi- 
ma e  d'istoria. 

*  5  P^*"  Hammemorare.  laL  memoriam 
ravocmre.  Fu.  S.  Frane.  [*35S.]  E  di  questo 
segno  (det  Tan)  segnava  beato  Francesco  le 
sue  lettere ,  cbe  maadjva  ,  ))eTocchè,  veden- 
dolo, sempre  gli  dava  memoria  dulia  Croce  dì 
Còsto,  della  quale  egli  fue  gonfaloniere. 

:  DARE  MENTE.  Illuminare. G»Ìcc,Sl or, 
40.  703.  Né  mi  resta  altro  che  pregare  Iddìo 
che  TI  dia  mente,  e  (acuità  di  fare  quella  de- 
Uberaaione,  che  sìa  più  secondo  la  sua  vnlonlà. 

DARE  MENTITE.  DARE  LA  MENTITA, 
e  DARE  UNA  MENTITA.  Tacciare  altrui 
dì  mentitore,  *  Segtur,  Mann.  Magg,  S9. 
S.  Altro  in  buon  liuguaggìo  non  è,  che  dare 
una  mentita  sul  viso  a  Cristo. 

DARE  MERENDA.  Apprestarla  meren- 
da. Ut.  merendam  exhibete.  Frane.  Sacch. 
rim.  Dato  gli  sia  subito  merenda.  AUeg.  370. 
Datomi  desiuar,  merenda,  e  cena.  Fui  gratis, 
com*ua  principe,  alloraato. 

•  DARE  MERITO.  Rimeritare.  Fit.  SS. 
Pad.  9.  57.  Tre  anni  continovi  vi  ho  dato  me 
rito,  •  fatto  serviaio,  per  ricevere  quello,  cbe 
ora  mi  &i.  E  74.  Egli  era  l'Angelo  di  Dio,  ed 
era  mandato  per  annoverare  i  suo' passi,  e  dar* 
gli  merito,  secondo  soa  làtica, 

DARE  MEZZO.  Concedere  H  meszo,  e  7 
modo  per  arrivare  aljlne  desiderato*  lat. 
rationem  ad  rem  asse^ttendam  suppedi~ 
tare. 

$  Daria  pek  messo,  vale  Seguire  gli  ap- 
petiti  senta  alata  ritegno  della  ragione,  lat. 
nihil  pensi  haòere,  in  scelera,  ac  dedecora 
prorumpere.  l'oc.  Dav.  ann.  5.  138.  All'ul- 
timo la  die  pel  messo  a  tulle  le  scellerag(;ini, 
e  sporóaie.  quando,  rinsossa  ugni  tema,  e  ver- 
gogna, secondò  soa  natura.  EStor,^.  390.  Ora 
che  egli,  e  T  esercito  si  rider  senxa  cnmpclito- 
re,  la  dieder  pel  meszo,  a  uso  de'B<irbari,  ad 
ogni  crudeltà,  libidine,  e  rapina.  Ceccli,  Dot. 
I.  I.  E  dandola  pel  messo  a  braccia  quadre, 
Senxa  tener  più  conto  di  persona.  Fé  Ciccia  di 
pallottola. 

DARE  MODO,  DARE  IL  MODO,  o  DARE 
UN  MODO,  Porgere  i  mesti.  Somministra* 
re  V  opportunità,  tat.  viam  ,  ratiomemqiie 
praescribere,moHsfraref  cattssam  praeòcre. 
Bocc.  MOV.  33.  tit.  Sotto  spesie  di  confèuione, 
e  di  purissima  coscienaa  una  donna  innamora- 
ta d*uu  giovane  induce  un  solenne  frate,  sen- 
ta awederiene  ^li,  a  dar  modo,  che  'I  piacer 
di  lei  avesse  intero  efTello.  E  nos:  79.  33.  Ma 
ore  voi  mi  promettiate  sopra  la  vostra  grande, 
e  calterita  fède  di  leuerlomicredeitss,  io  vi  da- 
rò il  modo,  che  a  tenere  avrete.  Din.  Comp, 
[I.  18.]  Il  quale  di4  modo  aver  gli  atti  del 
notaio,  per  vederli.  Dav,  Colt.  170.  Io  ti  vo' 
dare  un  modo  agerolissinui  da  farti  seuaa  spesa 
un  nobile  semeusaio. 

DARE  MOGUE.  Ammogliare,  lat  wxe- 
rem  dare.  gr.  òyaiv  nvi  yuvatlxot.  Bocc.  Fit. 
Dant,  339.  Dierono  li  parenti,  egli  amici  mo- 
gli* a  Dante,  perchè  la  lacrime  cosuuero  di 
Beatrice.  Tee,  Dav.  ann.  19.  143.  La  mor- 
te di  Htssalìna  rivolse  la  corte,  gareaiando  i 
liberti  per  chi  dovesse  dare  m<^lie  a  Claudio. 
S  1.  Per  simiìit.  CeccA.  Servig.  1. 1.  Ch'i' 


non  vo'dar  moglie  Costì  a  una  panita,che  poi 
Io  avessi  Tagio  a  leggerla.  Bern.  OrL  9.  37.  S. 
Così  si  dà  marito,  e  mt^lie  all'oro:  L*  oro  é 

3 nel,  che  marito,  e  donna  toglie;  Non  il  giu- 
icio,  ne  la  elesione.  Ma   l' avarisia    marcia,  e 
l'ambizione. 

S  3.  Dare  per  moglie,  e  Dare  assolutam. 
parlandosi  di  Janciitlle,  vagHotto  lo  slesso. 
lat.  in  MJTorem  dare,  in  matrimonittm  collo' 
care.  gr.  yet^sil^uv.  Cecch.  Servig.  4.  3.  A  chi 
la  dette  7  A.  A  uno  calsaiuol,  c'ba  degli  scu- 
di. Ei.  11.  Io  vi  vidi  volto  a  dare  a  Geppo 
r  Ermellina.  Lasc.  Spir.  1 .  3.  Nìccodemo,  pa- 
dre della  lanciiilla,  gliele  dava  volentieri;  ina 
la  dote  guastò. 

S  8.  Figurai,  per  Avvicinare,  Accostare. 
lat.  admovere.  gr.  n^O{Ttdiy«i.  Frane.  Barò. 
119.  IO.  La  paglia  al  fuoco  non  dar  per  mo- 
gliere. 

*  DARE  MOINE,  v.  DARE  LA  QUADRA. 

DARE  MOLESTIA.  Itiolestare.  lat.  vejca- 
re.  [gr.  ivt&9.]  Ar.  Cas.  3.  I.  l'vo*,  che  al 
desio  Tu  vada,  e  dica  a  qne'lupì,  che  mandi, 
no  Uh  di  lor  qui,  che  prima  che  s*  imballino, 
Veg^a  le  robe,  acciò  poi  noti  mi  facciano  Sca- 
ricare, ed  aprirle,  e  non  mi  diano  AH*  uscir 
della  porta  altri  molestia.  E  5.  I.  Il  mal  che 
TÌen,  quando  tu  men  ne  dubiti,  E  cbe  in  mes- 
so a'  piacer  si  riene  a  mettere.  Né  lo  laMÌa 
far  prò,  dà  più  molestia.  Cas.  lett.  \0.  Perciò 
al  presente  non  le  darò  molestia  di  più  lunga 
leUera. 

$  E  netttr.  pass.  Affliggersi,  Inquietarsi. 
lat.  vexari.  gr.  «viocT^àc.  Ar.  Negr.  f.  4. 
Lasci  andar,  né  però  si  dia  molestia. 

%  DARE  MORSO.  èfordere.Ui.  mordere, 
admordere.  gr.  iàucHtit. 

DARE  MORTE,  [LA  MORTE,]  e  DARE 
A  MORTE.  Uccidere,  lat.  exitio  dare,  mor' 
ti  dare,  inter^ficere,  necare.  gr.  àvottpccv. 
Dant.  Inf.  18.  Elio  passò  per  l'Isola  di  Len- 
no.  Poiché  r  ardite  femmine  spietate  Tutti  li 
msKbi  loro  a  morte  dieuno.  Frane.  Barò. 
148.  47.  Come  prodessa  non  è  dell' uon  for- 
te Al  debile  dar  morte.  Fr.  lac.  Tod.  (4.  SI. 
I.]  Signor,  dammi  la  morte  Nanti  eh'  io  più 
t'ofienda.  Bern.  Ori.  9.  17.73.  Dico,  che  *1 
perorino  era  si  f<Hle,  Ch'avrebbe  dato  al  suo 
campion  la  morte.  Ar.  Fur.  91.  8.  Ed  a  ea- 
valleria  non  corrisponde,  Cbe  cerchi  dare  ad 
una  donna  morte, 

S  Sneutr.pass*  Uccidersi,  Ammassarsi. 
lat.  stài  mortem  consciscere,  violentas  ma» 
ntts  afferre.  gr.  ifltt/r&v  avauptlv.Bern.  Ori. 
1.  16.  03.  Poi  diue:  Cavalier,  mia  trista  sor- 
te M'induce  a  darmi  volontaria  morte.  Tac. 
Dav.  dim.  0.  137.  In  quei  giorni  Se^o  Papi- 
nio,  di  famiglia  consolare,  si  diede  morte  subi- 
ta e  laida,  gillalosi  da  alto. 

DARE  MOSTRA.  Mostrare,  lat.  ostenta- 
re, ajgectare,  palam  ostendere.  gr.  itAx^d- 

Tlt\»S9Ò9U. 

%  Dar  la  mostra  all'esercito ,  e  simili, 
vale  Hassegnttrìo.  lat.  lustrare  ejcercitum, 
gr.  TFpxròv  "ittptTteXtl». 

DARE  MOTO.  Far  muovere  lai.  movere, 
commovere,  fgr.  tantìv.] 

DARE  MOTTO,  e  DARE  UN  MOTTO 
DI  CHE  CHE  SIA.  Discorrerne  legg^rmen~ 
/e.  lat.  vertmm  iniicerm,  verbafacere,  men- 
tionem  f acaro,  sttttindicare.pir.ù':rcftiv/,9xsiv. 
é*  Sassett.  lett.  373.  Di  che  mi  fu  dato  un 
motto  da'  propri. 

DARE  MOVIMENTO.  X«  stesso  che  Dar 
moto.  lat.  movere,  commot-ere.  gr.  kithÌv. 
Amet.HB.  O  come  la  paurosa  lq>re  nelle  te- 
pri  nascosa,  ascoi  laiite  intomo  a  quelle  le  ho- 
ci  degli  abbaianli  cani  aanaa  avere  ardire  di 
dare  alrnuo  movimento  al  preso  corpo. 

DARE  NAUSEA.  yausea$'e.  Arrecar 
nausea.  Ut.  nauseam  ajffi'rre.    gr.    v«uriccy 

.  DARE  NE'GERUNDLi*.  GERUNDIO. 

DARE  NGGU  OCCIU,o  NELL'OCCHIO. 
Presentarsi  alla  vista,  lat.  in  oculos  imenr* 
rere.  [gr.  ilt*  4S90cÌ<ut4ìy  ir«^9WÌ«Trccv.] 
*  Matt.  Frans.  B'im.  Buri.  3.  'U3.  A  chi 
ha  la  rogna,  più  che  l'acqua  e  '1  pana  Son 
necessari  (i  gHtinli)  per  non  dar  negli  occhi, 
Cou  quelle  bolle  piaaicaiiti,  e  strane. 

X  S  Dare  negli  orrAi,  vale  anche  Offìtm* 
det^la  viste,  v,  DARE  OCCHIO.  $  S.  * 


*  DARE  NEGU  ORECCHL  v.  DARE 
ORECCHIO. 

*  DARE  NEGOZIO.  Le  stesto  che  Dsr 

commissione.  Commettere.  WX.  inbere,  gr.xi- 
Xtùstv.  Ar.  Fnr.  97.  45.  E  ad  no  ihra  tuo 
diede  negoaio  D'affrettar  Rodomonte,  e  Man* 
drirardo. 

DARE  NEL  BARGELLO.  Incontrare  il 
bargello.  Salv.  Grandi.  9.  5.  Noi  siamo  St^ 
a  un  dito  per  dar  nel  bargello. 

S  EJiguratam.,  modo  basso,  Awenirtiia 
isciagure.  lat.  in  pessimam  rem  incidert. 
gr.  di  xóxterev  ti  ifiitittrtiv.  Jlleg.  57.  A- 
vele  xlunque  a  sapere,  com'io,  prr  mia  iriapn* 
rata  disgrazia  solila,  ho  ditto,  come  si  dite  ia 
Fireuse,  nel  bargello,  esseodoni  accailala  qì 
po' di  damussaccia  salvatica,  la  quale  r,  cou 
rircreuaa  della  tavola,  la  più  solenne  bestìiw- 
la,  cbe  facessero  mai  le  donne. 

*  DARE  N  EL  BROCCO,  i .  BROCCO,  $  4. 
DARE  NEL  BUE,  o  simili.  IfonhiteutUref 

0  Ostinarsi  nel V  ignoranza.  XzX^sfnUnm  tvn- 
dere,  ohhriit escere.  nr.  dUdydy  ytvtjJaa. 

DARE  NEL  BUONO.  laL  rectem  rism 
insistere,  [gr.  èp^oiteStt/.]  Farch.  Errd. 
89.  Dar  uel  buono  significa  due  co»e.-  la  |iri- 
ma,  entrare  in  ragionamenti  utili,  o  proporre 
materie  onorevoli;  la  seconda,  in  dtccu<lo  Top. 
pentono  sua  d'alcuna  cosa,  allegarne  ri^ioui 
almeno  probabili,  e  cbe  possano  r^ere,  m 
non  più,  a  quindici  soldi  |icr  Ura,  al  nurtcUa, 
e  in  somma  dir  cose,  che  ballano,  »e  doh  nel 
vero,  almeno  nel  verisimile.  J/a//h.  7.  33.  lo 
Dou  so  chi  di  lor  dia  i>iù  nel  buooo. 

:  DARE  NEL  CALAPIO.  v.  CAUPIO. 

*  DARE  IQEL  capo.  r.  DARE  CAPO. 

*  DARE  NEL  CORPO,  v.  CORPO,  $51 
:  DARE  NEL  CUORE.  Addclorere,  Dsr 

cordoglio.  V.  CUORE,  $  03. 

;  S  Dare  nel  cuore,  vale  anche  Far  €9ts 
grata,  v.  CUORE,  il  61. 

«  DARE  NEL  DIE.  Dare  nel  segno.  Col- 
pire lo  scopo.  Allegr.  161.  Qualche  volls 
perderà  gli  occhi,  e  gli  occhiati  in  arcÌBÌrsn> 
do,  e  non  darii,  come  ri  dice,  nel  die. 

DARE  NEL  FANGO,  e  NELLA  MOTA. 
leardi.  Ercol.  68.  Dar  twi  fango,  come  nells 
mota,  é  favellare  senza  diitiiizioue,  e  scusa  ri' 
guardo,  cosi  degli  uomini  grandi,  come  dc'pic- 
ciols. 

DARE  NEL  GENIO,  v.  GEMO.  i 

*  DARE  NEL  GIGANTE.  Toccare  il  tùm* 
mo,  il  perfettissimo  in  checchessia,  Jltegr. 
933.  Fate  voi  poco  e  buon ,  pensate  in  qusete 
Maniere  a  fa  bea,  né  vi  curale  Di  dare  a  pri- 
ma giunta  nel  gigante. 

*  DARE  NELLA  BATTAGUA.Kaairea/- 
le  mani,  \mLpraeliitm  eommittere.  ^- pà^t- 
rìtìu.  Peeor.  g-.  II.  m.  1.  R  faUe  le  schiere, 
diede  nella  battaglia. 

*  DARE  NEL  LACCIO.  Esser  preso  «/ 
laccio,  lat.  laijueis  impìicari.gjr.àlto^pojiì' 
^«edw.  Fav.  Ksop.  >f.  31.  Andando  il  leoue 
poco  dopo  queste  cose  a  diletto,  ìsprovvedot»- 
menle  gli  venne  dato  nel  falso  laccio  del  cac- 
ciatore. 

*  DARE  NELLA  MOTA.  v.  DARE  NEL 
FANGO. 

*  DARE  NELL'ANELLO,  v.  D.iRE  L'A- 
NELLO. 

^  DARE  NELLA  RAGNA,  e  DAR  NEL- 
LA RETE.  Rimaner  preso  mila  ragna,  « 
alla  rete  ;  e  ^figuratam.  Rimaner  colto,  prs* 
sOf  ingannato,  lat.  im  latfneum  impingert. 
gr,  5/*ìt«ffTfi»  sii  TtocfiioLdriff.  Calv.  I.  34. 
E  disse  :  d4rà  tosto  in  altra  retr,  S't^,  mia 
cavalier,  valenti  tele.  £3,67.  Dicendo:  toUo 
darìi  nella  reti-  Quest*  uccellacelo,  che  tanto 
srhiamaasa.  E  3.  73.  Ne  imma  fa  dal  ps<li- 
glion  partilo  Che  'I  tordo  dette  a  tempo  nella 
raglia.  Segr.  Fior.  disc.  3.  30.  Erano  simili  a 
quegli,  che  audavauo  a  levare  del  s*\0  corile 
la  fiera,  «ceìocché  cacciala  desse  nelle  rrti. 

DARE  NELL.\  TRAPPOLA.  Rimaner 
preso,  ingannato,  lat.  in  laipieum  imptugere. 
gr.   irtc/tVc  npctntómsf». 

DARK  NELLE  CAMPANE,  NELLOR- 
GANO,  e  simili.  Cominciare  a  sanare  le 
campane,  l'organo  ec.  lai.  campan^m,  er^ 
gema  et  e  mtlsare.  Pecor.  g.  h.  m.  4.  Per  la 
terra  si  levo  romore,  gridando:  Vìva  il  signo- 
re, «iva  il  signore  ;  e  dà  nelle  campane,  e  ue- 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


39 


«|f  cUMMVb ,  MHiaado  a  l«M«.  Ftr,  nov,  5. 
Ut  IW«  m  trovar^  mai  iu  f«ccctida  alcniiìi 
ami  m^mìm^t .  ch'ella  non  la  lasciasse  subito 
cèf&  jwlifa  dare  iu  «laelU  beuedetU  catn- 

MRE  RCEXE  FURIE.  htfuriartL  lat. 
ÉTt  fwwK'x'rt',  furare j  excondescere.  gr. 
^btjU&t^oi.  :  Pmlìmv.  Star.  Conc.  13.  Dando 
«Or  fané  anitra  db  cUinottraBeiito  sì  altu,  e 
si  aKttonbite  della  podeità  Ponlf6cale. 

DARE  NEU^  GIRELLE.  Impazzare, 
wto^  6i«/<o  ,-  cib<f  mncha  si  dice  Dar  ue'ge- 
rtmdif.  Ut.  Jr/ir-tìre,  ìnsaHirej/nrere,  gr. 
m^ensovcÌT.  MfmJmi.  4.  S6.  Mostrando  ogiior 
piò  4tf'  Mlle  girelle.  B  9.  IO.  Che  qQan  fui 
per  ùr  mdit  girvlle. 

$  iu  msm  fmiar-M  per  /svagarsi,  Hnlh- 
p^m  ettr*m»amtmf^,  'Far  cos»  quasi  da 
paxiù.  CerrA.  Srrvig,  t.  t.  Se  Iu  m'aveui 
visto  iFiu,  ^«Mido  Ch'io  era  a  stndio  ,  oh 
nm  laBTÌ  S  dava  beu  nelle  girelle. 

DAB£  .'iUJ.E  SCARTATE.  [KaUrsi 
éi  ^Èiti  tkt  è  già  stato  ricusalo,  o  Dir  cose 
gu  dttfe,  »  smpMSe  da  altri  :  metaf.  tolta 
dtl  fim»eo  drita  cmrto.\  Varch.  Ercot. 
M.  Bare,  bvelluido,  oelle  scartale ,  è  dire 
^«Ue  c«e,  die  ai  erano  dette  prima,  e  che 
•f*MB  ■  sapeva.  Cmr.  latt.  S.  270.  E  te  non 
TftcMt  per  intrìiueco  amico,  non  Tel  direii 
ftr  fiaari  A  non  dare  uetle  seartale. 

;  J  I.  Per  far  ma/e  it  cotUo  suo,  Ope* 
nrt  a  proprio  danno,  dir.  htt.  tned.  8. 
II.  Sbaglia  che  dal  canto  vostro  n'aìuUate,  e 
aaa  ai  Aite  le  spese  superflue,  e  se  uon  fac- 
òsmo  Wme  ognusM  la  parte  sua^  è  facil  cosa 
(it  dumo  uclle  acartate,  ed  all'ultimo  voi 
•kn  ac  Iiretc  pe^po  di  me. 

5 1.  Ogfi   comMaameute    vaia  Dar  nelle 

BtàRE  NELLE  SII  ANTE,  tufuriarsi,  Aita- 
ÙMrii.  Ut.  Jiarere.  gr.  paUvtabca.  Red,  Ins, 
ISI.  EKcDoo  i  potori^  che  quando  i  castroni 
ia  certi  tnapt  d^ono  nelle  imaiiìe,  e  pare,  che 
aUMno  raaaillo^  ne  soa  cagione  r|uesti  ba* 
fWw—li ,  che  impcnrersauo  più  aspramente 
dd  salda  adla  lor  tetta. 

•  DARE  NELLE  STOVIGLIE.  Lo  stesso 
tkaOara  u^  lumti.  v.  STOVIGUA. 

D.4RE  NELLE  TROMBE.  Cominciare  u 
smmre  le  trombe  ;  e  figurai am*  vale  Chia- 
merò a  battaglia  t  Ut.  elassicunt  canore. 
p.  e^jtmivtcf  rò  «cvoxJbiroeJy.  Disc.  Cale. 
1$.  11  db*  Catto,  n  dia  nelle  trombe. 

DABE  NELLE  VECCHIE.  Mancar  di 
v<à,  di  vivesse,  bt.  oùsoleseere.  gr.Cciro^- 
2«w>c9fiC(.  Sa/v.  Gronch.  4.  9.  Il  mesehi- 
mcdo  ao  fine  Si  è  aceasctato ,  e  ha  dato 
■die  vcccfate.  Come  tu  vedi.  J/o/at.  5.  40.  E 
l«,  cb'onaai  ba  dato  nella  vecchie,  Fa  ire 
tagiù,  e  *DS»  come  le  secchie. 

.:  DAR  NELL'OCCHIO,  O  MEGU  OC- 
CHI V,  DARE  OCCHIO. 

•  DARE  NELL'  OTTIMO.  Toccare  il 
nmma ,  il  per/ett  istinto  In  c'heechossia. 
Mafai,  lett.fam.  [I.  949.]  Gl'ingegni  ca- 
^oct  da  d«r  aeH'otlima,   uon  vogliono  servitù. 

DARE  >ELL*OGNA.  v.  UXGIUA. 
bARE  NELL'UMORE    Andare  «'  %-ersi. 
Maea.  Fior.  I.  9.4.  Io  to'  Tcdcre  Di  dargli 
mU' oaaore,  e  dire  il  vero. 

DARE  NEL  MATTO.  Far  cose  da  mal. 
f«,  Jtaliegrarsi  esti-rntame»lo.\aLdesipere, 
0-.  waif9r.^poMÌ».  MIog.  903.  E'  non  fa  tanti 
pMaaht  Bu  babbosno.  Quanti  e'£irebbe  come 
t  di  mI  suua,  ;  Car.  Apol.  Sii,  Sebbene 
aa  ataaeava  un  poco  (di  poeta)^  non  èra  pe- 
>à  m  pacala  speste,  e  non  dava  così  nel  malto 
eM»f  oca. 

DARE  NEL  MEZZO,  \o  IN  MEZZO).  In. 
vtsa^e  aalta  parla  dot  nremso.  |at.  meditmt 
toMfove,  icr.  pivou  AiSTSi^tu.  Beni.  Ori.  9. 
ff-  9t.  Carne  dal  cteln  in  giù  scende  il  fal- 
<*M,  £  dìi  «Q    messo   ad    un  branco  di  cor- 


(  aere  mei  utesso,  e  Dare  in  quei  messa, 
•«^  5aa  aderire  alCaffermaliva  nò  alla 
—Wfcw,  ma  con  partiti  di  mosso  termina- 
lo Ìm  di0eremaa.  lat.  medìam  fiam  secare. 

•  OARE  NEL  MIO.  NEL  SUO  ec.  v.  DA- 
ÌE  m  QUEL  D'ALCUNO, 

UAREKEL  NASO.  Percuotere  nel  naso. 
Tramandare  aliti  dai  nato.  Buon,  Fiet\  8. 


I.  9.  Che  dandoci  nel   naso  innno  al  cclabro 
Gì  sbalordiva  col  fctur  profondo, 

8  E  Jì^uratam.  Dispiacere,  Offentlerc. 
lat.  offendere,  gr.  TtpooìtÒTiTia.  Tratl.  segr. 
COS.  donn.  Ma  la  uegaaioue  de'  medicamenti 
snole  dar  loro  nel  naso.  Salv.  Granch.  \.  I. 
Odi  caso  da  dar  nel  naso. 

•  DARE  NEL  PAZZO.  ìmpassire.  Gigant. 
Ded.  Diranno  alla  bella  prima  o  ch'io  sia 
entralo  nel  gigante ,  o  cb'  io  abbia  dato  nel 
passo  dadriovero. 

DAME  NEL  PEDANTE.  Fare  o  dir  cose 
da  pedante.  Àlleg.  115.  Ma  per  uon  apparir 
ossa'  ignorante,  Dirò  del  nome,  e  non  vi  paia 
strano,  S*Ìo  do  per  nna  Tolta  nel  pedante. 

DARE  NEL  PUNTO  IN  BIANCO.  Figura- 
tam.  Colpire  per  appunto.  lat.  scopitm  a^- 
sequi  ,  scopum  attingere,  gr.  «w^rOX*?*** 
Alleg.  fOO.  FaciTbicnte  potrò  col  basso  stile, 
Per  messo  vostro,  dar  nel  punto  ìn  bianco. 

DARE  NEL  QUATTRINO.  Colpire  per 
appunto  nello  scopo,  lat.  scopttm  vet  minimum 
attìngere,  cortes  ictus  dirigere,  gr.  tòno- 

5  E^gnrntam.  Far  cilecche  sia  con  in- 
tara  puntualità. 

DARE  NEL  SEGNO.  Colpir  nello  scopo. 
lai.  scopum  tangere,  gr.  tùerojrtXv.  Frane. 
Barb.  860.  4.  Io  noi  fo  cieco,  eh'  e'  db  ben 
nei  segno, 

^  S  I.  E  Jignratam.  ^arch.  Ercol.  ST; 
Dare  in  brocco,  cio^  nel  segno,  ovvero  ber- 
saglio, ragionando,  é  apporti,  e  trovare  le  con- 
ganture,  o  toccare  il  tasto,  o  pigliare  il  nerbo 
della  cosa. 

•  5  9.  Per  Procedere  con  cogaisioue. 
Non  commettere  errore,  «  Dittam,  9. 90.  [Ma 
poni  a  quel  ch'or  ti  vBo'dir  lo 'ngegno,  Sic- 
ché se  mai  dt  ciò  vuoi  ragionare,]  Dirìttaroeute 
sappi  dar  nel  segno  [st  tratta  d'una  storica 
erudisiono.'] 

DARE  NEL  TISICO,  o  IN  TISICO,  [o 
NEL  MALE  DEL  TISICO.]  Cominciare  ad 
intisichire.  Ut.  labescere ,  tabe  cornimpi, 
intaliescere.  gr.  r^xcrdai.  *;  Lib.  cur.  ma- 
iali.Micono  i  fisici,  che  ì  gonorrcsti  SODO  sempre 
fìeboli,  e  possono  dare  nel  male  del  tisico. 

•  DARENELTRENTUNO.  Jlorfoftflwo, 
con  che  si  accenna  il  Cadere  in  alcun  sint- 
stroy  Ammalarsi ,  impassare  ec, [tratto  dal 
giuoco,  che  si  fa  allo  carte,  chiamato  il 
trentuno,  nel  quale  si  tiene  per  infortunato 
caso  che  altri,  quando  si  ha  btton  punto  in 
mano,  mostri  nelle  sue  carte  il  numero 
trentuno,  che  annulla  esso  buon  pnnto.\ 

:  DARE  NEL  VISO,  v,  VISO. 

DARE  NEL  VIVO.  Colpire  nella  parte 
pin  seusiliva.  Ut.  pecins  e/fodere,  animum 
snudare,  f^r.  xvp^t'eev  Taisiv. 

DARE  NE'  LUMI.  Infuriarsi,  Adirarsi. 
lat.  furore  percipi,excandescere,  animo  in- 
cendi, gr.  fipip9i!>9^tu.  Mttlm.  H.  1&.  Or 
s' egli  è  in  bestia,  dìcavelo  questo.  Mentre 
ch'ei  dà  ne'  lumi  in  lai  maniera,  i*.  LUI^IE. 

DARE  NE'RULLL  Saltare,  HnMare ; 
metaf.  presa  dal  giuoco  de' rulli.  Buon. 
Pier.  4.  4.  96.  Ora  è  ben  tempo,  sosii,  Da 
stare  allegramente,  E  dar  nc'rulli,  e  saltare 
e  cantare  Per  questo  rovincvtilc  accidente. 

DARE NESPOLE,[o NESPOLE  SECCHE. 
Figurai.}  vale  Dare  colpi.  Modo  basso.  Ut. 
percutere,  caedere,  verberar^j  fustis  ictnm 
injligera  gr,  Wjl»lTT«e»,  ico/ftv.  Ciriff.  Calv. 
[*i.]  47.  Poi  prese  colle  mani  il  bastonacelo, 
Per  dare  a  Folco  una  nespola  secca. 

DARE  NOI  A. *i(^«ÌArtf.  Ut.  molestia  affi^ 
cere.  gr.  àviàv.  Bocc,  n<H*.  98.  19.  Non  s'  è 
egli  rimato  di  darti  più  nota,  ?  Certo  no,  disse 
la  donna.  Enov.  30.  7.  Se  questo  diavolo  pur 
mi  darà  questa  noia,  dove  tu  vogH  ec.,  Iu  mi 
djrai  grandissima  coti solaa ione.  Bem.  Ori, 
S.  25.  24.  Quanlunqoe  il  disperato  Saracino 
Non  gli  dk  noia,  ma  lo  sfa  a  guardare.  Ar. 
Fur.  18.  59.  Né  dubitar  perciò,  che  Ruggier 
muoia.  Ma  ben  colui,  die  li  dìi  lanta  noia.5lrn. 
ben.  I^arch.i.  94.  Cesare  comandò  allora,  che 
non  gli  fouedato  più  noia, e  donò  al  suo  sol- 
dato certi  campi. 

DARE  NOME.  Nominare;  e  talora  Spar- 
ger voce.  Far  correre  fama,  o  simile.  Ut. 
vocare,  mmorem  spargere,  gr.  6v9jud:$aiv, 
>^/»v   dlc«9T((jMiv.    .4met.  47.   Per  la  qnal 


cosa ,  di  piana  concordia  a  darà  ■  questa 
altro  nome  dispostisi,  per  quello  speravano 
più  benigna  fortuna.  E  88.  Ed  a  cui  davanti 
più  laudevole  cosa  surgerà  di  quello  colpo  da 
tutti  voi  ad  un'ora  donato,colui  giudicheremo, 
che  dia  retemo  nome.  Tac.  Dav.  ann.  44. 
183.  Andava  dicendo,  che  ali  sdegni  delle 
madri  si  deon  tollerare,  e  placarli,  per  dar 
nome  d'esserti  rappattumito,  e  accoglieroAgrip- 
pina,  che  veniva  ec.  a  rall^rarst. 

•  SI*  Per  Render  rinomato  ,  famoso. 
Tac.  Dav.  ann.  46.  939.  Come  agli  altri 
r  industria,  a  lui  dava  nome  U  Iracuranss. 
•  ;  Ovid.  Simint.  I.  88.  Le  meravìglie  le  die- 
dero nome. 

$  9.  Dare  iu  nome  d'alcuno  ,  vai»  Dare 
in  véce  di  colui.  Lai.  alieno  nomine  dare. 
gr.  dévr'  «AAov  itSòvM. 

S  3.  Dai^  il  nome ,  è  anche  termine 
militare,  e  vale  Dare  il  segno  negli  eser* 
citi  a'soldati  per  riconoscersi,  lat.  signum 
dare,  Tacit.  gr.  ntfttìov  ^evvsu.  Nov.  ant.  85. 
f .  A  ppressandosì  di  avvisare  insieme,  vollono 
dare  il  nome,  come  s'usa  a  battaglia  e  disse  : 
signori,  vi  pri^o,  che  il  nome  tia  questo. 
Stor.  Pisi.  57.  Divdono  lo  nome  alle  guar* 
die,  che  vi  guardavano.  E  83.  Tutta  sua  gente 
fece  assembrare  e  diede  il  nome.  Tac.  Dee-, 
ann.  I.  4.  Morto  Augusto,  diede  come  Smpe- 
radore  it  nome  alle  guardie.  E  Star.  4.  946. 
Vi  tirò  Barbio  FrocoTo,  che  dava  il  nome  alla 
gmrdìa. 

•  S  S  4.  Dare  il  nome  a  un  giornale,  a  una 
opera,  ec,  vale  Obbligarsi  a  premiere  per 
un  dato  prezzo  uno,  opiù  esemplari  di  un 
giornale,  di  un'opera,  ec.  che  si  ha  da  pub^ 
blicare  dentro  un  certo  spasÌo-dÌ  tempo. 
Cu.  leu.  t.  980.  Aspetto  il  manifesto  per  ten- 
tar l'animo  delle  persone,  che  voletser  dare  il 
nome  al  giornale. 

DARE  NOTIZIA.  Avvisare,  Far  noto.  Ut. 
certiorem  f acero,  instruere,  decere,  gr.  dc- 
dà^xeiv,  uijtfùciv.  Dav.  Camb.  96.  Ho  detto 
l'origine  del  cambio,  quel  eh'  e'  sia,  e  perché 
lecito  ;  dirò  ora  com'  ei  si  faccia,  dando  prima 
alcune  nutìsie.  Ar.  FUr.  44.  98.  Ne  si  vedeA 
alla  mostra  comparire  II  tegao  lor,  né  dar  di 
sé  nolisia.  E  46.  88.  Mandando  or  questo,  or 
quel  giù  neiriufemo  A  dar  uolisia  del  viver 
modenio.  B  Negr.  4.  9.  Ha  notista  Me  ne  darà 
forse  colui. 

1$  E  neutr.  pass.,  vale  Farsi  noto.  Mani- 
festarsi. Ar.  Fur.  81.  9.  Seusa  dir  altro,  o 
più  uotiaia  darsi  Dell' esser  lor,  sì  vengono  a 
rincontro. 

DARE NUOVA,# DARE  LA  NUOVA.  Av^ 
visore,  \Becare  altruf  notizia  d'alaota 
cosa,  o  persvna.l  Lai.  nnucinm  afferro,  lUin- 
ciare.  gr.  iTtayyliiii».  Lasc.  Spir.  5.8.  An- 
dai iu  una  casa  per  darU  U  nuova  del  paren- 
tado. ^r.Fitr.  94. 40.  Mitnda  a  dar  di  sé  nuove 
alla  tua  torma.  Red.  leti.  9.  448.  M'immagi- 
no, che  V.  S.  Illustrissima  l'avrà  veduta:  mi 
dia  qualche  nuova  confidentemente  dell'autore. 

DARE  NUTRIMENTO.  Nutrire.  Ut.  ali- 
menta praebere,  alerò,  gr.  rpof^v  Mà-mu, 
Tass.  Ger.  8.  73.  Ma  l'antiche  cagioni  all'in 
nuova  Materia  insieme,  e  untrimcuto  danno 
[qui  metnforic] 

DARE  OCCASIONE.  Porger  cagioneJ»t. 
caussam  dare.  gr.  à^oppà}v  Ìt^óv9U.  7'aC. 
Dav.  ann,  41.  431.  Le  Iurte  d'Oriente  cosi 
divise  .  e  dubbie,  ove  si  gettassero ,  diedero 
a  Mitridate  occasione  d'  occupare  T  Armenia. 
Alteg.  63.  Il  vedovo,  per  rteuoprir  la  tua  pri- 
ma scimunilaggtne  ,  ad  ogivi  poro  d'occastou , 
che  gliene  fosse  data  ,  con  lui  sospiretto  ma- 
gherò ec.  rammenterebbe  la  benedclt  anima 
della  soa  colei.  Cas.  leti.  96.  I  quali  uffici 
mi  danno  occiisionc  dì  far  per  lei  quello,  che 
grandemente  desidero. 

DARE  OCCHIATA.  Guardare  alla  sfug- 
gii a, \^\.^Hler  inspieerc  %T.  Itx^^ipytti  C((- 
OpSkv. 

itARE  OCCHIO.  Guardare.  laU  oeulot 
adiicere ,  adspoctare ,  eoniueri.  gr.  ftjo- 
pSiìt. 

'S  4.  Dare  occhio  a  checchessia ,'  vale  No* 
hilllarlo  di  apparenza.  Ut.  venustatrm  ad- 
derò, gr.  xàXXoi  np^TttBivou. 

5  9.  Dar  /'  occhio,  vale  Volger  lo  sgrtar^ 
do]  la»,  aspicere.  gr.  ìltt/iUnuv.  Dani.  Pnrg. 


Digitized  by 


Google 


M  DIH 

ti.  Ed  io,  ebr  Inlto  l'inoli  P*'<uoi  comaii- 
daiwati  era  dcruto.  Li  meule ,  «  gli  «cebi , 
ore  ella  volle,  diedi. 

J  3.  Dar  d'occhi»,  vale  yolgailo  cnula- 
tmmeHtt  cott  lUstrézni,  e  presUzan  ;  e  tal- 
volta  Guardare  con  tUiid'trio,  e  con  eom- 
fiateiua.  lai.  ce»<«  iutpUart ,  aéiuilara, 
adnitare.  [gr.  e;<a^^auÙTT«v.']  Pacar,  if*  t. 
MOV.  S.  PaftisH  Bucciolo,  ec;  e  dando  d'oc* 
ehio  Ira  quelle  donne  ec.,  fide  una,  In  1'  al- 
tre, elie  molto  gli  piaceva. 

j  4.  [Dar  d'occhio,  vaia  ancho  Far  caH- 
Ho  ,]  Jceeìtaara  [coU'oce/tio.  lai.  ocnlis  in- 
auara.  gr.  intW^by.]  Cacch.  Etall.  cr.  4. 
r?.]  Io  do  d'occhio  agli  sbirri  ;  e*  te  lo  ciuf* 
uno,  E  caccianlo  in  prigiooc.  Buon.  Fior.  t. 
4.  IO.  Di  d'ocelùo  A  im  uon,  che  veadea  gab- 
bie, e  colle  gabbie  Direni  uccelli. 

$  6.  Darà  negli  occhi,  vaia  Offìmdarein 
vitta.  lat.  ohinlum  offandare,  aspactui  ingra' 
tnm  tua.  gr.  xivlìr,  av/Mttìi. 

J  •.  J?  talora ,  prato  in  buona  parte,  va- 
la  Tirara^a  gè  la  vista,  allattare  la  vista, 
lat.  ocmIos  attrahare,  ailicere. 

S  7.  Dar  la  Dall'are,  \o  della  polvere]  ne* 
gli  occhi,  modo  tatto,  dinotante  Cercar  di 
o^Htcar  V  altrui  mente  acciocché  non  bau 
diteerna  la  verità,  lat.  velamen  oUieere , 
/aliare,  gr.  ifaxaniy.  Buon.  Pier.  ».  *,  «. 
Cb«  beiich'ei  vegga,  ch'olla  lo 'ulinoccbi,  Vuol 
dirli  dalla  polvere  negli  occbL 

DARE  ODORE.  Bendare  ,  o  Etalare 
odore,  laL  olerà,  gr.  jjtiv.  <  Bocc.  Teteid, 
1.  40.  E  àii  II  lerra  mirabile  odore.  B  II. 
ti.  [Taglialo  favvi  ancor  l'audace  abete,]  E  '1 
più  «imilemeute,  ('che  odore  Dà  dalle  tagliatu- 
re, eom'iepete.]  CAiair.  rim.  [a.  101.]  Che 
diri  dì  tanti  6ori,  Fior  cbc  dan  cotanti  odori7 
£[191.]  Eccoli  noauoirrron  Borir  ai  min  E 
danno  odor  le  vili.  ••  Oit.  Cam.  Par.t.  114. 
Quella  fama,  dice,  la  quale  volentieri  io  co- 
rono ed  onoro  con  roim,  la  quale  dà  ottimo 
odore. 

S  I .  Par  AgfriugHere  odora,  lat.  odorem 
adiieara.fr,iùoipi»r  ■xpoet/iLfiiiXur.  Dav. 
Colt,  MI.  Al  vino  dolcisaÌHU  darai  odore  e 
Mport  dì  moacadello,  mettendo  fiorì  di  sam- 
buco aencati  al  reaao  per  ogni  caratello  un  pu- 
guello. 

S  S.  J9«re  hion  odora  di  tè,  vale  Far  con- 
cepire stima  di  ti  con  aaioni  virtuose,  lat. 
bònam  ttU  famam  spargere,  bene  olere.  [gr. 
«aAa<  òùievtiy.]  Fr,  Clord,  Fred.  H.  Proc- 
curi  tempre  di  darò  buono  odor*  di  sé  in  ogni 
sua  opera. 

t  DARE  OFFIZIO.  .^stagnare  eli  che 
altri  deve /are,  Pl^scriverslitlo.  BeU.yu. 
Bg,  SS.  Vuoi  tu  che  li  dia  olBiio  essendo  noi 
compagni  e  dirati:  Fa  quello, ovvero  quello.» 

DARE  OMBRA.  Lo  sietso  che  Dar  gelo- 
sia. laU  suspicionam  iniicere.  gr.  Cir^voiscy 
ifsfiiiìXut.  :  Car.  leti.  inad.  I.  US.  E 
riuscendo,  può  pensare  che  facilmente  sarebbe 
|*er  dar  ombra,  e  dispiacere  a  S,  S. 

DARE  ONORE,  o  L'ONORE.  Onorare, 
Celebrare,  [Esser  cagione  d'onora.\  lat.  ho- 
norem dare,  /amam,  et  nomen  /acere,  gr. 
foe/ss  irM<;>.  Pelr.  ton.  ti.  Che  vi  pui 
dar  dopo  la  morte.aiicora  Mille,  e  mill'  anni 
al  mondo  onore,  e  Tana.  yir.  Fur.  40.  79. 
Avea  Dodon  quella  felTala  maaaa.  Che  in 
mille  imprem  gli  die  eterno  onoro.  Boom. 
Karch,  S.  4.  Chi  dunque  |>enser^  felici,  e 
veri  Quei,  che  a*  danno  i  rei  non  degni  ono- 
ri? Tac.  Dav,  Star.  S.  MI.  lu,  se  noi  vin- 
ciamo, me  ne  tonò  l'ooon,  che  mi  darai. 
Barn,  Ori.  S.  7.  IO.  Non  dar  1'  onore  a  que- 
sto rinnegato.  Né  la  Rlorta  alla  genie  sararina. 

S  Dar  l'  anora  di  chetchessla,  vale  jet- 
tribuirna  l' onora,  lai.  Aonarnm  dar»,  gr.  n- 

^  DARE  OPERA,  e  OPRA.  Operare, 
accudire,  attendere,  lai.  dare  aperam.  gr. 
iry>«;ix«>.  Bocc.  nov.  IS.  IT.  Rispose  ec., 
che  ella  tenaa  deuuo  indugio  darebbe  «|i*ra 
a  bre,  ohe  «gli  il  suo  piaorra  avrebbe.  E  net; 
M.  ai.  Oneaa  rosa  rra  il  dare  opet*.  che  la 
buoua  donna  riaresse  il  suo  maritik  Aatet,  SS. 
C^U  (Ma  ««èva  a|>pr»a  tuilu  la  sua  oramene, 
che  U  santa  Dea,  locoa  da'prieghi  anni,  diede 
opera  aiU  paiolo,  e  eoa  Ine*,  atei  da  me  si- 
nade  ao«  veduta,  M«M  sopra  i  tuoi  altaiv  .4r. 


DAR 

Supp.  I.  1.  Quello,  che  intin  qui  Dulipohai 
reputato,  è,  come  io  ti  dico,  Erostrato,  il  quale 
venne  per  dare  opera  agli  studi  in  questa  città. 
E  apprettai  Dall'altra  parte  Dulipo  ec,  co- 
minciò a  dar  opera  alle  lellere. 

«SI.  Darà  opera  ai  calcagni,  vale  Dare 
/accenda  ai  piedi.  Fuggire.  mAr.  Fur.  18. 
ISi.  Frate,  bisogna,  Cloridau  dicea,Gittar  la 
sooaa,  e  dare  opra  ai  calcagni». 

$  %.  Per  Dar  materia.  Ar.  Far.  SM).  3. 
Ben  mi  par  di  veder,  eh'  al  secol  nosyo  Tanta 
virtù  fra  belle  donne  emerga,  Che  può  dare 
opra  a  carte,  e  ad  inchiostro. 

*  J  3.  Per  Mellara  studio.  Bemb.  Pros. 
S.  SO.  Da  questi  diretti  ec.  si  guarderà,  a'buoui 
avvertimenti  dando  maggiore  opera. 

*  $  k.  [E  Dare  le  prime  opere  ad  una 
lingim,  o  simile,  dicesi  Del  primo  appli- 
carvisi.]  Bemb.  Pros.  S.  01.  Queste  mede- 
sime cose  ec.  ho  altra  volta,  dando  alla  latina 
lingua  le  prime  opere,  udito. 

s  S  S,  Dare  opera,  per  Mettere  in  esecn- 
zione,  Ejfelliiare.  Bocc.  Pist.  Pr,  S.  .^;>.(304.] 
Acciocché  più  oltre  non  fussi  dal  nocevole 
peto  aggravato,  partire  mi  disposi^  e  a  dare  alla 
disposisione  opera,  non  indugiai. 

*  $  6.  Dare  opera  col  DL  Bocc.  g,  4. 
n.  I,  Diedeti  a  dare  opera  di  dovere  a  lei  an- 
dare, tecondo  il  modo  da  lei  dimostratogli. 
Segnar.  Mann.  Hov.  13.  3.  Per  pacifici  in- 
tende qui  coloro  i  quali  danno  opera  di  ri- 
conciliare a  Dio  i  peccatori.  *2  Sostali,  leti. 
1 13.  Giunto  adunque  il  sopraccarico  in  alcuna 
scala  anbilo  dà  open  di  apedirsi. 

DARE  ORDINE.  Ordinare,  Imporre;  e 
anche  Ridurre  in  buon  ordine. IzU  consti- 
tuera,  stalliere,  modarari,  regere,  campo-' 
nere,  ordinare.gr, xv^irtó^vtu.  Bocc.InIrod. 
40.  Diedouo  ordine  a  ciò,  che  fare  avestono 
in  sul  partire.  E  S3.  E  questi  ordini  somma- 
rianieule  dati,  li  quali  oa  tutti  commciwlati 
furono  ec,  disse.  E g.  I.y.  4.  Dato  adunque 
ordine  a  quello,  che  abbiamo  già  a  fare  co- 
mincialo, quinci  levatici  alquanto  u'  aodrera 
soUassando.  Bnov,  13.  S4.In  buona  pace  colla 
donna,  e  con  Alessandro  rìmesiigri,  diede  or- 
dino s  quello,  che  da  far  fosse.  E  nov.  S3.  SO. 
E,  dato  ordine  a'ioro  falli,  si  fecero,  che  scnsa 
aver  più  a  tornare  «e.,  molte  altre  nnllj  con 
pari  letitia  insieme  ti  ritrovarono.  Cf*.. 7.  89. 
3.  Comandando  la  credensa,  e  che  tornassero 
in  Cirilia  a  dare  ordine  alla  rubellaaione.  Ar. 
/Vir.  13.  83.  Per  dare  e  capo,  e  ordine  a  cia- 
scuna. Tutto  il  campo  alla  mostra  si  rauna. 
Lasc.  ^ir.  4.  0.  Corri  oc,  e  da 'ordine  tpac- 
ciatamente. 

*lj^i.  Per  Dar  commetstone.  Ordinare, 
Frane.  Sacch,  n<H>.  SiO.  E  giunto  là  fa 
Carrara),  e  avendo  dato  ordine  al  marmo,  si 
ritornò  a  Parma. 

2  $  S.  Dat^  ordina  ad  nna  cosa,  vale  Met- 
terla in  orditia.  Prepararla,  Frane.  Sacch. 
nov.  103.  E  per  più  di  dato  ordine  alla  calci, 
na  e  a'colurì,  nella  fine  salì  sul  poulr. 

DARE  OHECCIIIO.  Porsi  ad  ascollare; 
e  anche  Acconsentire, Prestare  assenso.  Di- 
spersi a/ar  ciò,  che  vien  propotlo.latjtrae- 
bareanrem,  accomodare  aurem.gr,  auf  Tco- 
fiiiiit.  Lab.  144.  E  quelle  colla  fante,  colla 
furnaìa,  colla  trecca,  colla  lavandaia  berlingano 
seuaa  ristare,  se  altri  non  trovano,  che  dia  loto 
orecchie.  Pesa.  918.  Ancora  è  cagituie  di  tale 
eechilà  dar*  volentieri  orecchie  alle  lodi  de' 
lusinghieri.  Ar,  Fur.  45.  SO.  E  lei,  che  dato 
orecchie  abbia  riprende,  A  tanta  iniqua  tuspi- 
siuae  a  slolu.  lae.  Dav.  Aor.  3.  303.  Ad 
Antonio  tol*  davano  orecchi,  perché  era  facon- 
do. .  Ctiin.  leti.  13.  38.  Signor  miei,  mercé  ; 
datevi  orecchia  (  alla  tromba  ) ,  •  ricevete 
S|irendore  in  lanla  lue*.  Baec.  Amet.  [  47.  ] 
Sudanti  sopra  la  le  >*re  erbe,  davamo  gli  orec- 
chi ai  cauti  de' Vari  uccelli. 

$  %.  Dare  d'orecchio,  vale  Atcoitare  coti 
alla  sfuggita  e  di  nateat:  ìa^/urlim  au- 
dira, 

$  9.  Afre  aagit  «rrrcAi  ,  vale  Ojfcnder 
tudiio,  lat.  aurea  ottundere:  gr.  sàrexasit». 

%  i.  E  lalora  preso  in  tuona  parte, 
vale  Aiettar  f  udite.  Piacere  air  udito.  Ut. 
aurea  ailicere. 

DARE  OSTAGGIO,  «  PER  OSTAGGIO. 
Caneegnare  fertam»  m  <i<wr««M,«rfM<aw- 


DAR 

tela.  lat.  obsidee dare,  ottidia  dora.  gr.  ipif 
pouf  iiiàmt,  Tac.  Dav.  a»n.  II.  131  Malli 
volevano  Gotanc;  aicoui  Mcerdale  {glitnlo 
di  Fraate,  datoci  per  ostaggio:  viuK  Golarta. 
E  137.  1  Galli  ci  pieiero;  deiamo  sncàe 
ostaggio  ai  Toscani  ;  patìmaio  il  giogo  ds'Ssa- 
niti.  £  13.  174.  Mandava  ambasciadorì  in  sao 
nome,  e  dc'Parti  a  intendere  onde  fosse,  càc 
avendo  poco  fa  dati  ostaggi,  e  riauorsls  Is  le- 
ga ec.,  lui  volesier  eacciare  dall'aulico  posia- 
so  d'Armenia. 

$  Per  slmllil,  Burch,  I.  HO.  Il  Sol  già 
era  nello  scarsCiggiu,  E  i  laoscieni  avean  ésto 
a'furfanli  Uti  bsril  d'acquerei  per  loro  oils|^ 
DARE  PACE,  e  DAR  LA  PACE  Qnirfa- 
re,  PacIJicare.  ìzt.^uietem  afferre.ttdare, 
componare,  gr.  n«v<w,  iiftpivn,  Pelr,  sta. 
333.  Datemi  pace,  o  duri  miei  pensieri.  ;  &• 
gnor.  PreJ.  3.4.  Lo  perseguilo  con  lerrorì, 
né  per  tutta  la  vita  die  mai  più  pace  s  qui 
cuore  agitato  da  tante  furie,  quanti  slla(|is<a 
o  di  giorno  pensieri,  o  di  notte  ugni. 

•  S  I.  Darsi  la  pace  insieme,  vale  Darti  il 
saluto  del  cristiano  [abbracciandoti ?^  Vit. 
S,  Domini,  999.  Le  'Vergini,  dandoli  la  pict 
insieme,  si  gittarono  in  oraiiune,  rKcoasnIsa- 
do  l 'anima  loro  a  Dio, 

S  9.  Darsi  pace,  nrutr.  pass.  Quistord. 
lat  aciluiescare.  gr.  isacMtnKVCrSci.  ttct. 
nov.  4S.  9.  Trovando,  che  in  ninna  cosa  la 
giovane  aveva  colpa,  alquanto  si  die  più  pwt. 
Ar,  Fur,  9S.  77.  Disse  con  grande  ardir:  ds- 
levi  pace  ;  Sopra  me  qnest'  impresa  lulta  che- 
ni.  Dav,  Scitnt.  13.  Del  divonio  di  Cslerins, 
e  di  tali  nuove  noiae  uno  ti  polevan  dar  pfcs. 
S  3.  Dar  la  pace  al  nemico  ,  vela  Paci- 
/carsi  con  Ini.  lai.  ctun  inimico  ìa  gratìam 
redire,  conciliari.  Segner.  Pred.  3. 1 .  M'iai- 
pone  Cristo  nell'  odierno  Vangelo,che  a  aone 
suo  TI  comandi,  che  voi  diate  1*  P*^  ''  ^oàn 
nemico,  che  gli  rilasciate  ogni  ouèsa. 

S  4.  Dar  la  pace,  Funaiane  ecc/fsla- 
slica,  che  ti  /a  col /ar  tagna  daitracciar- 
ti,  o  col  porgere  a  baciare  una  lavalatu 
tacra.  :  i>n//ef.  Slor.  Cane.  859.  Cornei, 
levasi  l'eniulilà  in  tulle  le  cnndiaiaui  de'dnt 
Ministri,  i  quali  dessero  l' incenso,  e  la  pscr. 
.  S  5.  Dar  la  pace,  tale  Salnlara,  Ac- 
commiatarti. Fit.  S.  Domini,  981.  E  faiile 
ch'ebbouo  l'oraaiooe,  eolaousi  alla  donas  lora 
e  dierongli  la  santa  pace. 

S  8.  Dar  la  paca  di  Marcon» ,  ">' 
Congingnarti  camalmenla  ,  [cesi  dalla  dal- 
la novella  d'  una  sciocco  chiamalo  Marta- 
no ,  al  guata  un  tuon  parroco  aveva  iosa- 
gnata  a  fTtpondera  lu  chiesa:  La  psee, 
ipiando  el  lo  avratta  Interrogalo:  Qoal  e  n 
maggior  bene  delI'vioiDO  ì  Ma  egli,  <^'  "' 
momento  che /u  interrogato  era  sonnacctio- 
so,  ed  aveva  il  capo  ad  altro;  rispote  net 
parala  più  tconda,  che  comincia  par  la 
stessa  leltera.]  CiriJT.  Cale.  9.  39.  Ulli»- 
mente  feciono  un  bel  ginoco.  Che  e' si  dellen 
la  pace  di  Marcone. 

$  7.  Dar  la  pace  vinta,  fermine  dal  giuo- 
co, a  vale  Conceder*  all'altro  la  posta  per 
vinta,  tempre  che  sia  paca,  cioè  sia  lU pari. 
5  8.  Dio  vi  dia  paca  ;  modo  di  salnlara 
altrui,  lai.  pajr  libi,  gr  ts^mi  »»•■  Ceceh. 
Servig.  5.  9  O  DomeniCD  mio.  Dio  vi  dia  pa- 
ce. •  Dani.  Purg.  91.  DicoiMla:  Frati  miei,  Die 
vi  dea  pace. 

DARE  PAGA.  Arruolar  saldali, 
5  Dar  la  paga,  vate  Caulmr  la  mercede, 
ìsi.ttipendium,  ruereedatit,salarium  tolvert. 
yt,  /uaiij  ixrini*. 
I       «:  PARE  PAGATORE.  Dar  mallevade- 
j  re.  lai.  sponsorem   dare.  Kit.  SS.    Pad.  1 
I  334.  I  decreti  della  santa   Cbiata  comandtao 
'  cb*  ninna  meretrice  sia  baitcatata,    ae   prima 
I  non  dà  pagatori  di  non  tornare  più  al  pRcale. 
'  (II  lai.  a  ili  ><''<'•"•'<'«  praett  iteri!.)    Llr. 
dee.  3.  Piarqne  a'  padri,  ch'e'detae  pagatore, 
e  àascDno  de'mallevadori  a'obbligò  di  pagare 
I       :    DARE  PANE   AD  ALCUNO.  Dargli 
mezzi,  o  assegnamenti  per  mvera.    Bene. 
I   Coli,  Fu.  I.  951.  Se  io  fuaai  isn  imperatore 
ricco,  i»  duotrti  al   ano  Benvenuto  tanto  ler^ 
I  reno,  quanto  il  suo  occhio  scorresse  ;  ma  per- 
I  che  noi  dal  di  d*  oggi  siamo  poveri  ìmperalorì 
'  Callìli,  a  ogni  modo  gli  daremo  Inalo  pane,  cbo 
'  kailarà  alle  sise  fitnit  «agite. 


Digitized  by 


Google 


DAR 


DAR 


DAR 


«I 


BAU  PA:iZAKE.  L»  tietu  ci*  Ficcar 
ctnUi  ^—d»  bassa  «  prtstoeki  fuori  di 
ttst,\  /«/t4.  Ercol,  76.  Qowti  due  Terbi, 
^  jiHiiif  oTvcni  beggùue,  e  ficcar  carote, 
tsm  aM  por  fi«>rcutini,  e  toscani,  ma  ttalia- 
■^  nliwimli  da  Baiti  anni  in  qua.  £  86.  Dar 
pMa  r  U  aaedtfaiaMi,  che  dar  panaane,  e  pa- 
lliar p«  Inttcocre  chi  die  sia. 

)  DARE  PAROLA,  t  DAR  LA  PAROLA. 
Omr  f—  misiia»»  ,  Dar  lictnsa.  laL  Jidem 
Jtrt.p.iffi.'^^t-  Sler.  Piti.  116.  Puccsse 
lan  di  darli  pania,  che  potesse  passare  per 
he»  leneoo.  La  Rei^giani  lì  diedooo  parola. 
Jacv.  ìmv.  ss.  23.  lofiao  ad  ora  colla  mia  l)e- 
aaJiiiiHii  li  do  la  parola,  che  tu  oc  facci  quel- 
la, <te  l'amw  ti  fiodica,  che  beo  sia  fatto. 

{  I.  Psr  PramMlerc  cau  sicurttta  di  os- 
smara.  U.JUam  dara.tf.aVfxaptXi.l»  C. 
T.  %.  att.  *.  E  A'  altra  pule,  per  la  baralle- 
ris,  che  «Hier  Raaoodo  face*  fare  a  uno  suo 
■■■swali».  di  dare  parola  per  dauari  a  chi  si 
«la  piftm  drir  <wle.  Burch.  1.  84.  E  fecer 
4Jh* dia  desse  b  parola,  Cb' un  asia  s*anurgas- 
sr  ìa  frale  Gaio  ». 

5  l 'Oar  pmroim,  vale  Intertcnerej  Non 
mnirt  a' falli.  ìaX.  reri>a  dare.  gr.  noiptcìe- 
7Qif9n.  yarti.  Ercol.  86.  Dar  parole,  cioè 
maraert  •  uaii  Tcuirc  a'  fatti,  cavatola!  Iati- 
ai,  <ka  dicenao  darà  verta,  e  lo  piglunno 
fa  imfamur».  Diceaì  aocora  dar  paroliae,  o 
Wne  psrol«.  .^r.  Casa.  t.  S.  Forse  Tenuti 
■rthhaao  Degli  «Uri,  che  manco  parole  dato- 
ci Amlitiiiii.  e  più  faUi.  •{  Ovid.  H<m.  Jm. 
19.  Ogw  amante  dk  parole,  e  dimorando  trora 

*  (  S.  Darà  j^roia  ,  vaia  anche  iiifitioc- 
tiiere.  Darà  a  briwk  Darà  ad  imendare  a 
far  tndara  ^uat  cWka»  a,  iagaanare.  laL 
•HHerr,  t-arba  dare.  San.  Ari.  /|A.[ÌT.]  Per- 
ibe  ni  ca««do,  se  Penelope  fu  disonesta,  a 
aan  lnl«  al  SBarilo,  o  s'ella  diede  parole  al  sua 
■mio,  o  s'ella  ebbe  sospetto  ec.  •;  OvId.  Rem. 
Jat.  IC  E  là  che  fnrtiTamenle  si  congiuuga- 
m  1  |ieraù  e  le  paurose  douxelle,  le  quali  dia- 
na* artf  e  ingegna,  parole  allo  scal- 


14.' Dar  tuona  f  arale.  Usar  risposte  te- 
ifae.  bc  smolliara  res/wdere.  gr.  npiuat 
iaaafiytu.  Tae.  Dav.  aan.  IS.  ['ISS.jEgli 
im  parole  cenetali,  e  spesso  buone.  »l  Cas. 
Ui.  Ser.  »S«.  Prego  voi  che  diciate  i  Nicco- 
lè  ch'io  ho  latto  tutto,  a  che  lo  meniate  al  Car- 
Aaale,  il  quale  gli  dia  quattro  buone  parole, 
e  aelh  cassa  si  làccia  giustisia. 

{L  OftU  IO  frovertio!  Dar  BiioHe  pa- 
nie, a  cattivi  falli,  iagatma  i  savit,at  mal- 
IL  f'ardi.  Ercol.  19.  Dare,  o  Tendere  bosso- 
Islii  ac,  «  Teaderc  Tesciche  per  palle  grosse,  o 
dar  hasMe  parale,  e  cal(ÌT>  falli  ;  la  qnal  cosa, 
come  dice  il  proTerbio,  inganna  non  meno  i  sa- 
ni Am  i  malti. 

J  6.  Dar  cattiva  parola;  suo  contrario. 
IsL  dMritra  raspondara.gt.  axjq^fif  KXOxpl- 
<■>. 

$  T.  Dar  parola  ftnrrali,  vale  Riipoa- 
im  rm  amtigailà.  lat.  iacarla,  media  ra- 
Sfaadett,  gr.  à/itniófm  iltoxpitu*.  Tac. 
Dar.  man.  11.  <SS!  £gli  dar*  parole  generali, 
e  vessa  booae. 

DARE  PAROLQiE.  yarch.  Ercol.  86.  Da- 
rà («sto  é  il  medesimo,  che  dar  panaane,  e  pa- 
ndne  per  Iralteaere  chi  che  sia. 

DARE  PARTE.  Dare  avviso,  Dare  nott- 
ua, Pariecipare  una  cosa  ad^  alcuno.  laL 
\'mmure.  gr.v»(mr)tXUn.]Hed.lett.i.  289. 
Ifc  è  parso  neceaiario  dar  parte  del  lutto  a 
Taaagseria.  ;  E  hit.  IT.  Ho  stimalo  bene  di 
dame  parte  aTS.  Dloitr.  perché  parmi  che  una 
<alu  Q  Sig.  Lapi  mi  dicesse,  che  VS.  laTora- 
sa  imervo  a  sbasii  materia.    •  « 

PARE  PASSATA,   f  «/«  Darà   cartacce. 

leva.  Star.  1.  «.  Rimutalisi  di  parere  ec.,  non 

Tnllmii  larlo,  e  dell  oso,  come  si  dire,  passata. 

BARE  PASSIONE.  Moleslara,  Travaglia- 

n  laL  urera,  vaxara.wt.  mpueaiw». 

S  Darsi  passiaae.  Pigliar  molestia,  lat 
•agi,  aagritmdiaa  affici,  ir.  KviàTSoo. 

•ARE  PASSO,  e  DARE  IL  PASSO.  Lo- 
eatiaai  dlaalantl  Conceder  facoltà  di  pat- 
—rt.  lai.  riam  dare.  gr.  Ubv  TCOfljpa,  Din. 
Cmf.n.ii.\  I  Sanasi  diedero  loro  il  passo. 
Sara.  òri.  1. 17. 1 1.  Il  quale  al  ce  Agraman- 
yocabalario.—  i. 


te  ha   dato  il   passo,  E  Tuoi  con  lui  congiu- 
gnersi in  campagna. 

DARE  PASTO.lal.  klandealloqui,inanispe 
lactare.  gr.  ['x<yetl7cy  iXitln  dcp/ieciMiSot.] 
^'areA.£>*co<.  86.  Dare  pasto  è  il  inedesimo  che 
dar  panaane,  e  paruliae  per  traltenere  chi  che 
sia.  Tac.  Dav.  Slor.  1.  US.  Egli  daTa  ^lastu  a 
ognuno,  lemperaTa  eoo  Tuce  o  Tolto  i  soldati 
aTtdi,  e  mioaccianti  ec.  Barn.  Ori.  1.  85.  4. 
E  fiere,  e  mostri,  che  hanno  Tisi  umani,  Son 
latti  per  dar  pasto  allo  persone. 

DARE  PASTOCCHIE.  Lo  stesso  die  Dar 
pasto,  tal.  lattare  veròis,  inani  spe  ducere. 
gr.  ['xrvainv  iìintot  Stppaivta^ou.]  Hed.lett. 
S.  146.  Allora  le^To'daf  tante  parale  di  ringra* 
aiamcuto,  lanle  pastocchie  e  tante  bubbole,  che 
ha  Ja  esser  un  diluTÌo. 

^  DARE  PASTURA.  Dar  pasto.  Buon. 
piar.  4.  Introd.  Più  ba^atlelle,  e  ciance  Ha 
finte  a  allettar  gente,  e  dar  pastura.  2  Car. 
lati.  ined.  *.  S67.  "rravaudosi  ora  in  grazia 
poterà  cou  pili  Taotaggio  oegoaiar  le  cose  de 
la  M,  S.  che  non  farebbe,  se  per  dargli  pastura 
gli  venisse  in  disgrasia. 

S  S  Dar  pastura,  vale  auclie  Hnlrire  ; 
ad  usasi  così  al  proprio,  come  al  figurato. 
«  ^r,  sai.  9.  Il  qual ,  s'al  corpo  non  può  dar 
pastura.  Lo  dì  alla  mente  ». 

DARE  PAURA.  Atterrire,  lat.  formidl- 
nemgignere,terrorem  inculenf.fj.SlOi  epyà. 
(fT^tCì.  Dani.  Inf.  9.  Ma  nondimen  patirà  il 
suo  dir  dìenne;  Perch'i'traera  la  parola  tronca 
Forse  a  piggior  seutcnsta  eh'  e'  non  tenne.  *E 
1.  Ma  non  si  che  paura  non  mi  desse  LaTi- 
sta  che  m'apparre  d'un  leone. 

DARE  PECHIASSI.  a  DARLA  PE'CHIAS. 
SL  nascosamente  fuggire,  uscendo  delle 
vie  maestre,  lat.  se  clam  snbtrahere.  gr. 
iowriy  ixxliXTItv.  Lib.  son.  34.  Ecco  la  fu- 
ria; diaola  qua  pe' chiassi.  Barn.  Ori.  \.  10. 
56.  Chi  ha  veduto  i  putti  il  caniorale  Fare  a 
Firenze  in  una  strada  a'sassi,  S'  alla  contraria 
una  parte  prevale.  Quella,  che  manco  può,  la 
dà  pe' chiassi. 

5  Darla  pe'  chiassi,  figuratam.  Uscir 
del  Irma  par  isfuggir  le  difficoltà,  lat.  a 
proposito  digradi,  divariare,  [gr.  àv«xj9«i<<. 
aStu.] 

DARE  PE'  CONTANTL  renderà  cou  ri- 
cevere subite  il  preato  in  denari  contanti. 
lat.  argento  praesantario,  praeseuti  pecunia 
vendere,  gr.  à9yvpoiroiJLc7y,  Polib. 
■  DARE  PECfNO,  e  DARE  IN  PEGKO.  As- 
tlcnrara  altrui  col  metter  pegno  in  sua 
mano.  lai.  darapigmis,  dare  pignori ,plgn»ri 
apponare.  gr.  imvziHi-ifU  ri  Ttvi,  Polib.  /ir. 
Cass.  4.  5.  Questa  cassa  datami  Ila  un  mer- 
catante [in]  pegno.  £  Snpp.  i.  3.  Ti  darò  la 
fede  mja  in  pegno,  jllam.  Gir.  93.  18.  O  che 
tu  m.i  darai  la  fede  iu  pegou  Di  lerar  del  pas- 
saggio il  mal  costume, 

S  1.  Eftguralam.  Tass.  Cer.  18.  69.  [E  la 
man  nuda  e  fredda  aitando  Terso]  Il  .caTaliero, 
iiiTece  di  parole,  Gli  dà  prgnu  di  pace.  In 
questa  forma  Passa  la  bella  donna,  e  par  che 
dorma.  •  Pallav.  Slor.  Conr.  SSS.  Il  quale 
area  dati,  e  darà  si  larghi  pegni  d'amistà,  e 
di  fratellanza  Terso  il  cognato,  che  ben  palesa- 
va incliuasione  in  lutto  direrm  dal  volergli 
diminuire  una  dramma  delle  sue  antiche  pre- 
rogstiTe. 

S  a.  Dare  il  pegno,  {lo  slesso  cA«]  Conte- 
guarà  il  pegno. 

^  DARE  PENA.  Hacara  affli  sione ,  tor- 
mento, lai  morrorem  afferra,  vasare,  gr. 
KKisèn.  Pass.  384.  Più  cose  conosce,  che  gli 
danno  affliaion«,  e  pena.  Bocc.  nov.  70.  9.  Do- 
mandò re  che  pene  si  dessero  di  là  per  cia- 
scnn  de'  peccati.  Barn.  .Ori.  S.  15.  68.  Essen- 
do pien  di  doglia,  e  travaglialo,  Che  il  batter 
dianzi  gran  pena  gli  darà. 

S  1.  Darsi  pana,  vale  ytffliggersl,  lai.  au- 
gi, cura,  moarore  soUicitart.p.  àyiàedoa. 

S  S.  Darà  la  pena,  [vale]  ìmpor  la  pena. 
Boat.  G.  S.  109.  Adunque,  se  tu  giudice  rise- 
dessi, a  cui  da  dar  la  pena  riputeresti  7  Dav. 
Orat.  gen.  delih.  151.  Avete  inteso.  Accade- 
mici, il  perìcolo  nostro,  l*occasian,  che  me  l'ha 
mostro,  il  rimedio,  chp  ci  sarebbe,  la  pena, 
che  mi  parrebbe  di  dare.  •  •  Bern.Orl.Ì.tÌ. 
4.  So  che  degli  error  suoi  data  gli  avrei  La 
peua,  e  degli  altrui,  e  poi  de' mici  •>. 


DARE  PENITENZA,  [«  al  modo  antiro,] 
PENITENZIA,  e  DARE  LA  PENITENZA. 
Impor  panilansa.  lai.  'peenilantiam  impone- 
re.  gr.«avdyic  ÌTtniXlM.  Pass.  180,  Quella 
peniteiizta,  la  quale  voi  dareste  ad  un  altra 
prete,  che. ri  confessasse,  simile  peccalo,  che 
avete  latto,  fatela  vói. 

•DARE  PENSIERO.  Indur  la  anale  iitap- 
prensione. 

S  E  nautr.  pass.,  vale  lo  stesso,  che  Pren- 
der cura.  ìtX.formìdare,  curare,  animo  voi- 
vere.  gr.  fpovri^u*.  Barn.  Ori.  S.  16.  94. 
Levossi,  e  disse:  Or  non  li  dar  pensiero.  Re, 
ch'io  bo  il  modo  da  troTar  Ruggiero.  Tac. 
Dav.  ann.  46.  939.  E  lui  Infisse,  che  si  dava 
già,  come  Torquato  suo  z'io,  pensieri  da  imperio. 
Calai.  6.  Chi  di  piacere,  e  di  dispiacere  altrui 
uon  si  dà  alcuno  pensiero,  è  aolieo,  •  acostuma- 
lo,  e  disaVTenenle. 

DARE  PER  AVERE  A  AVERE,*  A  RIA- 
VERE. Soprappagara,  Entrare  a  balla  po- 
sta in  discetti,  e  in  brighe,  lat.  darà  red- 
denda,  siipervacuat  siti  curat  parare. 
Bem.  rim.  403.  E  dare  ad  altri  per  tTere  a 
aTere  [gni  propriamente,  dica  il  Parenti, 
vale  Dover  dare  altrui  mentre  |i  è  creditore.] 

.  DARE  PER  COMPAGNIA.  ••.  DARE 
COMPAGNIA. 

DARE  PER  CONSIGUO.  •>.  DARE  CON- 
SIGLIO, 

.  DARE  PER  DIO,  e  DARE  PER  L'AMOR 
DI  DIO.  Far  limosine.  lat.  pecunìam  in  pau- 
peres  erogare,  aleemosjrnam  facere.  ^r.iXt- 
itlsatimc  ffoccìy.  Bocc.  nov.  4.  99.  Del  cui 
avere,  com'  egli  fu  motto,  diedi  la  maggior 
parte  per  Dio.  £  mini.  26.  Perchè  non  riveden- 
do colui,  e  avendoli  serbali  bene  un  anno  per 
rendergliele,  io  gli  diedi  per  l'amor  di  Dio.  G. 
V.  12.  35.4.  Area  dato  par  Dio  a' poTevi  tut- 
ta sua  suslanza,  e  patrimonio.  Emim.1.  E 1  so- 
perchio di  suo  guadagno,  finito  povemmenle 
suo  mangiare  a  giornata,  daTa  per  Dio  a' poveri. 

S  In  proverbio  :  Sol  tanto  dir  posso  eh'  è 
mio.  Quanto  ch'io  godo,  a  do  per  Dio;  e 
vale.  Che  da'beni  temporali  non  si  cava  prò 
alcuno,  se  non  quanto  godiamo  in  questo 
mondo,  o  diamo  per  elemosina,  la  quale  ci 
sarà  rimeritata  nell'altro. 

DARE  PERDONO,  [«  PERDONANZA.] 
Perdonare.  Ial.iwn<*in  ({<ire.gr.[*avyyvat/(ev>' 
t/.'ìBoce.  net*.  48.  44.  E  umilmeote  d'ogni  ol- 
traggio passato  domaudò  perdouanza,  la  quale 
il  Conte,  assai  benignameute  io  pie  rileTaloto. 
gli  diede.  •:  Ovid.  Simint.  4.  24.  E  prinab 
co*  paurosa  bocca,  che  gli  dea  perdono.  E  3. 
33.  Ella  darà  perdono  a  le,  ta  tu  la  pregherai. 

$  E  Dar  perdono,  vale  Concedere  l' indui 
genta  coti  detta.  G.  K  t.  36.  tU.  Come  pa- 
pa Bonifazio  OttaTo  die  perdono  a  tulli  i  Cri- 
stiani, che  andassero  a  Roma  l'anno  del  Giub- 
bileo  4300. 

:  DARE  PERDUTO.  Far  perderà;  con- 
trarlo di  Dare  vinto.  G.  f  .  4  4 .  76.  4.  Lo  on  • 
nipoleote  Iddio  Sabaot  dà  Tinto,  e  perduto  a 
chi  gli  piace,  secondo  i  meriti  e  i  peccati. 

;  $  E  Dare  perduta  una  cosa  a  uno,  vale 
Fargliela  perdere.  Segn.  Slor.  4.  444.  Do- 
po questa  TÌtloria  che  io  gran  parte  dette  per- 
duU  la  guerra  a'FiorenUni  ec.  £40.  869.  Iu 
queir  tsmllo  non  Tollono  (i  Tedeschi)  ado- 
perarsi, anzi  ce.  detlono  perduta  la  speranza  di 
poterla  espugnare. 

.  DARE  PER  FATTO  CHE  CHE  SIA.  v. 
DARE  FATTO. 

DARE  PERFEZIONE.  Perfealonare.  lai. 
ultimam  matuun  Importare,  colophonam  tm- 
panerà,  gr.  xtUf  &•>»{' inctàimi.]  Pass.  184. 
Allora  SI  darà  perfezione  al  sagcamento,  ed  il 
peccatore  arra  rimissione  de'  peccati  iu  rittu 
delle  ehiari  di  santa  Chiesa. 

.  DARE  PER  GIUNTA.  Darà  In  luogo  di 
flunta  oltre  alla  derrata.  Borgh.  Col.  Lai. 
418.  Il  quale  non  sarà  fuor  di  propasito  dare 
come  per  giunta  a  questa,  se  cosi  si  può  dir, 
buona  derrata. 

.  DARE  PER  ISPOSA. .-.  DARE  SPOSA. 

DARE  PER  L'AMOR  DI  DIO.  v.  DARE 
PER  DK). 

.  DARE  PER  LEGGE,  o.  DARE  LEGGE. 

.  DARE  PER  LE  MANI.  •-.  DARE  MANO. 

•  DARE  PER  LO  CAPO.  Dare  addosso. 
Censurare.  Salvin.  Jnnot.  Uur.  4.  940.  E 
C 


Digitized  by 


Google 


41 


DAR 


bAR 


DAR 


«culo  che  Bacoue  di  Verulamio  ce.  gli  dia  per 
lo  capo,  $t  Hiln  placet,  in  alcun  de*»uoi  libri. 

•  DARE  PER  MEZZO.  Coglier»,  a  Feri. 
re  Me/  me^io.  Bocc.  g.  5.  ».  8.  Collo  stocco 
tn  mano  corse  addosso  alla  giovane  ec.,  e  a 
<|»ella  con  tutta  forxa  diede  per  neuo  il  pet- 
to e  lussolla  dall'altra  parte. 

^*  5  Darla  per  meno,  vale  GIttarst  alla 
vila  rotta.  lat.  Inxnrine  se  iradere.  Cecch. 
Dot.  I.  1.  Stimandoci  tutti  il  terso  pie  ch'egli 
non  avera,  fece  faccia  di  pallottola  ,  dandola 
per  messo  si*nsa  un  minimo  rispetto. 

DARE  PERMISSIONE.  Permetler*.  Ut. 
rtnlam  dare,  filiere,  permuterà,  gr.  tvfxtt- 
flly,  <5y. 

.  DARE  PER  MOGLIE.  ».  DARE  MO- 
GLIE. 

.  DARE  PER  OSTAGGIO,  v.  DARE 
OSTAGGIO. 

•  DARE  PER  PENITENZA.  Imporre  In 
luogo  di  pettifetiMa.  Bocc.  g.  I.  n,  6.  Per  pe- 
uitensa  dandogli,  che  egli  ofinì  mattina  doves- 
se udire  una  messa  in  Santa  Croce. 

DARE  PER  POCO,  fender  per  plecol 
pregio,  lai.  parvi  vendere,  parvo  dare.  gr. 
iìi-/ev  iroi)<{v. 

•  DARE  PER  SAGGIO,  v.  DARE  SAG- 
GIO. 

»  DARE  PERSECUZIONE.  Perseguitare. 
Petr.  l'  f^ll.  Imp.  Pont,  t  •«.]  Dette  gran  per- 
secnaione  a'Cristiani. 

.  DARE  PER  TERRA,  v.  DARE  A  TER- 
RA. 

.  DARE  PER  VINTA,  v.  DARE  VINTO. 

.  DARE  PESCHE,  v.  DARE  LE  PESCHE. 

.  DARE  PE'TEMPI.  v.  DARE  TEMPO. 

;  DARE  PE'TRAGETTI.  Dijllarsl  per 
essi.  V.  DARE.  S  40. 

DARE  PIACERE. '.^rrrcAr  piacere.  Jr. 
Cass.  5.  5.  E  se  non  che  la  fame  pur  mi  sti- 
mola, Non  cenerei,  per  non  lo  fare  accorgere 
Di  quel  che  gli  dark  piacer  grandissimo,  Se  lo 
sa. 

;  5  Eiientr.  pass.  valeDilettarsi,  Prender- 
ti piacere.  Bete.  f'il.  Colooib.  C.  30t.  Perché 
non  ti  dai  dtlelto  e  piacere,  mentre  che  se 'gio- 
vine, e  bello,  e  ricco?  6're/i.Jiare//.S84. Fog- 
gilo 0  in  pensare  ad  altro,  oin  andare  dove  si  rt  - 
gioni  di  darti  piacere. 

.  DARE  PIANTO.  Piangere.  Bocc.  Tesr- 
id.  11.  35.  Donde  la  terra  isronsolalo  pianto 
Ne  diede.  ••  Ovid,  Simlnl,  3.  «4.  La  quercia 
dodouea  tremò,  e  diede  pianto. 

.  DARE  PIAZZA.-Oar  luogo,  Far  largo. 
Ar.  Fitr.  18.  45.  Dinansi  a  lui  non  stava  or- 
dine saldo,  Vedreste  piaxza  iu  tulio  il  campo 
darle. 

DARE  PICCHIO,  e  DARE  UN  PICCHIO. 
Picchiare,  Colpire,  lai.  icinm  dare, /erre. 
gr.  jrliiTTSi».  Ciriff.  Calv.  ».  47.  Coleo  gli 
dette  in  sull'elmo  tal  picchio.  Che  parve  pro- 
prio che  fusse  [di  giaccio.] 

DARE  POLSO.  Acrreicer  vigore,  lat 
rolntr  dare.  gr.  %^-)^jfi%tn.  Peir.  son.  tS4. 
E  'u  quali  spine  Colse  le  rose,  e'n  qnal  piag- 
gia le  brine  Tenere,  •  fresche,  e  die  lor  polso, 
•  lena? 

DARE  POPPA.  Allattare,  lat.  lactare, 
lac  praeliere.  gr.  [  *'/vXotr.xorpiftìf.'\ 

DARE  POSA.  Conceder  riposo,  lai.  tjnie' 
tem  dare,tiniescere^facere.ff.  ir«iny.Alam, 
Gir.  !4.  IfS.  Poi  ne  dona  quattro  altri  im- 
mantinente, L'un  do|>o  l'altro,  per  non  dargli 
posa. 

l  i  E  neutr.  pass.,  vale  Prender  riposo. 
Blu.  79.  Ma  vedendo  rammiraglio  Ciciliane 
il  duro  aualto,  diedesi  utt  poco  posa. 

DARE  POTERE,  o  PODERE.  Concedere 
batta, /orsa,  autorità,  modo.  lat.  auctori- 
latem,  robur  adiungere,  eopiam  potestatem 
ffacere.   gr.  i\w9i<ts  iiii-Jtu. 

S  Dare  in  potere,  vale  Consegnare  in  do- 
minio, lat.  iu  manum  dare,  inditiouem  t ra- 
dere, gr.  i'i-)^ttpii%uv,  Mibfju.  Ar.  Pur.  40. 
41.  Al  tempo  noUro  Lodovico  il  Moro,  Dato  iu 
poter  d*  un  altro  Lodovico. 

OAI^E  POTESTÀ,  e  PODEST.t,  «  I-A  PO- 
TESTA,  Lo  stesso  che  Dar  potere.  Tac. 
Dav.  anu.  M.  139.  Cesare  noq  potersi  ulvarr, 
trnon  dava  a  ano  di  loro  liberti,  per  quel  di 
Milo,  tutta  la  potestà  di  comaiidiire  a'  soldati. 
:  Palinv.  Star.  Cane.  4VI.  Dandogli  podestà. 


ma  non  titolo  di  Legato.  E  4M.  Fate  questo 
in  mia  commemorazione,  cioè  a  quelli,  a  qiuli 
die  podestà  di  fare  ed  oflièrire  il  suo  corpo,  ed 
il  suo  ungue. 

S  Dare  in  potesti,  io  ttesto  che  Dar*  tu 
potere. 

DARE  PRATICA.  Conceder  pratica,  com- 
mercio alle  mercautie,  alle  navi,  alle  per- 
sone, 0  a  cote  simili,  lai.  tiberum  eommer~ 
cium  dare. 

DARE  PREGIO.  Dare  onore,  e  stima,  lai. 
honorem  dare,  decus  addere.  gr.  n/si{y  ttpo- 
adtXjtu.  Ar.  Fiir.  37.  tS.  Se  chi  sien  queste, 
e  di  ciascuna  voglio  Render  buon  conio,  e  de- 
gno pregio  darle.  Bisognerà  ch'io  verghi  più 
di  un  foglio. 

DARE  PREMIO, Pfemiare.ìM. praemlnm 
dare.  gr.  tólsv  1tKp^•f;ltv.  Tac.  Dav.  ami. 
[13.990.]  Pensando  quel  servile  animo,  che  pre- 
mu,  che  danari,  e  poteuia  gli  darebbe  la  tradi- 
gioue. 

J  Dare  il  premio,  vale  Consegnare  il  pre- 
mio. Ar.  fiir.  15.  3ì.  Veggio  che  'I  premio, 
che  di  ciò  riporta,  Non  tieo  per  sé,  ma  fa  alla 
patria  darlo. 

X  DARE  PRESA,  v.  PRESA. 

DARE  PRESAGIO.  Presagire.  ìmt.prae- 
sagium  dare,praesagire.  gr.  Itpefrrttitn. 
Petr.  cap.  I.  "Tal  presagio  di  te  tua  vista  da- 
va. Tass.  Ger.  3.  00.  Pur  dava  a'  detti,  al- 
l'opre,  alle  sembianse  Presagio  ornai  d'altis- 
sime sper.inse.  :  Car.  lett.  Tomit.  I.  Infin  d'al- 
lora er.  voi  deste  presagio  della  riuscita,  cbe 
avete  fatto. 

DARE  PRESENTE,  e  DARE  IL  PRESEN- 
TE. Presentare,  Regalare,  lat.  donar»,  gr. 
Xnpi^S'Aiii.  Fr.  lac.  Tod.  Non  fari  legge 
nuova  Di  fartene  esente.  Che  non  li  dia  il  pre- 
sente Che  dona  al  suo  servire. 

DARE  PREZZO,  e  DARE  IL  PREZZO. 
Pagare  il  presso,  lat.  pretium  dare,  pre- 
lium  persolvere.  Bocc.  noi*.  71.  0.  Gulfardo 
partitosi,  e  la  donna  rimase  scornata,  diede  al 
marito  il  disonesto  presso  della  sua  caltivilà, 
e  cosi  il  sagace  amante  senaa  costo  godè  della 
sua  avarm  donna. 

S  E  Dare  presso,  o  fi  presso,  vale  talora 
imporre  il  presso,  lat,  pretium  imponer», 

^  DARE  PRINCIPIO.  Principiare,  lat. 
inclpere.  gr.  ^o^tv^ou.  Bocc.  nov.  i.  i.  Con- 
venevole cosa  e,  carissime  donne,  che  ciasche- 
duna cosa,  la  quale  l'uomo  fa,  dallo  ammira- 
bile e  santo  nome  di  Colui,  il  qiule  di  tolte 
fu  fattore,  le  dea  principio.  Amet.  46.  A'quali 
la  misera  Fillis,  aspettante  Demofoute,  diede 
principio.  E%%.  Siwilemenle  ancor  come  nel- 
l'acque Giordane  prose  quel  santo  lavacro 
Dalle  man  di  colui,  che  più  gli  piacque.  Dando 
principio  a  quel  misteno  sacro.  Per  lo  qnal 
rinasciam,  gillaudo  via  Dalli  primi  parenti  il 
peccare  acro.  Allegr.  61.  Fra  lauto  io  ho  già 
dato  principio  a  farlo,  e  fra  pochi  giorni  spero 
potergliene  far  veder  la  6ne.  Ar.  Leu.  I.  I. 
E  lo  vuol  fare,  e  darci  oggi  principio  Intende. 

*  %  Dare  ad  alcuno  lieto  principio  dt 
qualche  coea  ,  vale  Fargliela  cominciare 
con  buoni  auspici!,  lietajfiente  ;  e  così  dlreli- 
besi  del  contrario.  »  Tae.  Dav.  Sor.  9.971. 
Lieto  principio  alla  guerra  diedouo  a  Ottone 
gli  eserciti  mossisi  di  Dalmasia  e  Paunonia  , 
come  e'comandò  ». 

DARE  l'RDOVA,  o  PROVA.  Dimostrare, 
Prot*are.  lat.  probare,  proltationem  imple- 
re.  gr.  iiSÓLtntsrj ,  iXkfj^uv.  Bocc.  nov.  11. 
19.  E  eh»  io  dica  il  vero,  questa  pniova  ve  ne 
posso  dare.  •  Cavale.  Med.  cuor.  196.  Solo 
la  tribolasione  ci  dà  prova  quanto  aiamo  umi- 
li, e  tòrti  nell'amore. 

Jt  Dare  a  pruova,  vale  F'ender  sotto  con- 
diztone  di  farsi  la  prova.  laL  vendere  ea 
lege,  ut  si  res  iu  causa  redhiltendi  fuerit, 
redhibeatur.  Burch.  1. 91.  Onde  che  ili  Em- 
polesi  ebbon  cagione,  Cbe  quei,  che  danno  le 
civaie  a  pruova,  Facessin  l'ammiraglio  al  ba- 
dalone, Caiit.  Cam.  14.  Donne,  no'  vi  darem 
le  scarpe  a  prova,  E  porlslele  al  fango,  e  alla 
piova.  E  184.  Coae  da  cittadini  Sono;  e  se  ve 
ne  giova.  Vi  si  daranno  a  prova. 

DARE  PUGNA.  Percuoter  con  pugna. 
lat.  pugnis  eaedare ,  pugnos  injtigere.  [gr. 
xaroxsyJuAilftiy.]  Bocc.  nov.  68.  9.  Creden- 
dosi la  moglie  pigliare,  prese  la  fante;  e  quan- 


to egli  potè  meoare  le  mani,  e'piedi,  tsalt 
pugna  e  tanti  calci  le  diede,  tanto  che  tallo  '1 
viso  l'ammacrò.  E  nov.  73.  19.  Niquitoso  cune 
verso  la  moglie,  e  presala  per  le  trecce  ce , 
quanto  egli  potè  menar  le  braccia,  e'pinfi, 
tanto  le  die  per  tutta  la  persona  ongoa,  eoi* 
ci.  Dav.  Accus.  149.  Quivi  dando  alla  pslla, 
e  rimbeccando ,  e  sconciando  ,  e  scorrendo,  e 
poche  pugna  dando,  e  motte  rilevando,  «e 

$  Egli  è  come  dare  tot  pngno  ia  cisto,  e. 
PUGNO. 

DARE  PUNIZIONE.  Caetigare,  Pmin. 
[lat.  punire,  gr.  xoA&^iv,]  Cnmichell.  di 
Amar.^fi.  Alleproprìe  persone doreflwqoells 
medesima  punisiooe,  che  merìterehhe  dii  ecB- 
messa  l'avesse. 

DARE  QUARTIERE.  Conceder  qnertis- 
re.  Dar»  alloggio,  lat.  loeum  dare,  tltlm, 
9.  40.  Acciocché  ognun,  secondo  il  soo  pote- 
re, A'forestieri  in  casa  dia  quartiere. 

$  I.  Dar  iptartiere,  dicest  da' soldati, \s 
vale\  Sal\*ar  la  vita  a*  vinti, 

$  9,  Dar  quartiere,  per  simitit.,  vele  Nva 
proseguire  diucalsar  Checchi  sia. 

.  DARE  QUEL  CH'UN  VA  CERCAHDO. 
V.  DARE  DI  QUEL  CH'UN  VA  CERCAN- 
DO.     * 

DARE  QUEL  MALE.  I/ailr.  pass.  P- 
tir*  di  accidenti  epitellici,  »  di  mele  et- 
duco.  lat.  comitlali  morbo  afflieterl.  gi.hf 
ìl)1lr<Slc>.  Tac.  Dav.  min.  13.  tt7.  Efliieou 
levarsi  su,  fattosi  nuovo,  disse  dine^ti  quel 
male  ,  del  .quale  sin  da  bambino  csdevs,  e  s 
poco  a  poco  rinverrebbe. 

DARE  QUERELA.  Querelare,  Jccnse- 
re,  incolpare,  lai.  accusare,  nomendeftrrt. 
[gr.  oinSTdot.]  Dav,  Éfism.  83,  Io  csfc  s 
cinque  giorni  incarcerò  A  nuovo  Seimero,  Is 
moglie  ec.  nominali  in  una  querela  dslsjtli 
d' esser  entrato  coli'  arme  sotto,  io  cass  e  ia 
camera  di  Dndlco,  per  ucciderlo  nel  Jctlo. 

DARE  RABBUFFO,  v.  RABBUFFO. 

DARE  RAGGUAGLIO.  Kaggnetlisn. 
Aivisare.  lat.  certiorem  fecero,  gr.  /ui»io». 
Alleg.  961.  Siccome  il  d^petto  poco  di  jwì 
mi  condusse  a  darvi  minuto  ragguaglio  del  fit. 
to  ec.  £  985.  Ve  uè  darò  con  questa  mia  apo- 
va,  •  sgominata  capilolessa  quel  breve,  e  scoi* 
plico  ragguaglio,  che  può  un,  che  vi  sia  dato 
un  dì  intero. 

DARK  RAGIONE.  Approvare,  Cca/aie- 
re  elle  altri  abbia  ragione,  lat.  aefuom  in- 
dicar», gr.  itxeiìvf  xpietvt.  Amet.  41.  Coa 
dritte  lista  a  ciascun  aua  ragione  Di  dar  li  pia. 
ce,  e  fa  si,  che  Astrca  Giusta  non  là  d'sicuae 
ecceiione. 

J  E  Dar  ragione,  o  la  ragione,  vate  di- 
segnar la  ragione.  Render  la  rfgiont.  l'I. 
allegare,  proferre.  gr.  [itpOfipltv.]  Stgocr. 
Pred.  SI.  [7.]  Dite,  che  cedete,  dite  checsdetr, 
verissimo:  ma  perchè  ?  perchè  così  piace  a^voi. 
Volete  cadere,  volete  cedere  :  ooo  si  poi  ds- 
re  altra  ragione. 

DARE  RASENTE.  Colpire  vicino  ollt 
scopo,  lat.  scopum  ratiere.  Allegr.  116.  Po- 
nete mente  Che  quando  il  nome  al  sospetto 
s'accorda,  S'e'non  si  coglie,  e' vi  si  dà  rssenla. 

;  DARE  RECAPITO.  Recepimre.  Ci'. 
leti.  Gualt.  959.  Quanto  alle  vostre  lettere  et 
ogni  volta  che  le  hanuo  avute,  essi  gli  baaao 
dato  buon  recapito. 

DARE  REGOLA.  Prescriver  le  regole. 
Dare  altrui  esempio,  lai.  normem  dsrt, 
exempliim  dare.  gr.  ■netpéittypa  «orr«»T<" 
«M.  Amet.  19.  A  Intli  dando  delle  virinole 
Opere  esempio,  e  regola  verace. 

DARE  RESQUITTO,  e  RISQUITTO.  U 
stesso  che  Dar  riposo,  lat.  ijuietem  dare,  gr. 
■ievX''"  my^pttì).  Alleg.  ^05.  Era  un  ain- 
sico  ec.  Che  né  p9r  cicalar,  ridere  o  bere.  Al- 
le mascelle  mai  dava  resquitto.  Farch  S»^^ 
9.  [996.]  SI  perchè  l'inleniione  sua  era  di 
voler  djre  oggimai  alcuna  requie,  e  tisqniUo 
alla  misera  ec.  Italia. 

DARE  RETTA.  Quasi  lo  stesso  che  Ver 
orecchio.  Por  mente,  Abhadare  ;  e  e*'"» 
talvolta  indica  Foiersl  accordare  elle  ri- 
chieste allrui.Ut-faeilem  aurem aceoamo- 
dar».  Malm.  S.  09.  Lor  non  dà  retta;  e  a  ga- 
gnolare intento,  Pietosamente  6  questo  la- 
mento. 

S'l»»r  melaf.   Red.  lett,  I.  300.  Lo  lasci 


Digitized  by 


Google 


ir.ui 

nm^ùr  yiBlo  noie  (Il  fai»),  lo  luci  in- 
■uiiiif  y*«  *•«  ooa  gli  din  retU;  ci  uod 

.•  tue  RICAPITO.  HicapitartyCoiut. 
|Mrv,  tf  f<«r  pe*09iuré  gUitHm  cosa  Ih  ma- 
m  £  du  im  dm^  avtr*%  l«t.  rwttUre. 

f  J  1.  i'cr  EtegHirt  di  ri*  <<  /i&M<r  Ih 
memi*,  •  /r«  ar««tf.  Ut.  txteutloHl  manda' 
n.ft.  mmnìup«vr.  fìr.  Vise.  an.  M.  Po- 
inà^  aixtitTK  ehm  «'  laiciajAe  per  allora  di 
4^  nafUa  al  coaiawiualo  animo  tuo.  l  Car, 
t*^.  S»f.  74.  D#Io  a  qaa*le  faccoiids  ricapi- 
ta, u  U*anMO,  aaugiarouo ,  bnvero,  «  potei* 
all'iadkittla  delle  mature  frullo  >i  dellero. 

;  S  i.  Fgr  Dmre  s^ddlafa^iaiu.  Appaga' 
n.  •  Sera.  Ort.  1.  39.  4T.  Che  l'avcise  in 
•■  di  Wa  ailW  aaami.  Ricapito  avria  dato  a 
laUi^Baali  a. 

\  V.  Dar  Riempila,  par  Allagar»  Ih  ma- 
IriaxaM.  bL  im  matrimoaium  colloeara. 

J  k.  Dar  ntaplla  a  tuta  lelltra,  i-ala  Hi- 
tapHart.  lai.  apulelam  riddare. 

UK  BICETTO.  Hicallara.  lai.  hotpHio 
nó/en.  p.  fn»ioxtìv.  Jr.  Far.  5.  %k. 
TaflM,  fBa^lU  tu  mi  dai  ricetto  er.,  cke  pi- 
lli afai  «exa  ce.  £  SO.  WS.  Cbe  'I  ligiior  del 
mt^À  kearroleuia  Fiugesdo,  e  corteiiar  lor 
Aéficedo. 

•  S  <•  £  mata  farla.  Ar.  Fur.  it.  t».  Grot- 
ta rmfcjtgo,  e  fTosaa  p^rinieiite  Era  la  piaitra* 
«  1  imiÉrii»  pnfelio  :  Pur  uun  gl^lerun  cou- 
m,  «d  ngaalBcute  Alla  ipada  ciudel  dierou 
noti* 

;  J  t.  Dar»  rirallo,  vaia  fiicevere,  Accom- 
pagaarti.  Salr.  Avveri.  l.S.  IO.  Il  noma  pro- 
pi*  AKumpjguato  dall' addietlivo,  all'arlicolo 
■a*  di  ncetlu. 

DARK  RICORDO.  Ricordare,  Fare  ritov- 
tmre.  Darà  accaaloHa  di  ricordarli. 

{  Dar  ricordo,  vale  Dare  ammaeUramen- 
la,  Jatmmmire.  Ut.  moaerm.fr.  tnre/u/isnintcìv. 
Tv.  Dav.  Star.  S.  S43.  Nvu  i  or  lempo  da 
duti  lao(o  tievrda.  Ar.  Pur.  il.  103.  E  a  que- 
d*k  r  a  ^uel  più  «olle  di*  ricordo  Da  liguor 
Bwta,  ■  da  lèdei  Tralello. 

:  DARE  RIFIUTO.  •>.  DARE  UN  RIFIU- 
TO. 

DARE  RILIEVO.  AggiugHer  rilievo, /or- 
sa, vigarm;  lermiite  per  lapin  da'pilleri,  o 
umili.  Ut.  axpressam,  et  exlaalem  imagl- 
aem  facmre. 

(lARE  RIPARO.  Ripmrare.Uì.provldmre, 
rmimlere.  gr.  nporoitaìtu.  Amai.  35.  Per  ro- 
llai U  pfovwci*  bauiio  salute.  Reggono  ì  Re, 
ed  a'cMÌ  amergeiili  Riparo  cUn  Je  sue  leggi  dt- 
vsl*.  S  70.  Ma  ■ffidand.jsi  di  dare  a  ciò  ristarò, 
ddikanfooo  che,  senza  pili  cercare,  qui  si  fer- 
Bim>ip*sai  loro.  11.  /^.9. 15.  E  non  aappieudo 
wdtn,  «è  ìlare  riparo,  polendo,  ti  contristano. 
DARE  RIPOSO.  CoHcedar  ripoto.  Ut  ra- 
fieera,  rtcraare,  IraMqnillllalem  ajiirre.  gr. 
ncitn.  ànce.  ['mov.W.  13.]  Per  dare  alena 
hpaao  ali*  vostre  forve^  arbiirìo  vi  die  di  ra- 
giaaare  ciò,  ehm  piò  ti  piacesse.  Peir.  cant. 
47.  I,  Qnaado  il  soave  mio  fido  conforto,  Per 
dv  tipaaa  alU  mi*  vita  stanca.  Ponti  del  Ulto 
m  sulU  sponda  manca  oc.  Bto».  358.  Ov'  e 
r  iaslin  gentil  del  viso  amano,  Ch'  ora,  •  ri- 
pas*  dava  all' alma  ttaaca? 

%Dar9  il  ripeto,  vale  DitpaHtara  allrl  da 
atcama  carica,  o  uffizio  coH  centervargli  la 
amrrtedi.  Ut-  amarilnm  facere. 

DARE  RIPULSA,  «  DARE  LA  RIPULSA. 
tarlare,  Vagare.  Ut.  rapitltam  dare.  (gr. 
sxnMa.]  Tmtt.  Car.  4.  «T.  Quegli  la  cbie- 
slagrasia  alfia  aegalU,  Madie  ripulsa  assai  cor- 
■••*,  e  molle.  Ar.  Sxpp.i.  3.  E  san  molli  di, 
cha4' avvia  dato  ripulsa. 

t  S  ^tr  fmr  laraara  Indietro  per  forta 
da  cerca  vanire  Innanil  ad  attallre,  Rlipi- 
imra.Segmar.Prmd.t0.9.S'io  vo  dirittamente 
al  anallar  l'aomo,  egli  com«  astai  forte,  ataai  ri- 
mMo,  mi  verrà  di  sicuro  a  dar  la  ripulsa. 

DARE  RISPOSTA.  Ritposdere.  lai.  re- 
tfeafimaem  dare ,  ratpandere.gr.  KTtoxplmv. 
'f.SS.  fad.  I.  303.  Non  dando  aueora  ri- 
^<aaa  quelli  cbe  '1  domandavano.  K  appretto: 
(^IW  taet*  poche  risposte,  che  dava,  erano  si 
famu  e  savie,  eh*  ee.  TVras.  Ger.  1. 19.  E  non 
litiasi  il  frcltalato  pano.  Sin  che  non  die  ri- 
^*«t  al  far  Circasso.  Ar.  Fur.  5.  <9.  N*  mai 
mrMs  la  sperar  mi  died*.  Barn.  Ort.  t.  40. 


DAR 

SO.  Altra  risposta  al  metstggicr  non  delle,  ma 
trae  la  spada  cieco  di  furore. 

.  DARE  RISQUITTO.  ».  DARE  RE- 
SQUITTO. 

DAR  ^RISTORO.  Ritlorare.  Ut.  recrea- 
re, reJScere.  gr.  awSii^M.  Tnis.  l!er.  13. 
59.  Or  di  lepide  linfe  appena  il  fondo  Arido 
copre,  e  dà  scarso  ristoro. 

.  DARE  ROSELUKE.  •>.  ROSELLINA. 
DARE  ROSSORE.  Recar  vergogna.  ìtL 
pitdorem  incittere.  gr.  ['ivr^lirciv.]  Segnar. 
Pred.  Ma  prima  vi  confesso,  uditori,  che  mi 
dà  quasi  rossore  il  dovere  agilare  un  Ule  ar- 
gomento in  questo  leatro. 

•  DARE  RUGGITI.  Ruggire,  tanto  nel 
proprio,  che  nel  Jignralo.  &tgner.  Pred.  7. 
7.  Un  san  Hernardo  che  ru];gili  non  dava  da- 
gli orrori  a  lui  si  diletti  di  Chiaravalle  ì 

DARE  SACCO,  e  DARE  IL  SACCO.  Sac- 
r/ieiigiare.  lat  popolari,  tlepopnlari.  gr.  ix- 
trejo&sc». 

S  Z7iTr«  a  tacco  [una  eillà,  o  timile,  va- 
le] Concedere  che  ti  dia  il  tacco  [a  una 
cillà,  0  tintile;  ed  è  termine  par  lo  più  da' 
militari,  v.  SACCO.] 

•:  DARE  SACRIFICI.  Ojferir  tacrifitt, 
Sacrifcare.  Ovid.  Slmlnl.  9.  30.  O  donne 
d'bmenia,  andai*  spesso,  e  dal*  piatosi  sa- 
crifici a  Lalona.  B  400.  Chi  non  diede  vani 
tacrilici  a  quelli  aluri? 

•t  S  Dare  taerIJIcio  ad  alcuno,  par- 
landoti di  Irapatiati,  vai»  Offrir  tacrifiti 
d*etpltttiane  per  la  tua  anima,  Oiid.  Sl- 
mlnl. 3.  53.  E  diede  sacrificio  airunima  della 
taroccbia,  ch'ella  credea  che  fotte  morta. 

DARE  SAGGIO,  e  DARE  UN  SAGGIO. 
Dlmottrare,  o  Cominciare  a  dimottrare , 
'a  Jar  motlra.XtX.  tpecinien  dnre.^.$tì-/pM 
ix^ipuv.  Allfg.  347.  M'ha  intanto  mandali 
questi  suoi  lindi  componimenti,  per  dar  saggio 
a  me  della  tua  gratitudine.  Cecch.Doll.prol. 
Per  aeqiiitUr  con  voi  graiia,  e  per  darvi  Un 
mggìu  del  sdo  buon  animo. 

5  I .  Dare  a  taggto,  vale  Far  assaggiare. 
lat.  praegnstandum  dare.  Cani.  Carn.  148. 
Par  cb'  ognun  s*  ne  lodi,  E  vogliamvegli  lui- 
li  (I  poponi)  date  a  saggio. 

5  3.  Dar  per  saggio,  vaia  Conceder  per 
mostra. 

%  3.  Dar  laton  saggio  di  tè,  vaia  Parti 
eoHotcere  colla  tite  ationt  par  un  uomo  di 
garbo.  \tX.JSdem  tuam  approbare,  bomim 
tpeeimen  tul  praebara.  lUnIm.  6.  39.  Cbe 
avendo  dato  ìi  di  tè  buon  saggio.  In  oggi  è 
favorito,  e  per  la  baooa. 

DARE  SALARIO.  SalaHarr,  Stipendiare. 
Ut.  hotLornrium  tribnere,  mercedem,  'tala- 
rium  dare.  gr.  /wa^dv  òtrivriv.  C.  y.  41. 
43.  4.  E  quelli,  che  piis  trasse  ogni  figura,  * 
alti  al  natnrale ,  e  fugli  dato  salario  per  lo  co- 
mune per  remuneraaioue  della  stia  virlode,  e 
boutade.  Ar.  Vegr.  1.  3.  Gli  dovrebbooo  Dar 
gli  speziali  dunque  nn  buon  salario. 

DARE  SCACCO,  v.  SCACCO. 

DARE  SCACCOMATTO.».  SCACCOMAT- 
TO. 

•  DARE  SCAMBIO.  Scambiare.  Dep.  De- 
Cam.  95.  Questo  dare  scambio  a  una  voce  che 
da  ti  esprime  bene  quel  che  bìtogna,  è  do 
voler  licorre  mio  che  non  sia  cadalo,  e  un 
Ur  che  le  ehinsecaccin  via  i  lesti. 

DARE  SCANDALO,  0  SCANDOLO.  .Vciih- 
dalettare.Ut.  offìensionem ,seandalum  dare. 
gr.  ntutoìi^tt*.  :  Bele.  t^ll.  Colomh.  C. 
309.  Figliuolo  nostro  non  ci  volere  conturba- 
re, ne  dare  ìscandalo. 

DARE  SCAPITO.  Fare  scapitare.  Ut.  da- 
trimenlnm  dare  gr.  fiìàltrtn. 

S  D>ir«  ■  scapilo,  vale  fendere  con  isea- 
pllo.  lat.  mlnoris  vendere,  gr.  iÌKTci-HOf 
ttttUl*. 

DARE  SCELTA,  e  DARE  A  SCELTA. 
Concederà  lo  scegliere,  lat.  c^tlonem  dare. 
gr.  txXoyii»  avfXfotXv.  Alleg.  306.  Lasciar 
ne  prego  ciascbedou  la  sUnia  Che  io  vi  delti 
ttawaiie  a  scelta  vostra. 

DARE  SCOLO,  e  DARE  LO  SCOLO.  Ac- 
comodare informa,  che  C  acqua,  o  timile, 
tedi.  Uu  aquttt  tcrotiibut  emittere.  Seder. 
Colt.  41.  Eccettocbè  dove  fa  di  bisogno  dar 
lo  scolo  aH'jcqnr,  cbe  t'ha  a  vangare  a  peiidln, 
mandando  I*  terra  in  allo  a  uso  di  comìgnolo. 


DAR 


4» 


DARE  SCONFITTA.  Scou/ggeri.  Ul./««- 
dere,  fngart.gr.  f\r/KÌtitrJ.  Bocc.  noi:  17. 
5.  Percioccbù  in  una  grande  sconfitta,  la  quale 
avea  dato  ad  una  gran  niollitudiue  d'Arabi,  ee. 

DARE  SEdCAGGINE.  Infatlidire ,  In- 
quietare. Ut.  taedlo  ette,  laedio  officerò. 
gr.  ^OLpi-nr/.  Bocc.  nov.  45.  34.  Deh  va' con 
Dio,  buon  uomo;  lasciaci  dormire,  se  ti  piace 
ce.;  tornerai  domane,  e  non  ci  dar  questa  sec- 
caggine sianone.  F'arch.  Breol.  88.  Dar  sec- 
caggine, significa  infastidire,  o  torre  il  capo  al- 
trui col  gracchiare,  cbe  i  Latini  significano  col 
verbo  ohtundere. 

DARE  SEGNALE.  Lo  eletto  che  Darete- 
gno,  lat.  indicare,  patefacere,  indiclttm  fa- 
Cere.  f;t.['  itoirj-iu.]  Race.  nov.  19.  48.  Diede 
atsai  manifesto  segnale  ciò  etter  vero. 

DARE  SEGNO.  Dimottrare,  Dar  inditi». 
Ut.  Indicare,  patefacere,  iudicium  facere, 
gr.  ['Jtiiiyuvai.]  Bccc.  nov.  S.  4.  Con  onetto 
rotture,  ne' lor  viti  apparilo,  ne  diede  teg(H>. 
Amet.  58.  Queste  orasioni  tiKicaroito  il  cielo; 
e  ch'elle  lotterò  udite,  i  commosti  altari  ne 
dierono  tegno.  E  67.  Contenta  con  occhio  va- 
go gli  diedi  tegno  di  buona  tperanza.  Frane. 
Barb.  353.  49.  Ad  ambe  mani  ell'ha  doe  pal- 
le d' oro,  Per  dar  sej<no  a  coloro  Che  vede  nel 
tuo  orlo.  Donde  prendau  conforto.  Ar,  Fur. 
35.  68.  Ha  baci,  ch*  imilavan  le  colombe,  Dt- 
van  tMoo  or  di  gire,  or  di  far  alto.  Alleg.  59. 
Perche  non  date  segni  Uguali  a  quegli  suoi 
D'un'ora  sola  a  me  felice  alquanto  Fra 'nugoli 
di  duol,  piogge  di  pianto  7  £346.  Equeglì  spa- 
tatoudo,  al  mio  parer,  danno  più  spesso  e  più 
gran  segni  di  scemo,  li  quali ,  per  |iarer  savi 
a  credcuza,  danno  di  becco,  tcimunili,  in  tutte 
l'opere  di  poeU  celebre,  o  d'altro  dirilor  pre- 
giato. 

S  Dare  II  tegno;  Accennare,  Dare  il  f  en- 
lrattegno\ia\'dare  tigwtm.  gr. ['xXTaTq/tflCc- 
><iy]Tii>i.  Tac.  Dav.  ami.  43. 44f .  Fu  date  i^e- 
gno  a'soldati,  saliti  colle  scalo  sulle  mura,  di 
mandar  tutti  a  fil  di  spada.  £13.  ISO.  Parten- 
do le  coorti,  pone  in  opera  anche  le  genti  a 
cavallo  ;  e  dato  il  segno,  rompe  i  bastioni.  £ 
44.  493.  E  senta  udir  prego,  uè  pianto,  dette 
il  segno  del  partire,  menando  seco  chi  volle  an- 
dare. Fir,  At,  438.  Giii  hanno  mosso  il  cam- 
po, ordinate  le  sqiudre,  dato  il  segno.  Ar.  Fur, 
48.  39.  Ai  lor  ordini  andar  fé  le  bandiere,  E 
di  battaglia  dar  «egno  alle  schiere. 

DARE  SENTENZIA,  o  LA  SENTENZIA,» 
DAR  SENTENZA.  Sentenxiare.  Ut.  tenlen- 
tlam  ferro,  gr.  ifilfot  ['xidtodm.]  G.  y.H,  93. 
7.  E  rullo  il  sermone,  e  non  compiuta  di  dare 
la  sentenaia,  si  partirò  i  cai;diiialt,  e  gli  altri 
prelati  di  quel  luogo.  £  9.  440.  4.  Fece  pro- 
cesso, e  seuteuta  diede  centra  il  detto  Federi- 
go conte,  Bcap.  937.  4.  Nel  detto  amio  4333, 
addì  8  d'Ottobre,  papa  Giovanni  sopraddetto, 
appo  Vignone  in  Proenaa,  in  pubblico  conci- 
storo diede  sentenza  di  sconinnicazione.  Bocc, 
nov.  47.  43.  Data  dal  fioro  padre  questa  crudel 
t«nlenzia,  il  làmigliar*.  più  a  male  cbe  a  bo- 
ne disposto,  andò  via.  £  g.  6.  p.  6.  Alla  qua! 
Dioneo  prestamente  rispose  :  Madonna,  la  ten- 
teniia  è  data,  senza  udirne  altro.  Toc.  Dm; 
nnn.  43.  458.  E  alle  loro  senlent*  ai  stette, 
come  fossero  dal*  «la'  magistrali  di  Roma. 

^  S  i.^Dar  tentensajinale,  vate  Senlentla- 
re  tenta  dar  luogo  ad  appellartene,  Heller 
fine  alla  controvertla  colttiltima  tentenaa, 

:  S  9.  Per  ilmlllt.  .  £o«.  g.  6.  p,  6.  Fa- 
rai ec.  cbe  tu  sopr'  essa  dei  tenteiiaU  finale. 
Gala!.  44.  E  d'ngni  cosa  voglion  dar  seuten- 
zia  finale,  e  porro  a  ciascuno  la  legge  in  mano  a. 

:  DARE  SEPOLCRO.  Seppellire.  Fat.Op. 
yit.  a.  379.  Passi  all'altra  vita,  e  da  Giovanni 
suo  firalello  gli  fu  dato  onoralo  sepolcro  io  S. 
Giovanni. 

DARE  SEPOLTURA.  Seppellir».  Ut.  »»- 
pellenditm  dare.  gr.  Siirreiv.  C.  V.  8.  78.  • 
9.  Fece  decreto,' e  gridare  solla  pena  del  cuo- 
re, e  d'avere,  che  a  niillii  corpo  de'Fiammin- 
ghi  foue  dato  seiwllura,  per  assemprn,  e  per- 
petuale memoria.  Bocc.  nov.  35.  8.  Volentie- 
ri lutto  il  corpo  n'avrebbe  portalo,  per  dargli 
più  convenevole  sepoltura.  Fr.  iac.  Tod.  L'ul- 
tima, che  fa  la  morir.  Che  di  il  corpo  a  sepol- 
tura. Ar.  For,  49.  II.  Ho  tanto  di  mU  vita, 
*  non  più,  cura.  Quanto,  ch'ai  mio  signor  dia 
i  tepollnr*. 


Digitized  by 


Google 


44 


DAR 


DAR 


DAR 


DARE  SESTO.  Ordina»'* ,  jéceomodare 
[éfuatt  eolla  $estm,  rA«  diciamo  anche  A$- 
$t$tar*\  Ut.  instniere,  compouem,  ordina- 
re, gr.  tyxovfUlv^  ^««TflérrtcVj  Dtiv.  Scitm, 
69.  Per  dare  qualche  ietto  alla  rcligiooe  gl'Im- 
periali fecero  dieU  in  Ratisboiu  ,  nreKeiite 
Carlo,  dove  il  Papà  mandò  il  cardiuai  Couta- 
reuo. 

DARK  SFRATTO,  e  DAR  LO  SFRAT- 
TO. [Sfrattare,  così  detto  dagli  uecetli  e 
itegli  altri  animali ,  che  si  discaceiauo 
tjftando  si  distruggo  le  fratta,  o  quando  si 
dà  nella  fratta  ;]  Mandar  %'ia.  Esiliare. 
Modi  bassi.  Ut.  amaudare,  eliminare,  gr. 
òiHoiré/sTtttv,  inQàùMf*. 

DAR  e  SICUREZZA,  SICtJRTÀ,  o  Ui  SI- 
CURTÀ. j4ssicurare.  Ut.  tpem  praebere, 
spendere,  ^fideitibf re,  fidnciam  gignere.  gr. 
['jyyvàodocc.]  Bocc.nov.  34, 9.  Gerbino  queslo 
udeodo,  e  sappieudo,  che  Ìl  re  Gnìlielmo  suo 
avolo  dato  atcalasicurllial  Re  di  Tunisi,  non 
tapeva  che  làrst.  E  nov.  47. 4.  Di  che  la  giova- 
ne, che  volentier  lui  vedeva,  s'avvide;  e  per 
dargli  più  sirurtì,  couteutisùma,  uccome  era, 
se  ne  mostrava. 

DARESIGNORIA.oLA SIGNORIA.  Con- 
federe il  comando  [supremo  d'nna  terra, 
di  un  popolo  ec]  lai.  regimen  tradere,  gr. 
«fX>!v  tr«^aJtfGvai.  G.  /^.  7. 15.  4. 1  Fioreo- 
lini  Guelfi  dìedono  la  rigiiorìi  della  terra  al 
re  Carlo.  E  eap.  59.  I.  I  quali  aveaoo  pro- 
messo, come  ordinato  en,  di  rubelUre  l'isola 
dì  Cicilia,  e  darli  U  signorìa, 

«;  %  Dare  signoria  scpra  alcuno,  itale 
Dar  pieno  potere  sopra  alcuno.  Leg^.  S. 
lacopt  15.  Dacci  signoria  sopra  luì,  sicché  noi 
possiamo  veudicare  le  ìnginrìe  che  t'ha  fatte. 

^  DARE  SILENZIO.  Fare  star  cheto  ,  o 
quieto.  Ut.  silentium  indieere.  gr.  xoerKn- 

^  4.  Per  Istare  con  attensione  senta  di- 
fCrfirsi  in  parlando.  Ut.  sHere.  gr.  nyÒcv. 
Cècch.  Setvig.  prol.  Il  Servìgiale  adunque 
la  questo  giorno  recitar  vedrete,  Se  ne  darele 
il  solilo  silenzio.  «;  EStiav.  prol.  Come  udi- 
rete ,  dandone  il  solito  silenzio,  prima  che  di 
qua  partiate. 

*;  S  S.  Dare  silenslo  ella  guerra,  vale 
Darle  tregua,  Sospenderla.  «  G.  y.  7.  134. 
1.  Per  dare  alquanto  silensio  alla  guerra,  on- 
d'erauo  aggravati ,  il  re  Carlo  si  tornò  a  Na- 
poli »•.  * 

*  DARE  SINGHIOZZI.  SinghioMsare,  Ut 
siugultare,  gr>  Au^eiv.  Segner.  Pred.  5.  3. 
Oh  che  singhìoazi  dovrìi  dare  allora  egli  per 
U  vergogna  dì  scorgersi  colto  in  fallo  !  oh  che 
muggiti!  oh  che  fremiti!  oli  che  runili! 

DARE  SOCCORSO.  Soccorrere,  Porgere 
aiuto.  Ut.  aMJcifium  fórre,  [gr.  Itpo^fiOT^' 
^Tv]  Af.  y.  9.  50.  Non  si  potea  volgere  in- 
dietro a  dar  soccorso  a  Pavia,  per  non  avere  i 
uiraici  alla  coda.  Disc.  Cale.  SO.  Passi  alla 
volta  del  datore  per  traverso  per  quei  varchi, 
i  quali  aranno  lasciaio  di  sé  voti  lo  sconcia- 
tore, ed  il  datore,  che  erano  allato  a  quelli 
della  fossa,  per  dare,  come  si  è  detto,  soccorso 
ai  loro  compagni.  J^crn.  Ori.  9.  19.  1S.  Spe- 
ranaa  debbe  aver  chi  è  cri^iano  In  Dio,  ch'aiu- 
to, e  soccorso  gli  dia.  jfr.  Fnr.  10.  88.  Non 
dà  soccorso  a  Carlo  soUmente  La  terra  In- 
glese, e  la  Scoaia,  e  l'Irlanda,  Ma  vien  di  Sve- 
aia,  e  di  Norvma  genie. 

DARE  SODDI^AZIONE.  Soddisfare, 
[Procacciarsi  il  perdono  d'  alcttn  torto 
recato  altrui  à  con  atti  di  sommissione , 
o  con  altro  modo  acconcio  a  satisfare  la 
persona  offesa.'\  Ut.  piacere,  satisfacere. 
gr.  K/)iarxciv.  Dav.  Scism.  33. L' avvertirono , 
cb«  pensasse  a  dare  al  Re,  che  tanto  l'amava, 
qualche  soddisfazione.  Malm.  1.  18.  Esenon 
se  le  dà  soddisfazione.  La  ci  farli  marcir  n'  una 
prigione. 

DARE  SOLDO.  Dar  la  paga  a'  soldati, 
Pagar  loro  ti  soldo.  Ut.  stipendium  dare, 
mllitiae  adscribere.  gr.  pA^òs  Stió-90U.  G. 
V.  7.  60.  1 .  Venuto  lui  i»  Cicilia,  fece  di  pre- 
sente apparecchiare  galee,  e  navilio,  dando  sol- 
do a  cavalieri ,  e  marinarì  largamente.  B  0. 
SII.  4.  Cui  il  Legato  avea  fatto  francare,  e 
rendere  loro  l'arme,  e'cav^li,  e  dato  soldo. 

•;  DARE  SOLLAZZI.  Consolare,  Ovid,  Si- 
mint.  Supp.  11.  Spesse  volle  le  comaodaro 


ch'ella  medicasse  al  ano  amore;  e  davano  sol- 
lazù  alla  sorda  mente. 

DARE  SONNO.  Conciliare  il  sonno,  Indur 
sonno.  Ut.  soporem  iuducere,  gr.  Oltvov  7ro<- 
<79.  j4met.  48.  A' caldi,  ed  alle  pio»  le  cre- 
sciute erbe  davano  graziosi  sonni. 

DARE  SOPRA,  e  DARE  DI  SOPRA.  Per- 
cuotere dalla  parte,  o  nella  parte  supe- 
riore, lat.  superne  tare,  supra  scopum  fe- 
rire. 

%  1.  Dar  sopra  checche  sia,  vale  Jave» 
stir  Checchi  sia.  Ut.  aggredì,  invadere,  gr. 

*l  S  3-  ^'"*  sopra  checchessia,  dicesi  an- 
che D^llc  ^nestre,  o  simili,  che  guardano 
sopra  checchessia. 

DARE  SOSPETTO,  arrecar  cagione  di 
sospetto  ,  Far  sospettare,  lui.  suspicionem 
dare.  gr.  UTr^vAcev  xcvcTy.  Jr.  Fnr.  99.  39. 
Sotto  un  Tel  bianco  ,  e  iu  femmint)  aonnelU, 
Finta  la  voce,  e  il  volger  delle  ciglia,  Egli  ogni 
notte  si  giacea  con  quelU  Senza  darne  un  so- 
spetto alla  famiglia.  £  36.  135.  E  questo  coti 
ben  lì  renne  detto.  Che  ui  a  lui  die ,  né  agli 
altri,  alcun  sospetto.  Tac.  Dav.  ann,  8.  497. 
Davan  sospetto  di  calunnie  false  dt  Macrone  per 
la  noia  nimicizia  sua  con  Arunzio.  E  13.  179. 
Perciocché  airimperadore  d4rebbe  sospetto,  e 
così  spesse  volte  s  impediscono  le  imprese  ono- 
rate, jfllegr.  178.  Sou  io  però  quel  fantastico 
umore.  Che  possa  dare  agli  uomini  sospetto 
D'esser  cagion  di  qualche  lor  rovina  ? 

DARE  SOSPIRI.  Sospirare.  Ut.  suspiria 
edere ,  suspiria  ducere,  gr.  arovecj^^v^tu. 
Bocr.  nùv.  18.  91.  A'qoali  o  sospiri  per  rìspo- 
su  dava,  o  che  tutto  n  sentta  consumare.  *  Se- 
gnor.  Pred,  10.  7.  Ecco  l'Empireo,  cpiello 
per  cui  ec.  voi  deste  uu  tempo  così  doleuti  i 
sospiri. 

bAhTsSOSTA.  Lo  stesso  cHt  Dar  riposo. 
lat.  quietent  dare.  gr.  fraOccv.  Bocc.  f^it. 
Dant.  998.  Conobbero  li  cocenti  sospiri  al- 
quanto dar  sosta  allo  affaticalo  petto.  Dant. 
Purg.  99.  Quando  dalla  mia  riva  ebbi  tal  po- 
sta. Glie  solo  il  6urae  mi  facea  distante.  Per 
veder  meglio,  a'passi  diedi  sosta.  Buf.  Diedi  so- 
sta, cio^  fermaimì  per  vedere  meglio,  cbe  non 
arci  veduto  andando.  Tac.  Dav.  ann.  13. 169. 
Nerone  spaventato,  e  d'uccider  la  madre  avi- 
do, non  le  dava  sosta,  se  Burro  non  promet- 
teva levarla  vìa,  provata  l'accusa. 

DARE  SOTTO,  o  DI  SOTTO.  Colpire  nel- 
la parte,  o  sulla  parte  inferiore,  lai.  infe- 
rius  ferire. 

S  4.  Dar  sotto,  vale  anche  Operare  con 
veemensa.  Ut.  rem  agore,  gr.  ipyu!^9Òeu. 

$  9.  E  Dar  sotto,  dicesi  anche  del  cane 
allorché  egli  corre  per  far  levar  la  starna, 
o  altro  simile  animale. 

^  ])A^ESP ACCIO. Spacciare,  [Spedire.] 
lat.  rem  ex  pedi  re ,  esplicare,  gr.  itp&ypot 
«v9Cirr09Mtv.  Star.  Pist.  405.  Stando  lo  Ba- 
vero in  Melano  per  dare  spaccio  alla  sua  ve- 
nuta, ordinò  ec. 

5  1.  Per  fendere,  o  Dar  esito  a  checches- 
sia. Ut. vendere,  distrahere. gr.  Tt^ì.tXv.Cant. 
Cam.  77.  Chi  vuol  spesso  dare  spaccio  A  tra- 
balzi, e  barattare,  Venga  via  fuora  al  buiacK;Ìo, 

*  S  9.  Fignratam.  Fior.  S.  Frane.  151. 
Loda  frale  Ginepro  questa  sua  cucina  (roba 
da  sé  cotta,)  per  darle  lo  spaccio  (perchè  ne 
mangiassero.) 

:  S  3.  Dare  spaccio  ad  uno,JSguratam. 
vale  Levarlo  dal  mondo.  Ucciderlo.  «  Bern. 
Ori.  8.  S.  99.  Sicché  col  fancinllin  IrovoUa 
in  braccio,  Ed  all'uno,  ed  all'altro  dette  spac 
ciò  ». 

DARE  SPALLA.  Dare  aiuto  a  portare, 
0  reggere  alcun  peso.  Spalleggiare.  Malm. 
6.  Sf .  Ch'ei  voglia  a  Malmantil,  che  ornai  tra- 
balla ,  Far  grazia  anch'  eì  dì  dare  un  po'  di 
spalla  (nitl  fipuratam.) 

DARE  SPASSO,  jtpporfar  piacere,  lat 
spectaeulum  laetum  praebere  ,  voluptatem 
creare,  gr.  TÌjS7r«v.  Cant.  Cartt.  80.  E  per 
darci  qualche  spasso.  Dà  a  ciascun  la  sua  gal- 
lina. E  463.  Là  dove  il  Caotiuella,  £  Zanni  vi 
daran  spasso,  e  piacere. 

DARE  SPAVENTOl  Spaventare,  lat.  me- 
tnm  gignere,  horrore  ascerò,  gr.  po^tìv. 
Tac.  Dav.  ann.  19.  150.  Esso,  sapendo  i  pri- 
mi fatti  dar  lo  spavento,  o  l'oi^oglio,  \*oU  colle 


coorti.  E  U.  199.  E  davano  spenan  l' Bri- 
tanni, e  spavento  a'Coloni,  i  qnali,  perchè  An- 
tonio era  lontano,  chiederon  socearm  a  (klo 
Decìano  proccuratore. 

DARE  SPAZIO.  Conceder  tempo.  Ut.  dtirt 
tempus,  spatium  darei  Aocc.NOf.S.T.L'nf 
re  davanti  significato  la  sua  venuta  alla  don. 
oa,  spoaio  le  avesse  dato  di  poter  far  cacàan. 
Petr.  Uom.  ili.  Come  i  primi  corridori  vrì- 
varono,  diedero  spazio  di  congiaguerli  alle  le* 
gìonL  Tass.  Ger.  6.  53.  Cmì  ginracs;  •  poi 
gli  araldi  eletti  A  prescrìver  il  tempo  alla  ten- 
zone. Per  dare  spazio  alle  lor  piaghe  oooto, 
Stabilirò  il  mattin  del  giorno  sesto.  Jr.Cau. 
4.  1.  Se  dà  spazio  Pur  questa  notte  il  ni&a 
di  portarsela. 

DARE  SPERANZA,  o  SPEME.  Pare  j^ 
rare.  Ut.  spem  facere,  spem  pi-nelfere.  p. 
iXiti^tt  Tro^iyciv.  G.  F.  19.  33.  4.  Matidin. 
do  sovente  iu  Firenze  sue  l^ere  a  certi  ssoi 
accouli ,  dando  loro  speranza  di  suo  rìtone. 
Bocc.  nov.  17.  48.  Se  di  queste  due  coia  voi 
ni  darete  intera  speranza,  senza  dÌua  dohbio 
n'andrò  consolato.  E  nov.  85.  13.  Nelle  quali 
essa  gli  dava  grande  speranza  de'desiderit  rum. 
Àmet.  34.  E  se  non  fusse,  che  le  appmteflM 
non  «nganoevoli  mi  davano  del  folnro  noa  falia 
speranza,  così  di  lui  disperata  me  ne  sare'giti. 
Fr.  lae.  7W.  La  speranza  del  perdoao  à  è 
data  a  chi  la  vuole,  ^r.  Fur.  15.  IO.  Didaii. 
derio  arde^delU  sua  terra  ,  Come  ghm'ivea 
data  pur  assai  Speme  colei,  ch'AInna  vinse  ia 
guerra.  E  40.  76.  Ruggier  cent'altrì  n'ivrt  uc- 
cisi intanto,  E  grau  speranza  dato  a  qocì  pfi- 
gioni. 

DARE  SPÉRIENZA,oESPERieMZA.  Fer 
la  pruova.  Mostrare  colla  prova,  lat.  ex/»- 
rimentum  erhibere  ,  documentam  dare.  fcr. 
mXpocv  itoipixttv.  Bocc.  yit.  Dant.  9M.  Né 
prima  s'avveggiouo,  d'un  viluppo  nscìti,  eswr 
entrati  in  mille ,  che  la  pruova ,  aenaa  patere 
pentendosi  indietro  tornare ,  ne  ha  data  espe- 
rienza. Cant.  Cam.  Paol.  OtI.  60.  E  perdU 
me' vi  diamo  Dì  questo  experienaa,  A  ooidil'c 
licenza  ec. 

^  DARE  SPESA,  apportare  dispendi. 
Ut.  sumptui^sse, 

«  S  1.  E  per  metaf.  Dep.  Decani. li-On 
se  queste  due  parole,  Maxaerare  e  Maceran, 
SODO  verso  di  se  tanto  simili  di  suaoo,e  IÌ  vi- 
ci ne  dì  significato,  che  sì  possono  pigliare  l'ani 
per  l'altra  io  un  bisogno,  non  sì  debbe  pnò, 
come  talvolta  per  masserìsU  si  Ivra  da  dono 
l'uomo  una  bocca  d'un  fante  pitt,  credendra 
poter  fare  col  servizio  d'un  solo,  cacci»  TÌa 
l'una,  perchè  elle  sono  in  casa  loro,  e  nouditt- 
no  spesa. 

S  9.  Dare  spesa.  Termine  delle  Oiris , 
e  vale  Molestar  per  via  della  corte  il  de* 
bifore;  che  propriamente  si  dice  Meaàsre 
Spesa,  lat.  apparitores  ad  debitorem  mitts- 
re,  ut  res  eins  piguori  capiant. 

^  S  3.  Dar  le  spese,  vale  Spender  nel  nr- 
trimento  d'altrui  ,  Dare  il  mangiare  e  il 
bere.  Ut.  alimenta  dare,  alere.  gr.  Tfif  «»■ 
Cant.  Carn.  19.  Sicché  non  ri  nata  grave  Dar 
le  spese  a'mnUttierì.  Seu.  ben.  rmrch.  3.  51 
Mio  padre  mi  diede  le  S|iese  ;  se  io  lo  il  Be- 
desimo  a  lui,  io  fo  più,  che  egli  non  fece.  (jecA. 
Servig.  9.  1.  Ma  io,  cbe  non  fo  traffichi,  ed» 
ho  il  mio  Vecchio,  che  ref^ge  •  che  ni  d«  le 
spese.  Allegr.  5.  È  chi  lavora,  Per  questo  dà 
le  spese  a  chi  sì  sta. 

S  4.  Dar  le  spese  al  suo  cervello,  eeh 
Pensare  al  cast  suol,  e  Stare  sopra  di  ti 
pensoso,  e  applicato  a  qualche  suo  a  fere. 
lat.  cogitare,  gr.  fivovófopistv.  ^ff^iT-  •• 
In  casa,  in  piazza,  in  mercato ,  in  bordem»,  E 
quivi  dar  le  spese  al  suo  cervello. 

*  $  5.  /m  proverb.  Chi  dà  spesa,  no»  die 
disagio  ;  e  si  usa  dire  a  Chi  i  eonviteto  • 
casa  altrui ,  perchè  non  si  faccia  aspotts- 
re.  «  Cecrh.  Esali,  cr,  4.  3.  Chi  di  speta 
non  dee  dwr  diiagio  ». 

:  DARE  SPIA.  J^-visare,  Informerò.  Àr. 
Fur.  18.  71.  Ma  venne  lor  quel  Greco  pere- 
grino, Nel  ragionare,  a  caso  a  dame  niia. 

DARE  SPOSA,  e  DAH  PER  ISPOSA.  H- 
ritare,  Congiungere  in  matrimonio.  Iat.d*- 
re  nnpfiii.  gr.  tkppómiv,  Appian.  Bocc.  ose. 
18.  31.  Di  pari  consentimento  deliberarono  di 
dargliele  per  isposa. 


Digitized  by 


Google 


DtAR 


DAR 


DAR 


45 


1liABCSniOnE,DAR  DI  SPRONE»  <  DAR 
DEGÙ  SPRONI.  Scornar*.  Ut.  cntcar  h<Ì~ 

mmmt,f-'\ f^"r  Joditrg.  pr.  Kivrpi^ty.  G. 

T,  7.  tu.  S.  £  cx»lla  f|>a<li  tagliò  le  rodiue 
éti  m»  civsll*  ,  e  (WgU  «Irgli  sproni  ,  e  asci 
èitm  pTMf,  e  IvaÌM  eoa  sua  genie. 

•  DARE  STADICUI.  ^tsieurmrt  con  isim- 
Jttài.  C    r.  T.  A3.  S.  Diede  seiitensa  aotlo 

nJi  wnMiMàf  arili  ne  chi  la  ronpesse  sopra 
Jbrtwa  ec  ,  laceiido  beciafe  io  borea  il 
■■Jace  ielle  ileiAe  perti.  e  fmr  pace,  •  dar  nal- 
iwJan  e  ftadwbi. 

DARE  STAGMATA.  f.  DARE  CARTAC- 
CE. 

:  DARE  STALLA.  Pmrlmmdo$i  di  U$iU, 
wmit  MmttrHg  mtiia  slatlm  pet  ripotarU , 
•  rif^eiiimHe.  Sere.  ho¥.  91.  5.  Io  credo 
che  «a  bc«  CUfo che  boi  duno  stalla  a  qua- 


•  DARE  STRAGE.  Fmrt  strage.  Truci- 
^arc  R«hA.  Sior.  3.  39.  Gran  mortaliU  Te- 
«ff»  di  dttedieiy  e  p-aiidc  strage  diedero  agli 


ÙABE  STROPPIO,  impedir*.  Porre  im- 
fmimimi;  evtirarioià,  lat.  Stupidire,  gr.i/t- 
■ttiS^m.  ^wtr,  tùn,  33.  S'AsKire,  o  Morte 
M«  db  «mIcImi  slrappio  Allaccia  novella, 
A'«n  «nàtro»  ec. 

DARE  STÓRBO.  Dare  Impedimeuto.  lai. 
tmpoéir*^  tmré^r*,  gr.  ipnoii^¥.  C  K  3. 
I.  A  Dti««i*o  quanto  sturbo  poleaoo  alla  della 
ledìSanaac.  rCo«Ì  i  lej/i  m  panna,) 

DARE  SU.  Miomirra  dinotmHte  lo  sfosso 
dm  Dmr  ^tprm. 

$  I.  Dmrsu  ehocchossio ,  voto  Offerir  pr«%* 
«a.  Comi.  Cmrm,  1$.  Cuffie  abbiam  di  pioma- 
aÌBVt  Cbì  u«  vuol,  dia  danar  su. 

•:  S  3.  Dur  jN  ckecehossia,  diceii  ancko 
Botto  JimfMs*€,  o  simiti,  M«  gnordono  choc 
ckessU. 

)  3.  Bmrsi  «as»  [o  tu  sh\  chocchossUi,  vaio 
fvrti  *  for  ckocchosslm,  lai.  onimum  ali' 
orni  rèi  •ppmlfero.  fgr.  npoHx^i^  Tdv  yeùv 
tni4  Coccà,  ime.  I.  1.  Ella  fu  savia  certo, 
e  et  grwid'HiiaM»;  Uo'alira  si  sare'dsU  sul  pia- 
gMfc.  •  Bocc.  g.  t.  n.  S.  Ve^eado  efau  il  pre- 
te uou  I— Clava  pagerc,  si  diede  ìd  sul  bere;  e 
o«  uv  gii   bisognasse  troppo,  pur  si 


DARE  SULLA  ROCCA.  Colpirò  itollm  boc 
em.  ha,  OS  contmttdore, 

$  I .  £  Dmr  ssUIm  èotcm,  wilo  lo  stesso  eho 
Ùor  smllm  poco,  interrompere  l'oitrui  di' 
trorsoy  Opporgli,  Porlo  tacere.  laL  od  si- 
tomHmm  ergere,  silemiium  imponore.  gr.«a* 

•:  $  9.  Dorsi  sullo  boccn^Jigiiratom.oole 
Dorsi  il  torto,  Condonnarsi  do  so  medesi' 
SMk  ■  Frane.  Barb.  SS.  7.  [E  colui  cbe  nou 
vaia  Pct  mu  vitti  fare  aleuua  di  queste»  l>i- 
fk  uou  91.  potreste  Tirar  a  cosa  che  gii  nou 
■a  tocca.]  Beo  a  dà  sulla  bocca,  Cb'a  tulle 
quote  e  («unto  «  legato. 

DARE  SOLLA  VOCE.  Interrompere  Val- 
trai  discorso,  Oppergli,  Farlo  lacere,  lat. 
od  silemtinm  cogere,  sitemHiim  iinpeuera.%t. 
fcfKpiv.  Ualm.  3.  7 1 .  Voira  seguir  ;  ma  tulli 
detta  Maasa  Gli  dieroa  sulla  voce  cou  il  dire, 
&•  il  perder*  e  comune  re.  *  Segner.  Mann. 
Oft.  S.  4.  Quaulo  più  le  turbe  gli  davauo  su 
bvece^taoioralaevapià  lolle, chiedendo  lume. 
DARE  SUONO.  Render  suono,  lai.  so- 
aamt  raddrre,  resonare,  gr.  ùnti^v. 

{  S  Ì}mr  sneno  ,  per  meiaj".  vale  anche 
Dar  oece.  bt.  nt'morem  sorere,  G.  F,  3. 89. 
1  Maatnndo  di  accadef  l'alpi  e  dì  veuir  alla 
ónfc  db  Fireaae,  dando  suono,  che  li  dovea  es- 
ser dau  b  terra. 

•  DARE  TAGLIA.  Metterò  imposizione. 
temk.  Star.  K.  1&S.  Per  nnj  scala  mutale  vi 
•raainaii  ,  •  <Kè  taglia  di  «eieanta  libbre  d'oro 
•  q«e*di  Trcoto. 

DARE  TEMPO.  Cemceder  tempo,  indi*- 
tf«r«.  bL  tompus  dare,  cunctari.  gr.  /SÌA- 
W  Tac.  Daw.  nnn.  9.  4S6.  E  a  furia  chia- 
■à  8M<i  di  Sciata  {  e  tenaa  dar  tempo  a'nimi- 
o  a  peMare,  ni  agli  amici  a  pealire,  corse  via 
«ad  lorde  per  usnover  nel  volgo  rancura.  £11. 
131.  Caccia  Gotana  sprovveduto,  e  spiventa- 
HpgKa,  aenaa  eoa  tempo,  gli  Stali  vicini.  Jr. 
fo^.  f9.  99.  Tempo  di  gingner  dato  avrta  ad 
Alriaa,  Ghe  venia  dietro,  eà  era  ornai  vicina. 


K  95.  9.  Che  ad  ora  ad  or  io  modo  «gli  affret- 
tava, Che  uexau  tempo  d'indugiar  le  dava. 

S  I.  Dare  il  tempo,  vale  Fem$are  il  tem- 
po. Vii.  lemporis  moditm  statnore.  gr.  xdti- 
^aC  fHrpov  xatraer^vM. 

$  3.  fffon  dar  tanto  tempo,  che  uno  rospi* 
ri,  palo  iVen  concedere  un  momento  di  lem" 
pò.  IiU  nec  moram  ,  nec  retjHÌem  dare,  gr, 
/tiìr*oty9eySsjliìv,juiiÌT'etvsc7oeu9iv  àoùvBu.Malnu 
1.  63.  Mun  gli  dà  taulo  tempo,  eh'  ei  respiri. 

5  3.  Dare  a  tempo,  vale  Dar  opporlnna* 
mente,  lat.  tempori  perctttere.  gr.  (v  tttupA 

l  4.  EJlguratam,  vale  Operare  in  buona 
congiuntura,  lat.  occaslonem  pracripere.  gr. 
xaupòv  npooipnótCstv. 

5  5.  Dare  a  tempo,  e  Dare  a'fempi,  vale 
Cwcoder  per  tempo  determinalo,  lat.  dare 
ad  tempus.  G.  F.  7.  SO.  i.  E  però  non  dee 
iiiuno  porre  speraiiss  in  sìgiiorU  mondana,  che 
è  data  a' tempi  secondo  la  disposizioufl  di  Dio, 
e  secondo  i  mertli,  e  peccati  delle  genti. 

5  4.  Dare  pe'  tempi,  vale  Nou  l'onderò 
a  contanti,  ma  per  ricevere  il  presto  sola- 
mÓHlo  al  tempo,  o  a'tompi  accordati,  lat  sta- 
tis  anni  temporibus  dare,  aut  solvere, 

$  7.  Darsi  biton  tempo,  o  bèi  tempo,  vale 
Passarsela  in  allegrìe,  e  in  divertimenti. 
lai.  in^lgero  genio,  animo  obse^ui ,  sibi 
bene  /acoro,  animo  obsotpdum  sumere,  gr. 
Ì94Ìv«(  raìc  iìiovttZi.  Boec.  noi'.  30.  99.  Quan- 
ta le  gambe  no  gli  poteron  portare  lavorarono, 
e  buon  tempo  si  diedooo.  B  nov.  43.  \%.  Sì 
vide  iniiauai  forse  un  miglio  un  grandissimo 
fuoco  ec^  d'intorno  al  quale  trovò  pastori,  cbe 
mangiavano,  e  davaiisi  buon  tempo,  di'qiiaK 
esso  per  pietà  fu  raccolto.  Boez.  Farch.  3.  9. 
Multissimi  poi  sono  coloro,  i  quali  misurano  il 
fmllo  del  bene  co)  godere,  e  darsi  buon  tempo. 
Am%r.  Cof.  I.  3.  Talor  quaud' ho  iL comodo, 
Ms  do  con  lei  bel  tempo. 

\%%.  Dar  tempo  alla  vomtta  d'uno,  va- 
le  Conceder  tempo  ch'el  ven^a.  Guicc>  J^or. 
17.  19.  Deliberò  con  fare  poco  cammino  ec. 
dar  tempo  alla  venula  degli  Svisaeri. 

5  9.  Dar  tempo  al  tempo,  vaio  Procedere 
con  maturità,  e  non  troppo  affrettatamente, 
in  gualche  operazione.  Malm.  IO.  97.  Sen- 
aa  dar  tempo  al  tempo,  o  pigliar  sosia,  YnMc* 
ce  nel  saloii,  lo  dove  è  il  ballo. 

^  DARE  TERMINE,  (e  IL  TERMINE.] 
impor  termine,  [assegnare  un  tempo  do- 
termÌnalo.\  lai.  tempus  constituere,  diem 
dicere.  gr.  xptuiìi  nvà  Ttvoi.  G.  F.  9. 156.  9. 
E  di  ciò  diede  termine  a'frati,  che  a  questo 
articolo  di  liberatameli)  e  rispondessono.  «Bocr. 
g.  10.  nov.  9.  tit.  Meuer  Torello  db  un  ter- 
mine alla  douna  sua  a  rimaritarsi. 

•  DARE  TEnnOHE.  Mterrlre,  Gnicc. 
Stor.  lib.  16.  Ai  quali,  trovandoti  quasi  del  tut- 
to disamali,  dava  grandissimo  terrore  l'essere 
restale  le  armi  Cesaree,  ec. 

DARE  TESTIMONIANZA.  Far  fostimo- 
nianstt.  lat.  tesi/tri,  tostimonium  dicore,  do- 
cumonttun  oderò,  gr.  /lacpruprlv.  Bocc.  g.  9. 
p.  I.  Gli  uccelli  su  per  K  verdi  rami  cantando 
piacevoli  versi,  ne  davano  agli  orecchi  testimo- 
uiaiixji.  E  nov.  9.  9.  Li  quali  d'essa  ne  deono 
dare,  e  colle  oprre,  e  colle  parole  vera  testirao- 
nianaa.  2*ac.  Dav,  Stor.  3.  317.  Polche  gran 
lestimonianaa ,  diss'egli,  le  ne  bìaogna  dare,  n^ 
in  altro  mia  vita,  e  morte  ti  può  più  servire, 
io  la  lì  darò;  e,  partito,  si  uccise. 

«  DARE  TESTIMONIO.  Produrre,  o  in- 
dicare per  testimonio.  •;  Fav.  Esop.  ÉÌ.  149. 
Vuo'  tu  dare  teslimontì  a  provarvi,  che  come  si 
fatta  buona  femmina  sia  ladra  ? 

DARE  TIMORE,  [o  DEL  TIMORE.]  jip- 
portare  timore,  \o  del  timore.]  lat.  metum 
incutere,  gr.  oó^dv.  Segnar,  Fred.  91.8. 
Ma  uou  vi  diss  Ìo  da  principio,  eh*  io  non  po- 
teva daivì  in  questa  materia  sa  uon  timore? 
Bed.  lett,  9.  970.  Questo  può  dare  dell'ap- 
prensioue,  e  del  timore. 

DARE  TITOLO.  Chiamare  altnù  con  ti^ 
tolo.  Onorar  di  titolo.  lat.  titulum  dare.[^, 
Ò¥opA^M.]G.  F.  6.  48.  J.  SI  gli  die  titolo  di 
paciaro  in  Toscana,  e  ordinò,  che  venisse  alla 
ciità  di  Fireute.  jélteg.  977.  Per  questa  arala 
il  mio  dolce  signore  CDarò  più  tosto  a  vostra  si- 
gnorìa. Che  di  superbia,  titoli  d'amore)  Come 
r  amico  venne  a  casa  mia.  l  Pallav.  Stor.  Cohc. 


401,  Dandogli  podestà,  ma  non  tìt<flo  di  Le- 
gato. 

DARE  TORMENTO.  Tormentare.  laL  tor- 
nuere.  gr.  arpéfiiv.  Dani.  rim.  30.  Ma  ae  mi 
dai  parlar  quanto  tormeulo,  Fa\  signor  mio, 
che  innanai  al  mio  moriro  Questa  rea  per  me 
noi  possa  dire. 

%  Dar  tormento,  o  il  tormento;  Martoria- 
re, lat.  torejuere,  quaesfionem  exercere,  gr. 
xoAec^rtv.  Alleg.  115.  Perchè  corte  ad  ognun 
nominar  sento,  Là  dove  i  dcbitor  chiamar  si 
iànno,  E  dove  a*  malCittor  sì  dà  lormento. 

DARE  TORTO.  Contrario  di  Dar  dritto, 

$  Dare  il  torto,  o  Dare  torto;  Giudicare 
in  disfavore,  lai.  damitnre.  gr.  xotTecx^vfiv. 
Ar.  FUr.  %t.  409.  Se  nou  che  il  re  Agranmn- 
te  diede  torto  A  Rodomonte. 

•  DARE  TRA  CAPO  E  COLLO,  v.  DA- 
RE CAPO. 

^  DARE  TRACOLLO.  Tracollare,  [Ab* 
bassorsi  dalla  parte  dove  il  peso  sulla  bi- 
laneia  è  maggiore]  lai.  collabi,  [gr.  owoXt- 
9^oUvuv.]  Tratt,  gov.  fam.  [94.]  IHglialo,  pe- 
roccb'é  divino,  a  •eiitira'b  salire  di  grado  tu 
grado  tanto,  cbe  non  solo  dar&  tracollo  alla 
sinistra,  al  tutto  dilungata  da  ogni  peitàero  ter- 
reno, [o  vero  crealo,  ma  per  la  furtrsaa  e  vio- 
leuaia  di  sua  leggiereaaa,  tirerà  dopo  sé  inal- 
aaudo  qnaulo  potr^  la  sinistra  bìlaucia.] 

S  Dare  il  tracollo  alla  bilancia,  [si  dice 
di  Quello  che  nello  cose  ugualmente  pen- 
denti e  dttbbie  cagiona  risolusione.]  v,  RI- 
LANCIA S  3. 

DARE  TRATTO,  e  DARE  IL  TRATTO. 
V.  TRATTO,  e  BILANCIA. 

DARE  TRAVAGLIO.  Travagliare.  Isfc 
in  niaerorem  addttcere,  dolore  ancore,  mo~ 
lestiam  offerta,  gr.  X\»ntXt.  Bav.  Ora%.  gen. 
delib.  448.  Io  ci  veggo  nascer  maggior  peri- 
colo :  vedete  "^i  gratia  un  solo  errore  quanti 
travagli  ne  dii  ! 

DARE  TRIBUTO.  Pagar  tributo,  Esser 
tributario,  lai.  tribtttum  pendere,  tributnm 
perso/vere.  gr.  fipo*  TsXtXv.  l'ac.  Dav.  amt. 
44.  439.  Egli  tornò  indietro,  rissatovi  trofei, 
e  memorie  di  sua  potenaa,  e  come  a  ninno  Afw 
sacido  innauai  a  lui  dato  aveano  quelle  genti 
tributo. 

^  DARE  VANTAGGIO. /7«r#^liM/ff.  IsL 
auclarium,  additamenttut»  dare.  Burch.  4. 
98.  Un  labbro  calsolaio,  che  fa  le  borse  Tre 
quarti  d'  accia  mi  vendè  a  ritaglio,  E  davaaù 
vantaggio  un  capo  d'aglio. 

•  %i.  Dare  vantaggio  ad  alcuno  nel  cam- 
minare, vale  Lasciarlo  andare  inttansi  un 
tratto,  prima  di  porsi  n  seguirlo.  »  -rfr. 
Supp.  4.  4.  Tu,  e' hai  più  lunghe  le  gambe, 
dovevimi  Dar  vantaggio  ». 

S  9.  Dar  di  vantaggio  ,  vale  Concederà 
in  luogo  di  vantaggio,  lai.  nlterius  dare, 
adderò,  gr.  TtpovcAiifOU. 

DARE  VANTO,  [o  IL  VANTO.]  ÀitribiUr 
pregio.  Concedere  la  gloria,  lat  laudem 
tribuere,  alicuius  rei  nomino  laudare,  [gr. 
iffaivo»  ^ytì9òau.\  Dant.  in/.  9.  Per  qoesU 
andata,  onde  gli  dai  tu  vanto,  Intese  cose,  cbe 
furon  cajfione  Di  sua  vìltorìa,  e  del  papale  am- 
manto. Pefr.  cap.  19.  Avrk  gran  maraviglia 
di  sé  stessa.  Vedendosi  fra  tulle  dare  il  vaulo. 
jir.  Leu.  3.  3.  Diamoti  Lo  gloria,  e  Ì  vanto  di 
«aper  me'  fingere  D'ogni  poeta  una  bugia. 

$  E  neutr.  pass.  lai.  se  iactore,  gìoriari, 
Farch.  Ercol.  67.  iactare  se  è  somiglian- 
tissimo a  millantarsi;  e  noi  abbiamo  oltre  il 
gloriarsi,  ec ,  vantarsi,  o  darsi  vanto,  il 
quale  verbo,  e  nome  non  hanno  i  latini,,  ma  i 
Greci  si,  cbe  dicono  felicemeoto  i^tffi^ou,  ed 
tMXOi.  jir,  Fur.  16.  79.  D'intenerir  un  cuor 
si  dava  vfinlo.  E  33.  4.  Ma  dì  saperlo  far  non 
si  dia  vanto.  Ambr.  Furt.  3.  4.  Si  dà  vanta 
al  printo  assalto  dnei  la  terra  a  man  salva. 

•  DAREUDIENZA.Prej/flrea*ro//o,/?«r 
retta.  Cavale.  Pungil.  497.  AllelUtto  i  cani 
datrallori  a  lacerara  i  suoi  figliuoli ,  e  servi , 
dando  udienxa  alle  loro  delraaiouì.  E  496. 
Danno  loro  (ai  detrattori)  lieta  fàccia,  e  pron- 
ta udienas.  :  Belc.  Fit.  Colomb.  C.  97«.Mau. 
darono  per  lo  Vescovo,  e  pe*  maestri  in  teolo- 
gia, e  cittadini  par  consolarlo,  e  a  uinno  dava 
ndienaa.  * 

^  DARE  VELENO,  o  DARE  IL  VELENO. 
Avrelenare.  laj.iwiwmjw  ministrare.  gr*ftt9- 


Digitized  by 


Google 


46  DAR 

ufouÌ4t*.' P»t$.  SI.  Delb  qiul  eoa  la  figliao- 
la  adouUIa  died«  il  Teleiio  alla  audra,  owla 
•«  ne  mori.  Tac,  Dar.  aHH.  iì.  I<0.  Piacque 
Telano,  che  lo  rateue  uicir  di  tè,  e  morire  ada- 
gio. Composelo  Loeu«la  ec  :  diedelo  Aiolo, 
UHO  dei  cailrati,  che  [lortava  le  vnrMide,  e  fi- 
cea la  crcdeula.  E  13.  167.  Quctlt  gli  diodoao 
il  primo  velano,  che  gli  mosse  il  corpo,  e  pas- 
sò, come  poco  poteule,  o  temperalo,  a  lempo. 

*  $  Dare  il  vélatiOy  vale  anche  iiam  la  vir' 
tiifii  potiti^  di  avveUnarr^  e  di  farmal'C  in. 
tè  felenù.  u  ^tam.  Colt,  3. 43.  Ai  negri  serpi 
Diede  crudo  veueuo,  ai  venti  diede  L'invitta 
podeità  d'empiere  il  cielo  Ui  rabbioso  furor  di 
pioggia,  e  neve  «. 

bARE  VENDITA,  e  DARE  IN  VENDITA. 
fendere.  laU  dare  mancipio,  Lucr.  gr.  irw- 
A<7y.  ^r.  Len.  3.  9.  Non  che  in  vendita.  Bla  a 
baratlo,  ma  in  don  dar  si  dovrebbono. 

DARE  VIA,  «  LA  VlA.  Dar  luogo  di  pat- 
tare, 0  di  andare,  lai.  fiam  aperire,  tier- 
Iter»,  gr.  Uà*  àvnyciy.  Dani.  /«/.  4:1.  Che 
da  cima  del  monte,  onde  si  mosse  Al  piano  è 
si  la  roccia  discuscesa,  Cb'  alcuna  via  darebbe  a 
ebi  su  fosse  [riaè  nessuna  via  darebbe.]  Bocc. 
nOi\  41.  31.  Tirate  le  spade  fuori,  sensa  alcun 
contaslo,  data  loro  da  lutti  la  via,  (orso  la  sca- 
le se  ne  veonero.  jir.  Fitr.  40.  Sl.Scbermiasi 
ovunque  la  maaaa  calasse,  Or  ribattendo,  or 
dandole  la  via  {cioè  lasciandola  andare  sensa 
ribalterla.]  Ciriff.  Calir.  3. 71 .  E  tristo  è  quel 
che  gli  arriva  dinanti.  Sicché  pel  campo  gli  è 
dato  la  via.  E  73.  S' arrosta  si,  che  diuanai  si 
spaxxa  1  suoi  uimici,  e  lassi  dar  la  via  Per  tut- 
to il  cam^M>,  e  fng^einSamastia.  «S  Fior.  Firt. 
cap.  16.  1  fanti  che  andavano  a  piedi  innansi 
gTKlavano;  date  la  via  al  Re  Alessandro. 

$  i.  Dar  via,  vale  Dar  modo.  lai.  modum, 
riam  trilatere,  gr.  Hi*  itiiyìu.  Bocc.  nov. 
77.  44.  La  tua  severa  rigidexaa  diminuisca 
questo  solo  mio  atto,  V  essermi  di  te  nuovamente 
fidata,  e  l'averti  ogni  mio  segreto  scoperto,  col 

Jiuale  bo  dato  via  al  Ino  desiderio  in  potermi 
ar  del  mio  peccato  conoscente. 

$  ì.  Dar  via,  vale  anche  Tratf.rire  da 
ti  ad  altri  il  pot tetto  di  che  che  tia,  o  per 
donazione,  o  per  vendila,  o  per  timìli  con^ 
tratti.  Ut.  ['alienarci  S""-  óù^^tpt^''*^' ^alm. 
S.  8.  Che  tu  daresti  via  fin  la  gonnella.  •;  Prot. 
Fior,  h,  I.  mi.  La  prima  parola,  che  egli  mi 
diceste,  quaod'  io  gli  Irallai  di  volerglieli  far 
dar  via  (certi  libri),  fu  cbo  egli  non  ci  voleva 
perdere. 

$  3.  Dar  via,  [parlandoti  di  merci,  vate] 
Stilare,  lai.  vefidere,  dittrahere.  gr.  irta- 
UU.  ,1  Seder.  Cult.  Ori.  ^W.  E  si  può  farne 
impresa  (della  maggiorana)  per  dar  via  del 
tuo  sene,  per  abbonar  la  cervogia  a'  Tede- 
tchi.  Bott. leti.  Zen. iti.  Un'altra  ragione  che 
ritira  questi  nostri  stampatori  dallo  stampare 
sopra  di  sé,  è  che  qui  non  c*è  l'arte  di  dargli 
vìa,  e  spacciare  i  libri  ancorché  buoni ,  e  nuovi. 

DARE  VINTO.  Conceder  vittoria,  lai.  vi- 
ctoriam  dare.^,  vjxigy  ioùvvi.  G.  /MI.  76. 
4.  Lo  onnipotente  Iddio  Sabaol  dà  vinto,  e 
perdMo,  a  chi  gli  piace,  secondo  i  meriti,  e  i 
peccati. 

S  I.  Darla  vinta,  o  Darla  per  vinta,  vale 
Concorrere  nel  tentimento  attriti ,[/iccomO' 
darti  all'alimi  volere  ec.\  ìat.cedere,  conce' 
dere.  (gr.  xXTOLx^ptìv.]  Frane.  Sacch.  nov, 
67.  Stringendosi  nelle  spalle  diue:  io  te  la  do 
per  vinta.  E  nov.  151.  Or  mi  di',  quanti  sca- 
glioni ha  ella?  Dice  il  Piaano;  io  le  la  do  per 
vinta.  Bern.  Ori.  S.  (.  SI.  Brandimaite dicea : 
dagliela  vinta,  [E  sta  sicuro  pur,  cbe  t'a  Dio 
piace  Ch'usciam  di  qui,  vi  farò  Cir  la  pace.] 

J  S.  Darle  vinte;  iatclare  impunito,  J- 
dittare,  jindare  a'vertl.  ìtl.genio  indulgere. 
ifUMU  TtUt  tiiettSi. 

S  3.  Darti  vinto,  e  Darti  per  vinto,  vate 
Arrenderti  confettandoti  vinto.  Ut. ['dedere 
te.  gr.  <yx«^<{<iii.]  Segner.  Fred.  34.  13.  E 
ohe  sarli  mai  ?  Non  verrii  dunque  mai  di  che 
ci  diamo  per  vinti  7 

^  DARE  VIRTt).  Apportar  facoltà,  po- 
tente, lai.  vim  tribitere.  gr.  iinoLju*  ITOui- 
)fnv.  Dant.  Purg.  5.  Giunse  quel  mal  voler, 
che  pur  naal  chiede.  Collo  intelletto,  e  mosse  '1 
fumo  e  il  vento  Per  la  virtù,  che  sua  natura 
diede. 

•  S  Per  Attribuire  facoltà,  polenta.  «  Be- 


DAR 

et,  Varch.  %,  6.  Voi,  mortili,  pigliale  piacere 
di  chianare  le  cote  con  nomi  falsi,  dando  loro 
quelle  virtù,  che  agevolmente  l'eBètto  d'esse 
mostra  non  essere  vero  a  . 

DARE  VISTA.  VedercXA.  atpicrre.gr.fiXi- 

Ttfl'/. 

$  I.  Dare  una  vitta,  vale  Veder  tuparfi- 
cialmente.  lai.  oculit  logore,  atpicere,  intpi- 
ctrm.  gr.  nxfipytti  fiXilttiv. 

$  >.  Dar  vitla ,  [vale]  Conceder  che  ti 
vegga,  Itt,  videndnm  praebere.fr.['KKr»fcU- 
vn».J . 

S  3.  Dare  pitta,  [vate  anche]  Dare  a  ve- 
dere ,  Simular*.  ìtt,Jfngere.  [gr.  npontoieù- 
/tote.]  Pntt.  341.  Dando  nata  d'essere  ooslretti 
per  tali  scongiuri.  M.  F.  1.  t.  Dando  vitta  il 
Re  di  grande  apparecchiamento. 

S  ^.  Dar  vitta  e  copia ,[vale]C«ueeder  che 
ti  veda,  e  ette  ti  capii,  lai.  videndi,  et  ex- 
tcribendi  copiam  facere. 

$  5.  D»i^  a  vitta,  [vale]  Dare  tenta  mi- 
tura  re  ;  lo  fletto  che  Dahe  a  occhio,  lat.  itctt- 
Ut  melienditm  dare. 

DARE  VITA.  Conceder  la  vita.  lai.  ;7»-«ff- 
berevilaniflargirivilam.f^T.l^v^vx^pi^fO^OU. 
Bern.  Ori.  I.  17.  17.  Per  darmi  vit^,  eletU 
egli  ha  la  morte,  [E  vuol  etto  morir,  perchè 
viva  io.] 

S  1  Dar  [vita,  o]  la  vita,  figuratnni.,  fate 
apportar  tomaia  contotaMÌone,  grandittimo 
piacere,  utilità  ivra.  lai.  tnmma  votuplate 
officerò,  gr.  Iv  pàìoL  ripltm.  Fr.  lac.  l'od. 
[i.  14.  5.]  Di  cantale  adornali ,  Ch'  ella  li  dà 
la  vita.  Sen.  ben.  Farch.  Altramente  tocca  il 
cuore,  e  ai  fa  lentire  all'  animo  una  cosa,  che 
dia  la  vita.  •  Ar.  Fur.  4. 63.  Debitamente  muo- 
re Qua  crudele  >  Non  chi  dà  vita  al  tuo  amalor 
fedele. 

;  (  3.  Dar  vita,  vate  ancae  Renderla  vita, 
Retutcilare.ltl.in  vitali  retvcare.  Fr.Giord. 
1.15.  Ed  ancora  col  suo  grido  dà  vita  ai  figliuo- 
li morti. 

•  $8.  [Par  vita  alta  Memoria  d'uno,]  vale 
Render  chiara  fra  i  potleri  la  memoria  di 
alcuno.  Ar.  Fur.  i9.  31.  Placare  u  in  parte 
satisfar  pensoste  All'anima  beata  d'Isabella, 
Se,  poiché  a  morte  il  corpo  le  |ierootse,  Desse 
almeu  vita  alla  memoria  d'  ella. 

S  4.  Dare  a  vita,  [vale]  Concedere  alti-iti 
checchettla,  pertin  eh'  egli  viva.  lat.  iptoad 
quit  morietltr,  ei  alitfititl  Ai  ttteudum  dare. 
$  i.  Darti  vita  e  tempo,  [vale]  Darti  pia- 
cere, e  bel  tempo.  Pecor.  g.  1.  nov.  9.  Ci 
demmo  vita,  e  tempo  infino  a  di. 

DARE  UNA  BASTONATA.  ».  DARE  BA- 
STONATE. 

DARE  UNA  BATTlSOFFIOLA.{:  Cecch. 
Prov.  89.  Tu  gli  hai  dato  una  battttoffiota 
delle  buone.  Biittisoffiola  é  dare  a  credere  una 
cosa  a  ono,  che  gli  torni  danno,  e  la  non  sia; 
come  sarebbe  dare  a  credete  a  uno  che  i  birri 
lo  cercassero  ,  o  che  il  tale  voglia  fare  seco 
quislione,  e  il  vocabolo  tlelle  buone  in  simili 
modi  di  dire  si  piglia  pel  couÉrario,  com'è;  io 
ho  un  buon  male,  una  buona  febbre,  cbc  vuol 
dire  grande,  e  assai.]  v.  BATTISOFFIOLA. 
.{DARE  UNA  CACCIATA. r<^r/ii.rfe'«<no. 
chi  d' invito ,  e  diceti  Quando  un  giocatore 
fa  tal  invito  che  /'  awertario  noi  tiene. 

DARE,  e  DARNE  UNA  CALDA  E  UNA 
FREDDA.  Dare  una  buona  nuova  e  una 
cattiva,  lat.  itukc  tpe,  itiinc  Umore  aliqttem 
afficertjgt.v\n  iXitlix,  *wfiSev  jrojfTa.Wir. 
Trin.y  i.Tn  me  ne  dai  una  calda  e  una  fredda. 
DARE  UNA  CORSA.  Correr  tottecitamen- 
te  tanta  fermarti,  lai.  cttrriculo  Ire  ,  cttr- 
tim  porgere,  gr.  [  *  nenottpopt,*  netiìy.  ] 
['Cecch.  Mogi.]  4.  6.  Dà  una  corta  [Musino] 
in  pi^sa,  [o  quivi  dal  diamante  ;  £  stu  trovi 
Ridolfo,  e  tu  IO  mene  Qui  lero  or  ora.] 

•:  DARE  UNA  FAROATA.  Ftguralam. 
Ciliare  un  motto  pungente  verta  alcuno,  v. 
FARDATA. 

•  :  DARE  UNA  GIRAVOLTA.  •-.  GIRA- 
VOLTA. 

DARE  UNA  LETTURA.  Leggere,  lai.  le- 
gore.  (gr.  «M/ty^ntnv.]  Buon.Fier.  S.  4.  It. 
lettura  darò  volentieri  All'  intcriaion  di  que- 
lle tepolture. 

%  Dare  una  lettura,  vale  anche  Dare  un 
patto  di  lettore  in  tfitaiche  Univertità,  o  tl- 
mili. 


DAR 

.  DAfiE  UNA  MENTITA,  v.  DARE  NOI. 
•nTE. 

:  DARE  UNA  RIVEDUTA.  ÌUvtdm.Ctr. 
teli.  ined.  I.  81.  L'animo  mio  ara  didve  Boa 
riveduta  a  le  mie  cose,  e  venir  via,  au  ginato 
qui ,  truovo  che  saria  necessario  càa  ai  fer- 
massi qualche  mele. 

DARE  UNA  SBRIGUATA.  farei.  Errai. 
88.  Dare  una  abrìgliala,  ovvero  sbriiliatan,  è 
dare  alcuna  buona  riprensione  ad  àlenno  p«r 
raffrenarlo  ;  il  cbe  ti  dice  ancora  iaren  tote, 
scio  er. 

DARE  UNA  SCACCIATA.  Scecciore.  bl. 
petlere,  expetlere,  eiicere.  gr.  «àdllv. 

5  E  per  metaf.  vale  Far  checché  tie  i«- 
perjìeialmente, 

DARE  UNA  SCOPATURA.».  SCOPiTC- 
RA. 

DARE  UNA  SCORRIBANDA,  o  SCOMI- 
BANDOLA.  Dare  una  girovollo,  Dtn  ma 
corta,  lat  hne  illtic  curtitart.  [gr.  uiniii 
Ir«/MT^ÌX«>>]  Cflff-  C»'*'.  8.  75.  Cotti  ia  Ira- 
tea  Colla  tua  genie, 'ed  una  icorribaada  Pel 
cam'po  dà  dall'  una  all'altra  banda. 

DARE  USA  STRETTA.  Strigmeretdtiri- 
gnere.  laC  competi  ere.  [  gr.  <n;»ll«iivin.  ) 
Cecch.  Dittim.  4.  8.  Andate,  eh' io  ai  «w  di- 
sposto di  date  a  quatto  vecchio  una  Urtila  èsi- 
le buone. 

.  S  Darti  una  tirella  ad  imo,  veto  reti- 
re,  Ettrrgli  data  ec.  Fil.  S.  U.  Vedi.  71 
Picendo  queste  parole,  te  le  diede  fa  J/. 
Ferg.)  ai  grande  alretta  al  cuore,  eha  treècl- 
lono  ch'ella  morisse  Cciué:  le  veooennailrtl- 

'."dare  un  BEL  NO,  e  UN  Btt  SI. 
Dir  di  no,  o  di  il  a  tintilo  di  che  elici  U 
richiede.  Geli.  Err.  ».  I.  Deh,  monri  Giee- 
vra  mia,  tte  a  mio-  modo,  datemi  na  bel  ss  o 

un  bel  no  ora.  

:  DARE  UN  BOTTONE.  ».  BOTTONE, 

*  DARE  UN  CANTO  IN  PAGAMENTO. 
Partirti  tenta  tatciarti  veder  del  cndilc- 
i-e  ;  e  ti  dice  anche  per  Partirti  einlalf 
mente,  o  Andar  via  tenta  far  mollo.  Ist. 
credltorit  occursitm  suplerfugere,fHfoirf 
ditori  taliifacere,  clam  diictdere.  gr.  leSf* 
iTtoxvptXt.  Bern.  Ori.  1.  1*.  *3.  Coeie  d.a- 
tro  alla  torre  fu  pastaU,  L'amico  della  ta  esa- 
lo in  pagamento.  Cecch.  Doni.  4.  7.  Eccoti,» 
delti  dianai  lesto  un  rtnto  In  papmanlo,  e  I» 
corso  per  mio  Tutto  Firenae. 

DARE  UN  CAPPELLO,  v.  CAPPEIXO. 

BARE  UN  CAVALLO,  v.  CAVALLO. 

DARE  CN  COLPO  AL  CERCHIO  E  UNO 
ALLA  BOTTE.  V.  BOTTE,  e  CERCHIO. 

.  DARE  UfhCROLLO  IN  SU  LE  FOR- 
CHE. Ettore  impiccalo.  Ar.  Fur.  14.  *^b 
te  il  fralol  di  Fenaù,  Isoliero  Cbe  t  ''«*°" 
legato  rilrovollo,  Non  facea  fede  im»nii  si  n 
del  vero.  Avrebbe  dato  in  su  le  forclie  un  cwllo- 

.  DARE  UN  GANGHERO,  p.  DARE  It 
GANGHERO.  _, 

DARE  UN  GRATTACAPO,  v.  GRATTA- 
CAPO. ,    „ 

DARE  UNGUENTO.  Lo  tte>to  che  Ber 
tota.  Buon.  Fior.  8.  ».  I».  Padri  imbachenli 
Da"  lor  falsi  cuiuati,  che  talora  Vaweotaoo  a«l 
viso  a  darvi  unguento.  , 

DARE  UN  LACCHEZZINO.  t'arch.Eml. 
57.  Quando  t'  é  integnàto  alcun  bel  tralto,  « 
dice:  questo  è  un  colpo  di  maestro;  o:  efU 
ha  dato  un  Isccbeaaino.  ., 

.  DARE  UN  UBELLO.  ••.  DARE  IL  U- 
BELLO.  ,  ^,. 

.  DARE  UN  MOTTO  DI  CHE  CHE  SI*. 
V.  DARE  MOTTO.  ^„,, 

DARE  UN'OCCHIATA,  «  UN'OCCHIA- 
TINA.  Guardare  di  patteggio,  lai.  intpn- 
tare,  oeitllt  ittitrpare,  logore,  iletibare,  cvt- 
titeri,  deiicere  ocitlitm  alieni  rei,  Cic.  gr.  «?• 
ySilsfiv.  Alleg.  40.  Ma  e'  non  é  pertanto  tbe 
elle  non  mnovan  la  maggior  parte  delli  sciope- 
rali, a  dar  loro  un'  occhialina  per  patiateiap». 
Ambr.  Cof.  ».  4.  Egli  è  a  propotito.  Che  dia 
un'  occhiata  alla  cata,  e  contideri  e».  «''"• 
I.  9.  Si  volta,  e  dà  un'occhiaU  ne' contadi. 
Red.  Ott.  an.  ».  Volli  farvi  sopra  qoalcheeo- 
rìosa  osservazione,  e  parlicolarmeule  nel  djre 
un'  occhiala  ec.  all'  snierao  ordino  e  posilnii 
delle  viscere. 


Digitized  by 


Goo^ 


DAR 


DAR 


DAR 


47 


Ult  m  PUNTOLE.  ÀHdmntm*  ttau 
<^wnai;wmdt  tutta,  [cui  dtlla,  ptrcki 
gf/gi^  th  Utcim  mllnti  m  qiutto  mùac,  vie» 

rut  4  ttMiUrU  pimHlmto  im/  Iho^o  dova 
uféltt.]  Ul  I0CÌI0  mbtceder*,  abmmbu' 
Im.  p  ^*->«JC>V^*- 

.  SAIE  V>  MCCaiO.  V.  DARE  PIC- 
CHIO. 

MRE  CR  PUGNO  IN  CIELO.  Tentar» 
nw  imfftiUé  e/arti.  Late.  rim.  (1 .  180.  ] 
fK^i  •IliuMHli  •  ralefgli  ire  a  |«lo,  Sareb- 
Uiamtitnm  f>'S>«>  >•>  ciclo. 

.  DAB£DS  RIFIDTO.  HiJlulare.SegKar. 
Méaa.  Oa.  4.  4.  D«lo  uii  alto  ri6ula  a  tulli 
«VI  W«i  ch'ai  |iou«dra  re. ,  si  preseutò,  nu- 
tt  qmJ  cn  a«to.  ianMi»  al  tuo  Macovo. 

;  DUE  UM  TIEKI  A  MEKTE  AD  UNO. 
Srtfuarh  cui  ferola,  o  con  falli  ÌH  gui- 
M  ia  iim-nat  ricartlart.  Barn.  leti.  VI. 
E  K  (mK  iliri  cka  <oi.  Ti  daria  un  liani  a  mea- 
u,  M  f«  ^aeita  «oìu  "itaTi  perdonalo  (  la 
alaaiM  4«,  aar  errerà  :  liaoli.^ 

•:  VilE  UN  TOCCO  AD  U^O.  Dir  rhec- 
rìkaw  ed  me  trevamante  e  mperjicie  Inieit- 
ic.r  TOCCO. 

CiBE  CN  TUFFO,  v.  DARE  IL  TUFFO. 

kiBEVOCE,  a  BOCE.  far  cerrer  fama. 
U.  I metrmt  tarara,  famam  a iicitiut  rei  fa' 
an.  (r.  Uy»  ÌOUTtv^ow.  G.  f.  ».  «O.  3. 
E  i  yt*'  ordine  »  diede  boce  per  la  ciUade, 
I A  badare  ia  Fnoeia,  per  uno  de'  reali,  o 
iliaala,  a  aipole  del  R«  per  capilauo.  Boce. 
».  U.,S.  E  in  Uewiua  loruali,  diedrr  voce 
Jmrle  per  loro  biiogue  mandalo  in  alcun 
htp.  il.  y.  \.  IO.  Boce  diedooo  di  tornar- 
«K  fv  le  pbnv,  duud«  eraua  tenuti,  reno 
Kilau. 

5  1.  Ber  race,  vale  alche  Parlare,  Chia- 
mere.  lai.  tacem  emiltrre,  vocerà,  gr.  xxitly, 
MMÌt.  Jatet.  a.  Cou  quella  Toce,  eli'  io  pos- 
ìa  Ha  éa*,  DiTota  vi  riugraaio  di  lai  bene,  lied, 
Iv.  ìi.  ìkn  voce  il  uguoru  a'  poderoiiaaimi 
omàÈ,  die  tou  forti  come  le  pctcUie. 

)1  Barettaa  voce,  vale  Chiaaiore.  Ut.cla- 
mtn,  wocere,  p.  x^ac^v.  ^arch.  Ercol.  86. 
btfe  aaa  vece  significa  chiasnare. 

$  I.  Ber  la  voce,  vale  Dare  II  volo.  lai. 
m/Teiiem  ferra,  gr.  ^^eo>  ridceSau.  G.  f. 
II.  Il,  1  Pane  opera  divi'ua,  che  ciascuna  sel- 
b  A  oadiiiali  a  gaix  gli  dicdono  le  loro  boci. 
:  fellev.  Sler.  Carne.  153.  Si  dichiarò,  che  per 
^adaiaglia  (arsa  di  sedere,  o  di  dar  la  voce, 
aoa  l' ialcndcsse  da  veruno  acquistala  o  perdu- 
ta n|ia«e  B  MS.  Disse  al  vicino,  che  mai  egli 
asa  iadaviaerebbe  a  clii  esso  era  per  dar  la  voce. 

S  1.  Dar  vece  dij^nltiva,  vale  Dar  facol- 
li  di  difiaire.  •  Pallav.  Slor.  Cohc.  746. 
Ecrdloi  ProcnraUiri,  in  quanto  procuratori,  co- 
sa calofo,  CUI  non  diessi  voce  diffiiiiliva. 

i  S.  Dare  la  aiilla  voce,  o  mila  voce,  vale 
Uttrrompere  V altrui  ditcorto,  Contraddir' 
f/i,  ferie  cielara.  lai.  alicmut  oratiunem 
niiierT,  PlauLgr.  «iiTtAiy<iv./'<s''<'A.  Ercol. 
M.  [We  ia  sulla  loee  (tigaijica)  igridare  uno, 
Knocchi  egli  Uccia.  Tac.  Uav.  am.  II.  137. 
Per  colali  asioui  Vipsaitio  consolo  proposo,  che 
CbaAo  «  gridasse  padre  del  senato  ec.  ;  ma 
ept  diade  ia  solU  voce  al  consolo,  come  trop- 
pa adalme.  £  13.  176.  Celare  gli  die  sulla 
foce,  d«eado,  sapere  da*  libri  di  suo  padre,  che 
am  Sanò  mai  alcuno  ad  accusare.  A'  15.  SS6. 
Taui  i  padri  gli  dettero  iu  sulla  voce,  non  mi- 
■arsne  r  occasione  de'  mali  pubblici  coulro  agli 
'ie  fentu.  Ualm.  8.  71.  Volea  seguir;  ma 
■aoi  Mia  sianaa  Gli  dierou  sulla  voce  cou  il 
Alt  Che  il  perdere  è  comune  ee. 

S  i.  Dare  mala  race,  vale  Biatlaiar»,  lai. 
MaferarefCriaiimari.  gr.  /Ufiftedeit.f'arch. 
mi.  86.  Dare  mala  voce  (tlgaijSra)  biasima- 
re Oami.  laf.  7.  Quella  è  colei,  ch'è  lauto  pò- 
«a  ia  croce  Pur  da  color,  che  le  dovrian  dar 
Wr,  Oaadole  biatmo  a  Iorio,  e  mala  voce. 

:  D4RE  VOGLIA,  tm-ogliar».  laU  detide- 
ritm  ìmlicere.  Deal.  Par.  15.  Come  saranno 
•  pani  preghi  sorde  Quelle  suslanae  che  per 
**i  rifila  Cb'  io  le  pregassi,  a  tacer  fur  con- 

^  DARE  VOLTA.  «  LA  VOLTA,  rolla- 
"■  U.  Iramtire,  regredì,  gr.  inwMrepifUy. 
'm.  aaa.  88.  5.  E  di  qaiiidi,  come  se  di  Ro- 
M|as  leniataero,  dala  la  volta,  verso  la  casa  se 


X  $  I.  Dar»  volta  aduMO,vat»  Dirittarti 
verte  di  lui,  jindara  alla  volta  tua.  a  Dani. 
Purg.  S.  E  giunto  ii  cogli  altri,  a  noi  dier  val- 
la Come  schiera,  che  corro  aensa  freno  a  . 

•  SS.  Dar  volta,  vale  Far  tornar  iudlO' 
Ira,  Sforxare  a  tornare  indietro,  m  Petr.  toH. 
6.  Né  mirale  spronarlo,  o  dargli  rolla  »  • 

%i.Dar volta, parlandoti  di  vino.valeGua- 
itarti.  Ar.  tal.  3.  (>  cb°  egli  (i7  %iuo)  fila  e 
mostra  la  figura  Ch'  ebbe  a  dar  volta  di  fiaccar- 
si il  collo,  Sicché  men  mal  saria  ber  l'acqua 
pura.  Sodar.  Colt.  103.  11  vino  che  ha  datola 
volta,  se  si  tramuta  su*  vasi  di  buona  feccia;  ta- 
lora ritornerà.  E  103.  Il  vino  che  alla  prima- 
vera apparÌKe  caldo  al  gusto,  tosto  darà  la  volta. 
S  4.  Dar  volta.  Tornar»,  iti,  regredì,  re- 
vtrli.  gr.  iitcatX%*ìv.  Dani.  rim.  tt.  Col- 
l'iusegue  d'amor  dieder  la  volta.  Fir.  dite.  an. 
39.  lu  auo  luogo  si  lasciasse  legare,  finattaulo- 
ch'ella  andasse  a  dir  uua  parola  all'amico,  suo, 
che  subito  darebbe  rulla.  Ar.  fVir.  SS.  01.  In- 
tanto cercherò  convenienti  Cagioni,  •  che  San 
giuste  di  dar  volta. 

5  5.  Dar  la  volta  addietro,  vale  Tornare 
addietro,  lat.  retro  evadere,  gr.  italtoH^v. 
Fir.  Àt.  109.  Cheto  cheta  diede  volta  addie- 
tro, e  andoasene  a  raecontare  agli  altri  lutto 
auello  che  egli  aveva  veduto.  E  176.  Ed  ella, 
andò  la  volta  addietro  ec.,  piò  ralla  che  mai 
se  De  tornò  al  paese  de' viventi.  *  l'it.  S.  ti. 
Madd,  55.  All'  altro  comandò, che  quando  e* 
ione  entralo  nel  tempio  di  Dio,  che  ponesse  men- 
te la  vista  che  faceasono  que'  maggiori  del  tem- 
pio, e  che  incoiitaiiente  desse  la  volta  indietro 
a  ridire  loro  ogni  cosa.  , 

S  6.  Dar  la  volta,  e  Dar  la  volta  al  can- 
lo,  vogliono  Impattare,  Utcir  di  tè, Delira- 
re, Perder  l'uto  della  ragiona,  lat.  delirare. 
gr.  TteipethiptXe..llleg.tO.  Sa  però  si  concede 

3ueslo  rigresao  a  chi  ha  con  tanta  soleniiìlà 
ala  la  volta  al  canto  a  bel  diletto  mille  volte. 
E  343.  Io  ho  giudicalo  pertanlo  che  la  nostra 
signora  ec.  abbia  una  vogliamrcistcraiinata  di 
fiirmi  dar  una  volta  al  canto  pei' sempre.  Cecch. 
Servig.  3.  3.  Perch'eli' ban  poco  cervello,  E 
ogni  poco  eh'  elle  s'afi*^ichino  E' dà  la  volta. 

$  7.  Dar  di  volte ,  vate  Tornare  addietro. 
lai.  def  edere,  gr.  iTtCTfiiTittv.  Test,  Ger.  0. 
94.  E  con  messi  iterali,  islaudo,  prega  E  Ar- 
gante, e  Clorinda  a  dar  di  volta  :  La  fera  cop- 
pia d'eseguir  ciò  nega. 

S  H.  Dar  la  volte,  Rivoltar»,  Capovolta' 
re,  eftguratem.  Conqnattare,  Rovinare,  Anr. 
dar»  in  declino,  lai.  avertere,  tiibvertere,  in 
pela*  mere,  retro  refarri,  [gr.  ttoÙA'npi' 
irretì.]  Dav.  Sciti».  84.  Sandero  suo  pa- 
drone, che  l'accusò,  l'istesso  di  in  Tamigi  cun 
dar  la  volta  alla  barca  fu  affogalo.  Borgh.  Fir. 
ditf.  955.  Ancorché  avesse  già  cominciato  a 
dar  la  volta,  eia  pure  ancora  un  poco  di  nervo, 
e,  per  dir  cosi,  di  spirito  uell' imperio  romano. 

S  9.  Dare  una  eolla,  vale  Avvallare,  lat. 
convolvera.  gr.  «vjiurjlixriy. 

J  IO.  E  Dare  una  volta,  vale  anche  Far» 
una  girata.  Geli.  Sport.  S.  5.  Orsù,  i'vo'dare 
una  volta,  e  ingeguerommi  di  riscontrarlo. 
•  Bocc.g.  8.  it.8.  Partitosi  adunque  Spinelloc- 
cio dal  Zeppa,  dala  una  soa  volta,  fu  iu  casa 
con  la  moglie  di  lui.  £;.  IO.  proem.  Data  una 
volta  assai  lunga  ec..  al  palagio  si'ritomaronn. 

SII.  Dar  volle,  ehe  liiceti  anche  Dar  vol- 
ta, vale  Rivoltarti.  ìaUvartarl ,  valutari,  gr, 
OTiifltiiu.  Boce.  Hov.  S4.  14.  Tu  dii  tali 
volle  per  lo  letto,  che  tu  fai  dimenare  ciò,  che 
c'è.  Bern,  rim.  I.  Non  cosi  spesso,  quando 
l'anche  ha  rotte,  Dà  le  volle  Tifeo  l'audace 
ed  empio.  •  «  Dani,  Purg.  0.  [Vedni  le  si- 
migliante  a  queir  inferma.  Che  non  può  trovar 
posa  tu  su  le  piume,]  Ma  con  dar  volta  suo 
dolore  scherma  ». 

S  li.  Dar  la  volta  tonda,  vate  Rivoltarti 
lutto.  Fir.  Àt.  95.  Io  mi  diedi  a  voltolarmi 
molto  bene  su  per  la  polvere  ;  ma  non  fui  mai 
da  tanto,  che  io  potessi  dar  la  volta  tonda. 

%  13.  Dar  la  volta,  parlandoti  del  Sole, 
vale  Inelinare  all'  occidente,  o  Tramontare, 
»  parlandoti  della  Luna,  vale  Aver  pattato 
il pleuilnniu.  FraHC.Saceh.not:  177.  Guarda- 
te, rbe  voi  non  gli  {«oneste,  se  la  Luna  non  dà 
volu.  6'irt^.  Calv.  I.  S6.  Il  Sole  intanto  avea 
dala  la  volta.  Per  apparire  all'usato  orìaaonle. 
041'.  Colt.  160.  Non  vendemmiar  tra   le  due 


lunt,  cioè  in  sol  fare,  *«  in  ani  dare  la  volta, 
che  aimil  giuoco  ti  farà  il  vino.  Beru.  Ori.  I. 
17.  7.  Due  volte  tornò  il  Sole  alla  sua  via; 
Ventiquattro  la  luna  diede  volta. 

;  S  14.  Dare  volta  verta  un  luogo,  vài» 
incamminarti.  Andare  verte  ipiello. 

*  %  15.  Dare  la  volta,  vale  Cangiar»  tira- 
da.  Scantonar».  Buon.  Fior.  5.  1.  8.  Ed  ei 
vista  la  faccia  Del  creditor  odiosa  dia  la  volta. 

DAR  E  VOTO,  «  DARE  IL  VOTO.  Render 
voto.  Fatare,  lai.  tuff^agium  forre,  tenleu' 
tiam  dicrre.  gr.  ifi^ft*  Ti9ie9«>.  Tac.  Dav, 
ann.  13.  189.  Burro,  benché  reo,  fra'giudici 
diede  il  volo. 

DARE  USCITA,  «  L>  USCITA.  Dar  luogo, 
onde  ti  patta  utcir».  Barn.  Ori.  9.  8.  41. 
Che  qnella  era  nfta  porta  al  fin  del  sasso  Che 
dava  uscita  al  tenebroso  passo. 

DARE  UTILE.  Apportare  utile,  lat  uti- 
lltatem  affare»,  gr.  eàf  f  Jlllv. 

5  Dare  a  utile,  vale  lo  eletto  eh»  Dar» 
a  inter»tte,  laL  faenori  dare.  gr.  ^eeyt<{«v. 

DARE,  ffenlr.  paxt.,  e  talora  colla  parti* 
cella  NE  ji  nta  frequentemente  in  molti  de* 
tigni ficali  addietro  tpiegaliSen.  ben.  Varch. 
I.  9.' Il  vendere  la  giuslitia,  e  dare  la  rag'ione 
a  chi  piti  ne  dà,  ornai  non  é  maraviglia  (ani 
per  Offerire.)  Bern.  Ori.  «.  15. 17.  Ne  de»- 
tnn  finalmente  tante,  e  tante  Al  povero  Anlì- 
for  d' Albarossia,  die  l'abbatter,  ma  con  >a- 
percbierla  (qui  per  Percuotere.) 

S  1.  Dartela,  e  Dartene,  vate  Somigliarti, 
Etter  dell<rtletto  tenore,  Etter  mila  meda- 
tinta  dala.  lat.  attimitari.  gr.  Itponp.Oto'i»- 
9ai. 

$  9.  Darttla  giù,  vale  Por  giù  l'animo, 
ffon  ci  pentflr  più.  \nX.  animnm  detportder». 
gr.  «itovrvmiuiMi;  f  p;<>v. 

•  $  3.  Dame  una,  vale  Far»  una  beffa, 
Cecch.  Dlttlm.  4.  3.  Forse  ch'io  pensi  troppo 
a  daninene  una?  Ed  é  slata  buona:  ma  non  si 
può  dolere;  che  io^li  dissi  cheec.  io  lo  giun- 
terei. 

S  4.  Darti,  per  Batterti,  lat,  conjligere, 
pugnam  Inire.  gr.  evyx^evciv. 

$  5.  Darti,  per  Arrenderti.  lat.  re  deder». 
gr.  itivrbi  MeUmu.  G.  1^.  IO.  IS5.  I.  Bea 
mandarono  que'del  Bort<o  arabasciadorì  a'Fio- 
renlini,  per  darsi  loro  liberamente,  se  gli  dili- 
berassono  dall'assedio,  e  difendessono  dagli 
Aretini.  Segn.  Star.  13.  336.  Si  pattuì, che  se 
fra  tre  giorni  Ottavio  non  mandasse  soccorso, 
la  terra  si  dovesse  dare  a  don  Ferrante. 

•  5  6.  Darti  e  Dare,  per  Conceder  copia 
di  te,  in  tento  ditonatto.  Hov.  ani. 11.  i.  In 
visimic  ec.  gli  parea  vedere  che  le  Dee  della 
scienats,  a  guisa  di  belle  donne,  stavano  nel  mal 
luogo,  e  djvsnsi  a  chi  le  volea.  Geli.  Cil*c.  9. 
[SI9.]  Lo  parole,  e  i  consigli  suoi  sono  aggua- 
gliali alla  forza  di  coloro,  che  porlano  i  pesi  a 
pretao,  o  alla  belleaaa  delle  meretrici,  che  si 
danno  per  ogni  vii  cosa.  Ar,  Fur,  98.  48.  E 
quante  ne  vedean  di  bella  guancia  Trovavan 
tutte  ai  prieghi  Ine  eorleài.  Davano,  e  dato  loro 
era  la  mancia. 

.  S  7.  Darti,  parlando  di  moto,  valeGit- 
lartl,  Latciarli  andare.  Dani,  Inf,  98.  E 
giù  dal  collo  della  ripa  dura  Snptn  si  diede 
alla  pendente  roccia  frioè,  ti  lateii  tdmccia- 
lar  giù.) 

•  :  S  8.  Darti,  talora  vale  Accadere,  Av- 
venire, Succedere.  Red.  teli.  fam.  9.  317. 
Come  diamine  mi  aia  scappala  questa  com, 
io  non  me  ne  rinvengo.  E  pure  son  cose  che 
si  danno.  Sefn.  Poel.  998.  E  parimeolesi  dan 
molte  asioni  d'  un  solo  uomo  delle  quali  non 
mai  ne  risulta  aiione  che  si  possa  dire  unica. 
Salvia.  Prot.  Tote.  49.  Benissimo  si  può  dare 
che  una  copia  aia  migliore  dell'originale  e  di 
gran  lunga. 

<  S  9.  Darti  a  checcheisla,  o  in  ch»i- 
chattla,  vai»  Applicarsi  a  checcheitla.  lai. 
in  aliquam  rem  Incumbere.  gr.  iro«»ix«» 
TÒ»  »«0»  nw.  Boce.  Fit.  Dani.  S34.  E  qui- 
vi tutto  si  diede  allo  studio  e  della  filo- 
sofia, e  della  leohigla  ec.  E  944.  E  perciò  spe- 
rando per  la  poesia  allo  inusitato,  e  pomposo 
onore  della  coronaaione  dello  alloro  poter  per- 
venire, lutto  a  lei  si  diede,  e  isltidiando  e  com- 
ponendo. ClHff,  Calv,  9.  84.  C'ban  fatto  di 
lorvilano(omia,Perlaaciarlàmadi  loroseienaia; 
Quai  si  lon  dati  neH'aitrologla  Sema  pìgriiia. 


Digitized  by 


Google 


u 


UAR 


BAR 


UAR 


«  WDta  negtigeoiia  ;  Alcun  t'è  duto  tlla  filnt(i6i, 
£  allrì  cou  fervore  a  peuiteiiaU.  S  55.  Varron 
ai  delle  nell'agricoltura,  ElColumella,  e  fnroa- 
ne  maettri  Barn,  rim,  33.  Datevi  iunenaà  a 
lavorar  di  nano.  *;  Secc.  Coni.  Dant.i.  7.SÌ 
dette  agli  iludii  liberali. 

•  S  10.  Qiimtcht  volta  Darsi  a  chacchtt- 
tta,  diaola  AJr*tlamtHta,  »d  tauirti  Htl- 
tatluu.DaHt.  Jnf,  33. Quivi  norìi  e,  eone  tu 
ai  vedi,  Vid'  io  calcar  li  Ire  ad  boa  ad  uno  Tra 
il  quinto  di  e'I  watoiood'io  mi  diadi, Gii  cieco, 
a  brancolar  tovra  ciaicuno,  E  Ire  di  gli  cbia- 
mai  poi  ch'e'fur  morti:  Poacìa,  più  cbe'l  do- 
lori  potè  il  digiuno,  *^ 

•t  S  H 1  Darti  ad  altrui,  vale  Far  eopi/i  di 
si  ,  Sssart  ccrtasa  4  di  faeiir  abbordo.  Ott, 
C*em.i*«r^.  10.193.  QueitoCraiano  a  Roma, e 
per  lutto  le  provincie  a  tutti  li  dava  iguale, 
e  •  tutti  inot  amici  fa  corteM. 

t  %  fi.  Darsi  a  far  cA<  eh*  sia,  vaia  Co- 
minciare a  far  che  che  sia.  u  i7occ.  noi-.  <8. 
ik.  In  lioudra,  a  guÌM  che  far  veggiamo  a  que- 
lli palloni  Franceschi,  ai  diedero  ad  andar  Ja 
limosina  addomaodando  >. 

S  It.  Darsi  a  correre,  vale  Cominciare  a 
correre.  lat.  in  cursiim  se  dare.  Fir,  4s.  I8S. 
Hi  diedi  a  correre  quanto  mi  usciva  di  lutti  e 
quattro  i  piedi. 

%  K\.  Darsi  a  credere,  vale  Slimare,  Far- 
si a  credere.  Riputare,  imi.  pittare, sibi  per- 
suadere, gr.  >e/if{uv.  Boes.  f^arch.  i.  I .  E 
tu  ti  dai  a  eredere  di  poter  riteuere  l'empito 
della  ruote,  cbe  gira  sempre? 

•  S  15.  Darsi  ad  a/citno  uno  sfinimento, 
la  febbre ,  o  altro  malore ^  vale  f^enirgli 
d'improvviso.  Assalirlo.  Ksop.Fav.  ['S.  JM.J 
Per  la  sopercbie  paura  se  li  si  die  la  febbre  e 
■ttcauulì.  Barf.  Star.  As.  Indi  a  noè  molto  gli  si 
die  una  febbrella.  E  Ciapp.  Itb.  3.  Quivi  cou- 
feisatasi,  in  finire  d'assolverla  le  si  die  uno  ali- 
mento. 

•  S  S  it. Darsi a'caniJUuratam.  valePer- 
der  la  patienxa.  Darsi  al  diavolo,  alla 
disperasione.  v.  CANE  $  37.  e  DARSI  S  31. 

S  17.  Darsi  «'  diletti,  vale  Abbandonarsi 
a'ptaceri,  Segrùr  gli  appetiti,  lai.  voluptO' 
les  sectari.  [gr.  ivtitiiyeu  iauriv  ralf  i)io- 
vac2{.]  Bocc.  g.  S.f.  4.  Commendò  j:iascun  la 
reiua  delle  cose  dette,  siccome  savia;  ed  in  pie 
driixalasì,  chi  ad  un  diletto  e  cbi  ad  un  al- 
tro si  diede. 

$18.  Darsi  a  Dio,  vale  Dedicarti  alta 
vita  spirituale.  iai.Deo  vacare.  Amm.  ani. 
9.  C.  7.  Talon  si  conviene  di  lasciare  la  pe- 
tria,  acciocché  uoow  possa  più  liberamente  dar- 
si a  Dio,  ovvero  a  studio. 

S  ti.  Darsi  al  buono,  vale  Applicarsi  ad 
astoni  buone,  e  virtuose-  lat.  virtutem  am- 
plecti. 

S  so.  Darsi  al  briccone,  o  ni  furfante, ec. 
vale  Divenira  a  nell'  opere ,  e  ne*  concetti 
briccone,  furfante,  ec,  lai.  pravum  $1  volu- 
ptarium  vitae  genut  amare,  nequitiam  am' 
piedi,  gr.  vimipixtnOTi  yiytiedtu. 

•:  S  SI.  Darsi  alla  busca,  vale  Darsi 
alla  cerca  per  buscar  checchessia,  v.  BU- 
SCA, S  1. 

«  j  M.  Darsi  alla  cerca,  vale  Mettersi  a 
cercare.  Cecch.  Sliav.  ^.  S.  E'uon  bisogna 
darsi  tanto  fastidio,  ma  pili  tosto  darsi  alla  cer- 
ca: ella  è  in  questa  terra. 

•  :  $33.  Darsi  all'  acqua,  parlandosi  del 
tempo,  vale  Cominciare  a  piovere. 

$  34.  Darsi  al  diavolo,  vale  Disperarsi, 
Dannarsi,  lai.  furils  agitari,  furori  ha- 
benas  laxare.  gr.  btpeUMtdou.Bern.  Ori.  I. 

5.  86.  Io  per  tuo  amor  mi  sono  al  dtavol  dato. 
$  33.  Darti  alla  disperasione,  vale  En- 
trare in  disperatiout.  Disperarsi,  lai.  ma- 
UMS  detperalioni  dare\^T.a1tt\'!tiÌm.]Bern. 
rim.  I.  37.  E  questo  fece  per  compassione. 
Ch'egli  ebbe  di  quel  povero  Cristiano,  Cbe 
non  li  deue  alla  disperatione. 

{  $  36.  Darsi  all'inchlasla  d'una  cosa, 
vale  Frentlrra,  a  Mettersi  a  cercarla.  Car. 
Long.  So^.  88.  Indi  per  gli  Dei  di  ghirlande 
ooorere,  si  dettero  all'inchiesta  de'fiori  dovun- 
que n'erano. 

$  37.  Darsi  alla  poltroneria,  vate  Dive- 
nir poltrane,  Aviillrsi.  lat.  InaHiae  se  de- 
dar*,  gr.  ifyloa  irgiiteìcu.  Ber».  Ori.  3. 

6.  9.  Quel,  eh'cn  dato  alla  poltnoerij,  Fi- 


cee cosi,  perchè  si  dilettava  Dì  quello,  e  quivi 
avea  la  làulesia. 

$  38.  Darsi  alla  strada,  vale  Porsi  a 
far  t  assassino  ili  strade.  laL  grassatorem 
effici. 

t  $  SO.  Darsi  alla  trista,  vale  (iettarsi 
al  malfare;  e  parlandosi  di  femmina,  a 
far  copia  di  si.  Geli.  Sport.  3.  5.  I  giovani 
ec.  non  le^slimaoo,  e  faiinole  disperare  in  mo- 
do che  di  molte  volle  per  fendicarsi  si  dauno 
alla  trista. 

$  80.  Darsi  alla  vita  ritirala,  vale  Fi' 
vere  a  se  stesso, standosi  solitario,  lai.  se  in 
solitiulinem  dare,  solitariam  vitam  sequi. 

%  31.  Darsi  alle  bertucce,  a' cani,  alta 
fortuna,  alla  versiera,  alle  streghe  ec,  si- 
gai/lca  Disperarsi,  lat.  iiuiignari,  furare. 
gr.  /uet/vtsSms.  Pataf.  8.  Ch'io  non  mi  darò 
mai  più  alle  streghe.  Fir.  Trin.  3.  3.  H*  sa- 
puto, eh' ell'è  innamorata  d'Uguccione,  e  che 
ella  non  lo  vuol  vedere,  e  dassi  alle  streghe. 
£  4-  I.  Il  padron  mio  si  dari  alle  streghe,  se 
uon  mi  trova.  Matm.  0.  10.  Ma  dopo  e,  ch'io 
mi  dava  alla  fortuna.  £  10.  40.  E  Paride,  che 
gii  n'ebbe-ooliiia  Da  quel  sup  libro,  or  si  di 
quivi  a' cani. 

$  33.  Darsi  allo  spirile,  o  atCanima,  va- 
ia Applicarsi  alla  vita  spirituale,  lai.  di- 
vinis  rebus  iiicumbere.  gr.  rà  Ttumpotxuak 
ieni^oSKt.  Bocc. noe.  34.  3.  Che  |>oi  essen- 
do tutto  dato  allo  spirito,  si  feco  bisaooodi  que* 
gli  di  san  Fraucesco.  M.  f'.i.  07.  Essendo  la 
m^re  di  detto  Francesco,  e  Niccolò  allempa- 
Ij,  e  datasi  allo  spirito. 

•  $  33.  Darsi  angoscia.  Darsi  pena,  tra- 
vaglio. laL  laborare.  gr.  irevalv.  Fr.  Giord. 
11 8.  l'Onde  se]  non  avessi  sperenaa  cbe  il  Re 
Ulilacesse,  cbi  si  darebbe  angoscia  d'addi- 
mandare  ì 

S  34.  Darsi  a  rubare,  vale  Commetter 
furti.  Far  ladronecci,  lat.  furlis,  et  lalro- 
ciniit  insnescere.  gr.  ìb^eTtiaut  ivtSi^eStu. 

*t  iii.  Darsi  assiduo  a  checchessia,  %'a- 
le  Attendere  assiduamente  a  far  checches- 
sia. Agu,  Pand.  18.  Veggiamo  noi  di  questi, 
che  si  traviclieiio^  e  danno  assiduo  allo  slato. 

^  S  36.  Darsi  attorno,  vaia  Andare  at- 
torno. Girare  intorno,  lai.  circumire,  am- 
bire ,  quaerere.  gr.  ftXoTt/uTaiat. 

l  $  37.  Fate  anche  Affaccendarsi,  iVoii 
perdeice  un'  oncia  di  tempo.  Bocc.  nov.  II. 
13.  Perchè  con  ogni  sollecitudine  dandosi  at- 
torno, e  r  oste  lofu  ritrovato,  come  il  fallo  era 
gli  contarono.  «  Frane.  iSafrA.noK  146.  Sem- 
pre si  dava  attoruo,  recando  e  di  di,  e  di  not- 
te a  sé  delle  eose  del  paese  ». 

•;  $  38.  Per  Industriarsi,  Studiarsi,  lat. 
quaerere.  Bocc.  g.  3.  n.  I.H^le  ibbiani  pro- 
cacciato ec.  perchè  dandosi  attorno,  é  l'oste  lo- 
ro trovato  ec. 

$  SO.  Darsi  a  uno,  vale  Dei/icarsegli  con 
tutto  t'animo,  lat.  se  tetum  alieni  tradere. 
gr.  (ceuTJy  n»  Mtnntss,,'.  Car.lelt.t.t.Sea- 
se  stare  troppo  in  su  convenevoli,  io  mi  vi  do, 
e  douo  per  amicissimo, 

•  S  40.  E  per  Affidarsi,  Alibondonarsi  a 
quatchedttno.  Amm,  ani.  I.  3.  Chi  a'medici 
si  di,  a  se  medesimo  si  toglie. 

$  41.  Darsi  buon  tempo,  vale  lo  slesso  che 
Darsi  festa,  v.  DARE  TEMPO. 

•  S  $  43.  Darsi  coli' anima  e  col  corpo  a 
checchessia,  vale  Attendere  con  ogni  pote- 
re, a  luti 'uomo  a  checchessia.  Cavate.  Bsp. 
Slmb.  3.  98.  E  le  più  volle  rendono  male  per 
bene,  come  ttitlo  di  veggiamo  di  molti  che  so- 
no dali  coll'anima  e  cui  corpo  a  servire  a  certi 
signori,  e  poi  sono  da  loro  abbandonati  oelli 
loro  bisogni. 

•  $  43.  Darsi  col  martello  su  per  l'un- 
ghie, vate  Accusar,  si  medesimo  dicendo 
male  d'altrui.  Meni.  Sai.  3.  Oh  mi  dirai:  a- 
duiique  tu  se'  il  fabro.  Che  ti  dai  su  per  l'un- 
ghie col  martello,  E  ti  deformi  cou  il  tuo  ci- 
nabro. 

S  44.  Darti  atra,  vale  Pigliarsi  pensie- 
ro, Applir.are.  lat.  euram  habare.  gr.  ['/si- 
ìtodau.]  Bocc.  nov,  31.  3.  Poca  cura  si  dava 
di  più  maritarla. 

•  $  45.  Darsida  fare,  vate  Affaccendar- 
si, Affaticarsi.  Mail,  Frant.  Rim.  buri. 
[3.  486.1  L' oste,  i  garaoni  e  la  £iule,  e  la  mo- 
glie Si  daa  de  bre,  acciò  cbe  contentato  Resti  ^ 


con  gfì  altri  a  tutte  le  sue  vogl'ie.  ••  Vwf. 
IO.  57.  Quivi  Margulte  si  diva  di  fare,  Dina. 
do  :  L' arte  mia  fu  sempre  cuoco.  Coaiacii  la 
cammella  a  scaricare,  E  la  cucioa  metta  a  pa- 
co a  poco. 

•  :  $  46.  Darsi  della  scure  in  snl  pie, ili- 
cesi  In  proverb.  del  Farsi  il  mete  de  ti, 
dall'Operare  a  proprio  svantaggio.  v.SCV- 
BE. 

•  J  47.  Darsi  dentro,  vale  Saltare,  Lea- 
eiarsi  dentro.  Ar.  Fur.  40.  35.  pR||ttn 
molti,  e  nou  volse  egli  udire  Che  ritarìuue, 
ma  dentro  si  diede.  Dico  che  gin  dalla  cilU 
d*nn  salto  Dal  muro  entrò,  che  treola  bncda 
er*  allo. 

$  48.  Dami  di  monte  Mortilo  per  le  le- 
sta, vale  Far  cose  da  disperali,  0  uaptisi- 
bili.  •:  Cecch.  Uasch.  3. 1.  l'Ie  hoddlooiM 
cosa,  e  ogni  rosa  È  vano,  e  si  vi  date  qni  di 
monto  Morello  nella  testa. 

$  40.  Darsi  dolore,  vate  Trevegllerti, 
Dolersi,  Inquietarsi,  lai.  se  afiiclere,  mse- 
rare  confici,  gr.  Aniédeu.  G.  V,  7.  ti.  I. 
Onde  lo  re  Carlo  si  diede  gran  dolore  ti  pit 
la  presura  del  figliuolo,  e  si  perché  li  (Hlau 
gli  era  fatta  si  contraria.  :  FU.  S.  Bi/ru. 
403.  Ha  perduta  una  sua  figliuola  ec.  e  eoa 
ne  puote  sapere  novella  ninna;  credo  verace* 
mente  ch'egli  se  ne  dalie  la  morte;  tsuto  dolo. 
re  se  ne  dàe  al  cuore. 

$  50.  Darsi  fnlica,  vale  Pigliarli  brift, 
o  pensiero.  Frane.  Saceh.  nov.  137.  Ncsmao 
officiale  quasi  ha  fallo  odio,  o  datewea  U- 
tiea. 

J  51.  Darsi  fetta,  contrario  di  Darri 
malinconia,  lai.  geni»  indulgere,  (gr.  m3'  ^ 
Jenjv  TtMÌJ.]  Senna t.  Are.  prtt.  I.Bria- 
senno,  varie  maniere  cercando  di  sollstisre, 
si  dava  meravigliosa  festa. 

5  S  **■  Darsi  fretta,  vale  Àfrtllmi. 
Ces.  Pros.  364.  La  materia  ci  vien  Unto  Bel- 
tiplicando  tra  mano,  cbe  la  sera  ci  cnglieri  cU 
non  saremo  usciti  a  peeta  di  questi  verbi:  di 
che  parmi  doverci  dar  fretta. 

$  53.  Darsi  il  case,  vale  Avvenire,  de- 
cadere. Succedere,  ìet.  forte  dori,  ceatia- 
gere.gr.  eujisySouMiv. /!«/.  Ftp  1.61.81  di- 
va il  caso,  cbe  elle  avessero  a  lavare  i  corpi  di 
coloro,  che  erano  f.itti  morire  col  veleiw. 

•  :  $  54.  Darsi  impaccio,  vale  Bersi  ca- 
ra. Pigliarsi  pensiero.  Ovid.Simint,i,i3t. 
Non  li  dare  impaccio  di  pregare  per  eoi. 

<  S  55.  Darsi  in  braccio  a  uno,  vale  Cea- 
eedergli  copia  di  si.Ep.  Ov.  Hem.  Fior.  II. 
905.  Ma  quel  Giove  giammai,  quel  Uom,  qeil 
Dio  Farla  men  bruito  il  mio  peccato  ocraodo, 
S'io  mi  ti  deisi  imicamente  in  braccio? 

•  :  $  56.  Darsi  l'accetta  su'piedi,  iictli 
in  provarh.  ;  DeWoperare  a  proprie  svse- 
taggio.  V.  ACCETTA,  $  9. 

:  $  57.  Darsi  lagno,  vale  Lagnarsi,  0«- 
retarsi.  Frane.  Saceh.  rim.  Tu  non  te  aa 
dai  lagno  D'avere  il  soprenoome,  il  quale  eb- 
b'  egli. 

•:  $  58.  Darsi  lagno,  vale  anche  Borii 
cura,  pensiero.  Frane.  Saceh.  rim.  54.  Mo- 
strano i  Cieli,  e  le  virtù  divine.  La  lor  palaa- 
la,  e  nessun  A  di  lagno.  Di  far  altio  che  aalc. 

•  $  50.  Darsi  lamento,  vate  Lamentarli. 
Fu.  S.  Bufros.  404.  Io  vi  priego  per  liae; 
dio  della  voitra  anima,  cbe  voi  non  n  diate  pia 
lamento. 

!S60.  Darsi  la  morte,  vale  Venderli, 
Ammassarsi.  Fit.  S.  Bufros.  403.  Ha  per- 
duta una  sue  figliuola  ec.,  e  non  ne  pnote  sa- 
pere novelle  ninne;  credo  veracemente  rh 'egli 
se  ne  darie  la  morto,  tanto  dolore  se  ne  dk 
al  caore.  E  appresto  :  Veggendo  i  suoi  Ime- 
ni, e  cavalieri  che  questo  conte  si  voleva  dsr 
la  molte,  si  gli  dissono. 

:  S  61.  Darsi  la  pace  insieme,  v.  DAR 
PACE. 

S  $  69.  Darsi  tiutghesta,  vah  Pigliane- 
In  con  agio.  Andarne  per  le  lunghe.  Cor. 
leti.  Ined.  1.  57.  E  perchè  conoscevamo  cbe 
sì  davano  lungbcsaa,  subito  die  il  capitane  ec 
giunse  ec.  cominciammo  a  stringer  la  cosa. 

$  63.  Darsi  malinconia,  [o  manincoale,] 
vale  Divenir  malinconico,  lat.  moerore  efi- 
ei,  gr.  iiiiluisiJedta.  Fitoc.  Per  tee»,  che 
Florio  non  se  ne  desse  troppa,  malincooii. 
.  FU,  SS,  Pad.  9.  916.  Della  qoal  co»  q«l 


Digitized  by 


Google 


DA» 

mmt»^»  H  Ji*^  tMttimmatoaSi  che  fu  in 

.{Ul  Anf  mmmritba,  vai*  Umravi- 
f^m.  SUL  Umrc.  Poi.  90.  Quanilo  lo  re 
>  Mk  <  ^Mria,  Jicdoi  (Twdc  nenTÌglia,  e 
Ak.  farW.  /'<».  7.  Doucaegnii  aunn- 
fK  (•"^  «■  £  *•  Ooauù  gtut  aunriglia, 
di  h  Mite.  £  U.  Moa  Ir  ae  dm  nmaTiglu, 
|flife'«  Ir  «abbia  dlaaauilìiio. 

{«.  Cani  w-hM»,  [va/*]  4fflìggeril. 
U.  mthtlum  ùU  cremrm.jr.  ac>ni«9m.  ^r. 
.Ifir.  I.  4  S— fta  mtra  T'bo  lorialo  a  tuo 
■aji^  m  aalarfia  Mt  <Uva,  die  '1  Ticino  avea- 
m  idmu  Fm  le. 

•  {  M.  'Dmrti  m»l  p*Ho,  va/a  Pereuoier- 
lét;  t  diet$t  fr  i»  più  tM  ptrcualtrit/o 
fa  «fa*  M  ctmfmMtioH*,  Dani.  Purg.  9.  Mi- 
^f^atéu  dticù,  che  m'aprìaie.  Ma  pria  uel 
rMakefaUBÌ  a»^- 

S  tt.  Dtrti  lui»,  la  sUsto  eie  Dirli  aio- 
JaaNa.  Bai  dt.  i.  l>3.]  Madouaa,  oen  vi 
teaM«e;. 

:  IH- JtoM  tfr»,  vU  Onorarti,  Ae- 
fàfTtmén.lntrod.  f ii-r.  38.  Preauuiio- 
at  li  t  fiaafc  l'aiHBO  t'appropria  l'allrui  fatlo 
MT  ^a  aaarb 
:  S  n.  Ami  ji*c«.  *•  DARE  PACE. 
5  T».  flena  ptH»iaro  if  m««  e<i»«,  vaU 
tmmt  cM  prwmmo-M  a  wu  COM.  lat  <<« 
a£fM  ra  tallicUum  MU.  \ff.  Ypat/Ti^un 
tifi  Urti]  flacr.  «ov.  77.  II.  Dirai  alla  pùa 
4aBk  cfe  4  ne  aiua  peiuieia  ri  dea. 

:  5  71.  Doni  ftr  amor;  vaia  Arrmdtrti 
fMMtitamlo.  CraH,  ani.  SS.  E  tulte  que- 
ir Tari  A'a^  ràoaa.  aNho  in  quaalo  oo- 
'a,  ck  K  l'nn  per  fona  d'anse,  e  chi  ^i  •< 
im  fti  aoan,  ainao  daaao  avea,  a  chi  ai  ri- 
Ulan  (di  dialircra. 

:  $71  Darti  par  camtemlo,  vaia  Confai- 
mi,  Dickiararti  eomlaalc  e  talitfalla. 
faU».  Stor.  CÓHC.  S.  99.  E  ài  lai  mauiera 
il  haneràiD  li  M  per  ooatcnliuÌB>a,riipaD- 
^■dacaa  aa'iaiaità  di  riagraiameali,  e  di  ri- 
«a4<Mli  offerte. 

!  n.  Darti  par  incarto,  a  Darti  per 
torti,  nla-Motlrarsi  eerto,  a  incarfo.  Ut. 
laKOMi,  tei  eontcimm  ta  /arre.  :  Pnilav. 
Jhr.  Cme.  (10.  O  troppo  capi  in  diuimular. 
h,  rea  dancaa  par  iacerti. 

:  J  74.  Darti  piata,  vaia  Darti  cura.  Fr. 
(òonL  I.  li.  Abbiano  eglino  ouetti;  di  quelli 
reo  piai»  à  danao.  v.  PIATO. 

•  $  7^  Darai  ripot-,  lo  alatto  che  Darti 

fon.Qmtarti.Jr.  Ftr.  [».  90.)  Gli  diaae: 

CHabar,  detti  ripoao,  Che  b«a  paola  aia  giun- 

U  coati  cara. 

:iH.Dar,italdatara.v.aAKZ  DOLORE. 

;  S  77.  Darti  vinto,  •  par  vinto,  v.  DAR* 

HTorro. 

:  $  79.  Darti  vitn  »  Iman  lampo,  vola  Vi- 
««  «■  ftila  a  in  agio.  Cron.  Uorell.  934. 
^i|aaMe  che  II  laagtii  la  bollano  e  che  tu  de- 
•JiiriMiare  iadolto,  •  darti  riU  e  bnoa  lem- 
la  te.  recali  la  mente  tua  al  pctlo  ec. 

•:  DARE.  Inforta  di  l«lt.,  vale  Gi  c/ia 
—  eoe  dare  ad  un  altro  di  danari, 

•'.  $  I.  Imerealanli  chiamano  Libri  del 
iert  e  ieiravtrr.  Quelli  in  cni  tcrirouo  il 
Milo  e  II  credito  de'  loro  corri ipondeuti, 
*  arotatori. 

•:  $  t.  Di  mi  Parlila  del  dare,  ae'li- 
trH*nati,ilirrti  Quella  parta  del  foglio 
•a  ni  Ita  tcrilla  il  debito.  Segnar.  Div. 
Ut.  197.  Toraert  alloca  in  accuucio  i'  esa- 
*aar*faa  ang^ior  atteoiione  le  imrtile  d^l 
'«  e dcHarere,  i  ami  beaebii  e  la  ToUra 


osa.  (Qffi  figuratam.) 
DA  RITTO  E  DA  ROVESCIO.  Patto  av. 
••*«/aa  ,  vale  Per  tulli  i  rtrtf.  lai.  unde- 
^T"  \t,'- ««««Tax"}-]  *«'«••". 90.  In  quel, 
ck'ttla  da  rìtln,  e  da  rovascio,  Coil  dieendo,- 
n  Meanda  a  doppio.  Dà  ani  Tito  al  Cornacchia 
**  aaiTOTcnno,  f-h'ou  fltfgho  ai  aeniì  lontaa 
la«ppia 

•  DA  RIVERSO.  Poar»  awertlalm.,  vale 
Ma  farle  rorttHa.  Cavale,  Etpat.  Simb. 
'-  (M.  Per  lo  lino  ch'è  dentro  da  tÌTcrto  in 
1*cA  pana  di  «aualana,  a*  intende  l'aatusia 
»  h  «aKàa  dalli  iporrili. 

'',  DA  ROBA,  inforza  d'agg.,vafe  Mot- 
<•<•  Cetrh.  Dot.  1.  S.  Egli  ch'era  da  bane  e 
^lab^Merl.  ^ 

yocekolario.—  t. 


DAR 

MRSENA.  Im  paHa  pài  iutama  dal  por- 
lo, cinta  per  lo  più  di  muraglia,  lai.  por- 
tilt  interior,  gr.  niittpet  iU/u)v.  Ked.  Ott. 
an.  133.  Sta  aenpie  con  una  delle  ano  enre- 
miU  radicata  ec.  negli  acogli,  o  muri  de'podi 
e  delle  darsoae. 

DA  SCHERZO.  Patto  aweròiaim,,  ivla 
Da  burla.  Itt. per  iocnm. gr.  Tteuiuàtf.  Sagg. 
tmt.atp,  100.  Adunqoe  (diaaero  alcuni  come 
da  achàrio)  o  l'aria  non  ha  che  Cat  col  aua- 
uo,  eo.    ,  , 

DA  SE  DA  SE.  Poeto  awarbialm..  Seco 
eletto,  e  anche  Per  ti  medetimo.  lat.  tecum 
ipie,  per  te.  gr.  VKp  ktur^.  Varch.  Ercol. 
95.  Chi  nel  favellare  dice  er.  <{tirUo,  che  il  ano 
arwruiio  «e.  gli  voleva  taf  diro,  ai  chiama  in- 
filaarai  da  ti  da  a^. 

^  DA  SENNO.  Poeto  avArhialm.,  [vale] 
Da  vero^  contrario  di  Da  burla,  lai.  torio. 
gr.-»iceud>!. 

$  i.  Diceti  ancia  Da  buon  tenne,  ad  ia 
alquanto  pia  di  forra.  San.  beu.  k'arch.  I. 
4.  Quelli,  che  vogliona  aanare  gli  animi  ec, 
favelliuo  daddovcTO,  dicano  da  buon  teniio. 

:  S  9.  Diceti  anche  Da  mnteitetta  tenue, 
e  vale  il  medetimo,  ma  ti  prende  tempre 
in  mala  parta,  a  Cavale.  Diicipl.  Spiri!. 
[194.]  Anaì  alcnna  volta  ecoprendo,  che  il  loro 
cenfesiarri  peccatori  non  TcuÌTa  da  ttmiUà,iiu 
da  superbia,  ae  a'adirauo  de  aialadellu  senao  a. 

DA  SERA.  Petto  avverblalm.,vale  I»  lem- 
^ditera.  lai.  tvtpertiifo  tempore.  [mT.trpi^ 
inipeu.]  Dani.  Par.  il.  ih  quel  color,  che 
per  lo  Sole  anrrrao  Nube  dipinge  da  aera ,  s 
da  mane,  Vid'io  allora  lotto 'I  eiel  cotperao. 

*;5  Dello  di  parole,  a  ditcorso,  infor. 
sa  d'aggiunte,  vale  l^aiio.  Da  diro  a  veg~ 
ghia.  Morg.  7.  34.  Questo  ragiouaaH-ule,  So 
che  laranne  parole  da  aera.  Che  come  ramaio 
ae  le  porta  il  vento. 

DA  SUZZO.  |..  DASSEZZO. 

:  DA  SIMILE.  Posto  awerbialm.,  vale  Sl- 
milmente. Oli.  Cam.  liif.  10.  190.  Da  niila, 
lo  lampo  preaeute  noa  ai  veda,  però  che  i  eo-, 
me  ae  foaae  ia  su  l'ocefaìo. 

♦  ;  J  E  per  Luogo  reltarieo.  Oli.  Com.  Par. 
&.  409.  Segue  il  poema,  mostrando  per  luogo 
da  similu,  che  ec. 

DA  SOMMO  A  IMO.  Posto  awerbialm., 
[cA/e]  Dffi  capo  a  pledf,  lat*  <i  tummo  ad  i- 
mum.  àialm.  7.  99.  Sgomina  ciò,  che  v'è  da 
sonuno  a  imo. 

^  DASSAL  Che  anche  ti  dica  D'ASSAI 
Petto  nwarldatm.  In  vece  d'aggittuia,  vale 
Sufficiente,  Da  fatti  ;  contrario  di  Dappo- 
co, lat.  praettant,  eg/vgliii.  gr.  iffictTet. 
MSor.  S.  Grog.  Perche  si  lengono  dassai,  però 
in  utUN  modo  eondisceudono  agli  uomini  umili* 
Frane.  Saech.  nov.  10.  Meaaor  Dolcibene  fo, 
aecondo  cavalier  di  corte,  daasai  quanto  alcua 
altro  sito  pari.  i9ff  t.  D' asmi,  cioè  da  molto.  Fir. 
Triii.  9.  5.  Perchè  io  aoiio  un  bnono,  e  daasai 
marito.  *l  Brons.  Cap.  14.  Chi  mi  cercasae 
Di  fur  dassai,  non  gliene  saprei  gr«ido.  R  ap- 
pretto :  Non  cvrcar  sette,  o  prove  Per  perer 
più  d'assai  di  tutti  quanti. 

•  ;  S  l<  B in  f orto  di  tuH.Bront.  Cap.  19. 
'E  quei  pochi  daoar  ch'ha  guadagnali  Onesta- 
mente ai  lor  bisogni  apeei,  E  non  com'i  daasai 
chiusi  e  aerbeti. 

*  $  9.  Ha  la  forza  avverbiale  di  Cotan- 
ta, Coti,  Millo.  «  Dani.  liif.  99.  Ed  io  'dis- 
si al  poeta:  Or  fu  giammai  Geii^  a!  vana  co- 
me la  Sanaae  ?  Certo,  non  la  Francesca  si  d'aa- 
sai  ». 

•  DAS8AIACCIO.  Peggiorai,  di  Dattai. 
Beni.  Mogllat*.  [199.]  Né  mai  vedesti  la  più 
dasttiaccie. 

DA8SAIEZZA.  yéttrallo  di  Danai.;  Si^f. 
fclema,  jilliliidine,  e  Prottatta  nell'opera  • 
re.  lat.  promptiluda,  apttluda.  gr.  tiÀMploL. 
Tran,  gov.fam.  Era  donna  di  grande  daasaies- 
a».  Fr.  Gioid.  Fred.  Considera  le  datieloiaa 
di  Marta.  Cecch.  Vagì.  4.  9.  Mai  mai  aveva 
in  boccLAIlm,  che  le  sue  laute  dasaalease.  B 
Dot.  9.  4.  Ma  tosto,  ch'elle  n'escano  (ta  fan,, 
ciulle).  La  aantil5  si  fugge,  e  bcuo  spesso.  Se 
ne  fnggnn  con  lei  le  dsssaiease. 

DASSEZZO.  Che  anche  ti  terfva  DA  SEZ- 
ZO.  Patta  awerbialm. ,  vate  Neil'  ultima 
luogo,  iti.  potlrema,  iiovittime.  gr.  ri  Ttllu- 
T7.ÌW.  G.  P.  ».  3.  e.  Poi  fu  purta  tau  Piero 


DAT 


4« 


dasiaao  calla  'uiagna  delle  chiavi.  Petr.  oap, 
4.  Che  fisr  ph  primi,  e  -quivi  «ran  daaaosao. 
Sacr.  Mop.  69.  I.  Ad  altri  non  realava  dir,  dia 
a  lei,  te  non  a  colui ,  che  p«r  privilegio  avea 
il  dir  da  aeaao.  Folg.  Rat.  Poaaono  aongregara 
tutte  le  eoa*  dassetao. 

DATA.  A'ren  del  Tempo,  in  che  fa  ieri!- 
la,  e  comrgn»la  la  lettera, natalo  nellm  «••• 
iletima;  nella  eletta  gnita,  ek'utavan»  ap- 
porvi i  Latini:  djrtum  eie.  Dnv.  Scitm.  VI. 
Le  gntie  dal  di  dalla  data,  non  deH'esecuxio- 
ne,  hanno  vigore.  OccA.  Carr.  9.  4.  Ma  aa 
pur  fosse  venuta  h  lettera  ec  ,  Vedi  la  dota  ; 
e  sa  la  uoetre  è  messa  Qualche  -  di  dopo  (co- 
w'i'credo),  mostrala.  Hed.  lelt.  9.  199.  La 
letKva  che  V.  S.  mi  ha  mandata,  è  dal  aig. 
dottor  Boasmo  da  Meatioa,  iu  liatt  da'aella  di 
Giamo.  <;  Cas.lell.  ined.n.  Bisogna  oh'ia 
sapida  %aUo  che  data  si  ha  a  spedir  la  Bolla. 

*:  $  Ì.Data,  ti  dice  anche  dell' Iwlteazio- 
ne  dèi  luogo  dove  fu  stampalo  un  libro. 
Cntse.  Tao.  F'areh.  Stor.  Nella  prcaente  (ri- 
tlampa  del  Vocabolario)  abbiamo  citalo  la 
moderna  ediaiooa  del  1791  io  foglio  eolla  dala 
dtColooia.  B  Barn,  rim.  I  primi  in*(volHmif 
parlano  la  data,  parte  di  Londra,  e  palla  di 
Firanae;  il  torto  quella  di  Fireuae. 

$  9.  Data,  per  Colpo  che  ti  di  alla  pal- 
la ia  giocando,  >:  Dite.  Cale.  8.  Il  daUire 
corre  la  palla,  e  con  lòrtisaine  date  la  spegne 
quanto  puote  più  alto  e  lontano. 

S  8.  Data,  per  lo  eletto  eh»  Padronato 
di  benafitii  eccletiattici,  *  simili.  hU  'lue 
caujàrendl  bona/leti, 

•  S  4.  [Per  lo  Dare,  o  Qm/irlre  I  detti 
beiiaHrii  ecdetlatllei.']  Stgner.  Porr,  iatlr. 
4. 9.  [Chi  può  ridir  le  promesae,  i  petti,]  i  trat- 
tali coovensionali ,  che  passano  tra  'I  jwpolo,  e 
i  preteudeoli  al  tempo  di  tali  date  ? 

$  5.  Dala,  per  Qualilà,  Datura,  Ceudi- 
zìoiia.  ifnim.  R.  43.  E,  fella  da  viein  h  revc- 
rema.  Panie  promintiò  di  quatta  data.  ]  Car. 
leti.  9.  83.  A  loro  istanta  avea  cominciato  a 
riformarla  tu  questa  data. 

J  8.  Quindi  Eeeor  tur  una  data,  vale  Bt- 
eer  della  medetlma  qualità ,  della  slatta 
condizione.  laU  etutdem  natura   ette, 

•l  J  7.  Biter  in  dala  di  far  chocehettl*, 
vale  Etsera  dispetto,  Btsorein  tempera  di 
far  eioeehetiln.  Car.  teli.  9.  190.  Noe  vi  Ini 
parte  de'souelli  deUAurai*,  perchè  non  mando 
le  mie  cose  attorno  a  niunov  parendomi  una 
magra  apatie  d' ambieioiie,  e  non  esaendo  piò 
in  questa  data  di  br  versi,  coaao  sapete.  B  9. 
96.  Io  non  tono  ia  qoeala  data  di  scrivare  so- 
pra di  ciò. 

•  %9r.  Mantener  uno  sulla  data,  vale  Se- 
cùndarlo,  Secondare  H  detto  lia  lui.  jémbr. 
Furt.i.  1.  A  una  aspugnationa  d'una  ciltà 
ha  agguagKeto  quest*o|tera  :  egli  e  buono  man* 
tenerlo  sulla  data  (cioè  su  questa  metalhra.) 

S  9.  Data,  per  Dazio,  lai.  trlbulum,  gr. 
fip»i.  Star.  Piti.  97.  Par  le  graudt  spesa  si 
facaano  grandi  imposte,  e  date.  B  49,  Puosa 
une  gran  data  per  pagare  la  geni*  sua.  B  ap- 
pressa i  Ragionarono  di  volerà,  che  la  data  e 
r  altre  gravesae,  che  le  gente  dello  Imparat<H 
re  làceano  a'citladiui,  si  levassonO  via. 

•  5  iù.  Dala,  ne'giiiachi  di  carte, minchia- 
te,  e  timili,  è  t'/itto  di  mescolare  e  dar  la 
carte  a'  giucalori  in  una,  a  più  girala,  on- 
de diceti!  Ha  fatu  niu  buoaa  o  caiiva  data. 
Min.  Malm. 

:  S  11.  £>'»oc«  di  data,  diceti  Quello  in 
cui  l'awertario  è  tenuta  a  ritpandera  eolla 
carte  del  medesima  seme,  che  sano  state 
giocale.  V.  RISPONDERE. 

J  J  19.  BData,diconal  anche  La  earte  gio- 
cate; onde  Ritpondera  alla  data,  vale  Gio- 
car una  carta  del  teme  delle  gii  giocale. 

DA  TANTO.  Patto  awerbialm.  in  vece  di 
aggiunto,  ha  rotazione  al  Da  quanto,  e  va- 
le Di  tanta  sufficienza.  Di  lauto  valore,  o 
gindielo,  e  simili,  lai.  tam  praostans,  lem 
perilut,  aptut.  gr.  ixa>d«.  Bacc.  nov.  13.  IO, 
Fu  da  tallio,  e  tanto  leppo  fare,  che  egli  pa- 
cificò il  figliuolo  col  padre.  Enav.  60. 15.  Per- 
rinrcfaè  noi  conosceva  da  lauto,  jff  hoi'.  99. 14. 
Disse  di  farlo  volentieri,  ae  da  tanto  lìiste,  co* 
me  diceva.  Lab.  166.  Se  il  minore  nomo  è  da 
lauto,  da  quanto  doveri  esser  colui,  la  cui  vir- 
tù ha  fatto  che  egli  dagli  altri  ad  alcuna  ec- 
7 


Digitized  by 


Google 


50 


DAT 


DAT 


DAT 


ccll«nu  <ia  elevato?  Fir.  Àt,  95.  Io  hm  clie- 
di  a  voMoUrmi  su  per  la  polTore;  na  odo  fui 
ila  UHtOf    cbc  io  iK>l«s$i  dar.Ia  Tolta  touda. 

:  DATARIA,  •  DATEBIA.  Vf^cio  tiaUa 
e^rtg  di  Romn  sopra  la  colÌa*ìoH«  tWItmiu* 
JicH,  ed  anche  ti  Luogo  deve  ti  conferisco' 
HO  i  detti  benejleii,  laU.  'dataria.  Pallav. 
Slor,  Cotte.  S.  7M.  Sopra  la  conMtctudiue  sue- 
caduta  donattdiuo  qualuitqne  perwua  maasa- 
nameote  esperta  negli  u«  qella  dateria. 

:  S  l.5i  dice  anciie  della  Dignità  a  Cari- 
ca di  DtUevio, 

•X  $  9.  Datarla  y  si  pigli''  anche  per  le 
Persone  impiegate  nella  datarla.  Serd.  ^it. 
Innoe.  SOt  Fulmina  terribili  decreti  con- 
tro naleSci,  •  eoulro  tutti  ((aclU  che  facesie- 
r»  fAUocchieriet  Malia  ed  incanteaìmi,  e  con- 
troquelU  perimeuti  che  ingauuarano  la  dataria. 

;  DATABIATO.  Dignità  di  datarìe.  Serd. 
Fa.  Inn,  M.  Fu  poi  da  SiUo  IV.  al  daUha- 
lo,ed  al  Veccondo  dì  Holfetla  promOMo. 

DATARIO.  [*a>/»i  eha  presiede  alla  Da- 
feria.]  Ut.*dalarins.  Barn.  Ori.  5.  7.  a«.  E 
teodo  allor  le  laudemolto  noia  D'  un  che  ser- 
vÌTa  el  Vicario  di  Dio  In  certo  officio,  che  chia- 
mau  datario,  Si  pese  a  itar  con  lui  per  i^ro- 
tariS.  Gnice.  Star.  ii.  7S5.  Cagione  prìiici- 
|»ale,  per  la  quale  era  alato  lumLito  il  datario. 

DATIVO.  Dicono  i  grammatiei  il  terso 
caso.  lat.  dativns.  gr.  Ìortx^,  Sai*».  Awert. 
3.  I.  15.  Datifo  qucila  del  dare,  e  allm^anla 
nel  terso  luogu,  E  appresso:  I  Latini  gram- 
matici delcrmioaao  l'ablitivo,  e  daonole  que- 
llo tìtolO)  come  se  ella  cotivengapriocipalmeu- 
le  al  lor  via,  e  «a  coutraria  al  dativo,  f^arch. 
Ercol.  176.  Sebbene  pare,  che  sia  dativo,  e 
ancora  quanto  all«  grammatica  potrebbe  es- 
aere* 

DATIVO.  Add.  Che  dà.  lat  dmns,  datar, 
gr.  Movi.  Fr.  fac.  Tod.  9.  18.  88.  Ma  qui 
basta,  che  In  arrivi,  Cb«  di  vita  wn  dativi. 

S  in  forza  di  snst.  per  Datore.  Fr.  Giord. 
Pred.  H.  Iddio  aolo  è  unico  dativo  d'ogni  no- 
Uro  beli  e. 

DATO.  Suit.  y.  J.  Dono.  lat.  mnnns,  do- 
UHiH.  gr.  iapov.  jémm.  ant.  16.  9.  7.  Non 
indugiare  lo  dato  airaiigoaciueo.  E  46.  5.  9. 
Dice  ivi  la  chiosa  :  Lo  suo  dato  guasta  chi  rim- 
provera. •  Fit.  S.  Gio.  Gttalb.  994.  Per  in- 
terveusione  di  pecunia,  cìoé  per  dono  di  da- 
nari, o  d*  altro  dato  da  mano  ec.  il  Vescovado 
di  Firenae  he  .Frappato,  e  acquistato.) 

*  $  DmtOf  T,  matematico,  e  de'FUosofi 
maturati.  Dicomsi  Dati  le  Condisioni  e  gli 
accidenti  noti  del  problemta,  the  eelui  nfce 
lo  propone  dà,  ossia  dichiara  a  coliti  che 
si  dispone  a  risaltarlo,  perchè  gli  sortano 
di  messo  per  arrivare  alla  soliisione  ri" 
cercata.  Similmanta  i/ntti,  che  al  JiUsofo 
uatnrale  si  damto  coma  certi,  perchè  sopra 
fi  ragioni,  e  ne  ricavi  le  sne  teoriche.  Gal. 
S^gg*  69.  E  |iarmi,  s'io  non  n'inganno,  che*l 
suo  prc^TO<*<*  (it  progresso  della  dimostra.' 
siane)  sta  mutilo,  e  che  gli  niiicht  una  parte 
principali  sai  ma  del  dato.  E  Sist.  989.  Non  va- 
riando iu  altro  (i  calcoli)  che  nella  quantità 
del  dato,  cioè  nei  numeri  dei  gradi,  delle  al- 
lesze  polari,  ec. 

DATO.  Jdd.  da  Dare.  lai.  dalns.  [gr.^c- 
Jouiyof.)  Bocc.  tnlrod.  53.  Qnesti  ordini 
sommariamente  dati,  li  quali  da  latti  commen- 
dati furono  ec.  disse,  dmet.  49.  Dispostolo  a 
BMggior  ruiiia,  a  morte  la  dalrirr,  Im  -duta,  e 
la  ricevuta  progenie  dannarono  con  ìnfaUibilo 
MUteatia. 

*  $  i.  'IfoH  dire  che  ci  è  dato,  vate  Non 
dir  nulla.  Frane.  Sacch,  nov.  176.  Meuer 
PtDO  non  dice  :  che  ci  è  dato;  sobito  ù  volge  al 
Pescione,  e  dice. 

;  S  9.  Per  dato  e  fatto,  vate  Per  cagione. 
Hucill,  Proe.  9.  4.  69.  Iddìo  ha  dato  loro 
(agli  nomini)  sìtitadiut  snffidenle  a  poter  go- 
dere di  taì  beni,  mentre  adoperino  la  ragione 
ec.  Egli  m  perù  per  dato  e  btfo  dì  eolui,  che 
mitlamente  adoperando  uoo  si  rende  «Ilo  ■  ri* 
oeverli. 

:  $  3.  Per  Concertato,  Stabilito,  Fissato. 
m  Tac.  Dav.  amn.  45. 949.  11  dato  giorno  Ti- 
ntorio AlesMndro  illustre  cnvelier.  romano,  ser- 
gente io  qneste  guerra,  e  Viviano  Anio  ec. 
vennero  nel  ram|*o  di  Tiridale  prr  onorarlo  i*. 
•;  ^Wer.6.3l9.  Il  giorno  dato  viene,  r  il  ver- 


miglio prato  ritornalo  vede,  riceve  la  moltìtu- 
dioe  de'  nobili  e  del  popolo. 

•  S  4.  Fate  anche  Scorto,  Accorto.  Frane, 
Sacch.  rim.  53.  Arnaldo  emeeser  Binde,  cia- 
scun orto  Degli  Atlovitì,  cou  raesser  Bindaccie 
De'  Ricasoli,  il  Roba  dato  e  scorto.  (Federigo 
UlHildtnt  nella  Tavola  di  Fr.  Barb.  nota 
che  Dato  è  il  contrario  di  ToHo;  che  sigiti' 
fica  Non  accorto,  Ignoraiile,  e  simili.  Di  tfui 
t'iene  Addarsi,  verbo  usitafissimo,  che  vale 
Accorgersi.) 

•  S  &•  ^ff  Dedito,  inclinato,  Assue/atio. 
Segnrr.  Mann.  Die.  43.  4.  Ti  persuadi  che 
il  presente  luogo  del  Savio  difenda  le,  dato  al 
mormorare. 

•  $  6.  Per  Destinato,  Allogato,  Jucari' 
calo.  Stor.  BarJ.  44.  Imperciò  non  ci  laaeia 
entrare  neuuuo  uomo,  se  non  uoÌ,  che  ùamo 
dati  al  suo  servigio. 

•  ;  S  7.  Dato  atto  spirito,  vale  Applicato 
alla  vita  spirituale,  atta  devostone.  Cas. 
leti.  Sor.  955.  Non  erdisco  invitarlo,  che  mi 
par  tanto  dato  allo  spirito,  ed  io  sono,  come  sa 
V.  S.,  poco  divoto. 

*:  S  8.  £ffer  dato  a  una  cosa,  vale  Ap- 

S  licore.  Attendere  ad  està.  Boce.  g.  3.  r.  3. 
lou  ad  ammassar  danari,  come  i  miseri  &nno, 
ma  ad  ispender  gli  ammassati  s' à  dato, 

•  S  9.  Dato,  parlandosi  dilettare.  Bandi, 
Bolla,  o  simila,  vale  Segnato  con  data.  Car. 
lett.  4.  34.  Mi  lasciò  in  casa  quella  lettera  di 
VS.  che  non  si  rinveniva,  insieme  con  una  dì 
mcsser  Pier  Vettori,  date  ambedue  d'Aprile. 
Totem,  leit.  [*9.  54.]  Ho  ricevuta  sola  uoa 
lettera  vostra  dopo  che  vi  partiste  di  Rcmu, 
la  fpiale  era  data  in  Bologna,  e  or  n*  ho  avuta 
una  di  quattro  versi  appunto  data  iu  Siena. 
*t  £  3.  4.  Mi  venne  una  lettera  vo.M.ra  data  in 
Milano  il  primo  d' Agosto.  Fir.  lett.  dona. 
Prat,  336.  Data  in  Prato  il  di  otto  Gennaio 
1541. 

:  S  40.  Pìtre  parlando  di  lettera,  vale 
Scritta.  Boss.  Svet,  Fit.  4.  460.  Poneva  (Au* 
gusto)  non  aolameote  il  di,  ma  l'ora  ed  il  pun- 
to, nel  quale  eran  date  le  sue  lettere.  *;  D. 
Gio.  Celi.  tett.  49.  Data  a  dì  primo  di  giugno 
\Z^^.Sassett.  /e/r.935. Risponderò  allagratit- 
sinia  sua,  data  a  Balcoiievisi. 

•  5  44.  Dato,  per  Insegnato.  Bocc.g.  8. 
f».  7.  Le  donna,  montata  in  sulla  topre,  ed  a 
tramontana  rivolta,  cominciò  a  dire  le  parole 
datele  dallo  Scolare. 

*  5  49.  Dato,  per  Posto,  immaginato. 
Determinalo.  Mene.  Set,  4.  Come  d'Euclide 
un  giovanetto  alunno,  Clie  ìn  data  lìnea  a  far- 
ne un'altra  ^  giunto.  Gal.  Comp.  Geom.  44. 
Potremo  In  due  linee,  ovvero  due  numeri  da- 
ti, trovare  con  gran  facilità  la  linee,  o  il  numero 
medio  proporsionale.  Betlln.  Disc.  1.43.  Sen- 
ta riguardo  al  tempo  in  cui  sì  lima,  ed  alla  qnan- 
tìDi  che  si  lima  nel  tempo  dato.    A'  96.  Dimo- 

■^ra  che  data  qualaisie  roraa  di  qualsisia  som- 
ma grandiosa  ne  he  il  muscolo  io  sua  balia 
una  maggiore. 

*:  S  iS.B  in/orsa  di  Snst.  Stai.  Caltm. 
99.  Debbia  sodare  dioansi  a'Gwsoli  di  stare 
alla  scritta  di  quel  libro,  e  ragione  del  dato  e 
ricevuto. 

*l  $  44.  Esser  ben  dato  checche  sia  ad 
uuà,  vate  Essere  ben  consegnalo  e  simile 
checché  sia  ad  imo.  Car.  leti.  Temtt.  88. 
A  lui  medesimo  potrì  pagare  i  danari  che  le 
sono  venuti  iu  mano  delle  pensioni,  che  saran- 
no ben  dati  :  ed  io  per  virtù  di  questa,  biso- 
gnando ne  fb  quietansa.. 

DATO,  e  DATOCHE.  Posti  awerbialm. 
àianiere  dinotanti  it  Supporre  ipielta  tal 
cosa,  che  s^etprime.  Fir.  As.  67.  Date  adun- 
que la  sentensia  coslanlemenle  contro  a  costui 
il  qnale,  dato  mille  volte  che  fosse  vostro  rit- 
ladino,  io  vi  conosco  con  giusto,  che  ec  Sen. 
ben.  Karch,  5.  9.  Io  non  ti  concederò  anello 
che  seguila,  perchè  datochè  noi  ce  li  diamo, 
non  perciò  ne  reilìamn  debitori.  «  Fav.Bsep.M. 
470.  Ella  (parla  la  volpe  della  sna  coda)m 
troppo  corta  e  lieve;  e  duiocbe  fosse  come  In 
dici  ^rieè  troppo  lunga),  voglio,  'unanai  rbe 
spesai  la  terra,  eh*  ella  ti  sia  cagione  d'alcun 
onore.  Borgh.  Orig.  fìr,  991.  Ma  dato  che 
quello  aie,  e  conceduto  per  vero  ec.,  poco  o 
non  punto  gioverìi  re.  A  994.  Ma  dato  eh'  e' 
fussero  qui,  non  però  ne  seguirebbe  ce. 


**  $  Pei*  Sebbene,  Qtiaatim^e,  Posi» 
che.  Tran,  gov.fam.  16.  Fa  (Mrf/a)luUe  k 
cose  molto  buone  ec.|dato  alcuna  cou  paia  isi> 
perfetta.  . 

^  DATORE.  Nerbai,  mmsc.  ChtU  ai] 
dà.  lat  datar,  largitor.  gr.  rfer^p.  FUte.l. 
493.  Lietissimo  di  tanta  graxia,  quanta  il  4a- 
toee  di  tutti  i  beni  aveva  nelle  sue  parolf  aia- 
sa.  Amm.  ant.  16.  9.  3.  4j*  allegro  datore  aas 
Iddio.  Espot.  Fang.  Èbisogno,  che '1  doiua- 
datmre,  e  adoratore  imprima  si  diletti  dd  ds> 
toro,  se  vuol  ricever  quel  eh'  e'  domanda. 

S  I.  ihiiore,  si  chiama  nel  giuoco  dal  cut' 
ciò  Colui  ch'è  desliumloper  dare  alle  pel' 
la.  Disc.  Cale.  13.  I  datori  iunaasì,  i  eaiU 
dsnno  gagliardi,  e  diritti  colpì  alla  palla.  1  at- 
tori addietro,  che  dietro  a  quelli  Aaoiwqaaii 
alte  riscosse. 

S  9.  Datore,  termine  mercantesco,  Ctbti, 
che  dà  a  cambio.  UL/^uerator,  deniMs. 
gr.  ittttiTC^i.  Dav.  Carni.  99.  Quando,  per 
trovar  riscontro  del  datore,  o  dcl^|liitOR, 
s*  adopera  sensale,  corre  quest'altra  t^ou  dclU 
senseria.  * 

*  $  8.  Datore  di  legge,  per  Legisleltre. 
Segr.  Fior.  Disc.  [\.  proem.  E  vcggm^  ec 
le  virtuosissime  operazioni  che  ec.  souo  Mt 
operate  ec.  da  Re,  CapitaBÌ,  ciUadiaì,  dalori 
di  leggi  ee.  essere  più  presto  aaainit  cbe 
imitale  ec.  non  posso  fare  che  iusìame  eoa  wt 
ne  maravigli  e  dolga.] 

«  $  4.  Datore  di  una  tentensa,  è  /«#(«• 
so  che  Giudice.  «  Maeslrrnss.  9.51  Ha  le 
dopo  la  aenteusia  comprò  la  terra,  noa  r  iaUr- 
detta,  se  gii  il  àAon  della  seutcnsia  sei  ne 
fìicesse  meneìnno  n. 

DATRICE.  Femm.  di  Datore.  Ut  datrix. 
gr.  ^«Touffo.  Albert.  58.  Ls  liberalità  è  «irti 
deir  animo,  datrìce  de'beueScii.  Fiemm.  \. 
409.  Io  allora  più  volle  rìngrasiai  la  wtls  IWt, 
promettitrice  e  datrice  dì  quei  diletti.  Jmet. 
49.  Dispostolo  a  maj^or  mina  a  morte  la  ^• 
trice,  la  data,  e  la  riceula  progenie  dsaaariws 
con  infallibile  feotcozia. 

DA  TROPPO  PIÙ.  Posto  awerbielmU 
farsa  d*  aggiunto,  vate  Che  eccede  cdls 
virtù  la  sua  condisione,  o  quello  cht  «i 
richiede  d'ordinario,  lai.  multo  preettt»' 
fior,  ioHge  superior.  gr.  7ri)i»  xpKTXW. 
Bore.  HOC.  99.  3.  Uomo,  quanto  a  nasiooe  iti 
vìlissima  condisione,  ma  per  altro  ds  troppo 
più,  che  da  cosi  vii  mestiere. 

DATTERO.  Albero  che  produce  i  èst- 
dm.  Palma,  Ist.  palma,  [gr.  fOlM]  Ta». 
Bit.  DaU^ro  Iroodoto,  pslms  del  parsAsa  é. 
lìsiano. 

^i  ì.  'E  per  le  Frutto  del  dette  sUen. 
lai.  dactjilis,  gr.  ^acxrulOf.  Bocc.  ntv.  W. 
4.  E  dandole  alquanto  da  man^isre  radici  d'er- 
be, e  pomi  salvatichi,  e  datteri,  e  bere  scqQi. 
le  disse.  Dani.  in/.  33.  l'son  qoel  delle  (rul- 
ta  del  mal  orto.  Che  qui  riprendo  daltaro  per 
figo.  Ciriff'.  Calv.  4.  35.  E  scuopre  i  bontf 
letti,  e  la  mandragola,  E  spaccia  per  na  da- 
terò moa  socriola;  Peosa  tu  la  corbesiob  per 
fragola.  Buon.  Fier.  4.  5.  95.  E  dosa  iacett), 
e  vai  e  aìbellini,  Datteri  e  uva  possa. 

•  S  9.  Dattero  di  mare,  T,  de'  HeturtU- 
sii.  Specie  di  nicchio  di  sapore  squitilo,^ 
s'annida  e  cresce  ne' sasti;  ed  è  così  dtttt 
por  una  certa  somigliansa  col  frullo  dtlU 
palma.  Bemb.  /«rf/.9.4.ri7.]  Noo  «  dinea- 
tìrfaì  de' pesci  datteri  per  4a   Duchesu. 

.  DATTIUCO.  Add.  Si  dice  di  mttrc,» 
verso,  che  costa  di  piedi  dattili.  laLrfaf'/" 
licuM.  F^areh,  Ercol.  458.  Se  egh  conpose;' 
metro,  verbìgraaìa,  iambieo,  o  trucaìeo,  o  datti- 
lico, gli  basta  porre  tanti  piedi,  e  con  quello 
(irdiue  che  ricercaito  colali  metri,  senso  md»- 
re  alle  cmuure. 

*  DATTILIFERO.  Add.  Che  prodnct 
dalloH.  Red.Cons.  1.994.  La  midolla  ocer; 
vello  dell'altre  palme  dattilifere  dagli  Arabie 
della  giummar. 

DATTILO.  Lo  stesso  che  Dattero  alter9. 
let  palma,  gr.  '^olni,  Serap.  59.  Ddls  pal- 
ma, cioè  dallilì. 

DATTIUX  Lo  stesso  che  Dattero  frutte 
lat  ['dacixlos.  gr.  ViWTwlof.]  Serep.  45. 
Abem  Mesue  dice  che  Aaron  è  la  mìglioreq>«' 
aie  de'  daltUì  ec.  Rasis  dice,  che  '1  daUilo  li- 
scaldj,  e  ingenera  sangue  grossa  Red.M.  I. 


Digitized  by 


Google 


OAT 


DAY 


DAZ 


51 


nL  B»  licenito  la  sporta  co'  dattili.  B  3. 109. 
B*  ««•»  *  V.  S.  p«r  U  diapeasa  «Ma  «porta 
A  Jribi.  •  £«rw  r(w.  S3.  Or  il  «ocol  tira  piò 
WcWi*  «fu,  C^  i  djitìlt  ioti  giunti  con  le 

;  J  ^  a»ciiff  monte  di  mmn  Gtmnttt  di  color 
/^r»ftgoot*  rapprttotUmttté  H  pedice  urna- 
M.  prrciii  a  tfuMo  che  pare,  Hetla  dAttito 
édgr,  tkctjktt^ilieo.  Oit.  Vom.  tnf,  U.  471. 
t^M>g»  UUugi  re'evMtà,  «uih  pietra  ]»rcsioM 
rhfiMiTi  lieo  UmUìIo. 

DiiTTILO.  Pìrde  di  ttrso,  farnutfa  di 
mtM  fiUsho  ImngUf  tf  dii9  brrvf.  Ut.  dttcljr- 

5  DATTORNO.  «  U" ATTORNO,  ^vttt^. 
B  imtvnt»,  buorum.  Ut.  rirettm,  circa,  gr. 
u/JM.  Bocf.fmtrad.  <9.Seui4avcr  molta doo* 
■r  dittano  ■oriran  le  gaoti.  S  33.  E  se  di 
asiaA  wteumat  o  vegliamo  cArpi  maarti,  o  in- 
iamk  Mv^ctUrÀ  dalloruo.  E  47.  Cou  prato!- 
Il  àétmm,  e  eoo  f^kirdini  maraviglioji.  Cr.  3. 
I.  H  Qaaaia  i  pedali  d'atlorao  alluruo  si  par- 


•  j  I.  Ptnoma,  e  Cosm  d'ùttmitut,  per  Cfr* 
Béct,  g.  5.  M.  8.  Fuori  Irattoua  il 
fa«r^  ed  0^' altra  cosa  d'atidrao,  a'due  laa- 
«aa  tifili. 

•  J  9.  A'a/r  «wrA«  Del  vicinato.  Dei  Ìho  • 
§ài  tircùtamti.  «  Din.  Comp.  £  cou  quelli 
Jt'pMnaiiiltDnio  veouti.  E  mitroitt:  Aveauo 
lafOrfi  «olti  villaoi  dattorno  n.  Booc.  g.  IO, 
a.  IO.  Egli  léce  preparar*  la  oossc  graiidissi- 
■B^tballa  ad  ìaTitarrì  imolK  suoi  anHci,e  pa- 
larii»  «  ^nw  gentili  uoaùui,  ed  altri  dalloruo. 

*  $  3.  Lévmrst  una  cosm  d'attorno,  vaio 
féiiinoat,  Jéasciaria  d'vcclkia.  f».  ^sitt, 
111  Xaa  ftc  la  levava  mai  d'attorno. 

J  I.  6iaj/  amcke  imjorza  di  prfpoiiiio-' 
«.  •  scnw  coiMtuomoHta  al  tono  caso^boit- 
M  *«  m*mhòim  tmlorm  esempli  e  cui  sacoti- 
4*1  «  <W  testo.  Cr,  9.  77.  IO.  Gonvieon  fare 
il  pjróla  allo  d«(toruo  di  tre  |nedi,e  poco  più 
«afia  A  ^Bolla  allessa  da  terra  (f»i  m/ifcir- 
a.)  •  Boee.  g,  IO.  n.  9.  E  la  riaiislia  venuta 
ioimwn  »  coatoroi  coaie  Kmoiitalì  furouo,  i  ca* 
niii  idigianMio. 

$  5.  £  eoa  una  particella  affina.  Bocc. 
taf.  74.  14.  Ili  qoest'»  destatom  aaesser  lo  Pro- 
pNla,c  tedulo  ij  lunae,  e  qucUa  gente  d'  al* 
l«ao«,  «cffDguanduu  fivte,  e  temendo,  mise  Ìl 
c^  nVo  ■  panai. 

:  W  TUTTA  BOTTA.  Poito  avverbialm. 
«  temmfigmrmtot  a  inforca  d'aggiit$tto/di' 
KM  ^  Vamo  esperio  in  ckecche$sla,  che  di- 
etMt  MucJke  Vi  tutta  botta.  Il  l^ocab.  alla 
Hc$  BOSCO. 

DA  VANTAGGIO,  .^«r».  Di  più:  lat. 
frHecee-j  mmplius  ,  iusHper,  gr.  Kp^iitu 
Btm.  OH.  I.  •.  65.  Veoin  a  torre  a  costui 
r«*e,  a'I  cavallo,  E  trovo  questa  donua  da 
«wUrìo.  Tac.  Dap.  Stor.  9.  180.  Ma  Vitel- 
b>  travi  «lire  cagioui  da  vantaggio. 

DAVANTE.  ^MW/-6.  Lo  stesso  che  Da- 
wtfi.  lat.  «afa.  gr.  ff^i.  .  Daut.  Purg.  I. 
Li  (1^  dalle  quattro  luci-  aanl^jj^rogiavao  si 
U  «a  laecia  dì  lume,  Ch*io  1  vcdea  come  *1 
Mfcisedanale. 

S  1.  flgmratam.  Naif  avvenire,  [yel  iam- 
^fmturo.]  DaMt.  inf,  30.  Pdfcbé  volle  ve- 
ie  nappo  davaule,  ÌKrielrD  guarda,  e  fa  ri- 
tMw  cdla.  Bnt.  Troppo  davaule;  cioè  troppo 
■•Mali,  dw  volle  vedere  quel  die  venia. 

S  !•  Talora  è  pt-aposiziotie,  e  si  u$a  col 
t'^tOf  setta  r  tf Ha rto  caso,  e  più  raro  col 
MT^da.  Patr.  som.  88.  Che  l'atto  dolce  non 
■i  ilia  davaule.  Del  quale  ho  la  memoria  e  '1 
«e  ti  Pieoo.  •  i*  Legg.  Spir.  SaiU.]  390.  Cri«lo 
«  Imiiarà  davanto  nllì  dÌKOpolì.  Oaia.jHf.9. 
f*  w ■liliale  D'uomo  cui  altra  cura  >trian, 
'■orda.  Che  quella  di  colui,  cbo  gli  è  da- 
*M0.  dr.  fhr,  41.  01.  Or  con  Froutin  glie 
d  Imm,  or  gli  e  davaute.  *;  X#f  f .  Me.  Oist. 
3>Accw  che  ibsscru  duvaute  alla  geuta  lastiao- 
■  ddl'Aiceiuioor  lua.  EU.  Onde  egli  andò  in 
<»t«|«rmurauauroavvotalodavaDte al  Padre. 

D&VAtNTEGUE.  dei>erb,  Primm  che,  lar. 
^WMwaa*.  gr,  itpi»  if. 

OAVANTI.  Jtverb.  Prima,  Innanzi,  lat. 
*■"'.  gr.  7tp4.  Bocc.  introd.  3.  Seguila  pre* 
'^Kalc  la  dAU-esu,  e  '1  piacere,  il  quale  io 
*  ha  4avaBlì  promeiso.  B  5.  Alquanti  anni  da* 
laati  aede  parti  oricutali  iucomiacìata. 


%  I.  Davtmti,  Pala  anc^  jitla  presenza. 
lai.  corani,  gr.  Ttpéi.  Bocc.  fntrod.  51.  Fatti 
i  famigliari  do' ire  giovaui,  e  le  loro  fanti,  die 
eraii  qUDltm,  daVMiili  chiamarsi,  etaceudo  cia- 
scune, disM. 
•  S"9.  TV/ora  è  preposizione^  e  si  itsa  col 
ferzo,  sesto  e  tp^arto  caso,  e  pia  raro  col 
secondo.  Bocc,  nov,  7.  5.  Avrouoe,  che  egli 
si  toovò  un  giorno,  desinaudo,  messer  Cane 
davanti  da  lui  assai  nella  vista  maliueonoso. 
h'ilac.  9.  1.  Comandò,  che  le  due  creature  gK 
fossero  recate  davanti.  Pass.  9.  Sali  nella  men- 
te tua ,  quasi  in  una  sedia  itidìriale,  e  poni 
te  naifallore  davanti  da  tv,  iodiee  di  le  ec. 
Petr,  soH.  16.  Coni  davanti  a'colpi  della  Mor- 
ie Fuggo 

•  $  3.  >Per  Sotto,  Cavale.  Espos.  Simb. 
4.  878.  S'aperse  la  terra  davanti  Dalan  e  Abi- 
roti,  e  cou  li  Ioao  iàmigit  discesero  in  uel- 
rinfemo. 

•  S  4.  'Fkiggire  davanti  ad  una  cosà  , 
vale  b^nggir  lungi  tla  lei.  Bocc.  introd.  Di- 
cendo, niun'altra  medicina  esser  contro  alle 
pestiteiiae  migliore,  nò  cosi  buoua,  come  il 
fbggire  loro  davanti. 

$  5.  Pararsi  davanti,  vaio ^gnratam. 
Sovvenire,  lat.  in  mantam  vehire,  snccitrrere. 
Bocc.  nov.  98.  1.  A  me  si  piira  davanti- a  do- 
versi far  rarcontare  una  veriti. 

DAVANTI  CHE.  Lo  stesso  che  Davante 
che.  [lat.  prius^nam.]  gr.  vpÌ¥  4.  Bém.  ani, 
Dani.  Maian.  T5.  Or  dunque  placca  a  vostra 
gcntilia  Soccorrermi  davanti  ch'io  mi  muoia. 
l  Bus.  20.  Ripiasuno  alb  signoria,  che  (alla 
guato)  prima  erano,  davanti  che  ì  Franceschi 
la  prendeasono. 

DAVANZALE.  Quella  cornice  di  pietra  , 
sulla  quale  si  posano  gli  stipili  delle^ne" 
slret  Frane.  Sacch.  nov.ù.  Fate  posare  la  gab- 
bia da  quella  Guestra.  Disse  il  marcbese:  met- 
tetela sul  davanaala  ec.  mettetelo  so,  cbe'l 
davanaale  è  IsiVo* 

^  DAVANZO,  che  anche  si  scrisse,  e  si 
scrive  D'AVANZO,  jéwerldo  che  denota 
soprabbondanza  ;  e  vale  lo  slesso  che  So» 
prabbondanlemente.  lat.  satls  superifuo.  gr. 
£difv.  Petr.  Vom.  ili.  Egli  era  assai  vivulo 
ec,  avea  assai  gloria,  e  davanso.  Cron.  Mo* 
rell.  [983.]  E  uou  veggo  quale  ci  eia  davamo.  ^ 

DAUCO.  [*  Sorta  di  pianta,  chf  fa  le 
f rondi  simili  al  finocchio,  e  più  sottili f  a  che 
alligna  in  Creta.\  lat.  daiicus,  pastinaca 
syh-estrls.  gr.  Jotìixof.  Red.  Esp.  nat.  06. 
Dalla  China  ci  recano  un  certo  seme,  a  mi 
danno  nome  dì  6QocchÌo  della  China,  predicau- 
dolo  opportuno  a  molte  infermità;  ma  io  trovo 
che  ^i  poco  trapassa  le  virtù  del  &uocchio  no- 
strale, degli  anici,  de' dauci,  e  del  cumino. 

DA  VERISSIMO.  Superi,  di  Da  tvro. 
jtmbr.  Cof  5.  8.  lo  ti  parlo  da  verissimo., 

DA  VERO,  jéwerb.,  contrario  di  Da 
beffe,  tal.  serio,  t'era,  gr.  vneui-^.  Fir,  dite, 
an.  0.  Guardandolo  fiso  nel  voltai  Per  vedere, 
se"<^li  diceva  da  vero.  Jllegr.  80.  Ora  per 
conoscn'e,  se  io  di«o  da  vero,  contentatereue 
e  adoperatemi  dove  io  son  buono.  Varch.  Stor, 
15.  [600.]  Ha  detto  sempre,  e  dice,  che  ella  fu 
più  che  da  vero.  Had.  Ditir,  18.  Ell'è  da 
vero,  aire:  Accoltala  un  po'iu  qua. 

DA  ULTIMO,  ^iforb.  Lo  stesso  che  Da 
sozzo,  lat.  postremo,  [gr.  ró  nXwràtOv.] 
Bemb.pr^4.3.[ìW.]  E  da  seno, die  è  da  ulti- 
mo. Sagg.  nat.  esp.  160.  Baochè  da  ultimo, 
quando  si  perfèaiona  l'agghiscciametilo  di  tutta 
r  acqua,  diventi  colma. 

S  Ih  proverò.  Da  ultimo  è  bel  tempo,  [« 
biion  tempo;]  tìetto  ironicrtnntde,e  sipùjica^ 
che  Da  ultimo  si  dea  temere,  che  venga  il 
gastigo,  lat.  raro  antecedeutem  tcelettuni 
deseruil  pedo  paena  clattdo,  Oras.  JHulm. 
6.  9.  Ma  stale  pur,  perche  tardi,  o  per  tempo 
Lo  sooQteri;  da  ultimo  è  [  *  buon]  tempo. 

•  DA  UNA  PARTE.  Posto  awerbialm., 
vale  Dall' un  lato.  Segtier.  Mann.  Lugl.  9. 
9.  D'una  parte  qneiti  sono  i  danni  per  lui  più 
considerabili  ;  e  d'  altra  parte  questi  sono  quei 
danni,  dì  coi  men  geme. 

DA  UNA  VOLTA  IN  SU.  Pesto  aive/- 
bialm.,  vaie  Più  volte,  lat.  plnrtes,  [gr.  tcj^ti 
x«f  acv^(<.]  Bocc.  nov.  86.  0.  Da  una  volta  in 
su  caricò  l'oraacon  gran  piacere  dulia,  donna. 

DA  UN  GRAN  TEMPO,  o  DA  UN  GRAN 


PEZZO  IN  QUAvi^e^i  avverbtalm.,  vagUa- 
no  Da  molto  tempo,  o  che  è  passalo  molto 
tempo  da  che  ec.  lat.  iamdiu.  gr.  TCàXw. 

.:  DA  UNO,  o  DUE,  e  QUATTRO,  o  SEI 
IN  SU,  vale  Oltre  a  uno,  o  due,  o  patirò, 
o  sei.  Bocc.  g.  9.  n.  10.  So  beue  come  il  fallo 
andò  da  uno  iu  su.  E  g.  6.  n.  0.  Quantun-* 
que,  leggiadre  donne,  oggi  mi  sieuo  da  voi  sta* 
le  tolte  da  due  in  tu  delle  novelle.  Pucc.  Cen* 
til,  88.  66.  Da  quattro  in  au  ne  fàcenm  mo- 
rire. Cecch.  Mogi.  8. 1.  Io  bo  amato  te  e  Ini, 
e  ci  ha  Da  quattro  in  sn,  che  anano  quanto 
eiHi  ò.  Ch'io  disegnai  di  fare  il  pifentado.  B 
Stimv.  8.  9.  Credo,  Che  e'  ci  steuo  stali  da  tei 
in  su  Ch'  hanno  imparato  l'uscio. 

DAVVANTA<K;I0,  [e  D'  AVVANTAG- 
GIO.] Awerb.  Lo  stesso  che  Da  vantaggio. 
Ul.praeterea,  ampline,  insuper,  gr.  A)mmt§ 
in.  *  Sali',  jiwert.  I.  9.  5.  Se  a  quelle 
(qualità  dello  scrivere)  aggimta  aveweR»  d« 
vantaggio  la  purità;  piacerebbero  pio  senaa  fine. 
£  19.  A  questo  aggìngnici  davmntaggio  ciò 
che  ne  dicono  ec.  Salvia.  Pros.  Tose.  T.4I8. 
Ma  per  non  abusar  davvaola^io  vostra  geulil 
aofiìàrenaa,  qui  pon^o  termine  al  mio  ragiona- 
mento. 

•  5  Talvolta  vale  Più  che  non  conviene. 
Eccessivamente ,  o  simile.  Bern.  Ori,  9.  0. 
10.  Son  pur  afiTuticato  d'avvmilaggio;  Aiutami 
piuttosto,  e  n'arai  merlo. 

DAVVERO.  Avi-erb.  Lo  stesso  che  Da 
vero.  If  t.  serio,  vere,  gr.  eTTfli/d^.  Hed,  lett, 
1.  351.  Le  ne  rendo  gruie davvero.  £9.  437, 
Mi  comandi,  che  sono  davvero  ce.  E  154.  Cre- 
detemi, che  mi  dispiace  davvero. 

DA  ZEZZO.  Awerb.  Da  nlliaio.  lat.  po^ 


stremo,  Ù/alm.  3.  9.  Cosi  durò  gran  lampo; 
"lei  pan 
pentito. 


ma  da  aesxo  ec.  A  mangiar  cominciò  del  pan 


DAZIERE.  Colni  che  ha  uffizio  di  ri^ 
scuotere  il  dazio,  lai.  oubblicanus,  gr.  ri* 
Jlo&yii;.  Copp.  rim.  buA.  9.  96.  Noncovel  ci 
assicura  in  tutti  i  lati  DaTunchi,  da'halaelli,  e 
da'daaieri,  E  du' proccuratori,  e  d'avvocali. 
:  Car,  leti,  ined.  3.  463.  I  daaieri  di  Pia- 
cenia  cr„  fecero  un  pagamento  anticipato  ec. 
con  patio  di  rimborsarsi  ogiii  anno. 

DAZIO.  Gabella,  lat.  vectigal.  gr.  foti/sif. 
M.  y.  6.  47.  E  uecesiilà  fu  4  mcrcutauti  fio- 
rentini ,  a  cut  era  staggita  In  loro  meneauala , 
di  pagNre  il  dazio,  e  rompere  la  franchia.  Oit. 
Com.  ìuf.  19.  [915.]  Emettono  colte  e  daiìi 
agli  altri,  ed  esii  sono  ricf^lìlori  della  moneta. 
MaèstruZz.  9.  34*  9.  Il  tento  quando  i  rettori 
delle  eìttadi  impongono  iiKtebilameote  le  im- 
polle, f  i  daaii  a'eberici,  e  allo  chiese,  e  am- 
moniti non  se  ne  rimangono,  Ditnm.  3.  93. 
Qui  Don  si  ponea  daaio  alla  stadera  Del  pan, 
del  vin,  del  mulino,  r  del  sale.  Che  disperas- 
se altrni,  eom'or  dispera.  Tae,  Dae.  anu,  43. 
170.  Levali  i  daxii,  etiche  i  tributi  si  vorrabbon 
levare. 

*  S  ^'  ^'^^  '0  Luogo  dova  si  paga  il  da- 
zio. Àr.  Cass.  9.  I.  Io  v«l*c^he  al  Daaio  Tu  va- 
da, e  dica  a  quei  lupi  che  mandino  Un  di  lor 
qui,  che,  prima  che  s'imballino.  Vegga  le  robe. 

S  $  9.  £  in  modo  proverbiale  si  dico:  Chi 
non  ha  da  dazio  non  cura  punto  se  lo  cer- 
cano I  dazzini;  e  vale  che  Chi  è  inno- 
cente non  teme  di  nulla.  Ceceh.  Prov.  88, 
Chi  non  ha  da  daaio  Non  cura  punto  se  i  dar> 
tini  il  cef'cana 

*S  S  3-  Dazii,  nel  mtmero  del  più,  dicon- 
ti Qnegli  aggrava  che  il  padi^e  del  pò- 
tlere  impóne  al  contadino,  consistenti  perla 
più  in  polli,  uova,  frutti  ee, 

DAZIONE.  //  darsi ,  Dedizione,  Jat  </tf- 
ditio»  gr.  ixioeti,  G.  V.  IO.  150.  1.  La  qnal 
daxìoae  di  Serravalle  fue  molto  cara,  e  gradila 
per  K  Fìorentiniv 

%  Dazione,  si  dica  anche  V^tto  del  dare, 
come  Dazione  dell'anello  mnft4moniale,  ec. 
l  Lemm.  Testam.  37.  Quanto  e  al  pagamen- 
to e  daxiooe  e  distribiiaione  de'detti  soprascritti 
lasci  fatti  a,*pÌDtosi  luoghi  e  alle  piatose  cagio- 
ni, lasdù  ec. 

£  DAZZAIUOLO.  Libro  in  cui  sono  scritte 
le  parti/e  di  coloro,  che  debbono  pagare  il 
Uiìsio.  Inslr.  Cane.  37.  Esanunioo  di  poi  con 
diligema  ,i  cancellieri  queste  note  ec  e  eoo  esz^ 
aggiustate  che  siano ,  formino  il  daasaiuolu  a 
ciascuno  de*  lor^  camarlinghi  <e  rettori.  Ji  ap- 


Digitized  by 


Google 


Sì 


DAZ 


■pretso!  Si  lasdiia  biavcbcj*  fàcciit*  <W  ne- 
«Iftsimo  lUtrelto,  o  daiuiuolò. 

.lOATXMOLETTO.  Dim.  di  Daitaiuala. 

•  UATaiaO.  Hijcoltlcra  de'diiV'.^Cecch.' 
J'rtv.  58.  Cbi  iwii  ha  daxio  Nou  cura  piuiU) 
>t  i  djuùù  il  catcMiu. 

DE 

•  DE.  PaHicelltt  tuelUtca,  1»  tjuaU  gli 
amlidi  imtivMO  all'idtimt  aitlabe  di  alcun» 
para/a  Iti  tigu^f.  di  NE,  «  tainlta  la  p»ue- 
vau»  micia  da  si  ualto  aletta  tlgnijic.  con 
varii  accompagualiit-a  ,  il  t/naU  vinta  d^l 
Ialino  ludo.  (ir.  S.  <w>'..  <&  Mii  UlUo  uou 
«oìfente  iwr  roi  l'amora  di  Dio ,  cba  Dio  aou. 
J«  aoSàciua  più  per  aaiora  di  voi.  E  43.  Se 
uon  u  'I  f  uò  levare,  liudc  (ta  uà)  da'aMcn 
adiralo.  E  63.  Siiide  parsa  loro  grande  pecca- 
la. HiiH.  am.  F.  H.  ilaula  Audr.  caux.  36. 
Sottopoili  aou  a  ammaliar  oro,  K  5oude  (na 
aauo)  aarbaloii,  e  guardiani,  /fi  iVot.  GUe. 

.  tau.  S9.  Che  l'uamo  viude  (w  ita)  fotta  divi- 
'  tare.  Ivi  Già.  d'Jrat.  tau.  tO.  Fere  lo  figlio, 
e  fai  morire,  E  poi  liade  (te  uè)  ripeate,  che 
l'ha  morto.-  B  nllrai-a:  Fcreudo  I'  uomo  non 
polca  guarire,  Se  uou  lande  («e  la,  tana)  Fe- 
risia  altra  fiala,  hi  PaL  Zap.  da  Dal.  >oh.  71 . 
Ne  gabbereste  '1  cor  cbaude  (che  ne)  wspira. 
/W  Sol.  Ciac,  eauz,  7.  l'erebé  uou  mtade 
(ma  Ha)  lauo  7  E  caus.  13.  Metto  far  tua  ope- 
ra, a  faude  (ne  fa)  UHUtrameuto.  Gr.  &.  Gir. 
30.  Lo  cavaliere  uou  può  guarire  della  piaga 
del  ferro  della  Itucia  che  bae  uel  oar|  o  ec  iu- 
fiiio  cbe  '1  ferro  iioude  fuori  (cioè  uou  è,  uou 
n'è,  avvera  uond'  è  fuuri.^  Gutll.  lati.  33.  78. 
(Joa^ki  menu  eude  (ne  a)  fuori ,  meao  bave 
viaio  podarv-  fedi  la  vaca  INDE. 

DE.  Coll'E  chiiita,  è  taglio  dal  tecaiida 
cata  ,ad  è  tempre  affiua  all'  arlictJo,  uè 
ti  ferire  miai  DE  tenta  l'arlieola  affitto,  a 
tenta  V  apottrofa  in  vaca  di  atta  articala  ; 
a  con  atta  apatlr^a  i  tempre  metenliuo  , 
nel  numera  del  più.  Baec.  pr.  6.  Ritlrelle 
da 'voleri,  dai  piaceri,  da'comaiKianieirii  de'pa- 
dri,d«llemadri,  deifralelli,  de'marili.i? ;.<.;>. 
It.  Quello  cbe  della  mìuuta  polvere  avviene, 
la  quale  «piraule  turbo,  o  egU  di  lena  nou  la 
mnovc,  Q,  Be  la  muove,  la  porta  iu  allu,  e  apes- 
se  volli  sopra  le  leste  degli  uomini ,  sopra  1« 
corolla  de'Re,  e  degU  ImperadurL 

J  I.  OS,'  call'apatlro/a  ,  a  caU'  arlieala, 
ha  anche  dirarti tiguijieati divaria  pi-rpa- 
tlalaui,  carne  di  Can,  Per,  A,  Un.  Bice, 
nov.  4  j.  4.  Ed  aasai  «olle  già  de  mici  dì  sono 
stato  rammiuaudo  in  gran  pericoli.  E  ucv.  f  A. 
M.  Come  se  del  letta,  o  da  alto  sonno  si  le- 
vasse ,  sbadigliava.  E  nav.  TI.  59.  Ualvagia 
dooon,  delle  maui  mie  nou  momi  tu  gi't;  tu 
Morrai  pur  delle  lue.  Amai.  84.  Qua!  Hcga- 
seo  lece  nelli  ulti  monti,  cotale  ia  terra  dan- 
do del  destro  piede,  e  la  terra  cavando  ec.  Prt- 
na  t  circanstantt  turbò  con  paura,  e  appresso 
K  stupefece  con  maraviglia.  Dani.  Inf.  18. 
Goti  parlando  il  percossa  uu  deaaouio  Della 
SBo  acuriada.  ;  Ar.  Supp.  i.  5.  Ha  cbe  mon- 
ta qucato,  una  volta  lo  comjteni  de'  miei  da- 
nari. 

S  9.  Talora  in /erta  di  Aliptantt.  Baec. 
hUrad.  SX.  E  coucedesi  questo,  tanto  cbe  el- 
mna  volta  è  già  avvenuto,  che,  per  guardar 
quella  (vita  ,)  senxa  colpa  alcuna  si  sono  uc- 
cisi degli  uomini.  E  nav.  79.  Si.  lo  bo  roba, 
eho  coatò,  contala  ogni  cosa,  doUe  lire  pressa 
a  cento  di  bagattìni,  già  è  degli  anni' più  di  ifie- 
ci.  E  nav.  9é.  $.  E  posta  la  padella  sojira  il 
treppiè,  a  dell'olio  messovi,  cominciò  ad  aspet- 
tare, cbo  le  giovani  gli  giuasaer  del  pesce. 

:  S  S.  A- ,  talare  In  ntauiara  elilllca  fu 
che  vi  ti  tottiittenda  Perle,  a  Alcmto.  Brun. 
de.  Catil.  5.  Io  medesimo  dissi  nel  Senato  , 
roma  tu  avevi  ordinato  d'uecsden  de'maggiori 
e  de'migliori  iK  Roma. 

DEA.  flama  di  deità  femmlnll».  M.  Dea. 
gr.  ite.  Baec.  mar.  41.  «.  Dubitava  non  fes- 
se alcuna  Doa.  Peir.  tan.  S70.  Che  'n  Dee  non 
eredov'ìo  rtgnass*  moria.  DuM.  Purg.  ti. 
Qimndo  par  fona  mi  fu  volto  il  viso  Ver  la 
sànislra  mia  da  qmlla  Dee.  Bnt.  Va  certifica- 
re gli  uomini  grossi,  cbe  credono^  cbe  la  for- 
tuna sia  una  Dea. 

:${.  DalladtMarla  Vergine.  PemCamt. 


UE 

49.  Or  tu  donna  del  eiol,  tu  noatra  Dea.  Se  dir 
lice  e  convictisi;  Vergine  d'  alti  scusi.  Tu  vedi 
■I  lutto. 

:  S  3.  Dea,  in  lingueggia  amalaria,  diceai 
l'Oggetto  amato,  ed  è  coma  Idola,  7*etara 
ac.  laL  detidarium,  lux,  acelLtt.  PeIr.  tan» 
294.  Vedeva  a  la  sua  ombra  onestamente  II  min 
Signor  sedersi  o  la  mia  Dea. 

.  DEAMBULANTE.  )^.  L.  Che  deambula. 
Vii.  S.  Frane.  168.  Essendo  dinausi  al  Papa 
nel  palagio  cbe,si  cbiamava  di  Laterauo,  Spec- 
cbio  doambulante  [ec.,  non  gli  diede  udseuaa.) 

.  DEAMBULARE.  V.  L.  Patteggiare.  Ca- 
vale. Simb.\.  267.  Dice  la  Scrittura,  cbe  deam- 
bulava, cioè  andava  leotauciite. 

•  DEAMBULATORE.  Camminatore,  Pat' 
teggiatora  ;  ed  è  tingolarmenteAelto  d'  Ac~ 
cadémiea  i«  Alene.  Dani.  Canv.  156.  E  pe- 
rocché Alistotil*  comincia  a  diiputare  andan- 
do qua  e  là,  chiamali  furono,  lui  dico  e  Usuoi 
comiiagm.  Peripatetici ,  cbe  Unto  vale,  quanto 
Dauàabululori. 

•  :  DEARTICOLATO.  Add.  Cauiraria  di 
AHicalnla.  Spar.  Dial.  588.  Mandano  all'  ae- 
re quel  certo  suono  dearticolato  cbe  par  parola 
e   non  è,  essendo  priva  d' intendimento. 

.{  DEARTICOLAZIONE.  Contraria  di 
AriieolaMiane  ;•  Mancauia  di  facalli  di  ar. 
ticalare.  Sper.  Dial.  553.  Aggóagliando  dirit» 
lamaula  la  deatticolaaiaue  della  voce  propria 
dell  uomo. 

.  DEAURATO.  /'.  L.  Indorala,  f /Y.  JK 
Pad.  I.  53.  Per  la  predicaaioiie  della  igno- 
miniosa croce,  li  vostri  templi  deaumli,  e  gl'i- 
doli souo  caduti. 

DICBACCARE.  V.  L.  Nenlr.e  nanlr.  patt. 
Infuriare,  Scorrere  tfrenalamenie.  lai.  de. 
baccari.  [gr.  /So«x*''«>>]  Buon.  Pier.  5.  4. 
6.  E  per  lutto  impudica  debacearsi  Con  jiiib- 
blica  vergoj^na. 

BEBACCATORE.  f.  L.  Verhal.  mete.  Oil 
debacca  ,  Chi  t' infuria  ,  Scapigliala,  lat. 
bacchalar,  dabacchator.  gr.  )Smx«Mt>.  Buon. 
Fter,  3.  %  i9.  Vaueggialor,  debaceator  cbe  sis- 
mi Gloria  Maggiore  il  fiir  maggior  passie. 

DEBBIO.  Coli'  E  terrata.  Abbruciamenla 
di  legni,  a  di  aterpi  per  Ingraaaare  il  caau. 
pp.  laU  tterilium  agranim  luceudium. 

5  DEBELLARE,  [^'incera.  Domare  il  nemi- 
co ;  \  Etptignare  [una  città  ;  Impadronirsi 
di  uno  alato  per  forma  d' armi.]  Ut.  debella, 
re,  praPigare.  [gr.  x«ra5roi«/s«I».)  :  Car. 
Enetd.  6.  4i90.  X'  arti  voiii*  Sten  l'esser  giu- 
sti in  pace,  invitti  iu  gnem.  Perdonare  a°  sog- 
getti, aecor  gli  umili,  Onbellare  i  sB(ierbi. 

•:  $  Duellare, diceti  anchefiguralam.  de' 
mali,  a  vale  Guarire,  Klncere,  Bitlttiggere. 
-  Red.  Cani.  <.  116.  Dovrì  lasciare  tulio  il  ne- 
goaio  alla  natura,  che  aiuUIa  oc.,  diventerà  la  pa- 
drona del  corpo,  e  facilmente  debellerà  i  rasi- 
dai  del  male  n  . 

DEBELLATO.  Add.  da  Debbiare.  Ut.  de- 
betlatut ,  pre/ligetui.  gr.  laneiKoUpifittt. 
Car.  Idi.  *.  236.  Dnll'  altra  brei  i  giganti  non 
del  tutto  fulmiuali.  o  debelhti,  ma  conibaltenti 
ancora.  :  Gui'c^c.  Star.  17.  26.  Ma  la  ioiqsiissi- 
ma  fortuna  nostra  ci  costringe  a  esporre  a  voi 
ec.  le  uestrv  estreme  miserie,  magj^iori  seaxa 
comparazione  di  quelle  cbe  le  città  debellale 
per  fona  degi'  inimici  sogliono  petire  dall' ava- 
riiia,  dall'  odio  ce 

.  DEBELLATORE,  rerbal.  mate.  Che  [o 
Chi]  debella,  lat.  debellator. 

n  DEBELLAZIONE.  //  debellare.  Ut.  de- 
bellano. •  :  Segnrr.  Mann.  Savemb.  26.  4. 
Sansone  stessa  che  solo  in  orione  alla  debcl- 
laaiooe  de' Filistei  consegui  da  Dio  liine  si 
prodigiose. 

•  :  j  Parlandoti  di  maialila,  a  ùmile, 
vale  tìiiaiigioiie.»  Hrd.  Cani.  I.  125.  Soglio 
sempre  lodare,  per  la  debdlaaione  di  questa  na- 
laliia,  quei  rimedit  semplici,  «be  nel  vitto  quo- 
tidiano si  pigliano  1*. 

DEBILE.  .4dd.  Le  tlatta  che  Debaie.  lat. 
debiHt ,  infirmut ,  imbaeillii.  gr.  acrdon^f. 
Fiar,  S.  F)rnnc.  113.  (gancio  nulo  Francesco 
fiisse  più  lasso  nna  volta,  che  l'altra,  r  debile 
o  inCtrmo.  Dani.  Par.  3,  Tornau  de'aostri  risi 
lo  postille  Debili  si,  che  porla  in  bianca  froala 
Non  vion  wen  Insto  alle  nostre  pupille,  lini. 
Debili  sì ,  cioè  par  sì  lalto  moilo  mancanti  de' 
loro   cokiii,  lomano  le  postillo,  «sor  le  Dgnr*, 


DEB 

€  nppreseiilaaioui  de'  nostri  visi  par  li  vetri  tt. 
Peir.cans.  8. 1.  Si  •debile  il  filo,  a  cui  s'attie- 
ne La  gravoss  mia  vita.  E  tan.  19,  Vive  inspc. 
raoza  debile  e  bllace.  Seder.  Call.Kk.  Aotora. 
che  ella  (la  terra)  sia  di  sopra  debile. 

•  SI.  Aggiunta  di  Setta,  vale  Femariitilt. 
Ar.  Sim.  Si.  24.  Ma  per  più  soano  aneon  il 
debii  sesso. 

•  :  J  3.  Per  Uoneo,  Storpia,  tlutilato.  S. 
Agatl.  C.  />.  21 .  9.  Meglio  l' a  d'entiare  debi- 
le in  viu  elenia,  che  con  due  mani  nel  fucca 
eternale. 

DEBILEMENTE.  Awerb.  Lo  tieiio  dia 
Debilmenle.  lai.  delnliler,  inJirait,imbteiHì. 
ter.  gr.  à.ipfo&f.  Dani.  Purg.  47.  Coaw  qaaa. 
do  i  vapori  uBBsdi,  e  spessi  A  diradar  eoa'nt- 
esalisi,  la  sclera  Del  Sol  debilemerile  entra  per 
essi. 

DEBILETTO.  Dim.  di  Debile  ;  Debtlellc. 
Ut.  admaditm  debilia. 

DBBILEZZA.  Astratto  di  Debile;  Dtbolei- 
sa.  lat.  debililaa,  imbecillitos.  gr.  àSvia-fiti 
Amm.  ani.  I.  1.  8.  Dunque  lo  psrerè  bdb 
non  è  per  propria  nKnn,  ma  per  debilcsudel 
vedere  degli  occhi.  Celi.  SS.  Pad.  Io  tetta- 
to la  mia  debilena. 

.  DEBIUMENTO.  r.A.  Storpie,  Tran, 
cementa,  UulHatlame.  Frane.  Seceh.  aof.  M. 
Esaeudo  iulervenulo  ciò  cbe  li  disse,  nea  la 
no  sarebbe  venuto  nò  debilimcnto  di  Bcaibaa, 
nò  altro  male;  avesse  detto  eoo  l'site,  ssnbk 
stato  cassale  e  mortale. 

DEBIUSSmO.  Superi,  di  Debite:  Dtb- 
littima.  Ut.  debilittimut,  imbeeilliami.  p. 
««dcvivncro;.  Vii.  SS.  Pad.  9.  28«.  Cs»- 
sri  ogginsai  dunque,  debilissiniu,e  inlWlicissàae, 
che  noi  amici  di  Dio  non  li  temiamo,  dlem. 
Gir.  44.  179.  Quinci  con  debolissian  fanlla 
Dice  :  ben  sU  venuto  H  mio  bel  sole. 

DEBILITÀ,  DEBILITADE ,  e  DEBILITA- 
TE. Deboletaa  ,  FìaeehettA  ,  Firvalnu  , 
Aggravamenta  di  membra  per  maneamtatt 
di  f arte;  e  ti  Iratferltee  anche  all' amia-, 
e  a' tenti,  lat.  debiliiat,  injlrmital,  imieeil- 
lilet.  [gr.  iaìéett».]  Sfar.  S.  Gref.t.t-i 
cbe  altro  intenderemo  por  le  Ire  figlinole,  se 
nou  la  debilità  delle  eaenti  de'  fedeli?  Beltrt- 
ve  :  Conosca  perunto  la  sua  deb<rit),«HHl>lidsa- 
dosi  più  forte  nella  sperama  della  mitsrimrJn 
dì  Dio.  Ci:  4.  3.  2.  I  venti  meridionali  iado- 
cono  debililadc.  San.  Decimi.  [48.  La  iataa- 
alone  della  legge  fu  rbe  ai  sovvenisse,  e  dnu 
mille  danari  d'  oro]  a  chi  perdesse  il  verisce 
per  debilità  dì  natura,  [ovvero  fesse  per  foni 
accecalo.] 

.  S  Talvolta  nel  verso  ti  è  dell»  DebihI, 
«  Dcbiltade.  Ar.  Itegr.  2.  9.  Ora  nolins,  Di 
questa  dcbiltade,  ed  impolenaia  Avendo  dello 
sposo  ec. 

DEBIUT  AMENTO.  X'  indebolire.  Ut.  *>■ 
bililat.  gr.  AaàivuK. 

:  DEBILITANTE.  Che  debilHa.S.  ^"I- 
C.  D.  19.  23.  Il  corpo  colto  sempre  ceainno 
alli  toraachti  dehililantì. 

1  DEBILITARE.  Affie%-ellre,  Far  ii'otr 
deÌale,Seemar  le  forte,  lat.  debitUere,Me- 
/<ri-<!.(;r.à»9«v«S».  Cavale.  Med.  tuvr.  (14».) 
U  'ttfarmilà  è  da  ricevere  con  allegteitt  per 
molle  ragioni  i  U  |>iima,  percb*  debili»»  n  ^ 
pò,  il  quale  eontinuameiite  ec.  coaibslle.  ril. 
Pilli.  TuUi  quelli,  che  foMero  debilitali  «'l" 
sno'mcmbri,  mandò  alle  terre  nwriuim'-  •!  '•'''• 
Geli.  6.  152.  Nnn  vi  doUte  della  nainra,  le  ella 
non  vi  ha  armalo  il  corpo,  come  ''"^'[^J 
noi,  d'unghie,  dì  denti,  e  di  come,  dsppeic»» 
voi  VI  debilitale  tanto  da  voi  stessi  l'anni,  e  >• 
forae  dati' anima.  , 

\%.B  per  melaf  .  Mar.  S.  Greg.  P«» 
qua!  cosa  è  debilitala  in  noi  U  tdanm  <»•» 
nostra  sprraaaa».  Pallav.  Star.  Cene.  •■  «• 
381.  Ripigliò  il  Giberto,  che  si  fati»  «"'•?•"!; 
ne  debiliterebbe  il  più  valido  memo  per  iaigk 
ottener  Milano  senaa  «ngnn,  seoaa  spela,  e  eoe 
somma  glotin. 

DEBILITATO,  ^rf,/.  da  Debilitare.  Stgr. 
Fior.  dite.  ».  22.  Allora  era  tempo  aisaMsre  i 
Romani  debilitati  per  la  niA  arcano  falf  «>* 
loro. 

DEBILMENTE.  Awerb.  La  """J*.! 
Dehalmenle.  ÌA.debilitrr,  infirmo,  Imbecil- 
liter.  gv.  iiaeotu.  Bui.  Par.  I.  2.  0»  Innp 
si  rildlono  ti  debilmenle. 


Digitized  by 


Google 


DEB 


DEB 


BEB 


63 


UBItXlZO.  jé^aiHtH>c.  Lo  ttnso  che 
JMA^^.  Oeè«tmsM^  lat.    atbnotùmi   detti- 
§é4.  ;  Talom,  iHt*  tih.  4.  leti.  36.   Li  quali 
.ttn^tlt)  ao*  v'Imm  lucialo  p«r  ancora  udire 
tu  mm  ««rr  cb«  è  dabiluxu,  e  ascaì  roca. 
aEttTAMENTE.  Jvpmrh,  Sttomdù  U  di- 
,  MertttHHtmt&f  Cii4Stant€Hlt,  Con  aio- 
rf*.  lai.  itatm^  marito,  gr.  ^utflCtAtf >  Wx^ 
t«i(.£«cr.v«»^t8.  6.  DriiìUaiimte  dioaiuà  a  giù- 
«»  fili Ji<  e,  ■■  ia«4««ino  peerjto,  in  tiiverse 
yìrf»  4«  fcrBooc,  MO«  do«  una  ni«dauiua  po- 
sa nc«f cr*.  Dmmt,  Imf,  4.  E  se  faron  dinaHai 
al  cTtMJaBriiB,  Noa  aidor^  dekiUmenle  Dio. 
{  Pmr  Com*euÌsitt0mtmHt*j  Com.veHevo(mttUé. 
Ul   d^rwUer,  cwm^Hienter,  fgr.  ffÙTr^ecTrAf.] 
AicT.Mr.  56.  &.  Vot  tutti  gli  ahri  vedalo  co* 
njt  Lea  comporti,  *  drbilaaaeate  proporaotiatL 
Emt^.  65. 2.  Niaaa  cxua  è,  di  coi  laiilo  si  parK 
che  icBprv  piò  BO«  piarcis,  dora  irterapo  od 
a  hMOfft,  «ka  i|aclla  coUl  cota  richiede,  sì  uji- 
!■  par  coivi»  Àm  parlar  ne  vnolet  dcbitamenle 

.  B£BITfSSlllAHEE(T£.  Snpert,  di  D€- 
éHwmmtm  Am*.  htl. 

f  DEBITO.  Sttt,  ObUigMsioite  di  darei 
«  rrsiituirm  mltmi  ckeeehi  aia  ;  e  t*  ÌH(gmtle 
0tm  c«tmmm€m»fmt>t  di  danari,  lat.  debUnntf 
mtmii^mmm,  gr.  Xfi^^-  ^^^c.  «ot*.  60.  4.  Ol- 
ir a  «w  aolcte  pagare  «e  quel  poco  debito,  che 
^•tanao  B  paga  una  volta.  G,  V*  9.  31.  9. 
Nr  lo  gTM  doCtto,  in  che  entrò  per  rtioaUur- 
bvr««oo  w  male  stalo.  Jf.  ^^.1.63.011  cen- 
iiUH  al  aolJo  della  Cbieta,  facendo  debito  so- 
lva dabìco.  Se^.  Star.  9.  46.  Era  la  città  no- 
iln  agurarata  ila  asolti  debili  per  le  cootino* 
•«,  e  groue  ap«8e,  cbe  «*eraDO  fatte,  a  m  fàce- 
HMo  cootinn*— ente  *;  ^//rg.  108.  Egli  k 
bla  rv»  ck*ogaì  imMosco  è  debito.  Getl. 
S^^t,  4.  3.  B  eoa  chi  diairol  vooi  t»  ch'egli 
lèka  dc^Mlo^  cbe  non  ba  tanto  credito,  cb'  e' 
laiTMip  ■•  figlio  dalla  «oloaaa?  Fareft.  Xex. 
Aa«t.  9.  67.  IjMMide  per  adempiere,  cooie  pot- 
a»,  B  Cttto  debito,  a  voi  ce.  umilineiite  rìrol- 
graduai  ttan  vi  ricorderò  re 

:  5  I.  Dméito,  ptr  simitit.dice$i  QneiU  ob- 
Uifmxiwmm  rèe  ptfttando'^a  contraMù  ì'hoiho 
MBrve  ih:  «  Dumt.  Purg.  IO.  Per  udire,  Come 
Bh  vai,  cbe  ']  debito  si  paghi  ». 

•:  S  <•  Kjigmrmf0m.  m  Bed,  feti.  Oeeh.  4. 
pUa  «od^ilceì  atti  ec.  al  mio  impegno;  ami] 
arcodo  duo  gioraalmente  debito  sopra  debito, 
(lemo  re] 

•  ;  5  '-  "i^^kitQ,  vaie  anche  Qtielto  cfte  ne 
dm  et*et^  dmie,  Qumilo  che  da  a/tri  è  do* 
4lf«  «  »M.  Frmme»  Sacch.  uov.  59.  Nm  dob- 
bumo  pare  avere  si  debito  ooslro,  cht  cbe  ce 
la  dia. 

S  4.  DehiiOf  pmrlmmdoii  di  matrimonio, 
tmie  ifmeitm  Oùàiégezione  dei  proprio  torpo, 
che  t  mmo  de' tanittfati  contrae  coli' nitro 
ami  BMgramamto  del  matrimonio,  lat.  *debi' 
tmm.  gr.  XP^'f-  Mmettruts.  I.  50.  Credo  ao- 
cara;.  dir  s  agli  iutenda  uon  solamente  di  non 
addMoaadare  il  debito,  au  anche  di  nef^rlo, 
«ha  na  nairinooio,  parchi^  di  ifoeilo  uon  sì 
Htaà  patto.  E  apprrgso  :  L*  uomo  dee  esser 
oortsclta  di  rcttdrru  il  debito  alla  moglie.  ^1. 
96.  Li  donaa  non  ha  podestJi  nel  corpo  dnl 
manta,  ae  non  se  salva  la  coasólenxia  delln 
■«a  penosa*,  oudeso  ella  addimaiida  piàoUra, 
aaa  é  «••edere  il  debito,  ma  inj^iurta  esaaìonc. 
tmé.  419.  La  sua  dimesticbesaa  usava,  come 
d  mio  maril«l  debito.  •  jér.  JVr^r.  i.  4,  Dun- 
^B«  ana  le  fa  il  debito  egli  ?  A  II  debito  eh  ? 
M.  Che  ^  non  poò  ?  B.  tk  infelice  é  cosi  ver- 
^■v.  Come  era  inttanxi  qoesto  sposalitìo. 

$  %,  iMtitOy  vaie  ancha  Ìo  steaMo  che  Do- 
mrraemte;  [iitsi^if.  d'Obbligo.]  »?  Car.lett. 
I.  191.  Mi  maraviglio  ec.  che  ardiachino  ec.  a 
Wftt  far  aa'ìaginrìa  ed  un  afVroolo  quale  e 
^«rtlo  cbe  leaCaao  cbe  la  eonnititi  uuii  adem- 
fHsaalraal  dobilo  tuo  qoel  che  essa  medesi- 
«aha  ^M»ta«eameate  officio.  B  171,  Che 
VW  Vmcaaaio  dica  in  (|aesto  che  noi  non  faC- 
I  il  debito  nostro  verso  di  voi.  mi  pare  che 
poco  la  mano.  jér.  Len.XH.  Fac- 
cwa  il  debilo  Noatro  noi. 

\%.Onde  Rendere  a  einsetmo  nto  debito , 
*•/■  Oare  ad  agntme  it  suo  dovere  ,  ò  dò 
<^  tii  li  conviene.  laL  ina  snnm  nnicHitpte 
trUmere.  (gr.  1tp097,x0v  Mter^*  AltohiféwA.] 

'««f.C.E  giaslaia  nm  virtù,  cbe  bene  la  bi- 


lancia ignale,  o  diritta,  e  rende  a  eioscnno  suo 
debito. 

*  :  S  7.  Essfr  ne'  debiti,  vale  Estere  inde* 
liitatOy  aggravalo  ili  debiti,  Tralt.  gov.fam. 
173.  Essore  uè*  debiti,  è  esser  servo  delcre« 
dìtore,  e  perdimento  di  libertà  diletta. 

*  $  8.  Trovarsi  in  debito,  vale  Himanere 
indebitato,  Pecor.  g.  5.  it.9.  Non  posso  fhre 
laoCa  Busierìua,  clieiu  capo  dcll'iintio  io  avanai 
niente  ;  ansi  mi  trovo  sempre  in  debito. 

5  9.  Jver  più  debito  che  Se  lepre,  [vale 
Essera  motto  indfbitato,]  v.  LEPRE. 

*  ^  IO.  Affogare  ne'  debiti,  vale  Averne 
im  abbondanza,  v.  AFFOGARE. 

*  S  1 1 .  Recarsi  sopra  di  sé  il  debito  di  tuta 
cosa  ,  vale  Soddufarvi.  S.  Cater.  tom.  9. 
lett,  41.  Dude  io',  indegna  vosfla  figliiiola, 
m'ho  recato,  e  redrcri  il  debito  de'peccalt  vo- 
stri sopra  di  me. 

«:  S I S^ Pagare  il  debito  della  JMtura,  o  il 
suo  debito  alla  natura,  vale  Morire,  v,  PA- 
GARE. 

è*  %  13.  CetUo  petuieri  non  pa gatto  m« 
debito,  dtcesi  in  proverb.  per  accetinnre  che 
Non  si  dee  star  ma linconici  e  pensierosi  per 
non  aver  mezzi  da  soddisfare  i  debiti. 

DEBITO,  /idd.  Dovuto.  Ut,  debitus,  ob' 
uoxius.gr.  iìtOYO^.  Petr.son.  914.  E  per  preu- 
dere  il  eiel  debilo  a  lui,  Non  ruri,  che  sì  sia 
di  loro  iti  terra.  B  eap.  6.  Debito  al  mondo, 
e  debito  airetate.  Cacciar  me  innansi,  eh'  era 
giunto  in  prima.  Teseid.  f .  18. E  quando  par- 
ve lempo  al  buon  Teseo  Di  navicar,  vodeodol 
chiaro,  e  bello ,  Tolta  la  gente  soa  raccoglier 
fco  Coo  debito  dover,  siccome  ec. 

5  1.  Per  Obbligato.  Ut.  obttoxius.  gr.  fvo- 
Xe{.  Jtf.  K  7. 101.  E'I  Conte  di  Fiandra  non 
era  debito  al  Re  di  Francia  dì  cotanto  servi* 
gio.  Boec.  Kov.  93.  14.  Quanto  voi  più  pron- 
to stillo  siete  a  compiacermi,  tanto  più  mi  co- 
gttosco  ddiito  alla  penitcoaa  del  mio  errore. 
l  Fr.  Giord.  Pred.  I.  48.  Siccome  dice  qnel 
filosofo,  noi  siamo  s!  debili  al  padre  ed  aila  ma- 
dre nof tra  ,  ed  aremo  ricevuto  da  loro  tanto 
benefìcio,  che   nou  possiamo  mcrìCarli  del  be> 


S  9.  Per  Convenevole,  Opportuno,  Accon- 
cio. Ut.  opportiuiiis.  gr.  c&tstiso^.  Bocc.  In* 
trod.  7.  La  ignoranaa  dc'medici  re.  non  cono- 
scesse da  che  si  uuivcue ,  e  per  cousagucnte, 
debito  argomentò  non  vi  prendesse.  E  33.  Se 
i  frati  di  qua  antro  ec.  alle  debite  ore  cantino 
i  loro  uffirii.  B  ttov.  65.  9.  Ogni  rosa,  che  fìt< 
sta,  e  piacer  juissa  potare,  qui  abbia  e  Inogo, 
e  tempo  debito.  E  leti.  Pin.  Ross.  S69.  Io 
eslimo,  messer  Pino,  cbe  non  sia  solamente 
utile-,  ma  necessario  1*  aspdUre  tempo  debito 
ad  ogni  cosa.  Maestntgv.  1.  n.  Alcuna  di- 
•peitsasioneè  dovuta,  alcrnia  vietata,  alcuna  per- 
mesu;  la  debita  è  quando  sì  teme  lo  scandolo 
di  molti  ec.  Aurora  la  debita  dtspensaxioue  e 
per  ragione  del  lemi>o,  o  della  persona,  o  del* 
la  pìetii,  o  della  necessitai  ec;  e  brevemente , 
che  dovunque  e  giusta  cagione,  la  di^wusaiio- 
ne  e  dovuta,  e  debita.  Cr.  4.  43.  9.  Dicono, 
cbe  'I  vino  è  fatto  soave  a  bere  in  questo  mo- 
do ;  mcitì  debita  quantità  dì  finocchio,  e  di  aan- 
torrggia,  la  quale  si  convenga  aHa  qaatitìti  del 
vino. 

S  9.  Per  Gittsto,  Diritto,  Legittimo,  lat. 
legitimus.  gr.  vófutàOi.  Bore.  ìntrod.  97. 
Quante  famose  ricchezze  si  videro  senta  sue- 
cessor  debito  rimnneri^! 

S  4.  Essere,  Scorgere,  o  federe  alcuna 
cosa  debita ,  vate  Essere  ec.  in  pelicelo  ; 
y^asi  ad  iatitatione  di  ^ella  maniera  , 
onde  disse  f^irgilto  :  fatis  debitiis  Amins,  v, 
//  Foreellini  alla  voce  DEBITUS.  Modo  di 
dire  oscitvo,  da  lasciarsi  al  Malmatttile.^ 
M/alm.  9.  97.  Ma  Eravan,  che  debito  lo  scor< 
gè.  Aiuto  a  un  tempo,  ed  animo  gli  porge. 

*:  DEBITOLO.  V.  DEBITUOLO. 

DEBITORE.  [*ColuÌ  che  deve  dare  dana- 
ro, od  altra  cosa  per  obbligo;  ed  è  opposto 
a  Creditore.]  Ut.  debi/or.  gr.  òfttXiT^i.  \ov. 
ant.  67.  9.  E  Se  '1  luo  successor  mi  viea  me- 
no, tu  mi  s«*  debitore.  Frane.  SaecU.  Hm. 
Il  ereditor  preso  è  dal  debitore.  Maestrnss. 
1.  38.  La  quinta  rimoove  il  peccato,  il  quale 
•chiude  dui  regno,  quando  diro  :  perdona  a  noi, 
coma  noi  perdoniamo  a'  nostri  debitori.  Sen. . 
Iffii.   rarch.i.  19.  Onde  ba  per  dtfbilore  me, 


nou  avendo'  ncssano  ahm.  £  5«  92.  Sono  pagri, 
e  Urdi;  [ùuUosto  lunghi  debitori,  cbe  cattive 
dette. 

«:  5  1.  .$4  dice  figuratnm.  di  latiti  eoUro 
che  hanno  delle  obtdigasioni  ad  tmo.  Red. 
hti.  fam.  9.  8.  Io  suderà  sempre  ddulofe  di 
qaell'onore  segnalato  ce.  al  nostra  Signor  Dati. 
E  909.  Sa  mollo  bene  di  quante  obbligaaiuai 
U  rado  debii  ore.  ^3.  titSI.  lo  non  ho  merito  al* 
cuno  con  V.  S.  ami  le  vado  debitore  di  miUa 
gnsie. 

*  S  9.  Debitore,  dicesi  attche  Uno  il  qnmh 
sia  destitinto,  otUdigato,  condannato  a  far 
tptntcke  cesa,  e  a  soffrir  qnaldie  pena,  o  ad 
addossarsi  tfualche  peso,  e  simili.  Pass.Vlt. 
Se  r  uomo  è  in  peccato  mortale,  è  peggio  ohe 
uon  e  un  porco  o  un  cane;  che  quo*  sodo  pur 
debitori  d*  una  morte,  cioè  del  corpo;  ed- egli 
di  due,  della  corporale,  e  della  etamaU.  (ìn^ 
vece  di  debitore,  di  sotto  alla  pag.  S75.  di- 
casi diputato,  e  dato  alU  necesntà  del  monre.) 

*  S  3.  Ssser  debitore,  coniugato  colViitJi-' 
nite  di  altri  verbi  posti  Iti  tttogo  del  nome 
sustantii'o  dinotante  la  cosa  dovuta,  Ar: 
Fut\  34.  90.  Repulso  io  cbi  più  gratificarlo 
Era  più  debitor.  B  5.  79.  Hai  sentito,  signor, 
con  quanti  effetti  Dell'amor  mie  fel  Polìneaw 
certo;  E  s'era  debttor,  per  tai  rispetti.  D'aver- 
mi car4  o  no,  tu  il  vedi  aperto. 

*  *  S  4.  Por  debitore  uno,  vale  Dargli  dir- 
bito.  Scrivere  una  somma  nella  pariitét  del 
suo  debito.  Ambr.  Cof.  3.  1.  //.  Questa  san 
cento  scudi  d'or  di  Uglia,  Tutti  di  peto.  Air. 
Sta  bene;  ora  pommene  Debitore  a  tna  posta.  B 
se.  9.  Gom'io  1'  ho  dello,  s'è*  danar  u  perdo» 
no.  Io  non  vo'  seiKir  ouUa,  Bar.  No  i»o:  posa- 
mene Por  debitor. 

DEBITRICE.  Femm.  di  Debitore,  Ut.  de- 
bitrix.  Cas.  lett.  «8.  Alta  quale  V.  M.  è  de- 
bitrice di  mollo  amore. 

«:  DEBITUCCIO.  Dim.  di  Debito,-  Pie- 
colo  dehif^. 

DEBITUÒLCÌ.  [a  DEBITOLO.]  Wai.  A  De^ 
bito  SUSI.  lat.  modicttm  aeris  alieni,  gr.  jou- 
ytpòv  X^ésf.  Buon.  Fior.  3.  4.  4.  E  stentare, 
e  pitire  Per  picco]  debttuolo  uno  'a  prigtoae, 
E  5ciolto  a  spasso  andar  più  d'  un  gbioUone. 

DEBITUZZO.  Dim.  di  Debito  susl.;  Pie- 
col  debito.  Ut.  parvitm  aes  alienimi,  gr.  jw- 
xoòy  XP^^i'  ^f*'br.  Furi.  I.  3.  Parche  egli 
VI  dia  tanti  danari  alla  roano,  cbe  possiate  «<• 
liabre  a  qualche  vostro  debitusso  antico.  Cuns, 
Mar.  Con  qualche  d«bituaao  4a  bisca ,  e  'n 
ghetto. 

DEBOLE.  Susi.  Debolessa,- Difetto,  [La 
parte  in  che  uno  nten  sa  ,  o  può,  o  vale , 
Quello  in  che  uno  skol  errare,  o  peccare  pia 
facilmente.]  lat  vitinm.  gr.  xocxjoc  Salvin. 
Pros.  Tose.  1.  409.  Ci  vuol  sapert  coatrafii- 
rr  certe  pìccole  deformiti,  cbe  si  scoi^oao  «« 
tutti  gli  uomini,  ritrovare  coni  difetlnaai  e  al* 
cuni  loro  deboli  innocenti.  *l  E  Disc.  9.  35. 
La  sordida  lusinga ,  e  la  vile  compiaceuaa,  e 
la  lode  tn6uo  degli  altrui  deboli  e  difelli  i 
una  maschera  d'amiciaia,  cbe  oc. 

^  DEBOLE  Add.  Di  poca  farsa.  Di  pò* 
ca  possa.  Fievole j  Fincco}  [cotitrario  di  Far* 
te.]  Ut.  debilis,  infrinus,  imbecilli»,  gr. 
ttffdev^C  Bocc.  nov.  i%.  98.  EM'era,  nelU  pri- 
gione, magra  ,  e  pallida  divenuta  ,  e  debole. 
;  Segr.  f^or.  Maiidr.  4.  9.  Io  non  vorrei  che 
noi  pigliassimo  nn  granchio,  eh'  e' fosse  qoal* 
che  verdiio,  debole,  infcrmicrio.  *%  Segnar. 
Criit.  insti'.  I.  45.17.  Pensala  poi  se  stari 
forte  a  una  battaglia  di  tal  forma  il  debolecuo- 
redi  una  donnìcina. 

:  S  *•  Debole,  si  usa  anche  in  f orsa  di 
SMst.  Seguer.  Nana.  Giiign.  3  1.  Questo,  ri- 
spetto a  quello,  è  di  peso  soffribile  ancora  a' 
deboli. 

•  S  9.  ^  per  metaf.  h  Red.  Ftp.  1.  94. 
Debole,  e    cadente    fondamento   è   questo  a, 

;  $  3.  Debole,  si  dice  altresì  delle  ceso,  Cr. 
4.  4.  9.  Nel  grasso  campo  Cponi)  quelle  (viti) 
che  fono  deboli  ovvero  infermiccìe. 

*  S  4.  Debole,  aggiunto  di  Stomaco,  vaia 
Che  digerisce  dif/Scilmente.  Salvim.  Disc. 
9.  80.  I^a  testa  de"^  letterati  i  aUàtscala,  e  lo 
stttmaco  debole. 

5  5.  Diciamo  ancora  talvolta  Uomo  de- 
bole,per  Dappoco,  e  di  basso  ingegno.  Tac. 
Dav.  ann.  16.  997.  Volle  dì  poi  la  forCnaa  I* 


Digitized  by 


Google 


54 


DEB 


DEB 


DEC 


burla  di  Nerone  sì  deb^e,  che  crédeUe  a  un 
■aogno  d'uu  meMo«uUo  GkrUgìaesr,  detto  Ce- 
sellio  Basso.  :  $^arch,  Let.  Dani.  t.  95.  Non 
si  dice  ec.  ■  nn  leuoro  e  del>ole,  cialdiuo,  dol- 
cm  ini  ingoio? 

*S  tj  5.  Duboif,  mmle  anche  Che  #«  poco, 
Che  itutuca  di  vmUre.  Bmldin,  f^it,  Bem. 
08.  Non  fu  Bàgi  arcbìteUo,  per  debole  eh'  e*  si 
foue,  che  aoa  sapesse  noti  esser  possibile  ■!- 
«are  no  ediosio  di  quel  sesto. 

;  S  7.  Dabale,  ti  dice  anche  ^guratmm, 
deli*  Opere  d' ingegno j  e  vale  Che  manca  di 
dottrina,  di  aatme,  di /orsa,  ee.  Tae.  Dav* 
JPerd,  eio^f,  4S3.  Se  gli  oratori  non  veggono 
dis  poter,  quasi  liberi  e  sciolti,  corrtn  il  loro 
cflflipo,  debole  e  fiacca  ne  divieu  1'  eloqiieuaa. 
f  «/Wm.  P>vs*  Toec.  1 .  539.  Non  posso  di  me- 
no -oc.  di  oou  esporre  '«e.  alcune  deboli  mìe 
considerasiont. 

:  %%,DeboÌe, vate  anche  Che  ha  pota  vir- 
tH, poca  efficacia.  iiegg.nmt.e$p.  i31.  Ma  le 
tavole  (de'diamanti)  sono  cosi  doboH  e  fiac- 
che io  attrarre,  che  talora  paiono  affatto  prìre 
di  virtù. 

•*  $  9.  Deboie,  dicesi  anche  Quello  che 
v*è  di  men  forte,  di  men  solido,  o  simile,  in 
umm  cosa.  /'iV.  fett, 

«  S  IO.  Parlandosi  di  doratura,  vale 
Scarso.  Beuv.  Celi.  Oref.  40*.  Il  primo  co- 
lore, ebe  si  usa  per  colorire  le  dorature  debo- 
li (cfaè  cosi  nell'arte  si  chiamano  quelle  do- 
rature, dove  e  pili  o  manco  uro,  ec.) 

DEBOLEHENTE.  .dvverb.  Con  debole»- 
sa.  lat.  dehiliter,  ittfirme,  intbeciltiter.  gr. 
flcJp«v6«.  àf.  K  9.  SI.  U  Duca  (euea  debo- 
lemeute  assediato  col  braccio  de'Citalani. 

DEBOLETTO.  Dim.  di  Debole  add.  lat. 
admodum  deMis.  gr.  àffdcyirrCj»0(.  Htm. 
amt.  Guid.  C.  P.  N.  T»  voce  sbigotliU,  e  de- 
boleUa.  Dant.  f^it.  Nuov.  3.  Io  sosleoea  s< 
grande  augoicìa,  che  *1  mio  deboletto  souno 
non  potè' sostenere.  £9.  Uuo  spirilo  d'amore, 
dìatruggeodo  tutti  gli  altri  spirili  sensitivi,  pin- 
gova  fuori  lì  deboletti  spirili  del  viso. 

DEBOLE3SZA.  jtstratto  di  DAole;  Fie- 
volexza.  Ut.  deòitita$,imbecillitas.gt.éa^Ì' 
vetoc  Boec.  nov,  77.  50.  Ben  «tmobbe  lo  sco- 
lare alla  TOC*  la  «uà  debolena.  Bed.  lett. 
I.  353.  11  Male  di  sua  Emioensa  è  un'itteri- 
■ìa  ec,  aceonpegnata  da'  consueti  e  soliti  ac- 
eidenti  ec.  di  debolesaa,  di  forae,  ec.  E  Cotis. 
I.  955.  Non  sentì  mai  debolesxa,  o  fiaccbeaza, 
uè  mai  si  lamentò  di  dolore  di  tetta.  •;  Da». 
lett.  39.  Una  gran  debotena  di  testM  nou  mi 
ha  lasciato  rivedere  il  mio  Tacito. 

*  $  I.  Dabolexsa,  si  dice  anche  dell' Ingegno, 
«  simile,  yarch.  Les.W.  Però  uoufia  se  non 
bene  che  (seguitando  il  costume  nostro  d'age- 
volar le  materie,  dì  cfae  trattiamo,  te  non  quan- 
to porta  la  uatura  d'esse  core,  almeno  cume  può 
la  dcboleaia  del  nostro  iugeguo)  discendiamo 
a'  particolari. 

^  $  S.  Per  Dappocaggine,  insufikciensa, 
iPoca  attitudine  a  fare,  dire  ec]  *  Car. 
lett.  I.[*l57.]lu  tutto  altro,  che  le  accaderii  V4- 
Imi  della  mia  d^Mleaaa,  mi  troverìi  sempre 
diligeMissiaao.  •:  Filic.  lett.  Red.  199.  Dirò 
uondimeno  per  propria  giustificeatone  qoauto 
mi  detta  la  mia  deboleaàa. 

•t  $  9.  Debole  esa, pigliasi  anche  per  Azio- 
tu  da  debelet  da  sciamnito.  Dat.  Lepid. 
t99.  Per  esser  dispreaaato  (S.  Filippo),  e  te- 
milo un  balordo,  ai  messe  a  fare  tante  debo- 
lene,  e  tuttavia  non  gli  riuscì. 

•  $h.  Per  Cosa  da  poco.  Scrittura,  o  al- 
tre,  di  poco  merito.  Car.  lett.  I.  175.  L'ec- 
celleaaa  di^ua  madre  m*  ha  imposto  che  ne 
lo  maodi  (un  so»ietio\  altrimenti  non  le  sarei 
venuto  iananii  con  questa  deboleiza.  «  Hed. 
lett.  3.  194.  Avri  ec  occasione  a  suo  tempo 
di  compatir  di  nuovo  le  mie  debolesse».  l  Bu- 
celi.  lett.  f .  V.  S.  llloslrifs.  eccede  di  troppo 
il  mìo  mwrìlo  udle  lodi  ch'ella  m' inria  delle 
mie  deboleas*. 

;  S  5.  DeboÌe**a,  dicesi  anchejSguratam. 
parlando  delle  cose  di  poca  importamsa  nel 
loro  gemere.  Cmr.lett.  9.  90.  Alla  coniettnra 
che  fa  della  deboleasa  delle  mie  ragioni,  ec.  si 
sa  come  la  cos«  passò. 

*:  $  0.    Deboleasa,  talora    vale    B>Tore, 
Sproposito^  ed  in  itaesto  senso  si  usa  nel 
>  dal  più.  Beilin.  lett.  hfalp.  Iti .  Per 


non  essere  o  da  Aie,  o  dal  BorcUi  ripreso  del- 
le molte  deboleue  che  egli  stampò  sopra  que- 
sto pesce. 

5  7.  Debdessa,  si  usa  anche  per  Impru-^ 
densa,  lat.  animi  tevilas.  er.  appOTuvij. 

•  5  8.  Dicesi  anche  delle  cose  insensate, 
e  vale  Difetto  di  forta  succiente  per  chec- 
chessla.  Fasar.  Fabbrica  che  non  doveva  reg* 
gersi  tu  piedi  per  la  deboleaaa  ilclle  spalle  che 
aveva. 

«  DEBOLEZZAGCIA.  Peggiorai,  di  De- 
boleasa. Magai,  lett.  [.//.  994.  Andate  dicen- 
do tra  voi  medesioM),  che  io]  ho  fatto  troppo 
onore  a  questo  mio  concetto,  fl^ndogli  nome 
di  fantasu,  parendovi  anai  uno  sproposiloue, 
uns  debolessaccia  da  ragaaxo. 

*;  DEBOUNO.  Dim.  di  Debole;  M^nau- 
to  debole,  lai.  atiqiianto  debilis. 

*  DEBOLIRE.  ^Far  debole,  indebolire. 
Rallentare.  laL  laxare.  San.  Pist.'ìtk.  S'el- 
la (le  cose)  si  tramezsAno,  o  deboliscooo  pun- 
to  lo  studio,  o  la  buona  intensione ,  incoule* 
uente  le  conven^  tornare  addietro. 

DEBOLISSIMO.  Superi,  di  Debole,  lat. 
infirmlssimus,  imbecillinmt .  gr.  àv&kytTra- 
ro$.  Mleg.  194.  M'hauno  fatto  venir  voglia 
d*  accennarveue  il  perchè  in  questo  mìo  nuovo, 
e  debolissimo  sonetto.  Red.  AnÀot.  DUir.  19. 
Onde  vitro  di  Lecore  passa  in  proverbio  per 
vino  debulissimo,  e  di  niuna  stima. 

DEBOLITÀ,  [DEBOUTAOE,  e  DEBOLI- 
TATE.]  f^.  ^.  Debolezza,  lat.  debilitas,  int- 
becillitas.  gr.  piVÒkrtMt.  M.  /Éldobr.  Po  N. 
919.  Se  avessi  debolttade  per  disordinato  sudo- 
re, logli  le  foglie  del  ramerino. 

DEBOLMENTE.  jt%^'.  Lo  stesso  che  De- 
bolemente.  lat.  debiliter,  infirme,  imbecilli- 
ter,  gr.  A^pKiHèf.  M.  F.  3.  9.  AHa  cui  com- 
pagnia, e  lega  s*  accostava  didwlmente  il  Co- 
mune di  Siena. 

•  S  Debolmente,  per  Poveramente.  F^anc. 
Sacch.  Hot'.  999.  Fu  ricevuto  in  piccola  caset- 
ta assai  df^lmente. 

•  DEBOLUCCIO.  Dim.  di  Debole;  Debo- 
letto. Segnar.  Fred.  5.  3.  Che  gWiose  faaio- 
ui  non  ha  egli  condotte  a  fine  con  s!  deboluc- 
ce  masnade? 

DEBOLUZZO.    ^dd.   Deboletto.  lat.  ali* 

rantù  debilis.  Rim.  ant.  Guid.  Cavale.  61. 
ra  tagliando  di  si  grau  valore,  Che  i  debo- 
linai  spiriti  vsn  via. 

•!  DEBUTO.  F.  J.  Lo  stesso  che  Dovu- 
to. CK'id.  Simint.  i.  IO.  Non  fne  domanda- 
to ■  la  ricca  terra  solamente  le  biade  e' deba- 
li notrìcanenti. 

DECA.  F.  G.  Decina,  lat.  decas.  gr.  ^<xà{. 
Segr.  Fior.  disc.  tit.  Discorsi  di  Niccolò  Ma- 
chiavelli ec.  sopra  la  prima  Deca  di  Tito  Livio 
a  SUnobi  Buondelmottli,  e  a  Cosimo  Rticellai. 

DECACOBDO.  F.  G.  lai.  'd^rachordttm. 
gr. Ìsxà^Of>^09.Bspos. Salm.[i .]È  ancora  det- 
to qucMu  salterò  decacordo,  cioè  di  dieci  corde. 

DECADENZA.  (*.Stf«(/imrM/o,]  Declinesio- 
ne,  [" Dimitittsione  di  prosperità,  e  principio 
di  twna  ;  e  dicesi  specialmente  di  tnItS  ciò 
che  da  una  slato  florido  comincia  a  venir 
Nttfuo.]  lat  daclinattc,  gr.  I«je>s«c(. 

DECADERE.  Scadere,  bendar  in  deca- 
densa.  Scemar  di  grandetsa.  Cominciar  a 
venire  di  prospero  in  cattivo  sfato,  lai.  CJCCi- 
dere,  decidere,  suldabi.^r.  JxniTrrMv.  «  Red. 
lett,  [fam.  3.  98i.]  Per  uoit  decadere  di  qnel 
concetto  che  V.  S.  ha  fatto  di  me. 

*  DECADIMENTO.  Decadensa,  Diseadi- 
mento.  Salvia.  Plotin.  filO.  ConcÌos«acbè  ti 
Quaggià  in  queste  cose,  e  decadimento,  esìlio, 
|>elamento  d  ale.] 

*  DECADUTO,  ^dd.  da  Decadere.  Se- 
rner.  Mann.  Febbr.  97.  3.  Urterai  in  quel- 
la diScnltà  di  lasciar  la  famiglia  tua  decaduta 
di  oondiaione. 

DECAGONO.  *T.  imatem.  Figura  piana, 
cka  ha  dieci  iati,  ed  anfoli.  lat.  decafo- 
nnm.  gr.  d'««éya*vt».  Gal.  Dif  Cape.  185 
Sicrhè  la  parte  HI  sìa  lato  del  decagono  de- 
scritto «el  cerchio. 

DECALOGO.  F.  G.  [Ragionamento, o  Di- 
scorso, diviso  in  dieci  erlìcoli,  o  capitoli  t 
e  dicesi  particol armante  del]  Contenuto  de' 
dieci  comandttmenti  [della  l'ugge  di  Dio  da^ 
ta  a  Mesi.]  lat  decalogus,  gr.  ^«dUeye^. 
Pass.  195.  A  qneui  due  comandamenti  m  ri- 


dure tulio  il  decalogo  della  legge.  Fr.  Ciani. 
Pred.  R.  Osservare  i  precetti  del  decalofio. 

•  DECALVARE  I>icalvare,  Render  cal- 
vo, lat.  decalvare.  gr.  ^io^w,  «nionew- 
^i^€iv.  Cavate.  Pttngil.  30.  Ha  se  suo  liberi 
siano  pofti  in  prigione,  e  poi  siano  deciltati 
per  ver^fogna,  e  cacciali  della  lorprovtnc^£ 
S79.  L'uuo  e  l'altro  debbono  essere  decsKali 
per  vergogna  e  cacriati  della  loro  proviadi. 

DECÀMERONE.  l'itolo  del  ìibroéelhnf 
velie  dal  Boccaccio  ;  a  vale  Dieci  peraete. 
Bocc.  tit.  Comìnria  il  libro  chiamalo  Decane- 
rone.  S«Ìv.  jévvert.  1.  I.  13.  Quantoal  aosK 
Decameron,  egli  ri  legge  trediri  volte  nel  libro 
del  Mannelli,  e  sempre  nella  stessa  gviia  De- 
cameron ec;  per  la  qoal  rosa  si  può  tctier 
per  formo,  che  il  vocabolo  Decameroue  ec.  Ls$t. 
rim.  [M.  aai.]  E  il  Boccaccio  anco  nel  Dtcì- 
meroiie  ITou  uè  fa  memìoue. 

•  DECANATO. />igHiYà  ecclesia stite',  Vf- 
^cio  del  decano.   Bemb.  lett.  I.  7.  9i.  Ste- 

come  ultimamente  avvenne  nella  rinnosis  die 
io  feci  del  decanato  di  Brescia.  Tass.  lett.1l. 
Ma  essendo  esso  gìà  in  Lione,  ho  «voto  avviso 
che  il  suo  lu<^o  del  decanato  gli  è  Decapato, 
e  ne  ha  preso  .sdegno. 

«;  DECANIA.  Compagnia  di  dieci.  R*g. 
S.  Ben.  38.  Sieno  ordinali  decani,  i  qnsli  ab- 
biano solleritudine  sopra  le  decanie  loro  is 
tutte  le  cose. 

DECANO,  F.  J.  Capodieci.  lat.  demrio. 
gr.  iejc&àoLpx^i-  F*^'''  ''*'•  ^'  [^l  ^' 
ciascun  decano  ne  sìeuo  dieci. 

$  I.  Oggi  si  prende  per  Titolo  di  4i^- 
tà  accie  si  astica,  lat.  'decanus.  Uaesimst. 
2.  34.  9.  U  sesto,  quando  i  mouari ,  raloiiaci 
regolari,  arcidiacono,  decano ,  proposti,  piofi. 
DÌ,  rantori,  e  altri  cberici  personaliu  kabe^- 
tes,  ovvero  qualunque  prete  ode  le^ei  one- 
ro fisica.  Borgh.  rese.  Fior.  459.  Oggi  *oa 
queste  le  dignità  :  1'  archidiacono.  che  é  ape 
oc,  e  il  decano,  e  il  suddecano.  Eepprtuó: 
Diilla  medesima  fonte  vengono  questi  illris 
primicerio,  e  decano. 

S  9.  ifecano,  si  dica  anche  il  [*pià  antifù 
secondo  l'ordtne  dall' ammissione,  e  ricevi- 
mento in  un  corpo,  in  itua  coaipagnia.]  Batti. 
Pier.  I.  5.  9.  AecosCili  in  qua  lo,  che  altri 
non  m'oda,  Palafrenter  decano.  E  3. 5. 9.  Duo 
staffier  del  Podestj,  frane*  uomo.  Che  è  chia- 
malo rOrgagfla,  oggi  il  decano  Degli"  staSen, 
e  nerboruto,  e  forte. 

DECANTARE.  Pubblicare, CelebrersM. 
celebrare,  decatUa re.  gr.  iwi^;u?«».  •;C«- 
lil.  Op.  Irtt.  «.  90.  Hi  è  voluto  (Dio)  essA 
donatore  di  un  altro  measo  non  meno  pere- 
grino ed  eccellente  per  decantare  Ìl  suo  wtms 
[dei  G.  Duca,)  registrandolo  ìn,qncllt  etemi 
annali.  Filic.  lett.  Uagu.  37.  E  mirabile  il 
Ditirambo  di  V.  6.  Ul.,  e  benché  la  Lmaiis 
quasi  stancata  in  decantarlo,  credo  che  laghe* 
rà  ora  nuova  lena  per  gridarne  le  maraviglie. 

S  lUcanlare  ,  termina  de'  Chimici,  Tra- 
vasare da  un  vaso  in  un  altre  leggeratcnt* 
i  littori  ,  sicché  la  feccia  non  si  con/end* 
col  chiarificato,  lai.  defundere.  Ari.  Vetr, 
Ner.  9.  Sì  decanti  pianamente  l'acqua  ie  ca- 
tinelle di  terra  invetriate.  Aic«'I.Ffer.[3.]80. 
Passisi  per  pcxaa  sottile,  Uscisudo  dare  ìrIìm»- 
do,  e  decantando  l'acqua. ^rr/.  Osé.  an.\\%. 
Decantai  tutta  l'acqua  del  vaso,  versAideU  ta 
un  altro  vaso  dì  vetro ,  ed  in  quest'acqua  de- 
cantata, seusa  che  in  fondo  avesse  U  iwtìgtia 
del  pepa  pesto,  ì  lombrichi  vi  morirono  ia  do- 
dici ore. 

•  DECANTATISSIMO.  Superi,  ^i  Decan- 
tato. Salvia.  Pros.  Tose.  I.  449.  Per  tolta 
la  bella,  e  lelteraU  Europa  decaoUtissi»), « 
celebrai  issi  mo. 

DECANTATO.  Jdd.  da  Decantare;  Puh- 
blicato.  Celebrato,  Ripetuto  più  volte.  laL 
dacantmtus,  celebratna.  gr.  iivAs^OfiphVi. 
*l  Gain.  dial.  mot.  9.  L'  uno  de'qnali  (ca^ 
pi)  è  quella  decantata  repugniosa  che  bs  Is 
natura  Helt'amasettere  il  vacuo. 

S  B  Decantato  add.  da  Decantare,  mi 
significato  del  %.  lai,  tlafitsus.Red.  Ost.«^- 
HO.' Io  quest'acqua  decantala,  seosarbè  iu 
fondo  avesse  la  poltiglia  del  pepe  pesto,  i  lo** 
bricbi  ri  morimao  in  dodici  ore. 

.  DECANTAZiO>E  F,  de  Chimici,  let- 
to di  decantare,  Travasameute^ 


Digitized  by 


Google 


DEC 


UEC 


UEC 


SS 


•  %  Dtmi  «acA*  Jet  lifutre  tUeanltilo. 
Ml.  ittt.  [ftm.  S.  SI.]  Oi  oiMto  II  dacaata, 
e  ^vriia  Uam  d«ca«t«iaoue  ù  miisce  con   le 

IKAPÌTAIIE.  Mautre  il  c*po.  lai  de- 
aliar*,  c*pmS  mrmeciderv,  sectiri  parciiU- 
ftp.  «z«><7«A<;c»,  (....J  G.  r.».73.  «.  Per- 
d*  |HT  ben*  dvl  fuo  eomane  conlaitava  slU 
■•■•■■a  laa,  •  aabiUaiclils  li  Sete  dgcjpilare. 
J(  ''.  t.  ti.  Fece  decapiiare  uno  dei  Gona'- 
l«)  Taleale  noaao. 

•  S  S  •mrtaftrlrmm.  S.  Cai.  Itti.  liS.Per 
<<fm»  u  l' afitio  del  naia ,  decapilauo  la 
fWffia  ff<o2o«l«. 

DECAPITATO.  JJd.  da  Dfcopilure.  Ut 
itftì»  truHcmltit.  gr.  Ktsouf^tiì'ii-  U-  y. 
i.  n.  Smesdo,  <Ue  i  «Mladini  si  coiainciaTa- 
io  I  lawÉiatiiaii]  de'  Gaabecerti,  e  degli  altri 
f^tg"^  ni  dcoMlati.  e 

BECAPITAZiOME.  Il  deto filar*.  Ul.df 
nflerie,  tapuu  amfutmiio.  (gr.  xt^gdere- 
pi]  Gmct.  Aar.  S.  M.  I  friub  de'ooitri  go- 
WM  oc  Mao  Itali  le  conCicaaioui  de*  iKutri 
haai,  ^i  mmAi^  le  decapitasioiii  de*  uostrì  iufe- 
kiònaifiai.  £  7.  3U.  Alle  quali  cose  tia|;- 
faaae  la  decapilaiioee  di  Demetrio  Giusti- 

.  DECASILLABO.  'Jdit.  Diceti  dti  v*r- 
«I  di'  ^#ee«  sillabe, 

:  DECEDERE,  f.  ^.  Ingninare.  Galli. 
na.4.  !•.  Che  Saiiwii  decolli  e  baiamone 
^e  JT^mtra.)  £  SI.  Crudeli,  a|t|ijle  mer- 
ttde  De  C(Hia«li  «odri  e  di  yui  :  Ckir  mul  1*  a- 
taUratChi  >e  neuo  decedè.  E  <87.  Non 
F  4*aaMir,  uo»  promtuioiic,  Né  cordo- 
^Mm»  ahnù  UmettUxioue  Vi  commova,  poi 
U><a  MI  decedè. 

:  DECEMBRE.  Diremh-e.  C.  V.  7.  SS. 
Sqili  amM  di  CriUu  \ì%ì.  addi  4S  di  decera- 
he.  i'<<<-.  /'>'/.  /m^.  />iui>.  SO.Feee  aiirlie  or- 
tawiniir  di  deccmbre  di  XII  preli.  Car.  leti. 
1  W.  Di  Parma  al  li  XXVUI  di  decembre. 

:  DECEMVIRO.  Vm  dei  .dieci  magi- 
ttreli,  cke  fnrwta  creali  dalla  repubblica 
Kamama  per  compilare  un  codice  di  leggi. 
liL  deeemnri.  gr.  M  ^ix«c  Spxnnit.  Tac. 
Dar,  feti.  416.  Forse  è  meglio  dir  de'  De- 
eemteirif  e  i  noesi  eosi  proprii,  corno  de' ter- 
■Mt  Uaciarc  ae  lor  termini.  •X  Atbam, Bocc. 
Ocmm./am,  IS3.  Avvenne  per  isciagura  di  Vir- 
peia,  cW  Appio  Claudio  decemviro,  ec.  s*  iu- 
eò  ù  della  bellena  di  quella,  ch*egli  mo- 


DECENNALE.  Jdd,  DI  dieci  ami,  Decen- 
me.  laL  decamnis,  decenualis.  (gr.  ^cxflur^f.] 
Segr.  fior.  Oee*nit.lil.  Decenamie,  cioè  com- 
pnsdì»  delle  «ose  Calte  in  dieci  anni  in  Italia, 
dt  Nweolò,  Mecliiavelli  [tpii  iti /orsa  di  tu-^ 

OECÈNNABIO.  ^dd.  Dt  ditti.  Ul.  deun- 
rmt.  S.  jé^ott.  C.  D.  Li  légge  è  prciItcaU  nel 
wmm*t9_À9ztm%tmno, 

DECENNE,  y.  L.  eédd.  Di  ditci  anni.  Ut. 
4etéattit.  gr.  ^cxÌtih*  •  "  Dani.  Pttrg.  33. 
TmIs  <n«  gli  ucviii  mìei  fisti,  e  aUeuti  A  di- 
énmtnt  U  dereune  iele  ».  ^ 

•:  DCCCMNIO.  Sttti.Spmtio  di  dieci  «n* 
u  U.  deeemMimm.  Ctis.  tett.  .Sor.  956.  Se  lo 
IMI  pei 
.  V.  I 

•  OeCCNNIO.  jédd.  Decènne.  Jtoe». 
baf*  r  asaetko  decennio  di  Troie. 

DECENTE.  [^dd.\  Che  he  in  ài  decsusa. 
U  dtrems.  gr.  itfiixov.  SggHer.  Pred.  S.  6.  Nel 
■wr»  bbn>  de'  Giudici  si  racconla,  come  v'e- 
t»  ni  certo  ««mio  nobile,  dello  Mio*  il  quale 
MoidoCibbriceto  Ìo  tua  «illa  oa  picciolo  tein* 
pò  Wlle,  divolo,  decente,  vi  areva  insieme 
p*  ■etcdole  raccolto  nn  Levita  ebreo. 

•  $  I.  Per  Preporsiouato,  DicevoltyCompe- 
l«rfe,  CwvffW».  Bocc.  Jmei.  [15.1  Pcrre- 
Msew  a  mxk  bellissuno  prato  di  gnudeue  de- 
eMe  a  quel  gixrdioo.  Set».  Prev.  434.  Forte, 
*  ylili  congiogntmeato  di  morte  ;  ma  non 
t  4ecfU  ilU  nostri  grandezia. 

•;  S  ^*  Decemie,  ti  dice  singoiarateHle 
A  0«  dke  i  cemforme  al  midert, 

VBCIMTEHENTE.  y^w^r/^.  Con  decemn. 
liL  éaeemter.  gs.  n^Mitém^i ,  cuir^cffAi. 
^•/(T.  JU#.  Aoeioccbe  io  poaai  qaeslo  decen*- 
***cHle,  ed  •ccouciancule  com|iiere,  io  cliìa- 
— »  té  additando  ce. 


elideste    tanto  daJU  fortumi 

fneMltcvet  a  V.  S.  od  decennio. 

_  j^^^ 


DECENZA, [e  ffNr/r.DECENZIA.]  Deco* 
ro ,  Convenienza,  \ehe  $i  tUve  osservare 
aitante  mi  luogo,  o  mi  tempo,  o  mite  persone*] 
lat  éecor,  deeorum,  gr.  cuff^tirWflt.  Segner, 
Pred.  S.  é.  Non  vi  vergognile  di  stare  ai  ve- 
spri colla  dovuta  dfceiiai ,  di  licere  mentre 
altri  ciarUf  di  orare  mentre  illri  ride.  *  Bocc. 
Com.  Dani.  I.  S03.  Ma  come  possiem  noi 
credere  che  il  pennello,  e  lo  icarpello  possa- 
no efligiire  la  letiiia  degli  ocelli  ec.  la  aecen- 
BÌa  delle  parole,  e  la  qualità  degli  alti  t  Sai- 
viu.  Annota  Mur.  3.  151.  O  cameretta  che 
già  fusti  porto,  disse  il  Petrarca.  Se  in  oggi 
uno  il  dicesse,  peccherebbe  contro  U  decen* 
xa.  E  Disc.  1.  7.  A  bandirlo  (il  Tabacco)  Òm 
quegli  per  la  richiesta  deceusi ,  e  moodexsa , 
ci  abbts«^uò  1'  adorata  autoriUi  di^li  oracoli 
del  Vaticano. 

•:  S  Decanta,  si  dice  particolarmente  del- 
la ConvenieuMm  Ih  ciò  che  ha  riguardò  ml 
pudore. 

DECERE,  r.  L.  Convenire.  Ut.  decere.%t. 
Ttpknt^.  Fr. lac.  Tod.  9. 33. 1 1 .-Non  dece  spa- 
da a  femmina.  Né  ad  uomo  il  filare.  *  Frane, 
Barò.  SO.  II.  Dicesse  cosa,  che  non  decesse. 

VDECERNERE.  K  L.  Decretare.  Lemm. 
Testam.  63,  E  la  detta  eredità  per  loro  ac- 
cellata  provegghino,  ordinino,  fermitto,  decer- 
nano, costituiscano  per  ttstntu,  e  ordltiimenlo. 

•  decessione.  U  dipartirsi  delta  vita. 
L'atto  del  morire.  S.  4gost.  C.  D.  5.  li.  Li 
deeeseione  delti  raonenti,  e  sncressione  di 
quelli,  che  avevano  a  morire. 

;  DECESSORE.  r.  L.  Coliche  si  ritira 
da  un  itffisio  consegnandolo  al  suo  sueces* 
sore.  F'arch.  Les.  Dant.  3.  67.  Per  le  quali 
cose  fu  a  me  ec.  cotale  uffiaio  commesso,  uou 
gii  come  a  colui  che  ciò  o  meglio  degli  altri 
sapesse,  o  più  agevolmet^lc  fare  il  potesse,  ma 
solo  come  •  quegli  che  meno  eri  per  fuggirlo 
e  ricusarlo  degli  altri,  si'per  essere  slato  «e-, 
e  sl.per  essere  ancora,  come  al  vecchio  con- 
solo decesswe  non  solo  amico ,  ma  parente, 
così  al  nuovo  successore  non  pure  amico,  ma 
aulichissimo  e  cordialissimo  amiro. 

•  DECETTO.  K  Lo  Ingannato,  lat.  </•- 
ceptns.  Cavale.  Stoltis.  389.  Non  sau  quei, 
che  di  sé  soD  sì  decellt,  Le  'nfermilà  degli  al* 
tri  sopportare. 

:  UECETTORIO.  Add.  F.  L.  Jnganne^ 
tvle.  S.  4gos9L  C.  D.  %.  33.  Queste  cose  vane, 
decellorie,  periculosv,  e  sacrileghe,  Ermes  Egi- 
sio,  perchè  prevedeva  il  tempo  futuro,  nel 
qttale  sarebbono  tolte,  se  ne  doleva. 

DECEVOLE.  Add.  Dicevole,  Clte  couvie- 
H3,  Ole  sta  bene.  Ux.deceusj  tonveuiens.  gr. 
Itpin^v,  Bofc.  nov.  31.  li.  Ed  or  volesse  Id- 
dio, che  ec.  avessi  preso  nomo  ,  che  alla  tua 
Dobilti  derevole  fosse  stalo. 

DECEVOUSSIMO.  Superi,  di  Dectvole. 
laL  decentissimus.  gr.  tUttpsnknotxoe.  Fr. 
Giord.  Pred,  R.  Cominciò  con  parole  dece- 
volissime  a  trattare  con  luì. 

«  DECEZIONE.  Ingannamento.  Ist.  dece- 
ptio.  gr.  «TOtnj.  Vii.  SS.  Pad.  I.  457.  Non  è 
da  credere  altro,  se  non  che  ec.  a  deceiione 
de'  raooici  fosse  apparecchiato.  *t  Canig.  Rist. 
04.  L' illru  s' acquatta  con  decenone  Tra  due 
che  si  congiungono,  e  che  sieno  Prossimi  in 
alcun  grado  di  ragione.  Galil.  Op.  leti.  6. 
161.  Il  ritrovare  le  decenoui  e  fallacie  di  uuo 
strumento  o  altro  artificio  appartieue,  ed  è  ft- 
rolltk  propria  di  chi  sia  intendente.  • 

•  S  Per  Errore.  S.  Agost.  CD.  *.  96. 
Questo  fecero  non  per  omaoa  decesìone,  ma 
per  divina  inspirakìone. 

DEGHINAHENTO.  Diclitnamenlo,  lat  in- 
clinatio,  dwclinniio.  gr.  lxxAl«t(.  * 

DECHINANTE.  Dichinante.  laL  declinmns. 
gr.  txxXtvfttv.  «:  Gali.  Sagg.  31.  Sin  qui  veu- 
giino  esclusi  due  de*  proposti  modi  ;  ci  resta 
l'altro  eccentrico  col  centro  decbìnaote  e  destra 
o  a  sinistra  della*linea  D.  C. 

DECHINARE.  Dichinare.  lat.  declinare. 
Cr.  IO.  15.  I.  E  queste  cotali  (agitgiie  )  de- 
cUinano  a  ignubilitì,  e  natura  di  nibbi.  *  Tmss. 
Ger.  13.  5.  Girò  tre  volte  airorìente  il  volto. 
Tre  volte  ai  regni  ove  dechina  Ìl  Sole. 

•  51.  E nenfr. pass.  *i  Senna M^rcad.pros. 
9.  Indi  veggendo,  che  il  Sole  era  per  dechinar- 
si verso  l'uccidente  ec.,  cominciammo  con  lento 
passo  a  movere  soavemente  i  mansueti  grt^gi*** 


^  S  t.  *£  per  Avvilirsi.  Lab,  3)6.  Avendo 
riguardo  a  quello,  a  che  1'  •uima  tua  t'era  do* 

cbioatk. 

*  S  3-  -^'r*  Inchinare,  Cmr.Bn.  9.  3M.  EgU 
morei^  Giacque  rovescio,  e  decfaìuò  la  leiU 
Parte  air  omero  destro,  e  parie  al  manco. 

*  S  4.  Per  Abbassare,  Posare  a  terra.Cmr, 
Eh.  49.  398.  Chi  di  qua,  chi  di  U  preso  il 

suo  loco.  Piantar  le  lance,  edechitiàr  gli  «cadi. 
DECIIINATO.  Addo  dm  Deckinare  ;  Di- 
chinato. 

*  DECHINAZIONE./>«cAie«in«Nfo.UUiic/i- 
natio.  gr.  Iitxl(9i(.  Gal.  Smgg.  335.  Sdibene 
al  moto  della  terra  ne  conseguita  rai^areule 
dechinatione  del  Sole  ec.,  tuttavia  nello speaio 
di  40  giorni  ec.  tal  dechinaxioue  uon  importò 
piò  di  gr.  3,  ec. 

;  DECUINO.  Dechinamento.  Bari.  VoDt, 
punt.  I.  pag.  133.  Noi  veggiam  tutto  dì  delle 
certa  iucaslelUte  di  Seno;  una  macdÙBe  anisn* 
rata  cheec.  a  ogui  poca  disaggoaglìaon  di  linda 
acconsente  al  dechiuo,  e  parche  die  alla  benda 
e  stramasaì. 

^  DEClbERE.rr.  L.\  Taglimrt,  Troncare; 
[e  dicesi  cosi  nel  proprio, c^ne  nelj!gurmtéÌ\ 
lai.  decidere,  amputare,  gr  àltwinriiv.  Beec. 
Leti.  Pili.  R  ose,  979.  Ed  a  quello  è  vicin«,U 
morte,  la  quale  ogni  mortale  graveixa  decide^  e 
porU  via.  G.  F.  IO.*  330.  6.  Non  si  conTeoive 
a  Papa  di  muovere  le  qui&tioni  sospette  contra 
alla  Fede  cattolica,  ma  chi  le  mosse  dendere, 
ed  estirpare. 

•  5  4.  •  Decidere,  per  Raccontare  distin- 
tamente. Dichiarare,  Pi  errare.  Palesare.  Ar, 
Fiir.  8.  90.  E  cercandone  andò  mollo  paese,  Co* 
me  ristqria  al  luogo  suo  decide. 

S  9.  Decidere  una  quistione,  una  lite,  o 
simili^  vale  Risoh-erlafO  Giudicarla,  lal./l- 
tem  dirimere,  qnnestionem  solvere,  decidere. 
[gr.  iptv  Xùttv.]  Sannas.  Arcad.  Egl.  9.  Itoil- 
lìn  potrà  nostre  question  decidere.  Dav.  Scism. 
48.  Alcuni  di  essi  dicevano,  che  questa  era  li- 
te da  decidersi  in  Roma.  ;  E  94.  Vu<rfseo  aolo, 
come  legato  de  Latere,  duvea.  decìdere  questa 
causa. 

«  S  3.  Deciderla  con  alcuno,  vale  Decide- 
re  con  esso  la  questione,  la  lite,  o  simile,  Ar, 
Fili:  96.  433.  Runier  non  vuol  cessar  finché 
deciso  Col  Re  d'Algier  non  Tablria  del  cavallo. 

•  DECIDIMENTO.  Decisione,  RisohimeU- 
to,  Dì^niiione.  lai.,  decisio,  gr.  ^iAAu«$.  Sé- 
gner.  Crist.  instr.  3.  36.  4  4.  E  poi  nou  udite 
ciò  che  vi  dice  espressamente  il  Signore  a  de- 
cidtmento  di  questa  lite. 

DECIPERARE.Z0  stesso  che'Dicifermre. 
lat.  occnllas,  seu  arbitra  ria  e  notai  explic»' 
re.  Buon.  Fter.X.Ì.  4.  Se  lettere  venisser  di 
negozii.  Voi  le  deciferale.  ;  Cmr.  lett.  ined. 
9.  57.  Non  sappiamo  ancora  i  noni  di  tutti  gli 
altri,  peftbè  duo  hanno  ancora  deciferato. 

J  5  L  Per  Dichiarare  qualsivoglia  cosa, 
nella  quale  sia  di/ficoltà  nello  intenderla, 
lat  esplicare,  m  Gal.  Dif.  Capr.  94  4.  Vedete 
dunque,  che  pur  vi  sono  dei  segreti  a  voi  re- 
conditi in  queste  misnraaioni.li  quali,  secondo 
la  mia  promessa,  vi  anderò  decifrrando  ».  lUr, 
Prop.^t.  È  permesso  talora  deciferar  di  quag- 
giù qualche  breve  passo  da  chi  solo  ac  ne  prò* 
cura  la  chiave. 

•  $  9.  Per  meta/.  «  Lib.  son,  99.  Tn  di' 
pur,  moccicon,  eh'  i'  do  di  rado:  Guarda  s'a 
questa  volta  i'ti  decìfero  »  (cioè ,  se  io  entro 
nel  tuo  pensiero^  e  lo  conoaco.) 

.  DECIFERATO.  Add.  da  Deciferare. 
lat.  exptanatiit,  ^.  i^tjyìf^ii.  Car.  lett.  9. 
307.  A  Ini  l'ho  lasciata  in  mano  letta,  riletta, 
deciferata  e  commentata  laute  volte,  che  la  io- 
tende  da  vantaggio.  - 

•  DECIFERATORE.  rerbaf.  mese.  Che 
[o  Chi]  deci/era.  lai.  iiUerpres.  gr.  cfiyynt^. 
Car.  lett.  9.  308.  Sopra  d'essa  ancora  di  nuo- 
vo feci  il  deeifcratore,  e  1  torcimanno. 

•:  DECIFERAZIONE.  L'astone  del  deci, 
ferare,  o  Voffetto  di  quest'  astone.  Gmlil. 
Op.  lett.  6.  496.  A  suo  tempo  pabbRoberò  la 
deciferaxioiie,  ed  altri  particolari. 

•  DECIFRARE.  &ncope  di  Deci/erare. 
Magai,  lett.  [se.  167.]  Sooo  un  altro  impic- 
cio a  pretender  di  decifrarne  i  misteri. 

DECIFRATO.  Add.  di  Decifrare. 
*\  %  E  in  forza  di  sust,  per  Dichiara- 
zione della   cifra.  Car,  lett,  iiied,  1.^97. 


Digitized  by 


Google 


5» 


DEC 


Cifv«  Huetàb  nou  accade  aUfo;  te  non  che  si 
sono  «vale  tulle  le  vostre,  e  i  decifrali  coii 
CMC.  E  330.  Ho  fatto  del  dcrifralo  dct  Ceoe- 
da  quel  che  m'  avete  iaipoUo. 

I>EC1MA.  Ihixio,  o  aggravio  imposi»  so- 
pra beni,  t  rendita ,  che  da  priucipn  àm- 
pùrt4*>a  Ila  decima  parte.  laL  decttma,  mae, 
decimai,  arttm.gr.  tf««r»j,  rfexK»/*^?.  Gr.S. 
Gir.  i7.  GIÙ  vorrà  aver  guiderdone  da  Dìo,  e 
vorrà,  ch'e'gU  perdoni  li  suoi  peccali,  renda 
decima  di  tutte  le  sue  coso.  Pass.  318.  Iddio 
ordinò  che  fowe  loro  provveduto  delle  decime, 
e  delle  prìmìsìe  •  delle  offerU.G.  ^^.9.331.1. 
Tolse  a'colleUori  dct  Papa,  ohe  loriiavauo  dì 
Spagna ,  iutU  i  danari  ricolti  di  decime ,  e  di 
Mweiniooi.  *  iustr.  Cane.  39.  E  <|uesta.fu 
detta  dedmiua,  a  diScreiiaa  della  dearaa  mag- 
giore, «he  pagane  al  pubblico  i  padroni. 
**  f^arcfi,  Stor.  13.  498.  E  per  e^wr  quello 
che  si  pagava  dieci  per  centinaio  di  quel  che 
rendeva  l'anno  d'eatrata  le  sosUoxe  loro,  que- 
sta gravosa  fu  chiamala  la  decima. 

*;5  Decima  scalata,  %'ale  T'ossa  propor- 
zionmie,  eioit  ripartita  in  ragione  delta  rett- 
dita  di  ciascuna.  Guicc*Dec.  1.  Fu  posta  in 
Fireaxe  iin'impoMsioue  che  sì  chiainò  la  de- 
cìdui scalata;  la  quale  era  che  chi  aveva  cin- 
que ducati  o  meno  di  decima,  pdgaise  una  de- 
cima; chi  aveva  dieci  dncbii  dì  decima,  pagas- 
se una  decìikia  e  uu  quarto  ec.;  e  così  succesn- 
vanewte. 

DECIMALE,  .^dtl.  ita  Decima.  Borgh. 
Vesc.  Fior,  5S3.  Ci  era,  olire  a  questo ,  lo 
staio  decimale,  eou  un  altro,  che  e'dicevano 
fillereccio. 

*  %  Ja.  Matentatica  Fraxioiie  decimale  di' 
cesi  Quatta  che  è  composta  di  decime,  di 
ctniesìmefdi  mitlesimeec. unità .  EdAtitme- 
tica  o  Cilcolo  decimale,  il  calcolo  di  tali  fra' 
xioni. 

DECIMARE.  Metter  la  decima  sopra  i 
tieni,  iti.  decimare,  decimas  imponere.  gr. 
^cx«ngy,  Ìwrr<iA*c-/. 

%  I.  Usasi  anche  talora  per  Hiscnoter  la 
decima.  Pigliar  la  decima,  lat.  decimas  col' 
ttgere.  Mar.  S.  Greg.  Guai  a  voi.  Scribi,  e 
Farisei  ipocriti,  che  decimate  la  menta,  e  l'aite* 
lo,  e  *1  ciinioo,  e  lasciate  ec 

S  S.  Decimare  ,  dicet*ano  i  Romani  del 
Punire  i  soldati  [cadttti  in  gravissima  col~ 
pa  o  di  fuga,  o  di  tradimento,  o  di  sedi- 
sioneltcon  uccÌdemed*ogni  dieci  uno,  [efor- 
snndoli  tutti  a  tirare  a  sorte,]  lat.  decima- 
re.  gr.  ^«xaroOv.  Segr.  fior.  Disc.  3.  49.  Ha 
di  tutte  l'altre  reduzìoni  era  terrìbile  il  deci- 
mare gli  eserciti ,  dove  a  sorte  ila.  lutto,  uno 
esercito  era  morto  d'ogni  dieci  uito  ;  uè  ù  po- 
teva, a  gastigare  una  molliludine,  trovare  più 
spaventevole  punizioue  di  questa. 

5  3.  Decimare,  per  similil.  vale  Leoar 
paria  di  checihè  sia.  Car.  lelt.  S.  407.  Dti- 
bitando ,  che  ì  libri  tutti  fussino  and;iti  in  si- 
Uro,  cane  fono  in  parte,  eswndo  stati  decima- 
ti, secondoclie  avete  iulcso. 

«2  DECIMARE.  Da  Orna,  vale  Capare 
ia  cima  ,  Spuntare  ,  Svettare.  Soder.  Cult, 
Ori.  101.  Nate  folte  {la  carote)  s'batftio  a  di- 
radare e  sapparle  si,  che  impedisca  il  far  le  lor 
foglie,  le  quali  ancora  cun  mano  decimaudusi 
faranno  le  barbe  più  groise. 

«:  DECIMARIO.  Libro  dove  sono  descritti 
tu  nome  del  respe/tivo  possessore  tutti  i  be- 
ta di  un  comunej  o  d'uH  territorio  col  toro 
vaiare,  sul  quale  si  ripartisce  la  decima, 

l  DECIMILA.  Quella  tossa,  che  pagava^ 
no  all'erario  pubblico  i  contadini  mexsatMO' 
ti,  instr.  Cane.  39.  Fu  detcrminato  che  nel 
contado  di  Fìrenxe  a  ciascun  capo  di  beni,  e 
petto  dì  terra,  tiluato  dentro  ai  cou6ni  di  detto 
contado  ai  assonasse,  e  tauasse  certa  valuta- 
tiene,  o  slìaw  della  porsione  atletiente  al  la- 
voratore, e  questa  fu  dHita  decimina  ,  a  dìffè* 
renia  dèlia  decima  auggiore,  che  pagano  al 
pubblico  ì  padroui. 

DECIHlrlO.  Lo  stesse  che  Diacimino'.  lat. 
diacjrminon.  gr.  SiKXUfiisov.  Cr.  0.  74.  3.  I 
fleatmatìcì  preodono  ossimele,  geogiovo  coadi- 
to, o  solamente  gengìovo,  e  dedmioo,  e  beouo 
vin  puro. 

$  Decimino,  chiamasi  anche  il  Libro  dove 
è  scritta  la  decimale  imposta  del  contado. 

DECIMO.  •SM4^  La  dacima  parte.  La  de- 


DEC 

cima.Xai,  decHsna.gf.  itxkrn-  intrad.  t^irt. 
[93.]  Rtcogliére  il  decino  di  lutti  i  Cristiani, 
e  dì  fare  awtlo  nanlio,  e  grande  aptmrecchia- 
mento.  Cron.  Moreil.  319.  Perchè  e'  si  porlo 
lealmente,  che  di  cosa  s'  acquisUsse,  mai  vol- 
te o  decimo,  o  nulla.  Frane.  Sacch.  Op.  div. 
97.  Il  prìaao  nella  legge  di  natura,  che  si  dava 
il  decimo  d*  ogni  cosa  a  Dio.  Dmv.  Hon.  HS. 
Non  sì  ripone  un  fiohlio  intero,  ma  sette  decimi. 

DECIMO.  Jdd,  yome  numerale  ordina- 
tivo,  che  comprenda  dieci  unità,  lat.  deci' 
mas.  gr.  Jéx«T0{.  Peir.  cans.  9.  4.  Cb'  io 
suo  già,  pur  crescendo  in  questa  voglia.  Ben 
presso  al  decifro  anno.  Pass.  173.  La  decima 
condìjtione,  che  dee  aver  la  confessìonei,  si  i 
verecundia.  Cas.  leti.  69.  Egli  e  maggior  fa- 
tica a  guadagnare  il  primo  migliaio  ,  che  poi 
col  primo  il  decimo,  ed  il  vigesimo. 

S  I .  Decimo  ,  per  i sciocco  ,  Scimunito  , 
Scemo,  hit  ins'dsus,  insipidus,  gr.  «va/ e5i|- 
T0$.  Lab.  239. Erano  di  euer  chiamate  savie,  e 
tutte  l'altre  decime,  e  mocciote.  Cecch.  Esatt. 
cr.  3.  4.  Vanrte,  decimo  ;  I  cittadini  nascono 
qnìncenlro  ? 

S  9.  Decimo,  dicono  la  nostre  donna  un 
Fanciidlino  scriato  e  poco  vegnente. 

*:  DECIMONE.  Jccrescitivo  ili  Decime, 
net  siguif.  ili  Sciocco.  Bern.  Catr.  160.  Oh 
tu  mi  tien  di  questi  docimonì  !  Io  no»  soo  reo, 
bench'io  ti  paia  sciocco. 

DECIMONONO.  ?(ome  numerale,  com" 
prewteute  hhio  mena  di  due  decine,  laL  un- 
devicesimus.  gr.  iwiaxflurfi«aTO«.  F'arch. 
tìiuec.  Pitt.  L^  piramide  perfHta  de'  pari  se- 
guala 91,  la  quale  sì  tigne  di  color  rosso,  sì 
Cne  nel  derimonono.  *  Cavale.  Stolti».  23l< 
decimanoiia  rtollitia  è  di  quelli  che  ec. 

OEGIMOPRIMO.  yome  uumerata ,  com^ 
prendente  uno  oltre  Ja  decina.  lat.  uudeci' 
mus.  gr.  iv^iintTO^. 

DECIMOQUARTO.  Nome  numerate,  che 
comprenda  quattro  oltre  la  decina,  lat.  de- 
cimusqi$artus.gr.  T€99%p€int9uii»Btr0i.  Red. 
Ins.  37.  Plinio  ec,  contraddicendo  a  se  me- 
desimo nel  capitolo  decimuquarto  del  ventune- 
simo Hbro,  scrìsse  ec. 

DECIMOQUINTO..Arome  mimerate,  com- 
prendente cinque  oltre  la  decina,  lat.  deci- 
musfftiintns.  gr.  Trevrrxat^ixaTes.  Reti.  Ins. 
zi.  Non  mancarono  molt'altri  poeti  e  tra'  Gre- 
ci, e  tra'  Latini,  che  accennass^o  q«cslo  na- 
scimento dell'api,  e  particolarmenle  ec  Ovi- 
dio nel  dcctiDoquinlo  delle  Traafotmasìoni, 

DECI.MOSECONDO.  nome  numerate,  che 
comprende  due  sopra  la  decina*  lat.  duode- 
cimus,  gr.  ^uoxflu^lxflcre;. 

decimosesto,  yome  mtmerale ,  com- 
prendente sei  oltre  la  decina,  lat.  ttecimns^ 
sexius.  gr.  k^xou^ixavoq.  Red.  Ins.  [SS.  Il 
che  vicn  ruufermalo  da  Elìano  ec]  nel  capi- 
tolo decìmoaesto  del  libro  quioto. 

DECIMOSETTIMO.  iVome  mtmerale,  com- 
prendente strlte  oltre  la  decina,  lai.  deci* 
musseptimus.  gr.  éTCTOucsu^ixecTec.  Gr,  S. 
Gir.  17,  ///.  Dedraoscltimo  grado,  capitolo  de- 
cimosettimo. 

DECIMOTERZO.  Noma  numerate,  com- 
prendente tra  oltre  la  decina. \*t.  decimuS' 
tertius.  gr.  rpt9XOuèix.«T0i.  Gr.  S.  Gir.  13. 
///.  Decìmotcrao  grado,  capìtolo  decimoteno. 
Rad.  Cons.  1.  303.A  dìrìlturadella  tersa  ver- 
tebra lombare  Ira  il  ihhio  ,  e  il  decimoteno 
muscolo.» 

DBCIMOTTAVO,  e  DEHMO  OTTAVO. 
Nome  numerate,  comprendente  ottosopra  la 
decina.  laL  duodevieesimus.  gr.  ^xTOwtaci^i- 
xacro;.  Gr.  S.  Gir.  16.  tit.  Decìmottavo  grado, 
capitolo  dAimo  ottavo. 

DECINA.  Quantità  numerata,  che  arriva 
alta  somma  di  diari,  lai.  decas.  gr.  ^CXflCj. 
G.  y.  5.  39.  8.  E  ordini.3li  a  decine,  e  cen- 
tinaia, e  migliaia,  con  capitani  acconci  a  cobb- 
batterr.  Dant.  Inf.  21.  E  Barbarìccia  guidi  la 
decina.  i9«r^*A.  ÌAon,  149.  Motte  decine,  e 
ventine  d'  anni  passarono  ìanansi  che  potesse- 
ro ripigliare  le  perdute  forse. 

«:  DECIPIENTE.  V,  L.  Che  inganna.  S. 
Jgosl.  CD.  SI.  5.  Crediamo  a  lui  predicente, 
il  qoal  non  possiamo  credere  Ìm|Mileate  ne 
deri  piente. 

DECIPUI^.  y.  L.  Piedica.  U.  deciputa. 
gr.  7C0C/(«.  Hcr,  S.  Greg.  14.  6.  La  trappo- 


DEC 

la  si  chiama  tu  latino  ttecipnfp  ,  che  lanUi  « 
a  dire,  quanto  co^a  ingamtevote.  E  appretta! 
I«a  decipula,  ovvero  la  piedica,  eh*  boa  i  d- 
tro  a  dire  che  il  lardunlo,  si  poue  in  lai  nodo, 
che  r  uccello,  ovvero  la  besUa,  che  pana  «tu 
vede  se  noa  V  esca. 

DECISIONE.  Determinazione  y  ihWW- 
mettto.  lat.  decisia.  gr.  iiàhtni.  Jmel.  M. 

Peusata  nuova  maniera  adeàsione  della  pre- 
sente quislioue.    ]  Segner,  Imered.  1  SS.  S. 

Dodici  sono  le  venta  principali  ce.  l'iafalU- 
bilità  delle  sue  decisioni,  de' suoi  decreti  ec. 

'♦•  S  Per  Particella  tagliata  e  tsperet^ 
dal  corpo  ;  Storno.  Sega.  Jaim,  S.  U.  E 
questa  ngion  medesima  sì  può  dare  centri  chi 
ponesse,  come  DemocrìtOt  che  il  luaic  fotte 
certe  piccole  dccisiOBÌ,  che  si  spiccaisino  ^' 
corpi  lucidi  ;  perchè  ancor  esse  piccole  d»- 
sioni  sarfbbon  corpi. 

•  DECISISSIMO.  Superi,  di  Decita,  bt. 
omnitio  decisus.  Segner.  Crisi,  instr.  3.  Vi. 
9.  Un  tal  {losiesso,  se  è  controverso  ore  si 
tratta  di  roba,  è  decisissima  ove  sì  tntllt  dct- 
1*  anima. 

DECISIVAMENTE.  Avveri».  Con  tttcisi*- 
ne  ,  Francamente,  lai.  *  decisive.  7ÀhslÀ. 
jéndr.  Como  di  grande  autorità,  e  aunehl- 
to  ■  proferire  la  sua    leiiteiisa  deettitaBiailc. 

DECISIVO.  Jdd.  Che  decida,  lat  'dwi- 
stvus. 

DECISO,  jidd.  da  Decidere.  Cas.  iett. 
75,  Voi  averete  nella  Politica  d' Anitolilc  la 
vostra  questione  decisa  per  i  suoi  prìaòpii. 

*  S  *•  Sper  Staccato  ,  Attontentts,  /ti- 
mosso,  te  Dant.  Purg.  47.  [E  perchè  iwlea- 
der  nou  sì  può  diviso,  Né  per  sé  stante  alma 
esser  dal  primo,]  Da  quello  odiare  ogai  affirt- 
to  è  deciso  I*. 

•  ;  $4.  E  per  Caduto  giù,  Discese,  dd 
Ul.  decidere.  «  Dant.  Par.  4.  Dice  che  l'al- 
ma alla  sua  stella  riede.  Credendo  qne)lti|vi»> 
di  esser  decisa  [Quando  natura  per  form  li 
diede.] 

:  DECISORE.  Colui  che  decide.  Seg»tr. 
Crift.  instr,  1.  15.  6.  Il  padre  con  do»»  li 
figliuola  dinausi  al  Vescovo  S.  Aniolftì .  e  ta 
elesse  per  decisore.  Patta*'.  Stor.  Comc  *• 
357.  Che  se  con  ciò  si  polesser  dìfinir  le  ««• 
troversie,  non  converrebbe  nelle  Repebblid»* 
statuir  altro  Decisore  che  la  legge. 

DECLAMARE.  K.  L.  [*  Prenuasiart,n«- 
citare  ad  alta  voce  a  con  tuono  e  girotta- 
venienti  a  ciò  che  si  recita.]  lat.  deci*'»'"*' 
gr.  pyìTOpsvuv.  *  Kit.  Pitt.  51.  Bella  oecs- 
sione  diede  questo  accidente  ^li  oratori  di 
mostrar,  declamando,  la  lor  facondia. 

*;  5  Declamare,  sì  pidia  anche  psr  In- 
veire. Magai,  teff.  At.  97.  Tanl*  altri  (jnrii- 
sinii  e  santissimi  uomiui,  che  hanno  dcdiM- 
to  contro  l'idolatria. 

DECLAMATORE.  F.  L.  Che  \o  C3»t\  à«- 
elama  ,  Àrringatore.  lat.  de^amator.  jr. 
>oyoTrotd$.  Buon.  Fior.  3.  4.  II.  Sicché  a' 
propriì  pensier  declamatori  Porg^  roreechie 
acute  non  s' invogli  f(/M«">f(f«rn/.]  •  Vit.Pit*' 
77.  Dubita  se  l' accideule  sìa  vero,  o  Snioper 
eserciaio  dei  declamatori. 

*  DECLAMATORIO,  >rf</rf..^/»;HTr/<«"'(f 
a  dectamatione  ,  Conveniente  a  ehi  deci*- 
mia.  lat.  dectamaforius.  gr.  ptXrmrtxii-  ^'' 
vin.  Disc.  3.  148.  Dìceai  ancora  che  Dw- 
stene  Platoite  udisse  ;  e  degli  altri,  oaeglicbe 
non  al  puro  stile  declamatorio  e  scolastico  il- 
tcsero  ce  ,  più  degli  altri  nel  dire  si  «egmti- 
roao.  E  430.  Ma  dove  la  vaga  forca  dello  tfilc 
declamatorio  di  Seneca  m' ha  portate  ec  ?  «t  £ 
Pros.  Tose.  86.  Non'  vollero  che  qneiU,  fa 
tutto  r  universo  rinomata  Accademia,  Scoelt 
semplice  fosse  di  scolastici,  e  dì  derlamalwuir* 
gomenti. 

1  DECLAMAZIONE.//  declamare ,  [ta 
Maniera,  o  t  Arte  del  declamare^  lai.  <?«* 
damatio.  gr.  fWKnUoL. 

*S  $  Declamasione,  si  piglia  anche,  aias-^ 
sima  parlando  degli  antichi  retori,  pe^  «»' 
Oratione  o  Discorso  tenuto  per  esercisio. 
MCas.lelt.1S.  Ansie  necessario,  se  voi  votele 
che  questa  vostra  csercitaiione  sia  declamasio- 
ne, e  non  dìsputa,  che  voi  vestiate  quelle  ra- 
gioni [di  belle  parole,  e  di  lai^hì  ragioutncoti, 
ed  ornati.] 

DECLARATORIO.  Add.  Che  dichiara, 


Digitized  by 


Google 


UIC 

Ckt  ftUu,  Ci*  fa  lui»  ,  tétto  a  Hichin- 
rtn.  U.  ùcltruuU  rim  habens.  gr.  ^iw- 
Tuii.  dùce.  S»r.  19. 119.  Fece  Mgretisù- 
■■Bi4f  BM  boUi  decreUte,  declaratoria,  ch« 
if  MjriiwmiB  &UM  iuvalido. 
.  dCCUXABILE  jldi.JU<t  ad  eistn  dt- 


.{  I.  ttr  MHtmhilt.  Bo*s.  US.  Coti  l« 
mt  «ttUuBMU  fi  gof eruauo ,  se  la  templi- 
eàà  Mie  nfioai,  fcima  nella  meote  divina, 
irfat  aaf  dadiaaliile  tpieKhi. 

;  5  1  Stmtl»»  ttrmine grmmmaticaU  ,  9d 
4ffg.  di  mtmff,  eh*  ««*  tuoi  casi  i  susc*itit'0 
itdutrtedrti»ia*.Ott.Com.  Par.  19.  SM. 
Ume(Dm*ltUo)  tono  le  declioaxioni  dalla 
foù  dediiuiilì  della  oraioue ,  e  tratuvisi 
MleiMi  iadeclioabili.  •  Salr.  Awtrl.i.  1. 
IT.  Ibai  dH  talora  tou  declinabili,  e  talor 

OBCUSUIESTO.  //  declinar*.,  lat.  in- 
ciiaalie,  JaoAaui.  gr.  /-/xlinf.  fi/.  Wu/. 
Q«ad>  c|ii  fa  al  dècliuamento  del  di,  egli 
aA'.eWia^ael l'ora  era  pretto  al  cattalU). 
lA  or.  m*laU.  Quetu  medicina  li  pigli 
td  UùmmMo  della  febbre. 

.  DEOLNANTE.  Cka  diclina.  laL  p*rg*nt. 
f.  ixtiìhm.  Salvia.  Dite.  S.  S9.  CoiT  me, 
deva  la  dadioanle  eU,  spogliata  del  gio- 
iMlepnBMT  Tìgore  «e.  un  tecto  desio  pu- 
pa, K.  (mu  atetafor.) 

DECUS.1RE.  MUiat sarti.  Calare,  lai. 
JnlUtrt,  td  ùccatian  lendere.lp.  xAt'yun.] 
Dui.  far.  31.  E  come  da  nuuiua  La  patte 
muA  thll'oriasonte  So'erchia  quella,  dare 
dMdedtaa.  :  Car,  Eh.  3.  801.  Già  decli- 
■aaU  iole t  e  cretcean  l'ombre  De' monti 

■;  S  t.Emela/oHcam.  S.  Jgoil.  CD.  tS. 
ÌX  11  declinando  alla  cose  vili  e  basse  ,  ti 
f^Mnaò  oomìnr  per  nome  della  natura ,  e 
>aa  della  giaaia. 

^  5  S.  ^r  Piegar*.  Ut.  Jeelitiare,vergere. 
(p.  rmùttn.]  Segg.nat.  *tp.  (84.  Il  primo, 
Btfla  dibuaioM  acquistala  per  iiuuppamento 
dtlTaaida,  cooaeni  perfetltuima  la  6gura 
ainlat;  l' dtre  declinò  ad  elitse. 

•51 S metoforicamtale  diceti  del  Tra- 
fatte  del  tempo,  *  di  chi  dall'  *tà  virile 
ww  a  ncclùetta.  m  Tet.  Br.  i.  43.  E  cosi 
dttWa  il  tempo  Terso  lo  Ireddo ,  come  nel 
■kiDwno'l  nido.  Jmet.  8t.  Alla  gravo 
■VR^maa  saaaa  figliuoli  declinava  curreudu  m. 

•  1  4.  Per  Evi/ere,  Scaatare.  Beaib.  lell. 
frrW]  I.  ['JCl.yNoo  si  può  meglio  Tare, 
(k  Kauue,  e  declinare  le  furie  de'  mali  pia- 
■ti.  Teti.  Ger.  9.  49.  L' intrepido  Soldan , 
Atii  ten  assalto  Sente*  venir,  noi  fugge,  a  ai 
ifdiat.  Sottra.  Dite.  *.  173.  [E  quando  ec] 
oM  Una  la  redini  [della  ragione  in  mano 
•Vt/kto.]  declinando  generosamente  i  baci, 
l<  aaae  [ec  ;  non  Tue  gli  grandissimo,  forte.] 
•:  Cerelt.  Pàngil.  164,  È  meglio  e  più  senno 
k  <a|iane  e  le  villanie,  fuggendo,  declinare  e 
tATe,  cW  rìfpondeodo  vincere.  Fr.  lae.  Tod. 
1 1*.  T.  Dà  il  dono  a  cbi  '1  ta  naare,  E  con 
lu  raal  gnad^nare.  Né  vuol  bene  declinare 
fB  fttan  a  Dio  aervire. 

•:  $  S.  DeclìHcre,  vale  anche  Scadere,  Ve- 
■<7 elhttu.Seitr.  Fior.  Dite.  4 .  19.  Il  che  al- 
m*  atsB  la  nobilti,  parendogli  cbe  la  maestì 
ddriaifCTO fette  del  tutlodecliuata.J/ane.O;». 
X)-  U  ^ale  (provincia)  temuta  in  guerra,  « 
*<ll«  sfti  della  pacn  venerata,  se  poi  a  poco  8 
^  dediaó  da  quel  sublime  suo  grado,  ciò 
■  ansuae  ac. 

•  $*.  'Per  Piegare,  Torcerti  per  anda- 
«  «ara»  jnalthe  luogo,  lat.  diitrgere.  gr. 
n^n)<>«>.  Fu.  SS.  Pad.  i.  106.  [Guatava 
'•atOTaoJ  se  vedesse  aleno  monaslerio,  al 
imi»  poléas*  doclinare  (piegando  dalla  via 

■•«««;. 

il.  herliHrtr*,  in  tignijtc.  att.  Abbatta- 
"■  lOLdepriatar*.  gr.  «gcrantt^xv.  Filoc,  S. 
^  0  amore  ae. ,  lo  lievi  gli  animi  all'  alli^ 
^^uta,  e  costei  eli  dediaa ,  e  allì^uda  alle 
l-inS. 

'  {(-  Sper  Far  diicender* p*r  dolce  d*- 
'Imlè.  Jr.  Pur.  41. 189.  Quivi  aiuUndo  s«r- 
"1  {alenili.  Declinano  ilMarcbeie  nel  battello. 

■t  S  9.  E^fignref.  per  Dipartirti  dal  co- 
"■«daaiWou/i  altrui.  Diane.  Land.  143. 
^f  in  cnncordia  sono  i  riltadinì.  Do'  quali 
Foealtolario.—  9. 


DEC 

sola  i  una  voluutade.  Nullo  non  v'd  cbe  da 
essa  declini. 

•  l  S  tO.  Declinare, parlandoti  di  combat- 
lenti,  vale  Dare  iudietro.  Piegarti,  Cedere. 
Giticc.  Star.  9.  99.  Cominciarono  a  pigliar 
lauto  di  campo  'i  Franxesi,  che  nìuna  cosa  più 
sosteneva  gl'Italiani,  che  già  manifcslameut* 
decliuavano. 

«S  S  H.  Declinare  un  fòro,  o  timile,  diceti 
dai  legati  del  Non  valerlo  riconoscere ,  * 
aver  ricorto  ad  un  altro.  Cas.  leti.  Glialt. 
489.  Dicano  cbe  ci  è  un  loro  statuto  vecchio 
c'he  bandisce  di  terre  e  lochi  chiunche  ricorre 
al  foro  ecclesiastico,  e  declina  quello  di  lor 
Signorie. 

$19.  Decliiuir*,  è  anche  termine  gram- 
maticale, e  vale  Recitar  per  ordine  i  enti 
de'nomi,  a  I  tempi,  «  le  pertme  ec.  dei  ver- 
bi ,  benché  de* verbi  ti  dice  propriamente 
Coniugar*,  lat.  declinare,  Injleclere.  gr. 
xUvtiy.  C.  V.  i.  48.  4.  E  però  si  declina  il 
nome  di  Pisa  in  grammatica;  et  plnraliter 
naminativo  hne  Piaat,  Aimn.  ani.  II.  S.  3. 
In  gramatica  disputano  ragione  di  loica  ,  in 
dialettica  cercano  di  declinare  per  gramatica. 
Cirijff.  Calv.  1.  31.  Un  altro  bricco,  o  piut- 
tosto briccone.  Da  declinarlo  pure  in  ablativo. 

$  13.  Declinare,  ti  dice  anehadi  Chi,  at- 
tendo in  buono  tlate  di  tanità,  di  roba,  o 
timili,  comincia  a  mancante. 

•J  $  14.  Per  Scarnare,  Fenir  meno.  Ga- 
lil.  leti.  374.  Dopo  cinque  mesi  riebbi  l'udito 
quasi  cbe  interamente,  il  quale  ora,  per  l'eli 
mi  va  declinando. 

*l  S  i5.  Dtjctinare  da  nua  domanda  ,  o 
tintile,  vale  Partirti,  Rimuoverti,  o  simile 
da  quella.  tìuiec.Stor.  1.51.  Erano  in  Firense 
da  ogni  parte  esacerbati  gli  animi  ec,  non  vo- 
lendo il  re  djlle  ultime  sue  domande  declinare. 

DECLINATO.  Add.  da  Declinare.  Ab- 
battalo, Calato,  lai.  deprettnt.  [gr.  XKttt- 
VtaòptvOi.]  Guicc.  Star.  14.  686.  Giovava 
questo  medesimo  a  sostener  la  reputaaìone  de- 
clinata della  impresa. 

.  DECUNATOBIO.  Add.  Che  declina. 
lai.  declinane. 

*  %  Ago  decliualorio  ,  lo  eletto  eh*  Ago 
calamitato  ;  ceti  detto  perchè  ti  volge  ai 
poli  colta  ttt*  du*  eslreatilà,  declinando 
più  ,  o  meno  dai  medetimi  ,  cioè  deviando 
da  etti  un  eerto  mtmero  di  gradi ,  che  è 
diverto  ne'divrrti  tempi  e  luoghi.  Gal.  Siti. 
398.  Quando  altro  (accidente)  non  ai  vedeste, 
che  quello  dell'ago  decliualorio,  er. 

DECLINAZIONE.  Scemaaienlo,  Derlina- 
menlo.  lai.  declinano,  gr.  t-/*ìiati.  Lib.  enr. 
febbr.  Tutte  le  malattie,  siccome  dirono  i  6- 
sìci,  baouo  quattro  tempi  ;  cioè  prìucìpio,  cre- 
fcimento,  stato,  e  declìnaxione. 

{  ^  4.  Declinasione ,  vale  altrett  II  de- 
clinare nel  tignific.  del  §13.  Fine,  ilart. 
tett.  18.  Il  quale  ^Aenr/CWo;  egli  alfilu  ad  uno 
qui  di  Salerno,  persona  cbe  è  mercante,  e  non 
cura  te  non  di  cavarne  frutto,  e  piuttosto  va 
in  mina  e  declinasione. 

!  5  ••  Per  Scadimento,  lat.  decreaienlnm. 
Segr.  Fior.  Dite'  I.  4.  Per  /iiggire  quelle 
guerre,  che  ogni  di  per  lo  avvenimento  di  nuo- 
vi Barbari  dopo  la  declinaaioue  dello  imperia 
Romano  nascevano  in  Italia.  •;  Fat.  Op.  Fil. 
9.  479.  Quest'arte  ancoracbd  si  sia  mantenuta 
viva  inaino  a'Iempi  nostri,  è  nondimeno  piot- 
tosto  in  declinasione  che  allrìmenli. 

S  8.  Per  1'.  grammaticale,  e  vale  ti  de- 
clinare, noi  tignijtc.  del  %  19,  ta  terie  dei 
casi  ne'  nomi  ,  e  de'Iempi  e  dette  portone 
ec.  nt'verbi.  lai.  iteclinatio.  gt.  nìinf.  Dani. 
Cottv.  97.  Luce  or  di  qua,  or  di  là  ,  in  tanto, 
quanta  certi  vocaboli,  certe  declinaxioni ,  cer- 
te costruaionì  sono  in  uso,  che  già  non  furono. 
Far  eh.  Ercol.  108.  Da'gramalicì  si  chiamano 
accidenti,  come  tono  nei  nomi  le  declinaaiooì, 
e  i  generi. 

*I  S  4.  Declinazione,  è  anche  Term,  della 
Naiilica  e  detta  Geografia,  ed  ittasi  a  de- 
notare lo  Sviamento  dell'ago  magnetico  dal 
vero  punì»  sellenlrionale.  Bari,  Uiss.  Mog. 
eap.  3.  Io  quel  meridiano  l'ago  della  bussola 
msriuaresca  senaa  declinasione  imbrocca  dirit- 
lanteitle  il  polo. 

§  5.  ["'  Declinazione.  T.  astronomico.  Ab- 
baitamenlo,  Dilungamenla,  o  plutloilo  Di- 


DEC 


57 


ttanta  di  una  stella,  del  Sole,  o  mitro  pia- 
neta, dairStjuatoro  verso  l'Oriente  o  l'Oc-* 
caso,]  Lib.  Astrai.  Se  questo  volessi  sapere, 
piglia  la  decliuaiione  del  grado  dal  Sole,  e  sor- 
bala. Serd.Stor.  i.  li.  Fecero  le  ta^*ole  delle 
decliuaiioni,  delle  quali  oggi  si  servono  i  ma- 
rinari a  trovare  la  latitudine.  •  Galil.  Uem. 
teli.  I*  174.  Quella  fatcia  che  comprendale 
massime decliuaxiooi  dei  pìaneli.  •l  Marchell, 
^al.  Com.  33.  La  varietà  di  decftnasione  non 
era  osservabile,  né  aucbe  nello  spaaio  di  molti 
giorni. 

DECLINO.  F.  A.  Declinatlon*.  lat  de- 
clinano, gr.  lyKXinf,  Frane.  Sacch.  rim.  ^ 
in  declino  Febo  già  trapela. 

•  ;  S  i.  EJìgtiratam.  Buon.  Sai.  49.  Seguo 
cbe  il  mondo  va  verso  il  declino. 

•  $  9.  [iVe/  numero  del  piti,  e  parland» 
delta  luna,  vale  L*  sue  fasi  decrescenti  ; 
mindi  per  lìmilil.  disse  il\  Buon.  Pier.  4. 
tic.  Della  Fortuna  il  gonfio  pleniluni»  Di  qui- 
vi a  poco  è  villo  a'suoi  declini. 

:  DECLIVE.  Alar.  0ec/{»//à.  Ance».  Tlm. 
13.  8.  469.  Ci  vorrebbe  un  geomein  perfet- 
tissimo ec,  il  quale  avesse  saputo  con  so- 
prannatural  maestria  fabbricare,  e  situare  que- 
sti csnalì,  e  queste  vie  col  loro  debito  decli- 
ve. E  poco  appresso  :  Adunque  qoesti  movi- 
menti maravigliosi  non  hanno  l' impulso  loro 
dal  declive,  quantunque  forse  il  declive  age- 
voli loro,  ed  apra  loro  le  vie. 

DECLIVE.  F.  L.  Add.  D*tliv».  lat.  decli- 
vis.  gr.  ijrtxiivjjt.  Red.  Cons.  4.  967.  Nella 
parte  più  decliva  del  forame  ovale  la  natura  vi 
fece  nascere  una  carta  membrana.  *i  Galil. 
Sisl.  444.  Una  supnfice  che  dovesse  esser  nou 
declive  e  non  acclive,  bisognerebbe  che  in  tut- 
te le  sue  parti  fusse  egualmeuta  distanto  dal 
centro. 

DECLIVITÀ,  DECUVITADE,  e  DEOU- 
VITATE.  F.  l.  Astratto  di  Declivo,  lat. 
decliviias.  gr.  t4  xareoTtf.  Gal.  Sist.  90.  U 
molo  si  fa  sempre  più  lento,  quanto  la  decli- 
vità è  minore.  £440.  Neil' un  caso  e  oell'al- 
tru  nasce  diversità  dall'essere  la  declività  o  ac- 
clività del  piano  maggiore  o  minore. 

DECLIVO.  F.  L.  Add.  Che  declina  al- 
to 'ngit'i.  lat.  dtctivit.  gr.  ilttxh*^.  Datti, 
Par.  90.  E  quel,  che  vmIì  nell'arco  declivo, 
Giiiglielmo  fu.  Btion.  Fier.  4.  4.5.  Rapida 
IKcnue  da' declivi  colli  ec.  fero  i  loirenti  Si 
satollarsi.  •:  Boat.  4  9.  E  certi6cata  av«a  ciascu- 
na stella  decliva  per  varie  spere. 

5  J  In  fona  ai  tiul.  vai*  Lttogo  dedivo. 
Segner.  àtanu.  Ho».  90.  1.  Ma  se  In  l'avvea- 
ai  (l'acqttn)  ad  andare  per  un  declivo,  a  poco 
a  poco  si  formerà  un  precipìcio. 

DECOLLARE.  Tagliar  la  letta,  lat.  ca- 
put abtclndere,  amputare,  oblrtiticare.  gr. 
àTcexcjia/U$(iv.  Fend.  Critl.  9.  Altri  fece  de- 
collare, e  altri  lapidare,  e  altri  uccidere  a 
ghiado.  •  Segner.  Pred.  8.  7.  Quanta  igno- 
minia, supposto  ciò,  dovrà  esaere  ad  un  Erode 
aver  pubblicamente  per  giudice  quel  Ballista 
cb"  ei  decollò  ?  (fece  decollare.) 

.  DECOLLATO.  Add.  da  Decollare,  lai. 
decollaliit.  gt.  tlfOtXoT/tyidtii.  Segner.  ìlann. 
Agotl.  99.  4.  A  te  ora  sts,  so  ti  piace,  veder 
quanto  giustamente  queste  parole  si  adattino 
al  gnn  precursore  Giovanni,  oggi  decollalo. 

•  DECOLLAZIONE.  //  decollate.  Tron- 
camento del  capo.  Deca  pila  Mi»tte  ;  «  diceti 
particolarmente  del  Martirio  di  S.  Giovan- 
ni Ballitla.  lat.  decotlalio.  gr.  «ipolare/iii. 
Segner.  Ittered.  9.  49.  9.  Fu  sulle  braccia 
del  carnefice  atesso  portato  al  luogo  della  do- 
collanone  a  lui  destinata.  Salvia.  Prot.  Sacr. 
['54.]  Si  considera  la  decollaiione  di  Giovanni 
quale  ella  i,  cioè  vero  trionfo. 

.  DECORARE.  F.  L.  Ornare,  lai.  deco- 
rare, gr.  xuioùtuiv.  Sa  tvin.  Disc .  9. 5 1 6.  Molli 
begli  usi  pose,  per  fat  risplendere,  e  viver» 
questa  Accademia,  eh'  egli  docorò  aueot*  col 
uome  di  Università. 

DECORATO.  F.  L.  Add.  Ornato,  lai.  de- 
coratus,orttatus.  gr.  xtMt/aiitiì'Of.  Fir.dlal. 
beli.  dona.  340.  Vcggendo  uu  volto  decorato 
di  questa  celeste  graiia. 

•  DECORAZIONE.  Adornamento,  lai.  or- 
n<s/i».  gr.  )i6apsiei<.Salvin.  fliac.  9.  917.  Gli 
Sloici,  quando  dicevano  il  moodo,  intendeva- 
no questo  nostro,  che  da  Pitlagora  il   primo 


Digitized  by 


Google 


M 


DEC 


ebbe  il  nome  di  cotmos,  cio£  di  tbbelUM«olo 
e  di  decornione.  K  Prùs.  Tose.  I.  MS.  Di 
(IUmU  archheUura  dell*  univerio,  e  della  sae 
aecoraaione  ec,   artefice  e  consenralore  e  l'A- 


DECORO.  SttMt»  CotuwUeHj/i  Hi  omcrepro" 
porMionafa  0  ciatcìmo  neW  ttter  $no.  lai. 
deciti,  fhcortun,  %T.  [tò]  Ttpinùt,  Segner. 
Prati.  fiS.  4^  Il  mondo  già  «i  e  avamato  e  tan- 
to splendore  di  abili,  dì  giuie,  dì  gale  ec.,  che 
<|uando  anror  («isadeuiaao  doppie  entrate,  ap- 
pena ci  bastcrebboDO  a  soslenerlu  con  (|uel 
decoro,  che  larfa  conveaerole  all'  oiior  nustro. 
^  Cmr.  rim.  89.  h'  arte  vottra,  rivolta  al  mio 
decoro,  Ben  tutto  può  ec. 

•  $  Dteoro.  T.  Ho'  Pittori.  Qualità  daU 
im  tjnale  risulta  qnasi  tutta  la  ragioneuo' 
iejta  Holtartefice  hoI  nto  operare;  e  eotf 
sitta  Hel  gnarHarti  dal  mettere  ia  opera 
cosa  alcuna  contro  il  verosimile,  ti  della 
tnateria  che  si  rappresenta  ,  rome  del  Ino- 
go,  del  tempo,  ed  altri  rispetti  necessarii. 
yoc.  Vis.  [145.  Vero  è  che  di  certe  cose  ec. 
tt  permette  al  pittore  ec  d'esserne  onestamen- 
te liberale,  ma  non  già  prodigo^  mettendole  a 
•propoiilo  con  evidente  ofièsa  del  verisimile, 
e  del  decoro.] 

DECORO,  y.  L.  Add.  lo  stesso  che  De- 
coroso, lai.  Hecontt.  gr,  «ÌtT^oi 7rr;«.  Fr,  lac. 
7W.  I .  IO.  1 1 .  E  la  tua  voce  decora  Mi  limet- 
ta itel  min  stile.  Aftam.  Gir.  7.  87.  Ditemi, 
ciuaì  ftìro  Le  differeiiae.  che  vafifànoau  tanto? 
Al  parlar  realisùmo,  e  decoro  [I  due  guerrier 
•ì  ritirar  da  canto.}  Lor.  Bfed.  Cam.  147.  Par- 
lando pure  a  quella  maoo^entìrusioia,  la  chia- 
ma soavi»sima  e  decora  :  decora,  per  gU  orna- 
menti e  belleate  naturali;  soavissima,  |>er  lo 
amore  e  desiderio  d'essa.  •  Ar.  Fur.  41.  75, 
Hi  clù  ricama  fece  mai  lavoro,  Postovi  tempo, 
ditigeuzìa  e  senno.  Che  potesse  a  costui  parer 
decoro.  ;  Cir(/f:  Calv.  5.  M9.  E  forse  faa  ri- 
trovato ogni  pendice  Di  questo  fatto  nobile  e 
decoro.  Cf.  E$wjH.  5.  490.  In  difesa  dXu- 
rìalo  a  rincontro  È  'I  favor  de  la  gente,  e  quel 
decoro  Suo  dolce  lacrimar. 

«  %  In  /orsa  di  snst.  2'ast.  Ger.  30.  S9. 
Quanto  apparii  d'adorno,  e  di  decoro  No'  ci- 
mieri «  ne*  fregi,  or  si  calpesta. 

DECOROSO,  jédd.  Che  ha  decoro,  lat. 
decorns.  gr.  tÙTtptnì^,^.  Red.  leti.  S.  184.  Mi 
dichiaro  con  V.  S  ,  che  voglio,  che  tra  noi  sA» 
no  totalmente  terminale  le  decorose  parole 
dì  complimento.  :  Bell  in.  Ùitc.  I.  354.  Ci 
Terremo  d'un  altro  nome  osato  anch'esso,  ma 
un  po' pili  decoroso  e  di  tutto  disimpegno. 

•  DECORRERE.  Passare.  laL  transcur^ 
i^re^  transire.  Il  P'ocab,  nella  v.  CORSO. 

DECORSO.  [5ri4/.]  Tra  scorrimento.  Cor- 
so, lut.  decnrsus  ,  cursus,  gr.  x«t«^jOO/ìiÌ. 
Ott,  Cam.  Purg.  8.  [HO.]  Sì  puote  cousiderare 
tu  due  modi:  l'uno  quanto  al  decorso  del  tem- 
po, e  quanto  aU'tiItegnrica  sposiiìoiip;  e  quanto 
al  decorso  del  tempo,  che-  è  un  dì  artificiale 
di  do<lici  ore  ,  ec.  {  St'gHer.  Sent.  Oras.  A3. 
Quo* medesimi  gusti  umani,  i  quali  non  son 

Iirorurali  nel  decorso  del  giorno  da  me  re,  mi 
aKiaiio  asciutto,  u^  mì  danno  punto  di  Dìo. 

•  ^  K  detto  di  Opera,  o  simile.  Uart. 
7Vr/.  [*188.]  Pose  un  lungo  catalogo  dì  verbi, 
che  sì  pentiT*  avere  nel  decorso  dì  tutta  l'ope- 
ra usati  «enaa  di.  l  Sfgner.  Porr,  instr,  cap. 
ult.  f.  Voi  avrete  scorto  già  nel  dtcorso  di 
tutta  l'opera,  come  tre  sono  i  pascoli,  che  dee 
dare  a*  suol  |>opulÌ  il  pasturo  sacro.  **  Bart. 
Tori.  SA.  Do  più  distinta  ragione  di*ll'iiiteii- 
aione  mìa,  avvegnaché!  me  pareiae  averla  bn- 
alevolmenle  dirjùarata  e  nell'avviso  a'Ietluri, 
•  iu  tutto  il  di*rortu  deirn|>ert. 

«  DECORSO.  Jdd,  Trapassato  ;  apposto 
m  Pre*9ntt,  lai.  praHfritus,  derursns,  G*fl. 
Sist.  43.  Esaandocisi  veduto  per  molli  secoli 
darorti, 

•  S  4.  "Per  impiegatOf  Speso,  lai.  impen-^ 
SHt.  Giti.  S*Mt.  307.  CoMvieu  reiterare  rni>«'» 
raaione ,  e  tener  mhuito  muto  del  tem|iA  de- 
nvio,  fidandoti  o  d*oriuoli,  o  d'altre  osaerva- 
imni  di  Ktellii. 

•  S  3.  A*  d&tto  di  m*m*di  t  stt pendii  .  e 
stmifi^  %'alv  Ih  che  uno  ^  cr^ttore^  fi  ter* 
mine  Hvl  cui  pitg^mmtto  ^  flessalo,  iìnirc. 
Sfor.  18.  M.  Ma  si  creile  ginvasir,  ixi^  che  al< 
cuna  altra  cosa ,  la  neì-ev^ilìt  ec.   di  miidurre 


DEC 

ffoeflo  caercilo  alla  iktna  dd  reame  A  ?lapo- 
li  ;  cou  impossibile,  se  prhaa  ood  era  aaaica- 
rato  degli  slipendii  decorsi,  io  rìcoapeBSO  de' 
quali  ricusaraMi  ammettere  taale  prede ,  ec. 
:  Segner.  Pred.  33.  14.  Quando  si  tratU  di 
dure  ai  serri  qnei  lor  satani,  benché  decorsi 
da  luogo  tempo,  nou  pelesS.Car.  leti.  Fam. 
I.  33.  E  iutauto  si  degni  di  iar  rilassare  i 
frutti  sequestrati  al  sig.  Aotooìo,  accìoccbè 
te  ne  possa  sjtisijre  alle  peBsioni  decorse.  «  ;  £ 
letf.  ined.  «.  194.  Vi  restituirvi  il  Priorato  , 
rieategraudovi  de  le  pensioni  decorse.  E  195. 
Vi  si  dìauo  le  vostre  paghe  decorse.  Magaiz. 
Colt.  49.  135.  Non  ostatile  abbiano  aver  mol- 
to di  loro  sliprodio  decorso. 

•  :  DECOTT  ACCIO.  Peg^  di  Decotto. 
Red.  leti.  fam.  2.  308.  La  salsapariglia  an- 
ch'essa non  saprà  far  male,  purché  sia  sempli- 
ce, e  non  io  no  decottacdo. 

DECOTTO.  Susi.  Decozione,  lat.  deca- 
ctns,  US.  gr.  ['òcp^/i%.]  Lib.  cur.  matatt. 
Usi  per  tre  giorui  lo  decolto  di  aueto.  Lib. 
adora,  dotta.  Sì  lavi  collo  decotto  della  cru- 
sca. E  appresso:  Togli  Inpiui,  e  con  acqua 
di  fontana  faune  decotto  forte.  Ricetl.  Fior. 
[4.  400.]  Sì  debbono  comporre  dallo  spesiale, 
allora  che  si  hanno  a  adupenre,  e  sono  [le  io* 
fusioni,  i}  decotti  ec, 

DECOTTO,  .édd.  Bollito,  lat.  deeoctns. 
gr.  ó.ftf7}'^tli.  Cr,  6.  7.  3.  L*appioriso,  in  vi* 
no,  o  in  acqna  decolto ,  dissolve  la  stranguria 
e  la  dissuria.  •  Rnc.  4p.  [345.]  Gioveratli 
anco  mescolarvi  insieme  ec.  O  la  ben  dolce  e 
ben  decotta  sapa,  O  buon  mbibbo. 

DECOTTORE.  y.L.  Fallito.  Ui.deeoctor. 
gr.  yjttwiòttoi.  Buon,  Fier.  5.  3. 9.  San  degli 
obblighi  antichi  sciorre  il  nodo,  Rimettendo  in 
buou  di  quei  che  Ìbr«ati  Cederò  il  loro  a'  de- 
cottori  inSdi. 

*:  DECOTTCRA.  Decozione.  Seder.  Cult. 
Ort.  444.  Giova  aasai  la  decottura  bevuta  del- 
le sue  radici  (della  felce)  a  quelli  che  hanno 
|a  milza  ingitissata. 

DECOZIONACCIA.  Peggiorai,  di  Beco- 
alone.  Red,  leti.  I.  307.  Oh  poter  del  mou- 
do  !  il  bel  lavoro ,  che  tanno  nelle  nostre  bu- 
della quelle  decosìonaccie  imbrogliate  ec. 

DECOZIONE.  Queir  actfua ,  o  altro  li- 
tjuore,  nel  tfuale  è  rimasa  la  sitstanta  della 
cosa,  che  vi  s'è  cotta  dentro,  lat.  decoctitm, 
deeoctus,  us.  gr.  [*^f  <^ft«.]  Cr.  0.  7.  3.  Il 
vino  della  decozion  sua  (dell'appio)  le  di^lie 
del  ventre  fatte  per  ventosità  coslrigne.  t  Red. 
lelt.fam.  3.  95.  la  cina  ha  dello  imptoguati- 
vo,  ed  iu  tutta  la  medictiu  non  vi  è  decotiooe 
alcuna  più  sustanatosa  di  quella  ch«  si  suol 
cavare  dalla  dna. 

S  Per  Cottura,  Coitone.  lat.  eoctlo,  co- 
ctura.  gr.  ifnjiti.  Cr.  i.  4.  A.  La  sublimazio- 
ne, e  dtstil  lat  ione  rettì6ca  l' acque  malvagie, 
e  similmente  la  decosione  ec. ,  imperocché  la 
deruiione  soltiglia  la  suasustan8Ìa.^//e^.  485. 
UifTuriscon  però,  che  quelli  zuppa  Mangian  nel 
vino,  ed  egli  pane  asciutto,  Ovver  biscotto  in 
decuaìon  dì  Mhngge. 

•  DECREMENTO.  Sminuimento,  Scema- 
mento,  lat.  decrementnm.  gr.  ^uLCt'un;.  Gol. 
Stst.  333.  Diminuendo  sempre  la  vclodtà  ol- 
tre al  centro  coti  decrementi  simili  agi'  incre- 
menti acqnìitali  nello  scendere,  l  Rucell,  F". 
7>(5r.9,  S,  39.  Allcransi  pure  (le  macchie)  nello 
iurremento,  e  decrcmeulo  delle  obumbraaionì, 
che  esse  fanno  al  corpo  solare.  S  F".  Àlb.  8. 
9.  407.  Per  tal  ragione,  dicono  ì  fisici,  il  vive- 
re essere  un  moto  secondo  l'alìmeulo,  l'angu- 
mento,  e  Ìl  decremento. 

DECREPITÀ,  DECREPITADE  e  DECRE- 
PITATE. Estrema  vecchiezia.  lat  senitun, 
[gr.  irot^xx^i).]  Fiilg.  Rns.  La  decrepità, 
ciut^  d.1  sessanta  anni  innanzi,  si  trova  più 
fredda  di  tulle  1'  altre  ct^di.  Cupr.  Boll.  7. 
143.  Quando  tu  ben  pauaui  iufinn  alla  decrc- 

Itit^.  :  Pallav,  Star.  r\wtc.  393.  Vedevano  essi 
a  decrepità  del  Pontefice  travagliato  allora  da 
ti  spe«>e  malattie, 

•  DECREPITEZZA,  *  fìecrr^itA,)»».  kr- 
trema  seuectus.  gr.  TtaijeflJint/at,  tWgNi*r.  Crìst. 
instr,  4.  18.  9,  \\a»  rìntgu*  non  solo  |»aseoiio 
i  loro  gpuilorì  già  verrhi,  ma  gli  fìimentaoo  con 
l'ale,]  quando  loix)  sono  mancate  le  |Htu«eper 
la  df-errpi'raaa. 


use 

£à.  Ut.  Htcrepitus.^.  ùvtpY^p^.M.  F.i. 
58.  E&seudo  il  piovano  in  decrejnla  dà  saiaa. 
lato.  £  6.  46.  Per  la  baldanza  prns  pcrb 
morte  d' nu  Decrepito  vecchio,  ^'it.  SS,  Pad. 
[i.  335.]  Oh  violenza,  ch'io  patisco  di  ^nt- 
sto  vecchio decrepito!Ae<j. Ojs.ee. 451. IjdV 
quila  decrepita,  stata  lungameute  io  ui  ser- 
raglio. 

*.  S  E  per  similU.  n  Red.  Ditir.  U.  Del 
buon  Chianti  il  vìu  decrepilo ,  Ibcdoso,  Im- 
perioso, Mi  passeggia  dentro  il  cuwc  »  . 

•  :  DECRESCETE.  Che  decresca  ^Ch 
scema. 

•SS  Ì^"'«>  decrescente ,  dìcesi  elhrchè 
dopo  il  pleniltmio  va  scemondo  di  lnc*;ed 
è  contrario  di  troia  crescente.  Gel.  Ictt. 
MoMt.  Iu».  107.  Nella  derreKente  (latte)  i- 
miti  stellette  ai  separano  più  e^à,  e  fiaahaen- 
te  si  e»lÌQguono  e  si  perdono. 

DECRESCERE.  F.  L.  Scemere.U.Accn- 
scere,  minui.  gr.  /itteOv^oi.  Albert,  li  Iu 
cose,  che  decrescano,  e  menomiao,  ooa  coob 
gran  guadagno.  Tajj.Ger.  20.  31.  Deerocf  ia 
mezzo  il  campo;  ecco  è  sparito:  L*i{a  cali' st- 
iro nemico  ornai  si  serra.  *  Gal.  Dif.  Cepr, 
333.  In  ano  stante  decresce  la  picoolismu 
mole  dell'acqna.  *;  E  lett.  Moni.  luM.iVt. 
All'incontro  net  volger  del  sole,  e  ud  decrr- 
scer  la  Iun.-i,  torna  a  vedersi. 

*  DECRESCIMETO.  //  decretcerr,  De- 
cremento, lat.  decremeainm.  gr.  jteEvn;. 
Dial.  S.  Greg.  Fif.  343.  Una  triade  ■olii- 
tudine  di  serpenti,  con  un  lerribile  serpente 
grosso  come  una  trave ,  per  Ìl  decraciBeato 
dell'acqua  nel  mare  discese.  Segn.  dnim.  3. 
475.  La  ragione  di  ciò  è,  perchè  0^  co»  ge- 
nerata ha  r  augumento,  lo  stato  e  il  dedewì* 
mento.  *;  Segner.  Pred.  40.  8.  Ors  ioleaJo 
donde  procedano  quel Tecclìssi,  qoe'dcocsà* 
menti,  quelle  piene^e,  quelle  rotoodilà  (dd' 
la  luna.) 

DECRETALE.  Propriamente  Una  psrte 
delle  leggi  rauouiche  ;  ma  nei  per  h  più 
lo  pigliamo  per  tutto  il  corpo  desse  leg^i. 
JaU  'decretale^  iut  pontijtcinm,  ius  caJtwu- 
cum.  Data.  Par.  9.  Per  questo  1' Ewiigel», 
e  i  Dottor  magni  Son  dereliui,  e  solo  a' den- 
tali. Si  studia  sì,  che  pare  a*  lor  vivagifi.  M. 
330.  Siccome  molto  in  leggi,  e  in  decretili 
ammaestrati,  sanno  otUmameute  coasq^i  doni- 
re.  M.  y.  3.  406.  Avendo  sopra  ciò  eoo  gr»* 
de  diligenaa  avnte  molte  di>pulazioDÌ  eoo  li- 
tri maestri  in  divinità,  e  con  dottori  di  le^, 
e  dì  decretali. 

S  Per  Decreto,  Statuto  canonico.  Ist  et- 
cretum,  lex  canonie^,  gr.  ^jsiej»»,  ^P^ 
x«v«vuc^{.  e  F.  8.  5.  5.  Che  egli  facesse  um 
nuova  decretale,  cioè  che  ponesse,  cbe  per  alih 
lità  di  sua  anima  ciascun  Papa  p«>tf«  ''"'"[: 
«iare  il  papato.  Pass.  433.  Quali  «eao  floelh 
peccati,  che  «  riservano  a'Vescori,  si  di^ 
stra  in  una  decretale  dì  papa  Benedetto  XL 
MaestruY'  3.  35.  La  quale  decreUle  non  e 
nella  moderna  compilazione. 

♦  DECRETALE,  j^dd.  Canemcc  Gnice. 
Star.  49.  449.  Fece  segretissimameale  o" 
bolla  decretale,  declaratoria  cbe  il  flutfiWMUO 
fosse  invalido. 

DECRETALISTA.  Canonista,  lit  innt 
pontificii  peritits.  But,  Par.  43.  J-  Oitienie 
e  Taddeo  furono  due  Cardinali,  grandi  drcrel»- 
listi,  e  scriasoiio  sopra  li  decretali.  Pecor.  g- 
6.ISOV.  4.  Dove  tolti  »  vescovi,  e  gli  f^;^ 
gli  altri  ghio  prelati,  che  fossero  decrel«wl'. 
furono  citati,  che  venissero  in  corte,  ^f*"^ 
Era  grandissimo  decretelista,  e  maestro  w  o^ 
vinili,  e  fece  il  sesto  libro  delle  decreltlt^ 
quale  è  quasi  il  lume  di  tutte  le  le^i  *  °^ 
creti. 

*  DECRETALMENTE.  Jwerb.  DecUtrt- 
mente,  A  modo  di  decreto,  0  Per  dtcrHc. 
BuoM.  Fier.  . 

DECRETARE.  Ordinare  per  decrMoM. 

cernere,  ttatuere.  gr.  dffi'^f  i?»»^*»-  J"'' 
Da**.  UHM.  4.  88.  Cotta  M'esulino  ec  wi 
doversi  decretare,  che  depli  aggravìi,  c*e  fan- 
no alle  prorincie  le  mogli,  si  puuissefo  1  •»" 
riti,  benché  nescienti,  come  de'pmprii  l«o- 

DECRETATO,  ^rfrf.  tla  Decrelere;  Ontt- 
nato  /!«»•  decreto,  lat.  decretns.  gr.  li^T*' 
api^H-  Fiamm.  5.  35.  O  inferno,  cteni»  p"- 
gtottc  decretata  alla  Docente  turba. 


Digitized  by 


Google 


IftCC 


DEC 


DED 


^  IGCRGTO.   Ccmmudmmmto,    Ordkt»* 

ziiMC,  Stmfmt*,  CostitutioH^,  DeUrmiuasio- 
m.  W-  Jfcretum,  constitntio.  gr.  ipriftVfAtx. 
t^.Pu^.  IO.  i.  DecT«to  Unto  vaia,  fiiuulo 
—  paAwli,  ihlìbcrvlJi  e  coutigliita. 

«  j  I.  ^er  Jtl9  drUa  voi  onta  tiìvintt  per 
tm  Iddio,  tecottdo  ii  nostro  motto  d'  iutta- 
dtrr^dfttrtmimo  tftMUli0  coMafutnra,  t  Data. 
hrf.  3.  St  l«l  dccrwto  Più  «irlo  |N*r  buou 
fgM^  MM  direaU.  £  6/  E'  par,  cbe  tu  uì 
o^gW  «e  Cbe  decreto  del  Ciclo  ur^siou  pie- 
1^  AmL  l'ioa,  3.]  £  1  Fato  iu  jnamio  il 
pM  decreto  Kriue  ». 

$  t.  Dtcréto,  dicosi  anche  Vn  libro,  ove 
tm  rtgistrmtt  imoito  dalle  leggi  cauonicke. 
Ul  'dttretntm,  S/mestriizs,  I.  3ì.  La  peni- 
Inù  loleuM,  e  pubblica  uoii  e  oggi  in  um>, 
e  pen  direai  brìe^e  dx  le».  £  da  u^ere  ^  clic 
cUa  ■  li  fM  4|uella  soleauitj.  e  modo,  die  si 
teme  acl  deCTclo,  disiinsìoit  SO  iu  capile. 

•  ^  1.  Per  Impero,  Dominio.  Dfttam.  3. 
K.  Al  ttmpo  no  il  rirer  mio  fu  lieto  «  Come 
eJaicAcl  AKìca  ridusse  Per  funa,  lulta  sot- 
to d  m»  dmeto. 

^l.Jkfreto^  vale  aucfie  Dottrina  della 
itfgi  tcdfiiastica.  Peeor.  g.  i.  nov.  9.  Or- 
éMftfifiÌT  uno  udì  Xemge,  e  l'altro  decreto; 
f,  ceac  vai  upete ,  il  clecreto  è  di  minor  vo- 
hw,  cbe  non  è  la  l^ge. 

DGCBCTO.  Add,  OecrHato.  lat  decr^ 
èu.cmstittttiu,  gr.  Ì!fvì9i9p.ivoi,  Dant.  Par. 
I.  Ed  on  IL  cofli'a  sito  'itecreto,  Cen  porta  lo 
\^  di  «iMlla  carda.  S  15.  Suoni  la  volontà, 
ssMÌ  iì  deiio,  A  cbe  la  mia  rispoUa  è  già  de- 
fsiu  •  Fir.  Jsia'ik'è.  Mi  è  italo  decreto. 

•  DECUBITO.  7/  giacere  in  letto,  e  spe- 
attmnte  per  cagiona  d'infermità.  Ut.  de- 
aMtaf.  gr.  x«t«uJU«c5.  Hed.  Cons.  [i.  S8.] 
Citptaa,  [ìei^njli  ec  sì  credono  comunemcn- 
U]  aboliate  dal  decubito.  Cocch.  fìagH.[k-2. 
Dk  Urtlo  ciò,  cbe  li  è  esposto  finora  ec.,  si  de- 
4w  ìaiicae,  cbe  egli  è  anco  delizioso  ((*/  sito 
de' Vagai  Pisani)  e  ttaraTÌgliosamìente  op' 
pactono  ec,  per  dileguare  lej  moleste,  e  per- 
tiajB  iB&nàiCs,  cbe  uou  obbligano  al  continuo 


•  DfiCCÌUNO.  r,  L.  Add.  Grande,  lat. 
drceateaiu.  gr.  CV/KT/J^VK*  Segner.  Crist. 
ivfr.  I.  4t.  A.  E  la  vittoria  dell'ultime  ten- 
toioeifCbe  a  gutia  defluiti  dccumaui  sogliono 
atU  rtnmo  assalirri  con  maggior  impeto. 

■  (  [Ùcctamano  i  anche  aggiunto  della 
dfnm*  UgioH*  romana,  e  di  ogni  cosa  ad 
ciM  eppartenente,  I  soldati  dì  questa  le- 
giaté  si  chiamavano  sustatuivamenla  Decn- 
»«u.Ut.  detnmauns.  gr.  S*xax«,Zci.]  Jlorgh, 
Cd.  iidit.  431.  Delle  sue  (legioni)  furono  i 
Snùali,  ed  i  Decumani  condotti.  (Nomi  delle 
^f^eoL)  E  4rm.  Fam.  19.  Dicendogli  uno 
^CcMÌaai  io  Aflrics,  cbe  era  veterano  della 
ìkubi  legione,  napote  cbe  non  vi  conosceva 
I  ■■f^^  Deoinuoi. 

OECDPLO.  Jloma  di  proporsion  multi- 
ptit*  ;  e  diceti  quando  la  maggior  gran- 
dtssa  etatiene  in  si  dieci  volte  la  minore. 
Ut  decnplns.  gr.  ^txocitXAnoi.  Gal.  Afecc. 
19.  La  lioca  F  B  sia  decupla  della  B  D. 

•l  S  Dicasi  aacha  quando  il  maggiore  va- 
/«*  ctattette  in  sé  dieci  volte  il  minore. 
J*«rd.  Uv.  Pref.  6.  Presupponiamo  cb«  va- 
'•eo  X  per  Conno,  essendo  quasi  sempre,  au- 
«  «1  tempo  de' Romani,  lo  arieuto  iufcriore 
*ll'«ro,  ia  prapotaione  decupla. 

•  DECDRIA.  Squadra  presso  i  Homani 
dt  dieci  soldati  comandata  da  un  decano, 
u  di  feati  ;  de  un  decurione,  se  di  cavalli. 

:  $  f .  Decuria  fu  detto  altresì  a  qttalsi- 
—gite  moltitudine  ,  ordUtt,  classe  ec.  an* 
"«*«  composte  di  più,  o  di  meno  del  nu- 
nr^di  dieci.  Ross.  &«/.  f^it,  I.  44».  Andò 
(dHfntlo)  rivcggeotio  i  quuttro  ordini  de'giu- 
*«,  efce  erano  chiamate  decnrìe. 

l^t.  Sper  lo  Luogo  ove  si  adunavatut  le 
^tUelUtudini,  Ordini  ec.  Segner.  Parr. 
M**r.  83.  3.  Occupavauo  (i  fedeli)  il  tutto  ; 
^  '«Ige,  te  piane,  le  decurto,  i  palaui,  il  Se- 
■Ho. 

DECURIO.  {K  A.]  Lo  stesso  che  Deca- 
y«*e.  lat.  decurto,  gr.  itxA^Kp'j^i.  Dant. 
"f'tì.l{  decurio  loro  Si  volse 'ntomo  intorno 
<••  «al  piglio.  Bui.  Chiamasi  decurio  da  die- 
(«t  cwa,  perchè  era  capitano,  e  cura  di  dieci. 


•  DECURIONATO.  Sttst.  Dignità  di  de* 
curione.  laL  decnrionatut.  Pros.  fior.  h.'.^. 
S49.  I  Decurtottalt ,  cbe  erano  come  i  Senato- 
rati de'municipii ,  o  città  fuori  di  Roma,  che 
si  governavano  culle  proprie  loro  leggi,  erano 
similmente  cariche  che  il  cittadino  statuale  e 
mnnictpc,  àoiparticeps  mwterum,  cbe  era 
capace  degli  oBnii ,  non  poteva  non  accettare, 
ed  erano  di  più  ouorevolcaaa,  che  lucro. 

^  DECURIONE.  [  "Colni  che  ttelle  torme 
delta  Cavalleria  romana  comandava  a  die- 
ci soldati.  Onde  essendo  le  torme  di  trenta 
cavalli,  ogni  torma  aveva  tre  decurioni.  In 
processo  di  tempo  la  torma  ebbe  trentadue 
eavalli,  ed  un  solo  comandante ,  il  quale 
ritenne  tultavìn  il  nome  di  .decurione.]  lat. 
decurio,  gr.  isxè(.^apj^o^.  Dittam.  S.3.  E  die- 
tro a  loro  furon  decurioni.  £  yeees.  56.  È  da 
elt^gere  il  decurione  ec  cbe  sia  del  corpo  bene 
adatto,  e  bene  vouto. 

;  %  Rper  simìlit.H  Ott.  Com.Dant.  [Inf. 
4.  383.]  Qui  conoumera  dieci  demonii  sotto 
un  decurione,  a  scorta  dell'  autore  n  . 

•  DECURSIONE.  Corsa  che  si  faceva  nel 
circo.  Baldin.  Decetui.[&.  351.]  Rappreuul& 
i  costumi  de' Romani  antichi  ne' funerali,  e 
nella  dcificuione  degl'lmperadori  colla  decur- 
sione. 

•  DECUSSE.  Significa  la  X  nota  del  nn- 
muro'dieci,  perchè  è  così  incrocicchiata, 
dal  lat.  decussare.  Borgh.  Mon.  4  SO.  Pi* 
gliassero,  non  la  decusso^  o  Togliam  dire  la 
figura  del  dìece. 

•  DEDALO.  Add.  Iitgegnosù ,  dal  lat. 
daedalns.Ar.  Pur.  34.  53.  Com'egli  è  pres- 
so al  luminoso  tetto,  Attonito  rimao  di  ma- 
raviglia ;  Che  tutto  d' itna  gemma  è  il  muro 
schietto.  Più  cbe  carbonchio  lucida  e  vermì- 
glia. Oh  stupenda  opra!  oh  dedalo  architetto! 
Tass.  Ger.  4S.  94.  E  se  non  fu  di  ricche 
pietre  elette  La  tomba,  e  da  man  dedala  scol- 
pita. Fu  scelto  almeno  il  sasso,  e  chi  gli  diede 
Figura,  quanto  il  tempo  ivi  concede. 

•  DEDICA.  Offèrta  fatta  altrui  di  cosa 
durevole,  per*attestato  di  ossequio,  [gra- 
titudine, 0  simile.'l  Salvin.  Senof.  [5.  133.] 
Questa  colonna  de*  miei  fratelli  di  latte  è  una 
dèdica  per  tutlMue.  •*  Diar.  Infev»  Instr.  73. 
I  primi  danari  cbe  ritrarrete  tanto  dalla  dedi- 
ca, quanto  ddla  rendila  di  questo  libro  ec.  è 
cosa  conveniente  cbe  servano  per  rimborsar 
quelli  che  gli  hanno  prestati. 

DEDICAMENTO.  //  dedicare,  lat.  dedi- 
catio.  gr.  Hoc^iotait^.  Liv.  M.  [Dee.  %.  8. 
var.'\  I  parenti  di  Valerio  fiiron  crucciati*  e 
sdegnati,  che  '1  dedieamento  di  così  nobil  lem- 
pio  fosse  di  neeessilh  dato  ad  Orasio. 

:  DEDICANTE.  Ote  dedica.  Salvin.  Se- 
nof. 5. 123.  Dedicarono  per  Abracome  ed  An* 
aia  una  colonna  scritta  a  lettere  d*  oro  ;  e  v*e- 
ran  segnati  i  nomi  de'  dedicami  (qui  in  farsa 
di  sust.) 

)  DEDICARE.  ['Consacrare  al  culto  divi* 
no,  Mettere  sotto  l/t  protezione  d*  una  Di- 
vinità, sotto  l'invocasione  d' un  Santo  wt 
tempio,  una  chiesa, ec.]l»t.  dica  re,  dedica  re. 
gr.  xflc^ttj^n.  Fitoc.  7.  333.  Riparò  il  vec- 
chio tempio,  con  gran  divoalone  dedicandolo 
a  Giove.  Petr.  enp.  6.  Così  giugnemmo  alla 
ctltà  soprana*  Nel  tempio  pria,  che  dedicò  Sul- 
pixia. 

•t  S  I*  Dedicare  un* opera,  o  tm  libro  ad 
imo,  vale  Offrirglielo  e  Donarglielo  m*- 
dimttte  una  lettera,  o  una  epigrafe  iu  prin- 
cipio, affine  d*  onorarlo,  e  di  ottenertte  la 
protesione,  «  Red.  lett*  I.  325.  E^li  mi  fece 
r  onore  di  dedicarla  a  me.  B  2.  lfÌ3.  Ilo  ag- 
giunto nel  fagotto  uno  esemplare  del  Corso  ti- 
sico matematico  del  padre  Francesco  Esebi- 
nardi  gesuita,  che  questo  buon  padre  nllinta- 
mente  ha  stampato ,  e  jier  sua  genlileau  ba 
voluto  dedicarlo  a  me  n. 

*X  %  2.  Si  dice  anche  in  senso  analogo  De- 
dicare un  istmmetttOj  o  ttna  stampa.  Galil. 
Op.  lett.  fi.  40,  Parendomi,  anche  di  scorgere 
un  non  su  che  di  prcf^indicìale  alla  gtandezxa  del 
suo  nome  qnando  io  mi  fussi  di  quello,  col 
dedicargli  il  mio  strumento,  fatto  scudo  per 
un'opera  usurpata,  ho  voluto  ec. 

*I  S  3.  Dedicare  ttn  busto,  una  statua,  o 
slmile  ad  uno,  vale  Porre,  Innalzare  wia 
statua  ad  uno,  affine  di  onorarlo. 


*\%h. Dedicare  ttna  cosa  ad  uno,  vaia  Of- 
frirgliela, Inibirgliela.  Car.  lett.  2.  «1,  V. 
M.  si  può  ricordare  della  servitù  che  io  le  de- 
dicai perlìu  nel  XIJV.  Segnar.  Mann.  Ott.  23. 
t.  Allora  gli  dedichiamo  uiu  intera  conformi- 
tà della  volontà  nostra  con  la  sua.  E  appres- 
so: Gli  addimandiamo  una  perfeUa  ubbidicu- 
sa  ,  e  gli  dedichiamo  un'  intera  coufurmìtà. 
Galil.  Op.  lett.  a.  317.  Quando  mb  succeda 
vedere  il  Sìg.  Taureli  reputerò  a  mio  guada- 
gno e  ventura  il  dedicargli  la  mia  servitù. 

S  5.  ^Dedicare,  si  usa  anche  in  signiffc, 
netttr.  pass.  ,e  vale  Offrirsi.  lied,  lett,  1. 
337.  Io  me  le  dedico  tal  quale  sono,  auicu- 
randola,  che  ella  troverà  in  me  sempre  un  uo- 
mo sincero,  *;  Car.  lett.  ^.3S.  E  questo  anco 
mi  sono  sempre  promesso  da  lei,  per  iuGno  da 
ch'io  me  le  dedicai  qui  per  servitore.  E  39. 
Le  ricordo  cbe  si  degni  di  valersi  della  servi- 
tù che  le  ho  già  dedicata. 

DEDICATO.  Ada.  da  Dedicare,  lat  dica* 
tus,  addiclHS.  [gr.  àvortS'its.  ]  Buoni  Fior, 
5.  1.  1.  Gol  peusìcr,  col  desio,  col  giuramento 
A  lui  sol  servo,  a  luì  sol  dedicato.  S  Guicc, 
Stor,  2.  92.  Le  chiese  dedicate  al  nome  loro, 
l'uua  appresso  a  Parigi,  1'  altra  a  Torsi. 

*  DEDICATORE.  Nerbai,  masc.  Colui 
che  fa  ima  dciticatione.  Salvin.  Senof.  [5. 
423.]  Leggendo  adunque  e  ravvisando  ì  dedi- 
catori, ec.  e  vicino  venendo  la  PauopUa,  ovve- 
ro armadura  di  tutto  punto,  Veramente  sì  la- 
mentava, assiso  presso  la  colunua. 

DEDICATORIA.  [Aggiunto  di]  Quella 
lettera,  che  si  mette  avanti  all'opere,  e  li- 
bri ad  affetto  di  dedicargli  ;  [ed  usasi  per 
lo  più  snstantivamenta.]  lai.  epistola  hmm- 
eupatwria.  gr.  IntTco^  ff^eTpwmjrcxi^.  /'7f. 
Prop.  105.  Ma  forte  di  ciò  ne  dà  ec.  qualche 
cenno  il  medesimo  padre  abaie  Castelli  nella 
dedicatoria  di  quelle  sue  Coniideniioni  stam- 

Sate  ec  'Bed,  lett.  t.  341.  Del  Vocabolario 
ella  Crusca  le  posso  dire  con  certeiia,  cb'ò 
finito  dì  slampare  tulto  tutto,  e  che  non  ci 
manca  altro  da  stamparsi,  cbe  la  lettera  dedì- 
calorìa,  alcuni  prolegomeni,  ed  alcuni  indici. 
*:  l'ass.  lett.  292.  A  vostro  fratello  furono  ri- 
mandate due  lettere  dedicatorie,  né  poi  l'bo 
rivedute,  né  so  quel  cbe  si  (accia  della  stam- 

fta.  Gaiil.'Op.  leti.  0.  84.  Per  tal  rispetto  so- 
0  fo  trattener  le  stampe,  restandomi  da  deter- 
minar questo  punto  nel  titolo  e  nella  dedicato- 
ria. Dat.  left.  171.  Io  ho  fat(o  le  dedicatorie  a 
tnlte  e  dieci.  E  appresso:  Mi  restano  da  ve- 
dere alcuni  manoscritti ,  da  riscontrare  molte 
automi,  ed  a  fare  la  dedicatoria  principale. 
%  DEDICAZIONE.  [V aziona  del  dedicare 
a  Dio,  a  a  qualche  divinità  un  tempio,  una 
chiesa,  un  altare,]  Dedieamento.  lat.  dodi- 
catiù.  [gr.  àva^C7(5.]  Anitot,  yang.  Che  vo- 
nissouo,  e  fossero  alla  dedicaaiooe  della  statua. 
*l  S  ^»  Si  dice  anche  la  Festa  annua  che 
la  Chiesa  celebra  in  memoria  della  coHsa- 
er*asione  d'una  chiesa,  k  Maestrntz.  2-27. 
La  ferie  solenni,  ovvero  festive,  sono  ft.  :  il 
Natale  del  Signore  ec,  ì  dodici  Apostoli,  santo 
Laurenaio,  e  la  dedicazione  dì  unto  Michele 
Angelo  ». 

*  t  S  2,  Dedica  sione,  dicesi  anche  Vasto- 
ne  del  dedicare  un  libro  ,  un'opera  qua- 
lunque mediante  una  lettera ,  a  un*  iscri  • 
sione  posta  in  principio  del  libro,  m  Buon, 
Pier.  5.  4.  3.  E  la  dedicaiioue  A  si  sublime 
eroe  M'indica  la  lettura  n.  * 

)  $  3.  [Detlicazioae,  ditesi  altresì  la  Lei* 
tara  dedicatoria,  che  anche  dicesi  assolu- 
tamente] Dedicatoria,  lat.  epistola  nuncu- 
patoria^[gr,  •Kp07f<imi9ti.]  (*as.  /t//.  58.  Io 
fui  ricercato  a  Vnneiia  di  fare  una  dedicaaio- 
ne  d^lle  Storie  di  monsignor  Bembo,  le  quali 
s'intitolavano  al  Doge.  •£  Tass.  teff.  291.  Vi 
prego  che  ec  facciate  in  tutti  i  modi  slampare 
il  dialogo  della  Crudeltà,  e  quel  della  Digni- 
tà colle  dedicaaionì  che  ho  fatto  ultimamento 
airillustrìssìmo  Patriarca  dì  Gerumlemnie. 

*;  S  4.  Dedicazione,  vale  anche  f  Offerta 
che  si  fa  ad  imo  della  propria  seri'itù,  o 
cosa  simile.  Galil.  Op,  lett.  6.  300.  Procu- 
rerò di  veder  quanto  prima  il  sig.  Claudio  Gui- 
doni per  farli  la  prima  dedicatione  della  ser- 
vitù mia. 

*  $  i.[*  Dedicazione^  dicesi  anche  l'Asia- 
ne del  consecrarsi,  del  darsi  che  uno  fa  a 


Digitized  by 


Google 


60 


1»ED 


1>£D 


t»EF 


ckeccAessia,]  St*gner.  Jtìauu.  Magg,  12.5. 
Sili  che  si  vraga  sedcr«  al  pari  «oÌ  Grandi  del 
regno  ;  che  e  l'altru  bene  che  U  tiu  dedica- 
ftioue  al  diyiii  servisìo  ti  norterb. 

•  OEDIGNAZIOiNE.  K.  L.  Dispregio,  Dis- 
istima, lai.  tietiignatlo.  Srgr.  Fior.Pr,  ['cap. 
19.]  Da«  cose  lo  fecero  odioso  e  dispreuato, 
l'una  ester  lui  ▼ilistimo  per  arer  guardato  le 
pecore  hi  Tracia  ;  la  rjual  cosa  ec  gli  faceva 
una  gran  dedìgnaiìoue  net  cospetto  di  ciascii- 
no;  [raltra  perche  ec] 

DEDITISSIMO.  SttperlMi  Dadiio.  lat.^/»- 
Hiotitsimns,  maxima  deditus.  gr.  9Tt6vÌouó' 
T«T0$.  Galat.  3i.  Ci  prufferiaoio  alle  volte  a 
tale  per  deditissimi  servidori ,  che  noi  «ne- 
remmo  di  diservire,  pintLosto  che  servire.  Cas. 
ieft,  SS.  Ed  inteso  il  buon  animo  di  V.  M. 
Terso  nostro  signore  ec.  e  li  mtci  fratelUi  ser- 
vidori suoi  umilissimi,  e  deditìtsìmi. 

DEDITO,  ^dd.  Inchinato,  AffetionaU. 
!at.  propensns ,  deditus.  gr.  tùx9!r«tfOp9i. 
Star.  Enr.  I.  8.  Dove  esso  pel  contrario  ave- 
va quieta,  e  pacifica  la  Russia  ,  la  Pollouia,  la 
Moravia,  e  la  Boemia  ,  proviocie  naturalmente 
dedite  airarmt.  Jnt,  Alam,  so**'  SO.  Difender 
non  la  può  '1  clero  ignorante.  Dedito  all'osio, 
al  vnio,  alla  pìgrtata.  f^etl.  Coir,  19.  IL  che 
piace  non  solo  a  chi  è  dedito  al  vino,  ma  an- 
cora alle  persone  moderate,  e  sobrie. 

DEDIZIONE  P:  L.  yirrandimeHto,  L'ar- 
rendersi. Ut.  aeditio.  gr.  tr.èom.  Li v.  Dee. 
I.  Non  disperava  d'avergli  con  volontaria  de- 
disione.  Bemb.  Stor.  3. 19.  Prese  tre  cestella 
ee.,<{ualper  rorxj,eqni1  perdedtiione.  t  Gnict. 
Stor.  IT.  S9.  Andavarisi  in  questo  tempo  coii- 
snmando  tanto  le  vettovaglie  del  castello,  che 
gi&  gli  assediati  si  appropinquavano  alla  Deces- 
sila della  dedixioue. 

DEDOTTO.  Lo  stesso  che  Dednito.  Ut. 
deductits.  gr.  Ìi»/ófltìf^.  *  Segrier.  Parr. 
instr.  6.  9.  Pili  vergogna  è  poi  l'altra  scosa 
dedotta  dal  non  sapere. 

•  DEDUCENTE.  Che  dedttce,  Che  cottdti- 
ce.  Boec.  Cam.  Dani.  [9.  935.  Morte  oomo- 
De  d'ogni  uomo,  cioè]  vìzio  dednceule  a  morte. 

DEDURRE,  [che  gii  antichi  dissero  anche 
aìla  latina  DEDUCERE.]  Condurre;  e  si 
usa  anche  neutr.  pass.  lat.  deducete,  gr. 
iì^é^tcs.  Cr.  9.  19.  3.  Quello,  fhe  alta  getie- 
razton  conferisce,  conviene,  che  abbia  in  sé  al- 
cuna cosa,  che  formi,  e  che  deduca,  e  meni  la 
speaie  della  pianta.  Dant.  Purg.  l4.RÌcomin- 
ció  :  tu  vuoi,  cfa^*  mi  deduca  Nel  fare  a  te  ciò, 
che  tu  ht  non  vuomi. 

•  5  «.  Per  Accompagnare.  Fii.  SS.  Pad. 
i,  909.  Non  gli  accompagiiòe  fuori  di  cella, 
deducendoli  e  segnitandoli,  come  si  suol  far 
per  rivercnsia.  La  qual  cosa  veggeudo  li  Dia- 
coni de'  Vescovi,  furono  scaodaliuati,  e  dia- 
sergli:  Superba  cosa  hai  fatta  di  non  accom- 
pagnare e  dedncere  questi  Vescovi  iiisiuoa  un 
certo  termini?  di  vìa. 


S^.  Dedurre,  per  Trarre,  o  Hieavare 
(iatr  aiinti  operazione,  o  discorso,  per  via 
verisimiie,  alcuna  notizia.  ;  Segner.  Parr. 


iastr,  cap,  ult.  3.  Dal  che  si  deduce  da*  dotti 
un'altra  prova  fortisùma. 

*!  $  t.  Dedurre ,  dicesi  anche^gttratam. 
delle  voci  che  urna  lingua,  che  uno  scritto' 
re,  o  UH  popolo  piglia  da  un'altra  lingua,  o 
da  tm  altro  popolo  ;  Accattare,  Torre,  Ca- 
stigl.  Corteg.  44.  Né  vorrei  che  temesse  for- 
marne (delle  parole)  ancor  dì  nuove,  e  con 
nuove  ft^nre  di  dire,  dedncendole  con  bel  mo- 
do dai  Latini,  come  gii  i  Latini  le  deduceva- 
uo  dai  Greci. 

*  $  k.  K  nel  semsù  morale  di  Applicare, 
Agn.  Paud.  f  3.  Di  poi  sempre  meco  medesi- 
mo ^tfdussi  qne'snoi  detti,  seiitenae  e  ammoni- 
menti a  mio  proposilo. 

S  5.  Dedurre,  per  Condursi  eoi  discorse 
da  tiHa  cosa  a  un'  altra,  lat.  in/erre,  gr.fTC- 
^«<y«iy.  Dant.  Par.  8.  SI  venne  deducendo 
inaino  a  quei.  Poscia  conchiuse*.  Dunque  esser 
diverse  Convìen  de' vostri  effetti  le  radici. 

«  S  *•  Pof  Lavorare,  o  Condurre  a  Jlne, 
e  Perfezionare.  Dant. Par. m.CoU\  qual  io 
la  lascio  e  maggior  bando  Che  quel  della  mia 
torba,  che  deduce  L'ardua  sua  materia  tarmi- 
nando  (lat.  dedncere  carmen.) 

%  7.  Dedurra  le  sue  ragioni,  termine  cu- 
riale,  che  pale  Produrre^  o  Portare  le  suf 


ragioni  in  giuditio,  lat.  adducere.  gr.  ir/)0- 
oséyetv.  Malm.  6.  88.  Perchè  sempre  de  iure 
pria  A  cita  L'altra  parte  a  dcdur  le  suo  ra- 
gioni. 

DEDUTTO.  Add.  da  Dedurre.  Dedotto  ; 
[ed  è  f^  poetica,]  lat.  deductus.  gr.  ÌÌee/4' 
pMvoi.  Dant.  Par.  13.  Se  Ibsse  appunto  la 
con  dedotta  ,  E  fosse  il  ciclo  in  sua  virtù  su- 
prema, La  luce  del  suggd  parrebbe  tutta. 
['*Qttivale  Ridotta  alla/orma  che  Tartaree 
t'oÙe  imprimerle.  Condotta,  Modellata.]  E 
90.  Ora  conosce  come  il  mal  dedotto  Dal  suo 
bene  operar  non  gli  è  nocivo,  Avvegnaché  sia  '1 

mondo  indi  distrutto^ 

DEDUZIONE.  Il  dedurre  col  discorso. 
lat.  ratio  ,  ranonis  conclusio.  gr.  Ì7ttXoyOi. 
But.  Par.  Il .  1.  E  per  queste  fulse  deduiio- 
ni  gli  uomini  ìiiteudone  alle  coso  mondane,  vi- 
li e  transitorie.  :  Bellin.  Disc.  1.19.  Resterà 
persuaso  che  l' importanza  di  tal  dedusione 
meritava  ogni  grande,  ed  ogni  più  considerata 
condotta  d'aulccedenti. 

DEESSA.  y.  A,  Dea.  lat.  dea.  gr.  5ieuv9C 
Sen.  Pise.  410.  Dunque  i'non  voglio,  che  la- 
sci ,  perocché  diedero  a  ciascuno  uno  Iddio , 
che  SI  chiama  Gennaio  ,  e  uua  deessa  ,  che  si 
chiama  Giuno,  e  questi  due  sono  chiamati  Dii 
di  nalnra. 

*  DRFALCAMENTO.  //  defalcare,  lat. 
detraetio.  gr.  éiaoUp€9ti.  Il  f^ocah.  nella  vo- 
ce DECALCO. 

DEFALCARE.  Dt/aleare.  Ut.  detrahere, 
dedncere.  gr.  apcu^ccv.  S  Bellin.  Disc,  I.  85. 
Non  sarebbero  lotte  a  set  atte  a  conservare,  e 
dovrcbbest  defalcare  da  tutto  U  peso  di  quel- 
le libbrn,  quel  tanto  che  importasse  di  peso  di 
quella  rattteria  mescolala  fra  esse. 

DEFALCATO.  Add,  da  Defalcare.  ìmU 
detractux,  deduclus.  gr.  àf^upytdtii.  GulcC. 
Stor.  19.  144.  Defalcalo  quello,  che  poi  aves- 
sero preso  Andrea  Doria,  o  altri  ministri  di  Ce- 
sare. 

DEFALCO.  Defalcamenio.  lat.  detraetio, 
deductio.  gr.  Af^ùptni.  ;  lustr.  Cane.  54. 
Nel  medesimo  modo  concorraAo  i  soldati  senza 
defalco  alcuno. 

DEFATIGARE.  Affaticare,  lat.  defatiga- 
re, fatigare.  gr.  xaronrovtnfr 

*  S  Pignratam,  vale  Infastidire ,  Mole- 
stare.  Salvin.  Disc.  4.  484.  Nnn  si  può  dire 
con  quanta  libertà  ec.,  s*«sagerì  contra  le  cor* 
ruttale  della  curia  romana;  e  tra  l'altre  con- 
tr'  al  ricevere  da  ogni  parte  l'appellaaioni ,  le 
quali  ec.  non  approva  molte  volte  come  abu- 
sive, e  fatte  per  vessare,  e  defatigare  aoverchia- 
OMale  quelli,  che  meno  possono. 

DEFATTO.  K  L.  Avverò.  In  fatti,  lat. 
re  ipsa.  gr.  fpyu. 

*  DEFENDERE,  [f.  L]  Difendere.  Guitt. 
lett.Z.  49.  Con  essosono  intribnlasioue,  e  de- 
feudrò  luieglori6cr&,eimpferollDdi  lunga  vita. 
B  38.  84.  Gravissimo  è  defendere  (difend^^ 
si)  d*esso  ec.  Defeudersi  non  parvo  afixnno  é. 

*  DEFENSION  E.  [  K.  L.^Difensioue.  Boes. 
5.  In  dttfensaone  della  cattolica  Fede  molti  libri 
fece.  Car.  lett.  9.  ['94.]  FarÀ  sospend«fr  Ialite 
per  qualche  giorno,  tanto  che  posS4  aver  Tutte 
le  sue  giustificazioni,  in  defensìoue  dell'onore 
e  deirindennitàmia.  :  Jìenv.  Celi.  Vit.  I.  48. 
Io  ripresi  le  parole  in  defensiono  del  nuovo 
maestro. 

«:  DEFENSITRICE.  Femm.  dlDefensore. 
Geli.  lett.  4.  8.  Viene  questa  parte  irascibile, 
se  voi  considerate  bene,  a  essere  in  certo  modo 
defensiirìce  della  concnpiscibile. 

•:  DEFENSIVO.  Susi.  Difesa,  Stor,  Enr. 
4.  94.  Non  considerando  che  e' poteva  essere 
preparalo  col  defensivo  contro  la  forsa  del  ho- 
w^lfiio  (cioè  col  contravveleno.) 

DEFFJSSORE.  [^.  L,]  Difensore.  Ut.  de- 
fensor, gr.  TJT^opO^.  *  Petr,  ['  Fil.  tmp, 
Pont.  tOi.]  Cristo,  suo  defeusore,  non  l'abbau- 
donÀ.  ììergh.  Orig.  Fir.  190.  A  ìwo  come  a 
protettori  avvocati,  e  defensori,  ec.     , 

*  DEFENSORIO.  Snst.  Difesa,  lit.  ff«/<m. 
sio.Pros.Fior,4.  9.  919.  Nella  seconda  parte 
al  capitolo  48  del  sno  Defeiisorìo  delle  trecou^ 
clusioni ,  che  io  già  lessi  in  libreria  del  mìo 
screiwtsimo  Padi-onc, 

DEFERENTE.  Aggiunto  «Twno  de'cerchi 
immaginati  net  cielo  dagli  Astronomi;  ["# 
più  propriamente  diresi  in  forsa  daddiet- 


tivo  dei  Carchi,  che  si  supponeva  portasse- 
ro il  pianeta  col  sito  epiciclo.]  OtI,  Cem. 
Par.  46.  [37S.]  Quando  la  Lan«  i  neH'suge 
del  suo  deferente,  [allora  il  crcKcre  e  il  dicrr^ 
kccre  (del  mare)  è  molto  grande.]  But.  B 
l'epiciclo  lo  cerchio,  che  ha  nella  ma  circoa- 
fcreoza  l'altezza ,  e  la  bassena  del  ptaaieti,  e 
tien  lo  centro  suo  in  sul  c«rcliio  derercote.e 
per  la  circonferenza  del  cerchio  dtfcreate  à 
muove  da  Occideiile  ad  Oriente.  Fìloc.m. 
Cominciò  a  dire  ec.  con  die  ragione  il  centn 
del  ccrcliio  portante  il  suo  corpo  (delU  Ijt- 
na)  allora  due  volte  circuisse  il  deferente. 

*  $  [fi  anche]  Aggiunto  di  alcuni  vsn 
del  corpo,  [destinati  a  trasportare  alaiù 
umori  da  un  luogo  all'altro.]  lat.  de/erentià 
vasa.  Red.  lett.  4.  HO.  L'ipotesi  ec,  che  l'm- 
va  cali»(/ncir  utero  per  i  van  deferenti  degli 
antichi,  è  in  tutto  diversa.  E  appresso:  Qbm- 
lo  \HÀ  aVasì  deferenti  degli  antichi  ce,  io  •« 
ne  rimetto  all'esperienza.  E  444.  Galeno  fa 
il  primo,  che  fece  mennone  di  questi  vaa  àe- 
fijrònli. 

DEFERENZA.  ^  deferire.Ut.  ebse^um. 
er.  ^tpxittiec  l  Salvia.  Aa/tot.  Mar,  I.  jn. 
Lo  leggono  con  fede  ,  e  con  rttaa  certa  poita 
deferenza  al  giudizio ,  che  ne  ha  fatto  l'snli- 
ebità. 

DEFERIRE.  *  Conformare  la  sua  epiaie- 
ne  a  tjuella  d* altri  per  venerazione,  ed  isti- 
ma.  Iirt.  ceiiJormare  se,  [gr.  ioarròv  epifiOL- 
W^ccv.]  •  &ilvin.  Disc.  S.  383.  ^i  il  U^enst 
alle  loro  opinioni  metterci  in  su^eziiMe  £ 
schiavi tudìne.  Fit.  Pitt.  IM.  Parri  strano  id 
alcuno,  che  Apelle  tant^  deferìsta  si  volgo. 
•:  Sei'd.  &or.  46.  649.  Cristo  nostra  S^re 
vuole  che  n  attribuisca  e  si  deferisca  tsato  il- 
la  Chiesa  sua ,  che  denunzia  apertamoite  per 
bocca  di  Santo  Luca  Evangelista:  Chi  ascolta 
voi,  ascolta  me  ;  chi  sprezza  voi,  spmss  air. 

S  4,  'Deferire  ,  si  piglia  anche  per  De- 
ntmsiàre.  lat  de f erre. 

•  J  S  S-  Deferire,  vate  anche  Cedere,  Cea* 
discendere.  Car,  Ett.  49.  37.  AI  tno  valo- 
re, A  la  ferocia  Ina  che  tanto  eccede  Nel'sr- 
mi,  io  deferisco. 

•:  S  ».  Per  Trasmettere,  Galil.  Op.lelt, 
6.  984.  La  quale  (autorità)  interamente  de- 
ferisco nella  persona  di  V.  S. 

♦:  S  4.  Deferire ,  vale  anche  Rimetters 
ad  altro  tempo.  Pros.  Ftor.  P^ett.  leti.  4. 4. 
9.  Tuttavia  deferendo  cosi  io  al  vostro  gtndt> 
zio,  deferirò  ancora  a  pubblicare  il  mìo  fi  pn>s> 
Simo  rittn'no  dì  Tilla. 

DEFESSO,  y.  Z.  Add.  Stanco;  emtrer^ 
di  Indefesso.  lat.  defessus ,fessns.  gr.  x«t«- 
7rovff«.  3forg.97.  499.  Ch' io  sou  per  gli  anai 
pur  defesso,  e  stanco.  E  98.  148.  DileUanu  a 
caccia  andare  spesso  ec.  Sanza  temer,  dagli  «• 
ni  pur  defesso.  Di  Iredflo,  o  luogo  dtllìcìi  sel- 
vaggio. 

*  DEFETTARE.  Lo  stesso  che  Dtfettsre. 
Bttldin.  Decrim. 

•  :  DEFETTIBILE.  Add.  Atto  a  meses^ 
re.  Ott.  Com,  Purg,  4S.  998.  Scaltra  cagiew; 
intendi  defettibile,  la  quale  «  fow*»  «>P"  P*" 
sizioni  non  vere. 

.  DEFETTIVO.  Add,  Lo  stessa  che  Di- 
fattivo.  Salvia.  Disc.  3.  94.  In  eonsegneon 
in  ifoesU  parte  l'alfabeto  nostro  è  defèltrro.  S 
appresto:  Ma,  come  ho  detto,  l'alfabeto  eHe- 
feltivo,  e  sono  più  i  sunni,  che  »  esrstlrti. 
*:  Sagg.  rim.  /Vo  Belc.  454.  Ciascuno  otittn 
alto  e  fervente  Nel  darvi  lode  é  srmpre  defet- 

♦  DEFETTO.  r.  A.  Difetto.  Frane.  F«r». 
458.  8.  Che'l  primo  scosa  il  naturai  deWto. 
B  918.  46.  Mom%an  defelti,  e  penàm  «»« 
pochi.  :  Gtiitt.  rim.  4.  89.  E  a  ciascua  »««• 
do  e  defetto  T*ba  per  soccorso  no*  (a  ««^ 
dato  Lo  nostro  omlo  Signore.  . 

.  DEFETTUOSAMBNTE.[^.  "^^^^i 
Con  difetto,  DifeNuosamente.  Pftf*-  ''  E  7/ 
E  cosi  o  non  fa  nulla,  o  (allo  male,  e  drf«j 
tuosamente.    [Cosi  /*  stampa  di  Ffr.  4TW-J 

.  DEFETTUOSO.  [f-  ^.]  DiJ^t»^f- 
Pn«,  ['935.]  Certa  cosa  è,  «*'''"•*'' /j 
sdenta  umana)  molto  dcfetluom.  [C*"  '" 
stampa  di  »>.  4725.1  -  y.  « 

*  DEFE7JONE.  Difetto.  DieL  S.Greg- 
S.  4.  V^mo  se  cognoscesse  la  nt»  defew»'» 
inrontanenlc  si  parti  da  quella  est*- 


Digitized  by 


Google 


DET 


I)EF 


UEO 


61 


WFKUTDBE.  f".  >#.  Ih/fcatote,  StHJ!- 
emttft.  Vèmid.  jénér,  134.  F*»  (Saittmo)  il 
H-LT  Motore,  e  origiaa  dc^li  Dei. 

BCFICICNTE.  Mmmemnte,  Ck^pHùea.lA. 
dttàtmt  gr.  ciccJM<ire»v.  Za/*.  113.  Quello 
a*M^  fitto,  p«r  dM  U  deScieute  amaaa  pro- 
k  a  MMn.  •  Sfgner.  Imercd,  f .  I.  Sartbbc- 
MlaOi^cH'allMrro  di  viu  non  deficieato. 

•  (  I.  Tmimrm  vaU  CJks  si  itUoMtaHa,  dai 
ittmé  irfcicDt.  C^vlc.  Bspos.  Simh.ì.m. 
Mia  mai»  voloaU  tMm  «  alcuna  cagioa«  «(- 
fioMide.  pcrctocrb'  ella  non  é  altro  »«  iioa  c»> 
■1 4a  Wft*  dcfióento  (lat.  deficiétis  «  ùono.) 

■  ;  $t.  Tm/mrM  è  cvttrario  di  EjficitHtej 
m  0mt*  9«m  mp^rmm/*  f  CMe  mancm  de  pt-o- 
^rr*  ttfHto.  &  ^gott.  C.  D.  19.  7.  Le  ca- 
fvm  ex  yert»  derrsiouì  e  maocamenli,  eoo- 
■  sìeiM  efficieuti,  come  io  dì*- 
Tolcrle  trovara,  tale  è  come 
:  vedere  le  teocbre,  o  vero  adire  il 

•:  DKFRJKflZA.  Foce  di  bms$€t  Utinità. 
Cmtrmru  d*  t'uMScieHim;  JUmncams^. 

.;  BCFICIO.  y,  ^.  iMficic,  EdiJSeto.  D. 
CiM.  Oii.  Imtt,  14.  [ÌU.]  A  cui  edificheni  le 
«dfave  a  etti  elCrt  deficii  neceuari. 

•:  MFIGGERG.  KL.  Fissura,  But,  Purg. 
m.  Orm  fin^  cW  venuto  alla  preaensa  di 
BciCnce  ac.   «bbU  defisso  in  lei  là  occhi. 

.  DEFIMRlf  ^.  ^dd,  CMe  si  può  e  che  si 
dm  da^r*,  TtKt.  Par.  [9.11  detto  fio  qai 
|n*a  cbe  ià  poaaa  nel  definire  ì  nomi  prende- 
re en  J<6ttiinro  nen  nolo  del  auo,  dir«m  cosi. 


UDINIBE.  Dijtmire,  laL  delira,  gr.  &- 

.  DCFlNITtVO.  Add.  Che  definisca,  AlU 
a  d^mir^.  laU  da/fnilivtts.  gr.  òftrwtii, 

•  %i.  A/TK-  ^^  SeHientm,  vale  Cha  tarmi' 
Ju  ,  Oke  riMaivm.  Cmvmlc.  Espos.  Simb,  <t4M. 
Ceém  ^«erto  «  la  definitiva  «eutcuan  di  Gri- 
llai 

•  ^t.  Agg.  et  Uamtùf  vaia  Cba  vuol  daei^ 
daea  di  teO*.  SaÌ¥Ìtu  Disc.  3.  509.  É  tatto 
ufimo  ad  aUkaasare  la  protaosiont  dei  xofìsii, 
wnmìMM  drfaitm  ec.  ,  e  ad  iuseguare  il  vero 
•fere,  a  la  ni|{«ìsione  di  uoÌ  sleui. 

•  DEFCnrO.  jédd,  da  DeJSuira;  Di/- 
fimlra^  Sagmar.  Mann,  iMgl,  4f.  4.  lu  viU 


I  fniestì  aggtudti,  ec 

•  DEFUCTTORE.  raràai-  mase.  Che  [e  Chi\ 
Jkfimisca.  ìat.d^mitcr.  Torrie,  Las.  4SS.  Le 
Unam^tahn  aoiio  libere,  e  poaiono  tarmatù 
à  Wncplaólo  del  reomefn  d^finilore. 

•  %  Oafimiiore,  e  ancka  termÌMa  monasitco, 
ed  i  ii  marna  cha  ti  dà  a  Cola/  che  ipropo* 
Mta  per  assisterà  ai  Gettaraia  o  ai  Provim- 
cuda  meiV  amminisirasione  dagli  affari  dal' 
eOrdima. 

•  DEFINITRICE.  Farbai,  fatnm.  Cha  da- 
JimiMKa.  UC  diindicatrix  ,■  quaa  dirimtt, 
£*«r.  Orai.  %%.  Qneste  due  (jitet%a  e  Sparti) 
•r-  «mK  Oelle  ec.  lampeggiavano  una  per  fa- 
tta di  Sepàeaaai,  V  altra  per  gloria  di  valor*, 
«■■•de  qaella  prudentisHna,  qaetta  arbitm  e 
Ai&ailnce  delle  diarordie  e  delle  guerre  tra' 

ftCFfidZIONE.  Pi/fhtftiona.  lai.  da/ni- 
tém.  (gr.fete^.]  Red.  Con*,  I.  376.  QoesU 
'      r  del  tnmore  la  trovo  ricévuta  sema 
I  veraoB  dagli ^nticbi,  e  dai  inoder- 


n. 


:  DEFISSIONE.  La  siar^ssa.  Bui.  Pttrg. 

l  4.  laaperoediè  non  può  essere  troppe  la 

alla  contempUsiooe  della  Santa  Teo- 


•  BEFLCTTEREw  JVew/r.  Piagare,  Tor- 
«Bv.  Ul.  dmfectare.  Gel.  Sist.  «45.  e  346. 
\'kn  (9adt)  poison  girare  alananto  la  nave, 
•  Mj  dcictter,  Areno  con  l'artimone  dal 
dritte  p«iiio  orientale,  or  verso  Grero,  or  ver^ 
mfc«cco;8kre  sollevando  per  di  sotto  la  ca- 
•aai  petrabhef  far  che  la  nave,  senta  drflet- 
'oa,_sele»eeiB  it  alzasse  e  abhaasesse. 

OCFLOBARE.  F.L.['SvargÌHrtre,  Torre 
d farà  dalla  vergiaitè.]  Ut.  decorare,  vi' 
tiare,  p,  xxr«iff;^/civ.  Frane*  Sacch,  riti, 
6T.Gea  mteMlii ,  rapine,  e  adulterìi ,  Vei^iii 
^*6siiodj  in  vilaf>erii. 

:  BEFLORATO.  Add.  da  Dajtùrnre.  Ut 
***i/«j.gr.  9jivxn9ApM^i.SegHar.Prad.PaL 
^p  %.  16.  Smi  pronti  a  dirglielo  tantr  vedove 


derelitte,  tante  vergini  dbAorpte,  tanti  pnpilli 
dispersi. 

•  DEFLORAZIONE.  T.  da'  Legisti.  Vi- 
s/Soramaiito,  Sverginamentay  Stupra* 

•  .DEFLUSSO.  Scorrimento  d'  umore,  o 
simile,  d' aito  all' ingiù.  Farch.let.  [t3.£ 
(ia  natura  universale)  tutto  il  corpo  eeleite, 
anai  ì  flussi  o  piò  tòsto  deflussi  dei  oor|n  cele- 
sti; e  in  somma  la  cagione  universale  di  tutte 
le  cose.]  * 

:  DEFONTO.  Add.  Lo  stesso  cke  Defun- 
to ,  ma  meno  usato.  Segnar,  Crisi,  instr.  4. 
16.  8.  Qoanli  pochi  sono  coluro,  che  possono 
dire  al  loro  genitore  deroolo  quelle  parole,  cbe 
diceva  il  proreU  a  Dìo.  #:£3.30.  17.  Parche 
tirasse  ciascuno  a  sé  dalla  porpora  del  defonto 
più  bello  squarcio,  nulla  affatto  curavano  del 
cadavero.  HueeU.  Ap.  351.  Dico  ch'allor  ve- 
drai tornar  la  vita  A  quel  delbuto  popolo  scwi- 
merso. 

DEFORMARE.  F.  L.  Difformara.  lat.  t 
formare,  gr.  à/iECV/9oOy.  ;  Ar.  Sat.  f .  Sta 
(la  maglia)  di  buon'  aria,  sia  gentil,  non  dor< 
ma  Cogli  occhi  aperti,,  cbe  più  1'  esser  icìocca 
D'ogni  altra  'ria  deformitìi  delòrnu.  Segnar, 
Pred.  Pai.  Ap.  9.  8.  In  essa  Cristo  rimirò  ec. 
eoa  quante  spine  dovea  crùdeltuimamente  ve- 
nir trafiUo.  cun  quanti  sputi  deforbuto. 

•  DEFORMATO.  Add.  da.  Deformare. 
Castigl.  Corteg.  %.  86.  Cosi  restò  ou  de*  più 
belli  e  disposti  corpi  del  mondo  deformalo  e 
guasto  nella  sua  verde  etì. 

DEFORMAZIONE.  Mutaalona  in  brutto. 
Ui.  deformano,  gr.  kpop^oL.  l  Paltav.Stor, 
Conc.  3.  636.  Ciò  sembrargli  piuttosto  defor- 
Busiooe,  spirando  alterigia ,  e  non  umiltà  ec- 
clesiastica. 

n  DEFORME.  Add.  Fuor  dalia  comune, 
e  debita  forma.  Sproporzionato,  Brutta,  lat. 
deformis.  [gr.  4p0pf0i.]  Lih.  adora,  donu. 
Le  femmiac  deformi,  che  vogliono  apparir  bri- 
le.  Fir.  Diat.  hall,  dotin.  847.  Se  nn  cavallo 
ftikio  senaa  peli,  e'  sorebbe  deforme. 

•  ;  S  I  .Bfignratam.  **  Cas.  tett.tO.  Avendo, 
come  ho  detto,  aspetto  di  virtù,  può  ingannare 
più  agevolm«ite  gU  nomini,  e  speaialmeote  i 
giovani,  che  non  possono  gli  altri  viaii  più  de- 
formi. » 

l$t.  Aggiunto  di  voce,  vaia  Spiacente, 
iVoH  grata,  m  Bocc.  no».  41.  3.  Colla  voce 
grossa,  e  deforme,  e  con  modi  più  convenienti 
a  bestia,  che  ad  nomo,  quasi  per  ischemo  da 
tutti  era  chiamalo  Cimone  ••. 

DEFORMEMENTE.  Apverh.  Con  defor- 
mità, lat.  defarmiter.  gr.  oiXay_p&^.  Sagg. 
uat.  esp.  118.  Un  altro  ranocchio  gonfiò  an- 
che ^li  deformemente;  e  dopo  ch'egli  ebbe 
gettata  roba  per  bocca,  e  fatta  grandissima  ha* 
va,  ritornato  a  vedere  a  capo  dì  una  raeax'ora, 
si  trovò  morto. 

«  DEFORMISSlHAMENTE.&i;wr/.rf/  De- 
formemente.Ut.  turpissime.  gt.eiXwxtTro^  Se- 
gner.  Pred.  5.  3.  Fece  egli  a  ciascuno  dì  essi 
profondissimamente  radere  il  capo,  come  a  tan- 
ti srhìaTi,  e  come  «  tanti  bumni  deformisi* 
mamente  troncar  la  barba. 

DEFORMISSIMO.  Superlat.  di  Deforme, 
lat  maxima  daformis,  gr.  àe)o;juQv<Tr«erO(. 
/V.  Giord,  Pred.  R.  Fosse  piccola  della  per- 
sona, e  eoo  volto  defbrmiuìmo.  GhIcc.  Star. 
9.  418.  Diventati  d'aspetto  deformissimi ,  re- 
starono inutili. 

DEFORMITÀ',  DEFORMITADE.  e  DE- 
FORMITATE.  Bruttesia.  lat.  daformitas. 
gr.ÒLfiiOpt^K.  Frane.  Saceh.  nov.  9.  Non  con- 
sider<tndoal1a  deformiti  della  sua  persona,  che 
era  ptccbiìssimo  indice.  Maastrms,  f.  18.  Se 
egli  ancora  per  colpa  sua  cadesse  in  pìccola 
deformità,  per  misericordia  è  sostenuto  n^li 
ordini  rìeevnti  ;  ec.  ma  se  il  membro  era  gran- 
de, e  manifesto,  eaiandie  che  sanaa  sua  colpa 
r  abbia  perdnto,  i  impedito  per  la  defunuiU, 
e  scandalo.  Lib.  Adom.donn.IionDVf  e  donael- 
le  per  aosaa  deformiti^  odiose.  Lib.  Amor.[5^.] 
Adunqne  perchè  la  deformìtj  dei  membri,  per 
ardimento  naturale  venuta  [^1,  ce.  fir.  Dtai, 
ball.  dona.  417.  QncUa  quasi  valle,  che  dal- 
la collottola  alle  reni  s'abbassa^  vuole  esaere 
pocoaflbnda,  perciocché  alla  propria  deformiti 
£ireld>e  parere  le  spalle  grosse. 

DEFRAUDARE.  Torre,  o  Jian  dare  ad 
altrui,  per  lo  più    con  inganno   [e  per  ÌH'» 


tenziona  rea,]  quei  che  gii  si  perptene,  [  o 
s'aspetta.]  lat.  defrattdare,  su ffUra ri,  frau- 
dare, gr.  [  "fléTrowflffp/^»*».]  F'it.  Pini.  Que- 
sto è  quello,  ch'io  vi'dicea  dìaasi,  che  voi  non 
faceste  forte  uiuuo  uomo  coutr'  a  voi  medenmi 
per  frauda,  che  a  voi  volesse  defraudare. 

**  ji  Defraudar^,  vaia  anche  Privare,  Tor- 
re senza  frauda.  «  Ar.  Fnr,  48.  4.  Benché 
col  roaso  stil,  duro,  e  mal  allo.  Gran  parte 
della  gloria  vi  defraudo.  Had.  lati.  4.  399. 
Per  non  defraudare  V.  S.  llluslriss.  della  d<K 
vnta  cognisione  ec.,  le  mando  qui  ec.  ». 

DEFRAUDATO.  Add. da  Defraudara.Uì. 
def randa tn$,  fraudatus.  Fine.  Bfart.  teli. 
35.  Contro  la  volontà  mia  vi  troverete  defrau- 
dato. 

«  DEFRITO.  Specie  di  viadotto;  ad  è  lo 
stesso  che  Defrnlo,  lat  defnttnm.  gr.  2^/UC. 
Paìlad.  Ottobr.  48.  Il  defrilo  si  dice  quasi  a 
deferveuilo,  quando  il  mosto  ha  avuto  nella 
caldaia  un  grosso  bollore.  [Molti  Codici  han- 
no: Oefrico.   Forse  la  t'era  lezione  è  defruto.] 

*  DEFRUTO.  Motto  che  bollendo  è  spas' 
saio.  Cr.  4.  98l  [3.)  Il  defruto  {[  coroéno,  e 
sapa  si  fanno  di  mosto,  perché  defruto]  é  det- 
to dal  bollire,  quando  e  forte  spessato. 

^  DEFUNTO. y^iW.JfoWo;  [e  dicasi  prò-, 
priamanle  di  persona,]  lat  defuncfus,  vita, 
defitnctns.  gr.90CM&y,  rcdvnx««{.  S.  Gio.  Cri" 
sost.  Puollo  nondimeno  vedere,  e  considerar 
ledile  fattene  del  defonto,  e  averne  compas- 
sione. [Qui  la  stampa  di  Firenze  pag.  67. 
/e^^tf;Tatteaie  sue;  e  non  v  è  la  parola  d*. 
funto;  ia  quale  par  altro  trovasi  nella  stamr 
pa  di  Roma  pag.  56.]  Barn.  Ori.  3.  43. 44. 
E  stava  immoto,  a  guisa  d'  uom  defunto. 

*  S  4.  Per  metaf.  aggiunto  di  vista,  vaits 
Spanto,  Accecato,  Perduto.  Daut.  Par.  36. 
Di'  ove  s'appunta  L'anima  tua;  e  là'  ragion, 
che  sia  La  vista  in  te  smarrita ,  e  non  defunta. 

:  S  3.  R  per  Ammazzato.  Ditlam,  3.  39.' 
Mille  dttgento  cinquantotto  appunto  Si  con- 
teggiava,  quando  Corradioo  Tradito  fu  e  per 
Carlo  defunto.  *  Ang.  Met.  3.  88.  Così  AUeo- 
ne  aUn  steso  e  deninto  Dai  cacciator ,  che 
giungono,  si  trova.**  Ciriff.  Calv.  8.  50. Par- 
lami chiaro ,  se  noo  che  defunto  Sarai  qui 
per  mie  mani  ia  un  momento. 

*  i  9,  Defunto,  agg.  di  Mondo,  vale  In- 
forno, presso  u  Dani.  Par.  47.  Su  per  lo 
monte,  che  l'aDÌme  cura;  E  discendendo  nel 
mondo  defunto,  Dette  mi  fur  di  mia  vita  futu- 
ra Parole  gravi  ». 

DEGAGNA. «Sorte  di  rete  da  pescare,  lat 
decagna,  Gresc.  Cr.  41.  53.  4.NeUe  vallif«/ 
pigliano  i  f^sci)  con  gogolaria  e  degagna, 
cou  gradelle,  e  piccole  reti.  (Cosi  nel  ms.  Àtfc« 
ci,  e  ift  altri  testi  a  penna.) 

DEGENFJIANTE.  Cha  degenera,  lat  da* 
generane,  dagener.  gr.  «yC)>iK.  Cr.  40.  45. 
4.  AIcuQe  (agftglie)  in  tm  certo  modo  ignobi- 
li, e  degeneranti,  cbe  appelono  non  solamente 
le  carni  vive,  ma  esìandio  le  morte.  Btil.  Qui 
le  pone  l'autore  per  degeneranti  dalla  lor  tir- 
tuosa  schiatta. 

DEGENERARE.  2'raliguare.  lat.  degene- 
rare, [gr.  ixTpiTtsa&eu.]  Bocc.  nov.  93.  40. 
Nobile  uomo  fu  il  too  padre,  dal  quale  tu  non 
vuogli  degenerare.  Stor.  Ettr.  3.  61.  Degene- 
rando da'suoì  passati  ec,  ha  dato  a'Normanui 
ai  gran  parto. del  nostro  regno. 

:  S  I.  E  per  metaf.  Segner.  Crist.  instr. 
4.  30.  31.  Come  dunque  volale  voi  darvi  van- 
to di  suoi  figliuoli,  se  tanto  d^nvrate  de'suoi 
andamenti. 

i  3.  [B  pttre]  par  metaf.  diccsi  an^ie 
de  frutti,  a  defle  piante.  O.  41.  44.  4.  l  se- 
mi  più  avaccio  trali);nano,  degenerano,  e  imba- 
stardiscono ne'Iuoghi  umidi,  che  nei  secchi. 
*Castigl. Corteg.  1.55.  Irampollide'qualiCd/• 
6er/)  sempre  s'assomigliano  al  tronco,  e  se 
qualche  volta  degenerano,  procede  dal  mal 
agricoltore. 

«*  $  3.  £  in  signif.  ait.,  vale  Far  degenera- 
re, lat  degenerare.  Sodar,  Cult,  Ort.  463. 
Nati  i  semi  (della  medica)  e  cresciuti  uo 
quarto  di  braccio,  non  è  lecito  prima  toccarla 
col  ferro ,  ma  con  no  rastrello  di  l^oo  e  con 
le  mani  nettarla,  porche  se  le  levìn  dìnDanai 
l'altre  erbe  che  la  degenererebbero. 

DEGENERATO.  Add,  da  Degenerare. 
lat  degener.  gr.  ctycvi^.  Slor.  Sur.  [4.  4.] 


Digitized  by 


Google 


•a 


UEG 


DEG 


DEIl 


Ne*  sefuenti  [400.)  anni,  [o  circa)  lo  governa- 
rono [/Vm/»tfri«,]  degeneralo  da  tè  medesimo. 
Morg.  SS.  ns.  E  Tenmente  dal  suo  genitore 
Nou  è  questo  figlìiiol  degeoerato. 

UEGE?!£R  AZIONE.  //  degenerare,  lai. 
liegeneratio.  gr.  ixTponi^.  Dant.  Cohv.  100. 
Qui  s'intende  vilU  per  degeneraùoue,  la  quale 
■Ila  nobiltà  s'oppone.  • 

DEÒNAHENTE.  A%^rbÌo.  Giustamente, 
Meritamente,  lai.  iusfe,  merito ,  iure  optimo. 
gr.  Ului.  Bocc,  nov,  46.  7.  Pensando  a  ninna 
persona  più  degnamente,  cbe  ■  costui,  potersi 
donare.  Dani  Par.  33.  L'altissimo  lume  De- 
gnamente convìen  che  s'incappelli.  G.  /^.  40. 
67.  S.  Fu  santa  colpa  dì  quel  peccato  degna- 
mente punito. 

DEGNANTE.  Che  degna,  lat.  affabili», 
comis.  gr.  tùnoor^opùi. 

DEGNANTISSIMO.  Superi,  di  Degnante; 
Umanittimo,  CortesÌMSimo.  lat.  hitmanissi- 
mus,  beHet^oleiUissimus.  [gr.  XP^^^^^'^H-] 
AfetÙt.  Arò.  cr.  [0.]  Nel  secondo  frutto  ri- 
pensi la  beoìgnissima,  e  degnantissima  eondi- 
sceuiione,  e  tucbinamento  ^  noi  miseri  pecca- 
tori. 

DEGNARE.  /}imoi/rar«  con  gentil  manie- 
ra d*  apprezzare  a/trtti,  e  le  cote  site,  e 
particolarmente  gl'inferiori  ;  e  si  tira  anche 
nel  sentim.  uatitr.  lat  benevole  se  gerere  , 
humaniter['lractare.]  gr.  ftXAv^p«»i:ov  iw 
ròv  noipàx^tV'  Pass.  313.  Sogliono  dire  qitelle 
cotaK  persone,  la  cut  usanza  ella  schifa:  ella 
non  degna  sì  basso,  e  le  pare  essere  sì  grande, 
cbe  le  Tiene  schifo  delle  sue  pari.  Peir.  cans. 
17.  3.  Ella  non  degna  di  mirar  si  basso.  Lih. 
san.  57.  E  ch'io  non  sia  da  le  per  lui  degnalo. 
S  appresso  .*  Degna,  e  di',  come  suoi  :  addìo, 
PioTauo.  :  Pros.  Fior.Sotvin.  letf.A.  1.  511. 
Non  mi  rincbiudo  uè  mi  ristrìngo,  come  i  più 
tanno  ;  cbe  non  donano  se  non  un  cerio  ge- 
nere di  persone. 

•  SI.  Coli*  ausiliare  A^re.  Vii.  S.  Ciò. 
Balt,  ISO.  E  ringraaiare  Dìo  di  rtgrsnde  dono, 
e  beneficio ,  che  ave»  degnato  di  dare  a'  servi 
suoi.  Ornai.  S.  Grog.  9.  31.  Chi  avrebbe  de- 
gnato dì  andare  a  lei  ? 

S  9.  Per  Gittdiear  degno,  dicevole  ;  Com- 
piacersi  per  benignità,  e  cortesia  .-  *  in  giie- 
sto  sensos'uta  anche  nentr.  pttss.Xti.dignari, 
non  gravari,  gr.  cc|'iO&v.  Bocc.  nov.  49.  15. 
Pensando  che  voi  qui  alla  mìa  povera  casa 
venuta  siete ,  dove,  mentre  cbe  rìcca  fu,  venir 
non  degnaste.  Patr.  cans.  10.  9.  Onde  il  Mo- 
tore eterno  delle  stelle  Degn&  mostrar  del  suo 
lavoro  in  terra.  £49.  0.  Non  guardar  me,  ya 
ebi  degnò  creanne.  Pass.  SII.  La  buona  si  è, 
quando  altri  non  degna  di  sottomettersi  alla 
viltà  del  peccato.  Dant.  Pure.  30.  Come  de* 
guasti  d'accedere  al  monte?  Bern.  Ori*  1. 10. 
51.  In  terra  il  re  Agrìcan  lasciò  strasìarlo.  Che 
non  volle  degnarsi  d^ammazxdrlo.  Cas.letl.5, 
Supplico  V.  M.  che  M  degni  d'udirlo  rolla  sua 
benignili  solita.  B  0.  Farcia  quel  tanto,  che 
ella  si  degnerà  comandargli. 

ì  ^  8.  Degnare  uno  per  amico,  o  simile, 
vale  Accettarlo  per  tale  ;  e  dicesi  di  per* 
sona  superiore  ad  inferiore.  Cnr.  lett.ined. 
8.  945.  Dopo  che  V.  S.  Reverendissima  m*  ha 
deguato  per  suo  parente,  io  me  l'ho  proposta 
per  padrone,  e  per  padre.  *  E  leti.  1.  [*99.]  Pro- 
melleli  cbe,  degnandomi  per  amico,  le  rispon- 
derò con  ogni  Vixie  d  offiaio. 

^  S  4.  Per  Far  degno,  lat.  dtgntun  reddere, 
Dant.  Purg.  91.  Se  voi  siete  ombre,  che  Dìo 
su  non  degni.  Chi  v*  ba  per  la  sua  scala  tanto 
a««rt«?  Bitt.  [In/.  91.  408.]  Cbe  Dio  su  non 
degni;  clo^  :  se  voi  siete  anime,  che  Dio  non 
vi  faccia  d^ne  d'essere  in  vita  eterna,  [perché 
andate?]  Frane.  Barb.  17. 19.  Quel  sir  Amor, 
cbe  in  forma  Paresse  lei  di  quel  pregio  de- 
gnare (qui  forse  per  esser  degno.)  *  Cas.  cane. 
4.  4.  Quel  vero  amor  dunque  mì  guidi,  e  scor- 
ga, Cbe  di  nulla  òegaò  sì  nobit  farmi. 

•  %  i.  E  in  signìfic.  nettlr.  pass,  col  ter- 
so caso,  per  Mostrarsi  di  facile  altbordc. 
lat.  benevole,  httmaniter  se  gerere.  Segner. 
Crisi.  Instr.  3.  30. 3.  Curvandovi  come  prìn- 
cipe a  cbi  né  pure  menta  il  nome  di  cavaliere, 
e  degnandovi  come  a  nobile  a  chi  gode  appena 
la  sorte  di  mercatante, 

S  0.  Per  Hicevere  quello  ,  che  è  offerto^ 
propriammta  da  persona  infiriore.  Malm. 


5.  03.  E  «ecìo  stremata  non  gli  su  la  vita,  Nou 
dice  pur:  degnate;  o  a  ber  glluvìta. 

*;  $  7.  Degnare  dell* ^tor e  de' tempii,  vate 
Venerare  ne*  tempii  come  Divinità.  Ovid. 
&mint.  1.  133.  Lo  quale  (Bacco)  se  tu  non 
degnerai  dell'onore  de 'tempii,  tu  lacerato,  sarai 
sparlo  in  mille  luoghi. 

:  DEGNATO.  Add.  da  Degnare,  in  senso 
di  Fatto,  0  HendtUo  degno,  u  Petr.  son.  19. 
Che  fosti  a  tanto  onor  deguata  allora  n.  •  Polis, 
canm.  I.  0.  Alto,  e  muschioso  faggio,  Cbe  sei 
stato  degnalo  a  lauto  bene. 

DEGNAZIONE.  //  degnare,  lai.  benevo- 
lentia,  humanitas,  dignatio.  gr.  ffiXicv^pu- 
ttiot..  Fìt.  SS.  Pad.  [1.  Si.  var.\  (^ouaeguen- 
temente  la  'ncarnaxione  essere  a  lui  posiate, 
ma  in  tal  modo,  cbe  la  sua  dégnaaioue,  e  umil- 
tade  in  prender  carne  non  menomasse  però  la 
degnila  della  sua  deìude.  Coli.  SS.  Pad. 
[3.  19.  43.]  Questa  fu  graiia  di  divina  prov- 
videnaa  con  degnaxione. 

DEGNEVOLE.  Add.  Che  degna,  lai.  «/- 
fabilis,  comis ,  hiimantts.  gr.  ^c2(Kif5^oiiro$, 
Xp^^ài.  Cecch,  Esalt.  cr.  8.  1.  Che  Siroeè 
signor  molto  degnevole.  S  Bncell.  V.  Tib.  9. 
11.  946.  Gli  adi  degnevoli  e  le  maniere  soavi 
e  grate  accrescono,  non  tolgono  stima.  Pros. 
Fior.  Salvia,  lett.  4.  1.  319.  Facendomi  così 
dMnevole,  umano,  comune,  e  popcdare. 

•  DEGNEVOLMENTE.  Awerb.  In  modo 
degnevole.  Magai,  lett.  ['se.  147.]  Le  mosche, 
e  le  untare-,  che  pure  così  famiHtrmeute ,  e 
degnevolmente  ci  favorìscouo.* 

•  DEGNIFICARE.  Degnare,  Far  degno* 
Lor.  Med.  Cam.  1 18.  In  quella  parte  cbe  de- 
gnifica  la  lingua  ,  nella  quale  ha  scrìtto ,  pare 
che  più  presto  riservì  la  laude  nella  materìa , 
e  che  la  lingua  abbia  fatto  l'ufficio  d'istru- 
mento. 

DEGNISSIM  AM  ENTE.  Superlativo  di  De- 
gnamente, lat.  iitstissime.  gr.  itx.mòxattot, 
Medit.  Arh.cr.  [74.]  Il  quale  degnissimamente 
tanto  dee  esser  più  onoroto ,  quanto  maggior- 
mente egli  ec. 

DEGNISSIMO.  Sttperl.  di  Degno.  Ut.di- 
gnissimtis.  gr.  afiflSTfleT«(.  Alam.  Gir,  7.  119. 
Se  non  vi  compungeva  onesta  voglia  Di  cosa  udir, 
che  mai  nèpoi  ne  prìma  Simile  ad  essa  raccontar 
si  si^lia ,  Dt  proM  alta  degnissima  e  di  rima. 
•  Pecor.  giorn.  19.  nov.  1.  Sì  come  uomo 
degnissimo  dello  ìmperìo. 

DEGNITA  ,  DEGNITADE  ,  e  DEGNITA- 
TE.  Astratto  di  Degno.  Ut.  dignitas.  [gr. 
9cf/fle.]  Pass.  189.  Per  la  eccellenzta,  e  per 
l«  d^nità  dell'uSiaio  al  quale  Iddio  l'elesse 
£180.  In  questo  sta  la  degniti,  e  l'eccellcnxia 
della  Vergine  Harìasoprs  gli  altrì  Santi.*  Cor. 
rim,  49.  IMa  dì  più  degnitate  So»  io.  Io  son 
del  cielo  La  prìma  meraviglia. 

•  DEGNITA.  Assioma,  Massima,  ron- 
dando italiano  il  sentimento  delta  parola 
greca  Axìoma;  ma  nott  si  ttser^bbe.nt.  affa- 
titm,  ajcioma.  gr.  «{'lOijuK.  Varch.  Las.  009. 
Frarqnelle  proporsìoni  grandissime  cbe  i  Greci 
chiamano  assiomi,  cioè  degnila,  e  ì  Ialini  pro- 
loquìì,  ovvero  profalì,  e  i  Toscani  prìncipii , 
o  veramente  notìxìe  prìme;  e  noi  Fioreutìui 
le  diciamo  volgarmente  massime. 

•  DEGNITOSO.  Lo  stesso  che  Dignitoso. 
Vit.  S.  Domitil.  300.  Ogni  pietra  preiìou 
Avanuva  il  suo  bel  viso  ;  Ogni  perla  d^nì- 
tosa  Soverchiava  il  fiordaliso  :  Ben  parea  nel 
Paradiso  Colla  quella  rosa  bella. 

J  DEGNO.  Add.  Meritevole; ma  par  che 
abbia  in  si  alquanto  più  di  forza,  lat.  di- 
gnits.gr.  £^i9{.  Bocc.  Introd.  51.  Dtqnanto  o* 
nore  le  frondì  dì  quello  eran  degne,  e'  quanto 
degne  d*  onore  facevano  cbi  n'era  mcrìtamenle 
incoronalo.  Pefr.  son,  5.  O  d'ogni  reverensa, 
e  d'onor  degna.  •  Tac.  Dav.  Vit.  Agr.  387. 
L'ebbe  |fer  degno  d'esser  provato  in  sua  ca- 
merata. Varcìt.  Sfar.  11.809.  Gom  barbara 
in  vero,  e  degna  dì  grandissimo  biasimo. 

•  5  1.  Sin  mala  parte.  Dial,  S.  €reg.Z.Ì%. 
Mandòf^li  direndo  ntiello  ch'egli  era  degno  4,'u- 
dirr,  •  Fir.  Ax.71.  Lo  incerto  arrìdente,  e  con- 
trario al  primo  instituto  nou  può  far  degue  di 
colpa  le  sue  intensioni. 

S  $  9.  Degno  di  fede,  vale  Che  merita  che 
si  presti  fede  a  ciò  che  egli  dice.  «  ^^rc, 
introd.  98.  Siccome  lo  poi  da  persoua  de- 
gna di  fede  sentii» . 


;  S  3.  Degno,  si  dice  anc^e  delle  Cù$t  th 
meritano  d' essere  approvate,  lodate,  atctl' 
tate,  ec,  Segner.  Pred.  10. 4.  Di  grana,  lUentì 
a  quest'  ultima  osservasìone,  ch'e  la  pio  dfgDi. 

•54.  Degno,  significa  teiera  astoUiUm. 
Che  ha  in  si  egregie  qttaliià.  Che  è  d^o 
di  stinta.  Petr.  son  97.  S'acqueti  ornai  il  cor 
vostro  afilìtto,  E  cerchi  uom  degnn,  qusodo  lì 
r  onora.  Dav,  Scitm,  99.  Quando  il  TaBOH 
Teologo,  santo  uomo,  degno  Vescovo,  caaaU 
vecchio  forni  dì  parlare,  quattro  ce  prosm. 
tarouo  un  altro  Hbro. 

;  $5.  Col  dal  ivo. w  Dant.  /n/.a.Medcfiao 
a  ciò  uè  io,  né  altrì  il  crede  ■> .  •  Amm.  «a/, 
904.  Sì  vede  che  'I  corporale  dilrito  iioncco» 
sa  degna  alla  nobiltà  dell' nomo.  Gnilt.  Uu. 
30.  85.  Quelli  cbe  sono  qui  consolali,  aoa  mk 
no  degni  alla  tua  consolasione. 

•  $  0.  Pure  col  dativo  per  Comparaci*. 
Gr.  S.  Gir,  14.  Lo  martino  di  qoetla  »• 
colo  non  è  degno  alla  giurìa  che  ghaaiìci<li 
Dìo  avranno  in  cielo. 

$  7.  Per  Conveniente,  lat.  coavenieiit,  de- 
cena.  gr.  itpiTtw».  Bocc.  nov.  49. 10.  Degno  ci* 
bo  da  voi  il  reputai.  Dant.  Purg.  ILUndito 
sìa  'I  tuo  uonic,  e  'I  tuo  valore  Da  ogni  erta- 
tura,  com'  è  degno  Dì  render  grasie  al  tuo  io\- 
ce  vapore.  Pefr.  son.  48.  Misererò  dui  nìo  noo 
degno  afiànoo. 

S  8.  Per  Eccellente,  Di  grand*  eprt. 
Di  raggit  ardevate  coudisiene.  lai.  tximiut, 
egreginsydignns.  gr.  Ì(v£ptT9i.  Dant.  Pur^. 
3.  Cosi  'J  maestro;  e  quella  gente  (le^ns: 
Tornate,  disse.  Bitt.  Quella  gente  dcgas,  ciot 
l'anime,  cbe  sono  dette  dì  sopra,  che  crsao 
fatte  degne  della  grasìa  di  Dio.  l  Petr.  ejus. 
5.  3.  Deh  qnal  amor  si  lìcito  o  sì  degno;  Qui 
figli  mai,  quai  donne  Furon  msteris  a  si  gin- 
aio  disdegno  ?  Beanz.  99. 7. Quel  che  iu  iltntì 
pena  Tempo  ai  «pende ,  ìu  qualche  alto  pia 
degno,  O  di  mano  o  d'ii^^pio  er.,  si  coaverts. 

•  S  9.  Aver  a  degno,  vale  Degmare,  Hm 
isdegnare.  Fratte,  Saech.  rim.  [I.)  fte  « 
pietosi  versi  tiene  a  sd^no,  Forte  eh'  t' tosi 
avrà  ancora  a  d^no. 

*  S  10.  fi  in  farsa  d'avverbio.  Gnitl.  leit. 
3.  9.  E  io  si  con  voi  doglio,  del  dolce  asiiro, 
non  già  della  ragion  di  vostra  doglia,  aia  dìioi 
che  dolele,  tutto  non  degitu  (cioè  luttocbt  aai 
degnamente.) 

DEGRADARE,  to  stesso  che  Digredtr^- 
lai.  'degradare,  [gr.  «Tfjaow».]  Guict.  Aw; 
13.  049.  Furono  Alfonso  ec.  degradati,  e  asti 
alla  corte  secolare. 

DEGRADATO.  Add.  da  Degradert.  U. 
de  gradii  deiecttts.  Maestruts.  1.  97.  Noli, 
che  'I  Vescovo  non  può  restituire  il  diradato, 
ma  solo  il  Papa. 

DEGRADAZIONE.  L'atto  del  degredart. 
UK,dignitatis  spoliatio.  •  Magai. leti,  scient. 
[*13I.Ì  Era  il  discorso  della  solenne  degradi- 
lione  de' bruti  da  animali  sensibili  a  puri  ia- 
sensibili  automati,  o  oriuoli.  *S  Gnicc.  ^f- 
3.  105.  Coneorreiìdu  allo  spettacolo  della  de- 
gradaitone,  e  del  supplìcio  non  minor  namen 
d'uomini,  che  il  di  destinato  a  hr  l'esperÌMaato 
d'entrar  nel  fuoco. 

«:  DEGUSTARE.  V.  L.  Gtutare.Utr 
S.  Grog.  90. 37.  Cominciano  a  degustare  quello 
cbe  nell'altra  vita  avranno  di  gaudio. 

1  DEH.  Interiesiona  deprecativa  ,  ri*#, 
che  s'adopera  in  pregando,  lai-  ah,  oh,qtisS' 
SO,  per  Denm.  gr.  wij  Ac'ac  Bui.  luf  **•  '• 
Deh  è  interìeaìone,  che  significa  deprecasiose» 
ed  esortaaione.  Bocc.  hov.  9.  0.  Deh,  anico 
mio,  perchè  vuo'tu  entrare  iu  questa  WcsJ 
Dant.  Purg.  5.  Deh  perchè  vai  ?  deh  perche 
non  t'arresti?  Petr.  son.  939.  Deh  non  rioao- 
vellar  quel,  cbe  n'ancide. 

S  1.  Talora  è  Interiezione  esclamative. 
lai.  vah,  prò.  gr.  ytu.  Bocc.  nov.  4.  8.  D^ 
|iercbé  non  prAido  io  del  pìacre.  quando  io 
ne  posso  avere  ?  S  nov.  95.  9.  Deh  qnanlo  nel 
feci  a  non  aver  miterìcordìa  del  Zina  aio? 

S  9.  Talora  è  interiesion  parritivm.  Bore, 
nov.  79.  8.  Deh  audalo,  andate:  oh!  (a«oo  » 
preti  cosi  fatte  cose  7 

♦  S  3.  Talora  è  Interiezione  Interrogali^^- 
m  Petr.  cans.  5.  3.  Deh  quale  amor  si  licitai 
o  si  degno,  Quai  figli  mai,  qnnì  donne  Furon 
materìa  a  sì  giusto  disdegno  n?  /7ws.  90.D«bo 
soboroiscimi  tu,  tessendo  con  ragione  uod  i»pit- 


Digitized  by 


Google 


DEI 


DEI 


DEL 


03 


^ci«lrlik«isto;«elqnaIe  on  oncle  tn  eKhi 
oÉit,  f  cimJc  «e^utnU  csckì  ;  or  pieghi  tu 
(«ck*atf»T%liMO  di  divÌM  àmplieilaile  ? 

(  I  B^,f0r  U  stesso  che  Ma.  Uu  sed, 
1^  X«A.  t6D^  Deh  cbe  dich'io?  l'aruaU 
4à  ft  RoWfto,  ^nalors  egli  la  fec«  maggiore, 
Uh  uMtmt  coacate»aU  ec  a  graoduiimo  agio 
ttpilRUe  cuere  aalnU. 

•:  5  1-  Ttl^rm  eqnii'aU  a  Di  grasia.  l^t. 
nf«,  fHMf*.  Oa>«/.  ^.  Greg.  S.  40.  S«  al- 
am  foteaU  guadasse  ad  invitare  qualunque 
pnvi  penaaa,  deh!  che  fiirebbr  quello  po- 
ma, ic  Boa  che  lì  goderebbe  d'esaa  iavìl^ 
Boat? 

•  DOCIDA.  Quegii  ehm,  tinanio  e  per  tè, 
ituttiitt  di  Dio.  SegMcr.  Ctist.  instr.  9^ 
t  tl.Pv«lUo  ^lì  fa  vero  deicida,  comapor 
ÌK»oàk  i  «gai  pcrreno.  il  quale  co.  \Pros. 
Fw.  %.  Vn.  ChianaDdo  col  pome  di  ami«> 
^•eU'cBfio  t^  per  l'opera  infame,  di  fcon^ 
lctat^  Ìl  tnAorv,  di  deicida  ? 

•  DCIOfllO.  Horte  iiiteniata  tornirò  Dio. 
Stfur,  Cria.  inar.  3.  15. 17.  L' itUuneuto, 
per  cai  ■  ciéUeò  quello  deid^o,  fu  quella 
4iaaa  «ub  di  ruì  più  che  Dio  ile«so. 

.  oacou.  r  l.  CnUor  hì  dìo,  ru. 

Slféi,  1.  II.  Lo  cbiaDiaTaDo  deicola,  doÀ 
wm  ji  Ballar  derosioae. 

.  DOETTO.  y.  X.  Dibatsoto,  abbietto, 
AmiH* ,  Umitiato.  lat.  deiectns.  gr.  xQera- 
^ì^li;.  Cèpole.  Ptuig.  46.  E  però  conchiu- 
4Crift0,  che  chi 'l'umilia  fia  cullato,  e  chi 
a  ulta  fis  «aiilìato,  e  deìctlo.  E  SS.  Non  è  di 
oàiiui  pcrCnioiie ,  e  religtoae  abbondare  di 
hai  icaporali,  ma  più  pretto  d'essere  deietlo. 
S.  Già.  GriMost.  E  la  per  questa  cosa  ec.  pos- 
ti bcaan  nostri  dissoluti  costrigoere  e  rìdu- 
«rt  a  amoscineuto  di  s^,  e  1*  anime  deiclte  , 
(  At  itMÒono  a  (erra,  rilcrare  a  stalo  di  vìr- 
Il  *;  Trmtt.  <^'r.  33.  Amate  che  siano  pò- 
nri  perqàrìto  e  volontà  deielti  e  spressati. 

•  DEIEZIONE.  [K  L-]  Jbiexiotte.  Dini,  S. 
Crtf.l.  I.CoaM  se  cogisoscesse  la  sua'deirsio- 
ac.  Ìa«M(Ì8«irte  si  partsc  da  t]iiella  casa.  Ca~ 
^eie^S^èt-Simb.  \.  57.  Per  la  deiexione,  nella 
faslf  live  quando  questa  Fede  lassò. 

DEinCAMENTO.  //  deificare.  laC  apo- 
■*nsi«.  cr.  kz^iuni.  OH.  Cam,  J»f,  7.  (  1 07.] 
Q— *»  •rfcimeiito  attribuiscono  ['elli  a  loro, 
pmU  fa  slcnan  trovatore)  d'alcune  arti,  tic- 
«w  ExaUpio  la  medìciua ,  Vulcano  U  fab- 
kia. 

<:  DEIFICANTE.  C/ie  dei/ca, 

^DEIFICARE.  ^Hnofermr  tra  griddii. 
■f.  Dmum  tffcv^,  '*'*  Deoivc*  utinterwn 
'<Utrihtn.  gr.  [gciroà«0VV.]  Gttid,  G.  Vollero 
^  letti  gli  Assirii  credessero,  che  Belo  fosse 
jf*««fc  •:  TmsM.Ute.Z.  l86.Conleiilatevi 
'***'■>  mroaalo,  aensa  voler  deificarmi. 

•  $  I.  £  Houtr,  psss.  Rtfpntmrti  simile  il 
fl"»..  C^le.  Discipf.  spir.  [17.  wr.]  E 
"**  r^riadusima  iu^uria  a  Dio,  che  l'uomo, 

■  V*  *  creatura  ,  quasi  deificandosi,  dea  a 
*  isaore,  che  solo  si  conviene  a  Dio  »  ? 

$1.  ^  «TH/r.  pmss.  per  Ester  beatiJicatOy 
•fltnfeato.  Filoe.  1.13.  Colui,  che  per  dei- 
■*■  mtenae;  che  di  lui  fosse  fatto  sagrìficio 
*t^  U  grata. 

t  S  )■  Deificmre,  in  tignile,  ueutr.  pass. 
•J**  rWare  Diwetur  divino,  beato.  Sah. 
^*>  S.  SS.  Fruiva  quella  dolcessa,  e  quel 
PiUa  che  seste  1*  anima ,  che  si  «leifica  ,  e 
'»paradu«.IUfio«. 

!  S  A  Deificare,  per  timilit.  vaie  ^cea- 
*^^r  $raiuUm»Hte,  Fare  oggetto  di  ogni 
f'*'i*M,  Fere  come  oggetto  di  enfio.  Otf. 
^^  '"/.  S.  fi.  La  quarta  cosa  è,  che  motta 
2Ì**  ••  i*  a  Dio  (elli  dei6ca  il  venire  in 
J2*  *  ^«)  •  ^«1  Tempio  dello  Spirito 
^*«  um  lago  (^i  ace^twa  al  quorum  Deus 

t  J  5.  Deificare  una  cosa,  *  una  persona, 
*w  Ke^daria  di  perfesione  come  divina. 

■•  Uidutno  iuge^o ,  qnauto  per  la  perfe- 
^  *  quelle  virlu  ,  che  le  deifica  V  animo. 

jlr'i*'*'*  *'•  '^*l"*'  "™  betiedrissan- 
'  **^  ddla  mente,   e  coogiuugeudo  h 

••■•t  »  Dio  eterno,  deifica  la  mente  a  sé  unita. 
•1  K  S.  Deificare  ,  vaie  anche  Esaitare, 

w«n/fan,.CWr.  Com.rrtH*.  279.  QuesUcan- 

^*  e  uiiu  in  genera  dimostnlivo,  non  sola 


mento  per  lodnre  ,  ma  per  celebrare  e  deifi- 
care la  casa  di  Francia. 

DEIFICATO.  Add.daDeiJieare.Ux.  Deus 
eff'ecttis.  gr.  ^cu^ii;.  Dittam.  5.  f .  Dove  i  due 
^ratt  Castore,  e  Polluce  Deificati  ciascun  si  di- 
segna. Fr.  iac.  Tod.  5.  90.  9.  Nò  la  mente 
può  cantare;  Sentomì  deificala.  7eo/.  Mist, 
C8Ì.]  Ordinati  in  Dio  ,  «•  tutti  deificati,  e  fdtki 
Iddii  per  ruoìta  dell'amore. 

DEIFICAZIONE.  //  deijScare.  lat.  deijS- 
catto,  gr.  dlwffts,  «7ro3-cun$,  Òtonciviiti.  S. 
jégoit.  C.  D.  Non  sì  crederebbe  Sdptone,  che 
la  vergogna  d'una  laudabil  douna  per  la  dei- 
ficasioue  si  potesse  tanto  mutare  ec,  che  la 
potesJDoo  inclinare  ad  esaudir  li  suoi  cultori 
cou  tali  onori.  But,  Bar.  0.  I.  Proculo  lulo 
disse  il  popolo,  che  gli  era  apparito  RomuIo| 
e  detto  gli  avea  la  sua  deificazione. 

DEIFICO.  Jdd.  Divino,  Che  tien  del  di- 
vinò, lat  diviimi.  gr.  Sfijx^;,  !^<(0$.  Lih. 
F'iagg,  \  i  il  luogo,  dove  furono  trovate  le 
deifiche,e  sante  reliquie,  cioè  la  santissima  Cro- 
ce. Ott,  Com.  Par.  97.  [599.  Giove  innamo- 
ralo d 'Europa  ec.,]  Usciata  la  deifica  fonna,  sì 
mostrò  essere  un  bellissimo  gioveuco.  •:  S. 
Bonav.  Specch.  Fit.spir.  162.  O  parole  dei - 
fiche,  e  più  penetrative,  che  ogni  coltello  di 
due  punte  ! 

DEIFORME.  Jdd.  Che  ha  forma  divina. 
lat.  'deiformis.  %t.  Òtoit$M'  Dnnt.  Par.  9. 
La  concreata,  e  perpetua  sete  Del  deifurtne  re- 
gno cen  portava.  Bnt.  Cioè  del  regno  di  vita 
eterna,  del  quale  regno  Iddio  è  forma,  e  però 
si  dice  deiforme. 

*  DEISCERE.  Aprirti,  Spalancarsi,  fo- 
ce Latina  da  non  usarti  che  per  necestità 
di  rima  sdrucciola,  lat.  dehiscere.  Sannas, 
Egl.  19.  E' ti  parrà  che  *l  ciel  voglia  deìscere. 

*  DEISMO.  Dottrina  del  Deista.  Magai. 
Utt,  [Alt.  38.  Non  così  il  Deismo  (chiamiamolo 
così.)  Esso  va  giSi  d'accordo,  che  Iddio  ci  è  ec.] 

*  DEISTA.  Colui,  o  Colei,  che  ammette 
UH  Dio  come  primo  principio  deltuntverso, 
ma  non  riconosce  nessuna  rf/igiotte  rivela- 
ta. Magai.  Utt.  [^t.  38.  I  Deisti  no;  senti- 
rauno  louare,  eh  egli  è  Iddio,  che  dubbio? 
ma  ei  tuona  per  suo  gusto.] 

^  DEITÀ,  DEITADE,  e  DEITATE.  Divi- 
Hitàf  [Estensaf  Calura  divina.]  lai.  deitat. 
gr.  3«ÌTiji.  Bocc.  leti.  Pin.  Ross.  985.  Molli 
furono,  che  lui  dissono  esser  mago,  la  sua  dei- 
tà negando  in  tutto.  Nov.  ant.  77.  t.  Peosos- 
si ,  che  divolgarissar  la  sriensia  si  era  meno- 
mar la  deilade.  ^met.  8.  La  quale  laute  fiiite, 
Quant'  io  v^gio  onde,  tante  son  costretta  Di 
mio  padre  onorar  la  deitade.  DaiU.Par.i.Che 
partorir  lelisia  in  sulla  lieta  Delfica  deità  dovria 
la  (ronda  Penda. 

*  S  Talora  si  prende  anche  per  lo  stetto 
che  Dio.  m  Serm.  S.  jfg.  D.  Sono  queste  I  re  per- 
sone una  roncordia,  una  volontà,  una  divinitìi,e 
uua  deili  m  . 

DEL.  Quasi  DI  EL,  che  in  vece  dilL  usa- 
to fu  da' più  antichi,  onde  si  formano  le 
particelle  DELLO,  DELLA,  DELLE,  DEL- 
Ll,  e  DEflIJ,  che  neW  tesarle  con  apostrofo, 
o  acc9rciate,  teguono  la  regola,  e  forma 
che  si  è  detta  in  Dallo;  e  «wàtf  ciò,  che  ti  é 
detto  in  D^'  coli'  apostrofo  a  tuo  luogo.  E 
segno  dal  secondo  raso.  Frane.  Sacch.  hov. 
9.  Pervenne  alla  porta  de!  palazzo  del  Re. 
Boce.  Not».  97.  19.  Tulio  il  lor  desiderio  han- 
no posto,  e  pongono  in  ispsveulare  eoa  romod, 
e  con  dipinture  le  mentì  degli  sciocchi.  B  g. 
6./.  9.  Asmi  volte  già  ne  potete  aver  vedu- 
ti, io  dico  delti  re  di  scacchi.  E  nov.  77.  4. 
Coloro,  ne*  quali  è  più  l'avvedimento  dell* 
cose  proftmde;  più  tosto  da  amore  essere  inca- 
pestrati. Lab.  399.  Io  aveva  colla  fronte  bassa, 
siccome  coloro,  che  il  loro  làllo  riconoscono, 
ascoltalo  il  lungo  parlare  dello  spirito.  Cr,  4. 
91.  t.  Approsiimaiidosi  il  tempo  della  vedem- 
mia,  da  apparecchiare,  e  accondAr  sono  le  lina. 

*  $  t .  Talora  accenna  convenienza,  Bocc, 
g.  9,  H.  9.  Dicendo,  questo  non  essere  della 
fede  che  aveva  in  Ini.  E  nov.  50.  E  lutto  que- 
sto è  del  dolor  mio  (cioè  non  è  conveniente 
al  dolor  mio,  alla  fede  er.) 

*  S  9.  Nota  Hsi.  Bocc.  nov.  3.  Gran  parte 
delle  loro  possessioni  ricomperarono,  e  molle 
delle  altre  comperar  sopra  quelle.  E  appret- 
to: Acdocchè  noi  possiamo  iusieme,  all'onore 


dì  Dio,  o  del  vostro,  vivere,  e  ultimamente  mo- 
rire. É  g.  1.  M,  I.  Il  domandò  il  sauto  frate 
di  molle  altre  cose,  delle  quali  di  tutte  rispose 
a  questo  modo  (  cioè,  di  tutte  le  quali.) 

•  $  3.  Della,  usato  in  luogo  di  La.  Bocc. 
g.  3.  n.  4.  Diessi  a  far  sua  della  roba  Ccioè  la 
roba)  d'ogni  uomo,  e  massimaroe^^  sopra  i 
Turchi,  f^it.  S.  Gie.  Ball.  P.  IH.  E  anche  li 
dico,  signor  mìo,  che  quanto  alla  volontà  mìa 
fosse,  non  vorre'  vedere  della  morte  tua  (cioè, 
la  tua  morte.)  Pass.  988.  La  qnal  cosa  ci  d, 
manifesta  apertamente,  se  et  rechiamo  a  mente 
delle  cose  delle  di  sopra. 

•  S  4.  Dello,  o  Velia,  in  vece  di  Per  lo, 
o  Per  la.  Gr.  S.  Gir.  67.  Della  letìsia,  ch'e- 
gli hae,  vende  dò,  che  rglì  hae,  e  accatta  n- 
poaoal  suo  uopo.  Bocc.g.9.n.  5.  In  tanta  sosta 
entrò  dello  spesso  veder  costei,  che  egli  non  la- 
vorava punto. 

•  S  5.  [Dei,  premetto  ai  nomi  che  indi* 
ceno  tempo,  vale  iVtt/.]  Bocc.  g.  10.  m.  5.  Io 
voglio  del  mese  di  Gennaio,  che  viene,  appres- 
so di  questa  terra  uu  giardino  pieno  dì  verdi 
erbe.Cr,9.l3.[94.]Sì  seminino  i  lupiui  ne'cam- 
pi  lavorati,  e  nelle  vìgue  del  mese  d'[*Ago»ta.] 
E\'num,  95.]  Poi  del  mese  d'Otlobre  con  le 
cappe  gli  tagliano,  e  poiigonli  ne'  solchi. 

«se.  Per  Con ,  o  Con  lo  ec.  Pass.  98. 
Cristiano  del  sangue  di  Cristo,  ricomperato,  e 
mondato.  E  969.  L*  umilia  non  può  esser  vìa» 
la;  perocché  delle  ferite  iuirigorisce,  delle  in- 
rcrmìlìi  rinfuraa,  della  povertà  arricchisce,  del 
danno  cresce,  e  della  morte  rivivìsce. 

•  S  7.  Per  Jl.  DiiHt.  Inf.  9.  34.  Perchè  %9 
del  venire  io  m'  abbandono  {cioè  s*  io  mi  ab- 
bandono al  venire).  £113.  Poscia  che  m'ebbe 
ragionato  questo.  Gli  occhi  lucenti  lagrimando 
volse;  Perchè  mi  fece  del  venir  più  presto. 

S  S  8.  Del,  in  certe  locnsionì  ti  pone  tra 
due  nomi,  il  primo  de^ffuélifa  le  veci  d'ad' 
dieltivo  ,  e  serve  ad  etprimgre  la  qualità 
dei  secando.  Fir.  Disc.  au.  9.  Accouseniì  il 
semplice  dello  istrice.  •  Sold.  Sat.  3.  [98,] 
Ma  quel  frugai  del  figlio  di  Inerte.  Dav, 
Scism.  [81.1  Abbracdavauo  per  iscaropo  que- 
sta favola  del  nuovo  vangelo. 

•  S  9.  Dei,  per  Di.  Cattale.  Jtt.  Àpost, 
163.  Temendo  li  marinai  pure  di  perire,  pro- 
curarono pure  del  fuggire. 

•  jj  *0.  Usasi  anche  Degli  per  ripieno. 
Bem'b.  Prot.  I.  H.  Io,  questo  che  esso  dice . 
ho  giÀ  udito  dire  a  degli  altri  Crioè  da ,  o  ad 
altri.)  E  19.  Il  che  fecero  assai  sovente  ao- 
cora  degli  altri  poeti  di  quella  lingua,  e  sopra 
tutti  Giraldo  Brunello  (degli  altri,  cioè  altri.) 
E  39.  Alle  nostre  comiiosìiiont  tale  forma  ,  « 
Ule  stato  <i  dia  ,  che  elle  piacer  possano  in 
ciflfcuira  et»,  e  ad  ognt  secolo,  ad  ogni  stagione 
esser  care  ;  il  come  diedero  nella  Ialina  lingua 
a'Ioro  componimenti  Viglio,  Cicerone,  e  do- 
gli altri;  e  nella  greca  Omero,  Demostene,  e 
di  molti  altri,  ai  loro. 

:  $  11.  jff  così  pure  Delle.  Ep.  Ov.  Hem. 
Fior.  16.  904.  Ma  tu  dirai  che  pur  delPallre 
Mino  Agli  amanti  talor  cortesi,  e  p««. 

•  S  19.  Del,  0  Della,  per  Dal,  o  Dalla. 
Bocc.  g.  h.Jln.  In  pie  sì*  levò,  e  della  testa  si 
tolse  la  laurea.  Salv.  ^wert.\.  3.  S.  47.  Tin- 
tìllani,  che  del  suo  nascìmeulo  ha  perduto  le 
sue  ragioni,  ed  è  divenuto  un  vocabolo. 

•  %  13.  Nota  elltsi.  Borgh.  Tote.  391. 
Sentendo  Tost-ana  ,  e  vedendo  antichità  e  po- 
tensa,  senaa  pensare  più  oltre,  la  fanno  subito 
delle  19  Ccioè  una  delle  19  dtlà  delta  To- 
scana.) 

•  $  14.  Della.  Notisi  che  a' nomi  delle 
femmine  ti  usa  preporre  articolo  e  segua' 
cato ,  anche  teguendo  il  cognome,  e  senta 

Jlne  di  dislinsione  ,  o  d'eccellensa.  f^it-  S. 
Domitil.  969.  Giugiiemmo  all'isola  Ponsiana, 
la  quale  nohllitòe  la  stansia  della  Flavia  Do- 
mililla,  nobitisiiuia  vergine. 

J  S  43.  Del  ,  o  Della  ,  per  Tha.  lat.  ex  , 
inter.  Gttid.  G.  9.  3.  O  genliUuima  delle  Don- 
ne, io  umilenienle  voglio  essere  vostro  marito. 

DELATORE.  Coltti  che  riferisce  in  gin* 
diiio  gli  altrui  falli  ;  Spia.  lat.  delator.  gr. 
ouxofAvT^^.  Fir,  Disc.  an.  HO.  Con  queste 
parole  fece  fine  ti  filosofo  al  suo  ragionamen- 
to, avendogli  per  f|ue]  dimostrato,  <|nwiito  i  si- 
gnori sì  debbano  guardare  dagl'ingaum  degl'in- 
vidi  delatori. 


Digitized  by 


Google 


DEL 


DEL 


DEL 


•  DELAZIONE.    7*.  da'  Lts*$ti.  Jccusm 

•  DEL  CERTO.  Posto  aworh,,  vaie  Cer- 
Umeuto.  ¥.  CERTO,  tutverb.  $  I. 

•  DEL  CHIARO.  Posto  aworbiitlm.,  t-aU 
ChiaramgHtdj  CertamentCy  Di  Chiaro,  t^ar^ 
eh.  Erc^  Dite  voi  cotesto  per  immagiiUBtone, 
o  pure  lo  sapete  del  chiaro? 

DEL  CONTINOVO,tf  DEL  CONTINUO. 
Posti  aìH'erbiaim.ffagìtoHo  Continuamente. 
III.  assidue,  gr.  i-rttXtx^i^  auy(;i^(.  G.  V. 
6.  77.  %.  Quella  (campana)  del  conlinoTo 
*oaaTa  di  di  »  e  di  notte.  Pass.  860.  Ancora 
dalla  parte  dì  fuori  aouo  cagioni  di  «ogni  Tar* 
ti,  gli  officii,  i  lavorìi,  e  ogni  mestìero,  e  traf- 
fico che  ti  fa  del  eootiuuo  con  istudio,  e  con 
•ollicitudiue.  X  Beliin.  Disc.  I.  89.  Si  rifaccia 
^li  a  momento  a  momento  del  continuo,  o  si 
lasci  passare  qualche  gran  parte  del  dì  senta  ri- 
fame punto  o  pochìsaimo. 

•  DELEGANTE  Ch0  deiegn.  Segnen. 
Porr,  instr. 

)  DELEGARE.  T.  de' Legai i.  Depilare. 
lat.  delegare,  gr.  inirpivuit  ni4  n. 

«  $  Jì{ferito  mila  cosa,  vale  Commettere, 
e  Rimettere,  ai  modo  del  etimi  che  diceva- 
Ite  :  delegare  muout,  n^utium,  ec  mAr.  /W, 
45.  113.  L'Imperator  ne  qua,  né  U  ri  piega, 
Ma  la  causa  rimette  alla  ragione,  E  al  suo  par- 
lamento la  del^a  ». 

DELEGATO,  jédd.  da  Delegare  ;  e  dice- 
ti  ai  Giudice,  che  "i  depilato  dal  Princi- 
pe ai  gindicio  d' nna  canee  particolare,  e 
ai  Giudice  della  causa  commessa.  Ut.  de- 
legetus,  gr.  Ttefimó^  G.  V.  lì.  42.  S.  Im- 
petrasae  tn  corte  di  Papa,  o  appo  altro  Lega- 
to, lettera  o  bnvilegio  di  giudice  delento  in 
sua  causa.  MaCitruzs.  3.  IO.  Puote  il  delega- 
to iacomunicare  di  scomouìcasioiie  maggiore  co- 
loro, i  quali  participano  nel  favellare  collo  aco- 
■nuuicatoda  luì?  B  9. 41. Quel  medesimo  cre- 
de del  giudice  delegalo,  se  gii  probabilmente 
non  si  dubitasse  della  sua  antoritade. 

DELEGAZIONE.  ['  T.de' Legali.  Commis- 
sione, Facoltà  dota  ad  alcuno  di  poter  esa- 
minare,  sentenziare,  ec.  ]  laU  delegatio.  gr. 
htixpOTt^.  Dav.  Scism.  34.  Non  le  fu  ammes- 
so, se  ella  iioo  mostrava  della  dcl^asiou  lo> 
ro  rivoca mento. 

•  DELERE.  y.  L.  Cancellare.  Uh.  son. 
5.  Parce  pur  noodimeno,  e  da  te  dele  Ogni  ru- 

riurer  me,  uuuvo  Dantista.  «:  Fìloc.  7.33r 
se  gran  parte  de*  peccali  del  tuo  suocero  per 
costui  ce.  deleta  non  Ibss». 

•  DELETO.  y.  L.  Jdd.  Distrutto.  Bocc. 
jtmet.  [90.]  I  qnali  poi  che  (con  lui]  misera- 
mente nel  rampo  Piceno  furono  deleti. 

DELETTABILE.  jtdd.  DileUabile.  ♦  Ca- 
vale.  Bspos.  Simb.  0.  448.  Nelle  creature  ha 
]'  uomo  esercisio  di  temperansa  ìu  àò,  che  so- 
no belle^  e  defettabili.  Esp.  Pai.  Ifost.  35. 
Amore  è  più  deleltabìte  a  nostra  natura  che 
altra  cosa  **  Leti:  Hom.  G.Cr.Xja  mani  sue, 
e  le  bracria  delegabili  al  vedere. 

DELETTA  BIUSSINO.  Superi,  di  Deiet- 
labile  ;  Dilettabilissimo.  Cuitt.  lett.  3.  Dice 
esser  cosa  deleltabilissima,  e  giocondissima  so- 
pra tutte  ottime  cose. 

DELETTA  MENTO.  Dihttamento,  Dilet- 
tasione.  lai,  ddectatÌQ.gt.ripnhèX^.  Fr.iac. 
Tod.  6.  18.  14. 0  fiume  vìvo  di  delettameuto. 
Che  lavi  ogni  fetore,  e  dai  conforto. 

•  DELETTANTB.  Che  dilette. 

•  DELETTARE.  K  L.  Lo  stesso  che  Di- 
lettare. AlaestrnMS.  9.  H.  7.  Se  alcnuo  fa 
questo  per  inlennune  di  deiettare  cc,sari  chia- 
mato lusingatore,  (^tt.  iett.  S.  IO.  Non  è  gii 
da  deiettare,  e  bel  dire  ciò  che  delettoso  ap- 
|tcllan  tali. 

•  :  S  Kneuir,  pmst.  Medit.  jfrb.  cr.  51. 
Qne'ch'cran  venuti  per  vedere  e  deiettarsi  nel- 
la Sin  passione. 

DELETTAZIONE.  Dilettazione.  laL  de- 
ieetalio.  gr.  rip^;.  Mfaestntzx.  *.  33.  Tre 
cose  sono  quelle,  per  le  quali  si  empie  il  pec- 
calo mortale  :  per  suggestione,  per  delcttasio- 
u«s  «  p*r  consentimento. 

.  DELETTO.  /'.  L.  e  J.  Scelte.  Guitt. 
iett.  3.  0.  Deletto  ho  meOìerì:  seguendo  dirò 
umprìcìemenle. 

•  S  «.  [iVr  Scelta,  e]  Le^  di  eoidafi  [in 
servizio  delio  stato.]  ìéU  ddecfus  miittum. 


Segr.  Fior.  disc.  3.  80.  Intendendo  il  Senato 
romano  come  là  Toscaiiiitiitta  aveva  follo  nuo- 
vo delcUo  per  -venire  a'dannì  di  Roma,  ;  S 
jtrt.  gtterr.  I.  19.  Seodo  per  tanto  necessario 
(per  la  guerra)  prima  trovare  gli  uomini, 
conviene  voatre  al  deletlo  d'essi,  che  così  lo 
chiamavano  gli  antichi  ;  Ìl  che  noi  diremmo 
scelta.  E  28.  Deletto  sruol  dire  torre  i  migliori 
d'una  provincia,  e  avere  potesti  d' el^gere 
quelli  che  non  vogliono,  come  quelli  che  vo- 
gliono militare. 

*  $  9.  Per  Dfscemisnenio,  Bern.  Ori.  I. 
97.  3.  Vedete  se  1*  iutendon  uoamente,  Se  U 
lor  gindicio  ha  prudensta,  e  deletto? 

*  S  3.  Per  Diletto  j  [ed  è  pure  V.  jé.] 
Guitt.  lett.  S.  16.  Molti  uomini  sono  servi  dì 
volontà,  bestiale  vita  allegxoudo,  seguendo  de- 
letto corporale.  £I3.26.E  maggiormente  cre- 
do deletlo  earnale  ec  che  cosa  allrau 

*  DELETTOSO.  V.  A.  Dilettoso.  Gliiti. 
iett.  3.  10.  Non  è  già  da  delettare,  e  bel  dire 
ciò  che  delettoso  appellan  tali.  £18.  97.  Sarà 
buono,  e  deleltoso,  e  magno  sia  più  che  non 
era. 

DELFINO.  [Af«min//«ro  marino  carnivo' 
ro  /reqi4enle  tu  quasi  tutti  i  mari;  eti  hav- 
vene  di  più  specie.]  lat.  delphinus.,  delphin. 
gr.  isX^lv,  Mfii.  Tee.  Br.  4.  5.  DelGiio  è 
un  grande  pesce,  e  molto  leggiere,  che  salta 
di  sopra  dell'acqua,  e  souo  stati  di  quelli,  che 
sono  saltiti  di  sopra  dello  na«Ì,  e  volentieri  se- 
guiscouo  le  navi,  e  le  boa  degli  uomini,  e  non 
vanno  fé  non  a  molli  insieme.  Dant.  Inf.  99. 
Come  ì  delfini,  quando  fauno  segno  A'marinar 
coir  «reo  della  schiena.  Che  s'argomentili  dì 
campar  lor  l^no.  R^.  lett.  2. 176.  Il  é^r- 
vello  di  daino  e  una  gentil  cosa,  molto  sapori- 
ta, e  motto  una,  e  molto  migliore  del  cervello 
del  porco,  e  della  vitella,  per  non  dir  di  quel- 
lo del  delfino,  che  a  mìo  gìudìaio,  è  migliors 
di  tutti  quanti  i  cervelli. 

S  I.  Delfino,  per  simiUt.  Gobtto.  Lat  gib- 
bus.  [gr.  fivop^]  àia/m.  9.  53.  Uu  gobbo  suo 
compagno,  no  tal  delfino.  Che  alle  borse  piut- 
tosto, che  nel  mare,  Tempesta  induco.  »l  G* 
riff.Calv.  3. 73.  Il  buon  destrier  qui  gli  fu  mor- 
to sotto  ce.  Cagion  di  quel  delfin,  gobbo,  lem- 
buio,   Brocinte,  cb*era  alla  questioo  venuto. 

%  9.  Delfino,  [*«fwJ«iicA«  Titolo  dei  posses- 
sore d'tm  principato  di  questo  neme  in  Frau' 
ciaf  [*che  si  solesse  dare]  di  meno  a  mano  al 
primogenito  del  He.  Sfgn.  Stor.  10.366.  En- 
rico il  Delfino,  partilo  di  Nerbona,  volse  Teser- 
cito  a  Perpignano.  E  967.  Era  Pandolfu  slato 
più  anni  in  Francia  in  servisìo  di  madama  Ca- 
terina, moglie  del  signor  Delfino.  E  appresso: 
Erssi  fermato  il  re  Francesco  a  Mompelieri  nel- 
la ritirata  di  monsignore  il  Delfino. 

$  3.  Del  fino, per  Uno  de'pezzi,  ondosi  gi^to- 
cm  a  scacchi. 

%  4.  Delfino,  \in  termine  d  astronomia  si 
dice  d']  Unn  delle  costellazioni  boreali,  lat. 
delphin.  >•  Tass.  Moud.  cr.  9.  39.  E  la  Saet- 
ta accesa  Dì  cinque  stelle,  e  l'Aquila  superba; 
E  *1  guiazanle  Delfino. 

DELIBARE,  r.  L.  Gustare,  JAagginre. 
lat.  delibare  ,  degusterò  ,  libare,  gr.  «ciro- 
ÌMlfiuv.  Petr.  son.  160.  Doppia  dolccsxa  in  nu 
volto  delibo.  :  Ar.  Fnr.  IO.  47.  E  come  se  la 
gloria  de'beati  Nel  mortai  corpo  parte  si  delibi. 

*  OEUBATO.  jiild.  da  Deiibmre.Assag- 
glifo. 

*  S  f*^''  Offeso,  Fiolato.  lat.  vìtiatus,  of- 
fensus.  gr.  ^tfiXv^fi/tivO^.  Salvin.  Disc.  2. 
361.  Si  contraccambia  e  si  compensi  il  lieve 
danno  della  delibala  onestà  con  uu  altra  mag- 
giore, e  più  grave  onestà  nel  soccorrere  I  amico. 

DEUDERAGlOiNE.  Lo  stesso  che  iìeli- 
berazione.  laL  delilieratio.  gr.  ffv^jfisvirjn^. 
òtat.  Mere.  5' addomaudioo  le  nippresa|;lie 
con  consiglio ,  ddibemgiooe ,  e  dichìaragìoue 
de'ciuque  suoi. 

:  DEUBEAAMENTO.  il  deiiberere.  De- 
liberazione.  laL  deiìbermtio.  &  //«/.  Coufess. 
Questo  é  mortale  quanifo  è  con  deliherameit- 
lo  della  ra{;ione,  e  quivi  pone  il  suo  fine. 

•:  DEUBERANZA.  K  J.  Liberazione. 
Trett.beu.i'is:  91.  ElU  alleiidooo  e  dcsiderauo 
la  morte ,  sì  rome  fa  btiono  operaio  e  lavora- 
tore suo  p^jameuto  ec,  e'prigioui  sna  ddìbe- 
ranw. 

*  DELIBERARE.  'Liberare,  ^'egez.  103. 


E  cosi  si  delibera  la  ciUade,  e  la  torre  s*  ab- 
bandona. Dav.  Scism.  (*78.]  Così  detibcralt 
furono  il  protettore  dal  fratto,  e  la  ao^lie 
dall'emola  (li  avea  fatti  morirs.) 

*  S  I.  Per  Desinare.  Fir.  dsin.  S46.  Se 
egli  le  deliberava  il  premio  della  belltm. 

;  S  9.  £  per  Concedere ,  decordsre  per 
%'ia  di  deliberazione.  Cuicc.  Stor.  9.  Mi,  La 

Sial  cosa  perchè ,  per  le  necessità  di  Cesirc, 
^  i  succedesse  più  facilmente,  inlerponets  (il 
Pontefice)  l'autorilà  sua  con  gli  Elettoridel- 
l'Imperio,  e  con  le  terre  Franche,  càe  adk 
dieta  di  Augusta  non  gli  dcliberaiteru  slceai 
sowenxione. 

•  5  3.  Per  Risolvere,  Slabitire,  Dettr- 
minare,  o  simile.  Pecor.  g.  I.  n.  I.  Sì  deli- 
berò portare  questo  giogo.  Cor.  lett.  [ì.ì%] 
Il  Cenami  si  deliberò  che  dispeausiiiBob  giet. 
nata  tottj  sul  monte  predetto,  t  «  Sega.Stv: 
%  61.  Io  questa  notte  o  la  città  stid^  totU 
a  sacco,  e  furore,  o  nulla  si  4elil>cmni  faari 
delle  leggi  ».  Guice.  Stor.  17. 33.  Ré  diaua- 
dare  questo  più  per  sé,  che  per  altri,  ms  are- 
re  bene  deliberato  dì  non  prendere  piò,  ko» 
questa  autorità,  pensiero  alcuno. 

^  S  4.  *Per  Consultare.  laL  ddihersrt, 
consnitare.  gr.  9V/s/5»vArvciv.  Sega.  Asr.  S. 
93.  Mi  pare  ec.  che  nella  nostra  consoits  t'ab- 
bia a  deliberare,  se  noi  dobbiamo  viver  liàcp, 
o  io  servitù. 

«  S  5.  *  Deliberare  una  rii-hlesta,  a  smi- 
ie,  vale  Prendere  una  rlAluzion*  itii«rtu%à 
essa.  Ceff.  Dicer.  90  Noi  aveaui  fervs  ipe- 
ran»  che  ec.  voi  delibererete  per  tslc  wÀa 
la  UAslra  richiesta,  che  fia  laude  di  Dio,  oaore 
della  vostra  persona,  e  cousolssàonc  del  co- 
mune. 

*  DELIBERATAMENTE.  Jwerb.DiUhe- 
ratamente.  Cavale,  àfed.  cuor.  6.  Opii  aoms 
che  all'ira  consente,  e  delìltentaraenle  oJU  il 
suo  prossimo,  o  Iddìo,  è  ìn  stato  di  dannszioBe. 

•  DELIBERATARIO.  Term.  tls'Fermsi. 
Colui  al  quale  fra  pia  coneorreatì  è  aggiu- 
dicala la  roba,  allogato  uu  lavoro,  e  $imiU- 

*  DELIBERATISSIMO.  Si,perlal.di  Di- 
liberato. 7'a4x. /wr.  AH.IosonodelibenlÌMÌ- 
mo  di  far  miexto  viaggio. 

:  DELIBERATIVA.  Patema  dell'stis'* 
di  deliberare.  Ott.  Com.  Inf.  9.  «7.  Pos- 
gonsì  questi  Serpenti  intorno  delle  (cape  e 
del  capo,  a  significare  che  questa  eresia  w- 
nenosa,  e  empia,  prima  prende  la  ìnimigì»sli<s 
cheèdìnanai,  poi  la  deliberativa,  che  èia  nn- 
to;  nllìmn  la   memoria  eh'  è  dì  dietro. 

DELIBERATIVO.  Add,  Termiae  retta- 
rico  ;  «aggiunto  d^  uno  ile* generi  rfW  éirt. 
\m'L.deliberalÌ\ttm\gT.  eTifi^mì.VJTVKÀ^]Se^- 
Rett.  16.  Questa  arte  ec.  abbia  Ire  ■»*  A 
dire,  òoè  delìberatÌTo,  giudictale,  e  dÌBeilnh> 
vo.  Nel  deliberativo  s'appartiene  pcr»u»dff<. 
o  dissuadere. 

DELIBERATO.  Atid.  da  Deliberare;  Df 
terminato.  Statuito,  lat.  C0HstÌtt»lus,sÌatatut. 
gr.  xacrgq fatati j,  Taorr^.  Guicc.  Stor.  II.WI. 
La  fama  della  guerra  deliberaU  dd  Poirtefice 
ec.  E  19.  139.  La  guerra  in  Puglia,  con  Jé- 
liberata  con  senlimeuto  comune.  Buoa.  risf- 
3.  9.  19.  Segnitcìwm  l'andata  fuor  di  porU, 
Per  la  conaolasion  deliberata. 

*  S  ^.Deliberato,  vale  anche  C%e  he  rito- 
lifto.  Che  è  fermo  in  un  preponimwto.  Wiwt. 
I.  19.  Noi  soffèrrem,  ma  siam  deUberstì  Da 
un  fanciullo  non  esser  governati. 

•  ;  ^Ì.Diqiii  il  modo  proverbiale  J  amo 
delifternto  non  bisogna  consiglio;  che  vslsi 
È  superfluo  il  consigliare  colui,  che  *"**' 
luto  di  fare  m  suo  senno  alcuna  eos*'  Certe, 
Mogi.  I.  I.  A  uomo  deliberato  non  bisogni 
consiglio.  Geli.  Brr.  3.  3.  Da  poi  che  to  sa 
deliberato,  e  all' uom  deliberato  non  giovasi 
coosìrÌì;  a  serrirli. 

DEUBERAZIONE.  7/  deliberare,  [Cea- 
snitazione.  Esame  seprm  un  partito  che  >i 
ha  da  prendere.}  laL  delilteratio ,  [foaii- 
lium.]  gr.  TuaySoulcu/tx.  Boee.  nev.  W-  3'- 
E  d'altra  parte  chi  avrebbe  Tito  seou  sleaea 
delìbensiouc,  posseodosi  egli  ooestimente  in- 
fignere  di  vedere,  fatto  prontissimo  [apn»co«r 
la  propris  morte?]  Slat.  Mere.  Con  rooslfilw. 
deliberazioni  e  comune  concordia  delle  due 
pani. 

•  SI.   Per  RisoinzioM,  Partito  prese 


Digitized  by 


Google 


DEL 


DKL 


DEL 


6% 


B$et  •0.  Fn  ti  Miberirofio  di  doverla  pt- 

jtwt  <  pittft*  rà;  ed  alU  deliberuìouc  te- 
. j  1  DKiibermtiame ,  pnrlmndo  di  tavù' 

ri.  (dritta  di  mthgarti.  ^a».  Vii.  Pitt. 

&  tpm  ili*  driibcnnoai,  che  si  fecero  della 

iWi^rwle  èi  polacso. 
•;  $  1  MiÀtrasioMC,  si  pigfta  anche  per 

£dè^u«»e-  1«L  Iièert9ti0.  S.  Beni.  Pist.  iu 
Cm.  Cdt.  ÌM,  Cerio  di  queste  ro«e  mnltowii 
t—ferti  i|«ellD  ricco,  il  quale  itegli  tormeuti 
A^wnlo  <Mli  Bua  deliberaziotie,  prepara  che 
imt  Mauzule  a'suoi  TraUfgli.  Fi/oc.  6.  270. 
Ti  }fvfo  per  qaeH'amore,  che  eia  mi  porta- 
Ki^  cke  la  BOitn  deliberazione  anrctti. 

•  DELIBERO.  Jdd,  Libero,  Leggiero  di 
fm.  bt  eapeditus,  Sem.  PisL  t7.  Povertà  e 
età  MWfa*  e  sicitra. 

:  OeUBRARE.  Lo  stesso  che  Ditibrn- 
r*.  Bufa.  firn.  78.  Coatei  pur  si  delibr«  lu- 
4aaùt«,  e  *dfa^B  ec.  E  '1  saugue  ■  libra  a 
Un  X  nm,  e  sfibra. 

NUCIXENTO.  Oiiicamefito ,  Deìica- 
fast,  Ddm*.  Albert.  63.  Ebbi  con  meco 
oalin,  e  aalalhct,  e  tatti  ì  dclicamenti  de*fi- 
(liaab  dc^lt  nomiui. 

.  DEUCANZA.  V.  A,  Delicatetsa,  Ca^ 
mie  Eip«s-  Smb.  9.  4  li.  [par.  fes.]  La  de- 
ioati,  t  r«doniamento  detli  vestimeuti  mol- 
la 6  iavaùrc.  £144.  Impossibile  cosa  i  che 
s  Ko  pÌMcia  chi  io  vaaiti  e  io  delicaitia  si 
Al«b. 

fVCUCATAMENTC  ^tn'erb.  Lo  sfesso 
rirWieittamemie.ÌMt.  tie/icnte.  fff.l'à^pa^.] 
C.  y.  IO.  III.  9.  EHlettavasi  in  delicaUmeiile 
mot,  e  della  doaoa. 

•  5  ^*r4»mdeTÌ  deltm  opere  deWarte,  vale 
Mtfaaraii/e,  Gen/f/wr0N/e.  m  Srtgg.  nat.esp, 
UT.  Ti  ftttmmo  delicatameote  accennare  al- 


•  DCUCATELLO.  Dtm.  di  Delicato.  j4g- 
fimf  ài  persomm  nt^ptanto  de/icn/a. 

•;  S  Ddiemteiio,  %'ttie  anche  j4fijnanto  le- 
si*t»,  Smanceroso.  Cepp.  Him.  buri.  9. 19. 
Tf|^s  hme  talor  visi  di  topo  Parco»  certi 
■Hi  b  driicalvlli,  Che  sembran  proprio  l'Asi' 
aadEwpe. 

I>CUCATEZZA.  Lo  stesso  che  Dilicatez- 
:«.  Ul  mollitndo,  deiìciae  gt.  T^upij.  Bore, 
ftl.  Ami.  It9.  Onde  Tengono  i  vestimenti  , 
flì  omneotì,  e  le  rasnere  piene  di  snper6ne 
4*f»i«ae  ["cioè  di  masseriiie,  od  altro  da 
fvtma  tlgiiemta]  MÌorg.  19.  S).  Ove  son 
•r  \t  mie  dchcaicaxe?  Ove  son  or  le  mie  rom- 
fH"  w«te?  [^Ittfendi:  it  mio  vit-er  da  de- 
tiewU  persone  ]  Red.  Cohs.  «.  141.  Ni  con 
din  MToppi  Medicinali,  ne  con  altri  gtnlcbbì , 
é»  |«cr  delìcatma  comtinemenle  vengono  a 
fwrr  MfoprHi  iie'brodi  \'*cÌoi  per  soverchia 
mr^Àfssa  di  coMnme.]  •  Salvia.  Disc.  2. 
Sn  Capitasi  vilorostaainii  come  un  Annìba- 
w.  «a  Alemandro,  delle  grandi  ralichediguer* 
n  ni^nMttsimi,  pnr  non  poterono  sostenersi, 
t»^  uelle  delizie  di  CapQs,  questi  ue'con- 
t*  e  aellp  delicateaxe  deirAsìa; 

;  S  Per  Riguardo  ,  Modera ziatìe  ,  TVm- 
^«s«  Peliate,  Star.  Cu/ir.  1.  74S.  E  bcr- 
éà  faeiU  sepranlendeitsa  del  Vicario  di  Cri- 
'•tea  csarntata  con  forxa  d'armi,  ma  con  pa- 
'^  finriadiaione  er,  non  tolga,  ma  cresca 
^^P'c.  •  npulanone  al  Conrilìo;  luttavia,  rer- 
*  ^'^S*  ^oi>  quanta  delicatczxa  il  ra|ta 
^•*«  A  qncsla  medesima  giurìsdisione,  ag- 
P'pie'A  ep. 

BEUCATISSIMO.  Atperl.  dt  Delicato. 
m.  deticatissimtit.  Fir.  /Ss.  3*25.  Ancor  pc- 
Mfiilaio  nuo  quell'odor  di  cerniamo  del  sno 
^^IwatiiiiiBo  corpo.  Rad.  ins.  83.  Aperti  i  no- 
*"  •'•cstissimi  [f l'oè  sommamente  sanisi t(] 
■■Ttobat  di  Locardoi  molto  sovente  sì  trovano 
***  «alla  piò  interna  midolla. 

1  DQ.ICATO.  Dilicato,  [Soai-e  al  tatto, 
'hfiida,  liscio;  contrario  di  Ruvido]  lai. 
*^««»«#.  gr.  i.Sp6i.  Fir.  Js.  76,  Egli  pur 
*^^Ma  che  balta,  la  tua  delicata,  e  bianca 
r*^^lJr,  Fnr.T.  Il,  Spargeasi  per  la  guan- 
J«  Wiau  Miito  c..lor  di  rose  e  di  lipiitri.  E 
r\  '"  questo  mezxo  un  caralier  villano 
**■•  reti  ron  una  lancia  sopra  mano  AI  suppli- 
**■»«  il  AeKealo  petto. 

t  5  '.  Delicato,  vote  anche  Piacevole  al 
r»!'»,  e  dicesi  singolarmente  de'cibi  scelti 
F«tabolario.-~-  J, 


ed  esquisiti.  Bcce.  Vii.  Dani.  41.  Li  delinli 
(cibi)  lodava,  e  il  più  st  pasceva  dc'grossi.  71/- 
Citìt.  Fior.  4.  105.  t  giulebbi  degli  Arabi  sono 
appresso  a'G'reci  una  surla  di  quelle  bevande 
soavi  e  delicate ,  clie  essi  preparavano  per  la 
sanità. 

t  S  S.  Delicato,  talora  vate  Le'^giero,  Sagg. 
nat.  esp.  337.  La  virtù  elettrica  ec.  risvegliasi 
per  delicato,  o  per  valido  strofinamento  in  tulli 
qae*corpi  dove  u'è  miniera. 

*;  S  3.  Delicato, per mefaf.  si  trasporta  al- 
le delizie  e  a*  cosinmi.  lat.  mottis,  delica- 
tiis.  Fu.  Piit.  48.  Quadrava  però  qnel  titolo 
per  cccellenaa  alla  vita  delicata  ch'egli  teneva. 

1%  h.  Delicato,  vale  anche  Che  è  dedito 
alle  deliMie,  alla  mollezza.  Salvia.  Disc.  7t 
ISO.  Direi  loro  ciò  che  ec.  disse  il  morbido  e 
delicato  filosofo  Aristippo. 

;  S  5.  .4gtiinnto  di  Cotte,  o  simile,  vale 
jémeno.  Delizioso.  «  Petr.  rap.  4.  Giace  ol- 
tre, ove  l'Egeo  sospira  o  pÌag;'C,  Uu'  isolelta 
delicata  e  molle  ».  •  Jr.  Fitr.  6.  30.  Culle 
pianure  e  delicati  rolli.  Chiare  acque,  ombrose 
rive,  e  prati  molli. 

.;  DEUCATUCniO.  Dim,  di  Delicato: 
Pili  che  delicato.  Fitic.  letf./am.  301.  Il 
mio  (orecchio^)  che  per  altro  i  delicutuccio, 
non  ne  sente  lesione. 

^  DEUCATURA.  Delicatezza.  laL  mot- 
litudo.  l  Titss.  Dinl.  1.  5.  Tra  boschi  e  nella 
villa  la  dtflicattirft  e  pulitezza  non  lascia  deside- 
rare. £33.  Le  madri  sogliono  esser  cosi  tenere 
de'figliuoli  che  agevolmente  potrebbero  :u  so- 
verchia delicatura  allevarli. 

;  S  I.  Per  Gnsto  delicato,  squisito.  «  Car. 
tett.  S.  146.  [Avete  dimoitrato  ce]  dclicaturj, 
e  splendore  in  voler  pillare,  scoUnre,  cosetut* 
te  di  nobil  disegno,  e  suppcllcllilidicosepre- 
tiose  •*. 

•  5  3'  P'f  Arredi  di  lusso.  Car.  Long. 
iSo/*.  [*08.]  Ciò  fatto,  si  misero  in  via  con  molli 
cavalli,  con  salmerfe ,  con  palafrenieri  innanzi 
agli  sposi,  e  con  altre  deltcaturc  assai. 

5  5  3*  '*«"■  ■'if antera  dolca  di  operare. 
Grazia,  o  simile,  Rncelt.  F.  Titsc.  4,  I. 
194.  Allora  gli  atomi  del  fuoco  scostano  d'in- 
sieme con  una  certa  delicatnra  quelle  parti 
assiderile,  e  divenute  d'un  pezzo. 

♦  DELIC\TUZZO.  Dim.  di  Delicato; 
Delicatetlo,  Troppo  delicato.  Taglia,  tett, 
[scient.itO.]  Altre  dclicatnzze  donne,  dt  nobil 
sangue  ec.  patiscono  per  li  mentovati  odori. 

*  [»ELICAZIONE.  Forse  quasi  deligazio- 
ne,  cioè  Scit^gtìntento  della  mente  dal  via- 
coti  del  corpo  ;  otnvro  forse  quasi  deliqiia- 
none,  che  è  deliquio,  o  abbandono,  e  propria- 
mente estasi.  Diat.  S.  Greg.  4. 7.  Vide  per  uni 
delicazioiie  di  mente  tutto  il  moudo  raccolto 
qnasi  sotto  ano  raziuolo  di  Sole. 

*  DELIMAfìB.  Fignrafam.  Rodere,  Con- 
sumare, lat.  erodere,  gr.  &vX^9tJS:ùrxstv. 
Frane.  Sacch.  rim,  63.  Ma  altro  caso  e  quel 
che  il  cor  dcltma  Che  non  e  a  seguir  di  duii- 
na  attento. 

♦  DELINEAMENTO.  Vatto  di  delincare, 
e  V  Abbozzo  o  Scbizzo  /ormato  con  linea- 
mento,  fìaldin.  Foc.  Dts,  [26]  Calco  è  quel 
dcliueamciilo,  che  vien  fatto  sopra  la  caria, 
tela,  o  moro  ihiI  calcare. 

:  $  Bftturat.  Rncelt.  Tìm.  14.  8.  513. 
Nella  divina  mente  prima  sono  esse  cagioni  dcl- 
l'eseinplare  e  del  modello  astratto,  cioè  del 
dcliuejmeuto,  che  fa  Iddio  da  se  medesimo  di 
tutte  le  cose  fattibUi. 

DELINEARE.  Disegnare,  Rappresentare 
con  linea.  Iit.  detineare,  deformare,  gr.  XX- 
T97^àptcy.  Red.  teft.  3.  183.  Ilo  messo  uno 
di  quei  miei  ritratti,  che  agli  anni  passiiti  il 
sig.  N.  N.,  mio  signore,  fece  delincare-  in  rame 
djl  famoso  Tempesti  (qui  propriamente  in* 
tagliare.) 

S  BJtguratam.  Descrivere.  Red.  leti.  2. 
34.  La  mano  non  può  esprìmere  quello ,  che 
sente  il  cuore,  le  tenereue  e  la  devozione  del 
quale  è  Impossibile  il  delincarle. 

DEI.INEATO.  Add.  da  Delincare.  l;it.  de- 
lineatns.  gr.  xaTa-/i-/^a;£u|vO(.  Red.  Ins.  60. 
Vi  mando  qui  la  figura  delineata  a  capello  nella 
loro  grandezza  naturale.  EOss.  an.  33.  Come 
sia  delineato  nella  tavola  decimascsta. 

-  DEUNEATORE.  [Ferb.  mnsc]  C/ze  [o 
Chi]  delinea.  Satvin.  ftuon.  Fier.  Introd.  g. 


4.  I  pittori  da'greci  erano  chiamata  ^4«7pàj?oi, 
cioè  delineatori,  e  dìseguatorì  d'animali. 

•  :  DELINEAZIONE.  L' aziotie  del  deli- 
nearc,  o  L'effetto  di  quest'azione,  stagni, 
tett.  Stros,  74.  Nel  vedere  quei  rami  cosi  senza 
aprirgli,  m'  aspettava  nn'accunita  delineazione 
della  deliziosa  villa  dì  Longino.  Bari.  Ricr. 
Sav.  i.  I .  Or  che  tutti  i  lavori  della  natura  sian 
come  delineazioni  e  Sgure  che  dimostrano  al- 
cuna cosa  di  Dio,  v'  ha  qui  appresso  luogo  più 
conveniente  dnve  rapportarlo. 

DELINQUENTE.  F.  L.  Chi  delinque. 
Malfattore,  lat.  detiaqtiens.  gr.  TtXvipfliX^it. 
Fir.  Disc.  AH.  63.  Beiie  spesso  la  corrotta  co- 
scienza, contra  dgni  preparamento,  o  consenso 
del  delinquente,  snoie  scoprire  i  suoi  pensieri. 
:  Ross.  Svet.  Fit.  1.  187.  Dnbiuva  che  pi- 
cliatidolo  a  difendere,  non  togliesse  alle  leggi 
nti  delitTqiienIc. 

DELINQUERE.  F.  L.  Peccare,  Ut.  delin- 
quere, gr.  TtX%u.fuXtìv.  Dani.  Purg.  33.  Nel 
quale  un  cinquecento  diece,  e  cinque^ Messo  di 
Dio  anciderà  la  foia,  E  qnel  gigante*  che  con 
lei  delinque.  Bnt.  [Inf.  33-  814.1  ^o"  1«^  ^^^^"  ' 
qne,  cioè  con  lei  pecca,  e  falla. 

DELIQUIO.  Svenimento,  Mancamento. 
lat.  detiatiium.  gr.  Xuiso'^pioi.  *  Rett.C«ns. 
[1.  54.  Questi  dolori  non  solamente  non  vol- 
lero mai  cedere  ec,  ansi  col  crescere  deU'etSk 
si  son  fatti  più  fieri,  producendo  ansietà  di  re- 
spiro], agìtasione ,  strettezza,  e  dcliquii  dì 
cuore. 

:  S  Per  Eclisse.  Sat%'in.  Georg.  /.3.  Del 
Sole  i  varii  deliquii,  E  gli  affiitìeamenti  delle 
stelle  (il  latino  ha:  dcleclns  solis). 

DELIRANTE.  rAerf<?^rrf.  lai,  detints, de- 
//rrtrtj.  gr.  "KKpécvptìv.Segner.  Fred.  93.  13. 
Tutto  egli  usò  per  curar  quella  delirante. 

DELIRARE.  Esser  fuori  di  se,  Aver  per- 
duto il  discorso ,  Farneticare.  Ut.  delirare. 
gr.  Xvìptìv,  p^vicA^.  Dani.  Inf  II.  Ed  egli 
a  me  ,  Perchè  tanto  delira.  Disse,  Io  *n;;rgito 
tuo  da  quel,  ch'e*soole?;?Hf.  [/«/.  n,  30*.] 
Tanto  delira,  cioè  esce  del  solco,  cioè  si  svia. 
E  Par.  I.  3.  Delirare  è  dal  solcoulclla  venti 
uscire,  come  esce  lo  bue  del  solco,  quando  im- 
pazza, e  non  è  obbediente  al  giogo.  «  Tass. 
Gjr.  14.  17.  E,  benché  or  I unge  il  giovane  de- 
lira, E  vanenta  nell'ozio,  «  nell'amore,  Non 
dubitar  pero  ec. 

DELIRIO.  //  delirare,  V  esser  fitorl  di 
se.  Itti,  delirium,  gr.  netpavporjvn-  Segner. 
Pred.  1.  I.  Oh  cecità  !  oh  sìupìdezza!  oh  de- 
lirio !  oh  perversità  ! 

*:  DELIRO.AVisr.  F.poelica.  Lostessoche 
Delirio.  Menz.  rim.  3.  337.  O  perchè  certo 
con  maggior  deliro  La  noUra  idolatrò  gente 
superba  E  U  lor  colpa  a  noi  fruttò  martiro. 

DELIRO.  Adii.  Pazzo,  Fuor  del  senno. 
Ut.  detirus.  gr.  1tv.pàtypùiv,  Petr.  canz  6.  9. 
Ogni  delira  impresa,  e  <^iii  sdegno  Fa  *l  ve- 
der lei  soave.  Dant.  Par.  1.  Gli  occhi  driiaò 
ver  me  con  quel  sembiante  Che  madre  fa  so- 
pra figliuol  deliro.  Lat^.  159.  Ora  io  non  l'hu 
detto,  quanto  questa  perversa  mollìtudine  sia 
golosa,  riirosa,  ambiziosa  ,  invidiosa,  accidiosa, 
iracuoda,  e  delira? 

5  DELITTO.  ['Trasgressione  più  o  men 
grave  della  legge.\  lat  detictnm.  gr.  àaà> 
TT,txbL.  Sega.  Stor,  9.  244.  Stimarono,  che  il 
f;iiidizio  divino  avesse  loro  a  quel  tempo  riser- 
vala U  pena  ds'  loro  commessi  delitti.  «  Ar. 
Far.  14.  89.  Cominciò  andar  la  notte  cogli 
amanti,  Indi  coi  ladri,  e  fare  ogni  delitto. 

•  t  S  Talora  si  piglia  anche  per  Trasgres- 
sione detta  legge  divina,  o  religiosa,  cioè 
per  Peccato  ;  ed  In  questo  senso  nel  plu- 
rale esce  anche  in  //.  ]  «  Fit.  S.  Ant.  Non 
ti  ricordare,  o  Signore,  de' delitti  della  mia 
gioventù  ».  *!  Canig.  Risi.  132.  Colle  ginoc- 
chia nude  er.  Remission  delle  'niqoe  delitla, 
Ch'  i'ho  commesso  a  tutte  l'ore  cfaero. 

:  DELI  V  ER  AMENTO .  //  Deliverare.  Bus. 
30.  E  come,  e  'I  modo  che  fu  a  tale  delivcra- 
tnenlo. 

•  DELIVERARE.  F.  A.Dellvrare,  Bru- 
nett.  Or.  per  M,  Marceli. ,  citato  nella  Tav. 
del  Barberini.  Veramente  che  quanto  a  Ce- 
sare fossimo  in  alcuna  colpa  d*  umano  errore , 
taltavia  noi  siamo  prosciolti,  e  deliverati  per  lui. 

DELIVR ARE.  *  F.A.e  poetica.  Scioglie- 
re, lat.  solvere,   dissolvere.   Frane.    Barb. 
9 


Digitized  by 


Google 


OG 


DKI- 


DEL 


DEM 


55.  15.  Puuui  dir,  ch«  qui  claude  Sette  ma- 
niere d'ingrato  eito  Itvro,  Delti  quai  mi  delì- 
vro,  Mettendo  i  miuur  pria,  e*  maggior  poi. 

•  J  *Par  Aitoftvre,  Bttoti.  Fier.  2.  4.  15. 
A  voi  Giovi  il  M(icr]o  a  delivr^r  del  meglio, 

DELIZIA.  Preziose  ,  e  rare  diliratette, 
e  morbidusxe  si  tti  fivandHf  come  d'arnese ^ 
e  aitre  ditaltevoli  cose.  \»i.  deticitim,  deli- 
ciae.  gr.  Tpupi^.  M,  f^.  1.4.  Usavano  diitolu- 
laneute  it  peccato  della  gola,  i  conviti,  le  ta- 
vorue,  edeliiiecolledilicuUvtvaude.  Sen.  Pist. 
Io  amo  meglio ,  che  fortcxsa  mi  teoga  in  sua 
guerra ,  che  'n  sue  delisie.  Cult.  SS.  Pad. 
[1.  5.  5.]  Le  rìccbvsxc,  e  le  delisie  del  mon- 
do, e  tutta  dilettanza.  Danf.  Pitrg.  29.  Avrei 
quelle  iueflCibili  delisie  Sentito  prima.  K  Par. 
81.  E  s'iaveui  iu  dir  lauta  divista  ,  Quauto 
ad  immaginar,  uoa  ardirei  Lo  minimo  tentar  di 
sua  delisia.  Pass.  40.  tilì  uomini ,  cbe  sono^ 
Bvvessi  agli  agi,  e  allo  delisie,  e  a'diletti  della 
carne  ec.,  temono  di  partirsi  ce.  *:  Stdvin, 
Disc.  1.  7.  Si  è  falla  (U  poli-ere  dei  tabac- 
co) parttColarmeule  delisia  delle  sacre  e  delle 
ritirate  persoae. 

•:  S  1.  Delizia  mia,  o  simile,  dicesi  per 
ivsxo  al  Soggetto  che  si  ama  con  calore;  c/ie 
più  spesso  dicesi  Amor  mio,  Fìr.  Lue. 
'à,  4.  E  però  bai  a  far  meco  tutto  quello  che 
-piace  a  te,  delisìs  e  struggimento  dolcissimo 
oeirauima  mia  iuuamorata. 

S  2.  Avere  in  delisie,  vale  Amare  moltiS' 
Simo,  Tener  caro.  Pregiare.  Ut.  iii  delicìis 
habere.  [gr.  Xilt€pftXKÌii.\  Buon.  Fier.  1.  2. 
2.  Chi  gioviu  stolto,  troppo  amico  a  Bacco,  L'eb- 
be iu  delisie,  e  Venere  con  essa. 

•  S  S  3.  2*enere  tata  persona  come  una  de- 
lizia, vale  Farne  gran  conto  ,  Averle  tutti 
i  riguardi  possibili. 

•5  S  4.  Delisia,  si  piglia  anche  per  At- 
trattiva. Salvin.  Pros.  Tose.  2. 50.  Non  dis- 
piacque talora  il  verso  sciolto  al  Chiabrera, 
cbe  lauto  seppe  alla  maniera  greca  andar  die- 
tro, e  t  poeti  di  quella  oasioue  cou  forbito  giu- 
dicio  imitare,  e  le  loro  delisie  net  dolcissimo 
nostro  ìdìoi^  traipnrtare. 

«:  DELIZIALE.  Add.  Delizioso.  Bfagal. 
leti,  scient.  92.  Tra  Tetichette  deliziali  della 
Gasa  Ottomanna,  vi  è  quella,  che  il  Gran  Si- 
gnore pigli  il  cafi*è  tre  volte  il  giorno. 

DELIZIANO,  y.  A.  Add.  Delizioso.  Frane. 
Sacch.  rim.  53.  Cbe  pare  il  paradbo  delizia- 
no. Fr.  Giord.  Salv.  Pred.  18.  Come  «Ì  dice 
io  questo  frutto  del  paradiso  delisiano,  cbe  ha 
in  se  le  virtù  di  tutte  l'erbe,  e  piantf. 

•  DELIZIARE.  Render  dehsiofo.Baldtn. 
tHcenn,  Rivoletto  d'acqua  crislalliua,  la  qua- 
le ec  scorreva  a  delisiare  quel  luogo. 

•  S  Deliziare^  nentr.  e  neulr.  pass.,  vale 
Goder  delizie,  lat.  deliciis  frui.  %T.yrpUft' 
p%h€9^ou.]SegHer.Maun.Sett.  l9.3.Son  giun- 
ti (ntctini  Santi)  a  godere  tra  le  ìguomiuie,  a 
gioir  tra  le  iufermìtà,  e  delisiar  tra  t  rigori  di 
|icniteasa.  E  Dic.A.9.  Quantunque  [l'allodi 
glorificarsi  ne*  reprobi  sia  passato,  e]  sìa  passato 
anche  l'alto  di  delisiare,  coututtociù  [il  merito 
di  patire  per  atti  tali  ec.  non  è  in  essi  passato.] 
•S  Parol.  Crist.  Vieni,  anima  mìa,  ec.  Vieni, 
e  siedi  co'Sjuti  mìei  a  4Wisiarc  e  giocondare 
nel  regno  mio. 

DELIZIOSAMENTE.  Awerb.  Condelizie. 

DELIZIOSISSIMO.  &,perl,  di  Delizioso. 
lat.  delicatissimns,  amoenissintus.  %T,rp\t- 
p«cflÌTxr©i.  Red.  annot.  Ditir.^,  Villa  ec. 
delisiosissima  non  solamente  per  le  cacce  de' 
daini,  ec.,  [ma  ancora  per  i  vini  preaìosìssimi 
che  produce.)  BSsp.nat.  3.  Nella  cittì  di  Fi- 
rense  confessano  esser  rinati  gli  autichi  delìsio- 
sissimi  orti  dei  Feacì. 

DELIZIOSO.  Add.  Pieno  di  delizie.  Uu 
delicahts.  gr.  àfipii.  Lab.  139.  Acciocché  , 
vedova,  alle  spese  del  pupillo  possa  più  Iu»' 
f;amettte  deliaiou  vita  meuare.£,  Gio.  Grisost. 
[ISt,]  Dove  sono  %\i  giuochi,  e  fili  stormenti, 
•  |lì  s|t«ti«rolt,  le  turbe  de'fanti,  de'donaellì, 
sit  deliaìoii  conviti,  [e  tutta  la  loro  vana,  e 
disordinata  leiiaìa?]  Red.  Rsm.fat.  59.  Lt  cor- 
na tenere  ^lU'f<M1^  «ou  delisiose  nelle  weuse 
de 'grandi. 

•!  S  L  Af/iji.v«#,  %it!e  anche  Dedito  alle 
delizie,  Molfe^  fìfeminate^  Cnicc.  Dee.  7, 
Iu  che  ttuu  lolu  Hocxiono  alla  cìItJ.  perchè  si 
jille^ano,  a^  e  i  Agliuoli  nioi,  drlìsio^i. 


*%%,'£  in/orsa  di  sust.  Cavale.  Espas. 
Simb.  1.  105.  Sappiano  questi  delisioai,  che 
se  vili  vogliono  ora  godere,e  avere  fe«La,  pian- 
geranno in  eterno.  E  171.  Anche  di  questi 
detisiosi ,  come  siano  crudeli,  dice  Amos  pro- 
fcU. 

.  DELLO,  DELLA,  DELU,  DEGÙ,  DEL- 
LE.  I'.  DEL. 

*  DEL  MIRACOLO.  Aggiunto  di  tuta 
specie  di  susino.  Dav.  Colt.  185.  L'altra  tur- 
ba de*  permcouì,  romani,  diaccinoli,  del  mira- 
colo, catelani,  amorosi  ec.  nou  se  ne  cura ,  e 
fjnno  per  tulio,  piirchc  grasso  vi  sia. 

*  DEL  PALESE.  Posto  awerbialm.,  vale 
Palesemente.  G.  ^.T.U.  [3.]  In  tulle  cose  al 
Vgreto  gli  fu  contrario,  e  del  palese  gli  fece 
rifiutare  il  Sanato  di  Roma. 

DEL  PARL  Posto  awerbialm.,  vale  Pa- 
ri, Al  pari.  lat.  aeijualiter,pariter.  gr.  t  ffW{, 
x«r'f99y.  Lab.  320.  Essendo  quella  di  messo 
del  pari,  dico,  che  cosi  tosto  dovrebbe  ella  es- 
sersi fatta  incontro  a  te  ad  amarti,  come  tu  fa- 
cessi incontro  a  lei. 

DEL  RESTANTE.  Lo  stesso  che  Del  re- 
sto, lat  caetetum.  gr.  ri  Aotitdv. 

DEL  RESTO.  Posto  an-erbialm.,  vale  lo 
sfesso  che  Ma,  Per  altro.  Quanto  a  quel- 
lo ,  <Ae  resta  a  dire.  lat.  caeternm.  Sagg, 
nat.  esp.  175.  Del  resto  l'acqua,  cbe  per  di 
sotto  ne  cola,  è  salau.  Red.  Cous.  1.  248.  Del 
resto  l'acqua,  come  acqua,  è  difficilissimo  che 
possa  cagionare  dolori  di  corpo,  e  di  stomaco. 
E  255.  Del  resto  la  materia  del  flusso  non  è 
sempre  ad  un  modo  nella  suslansa.  E  257.  Del 
resto  in  lutto  il  ventre  inferiore,  uel  quale  a 
giudisto  del  tatto  non  sono  né  duresse,  ne  ten- 
sioni, ha  la  signora  uo  cootinuo  mormorio  di 
flati. 

DEL  RIMANENTE.  Lo  stesso  che  Del  ro- 
sta. Ut.  caeternm.  gr.  rò  Xoiltév*  l  Car.  teff, 
Farn.  1.  14.  Del  rimanente  rimettendomi  a 
quel  che  le  esporrti  il  Cavaliere  medesimo,  con 
molla  aflèsione  le  bacìo  le  mauL 

*  DEL  SICURO.  Posto  avverbi  a  Im. Certo, 
Sicttramenle.  Fit,  Pitt.  46.  Adunque  segui- 
tò Socrate,  negli  occhi  è  un  non  so  cbe  pos- 
sibile ad  esprimersi.  Del  sicuro,  riprese  il  pit- 
tore. 

DEL  TANTO.  Posto  awerbialm.  in  ri- 
guardo,  in  comparazione,  in  proporzione,  A 
tanto  per  tanto.  G.  F".  \.  5.4.  Questa  tersa 
parte  cosi  coufinata  ec.  è  del  tanto  la  più  |m>- 
|>olata  parte  del  mondo.  E  eap.  00.  5.  Egli  è 
il  più  bello  tempio,  ovvero  duomo,  del  tanto, 
cbe  si  truovi.  E  7.  2.  2.  Fu  della  miglior  gen- 
te, e  che  più  fece  d'arme  del  tanto,  .che  avesw 
il  re  Carlo.  «  Bemb.  Pros.  3. 199.  E  Del  tan- 
tOf  che  vuol  dire  quauto  Per  altrettanto, 
cioè  Per  altrettante  cosa^  quanta  è  quella 
di  che  si  parìa:  che  si  disse  ancora,  iu  for- 
sa  di  uome,  Altrotale,  ed  Altrotali  nel  nu- 
mero del  più. 

*  DELTOIDE.  K  G.  Grosso  muscolo  attac- 
cato alla  scapola,  ed  alla  parte  superiore 
dell'omero,  e  serve  per  Velevazione  del  brac- 
cio, così  detto  a  cagione  della  sua  somiglian- 
za colla  €Ìeltm.  Foc.  Dis.  [104.]  •  Rucell. 
Anat.  103.  Particolare  ofBxio  d'  alcuno  dì  que- 
sti muscoli  è  di  muovere  il  brafrcio  ali'  insù; 
e  questi  sono  due;  il  Deltoide  posto  al  priucì- 
pio  dell'omero  prossimo  alla  clavicola,  e  il  so- 
praspinato. E  ivi:  Il  muscolo  deltoide  st  detto 
drflla  figura  della  lettera  ^reca  A,  appellalo  an- 
cora (rìangolare  omerale,  è  carnoso  e  stabile, 
ed  è  format»  alla  punta  della  spalla. 

DEL  TUTTO.  Posto  ai-verbialm.,  vale  In 
tutto  e  per  tutto.  Interamente,  Adatto,  lat. 
omnino,  prorsus.  gr.  SXiti  itctyrcA^{.  Bocc. 
Hov  75.  4.  Io  voglio,  che  noi  gli  traiamo  quelle 
brache  del  tutto.  E  nov.  95.  5.  Infioo  a  qui 
del  lutto  al  mio  maritoi,  e  a'  miei  parenti  te- 
nuto ho  nascoso.  Petr.  son.  3.  Trovommi 
Amor  del  tutto  disarmato.  Dant.  Inf.  20. 
Forse  per  forsa  gii  di  parlala  Si  travolse  cosi 
alcun  del  tutto.  Alam.  Colt.  2.  45.  Indi  ven- 
uer  del  tutto,  e  tutto  ìoloruo  Empier  quanto 
coutien  la  lerra,'e  '1  mare. 

*  S  ^  Pf  '^*'  ^fi***  wtM/o,  in  qualunque 
C'tsorc.  noce,  g,  0,  h.  T.  Ancora  che  sconsi- 
gliata da  multi  aioì  amici  e  idranti  ne  fosse, 
di'l  tutta  di>|KMe  dì  comparire  ^noi  dìrammo 
assolutameli  t  e  ^'1 


DELUBRO.  F.  jL.lat.4fe/nArifm.gr.Tl/u- 
V9{.  Fior.  Ital.  D.  [15.]  Delubro  taulo  viem 
a  dire,  quanto  tempio.  Dant.  Par.  0.  Coo  co- 
stui pose  il  mondo  io  Unta  pace,  Che  fo  ser- 
rato a  Giano  il  suo  delubro.  Ar.  Fnr.  3.  Ì6. 
Vedi  qui  Alberto,  invitto  capitano,  Ch'ornerà  di 
trofei  lauti  delubri. 

DELUDERE.  [*  Ingannare.]  Ut.  del»- 
dare,  irridere,  gr.  ^^Àcua^ctv.  Dani.  Par.  9. 
Nè^nella  Rodopea,  che  delusa  fu  di  Demo. 
foonte.  *  Segner.  ine*  ed.  2.  23.  16.  N^a 
(Maometto)  che  Cristo  fosse  crocifisso  in  per* 
sona  propria,  ma  cbe  deludesse  gli  Ebrti.  ;  fi 
Princ.  215.  Però  a  deluder  l'arie  già  cono- 
sciuta, con  ristessa  arte,  così  dobbiano  fnr  doì. 
Menz.  Him.  f.  250.  Molti  soa  che  delndooo 
La  mia  canuta  e  labile  vecchiessa  £  dal  pottt 
amar  nobii  bellezsa  Me  come  tueUo  esclodono. 

*  DELUDIMENTO.  Delnsiottt,  Ugauno. 
Segnar.  Concord. 

.  D^UJ{)lTOKY..Ferb.masc.\aeo\ai 
delude.  lat.  illusor.  gr.  ifiitccixvni.l  Ssgiur. 
Paneg.  [717.  Nou  si  procura  che  tulle  {*/< 
ville)  fiu  da  lungi  appariscano  sontuose  più 
assai  del  vero,  con  prospettive  fallacìi  codbm- 
talli  fittisii,  cou  marmi  finti,  e  cor  altre  Bilie 
guise  d'itiganni  deluditori?J 

DELUSIONE.  F.t.  Il  deludere.XtV. Sda- 
zio, illusio,d€ceptio.f^.X^*^^tpii-*',  Seri. 
Stor.  15.  596.  I  padri  comìnciafoao  a  poter 
predicare  Ìl  Vangelo  un  poco  più  speditameate 
ec.  e  discoprire  e  tor  via  gringanoi,  e  le  deta- 
sìoni  de'  magi  e  de'  maliardi,  i  quali  scbtfiii- 
scono  le  menti  di  quegli  uomìui  iavolle  oellc 
mensogne  e  negli  errori. 

DELCSO.  F.  L.  Add,  da  Deludere,  lit. 
delttsus.  gr.  ipltoux^tii.  Cas.  son.  5.  Cosi 
deluso  il  cor  più  volte,  e  punto  Dall' >cpr« 
orgogKo,  piagne.  Red.  ins.  02.  Sempre  dclav 
attesi  indarno  la  desìdenta  nascila  de{li  scitf- 
pioni.  E  Fip.  1.  40.  Di  buon  proposilo  bo 
csperimeulate  alcune  altre  famose  erbe  da  Dio* 
scoride,  e  da  Plinio  descrìtte,  e  sempre  uè  wa 
rimaso  deluso.:  Cas.caiiz.B.A.^i  so  s'io  la- 
ma o  speri  Olà  mille  volte  io  mia  r^ioa  deluso. 

:  DELUSORIO.  Add.  Atto  a  delatUre, 
Ingannevole.  Car.  iett.  Farn.  I.  41.  Alle 
quali  proposte  Sua  Saittità  ha  potute  vedere 
cou  quanta  indegnità,  ed  ignomiiria  di  parole 
sìa  stato  risposto;  chiamandole  delusone,  e 
piene  dì  fingimenti  seiisa  venire  a  particohrc, 
o  ragione  alcuna  4i  quello  che  si  dice.  Pel' 
lav.  Star.  Cane.  9.  1 42.  La  risposta  daU  da  essi 
al  Pontefice  era  deiusuria. 

.  DEMAGOGO.  {F.  C]  Capodifiào^ 
popolare;  e  dicesi  altresì  di  quelli  che  fer- 
mano qtiesta  /azione.  Salvin.  Disc.  1.  *l^' 
Onde  gli  oratori  fra  gli  Ateniesi  erano  appel- 
lati Demagtup,  qnatì  guidatori  del  popolo. 

.  DEMANDARE.  F.  L.  Commettere.  Ut 
demandare. Segr.  Fior.  Disc.  Riform. (JM) 
Deliberare  una  causa,  e  demandarla  a  lutti  » 
trenladue  iusieme.  E  appresso  :  E  dwaso- 
darlaal  Consiglio  degli  scelli.  E  appresso:  i*- 
vare  da  quel  Consiglio  una  causa,  e  demeudins 
al  Consijtlio  (grande. 

^  DEMENTARE.  Fare  impazzare,  Ri' 
dur  demente.  laC  dementem  reddere.  p- 
pxrmoXtv.  •:  Segner.  Mann.  Hagg.  <*•  '■ 
Tale  i  U  magia  dell'onore:  demeuU  glìao*' 
mi,  sicché  a|>pena  sì  discernano  per  umani. 

DEMENTATO.  F.  A.  Add.  [Divennlc] 
demente.  Ì»U  demens.  gr.  yiiTriO*-  F^'  '**'• 
Tod.  5.  7.  0.  Stai  come  dementata  Iu  tal  loo^ 

*  DEMENTATORE.  Ferbal.  mese.  CW 
[o  Olì]  dementa.  Segner.  /«frerf-»»**-^! 
Appostoli  discopersero  quelli  (miracoli)  «• 
reo  Simone,  demeatator  di  Samaria  (cioe,cM 
rendea  come  dementi  gli  abitatori  di  Ss' 
maria.) 

DEMENTE.  F.  L.  Che  ha  demenza.  W. 
demens.  gr.  T^ittOi^  divori' Frane.  Barb.*^- 
la  Se  non  come  il  demente,  Ch' erro  0  dotto 
non  sente.  *  Dant.  Canv.  110.  E  pe»  l" 
colali  souo  chiamati  nella  grammatica  «»«iti 
e  dementi,  cioè  scusa  metile. 

DEMENZA  ,  e  DEMENZIA.  F.  l-  Scioc- 
chezza, Pazzia,  lai.  demenlia,  sttdtitta.  gr. 
dtaoiat.  Bocc.  Fit.  Dant.  237.  O  ingrals  pt; 
Iria  !  quale  demeuaìa,  quale  tiascoraggm*  " 
teuea ,  quando  ti  tuo  carissimo  citladino  *t. 
naeltestì  in  fuga  ?  Lab.  306.  Veguamo  al  Iu 


Digitized  by 


Google 


DEM 

<QM«MR^cfcc  portifì  A  costei,  e  ngioniamo 
Mb  te  jwwMia  io  quello. 
•  KltiJkUEHE.  /.  £.  Sommergere,  gr. 

.  J  At  Let€/.  nt,  ss.  Pad.  I.  9S.  Que- 
ibimdrrii  «e  mmo  vaoi,  ìuutilì,  e  irocivi  iti 
tuta, cke  Jcawrgono  ec.  l'anima  io  morte  c- 
ìttu.  Cm^ate.  Eip.  [  Simb.  ]  I.  *il.  Cadono, 
(C  M  nlleciladiRÌ  ciecrabili,  le  quali  dcmer- 
|DM  le  Miuic  io  iuterito,  e  |>erdÌsìoDe. 

KMERJTaRE.  CotUrario  Hi  eternare. 
bt.  sj/r  M«r#ri.  gr.  xflUÀ»;  ITtfUÌv.  ^if  f.  E  te 
(«i  fÌMw,  wgoilefvbbe,  che  uoi  oon  meritat- 
no.  w  4c«mUstimo.  :  Hticeìf.  Tim.  ti. 
f.  SM.  L«  poRMMie  fio  cflBcacr,  e  più  diretta 
diUt  gìMstiue  )  ti  ^  la  disiributÌTu;  onde 
I  rrmiiit  ù  dee  chi   merita,  e  ehi  demerita 

•  liEMCRlTATO.  ^dd.  d.t  Demeritare. 

St^aer.Cntt.tmjtr.  3.  19.  33.  Per  una  banda 

«  ù  ttittsaniià  tua  sal«ite,  e  per  l'altra  è  da 

tt  lì  4nMnlit4. 
DESttarTEVOLB.    ^dd.   Contrario   di 

Mtritt^vU;  lmaierÌte*»o/e,  Indegno,  lai.  /«- 

^au.  [p.  K3xi'ce(.]  Segner.  Ataun.  Nov.  3. 

1  Ti  rodi  con  ciò  solo  «bbastanu  demerìle- 
nl«<a((nrrla. 

OCXERITO.  e  DCMERTO.  Misfatto, 
Cdp*  ;  cómt'-orio  di  Mferito.  ìaUcntpa,  pec^ 
rttea.  [gr.  ctn«C]  Fiioc.  5.  43.  Setixa  gnar- 
hn  i'  soiih  deaeriti  ,  con  pietoso  aspetto 
■>la  HMiri  oefes«ilà  ti  rÌTolgì.  Stor.  Etir.  3. 
tt.  n  ro«le  Odehco  Palatino,  per  alcuno  de- 
9f»to  tao  trovaudon  in  carcere  dì  Berengd- 
m,  tu  dUto  di  lai  a  guardia  al  predetto  mes> 
wf  Uabcflo.  jtr.  Fiir.  91.  37.  Che  mi  con- 
ica «  ule  U  mìo  giusto  furore,  e  il  tuo  de- 
aot». 

S  ftrPtme,  e  Castigo,  lai.  paena  y  sup- 
ptxmm,  gr.  rf/cnux,  {^n/u'a.  Su/.  Dando  ad 
•pi  vm  «DO  merito,  e  demerito,  sccoodocbé 
richiede  la  riwtixia. 

•:0EMERITORIO.  Jdd.  Contrario  di 
UtrittH:  Segnar.  Panag.  437.  Riprovara 
*M>ra  le  UauMÌue,  «  le  teuea  per  demerilorte, 
per  ne. 

DEHERSO.  K  L.  Md.  Affondato.  Ut. 
*w<r»a.  gr.  xacrot^ocTtnr^df.'Ci*.  5. 6.  4,  Il 
^ttlo  loogo.  il  qoalc  è  ripieno  di  letame,  e  ri* 
^<^  sa  poirere,  ricere  il  sette  del  castagno 
M«  pia  oeservo  d'un  piede. 

•  UENERTO.  t^.  DEMERITO. 
•DEMOCRATICAMENTE.  Jt^rb.  Ko- 

«  ddtttto.  Ih  modo  democratico. 

DEMOCHAT  ICO.  y.  G.  ^dd.  Di  demo- 
tmie.  Ut.  éftnocraticut.  gr.  dtj^tfx/^ocrixtf;. 
\UÌ*ia.  Dite.  I.  113.  Viaggia  con  pericolo 
di  £wB  oa  ca«ire  tutto  democratico,  che  si  go- 
"rw  (  per  coti  din*  )  a  popolo.  Hneel/.  /**. 
''^-  S.  I!.  36.  La  regina  dunque  la  quale  ha  da 
'*ffcrf  rnmaaa  società  in  lotte  le  Repubbli- 
ca £  ^ual  torta  dì  govetno  elle  sieno,  o  de- 
*ocnrt>co,  0  aristocratico,  o  di  mouarckta  ec. 
««et 

DEtOCRAZIA.  r.  G.  Governo  popolare. 
Ut  Utitn»  popnlariM.  gr.  itifiCKpvxiat..  •  Sai' 
t""!.  Dite.  1.  |9ft.  Catone  nella  repubblica  ro* 
*^ebe  era  mista  d'aristocraiia,  e  didemo- 
cvit,  cioè  dell'autorità  del  senato,  e  della 
•«*i  del  popolo,  non  approTata  che  ec.  E 
««■.1-  6$.  Fa  Ira  1'  altre  una  commedia  ec., 
atlb  ipalc  nppreseiita  una  repubblica  don* 
*(^  e  il  broglio  e  parlamento,  e  ragunaroento 
""^  >a  aomma  una  democraau  di  femmine. 
:  W«<.  ^dr.  Op.  mor.  4.  383.  Si  dice  tre 
•*«'•  le  poNtie;  la  Monarchia,  cioè  Principa- 
to; Ol^rrLìi,  ctoc  Signoria  di  pochi;  e  De- 
**r«ia,  cÌD«  Governo  popolare. 

l*EllOURE.  onerar  le  fabbriche,  o  si- 
•»'».Ul  «venere,  demotiri,  gr,  xvr^ScdXitv. 
'''.  Dii€.  ^rn.  31.  Proposi  perciò  all'  A.  V. 
»  dotcni  latte  tre  demolire  affatto,  come  ce. 
»»■»»  il  tuUo  esequilo. 

•  OEMOUTO.  jédd.  da  Demolire;  Roti- 
••'•,  dtforrato.  bt.  dirutus.  gr.  Kei^eupt- 
^  Stf-Htr.  Crisi,  instr.  3.  5.  I».  Che  po- 
j^  egli  far  di  vautaggio,  se  avesse  fatta  prò- 
«wo  di  «dorare  qnedi  Ire  idoli,  non  di  tenerli 
*»^,  e  dp|ire»BÌ  sotto  i  suoi  piedi  7  E  /«• 

!uÌJ!"  ***  *•  ^'"«'•<»  »"<^'»«  '■  Cini .  ansi 
**»Wa  dì  nodo  che  di  uiuna  caia  restò  pie- 


DEM 

DEMOLIZIONE.  //  demolire.  laU  ei'ersio, 
demolitio,  gr.  ['x%ÌKlp*9tt-]  f^iv.Disc.  ^rn. 
19.  Fui  obbligato  a  proporre  all'  A^  V.  la 
demolìaione  ec.  delle  stesse  pescaie  di  muro. 
*lBaldÌH.  f^it.  Hern.  39.  Una  delle  quali 
(resolazieut)  essere  stata  quella  della^demo- 
liiione  del  campanile  di  S.  Pietro. 

.  DEMONE.  Demonio.  Petr.  {TU.  Intp. 
Pont.  74.]  Uno,  una  notte,  in  multo  bella  for- 
ma gli  apparve  ;  e  molte  volte  badandola , 
spariva  e  di  poi  appariva.  Onde  poi  incavi* 
data,  essere  stato  il  demone  si  disse.  E  196. 
Carlo  figliuola  dì  Lodovico  imperadore  ec;  dal 
demone  versato.  I  Rncell.  Tim.  13.  8.  448. 
lu  loro  sussidio,  disse  Socra'e,  avere  ciascuno 
un  demone,  che  lo  custodisca  ìa  questa  vita. 

#  DEMONIACi:iI).  Peggiorai,  di  Dento^ 
nio.  Forfig.  Ricciard.  4S.  60.  Ma  il  demo- 
niaccio,  che  sempre  lavora.  Gli  guastò  tanto  il 
debuie  cervello.  Che  ancor  di  nuovo  a  Dio  si 
fé  ruhelifl. 

DEMONIACO.  [Sitst.\  Indemoniato,  lat. 
IrmphaticHS  ,  cerritus,  * daemoniacns.  [gr. 
dM/covteexd;.]  Espos.  Kang.  Molti  tempi,  cioè 
molle  ore,  il   demonio  invfsa  ma  ni  Tesi  amento 

Jiue&to  demoniaco  ec.  Volle,  che  fosse  mani- 
esto  il  grande  male  di  quello  demoniaco.  Fr. 
Giord.  Pred,  R.  Venne  in  chiesa  una  demo- 
niaca. 

*  DEMONIACO,  jidd.  Del  demonio,  j4p- 
partenente  a  demonio.  Salvin.  Cas.  60.  La 
verace  adoraitone  dì  Dio  colla  demoniaca  su- 
perstisione  satireggiando. 

«:  DEMONICO.  Jdd.  Demoniaco.  Tass. 
Irtt.  3.  31.  In  queiristesso  libro  egli  fa  men- 
lionc  d'alcnni  sogni  divini,  o  demonici* 

^  DEMONIO,  angelo  ribello  ,  Diavolo. 
lat.  daeniou,  daentoninm,  gr.  xxxojocj/utuv. 
Bocc.  nov.  80.  4.  Temendo  non  il  demonio,  se 
egli  la  ritenesse,  lo  'ngannasse.  JUaestrntz.  3. 
14.  In  quanti  modi  ai  fa  lo  'udìvinamento  per 
ìnvocasìou  di  demoaìi? 

$  I.  Demonio ,  ^garatam.  dicesi  anche 
per  Uomo  terribile,  o  eccellente  in  qttal' 
siasi  cosa.  Modo  basso.  *l  Bel/in.  Disc. 
S.  89,  Sappiate  dunque  che  io  sono  stato  sem- 
pre un  demonio  qual  mi  sono  ora,  cammina- 
tore dì  notte,  salitore  di  mura,  ap^iostatore  di 
luoghi  ec. 

*  $  3.  Nel  plurale  ha  Demonia,  ed  ae~ 
cordasi  col  genere  del  maschio^  e  della 
femmina.  mG.  f .  11.  3. 7.  Ed  exiandt'o  le  de- 
mònia,  per  comandamento  di  Din,  sono  flagel- 
li, e  martelli  a'popolì  ».  f^it.  SS.  Pad.  9. 
HO.  Ledemotiia  gli  venivano  dietro  molto  do- 
lorose. E  3.  138.  Le  demouìa  ec.  si  fug^ono 
da  noi  sconfitti.  Cavale.  Pnngil.  [72.1  Vide 
le  demonia  che  l'oppressavaiio:  uascondeva  la 
faccia  sotto  il  copertoio,  per  non  vederli. 

•  $  3.  tSSf  prende  anche  per  lo  Stimolo 
di  una  mala  passione.  F'it.  SS.  Pad.  3.33. 
Còsi  è  bisogno  che  '1  monaco  stia  tempre  ap- 
parecchiato contro  al  demonio  della  loruica- 
aìone. 

•l  DEMONIO.  Remore  eccessivo  di  più 
persone  prodotto  dal  parlare,  tattare,  e 
simili. 

.  DEMOSTRATIVAMENTE.  jévtvrb.  Di- 
mostrativamente. Car.  leti.  I.  [*33.]  Io  non 
ho  saputo  scrivere  questa  più  demostrativa- 
mente,  che  m'abbia  fittto. 

:  DEMOSTRATIVO.  yidtl.  Dimostrativo. 
Car.  hit.  ined.  3.  300.  Con  queste  ragioni, 
le  quali  son  itole  e  demostratìve,  gli  ho  detto 
quaiitii  m'  occorre. 

*  DEMOSTR  KZl0^1^.Dimostrazione.Car. 
lelt.  1.  [*93.]  Le  mie  povere  dcmoslraaioni 
verso  V.S.  Reverendissima  non  mi  paiono  de- 
gne d'allro,  che  d'essere  accette,  |ier  la  molla 
affeziono  che  le  guidano. 

•  :  DEMULGERE.  y.  L.  Toccare  gentil- 
mente, Lisciare.  ht^demnlcere.Lib.son.i^.ln 
l'opposilo  sempre  arricci  il  crino  A  chi  la  co* 
da  ti  lìgia,  e  demulce. 

DENAIO.  Lo  stesso  che  Danaio.  Bocc. 
nov.  73.  4.  Nella  quale  sì  legano  Icvigne  col- 
le salsitce.  e  aveva  si  un'tica  a  dcnaìo,  e  un  pa- 
pero giunta.  Cap.  impr.  8.  Ordiniamo,  e  fer- 
miamo, che  niente,  no  alcuno  denaìo  si  dispen* 
si  del  comune  della  compagnia. 

•:  DENAIOSO.  Mtt.  Dftnaro.fo.Tass.li.tf. 
4.  107.  Il  sig.  Maurizio,   il  quale   è  denaicsj 


DEM 


67 


anzi  che  no,  potrebbe  fare  a  me  questo  servi- 
zio, e  dare  a  lei  questa  soddisfazione. 

DENANTE,  [DENANTI,]  e  DENANZL  K 
A.  Dinami.  Frane.  Barb.  38.  9.  Che  dove 
lunga  dura  Hiiì  falla  del  contender  dui  denaii- 
zi.  i?76.  6.  Lo  documento  qui  denanzi  Scritto. 
E  148.  II.  Vertn  è  perdonare;  Ma  se  piir  ven- 
dicare Volessi,  guarda  drnanti  alla  mossa.  Cò- 
ni'muovi  la  percosse. '£  338.  3.  Maniera  è  di 
tenere,  Denanxì  provvedere.  E  334.  93.  De- 
uanzi  agli  altri  impiglia  i  forestieri.  *  Fr.  lac, 
Tod.  3.  19.  I.  La  luce  del  dì  mediante  A  me 
rappresenta  denanle  Cou  corporeata. 

•  DENARIO.  Moneta  d'argento  di^ Roma- 
ni, che  da  prima  valeva  dieci  assi  ond'ebbe 
il  nome,  e  di  poi  ne  valse  sedici.  Dav.  Camb* 
94.  Fu  poi  battuto  il  denario  d'argento  con 
questo  seguo  X,  perchè  valeva  dieci  di  quelle 
monete.  Borgh.  Àfon.  179.  Buttcrou,  la  prima 
cosa,  il  deuarìo;  poi  dimezzandolo  ec.,  il  qui- 
nario. 

DENARO.  Lo  stesso  che  Danaro. 

S  i.Per  Moneta  generalmente,  lat.  pecu- 
nia, uttntntns.  gr.  asyujc^tcv.  Dan/.  Inf  SI.  Del . 
no  per  li  denar  vi  %i  fa  ita.  Cron.  Morell.  336. 
Pagolo  stette  piò  anni  con  loro  a  aalarìo,  come 
si  trova  ne' suoi  libri  ;  ed  i  suoi  denari  assegna- 
tigli in  parte,  uon  potè  mai  avere  se  non  a  sten- 
to, e  sansa  utile,  e  profitto  o  luì, 

»  S  9.  Denaro  battuto,  in  forza  di  Con- 
tanti. Bemb.  Stor.  IO.  143.  Costui  tre  mila 
libbre  d  oro  in  denari  battuti  per  testamento 
lasciati  avej. 
:  DENAROSO,  jédd.  Danaroso,  lat.  ;>ec«- 
'  niosus.  gr.  icoXuxp^.pvroi.  *  Pallav.  Stor. 
Cene.  I.  4.  7.  Le  quali  allora ]sono  più  accette 
a  Dio  quando  vengono  da  persone  men  dena- 
rose. 

DENEGARE.  Dinegare.Ut.  denegare,  gr. 
airotovcTvSflU.  >  Dat.  Disf.  Cacc.  69.  Procu- 
rò d'indurre  i  piacevoli  a  mandare  i  quattro 
curanti  alle  some,  ed  eglino  denegandogliene, 
e  dicendo  non  voler  ptu  prender  cura  ec.  [né 
fare  in  forma  di  competenza  le  loro  cacce.] 

DENEGATO.  Jdd.  da  Denegare,  lat.  de- 
negai us. 

*:  DENEGAZIONE.  Vazion  del  denega- 
re. 

DENIGRARE. ['Propriamente  annerare. 
Far  nero.  Oscurare,  ma  s'usa  il  più  della 
volte  in  sento  metaforico, partandodi fama, 
onore ec.]Ut.denigrare,  obsenrare.  gr.  aTTO* 
pt\%Ì'*U'*.  Ar.  Fnr.  18.  3.  3.  Denigrò  sua  fa- 
ma egli  più  che  pece.  *  Castigl.  Corteg.  I.  38. 
La  fama  dì  un  gentiluomo  che  porti  Tarme*  se 
una  volta  in  un  mìnimo  ptinlo  si  denigra  per 
codardia  ec ,  sempre  resta  vituperosa  al  mon- 
do. Menz.  À'at.  II.  Dove  sì  traggc  a  fondo,  E 
ai  denigra  l'altrui  chiara  fama. 

•  DENIGRATO.  Add.  da  Denigrare.  Sa- 
nazzar.  Arcad.  alla  samp.  Piagni  misera  ve- 
duta ;  piagni  infelice,  e  denigrata  sattpogna, 
priva  di  quella  cosa  che  più  cara  del  cielo  te- 
nevi. 

DENODARE.  Snodare,  Disnodare,  Scio- 
gliere, lat.  dissolvere,  enodare,  [gr.  ^tctXùti/.] 
Guitta  leti.  14.  Specchio  di  morte,  e  forma  di 
fellonia,  la  cut  fortessa  grande  è  denodsta,  • 
rolla.  ["Motis.  Itotlari  nella  nota  311.  qnir/, 
dice  che  Dcnodato  è  detto  per  Denudato.] 

•  DENOMINANZA.  iV/iow/H«2iof/tf.  No- 
me dato  a  checché  sia.  Mozx.  S.  Cr,  [I37.J 
Si  sono  appigliate  le  genti,  più  tosto  che  alla 
nuova  sarra,  alla  vecchia  profana  denominansa. 

•  :  DENOMINANTE.  Add.Che  denomina. 
*l  $  È  anche  termine  degli  Aritmetici,  ed 

ttzasl  anche  in  forza  di  sust.,  ed  è  lo  stes- 
so che  Denominatore.  M.  Paol.  Reg.  13, 
Scippi  che  ógni  rollo  sì  scrive  con  dne  nu- 
meri: ti  minore  sta  sopra  la  verga,  e  chiama- 
»i  denominato;  e  il  maggiore  sotto  la  verga;  e 
chiamnst  driiomiiianle. 

DENOMINARE.  Prenderei!  nome,  Dareit 
nome,  dominare  ,  si  n.ia  nel  signiJSct  att.  , 
e  nel  nentr.  pass.  lai.  denominare,  gr.  ÌTO- 
¥Opà^€iV.Sagg.  naf.  esp.  36.  Sarà  da  qui  avan- 
ti C/'A//e2S<r3  denominata  sempre  diilla  stessa 
misura  di  un  braccio,  e  uii  quarto,  l  Sper. 
Graz.  198.  Con  qual  decoro  conveniente,  o 
ingralìssrma  creatura,  hai  tu  aggiunta  per  lor 
compagnia  questa  tua  vile  cortigiani  i,  onde  vuoi 
esser  denominata  ? 


Digitized  by 


Google 


68 


I)EN' 


I^EN 


l»EN 


DENOMINATIVO.  ^tM.  Che  denomiita. 
lai.  dcHominatittis.  gr.  TCKjxàvu/àO^,  *  Salv, 
Avieri.  3.  I.  8.  DeuoiniiMtlvi  uuuiervH,  due 
addietlivt»  clic  si  formauo  da  quc' de'iiumeri. 

DENOMU^ATO.  JdtL  da  Denominarti. 
lai.  denomiitatut,  twiteupatus.  $t.  i-itovOfiX" 
a^tii.  l  fior.  Ita/.  A  lui  è  consacrato  lo  pri- 
uo  mese  dell  auuo,  e  da  Iute  denominato  ueu- 
iiaio.  (Così  it  ^ocatf.  itila  V,  Comsagrato.) 
Saiutat.  Are.  Pr.  li.  Vidi,  e  riconobbi  il  sud- 
detto colle  ec.  deuominato  da  quel  gran  bifol* 
co  AfricattO. 

•SS  Rinforza  di  $n$t.f  2*  degli  t^ritmc- 
tici  atttichi,  io  stesso  che  Denominatore,  31. 
Paoi.  Rcg.  li.  Sappi  che  ogni  rotto  si  scrìve 
cou  due  numeri  :  il  minore  sta  sopra  la  verga, 
«  chiamasi  denominato;  e  il  maggiore  sotto  la 
verg't,  e  rhiamasi  dcQomiuaule. 

.  DENOMINATORE.  T.  degii  Aritmeti- 
ci, yome  che  si  dà  a  qitet  ninnerò,  il  quote 
nè'rotti  si  trova  posto  sotto  di  un  altro,  ed 
indica  il  numero  delle  parti  iu  cui  è  divisa 
Vutiilà. 

DENOMINAZIONE.  //  denominare,  lai. 
deuominafic.  gr.  i^ovofiocyix.  J  f^it.  Pitt. 
7i.  Appellano  virtuosi  i  musici  ec  quando  »* 
gloriosa  denominazione  non  sì  conviene  uè  au- 
cbe  a'filosofi. 

5  *Per  Una  specie  di  Jìgura  retton'ca. 
But.  Par.  I.  I.Qui  usa  l'autore  quella  figu- 
ra, che  si  cbiain  da'gramraatiei  empliasis,  e 
daVdtorici  colore,  dello  denominazione. 

DENOTARE.  Significare,  lai.  denotare, 
signijìcare.  gr.àltC'nìfioUvuv.Sagg.  uat.  esp. 
18.  Nel  tempo,  che  l'oriuolo  suona,  di  già  quel 
tempo,  che  vuol  denotar  quel  snono^  è  passalo. 

»S  S  I.  Denotare,  parlandosi  di  voci  e 
locuzioni,  aeceima  ti  senso  e  la  forza  che 
haiuto  in  sé. 

S  3.  'Per  Accennare  dilige/ttentente' ,  o 
Distinguere  miiuttamente.  Ut.  perpenderr. 
gr.  i^txà^uv.  Ott.  Con».  Par,  31.  [677.]  N«l 
presente  Canio  parla  in  universale ,  e  nel  se- 
guente Canto  trattela  dì  tal  Ibrma  in  siugula- 
re«  nomando ,  e  denotando  ogni  lineazione,  e 
siugularìtade. 

•  S  8.  Per  Dare  indizii  da.  riconoscere 
alcuno.  Contrassegnare.  Caut,  C<arfi.[*i4l.] 
Che  i  falsator  di  gioie  oggi  soo  tanti,  I  quai 
noi  denotando  a  tutti  andiamo  ;  Ne  come  quel 
facciamo.  Che  per  lodar  sé  slesso  altrui  Hpren- 
de.  Ma  sol  per  avvertir  chi  non  intende. 

DENOTATIVO.  Add.  Che  denota.  Alto 
a  denotare.  Ut.  significaus.  gr.  aij/AOtvwv. 

*S  S  £  in  forza  di  sust.  Magni,  tett. 
scient.  333.  Doversi  quel  pislico  pigliare  per 
un  denotativo  del  luogo,  di  dove  queM'ungueu* 
to  veniva.  » 

DENOTAZIONE.  //  denotare.  Ut.  signi- 
JScaiio.  gr.  99t/ut7Ìoi. 

DENSARE.  K  L.  Condensare.  Ut.  den- 
sare.  gr.  irvxy&vv. 

PENSATO.  Add.  da  Densare;  Conden- 
salo. Ut.  densatus.  gr.  ffuxM»3^<i{.  «t  Menz. 
rim.  I.  160.  O  par  fosse  fantasma,  e  Taer  va- 
go Dcnsato  deludesse  il  guardo  mio,  Cbe  si 
raggira  all'altrui  |>ompe  intomo. 

DENSEZZA.  Densità.  Ut.  densitas.  gr.  ;ru- 
xvÒTfìi-  ^ih.  cnr.  malatt.  Per  ladeoscsza,  che 
naturalmente  trovasi  ueiroro. 

DENSISSIMO.  Superi,  di  Denso.  Ul.  den- 
sissimus.  gr.  TrwxyÓTOCroj.  Hicett.  Fior.  [4. 
36.]  Si  osa  ancora  U  cine,  detta  volpone  ntc 
impielrìla,  di  colore  tendente  al  bigio  oscuro , 
e  di  sostanza  densissima.  ^(V.  Prov.  95.  Il 
moudo  sarebbe  ec  tutto  involto  in  densissime 
tenebre  d'ignoranza. 

DENSITÀ,  DENSITADE.  e  DENSITATE. 
Astratte  di  Deiuo.  Ul.  densitas,  spissitudo. 
gr.  TzuxvÓTfti^  Tf^X^i'  '^"-  (^'-  /«/"•  [*23. 
398.]  Acciocché  li  raggi  dogli  occhi  sìeno  ri- 
tenuti dalla  densità  del  piombo.  Bnf.  Le  rÌMil- 
ve,  e  drìtzale  co'suoi  raggi,  e  allora  risolve  la 
loro  densità  col  suo  caldo ,  che  risolve  l'umi- 
do. E  [Par.  3. 3.]  Denso,  cioè  la  densità  de'cor- 
pi  celesti. 

DENSO.  Sust.  Densità.  Ut  densitas,  spis- 
situdo. gr.  ItVKvÓTiìi.  Dant.  Par.  3.  Se  raro 
e  denso  ci&  faccsser  tanto.  Una  sola  virtù  sa- 
rebbe in  tutti,  But.  Denso ,  cioè  la  densità 
de'corpi  celesti. 

DENSO.  Add.  Aggiunto  di  corpo  unito  , 


e  ristretto  iitsiente,  come  metallo,  marmo  , 
e  sintili  f  contrario  di  Raro  e  Poroso.  Ut. 
densus,  spissHS.  gr.  TTUxvòf,  Dant.  Par.  3. 
Ed  io:  Ciò  che  n' appar  quassù  diverso, Credo 
che  '1  funno  ì  corpi  rari,  e  densi.  Sagg.  nat. 
esp*  3.  Siccome  anche ,  per  essere  aperta ,  e 
libera  ec  (V  aria),  si  fa  |>Ìù  rara,  e  più  densa. 
«:  Varch.  Lez.  |46>  Quanto  ciascuna  cosa  è 
più  densa,  tanto  ha  in  sé  più  dì  materu.  Car. 
Apol.  307.  Era  il  fumo  nero  e  denso  come  di 
pece. 

;  S  Per  Fitto,  Serrato,  Ut.  densus.  Rne. 
Ap.  333.  E  stanno  dense  (  l' Api  )  intorno  al 
lor  signoro  Nel  padiglione. 

DENTACCIO.  Peggiorativo  di  Dente.  Ut. 
deus  immanis  ,  Inridns.  gr.  avCio'ij^,  fii^V-^ 
iSoùi.  Fir.  As,  305.  E  col  naso  arricciato  mi- 
nacciandomi, cou  quei  dentacci  lunghi  tiitlu 
mi  morsicava.  Bern.  Ori.  2.  19. 1.  C  bau  que' 
dentacci  lunghi,  e  quegli  ugnoui. 

DENTALE.  Sorta  di  strumento  vi/fesco  , 
[ed  è  quel  legno  al' quale  si  attacca  il  vo- 
mere per  arare.]  lat.  dentale.  Alam.  Colt. 
I.  99.  Ivi  in  disparte  sU  l'aratro,  e  1  giogo 
ce. ,  Lo  stimolo ,  il  dentai  ;  sievi  '1  timone. 
;  Salvin.  Georg.  /.  I.  A  doppio  dorso  adat- 
lansi  i  dentali. 

DENTAME.  Quantità-  di  denti.  Ut.  den- 
tium  series. 

$  Per  Dente  ,  o  Dentatura.  Ut.  d&is.  gr. 
ì^oùi.  Esp.  f^ang.  Se  egli  non  gli  diletta ,  e 
non  lo  'nlenda ,  non  morda  subitamente  col 
dentarne  canino,  e  coli' unghia  serpentina. 

^  DENTATO.  Atid.  Ùte  ha  denti.  Ut. 
dentatus.  [gr.  ^^^yroi^tif.] 

%%  E  per  similit.  si  dice  di  Quegli  istm- 
menti ,  o  dì  altre  cose,  che  hanno  parti  a 
somiglianza  di  denti.  «  Bocc.  leti.  Pr.  S. 
Ap.  317.  Tu  mi  lavasti  coVl'acque  fredde; io 
tasi  te,  non  come  io  doveva,  col  coltello  denta- 
to. Alani.  Colt.  3.  39.  Sun  di  mieter  più  mu- 
di :  altri  hanno  in  uso.  Come  Ì  nostri  ToKan, 
dentata  Cilce.  Hed.  Ins.  53.  V<^onsÌ  due  la- 
mette denlale,  che  paiono  appunto  dne  se- 
ghe. E  Oss.  an.  179.  Trovausi  in  vicinanza 
dclU  foce  dell'esofago  due  ossetti  romboidali 
aspri,  e  dentali  » . 

DENTATURA.  Ordine,  e  Componimento 
di  denti.  Ut.  series  dentium ,  dentes.  Lib. 
cur.'  malatt.  Questa  polvere  vale  a  far  bianca 
e  pulita  la  dtrotatura.  E  appresso  :  Quelli , 
che  bauni)  forte  dentatura ,  vivono  ec.  Lib. 
Alasc.  Guarda  bene  alla  cUntatnra  dello  ca- 
vallo. Alleg.  58.  La  bella  dentatura  a  voi  non 
manca,  S'  ^li  ha  la  slrisaa  bianca. 

*S  S  ^*  Dentatura,  dicesi  anche,  per  si- 
militudine dei  denti ,  delle  ngne,  e  simili 
strumenti.  F'as.  Op.  fit.  1.334.  Vero  è  che 
bist^na  per  la  maggior  parte  lavorarlo  (  il 
granito  bigio)  cou  martelline  che  abbiano  la 
punta  come  quelle  del  por6do,  e  nelle  gradi- 
ne una  dentatura  tagliente  dati'  altro  Ulo. 

S  S  3.  DriUatnra,  dicesi  anche  il  tempo  in 
cui  gli  animali  mettono  i  denti* 

£  S  3.  iu  proverb.  Chi  addottrina  puledro 
in  dentaturti ,  Tener  lo  vuol  tanto,  com'egli 
dura;  e  vale  Che  l'uomo  suole  aver  care, 
ed  usar  Jiuchè  puh  le  cose  intorno  alle  qua- 
li ha  speso  fatiche  e  cure.**  Tratt,  Cast. Sic- 
come l'uomo  dice:  Chi  addutlriua  pnicdi-o  in 
dentatura.  Tener  lo  vuol  tanto,  come  egli 
dura  N. 

^  DENTE.  ['Ciascuno  di  quei  piccoli  os- 
si coperti  da  una  specie  di  smalto  ,  fitti 
nette  mascelle  e  rivestiti  in  parte  delle  gin- 
giva ,  de'  quoti  si  senato  gtì  animali  per 
fendere,  dividere  e  masticare  gli  alimenti, 
e  per  mordere;  e  si  distinguono  tUigti  Ann- 
tornici  in  incisivi  ,  canini  ,  molari  o  ma- 
scellari,  ec.  ]  lai.  deus.  gr.  iioxti.  Bocc. 
lutrod.  9.  rrìma  mollo  con  grìfo,  e  poi  co* 
denti  presigli ,  e  scossiglisi  ,  alle  guanre  ec. 
Petr.  son.  82.  Rode  sé  dentro,  e'  denti  e  l'un- 
ghie indura.  Per  vendicar  suo*  danni.  Pallaft. 
[3far3.  35.]  51  Nei  quatiro  anni  mutano  i  den- 
ti canini.  3/.  P^.  8.  36.  Con  quattro  denti  ca- 
nini lunghi  da  ogni  parte  della  boera.  Movg. 
19. 107.  Allnr  Morgaute  ritirava  a  sé  Presto  1 
battaglio,  e  'n  bocca  gitelo  storse,  E  spezza 
ì  denti  ,  l'nno,  e  l'altro  filo.  Bera.  Ori.  I. 
33.  33.  Ma  stropicciando  l'un  coll'altro  den- 
te, Pra  «è  diceva  :  agli  affclti  mi  serbo. 


%  I.  PermHaf.  Dani,  i^urg.  7.  Quivi  ita 
io  cu'parvoli  innocenti.  Da'  denti  mora  dcUa 
Morte  ,  avaute  Che  fos&er  dell' umaua  colpi 
esenti.  E  Par.  6.  E  quando  it  deulc  Lodoo. 
bardo  morse  La  santa  Chiesa  ,  sotto  alle  me 
ali  Carlo  Magno,  vìncendo,  U  soccorse.  «  Tat$. 
Ger.  5.  58.  Ben  m'offro  io  di  provar  eoo  que- 
sta mano  A  lui,  eh'  a  torto  iu  falsa  socusa  il 
morse,  O  s' altrì  v'  è  di  si  maligno  dente,  Ch'ei 
punì  l'onta  tngìuila  giustamente. 

;  $  3.  Dente,  termine  militare,  dicesi 
un'Opera  di  fortifcasiotte  campale  feti  a 
con  dne  facce  congiunte  ad  angolo  saliente 
verso  l'inimico.  Calil,  Tratt.  Fort.  33.  L'e- 
sempio dì  circondar  gli  aIl<^iameuU  con  dea- 
li,  u  ha  dalla  figura. 

$  3.  Pe/'similit.  si  dice  delle  parti  di  motti 
strumenti,  e  d'altre  cose  fatte  a  qitetla  «• 
militudine.  Ut.  «f^na.Cr.  3.7.8.  Ivi  lowf  ordi- 
nati molti  denti  radi,  e  piccoli  in  ordioe,  Bel- 
la parte  di  sopra  del  carro.  ES.  9.  3.  Del  uo 
legno  (del  corni o),  {perocch' egli  è  duri^imo, 
e  tenace,]  ti  fanno  ottimi  denti  dì  muIiuo.CaK/. 
Cam.  191.  Benché  s^a  non  è  il  gnade,  r 
unta,  E  bene  in  ordìu,  come  noi  l'abbìjiM, 
Limati  i  denti,  e  aguzzali  in  punta,  ec. 

«  ;  S  4 .  Dente,  dicesi  anche  II  taglia  ri- 
piegato e  rintuzzato  de*  coltelli,  e  simiìi. 
Atlegr.  170.  Abbozzatura  di  filosofo,  ciod- 
stiatii  con  l'asce  grossa,  o  più  tosto  eoo  Usca* 
re  co*  denti. 

S  5.  A%vr  uno  fra*  denti,  vale  Averlo  tal- 
mente tuflle  sue  forza,  eh'  e'  se  uè  posse  dis- 
porre come  si  voglia.  Uuobaoxium  hahere, 

S  6.  £  Aver  uno  fra'  denti^  t'ala  talvol- 
ta Ragionar  di  lui. 

J  S  7.  Battere  i  denti,  vale  Percntaer- 
ti  insieme  per  tremito,  rabbia,  od  altro,  p. 
BATTERE,  $  36. 

S  8.  Darsene,  e  Darne  injtnoa' denti^det- 
to  proverb.,  che  si  dice  quando  due  tatse- 
unno  aspramente,  e  ruvidamente  insieme, 
senza  rispetto.  Ul.  mordieus  decertart- 
F'arch.Brcol.  76.  Dicexi  ancora,  ma  [hÙ  voI^* 
mente,  fare  una  batosta,  darsene  iufiao  a'deuli, 
e  lare  a'morsi,  e  a' calci,  e  fare  t'capeali. /ii^. 
son.  46.  Pazzerel  nidiace,  Te  ne  darò  bea  io 
iufiuo  a'denlL 

S  9.  Dir  checche  sia  fuor  de"  denti,  ta- 
le Dirlo  con  asseveranza,  e  con  liberti.  Ut 
libere,  audacter,  disertis  verbis  dicere.  gr. 
Tsotpfn/jnà^itv.  Ime.  Dav.  Star.  4.  337.  E(;li 
pauroso,  e  lento,  era  iif^odio  a' soldati,  che  di- 
cevano fuor  de'denti,  aver  egli  Usciali  usci- 
re i  Datavi  dì  Maganza.  Afalm.  3.  74.  Mio  pf 
dre  te  Io  disse  fuor  de'denti. 

S  IO  Dir  checche  sia  fra'  denti, vate  Dir- 
lo con  voce  bassa  ,  osctiramente,  o  in  fM- 
^fidenza.  Ut.  mtissitare.  [gr.  /*y§f:v,]  dtleg. 
330.  Fate  in  segreto  pur,  dite  fra*  denti. 

*  S  H .  J?  Dir  fra  deiUe,  e  dente,  vale  Dir 
fra  se  stesso.  Bern,  Ori.  37. 13.  Diceva  il  Sa- 
radn  fra  dente,  e  dente:  A  questo  modo  U 
mosca  sì  caccia. 

:  S 1 3.  Favellar  fra  *  denti  di,  checcbesste, 
vale  Favettarius  con  voce  bassa,  osctwamea- 
te.  Red.  Cons.  I.  384.  Alle  volte  se  uè  lascis 
scappjr  dì  bocca  qualche  non  ben  Irratioito 
accento,  ed  tuterruttameute  fra' denti  IM  &- 
velia. 

*  S  13.  Metter  i  denti,  vale  Far  i  denti. 
n  Alam.  Gii\  14.  155.  Vedelel  morto  làaoa 
altrimenti  Cbe  uu  picciol  garzoncel  che  nel- 
la ì  denti  N. 

*  S  14.  E  per  Dardi  morso,  Mdentere. 
Dant.  hif.  13.  In  quel  che  s'  appiatiù  miscr 
li  denti,  E  quel  dtUceraro  a  brano  s  brano. 

*  S  15.  Mettere  i  denti  in  nota  di  cico- 
gna, vale  Percuoterli  insieme  per  freddo, 
fame,  od  altro;  tolta  la  similitudine  delle 
cicogna  che  quando  è  tocca  dall' amoreo  dal- 
l'ira,  batte  il  becco.  Ut  dentìAns  crepite- 
re.  Dant.  Inf.  33.  Eran  1'  ombre  dolenti  «'• 
la  ghiaccia,  Mettendo  i  denti  in  nota  di  cico- 

S  16.  Mostrare  i  denti, [fignratam.,]vaU 
Giostrarsi  ardito, coraggioso,e  senta  penta. 
lat.  contra  audenter  ire.' gr.  {*ài/^ieTÀv(U.\ 
Dant.  Par.  16.  L*  ollracotala  scbialU .  cbe 
s'ìndraca  Dietro  a  chi  fUgge,  e  a  chi  mostra  u 
dentr,  Ovver  la  borsa,  come  agnel  si  placa-  «• 
f'.  9.  31.  Tale  gente  ec.  furono  per  naturi  ti* 


Digitized  by 


Google 


VES 


DEN 


l>EN 


e» 


U^,  e  c^i^  cKcùre  «It^ro  a  chi  fugge,  e  di- 
tuBi  )i  dtk^  a  cbi  nostra  i  denti. 

■  J  IT.  A*»  »*r'r  /«  pmroìa  tra  denti,  di' 
cm  di  (^Ju  «MI  ntcespicm  nel  parlat-e,  ùv- 
itftétm  »gHt  circostanza  sa  dir  bene  il 
ftnum*.  Bare.  g.  3.  m.S.  Alla  quale  in  iiiu* 
Mriuann»  la  |Mn>la  tra'  denti  uè  balbettava 

.;  J  IS.  Parlar  fra  denti,  vaia  Parlar 
di tlièccituia  copertamente,  o  sema  ia- 
tcàtrti  iai  imteadere.  S.  Mgost,  C.  V*  Mor- 
Mna^,c[niileii|li  parlandu,  uostrauo  uelle 
'•M  £ifHiu»oui  U  ai>prezz4re  tutte  quetle 
ilcJLiiic4ei  popoli. 

t;  5  !••  parlar  fuor  de  denti,  vale  Par' 
ìfrt  CPU  a$tevtraata  ,  e  coti  libertà.  HagaL 


lett.  Àt.  iOl  Di  tioMardo  di  Cajpoa  non  par< 
fuor  de'deiil 

•d  WM  bUwo  libro. 


lo,  pcrcW  cjli  ha  parlalo  auai 


\  St  Figliare  il  morso  co'  drjiti,  vale 
Star*  taiMMtittimo;  meta/ipresa  da^caval- 
li.  Id.  m*r4iai$  tenere,  fraenHm  mordere. 

5  ti.h^liarla  co'dettti,  rale  Mettersi  a 
/rr  feelcke  c«sa  cantra  «ino  rabbiosamente, 
ec'A  >tgv  t/orzo.  lat.  oòtiixe,  mordictts  ali' 
fnJ  pggrtdi.  Cecch.  Seiav.  3.  3.  Perciocché 
elb  ^(wi  I  ki  prcta  co 'denti  a  modo  mio.  2'ac, 
ut*,  ama,  IS.  il7.  Co'deutì  la  presero  Anneo 
Larjao,  |<fcbè  Nerone  sfatò,  e  proibì  ì  suoi 
.  nrm,  Mtlm.  6.  T.  Batta  cb*  ella  se  V  è  legata 
I  ito.  C  l'bi  presa  co'  denti,  e  se  n'  afiànna. 

•  J  tt.  {Pt^tdere  itua  cosa  a' denti,  io 
ittu$  eie  Pigliarla  co'detui.]  Car.  lett.  I. 
tl.t^  cbcUonsìgnore  vostro  è  costà,  bo  pre- 
K  U  ke  a*  deuti  ;  e  s«  credessi  spender  me 
■(^■0,  voglio  cbe  si  termini. 

•;  5  Ì3.  Reggere  al  dente,  si  dice  delle 
tmnde,  come  frntli ,  carni  od  altro,  fé 
fat/ì  aw  Cedano  f adi  mente  alla  pressione 
^^^i.!*.  REGGER  E. 

)  S  ^A*  Stare  a  denii  secchi,  vale  \figt4- 
ral-l  Atre  tenxa  operare,  o  non  volendo,' 

•  M«  iarruchiando,  o  non  avendo  modo. 
I»t  «orari  otcìtanler.  «.  xorfiX'/lt».  Satv. 
CfMck  1. 4.  E  fUrsi  a  denti  secclii,  e  colle 
■uai  Coflcii  come  un  boto. 

Ufi.  Stare  a  denti  secchi,  vale  Stare 
mu  mangiare.  Salvin.  Annot.  F.  B.  424. 
(Vanire  sotto  si  menava  le  roani  a  mangiare 
<<■  il  Sigaor  Giove  cou  gli  altri  Dei  era  con- 
*««*«ale  ioceiiuto,  sUudo  a  deuti  seccbi,  e 
*la>tBt«  pasciuto  ec  di  fummo,  e  d'  odore 
onte  snellite  camL 

$  M.  Rimanere  a  denti  secchi,  o  ascint- 
';  m/<  Rimanere  sansa  mangiare.  Buon. 
f^"f- 1 4. 3t.  E  noi  rinsarrem  qui  a  denti  sec- 

*t  i  ti.  SjSguralam.  Restar  senza  con- 
wyainf  /»  fAsa  desiderata.  Cecch.  Assinol. 
J-tMeuer  Riunccio  senza  fullo  goderà,  avau- 
tt  cW  M  domattina,  dell*  amor  suo,  e  io  ri- 
■«rò  a  deuti  seccbi. 

!  S  SS.  &are  a  denti  secchi,  vale  anche 
*m  cmteatare  i  propri  desideri»;  ed  in- 
fadeù  ptr  tv  piti  degli  amorosi.  «  Lor. 
V»rf.  céos.  rn.  6.]  CouUuIaU  gli  appetiti, 
"«•  i<«lt  a  denti  seccbi  ». 

SW.  Tenere  altrui  a  denti  secchi,  vale 
■'«  git  dar  da  mangiare.  laL  victum  non 
fibert. 

J  JO.  Efignratam.  Hon  dar  nulla,  Dit* 
'««.  4. 34. 0  aoudo,  tu  ci  tieni  a  denti  secchi, 
Il  pai  drl  tonjK}  dandoci  speranaa  j  E  con  que- 
*«  ■  «aere,  e  lo  c'inveccbt. 

pi-  Toccar  col  dente.  Sbattere  il  dente, 
'#awy  il  dente.  Dare  il  portante  ai  denti, 
F»r  UUare  i  denti,  e  simili,  vogliono  Man^ 
^*'^Vofloba$so.\MUarrodere.g^.^ot.pió(.TZ- 
^  Var^.  4.  95.  Dicea  Rinaldo  :  or  da  toc- 
w  «J  deate  Non  credo,  che  «i  Irotì,  ìusin- 
'ki  fcrt  tfcciam  del  boKO.  Malm.  4.  39.  Spe- 
"■*•  UU.  Ire  d'ugiiere  il  dente,  E  dire  al 
'*1»lgrT  buieapjnua. 

Ì*l  TtH^r  l'anima  co* denti,  ['dicesi 
f^^e^alm.  di  Chi  è  cagionoso,  afa  du' 
W«t  alt  e  spetto  di  dover  morir  presto,] 
•■  'ftmare.  er.  ifOUÌv.  Lor.  }fed.  caut. 
\'  V  Kon  iten  V  anima  co*  denti,  Ch*  un  non 
■y  fer  medicina  ?   Lasc.  Ptns,  I.  «.  ^en' 

*  ili  ftoij  lU  troppo  Teccbio,  lìen  rauim4 
'•  ^«U,  .;  Maint.  0.  «4.  Ond'  é  ridotto  per 


lo  mal  governo  Sì  strutto,  cb'e*tien  V  anima 
co*  denti. 

*  S  83.  Usare  i  denti  a  voto,  vale  Bat- 
terli insieme  per  voglia  di  mangiare,  o  per 
altra  cagione.  Ut.  mordere  inaniter.  Daat, 
Pure.  34.  Vijì  per  fame  a  voto  usar  li  denti 
Ubafdiu  dalla  Pila,  e  Bonifazio. 

$  34.  àlentre  l'uomo  ha  i  denti  in  bocca, 
Non  sa  quello  che  gli  tocca ,  o  simili.  Det- 
to proverbiale,  che  vale:  Niuno  si  può  pro- 
mettere di  sua  ventura  mentre  vive.  lai.  ne» 
mo  beatns  ante  diem  dici,  supremaqne  ft^ 
nera  debet.  C^cch.  Mogi.  4.  3.  In  mentre  che 
Tu  bd^  denti  'n  bocca,  tu  non  puoi  sapere  Quel 
cbe  e*  ti  s*  ha  a  toccare. 

%  33.  La  lingua  butte,  o  i>a  doiv  il  dente 
ditole  ;  proverb.  esprimente,  che  Si  ragiona 
volentieri  delle  cose  ,  che  premono  ,  o  che 
I  dilettano,  lat.  ubi  qui  s  dolet,  ibidem  cima* 
;  num  habet.  v.  Flos  367.  Pataff.  5,  La  lin- 
gua radove-gli  duole  il  dente.  Alleg.  36.  Lìb, 
dove  il  dente  duole,  Butte  la  lingua  ardila. 

*  *  S  36.  In  proverb.  Questo  è  il  dente  che 
pili  mi  duole,  vale  Questa  è  la  cosa,  che  più 
mi  dispiace.  Mlegr.  100.  Di  qui  seguita  ,  e 
quesl*  è  il  dente  che  maggiormente  mi  duolo, 
che  questi  infumi  balordacci  si  guadaguauo  ec. 
un  risonante  fracasso  di  sfoggiati  lelleratont. 

•  S  S  37.  Pasta  da  denti  di  alcuno,  vale 
Cosa  opportuna  a*  suoi  bisogni.  Cecch.  Dis* 
sim.  prol.  Vorremmo  noi  cbe  intervenissero 
certi  padri  di  famiglia,  e  certi  giovaoit  cbe  vo- 
gliono tur  maglie,  perchè  nel  vero  ella  sareb- 
be pasta  da'  loro  denti. 

S  38.  Più  vicino  è  il  dente ,  che  nesstut 
perétte  ;  modo  proverb.  che  vale,  che  muo- 
von  più  la  cose  proprie  ,  che  V  altrui,  lat. 
omnes  slbi  melius  esse  mnlunt,  quam  alte- 
ri, gr.  v^yu  xv«i/o);  iy-fiov. 

l  S  39.  In  proverb.  La  Ranocchia  non 
morde  per  ch*  ella  non  ha  denti;  e  si  dicedi 
Chi  nanfa  male  perchè  non  ha  il  modo,  v. 
RANOCCHIA 

DENTE  CANINO.  Sorta  d'erba,  lai.  deus 
canis.  Tes.  Pov,  P.  S,  [cap.  15.]  Anco  erba 
dente  canino,  posta  in  sul  dente  cbe  duole, 
caccia  hi  doglia. 

DENTE  CAVALUNO.  lat  dens  eaballi' 
$uts.  Cr.  6.58.  i.  Il  iusqutwno  è  freddo,  e  secco 
nel  terso  grado,  ed  è  seme  d'  un'  erba,  cbe  ù 
chiama  cassilagine,  oworo  dente  cavallino.  Fr. 
Giord.  Satv.  Pred.  94.  Onde  il  dento  caval- 
lino è  veleno  all'  uomo,  e  la  pernice,  cioè  la 
starna,  se  ne  notrica. 

DENTGCCHIARE.  Ro  secchia  re ,  Masti' 
cacchiare.  Mangiar  poco,  e  adagio,  e  seu' 
za  appetito,  lat.  Ugurir^  ,  Tcrent.  gr.  tiX' 
vcuscv.  Tes.  Br.  5.  45.  Incontanente  (la  dou' 
noia)  corre  al  finocchio,  ovvero  alta  cicerbita, 
e  manf^iane,  ovvero  cfa'  ella  ne  denlecchia.  Pa- 
taff".  7.  Poi  rose  il  pretrsemoi,  deuteccbiando 
(altri  Testi  leggono:  denlellando.) 

S  Per  mftaf.  Lib.son.  137.  Brucolin,  che  *1 
Mugel  tntto  denlecchi  (parla  in  tscherut  a 
Luigi  Pulci,  allora,  camarlingo  in  Mugel- 
lo). •  ;  Leuz.  Specch.  (/man.  F.  3.  Del  trop- 
po ben  chi  duolsi,  e  pur  arrota  Clù  fiata,  e  lai 
pur  mormora  e  denlecchta. 

*:  DENTE  D'INDIA.  >^MOPio.  Ovid,  Si- 
min/.  3.  H.  Della  mano  manca  sostiene  la  ce- 
tera  ornata  dì  gemme  e  di  denti  d'India. 

DENTELLIGRE.  Sottile  e  piccai  ftucel- 
lo,  0  cosa  sùiiile,  col  quale  ti  cava  il  cibo 
rimase  tra  i  denti;  Stuzzicadenti,  lat.  don- 
lisealpinm.  gr.  ^oyr^yÀuf  ^.  M,  Pier.  Reg. 
B.  F.  Lo  mentastro  è  lo  miglior  dentellier, 
che  sia.  M.  Àtdobr.  Prendete  nna  tattetta  lun- 
ghetta di  piuma,  o  uno  dcutelliere  d'argento; 
meltetelvi  bellarocnie. 

DENTELLO.  Ornamento  a  guisa  di  denti, 
che  va  sotto  la  cornice,  lut.  dentic'tlut,  Vi- 
Iruv.  gr.  cJ^vrcov.  Fit.  Bari.  Fu  menato  in 
una  citt»,  che  era  sì  grandissima  ,  cbe  non  si 
potrebbe  dire;  che  le  mura  erano  di  finissimo 
oro,  e  lì  canloni,  e  li  deotell'  di  pietre  preziose. 

•  *  Fas.  Op.  futrod.  i.  86.  I^a  sua  cornice  a- 
dorna  dì  mensole  e  di  dentelli,  ed  ìl  suo  fre- 
gio con  un  poco  di  corpo  tondo. 

$  I.  Dentello,  si  dice  anche  ti  Dente  di 
alcuni  strumenti,  lat.  densr^,t-  ÒSovf.  Cr.  3. 
7.  9.  Ogni  spiga  nell'  entramento  de*  dentelli 
compresa  si  raguucrìh. 


S  9.  Dentei  lo,  si  dica  anche  uu  lavoro  , 
che  fanno  le  donne  coli*  ago. 

*  %%.  S  di  qui  A  dentelli ,  che  vale  A 
foggia  di  dentelli.  Fr.  Giord.  338.  Simi- 
gliantemeute  della  foglia  del  fico,  e  di  quella 
della  vite ,  che  è  latta  a  dentelli ,  risegata  ,  e 
quella  no.  E  963.  Perchè  la  foglia  del  fico  non 
e  fatta  a  dentk-lli  come  quella  della  vite  ec. 

DENTICCHIARE.  Lo  stesso  che  Dan- 
teechiare,  lai.  ligurire.  gr.  Xtj^ytùttv. 

DENTICE.  ["Pesce  che  ha  la  testa  com- 
pressa in  pendio,  e  senza  scaglie  jSno  alla 
nuca  ;  le  mascelle  egualmente  lunghe,  ar' 
mate  amendue  di  una  fila  di  denti  molto 
acuti,  quattro  de'  quali  per  dascttna  m«- 
scella  sono  canini  ;  forse  da  questa  sua 
qi$atità  ha  preso  il  nome.}  lai.  dentex.  gr. 
9Uyj^0U{.  Red.  Oss.  an.  173.  In  un  dentice, 
in  un'ombrina,  in  uu  grof^o  non  solamente  tro- 
vai vermiuoso  ec.  tutto  il  canale  degli  ali- 
menti,  ec. 

.  DÈNTICELLO.  [Ditni/tutivo  e  Fetzeg- 
gitttivo  di  Dente;]  Pìcciol  dente.  Poliz.  Rim, 
[*98.]  Li  suoi  capelli  d'oro,  I  denttcelli  moo* 
di.  Bianchì,  politi,  e  tondi  Mi  fan  vivo. 

*  DENTIERA.  T.  de'  Chirurgi.  RasteU 
Itera  di  denti  posticci. 

*  DENTINA.^o/M«iW«.C>.4.4.(l5.1E  va- 
ìano,  e  dentina,  e  iiorlìn»,  le  quali,  avvegnaché 
siano  di  gran  dolcezza,  e  facciano  buon  vino, 
sono  quasi  senza  frutto,  e  troppo  temono,  il 
mollume. 

*;  DENTINO.  Dim.  di  Dente;  Piccola 
dente. 

*:  DENTISTA.  Foce d* uso.  Lo  stesso  che 
Cavadenti. 

*  DENTONE.  Superi,  di  Dènte  ;  Grosso 
dente.  Busp.  Son.  3.  900.  Ma  se  in  casa  altri 
batter  può  i  denloni,  Sgonnella  le  pagnotte  « 
luci  torte,  Sgaraffii  le  vivande  con  gli  ognont. 

DENTRO.  Avverbio  di  luogo,  così  di  sta- 
to, come  di  moto  ,  e  significa  Tiella  parte 
interna,  lat.  intns,  gr.  ivèov.  Bocc.  nov.  4.  8. 
Chetamente  andatosene  alla  cdla,  quella  aprì, 
e  entrò  dentro.  Filee.  I.  75.  Veggendo  que- 
sto ti  Re,  DOD  potè  dentro,  per  forza  d'animo^ 
rileaere  le  lagrime.  Petr,  son.  9.  Ma  dentro, 
dove  giammai  non  s'a^iorna.  Gravido  fa  di 
se  'I  terrestre  umore.  E  38.  Di  fuor  si  legge 
com'io  dentro  avvampi.  E  eanz.  17.  3.  Vede- 
te, che  Madonna  ha  *1  cor  dì  smalto  SI  Ibrtn , 
ch'io  per  me  dentro  noi  passo.  Pass.  188.  La 
mala  volonlade  è  radice,  e  cagione  d'ogni  pec- 
cata, cbe  dentro,  o  di  fuori  si  commette.  £901. 
E  spezialmente  dì  quelli,  che  sono  occulti  net 
cuore,  ne'desiderìi  ec.  dentro,  He'quali  si  tro- 
vano pochi  diseernitorì.  «X  ^-  ^<  ^  L  US.  6. 
E  trovammo  per  la  gabella  della  macinatura  e 
per  fomarì  ob'ognindì  bisognava  alla  òtti  den- 
tro dugeulo  quaranta  moggia  di  grano. 

$  1.  Risolvere  o  dentro,  ofuora,  vaia  Ri* 
solvere  assolutamente  o  j«,  o  no. 

S  3.  Oggi  si  usa  anche  in  forza  di  sust,, 
come  Nel  mio  dentro,  ci9è  l\et  mip  interno. 
lat.  in  me  ipso,  gr,  Tro^  Ì/aocvtw.  «t  Pros. 
Fior.  Bellin.  lett.  4.  i .  963.  Le  quali  parole  nel 
mìo  dentro  non  avevano  la  loro  intera  uniti. 

«  $  3.  In  forza  pure  di  sustantivo  ,  per 
Parte  interiore.  Satlust,  Cat.  56.  Avea  giu- 
dicato cbe  la  punizione  di  questa  cosa  Ibsae  re- 
cata a  mandarli  a  diverse  fortezze  pregioni  nel 
più  dentro  di  loro. 

*  ;  $  4.  Dicesi  anche  Jl  di  dentro,  e  vale  La 
parte  interna.  Allegr.  997.  Chi  dunque  di- 
rà più  ch'ella  (la  golpata)  sia  un  forno.  Chi 
dunque  non  l'avrà  più  in  riverenza.  Veduto  ìl 
suo  di  dentro  e  *l  suo  d' intorno ,  Che  s'abbia 
Roma,  Napoli  e  Fiorenza. 

•:  S  5.  Talora  si  usa  in  fona  di  add.  , 
e  vate  Interiore.  S.  Ber».  Pisi.  L  Princi- 
piando il  nokiro  parlare  dall'  nomo  dentro,  e 
poscia  tornando  a  quello  di  fuori ,  a  te  fa  dì 
biftogno  che  «e.  £  11.  Ragginrdi  la  faccia  sua 
nella  nretonle  scrittura  ec.  siccome  in  uno  spec- 
chio deiruomo  dentro.  D,  Ciò.  Celi.  /e/(.S5. 
I  costumi  e  gli  esercizi  dell'uomo  dentro  sono 
questi,  ec. 

•;  $  6.  Dar  dentro  In  una  cosa,  o  in  una 
persona,  vale  Abbattersi,  Avvenirsi  in  nna 
cosa,  o  in  una  persona.  Bellin,  Disc.  \.  933. 
Vi  so  dir  io  cbe  troverete  un  gnn  miracolo, 
se  ci  date  dentro. 


Digitized  by 


Google 


70 


DEN 


DEN 


DKP 


•  S  Ti  Dentro,  posto  m  modo  assotuto  per 
r  interno  detta  mente.  Nota  betl'nso.  Daitt. 
Pttrg,  I.  Come  ciò  sia,  m  il  vuoi  poter  pensare, 
Deiilro  raccolto  immugina Sion  (cioè:  con  tn^ 
terno  raccoglimento.) 

*t  5  8.  Deatro ,  talora  ha  forza  di  Pri- 
gione, come  nette  segtteuti  frasi  jéitdar  den^ 
tro.  Métter  dentro.  Star  dentro,  Tener  den- 
tro e  simiti  ,  0  vatgono  Andare,  Mettere, 
Stare ,  Tenere  in  prigione, 

•  $  9.  £0  cose  dentro ,  per  Le  interiora 
degti  animati.  Frane.  Sacch.  nov.  146.  Ab- 
bruciati (ti  porci),  e  sparati,  e  cavate,  e  rigo- 
veraato  le  cose  dentro,  gli  appiccarono  tu  una 
cella  terrena. 

ì  S  IO.  Dar  dentro  ad  nna  cosa,  vale  Ef- 
fettuarla. Car,  tett.  inèd.  \.  9.  Avemo  da- 
rsto  fino  a  ora  una  gran  fatica,  perchè  non  in- 
capperucci,  rome  fiorealiaaniL'nle  si  dice,  cioè, 
non  sì  faccia  Frate.  Ma  dubito ,  che  vi  darà 
driitro  a  ogni  modo,  perchè  lo  veggo  melan- 
conico, e  molto  6sso  in  questo  pensiero. 

•*  S  M.  Dar  dentro,  vale  anche  oppor- 
si. Dar  net  segno.  Cecco.  3/asc.  i.3.  C.  Della 
vostra  comare  adunque.  A/.Tu  v'hai  dato  dentro: 
la  qual  m' ha  promesso  Di  far  per  me  ciò  che 
sarà  possibile  Perch'io  l'abbia. 

•  $  13.  Esser  deittro  in  una  cosa  ,  cioè 
Averci  parte  o  affetto  eccessive.  Lasc.  Si- 
bili. I.  f .  Chiacchiere  !  Costei  c'è  dentro  (par- 
la un  marito  di  snn  moglie ,  che  favoriva 
te  nozse  della ^gliuola.)  E  I.  3.  So  che  tu 
vi  sei  dentro. 

DENTRO.  Preposizione,  die  dinota  la 
parte  interna.  Per  lepiìt  s'  accompagna  al 
terzo  caso,  e  vale  In,  iVe*.  lai.  intra,  gr.  h- 
TÒi.  Boec.  pr.  6.  Esse  dentro  a'dilicali  petti 
temendo,  e  vergognando,  tengono  V  amorose 
fiamme  nascose.  E  tntrod.  SO.  Dentro  alle 
mura  della  cittì  dì  Ftrenso.  Petr.  canz.  3 1 . 3.  E 
le  cagion  del  mio  doglioso  fine  Nod  pur  d*  tn- 
lomo  area,  ma  dentro  al  legno. 

S  I.  Anche  col  quarto  ottimamente  si  adu- 
nerà. Dani.  Purg.  30.  Così  dentro  una  nuvo- 
la di  fiori  ec.  Douiia  m'  apparve  sotto  verde 
manto. 

%%.B  col  secondo  si  trova  eziandio.  Boec. 
nov.  15.  35.  Costoro  ec.  fuggendosi,  lui  dentro 
dell'arca  lasciarono  racchiuso.  Pass.  3S2.  Avve- 
gnaché non  possa  adoperare  dentro  alla  mente 
per  diretto,  per  indiretto  puote  ec.;  e  se  non  den- 
tro del  la  porta,  almeno  dentro  degli  antiporti, 
che  sono  i  sentimenti. 

.  $  3.  £  al  sesto  si  accompagnò  talora. 
Boec.  concL  Esse ,  per  non  ingitnnare  al- 
cuna persona,  tutte  nella  fronte  portan  sana- 
to quello,  che  esse  dentro  dal  loro  seno  nasco- 
so tengono.  Dant.  Purg.  SO.  Come  se  tu  non 
Ibssi  ancora  Di  morte  entrato  dentro  dalla  rete. 
Petr.  son.  43.  E  dentro  dal  mio  ovil,  qual  Afra, 
rugge.  Omtl.  S.  Gio.  Crisost.  [341.]  Se  tu  do- 
mandi la  cosciensa  di  coloro,  che  ti  lodano,  tro- 
verrai  appresso  di  ciascuno  di  loro,  che  den- 
tro da  se  di  mille  morii  degno  ti  accaseran- 
no. 

*S  S  4.  Dentro,  parlandosi  di  tempo,  va» 
te  Nello  spazio  di.  Sassett.  lett.  370.  Di- 
segno, se  Iddio  mi  dai^  vita,  partirmi  di  qua 
dentro  di  due  anni  e  meszo  ,  per  ritornarme- 
ne a  casa-  f'iV.  Disc.  Arn.  31.  Non  è  da  pen- 
tirsi d'  averla  fatta  (la  spesa)^  come  è  beo  da 
dolersi  dell'altra  di  maggior  somma,  che  dentro 
pochi  anni  avanti  era  stala  fatta. 

*  5  5.  DenlrosHfVale  h'i  dentro.  Lese.  Crn. 
I.  Hov.  I.  [59.]  Vìe  più  che  prima  meraviglio- 
so, assai  quella  orina  guardala  e  riguardata,  ne 
veggeudo  altro  denlrovi,  che  segno  di  nldei- 
la,  ec.  Segr.  Fior,  Asin.  cap,  4.  Poi  trasse 
d'uno  armano  una  cassetta,  Deutrovt  |»ane,  bic- 
chieri, e  coltella. 

•:  DENTUCCIO.  Dim,  e  vezsegg.  di  Den- 
te. Fr.  ine.  Tcd.  3.  3. 0  Sol  la  dolciala  ciop- 
ra  Volca,  nou  minestruccia  ;  Strìngeala  con  la 
Locca,  Che  non  avea  dentuccia  lì  figliuoIìiM» 
bello  Ne  la  dolce  bocchina. 

•;  DENTUTO.  Add.  Che  ha  denti.  Smt- 
Wh.  Itiad,  10.  370.  Come  quando  due  beo 
deiitulì  cani  Cacciatori  ,  o  lepre  o  capriuolo 
Serra»  dietro  via  via  per  lo  selvoso  Paese  ec. 
Così  Triìdr  ec. 

DENUDARE.  F,ir  nudo  ,  Sporlìare.  lai. 
ntidare,  spoliare.  gr.  yuuyovv.  Dant.  f^'it. 


Nttov.  33.  E  domandato  non  sapesse  denudare 
le  sue  parole  da  cotal  vesta. 

S  Per  meta f  Scoprire,  Palesare.  Cosc.S. 
Bern,  [98.]  A  tutta  quella  moltitudine  saran- 
no denudate,  e  manifeste  tutte  le  sue  iniquità- 
di.*  Ar.  Fur.^  O.E  acciò  che  meglio  il  vero  io 
ti  denudi,  ec.  Ti  dirò  da  principio  ogni  cagione. 

DENUDATO,  ^rfrf.rffl  Denudare.  lat.««- 
datns,  Mpoliatus,  gr.  ovAtidc/;.  F'inc.  Mari, 
lett.  9.  Distruggano  prima  questi  miei  delrat-* 
tori  le  ragioni  scritte,  che  nel  mio  parere  si  al- 
legano; e  quando  la  mia  opinione  reitì  denu- 
data, e  sensa  appoggio  di  ragion  ncssmia,  io 
mi  contento  che  sì  facciano  interpreti  dena  mia 
intensione  \qni  metafl  *  Gnitt.  rim.  1.  63. 0 
bon  Gesù,  che  lai  barone  Vedcmo  lasso  preso 
e  denudato. 

:  DENUNCIAZIONE.  Lo  stesso  che  De- 
nitnzia. 

*;  S  £  ne/  significato  del  C  3.  di  Diuitn- 
zia.  Segner.  Parr.  instr.  33.  3.  Vi  dovete  ec. 
informar  dell'età,  non  potendo  venirsi  alle  det- 
te dennnctationi  prima  che  lo  sposo  abbia  al-' 
meno  compili  i  quattordici  anni. 

DENUNZIA.  Dinunzia.  Ut.  denunciatio. 
gr.  eÌ>KC-fftU%.  •:  Serd.  Stor.  3.  134.  Atàr, 
sospeso  da  così  severa  denuniia,  con  tutto  che 
abbondasse  di  forse  terrestri  e  marittime,  non 
di  meno,  per  star  più  al  sicuro,  andò  prolun- 
gando la  cosa  con  parole  amorevoli  e  con  astuti 
trattenimenti. 

:  DENUNZIA  NTE.  Che  deminzia.  Serd. 
Galeot.  Marz.  30.  La  quale,  secondo  Cauio- 
doro  è  una  soprannaturale  ispiraaiooe  denun- 
aiante  gli  avvenimenti  delle  cose. 

•  DENUNZIAMENTO.  Detumziazione.  laL 
denuntiatio.  pr.  sÌ7xyycÀ/a.  //  Focabolario 
netta  voce  BANDO. 

DENUNZIARE.  Dinnnziare.  lai.  denun- 
ciare, gr.  xxrccyyiUccv.  Fir.  As.  393.  Fu, 
secondo,  il  costnme  della  legge,  citato  il  reo,  e 
denuniiala  la  causa  all' accusatore,  t  Guicc. 
Stor.  17.11.  Erìcuundo  dì  farlo,  gli  fosse  de- 
nunaiato  io  nome  dì  tutti  che  i  confederati  non 
pretermetterebbero  cosa  alcuna  per  conseguir- 

*;  S  Per  Annunziare.  Car.  Eh.  7.  379. 
Questi  è  certo,  dicea,  quei  che  da' (ali  Si  de- 
nuusia  venir  di  stran  paese;Genero  a  me,  spo- 
so a  Lavinia  mia. 

*:  DENUMZlATORE.Ktfr6a/.m«r.  Che, 
0  Chi  denunzia. 

DENUNZIAZIONE.  //  denunziare,  lat. 
dmtunciatio.  gr.  ffìffxyyfA/a.  Ott.  Com.  Inf. 
36.  [440.]  La  guerra,  che  si  fa  centra  'I  nimi- 
co, e  lecitamente  impresa  per  denunsiasìoue. 
E  appresso  :  Nel  primo  caso  è  lecito  d'  usare 
oguì  arte,  perocché  per  la  denunsiazione  è  tol- 
to via  il  titolo  dello  inganno.  Bttf.  Avveden- 
dosi della  cagione  della  denunaiasiooe  dì  quel- 
r  anime. 

DEO.  Lo  stesso  che  Dio;  benché  nel  sin» 
gelare  questa  i-oce,  che  fretfnente  negli  an- 
tichi s*  incontra,  non  sia  per  lo  più  in  uso 
presso  i  moderni,  lat.  Deus.  gr.  ^tòs.  Petr. 
cans.  5.  4.  Turchi,  Arabi,  e  Galdet,  Con  tut- 
ti quei,  che  sperau  ncRli  Dei.  E  cap.  4.  Veder 
preso  colui  ,  eh'  è  fatto  Deo  Da  tardi  ingegni 
rintuaxati,  e  sciocchi.  Dant.  Inf.  I.  AI  tempo 
d^li  Dei  falsi,  e  bugiardi.  E  Purg.  15.  Se  tu 
se*  sire  della  villa.  Del  cut  nome  ne' Dei  fu  tan- 
ta lite.  E  31.  DjI  qiial  tu  togliesti  Furie  a  can- 
tar degli  uomini,  e  de' Dei.  Oli.  Com.  Par.  1. 
[11.]  É  da  sapere,  che  li  poeti  puosero,  che  in 
snl   monte  di  Paruasao  fossero  le  Sciensìe;  e 

Jtoneano  ad  esse  uno  Deo  universale,  nome  Apol- 
o,  dal  quale  rirercano  ronvcnto,  e  coronaaio- 
ne  di  quelle  scienaie,  nelle  quali  egli  aveano 
studialo.  Bern.  Ori.  3.3«.  SI.Fur  poHaledue 
lance,  ond'  era  ornata  II  gran  tempio  di  Ammo- 
ne,  antico  deo.  •*  Paot.  Oros.  166.  A  cut  le 
risposte  di  quel  Deo  erano  fatte. 

*  DEONESTARE.  Disonorare,  Discredi- 
tare. Segr.  Fior.  Disc.  1.47.  La  nobiltà,  per 
non  deonestare  V  aulohlà  consolare  ec.  prese 
una  via  dì  meno. 

«  DEOSTRUENTE.  Che  deostruisce,  Dis- 
oppitanfe  lai,  deottsfrttens.  gr.  4it9j9«xrcx^(, 
ned.  Ci*HS.  3.65.  Nello  stailo  presente  io  nou  mi 
ardirei  di  contìgliare  altro  che  l'uso  del  siero  de- 
IHiralo,  e  di  uu  qualche  «)rop|>etto  piacevul- 
meule  solutivo,  •  deostruente. 


*  DEOSTRUERE,[tfDE0STRmBE]K 
X.  Dislurare,  Disoppitare,  Togliere  le  et- 
Irnsioni,  gr  intasamenti,  lat.  det^tslmere.  p. 
ótltOfpAtTZiv.  Red.  Cons.  3.  H7.  Dee  proco* 
rare  ai  evacuare  più  che  piacevolmente  gli  o- 
mort  soverchi,  deostruere  ì  canali  delle  vìkc- 
re,  e  stimolare  la  natura  co*  diuretici. 

;  DEPASCERE.  Qn  a  si  Spogliarr  di  pesca- 
lo. Demeir.  Segn.  131.  Olisce  le  mootsgne, 
e  vola  sopra  le  concave  querce. 

DEPELARE.  Lo  stesso  che  Dipelare.  laL 
depilare,  gr.  ffa^Kttiittv.  Gnitt.  Irti.  11. 
Non  ardite  ora  di  tenere  leone,  che  vwgiàooH 
perlene;  e  se  '1  tenete,  scorciale  orrer  cavale 
lui  coda,  e  orrglie,  e  denti,  e  uugbi,  e  1  de* 
pelale  tutto. 

DEPENOENTE.  Che  de^ende.  lai.  depa- 
dens,  pendens.  gr.  iyxcefiàfjuvoi.  Sagg.mit. 
esp.  44.  Poiché  tulli  li  sutsegncnti  Ter»  6, 
defiendenli  da  più  profonda  immersione  di  na- 
na, si  trova,  che  vanno  successivameute  dimi> 
noendost. 

J.  Figuratam.  per  Amico  Inferiore,  On 
ha  qualche  attenenza,  lat.  r/frns.  gr.  reJló- 
T>)«.  Tac.  Dav.  Stor.  1.  343.  Molti,  per  di»- 
gni  praprii,  questo,  o  quello  amico,  0  depcn- 
deute  hocìavano,  che  succederebbe.  •:  BetHu. 
lett.  Matp.  330.  Come  credete  che  io  micoa- 
tenga  con  tutta  questa  moltitudine  di  depeo- 
denli  ? 

DEPENDENTEMENTE.  Awerh.  O  àt- 
pendenza,  lat,  iuxta,  secundum.  gr,  *«t«L 
Lib.  Prcff.  Vivono  dq»eiidenlemeote  dalle  «• 
vie  determinazioni  de'loro  superiori.  •;  M"- 
gal.  lett.  Stroa.  35.  E  ciò  dependeiitcmente  da 
un  acquisto  fjtto  le  setlimaoe  addietro  dal  Graa 
Duca  mio  Signore. 

DEPENDENZA,  [e  autic.  DEPENDENZIA] 
' //  dependere, Derivazione,  lat.  derivatio.  [gr. 
dTroxirtto,  ff«^eeye*7iS.]Of/.Cb».  /«/.15.(S»11 
Perocché  da  principio  seguono  tutte  4e  depea- 
denze  ;  se  lo  principio  è  corrotto,  segnesi  che  le 
cousegnenze  sieno  corrotte.  *l  Buon.  Fìer.S. 
4.  6.  Dite,  Signor  Enrico,  più  distìnta  Udepea- 
densa  de'natali  vostri. 

*:  S  1.  Per  Bel  azione,  Bi ferimento.  U. 
tetatio.  Dep.  Dectim.  18.  Si  conosce  csier 
opera  di  chi  non  conobbe  la  depeodenws  di 
tulle  queste  parole  dal  verbo,  che  era  poco  di 
sopra. 

S  2.  '  Per  Soggezione,  lat.  stdtiectio.  •  Btrgk. 
còl,  Lat.  390.  Ma  dove  si  Vc^e  meglio  <|ne- 
sia  ordinaria  depeitdenxia ,  che  ne'Trioufi' 
#:  Sassett.  lett.  Itti.  Parti'mi  di  costi  eoo  le 
dependenze  che  voi  sapete,  e  ho  fatto  senprt 
conto  di  riconoscere  i  medesimi  per  miei  «o* 
perìori. 

S  3.  Per  Attenenza^  Ctienlela.  lai.  elien- 
tela.  gr.  ittXvrel'x.  *  Borgh.  Arm.  Fam.ki. 
Non  si  può  a  molli  cavar  del  capo,  che  ec.  non 
vi  sìa  anche  congiunzione  di  sangue,  0  per 
qualche  verso  alcuna  dependenza.  •;  Gniec. 
Stor.  3.  157.  Per  le  depeiideuze  veceliiecre. 
deva  che  avessero  inclinazione  alla  susps'i* 
dezza.  Eìì.  533.  Si  so.ipetlava  che  ezisodio 
rimosM)  il  Gonfaloniere,  la  Repubblica  gow- 
naU  liberamente  avesse  per  le  dependensie  fre- 
sche e  auliche  la  medesima  jifièzione. 

*:  S  4.  Dependenza  ,  dicesi  anche  JfUe 
Persone,  che  sono  dependenli.  G*tirc.  Slor. 
e.  370.  Sperando  ec.  che  gli  avesse  a  gio"» 
mollo  r  antica  riputazione,  e  ramìciiic,  e  de- 
pendenzB  grandi ,  che  egli  soleva  avere  Mfli« 
I  corte  di  Roma.    E  Dee.   33.  E  p*rò  traj»» 
e  nel  nostro  dominio  è  forza  che   abbia  molli 
I  anici  e  dependenze.  Cas.  lett.  33.  Avendo  « 
I  so  cosU*  la  maggior  parte  delle  soe  smictsie, 
e  dependente.  . 

:  $  5.  Aver  dipendenza  da  alcnnf,  «« 
Dependere  da  lui.  Guicc.  Stor.  1».  8»*.  "»»! 
avendo,  uè  {wlcndo  avere  dependcnza  da  all^ 
che  da  Cesare,  era  ueccssitato  accomodarsi  al- 
la sua  volontà.  ' 

•  :  S  0.  /»ifr  TerHtorio,CittÀeL>iosf'if^' 
toposti  alValtr$*Ì  dominio.  Sasseti.  Uff-  3'*- 
Senza  il  quale  (traffico  di  PoHoga/to)^- 
verrebbe  meno  non  solo  questa  «Ma  C'^  """y 
e  l'altre  dependenae  de'  Portoghesi,  ma  di  tu"» 
i  Mori  e  de'Genlili  ancora.  , 

•  ^  7.  Per  Declivio  ;  che  osgidì  si  dice 
Pendenza,  Pendio  Gatd.  lett.  [3.  8]  Imp''' 
feaioiii  le  quali  egli  attribuisce  al  canal»  !«* 


Digitized  by 


Google 


I»EP 


DKF 


I>EI> 


laoM  «e  oocW  la  total*  de|i«iid«uia,  e  decli- 
fdj  ub  ««u  ÌD  <|U«tt«>«  ed  iu  quello. 

^MPCTOERE.  *ÌVWi-*r«,  Trar  rorìgi- 
»,  fnnifrc.  1«U  tUpenHert ,  crigiuem 
Jncrr.^.^rmvttv.  :  Cii/.  Sisl.  380.  Tut- 
te fMflr<ÌTfnìtà  cbe  si  reggoito  ta  fiùetle  do* 
^  wWifoi,  Jrpenduiio  ce.  da  errori  commes* 
u  iritMTTitiiar  tali  augoli  e  tali  dtsUuxe. 

i  (.  '?tr  fUutt  Sùttopott9,  {Soggetto  al- 
téUrm  9cl«rr^  o  dominio.]  Dant.  Par.  28. 
Ila  ^ti  pasto  Depeode  ti  cielo,  e  tiilla  In  iia- 
Ma.  t  B«fjk.  Col.  Ltìt.  390.  Ma  chi  non  sa 
tmt  fblé  gnefilneule  co«>  ordinaria,  che  iu 
laCf  l«  ukmÌ  dorc  ioterroaiste  Compagni,  e 
ij  •■■«  UbiM»  ogni  coM  non  sol  per  ordine, 
u  dU  faida  aitcon  del  Popolo  Romauo,  e 
niadotta  li  facesse .  e  ehe  da  essi,  come  dal 
apo,  0^  coH  depondesse ?  «;  Satsett.  iett. 
Iti.  Tiftloamo  loro,  e  tatto  fauno  loro,  e  da 
Wo  ie|«*4t  oeni  cosa,  e  U  loro  lem  è  la 
Mt^Kt  M  ■oaeo. 

J  L  Dfpatierr  dm  si  stesso,  vah  Non  ef- 
itruftep9tt»  a  persona,  flon  vivere  sotto 
Ufnimmi  ^etcuiut.  Esser  libero,  lat.  sui 
imns  erss.  [p.  ifltuTGu  ccvoi.]  Citpr.  Rott. 
Cotjacaif  cW  il  dipendere  da  sé  slesso  è  una 
aia  Miw^^  e  Terrebbe^  essere  amico  de'si- 

;  \  }.  Dipendere  da  uno,  talora  vale  Es- 
tot  m»  perlegianOf  ^derirsegii.  tìtiicc. 
Stjt.  1  K7.  Ancora  cbe  conoscesse  non  es- 
tere «fMilo  partito  né  con  onore,  he  con  sicur- 
ti  «a,  «  di  ^t%Vt  ebe  da  lui  iu  Italia  depen- 

•;  5  4-  Oepemdere,  vaie  anche  Derivare, 
IhrtaJert  ;  eoaie :  La  couclosìoue  dfepeode 
'die  preselle. 

•;  jS.iÌ46Ve  aacAe  tu  Ciò  che  è  lasciato 
f  rìmeae  ella  volontà,  o  al  capriccio  di 
fw/na*.  »Ze6.  SIO.  Non  altrimenti  che  se 
b  m  bai ,  o  la  sa*  vita  da  quel  depcu* 
iaie».dmhr.  Furt.  I.  1.  Mi  ridlegrerò  per 
rrtìos  fcrcW  eucudo  Toatra  famiglia,  ogni  mio 
Wecrmd  dipende  da  Toi.  Gtiicc  Stor,  17. 
n.  ItepcBJcTiRo  prtociralmeure  questa,  e  le 
iftrc  iMenàotii  dal  duca  dtJrbino- 

•;  5  ^  Dipendere,  vale  anche  Far  par» 
U  di  ipteldte  cosa,  appartenere  a  chec- 
cKettU;  come:  Questo  castello  depeude  dalla 


•5  7.  Depend^re,  vale  anche  Pendere  da 
f^htiùm.  Essere  attaccato  a  checchessia. 
Ì*.ÌÉfiendere.  Jr.  Fur.  H.  40.  Lascia  l'àn- 
"n  fitti,  e  io  OHoo  prende  La  fune,  che  dal- 
I  awan  dcpende. 

.  DEPENNARE.  Cancellare.  Salviu.  Ann. 
p*r.  Bum.  439.  Depennò  despoticameule 
rf  i*4iJctlc  roci,  ifregiaudo  l'autore. 

•:  DEPEXNAZIONK.  L' atione del depen- 
w«,  0  tEjTttto  di  auesf'asione. 

BEKIUTOHIO.  itedicamento,  che/a  ca- 
^^nt  pelt.  Ut.  psilothrnm,  dropnx,  Marc 
p  iiìadptf»,  ipd-xoci.  Tratt.  Adorn.  dotai. 
!<'V*  4]  L'altro  depilatorio:  recipe  calcina 
ftftfcdoqpmenloinqacllaqnantitadesoprad- 
****•  ^y*Ppfei>o:\  Per  le  nobili  donne  sìa 
(ta  ^nerio  depiljtorio,  cbe  rimuove  t  peli,  e 
b  UocU  assoUiKlia, 

KPLORABILE.  Add.  Degno  di  esser  de- 
pim-tta ,  Da  deplorare,  lat.  deplorandtis^ 
p.  fcjMWTÒi.  Fr.  aiord.  Pred.  Il  deplorabile 
"^*«anito  dì  questo  meKhìno  faccia  noi  cau* 
'»■  lUd.  Ictt.  9.  433.  Gran  perdita  ba  fatto  il 
■•■At  latto;  gnu  perdita  cerlameiitr  ,  e  per- 
•^ieplofabUe* 

DOLOIUBILISSIMO.  Snpertat.  di  De- 
P^*kile.  lat.  ataxima  deplorandus.  Fr. 
^*r4.  Pred.  A. Certamente  fu  un  caso  deplo- 


•:  DEPLORA  MENTO.  //  deplorare,  Cam- 
^*a/«,  Ul.  deplorano.  Pros.  Fior.  M.  59. 
^  Mxuiino  giorno,  se  sole  fossero  oggi  le 
■*pWuii**:  lodi  sue ,  e  non  congiunte  col 
^^fWianiLo  della  tanto  dannosa  e  ìnoppor- 
'«iw*  Morte. 

•  l'EPLORANDO.  Add.  Deplorabile,  lai, 
^f**remd$4s.  gr.  *Ì9puoTUto<.  Segwr.  Crist. 
^''-  )■  II.  II.  La  modestia  s'intitola  mìleo- 
'^I*'-»  Il  verrcondia  viltà,  la  virtù  vergogna, 
*bi£iecut<ggÌM  vien  glorificaU  qual  brio.  Ob 
'xxu  deploraiida  l  •:  Ca steli.  Opnsc.fil.  \% 
'"**!  vcrameiile  penùstosisùma  «  de|*lor8n- 


da  con  lagrime  universali  di  luUi  gli  occhi 
umani. 

DEPLORARE.  Plorare,  Piagnere.  Ui.de- 
plorare,  gr.  oipù%ttv.  Fr,  Giord.  Fred,  Co- 
perti di  cenere  deplorarono  le  loro  miserie  ce. 
•  Segner.  Matm.  Seti.  6.  I.  Deplora  V  infe- 
licità d'uno  atato  tale,  se  pure  arrivi  a  cono- 
scerla.  Cbè  se  non  la  conosci,  non  più  deplora 
solamente  lo  slato,  deplora  te ,  perchè  è  cbia- 
rissimo  segno  che  tu  sei  appunto  uu  dì  coloro, 
che  vivono  in  tale  stalo. 

DEPLORATO.  Add.  da  Deplorare,  lai. 
deploratus.  ^r.xXTO^p^tt^.  Santtat.  Arcad. 
Pros.  K%.  Conciossiacosaché  nel  mio  entrare 
trovai  per  s<>rte,  che  tra  li  molti  ricami  tene- 
vano allora  iii  mano  i  miserabili  casi  della  de- 
plorata Euridice. 

•  DEPLORAZIONE.  Compianto,  Lamen* 
tttsiùne.  Lor.  Med.  Cont. 

DEPONENTE.  CJte  depone. 

%  DepottetUe,  termino  grammaticale,  ag- 
giunto de'verbi  [latini ,"]  che  hanno  la  ter- 
minatioite  de  passivi,  ma  la  significazione,  o 
degli  attivi,  o  de'netitri.  F'arch.  Krcol.  353. 
Se  noi  abbiamo  gli  arlicolt,  e  gli  affissi,  de'quali 
mancano  i  Latini,  essi  hanno  i  verbi  passivi,  e 
deponenti,  de'qualì  manchiamo  uoÌ. 

•  DEPONIMENTO.  //  deporre,  Dispo- 
nimento.  lat.  deposìlio.  gr.  xa^oUptirti.  il  f^o- 
cabolario  nella  voce  DISPONIMENTO. 

:  DEPOPUL AZIONE,  r.  X.  Saccheggio, 
Devastamento.  Beh,  f^it.  Colomb.  C.  79,  Te- 
mendo il  danno,  e  la  depopulazione  della  citlà, 
per  la  moltitudine,  che  abbandonavano  il  mon- 
di), ec.  dellero  bando,  e  conSnarongli  luorì  del 
loro  'territorio. 

^  DEPORRE.  Diporre,  lai.  deponere.  Dant. 
Pnrg.  18.  Del  mio  carcar  deposto  avea  la  so- 
ma. 

•  $  I.  1?  meta/,  h  Petr.  son.  311.  DeposU 
avea  l'usata  leggiadria  ».  Car.  Iett.  9.  [*I3.] 
Strìngendomi  a  depor  la  lite  presa  conira  non- 
sig.  Giustiniano,  mi  manda  qui  la  sua  lettera 
medesima. 

S  3.  Per  Dare  in  deposito.  Depositare. 
lat.  deponere.  gr.  xwoni^t^Bcu.  Sen.  ben. 
t^areh.  7.  30.  Chi  é  degli  uomini  di  così  fer- 
ma, e  salda  voglia,  che  tu  posu  i  tuoi  bcnefi- 
liì  appo  lui  sicuramente  deporre?  [fjntjigu- 
ratoMt-nte.] 

;  S  3.  Deporre,  parlandosi  dì  scommesse, 
vale  Dare  in  pegno.  Saiutas.  Arcad.  pros.  4. 
Ma  volendo  Logìsto  non  senta  pregio  coutcn- 
dere,  depose  una  bianca  pecora  con  due  agnelli. 

•  5  4.  Per  Dichiarare  con  attestazione  , 
o  simile.  Car,  Iett.  I.  [M03.]  V.  S.  con  la  sua 
autorità,  e  con  la  sua  deslrcsaa  dar^i  animo  a 
(^nuuo  di  poter  deporre  quel  tanto  cbe  saiiuo. 

S  $  5.  Deporre,  per  Privare  d'nna  digni- 
tà, d'una  carica,  o  simile,  ynrch.  Stor.  3. 
19.  Portava  firmisiìma  oppenione  di  dovere,  o 
morto,  o  deposto  Clemeule,  esser  egli  in  luogo 
di  lui  ec.  eletto. 

J  5  6.  Deporrà  uno  in  giudizio,  vale  Ac- 
cusarlo formalntent  e  alla  giustizia.  Segner, 
Pred.  30.  IO,  Mi  sorse  in  cuore  un  improv- 
viso sospetto  di  non  venire  da  colui  deposto  in 
giudìaio. 

J  S  7.  Deporre  U  armi  ,  propriamente 
vate  Metterle  già  ,  Spogliarsene ,  e  talora 
Cessare  dalle  ostilità.  Guicc.  Stor.  17.  37. 
Nella  sollevaaìoue  delta  moltitudine  chi  altri 
che  noi  s'interpose  con  l'autorità,  e  con  i  pre- 
ghi a  farle  deporre  le  armi  7  Tass.  Ger.  8. 
16.  Cosi  parla;  e  le  guardie  indi  dispone,  E 
gli  uffici  comparte  e  la  fatica:  Vuol  ch'armato 
ognun  giaccia;  e  uon  depone  Ei  roedesmo  gli 
arnesi,  o  la  lorica. 

J  S  8.  Deporre  la  guerra,  vate  Cessar  di 
farla.  Serd.  Stor.  3.  93.  S'apparecchiava  di 
rinnovare  la  guerra  per  terra  e  per  mare  con 
la  medesima  leggcrexta  cbe  l'aveva  deposta. 

DEPOSITARE.  Dipositare.Ut.  deponere, 
alieuius  Hdei  committere.  gr.  TtocpOLri^tvÒVA. 
Fir.  As.  54.  Sei  ducati  saranno  depositali.  Se~ 
gner.  Mann.  Giugn.  7.  5.  Ab!  che  questo  r 
un  avere  depositata  la  pecora  io  bocca  al  Iu- 

|M>. 

♦;  S  BJìguratam.  Tratt, Spir.  57.  L'orec- 
chie mie  ho  depositate  a  dare  intendimento  e 
ascoltare  le  ingiunte  e  le  dannabili  parole  ec. 

•  :  DEPOSITARIATO.  Vfjtcio  del  dopo- 


siiario,  Stat.    Caltm.   337.  Per  ogiooe  del 
dello  camarlingato  o  depositar  iato. 

DEPOSITARIO.  Dipvsitario.  lat.  deposi- 
tarius.  gr.  7ra^axxT«3^r)xii;v  AajSe&v.  Bocc. 
nov.  33.  6.  Era  fedel  coramessarto,  e  dettosi- 
tario,  e  guardalor  di  danari  di  molti.  Cron, 
Moreil.  Si  potsanu,  e  debbieuo  i  detti  danari 
levare,  e  pagare  da'deltì  lui^hi,  e  deposìtarìì, 
e  per  li  detti  depositari!,  e  per  ciascuno  di  loro 
si  possono  dare,  e  pagare  per  ogni  altro  caso. 
Cecch.  Servig.  3.  8.  E  vuol ,  cbe  voi  siate  il 
depositario  InGu  cb'e'si  rispendino. 

•  S  I,  Depositario,  per  Tesoriere  ,  Am* 
minislratore  dell'erario,  o  di  qualche  par- 
te del  danaro  del  Principe,  Band,  ant.  II 
depositario  cbe  risiede  al  fisco,  s'ìulenda  esser 
il  deposilario  della  piatta. 

:  S  3.  K  per  meta/.  Cas,  Oraz.  Log.  13. 
La  vera  libertà  ond'essi  l'han  fallo  depositano, 
e  guardiano,  rivendere,  aitai  renderla  loro  fal- 
sa, e  coutraffatta.  *  Salvin.  Pros.  Tose.  4. 
184.  Di  quella  (lingua)  è  la  depositaria,  la  t«> 
foriera,  e  msntenitrìce.  ^ 

DEPOSITATO.  Add.  da  Depositare.  laL 
depositus.  gr.  7rfl^scx«rocd<i(.  *  Segner. 
Mann.  Nov.  33.  3.  )|  possesso  è  di  beni  ec. 
proprii ,  e  non  come  imprestati»  allogati,  affit- 
tati, o  depositati. 

DEPOSITERIA.  Luogo  dove  risiede  il 
depositario,  e  ove  si  custodisce  l'erario. 
«:  yas.  Op.  t^it.  3.  199.  Di  sopra  fece  (il 
Micheloizi)  un  altro  ordine  di  slanse  ec,  in 
una  delle  quali,  dorè  è  oggi  la  depositeria,  « 
ritratto  gitioccbiunt  dinanzi  «  una  nostra  Don- 
na, Carlo  figliuolo  del  re  Ruberto  duca  di  Ca- 
lavrìa,  di  mano  di  Giotto. 

:  DEPOSITINO.  Dim.  di  Deposito.  Benv, 
Celi.  Fit.  3.  349.  Io  voglio  far  di|Hgnere  que- 
sto Depositino,  con  due  augeletii  o>n  le  faci  ìu 
mano  (aiti  nel  significato  del  %  \.) 

DEPOSITO.  [*£a  cosa  depositata;  o  L'at- 
to del  depositare,]  lat.  depositum.  gr.  Itoc- 
^«xMro&iìxij.  Sfat.  Mere.  S'intendano  del  tut- 
to assoluti,  e  liberati  dal  deposito,  ovvero  pre- 
stanae.  Cron.  MorelL  363.  Lascia,  che  niuoo 
di  essi  ec.  ne  possano  avere;  e  se  pure  ne  des- 
fono,  o  pigliassonne,  siano  tutti  tenuti  aquel  de^ 
posìto, 

S  I.  'Deposito  ,  per  Sepolcro.  Ut.  motué- 
mentum.  [gr.  junijuitov.]  Borgh.  Hip.  306.  Do- 
ve fece  ec.  un  deposito  finto  di  marmo  per  me- 
moria del  Cardinal  Corsini.  £516.  Gli  fu  data 
sepoltura  ìu  Santo  Apostolo  entro  [io]  un  de- 
posilo. 

S  3.  'Dare  ,  o  Mettere  in  deposito,  vale 
Depositare,  lat.  apnd  aliqueni  pecuniam  de* 
ponere.^v.  TToc^oexaTceriWvou  rivi  rò  àp'/vplov, 
Anthr.  Co/,  3.  3.  Mettendo  iu  deposito  cento 
ducali  ec..  io  soa  eonlentissimo  Far  questa  espe- 
riensa.  E  4.  8.  Voglio  i  denari,  che  in  depo- 
sito Ti  del  li. 

.  DEPOSITORE.  [K  A.]  Nerbai,  masc. 
Colui  che  depone.  Boat.  1 38.  Se  ì  n  q  nel  1  uogo 
il  depoxilore  la  pecunia  non  oascoodesse,  l'oro 
non  sarebbe  trovalo. 

DEPOSIZIONE.  //  deporre.  Deposito,  lat. 
depositio  ,  depositum.  gr.  ne^axflCTK^^xq. 
Stat.  Mere.  Fatta  la  deposiaione,  e  consegna- 
aìone  delle  delle  carte,  cose,  ragioni  e  beni. 

;  $  I.  Deposisione ,  dicesi  anche  il  Pri' 
vare  alcuno  d'una  dignità,  d'una  carica^ 
simili.  Sfor.  Eur,  I.  13.  Successe  ancora  la 
coronasione  e  deposisione  di  Carlo  Grasso  nel- 
la Germania,  e  la  sublimaxÌDnc  di  .Arnolfo. 

$  3.  Per  Attestazione  fatta  ingindixio  da* 
testimoni,  lat.  testìmonium.  gr.  pKpxvpict. 

«SS.  Per  Asserto  di  persona  mancante 
di  testimoni,  Segner.  Maiui.  Magg.  9.  3.  La 
confessione  che  qui  Cristo  richiede,  è  deposì- 
xiune  :  ma  non  sai  tu,  che  in  giiidixio  non  è 
sUmata  una  de|N>sisìone  a  cui  manchino  testi- 
moni 7 

*  $  4.  Deposisione ,  è  anche  termine  ec 
ctesiastico.  L' atto  di  por  giù  dal  luogo  ptv 
è  esposto  il  Santissimo  Sacramento ,  o  al» 
cuna  devota  immagine,  Bisc.  [*  M.  Belai, 
178.]  Fornito  il  Vespro ,  se  ne  va  il  CleM  a 
far  la  devola  repoùsione  del  lauto  tabernacolo 
(di  M.  tergine)  col  medesimo  apparato,  che 
si  fece  la  de(K)SÌzione. 

«  S  5.  Chiamasi  da'  Pittori  De|tosÌBÌoiie 
dì  Croce  una  tavola,  o  pittura,  che  rappre- 


Digitized  by 


Google 


72 


DEP 


bEP 


I»EP 


seitia  ii  modo  coA  etti  Gttsà  Cristo  /u  depo- 
sto  dalla  crota ,  che  anche  dicesi  Uu  depo- 
sto  dalla  croce.  f^as.[Op.  Ftt.  k.  135.  Avea 
Baccio  in  queito  tempo  medesimo  fatto  uua 
«toria  di  figure  piccote  dì  ba&io  e  meno  rì- 
liero  d'una  Deposizione.di  croce.  E  S45.  Ave- 
va dopo  queUe  a  seguitare  negli  altri  cauli  la 
CrDcifisstone  e  Deposinone  di  croce.] 

DEPOSTO.  Sitst.  Lo  stesso  che  Deposi* 
sioHe,  Hef  signijlc.  del  %  !^  lat.  deposi/io.  gr. 

1t0tp0tX0tT9C^^. 

*  $  I .  £  per  Cosa  deposta.  Ar.  Ftir.  7. 
71.  Come  raiiciullo,  che  maturo  frutto  Ilipanc, 
e  poi  ii  icorda  uv'  è  riposto,  E  do|>o  molti  gior- 
ni «  hcoadulto  Là  dove  trova  a  caso  il  suo 
deposto. 

•l  $  2.  Deposto,  dieesi  anche  nel  signijic, 
dal  %  5.  Kas.  Op.  Fit,  9.  484.  Mediante  la 
quale  Ita  potuto  vedere  il  mondo  non  soU- 
nenle  la  BaccanerUf  la  battaglia  de'  mostri 
marini,  il  deposto  di  croce  ec.,  ma  le  maniere 
ancora  dì  tutti  gli  arteGci  che  souo  stati. 

1  DEPOSTO.  Jdd.  da  Deporre,  lat.  de- 
positns.  gr.  TtctpotxXT^ali. 

t  S  -P"'  Privato  di  carica ,  dignità  ,  e 
simili.  H  Sega.  Stor.  3.  ftS.  Mottraudo  all' ul- 
timo, cbe«  dei>osto  dì  quel  grado,  sarebbe  stato 
più  agevole  a  ben  consigliare  la  repubblica  ». 

DEPRAVARE.  F.  L.  Far  pravo,  lat.  de- 
pravare, gr.  ^Mf^tipW.  Fit.  S.  /int.  I  pec- 
cati de'  primi  uomini  depravarono  la  natura 
delle  cose.  Bemb.  Stor,  9. 15.  Dandogli  sopra 
ciò  esiandlo  corruttori  a  depravare  il  puerile 
ingegno.  Fir.  Disc.  an.  90.  Il  Carpigna,  che 
aveva  già  depravato  l' intelletto  dalla  esorbì- 
taole  ambìiione  ec,  si  partì  a  rotta. 

•  ^i.  B uetttr.  pass.  Sanna s.  j4rc.  Egl.  6. 
Pensando  al  tempo  buon ,  che  ugnor  depra- 
vasi. 

•  S  9.  Per  Infamare.  Dial,  S.  Greg.  9.  9. 
Vedendo  che  noi  poteva  tanto  depravare,  che 
la  sua  fama  sempre  più  non  crescesse. 

DEPRAVATO.  Jdtl.  da  Depravare,  lat. 
tttmtptttSj  pravrts,  gr-  ^ttf^Kppève^.  Agn. 
Pand,  [38. «««r^]. Crescono  [in]  lorodidl  iodi  i 
viaii,  o  per  ingioio  depravalo,  o  per  bratta  con- 
'Versasiooe,  e  consuetudini*,  gnatti  e  corrotU. 
*  Pal/av.  Stor.  Conc.  333.  Udirsi  querela  dì 
molti  centra  i  depravati  costumi  d^lì  uomini. 

S  S  i.  Rimaner  depravato  in  tuta  cosa  , 
vale  Corrompersi,  o  Guastarsi  in  tptella. 
Patlav.  Stor.  Cotte.  8.  45.  Aver  desiderato 
che  la  reina  d*  Inghilterra,  e  i  Protestanti  in- 
tervenissero al  Concilio,  non  perchè  questo  ne 
nra«n<sse  depravalo  in  Ugonotto,  ma  perché 
gli  Ugonotti  ri  fossero  convcrtiti  in  Cattolici. 

t  j  9.  £  eoi  secondo  caso.  Pallav.  Stor. 
Conci.  647.  P^rte  depravata  di  molti  abbagli. 

:  S  3.  E  In  forza  di  sitsf.  Pallav.  Stor. 
Cone.  3.  870.  Rammemorò  le  cagioni,  che  a- 
vevauo  mosso  il  Pontefice  ec.  a  rauuar  ec.  il 
concilio  per  illuAtraxione  dell'oscuro,  e  per 
correiione  del  depravato. 

.  DEPRAVATORE.  Ferùnl.  masc.  Che 
[o  Chi]  deprava  ,  Corrtttlore.  Uden.  yts. 
(Progi'Jin.  3.90.936.  E  perciò  mi  sono  spesso 
iarigìdìtn  contro  i  depravatori  del   decoro.] 

DEPRAVAZIONE.  Il  depravare,  lat.  de- 
prava/io, corntptela.  gr.  J<«^5o^à.  Bitt.  La 
pena  ec.  dee  essere  nna,  benché  maggiore ,  e 
minore,  secondo  la  depravagione,  maltsia  della 
volontà.  :  Pallai',  Stor.  Conc.  444.  La  dot- 
trina,  quando  si  accoppia  alla  passione,  è  pos- 
sente a  deprarasiune  deirintelletlo. 

DEPRECABILE.  F.  L.  Add.  Preghevole, 
Atto  a  pregare.  Ut.  deprecnhilis  ,[snpptejr. 
gr.  UÌT/}i.]  Colt.  Ah.  Isaac  30.  Oh  messere, 
uoo  hoc  larrimc  Heprcmbili. 

»  DEPRECATIVAMENTE.  Jiverh.  /« 
modo  deprecativo,  Vdea.  ffis.  Proginn.  3. 
155.  [445.]  Quel  potta  é  un  modo  nostro  di 
dire  deprecalivamcnle  o  desiderativamente. 

•  DEPRECATIVO.  Adii. Deprecabile,  At- 
to a  pregare.  laL  deprccans,  deprfcatBriiis. 
gr.  inmttót.  Il  Focabol.  atta  voce  DEH. 

•  DEPRECAZIONE.  Preghiera;  e  pro- 
priamente Quella  che  si  fa  per  divertire 
il  male.  lat.  deprecano,  gì,  7rapa/T>}7i(.  Se- 
gnar. Mann.  Ottobr.  «0.  9.  L*  altra ,  che  ci 
salvi  da  qnelio  fch'é  vero  male;  ch'é  ciò  che 
piò  propriamente  si  chiama  deprecailone.  B 
37.  f .  Diffèreudo  in  ciò  le  prccaxioni  dalle  de-  ' 


precazioni;  che  le  precazioui  sono  ordinate  al 
conseguimento  del  bene,  e  le  deprecasioiii  al 
divertimento  dal  male. 

•  S  Deprecazione,  dicesi  anche  la  Pre- 
ghièra, che  l'  oratore  indirizza  a  qnalche- 
dttne  ,  per  implorare  l'aiuto  di  Itti,  o  slmi- 
le. Adim.  Pind.  [66.]  Esordio  contiene  la  de- 
precasione,  o  Ìl  voto  alla  ninfa  Camarina,  per- 
chè ella  beuìguamenle  ammetta  le  lodi  dì  Psau- 
mida. 

•  DEPREDAMENTO.  Sa  echeggi  amento. 
Depreda siotie.  Segner.  Crist.  instr.  1,  95. 
17.  Che  cosa  sono  ì  balli,  i  concorsi,  le  run- 
Versaiioni ,  gli  amorì  se  non  che  tanti  perìcoli 
alla  veiginità  di  depredamento?  È  appresso  : 
Che  se  tal  depredamcut04>uò  a  noi  fin  venire 
dall'occhio  nostro,  immaginatevi  se  può  venire 
dall'altrui. 

^  DEPREDARE.  Predare,  la'l.  praedari. 
gr.  ffuJiàv.  *  Tass.  Ger.  .$.  14.  Un  Franco 
stuolo  ec.  Che ,  come  e  Tuso,  a  depredar  pre- 
corse.  E  8. 47.  Ecco  molti  tornar,  che  per  usan- 
aa  Eran  d' intorno  a  depredare  usciti,  l  Car. 
En.  10.  134.  E  degna  cosa  Ti  par  che  muova 
Enea  Ja  guerra  a  Lazio  ?  Ch'assalga,  che  sog- 
gioghi, chedeprede^  terre  altrui  ?  •;  Ar.  Fitr. 
90. 13.  Questi,  armato  un  suo  legno,  a  dar  dì  pi- 
glio Si  pose  e  a  depred.ir  per  la  manna, 

•  S  1.  E  meta f or.  dicesi  dì  Cosa,  che  di- 
strugga, o  guasti  coti  mina,  o  dantto, 
n  Alam.  Colt.  1 .  3.  Ivi  entro  passa  Qnant'ac- 
qna  scende,  e  gli  depreda  i  campi.  Cas.  son. 
9.  Ch'io  temo,  non  gli  spirti  in  ogni  vena  Mi 
sugga,  e  la  mia  vita  arda,  e  deprede  u. 

•  J  9.  Detto  pur  metaforicamente  delle 
Fortniche,  dell'Api  ,  e  simili.  Car.  Eaeid. 
4.  614.  Pensose  (le  formiche)  e  procaccievoli 
si  danno  A  depredar  dì  biade  un  grande  acer- 
vo. ;  2'ass.  Htm.  I.  36.  I  dolci  umori  Depredò 
susiirraudo,  upe  ingegnosa. 

»  S  3.  £*  [per  Cogliere,  Portar  via,]  in 
senso  gentile.  Ar.  Fnr.  34.  51.  E  quella 
(l'aura)  aì  fiorì,  ai  pomi,  alla  verzura  Gli  odor 
diversi  depredando  giva,  E  di  tutti  faceva  una 
mistura  Che  di  soavità  l'alma  nutriva. 

•  S  4.  Per  setnplicemente  liaccogliere. 
yy/Ani.C'o//.1.[98.]  E  ben  più  largamente  il  buon 
villano  Può  depredare  il  mei,  perche  1'  estate 
ec.  (cioè  smelare.) 

:  DEPREDATO.  Add.  da  Depredare. 
Bronz.  Son.  37.  Cedi  ornai,  redi;  e  dcU'alIlilta 
gente  T'ìucresra,  a  torlo  depredala  e  bruna. 

DEPREDATORE.  Ferbal.  masc.  Che  [o 
Chi  *dcpreda.'\  lat.  praedator,  depraedator. 
gr.  IjjffTvis,  iaau^oyMyrfj. 

*:'  DEPREDAZIONE.  Il  depredare. Serd. 
Fatt.  Arm.  158.  Usci  del  paese  dt^li  Ernicì 
per  dcfendergli  delle  depredazioni.  Segr.  Fior, 
lìifr.  Frane.  94.  Fanno  piuttosto  depred^tsìo- 
ni  e  scomTie  che  altro. 

DEPREMERE.  Di-primere ,  [Abbassare.] 
lat.  deprimere  ,  proterere.  gr.  x«r«ff*i*«(V, 
Ìt7Z9fiàXUiv.  Ott.  Coni.  Par,  9.  [31.]  Caino 
fratiridìi  fae  depremulo  nella  eterna  notte. 
*  Boes.  85.  La  leg;;eretia  tira  la  fiamma  in  su, 
e  *l  peso  di  sotto  la  terra  depreme. 

^  DEPREMUTO.  Add.  da  Depremere; 
Depresso.  Ut.  depresstis, 

:  DEPRESO.  F.  l.  Add.  Colto,  Sorpr^^so. 
lai.  deprvheitsits.  Medit.  Fit.  Crist.  160. 
In  qnesto  mudo  lo  menano  a  Pilato;  ed  egli 
li  segintiiva  come  se  fosse  depreso  in  colpa,  e 
non  si  poteste  nitilare. 

DEPRESSK)NE.  //  deprimere, [*' Vailo,  o 
l'effetto  del  deprimere.] 

S  [Figttrat . per\Ai'vilimento,  [Umiliasio- 
ne.  ]  lai.  depressio.  [gr.  T«ff«t»M«5.]  Datti. 
Con*:  13.  A  per|ietuale  infamia,  e  depressione 
de* malvagi  uomini  d'Italia,  Bnt.  La  superbia, 
per  depressione  del  prossimo  fuo.  l  Gtilcc. 
Stor.  9.  403.  Questi  erano  i  pensieri  e  le  ope- 
re del  Pontefice  intento  con  tutto  l'animo  alla 
sollevazione  dei  Veneziani,  ma  da  altra  parte 
il  Re  de'  Romani,  e  il  Re  di  Francia  deside- 
rosi parìrocnte  della  loro  depressione  ec.  con- 
vennero d*  assalire  ec.  ì  Veneziani. 

1  DEPRESSO.  Add.  da  Deprimere,  lat. 
depressns,  gr.  xocra7rit79tt$.  Sagg.nat.  esp. 
68.  Sulla  rima  ìl  livello  I,  rimane  sensibil- 
fflcnlo  depresso. 

:  S  L  Pft'  /schiacciato,  Piatto.  F.  Fili. 
Fu.  piìg.  13.  Fu  il  poeta  di  statura  alquanto 


grassa,  ma  grande:  faccia  toodj,  ma  col  uà» 
sopra  le  narì  nn  poco  depreiM. 

•  S  9.  Per  Compresso.  «  Ftr.  Dial.  òdi 
dotm.  407.  Voi  dovete  sapere,  ^e  urdiiorò- 
mente  si4orracpiùÌn  sulla  tempia  destra, che  ìn 
snila  sinistra;  laonde  avviene,  clie  quella  rar- 
te,  per  essere  più  depressa  e  ammaccata,  tie- 
ne a  avvallare  ». 

•  %Z.  E  metaf.  «  Boce.  FU.  Dani.  S5!.  Pw 
coloro,  lì  quali  erano  depressi,  fosse  chisulo 
re.  nn  fratello  ec.  di  Filìpi»  allon  Be  dì 
Francia  r. 

*;  S  4.  E  pttr  Jtgitratam.  per  CmtU. 
«  Bocc.  Lett,  Pin.  Boss.  276.  Quoton- 
que  la  bassezza  del  mio  stato,  e  la  depteui 
mia  condizione  tolgano  multo  dì  fede,  e  à'tjh 
loritade  alle  mie  parole  ».  JSS74.  E  <ril  mb 
|ncciolo  e  depresso  nonie  raeritaise  d'«scfe 
tra  gli  eccellenti  uomini  ec.  io  dirci  ec. 

DEPRIMERE.  *  Depremere,  AMattw. 
Sagg,  ttat.  esp.  38.  Si  vedde  deprimere  len- 
sibilraente  l'argento  vivo  (qai  nenlr.ass.,iti 
signif.  di  Discendere.) 

S  'E  metaf.  per  Awilire,  Conculcare, 
Tener  sotto.  Lab.  316.  Non  ti  partivi  ec  ib 
quelli,  che  esaltar  t!  possono,  dove  costei 
sempre  ti  deprìmerebbe.  Bocc.  Fil.  Shnt. 
990.  Non  santa  grandissima  afflìzioo  dt  amuo 
possiamo  vedere  er.  lì  buoni  scacciare,  depri- 
mere, e  abbassare.  kHamm.  4.  lOi.  Od  io  di 
caso  ]'  esalti,  o  in  un  altro  il  deprimi  \  Stor. 
Enr,  1.  9.  Spogliaudosi  poi  ad  uu  tntlo  il  si- 
no a  quiyi  meulito  rìso,  lo  depresse  it  ttWi* 
mente,  che  senia  manifesta  violeiiu  di  genlì 
strane  lo  condusse  vecchio,  ammalalo  e  solo 
a  mendicare  ìl  vitto  e  il  vestito,  Ttiss.  Htm.  I 
31.  Me  novello  Ission' rapida  ^glra  U  ro4i 
di  fortuna,  e,  se  in  sublime  Parte  m*  iiitialn, 
o  pur  se  mi  deprìme,  Sempre  perv  n'  iflli^- 
gè  e  mi  martira. 

DEPURARE.  Purgare,  Far  paro;  { t  ti 
dice  speciolmettte  d*  ttna  operasì»ne  chi- 
mica  ,  per  la  quale  al  latte  si  toglie  il  ca- 
cio ed  il  Imrro  ;  o  ad  altra  rosa  /d/j-.-wìi 
tjuelle  materie,  da  che  si  giudica  fattA  im- 
pura.] Ut.  purgare,  gr.  xv^xpì^M.  H^^- 
Cotis.  1.  138.  Senza  servirsi  nel  dcpararlo  ;'(7 
siero)  di  altra  cosa,  che  delle  scmplin  fbi«e 
d'uovo. 

DEPUR  ATO.  Add.  da  Deptirart.  \tLp«r. 
gatus.  gr.  zix5C^«jpiTttÌy95.  Red.  htt.  I.  S57. 
Loderei  ìl  siero  di  capra  depuralo.  E  Ccas.  I. 
138.  Siero  di  Ulte  depurato,  non  raddolcito («d 
eosa  veruna,  ma  puro  e  semplice,  e  defunta. 
B  appresso:  Usato  per  molti  gìnrai  qucjt« 
siero  depurato,  crederei  che  fosse  bene  far  pai* 
saggio  al  siero  iton  depurato,  E  131  Ei«»^- 
sì  fatto  il  passaggio  dal  sollìlìsiimo  ticro  de 
pnrato  al  latte  gentilissimo  di  asina.  F240.  Per 
tal  ragione  dunque  si  potrebbe  considerare,  « 
fosse  per  essere  di  utilità  all'  Emiuenza  soa  il 
«farle  <^ni  mattina  nn  buon  bicchiere  di  «w 
dì  Ulte  depurato. 

*t  S  E  fitcuratam.  S.  Bonao.  Med.  ì^- 
Crist.  189.  Si  conviene,  che  nella  viU  •«•" 
sia  prìma  la  mente  purgata,  depurata,  e  coq- 
furtata   prr  studio  «Ti  virtù. 

•  DEPURATORIO.  Specie  di  fo»tic/w, 
dwa  si  raccolgon  l'  acque  ,  e  si  depttra»t>. 
prima  di  proseguire  iljoro  corso,  a  Aipiti' 
sare  in  altra  conserta.  Cocch.  Bega.  fW  ] 
Che  siano  fatti  dei  depuralorìi  nei  luoghi  pia 
opportuni  per  le  acque  provenieoti  dalle  ric- 
che $or)(cntÌ. 

.  DEPURAZIONE.  //  depurare.  Ut  ite- 
faeeatio.  gr.  xa^«^i9/c^{ .  Red.  leti.  I-  !**■ 
Proccuro  che  nelle  glandole  sì  faccia  bnona  t 
perfetta  separazione,  e  depurazione. 

^  DEPUTARE.  Diptitare,  ["Orrfi>Mr/, 
Elegfìere  a  fare,  Cotistituire  tina,  o  pOi  p''^' 
sone  con  maiulato  speciale  per  fare  u»i'»' 
basciata,  trattare  qualche  negozio^  esegui- 
re ordini,  e  simili.]  :  Gtiicc.  J^or.  17.  35. 
Della  quale  tutta  (armata)  era  depolaloca* 
pitano  generale  a  istanza  del  re. 

•  SI.  Fate  anche  semplicemetile  Ele^^e^^ 
Determinare,  Assegttare  ttn  luogo,  un  Ift»- 
pò,  ec.  m  Cr.  5.  94.  «.  A  qucsU  ^ewt^im 
di  arbori  deputerai  quelle  pianure ,  o«vcro 
monti,  i  quali  i*ou  possono  ad  altri  arbon  es- 
sere utili  H. 

.  S  9.  Per  Collocare  ,  Porre  alcttno  »'« 


Digitized  by 


Google 


1>£P 


DUI 


DUI 


73 


tm»§9  »*NtMmtogfi.  m  Pmss*  944.  PUbucoJa* 
mm  pf^  i/"^  fuori  ilelU  aftMwb,  e  Ira  la 
hoi«4(paUl0  •  .  Cmtmtc  Esp0S*  Sim&.  I. 
It  T^tb  fU  «ipii  deputiti  all'elcroo  «uppli- 
at^mm  fumìi  p*t  U  Iure  iuìquìUi. 

l^fkr  JUnluirtjjépproprittre*  Tratt. 
Cér.  1  Ncuttu  cosa  appropriaoio  d«  aUrU 
kmtm  s  •«  Hc  della  mmox»,  uè  dalle  degni- 
U  ■>  tatto  j1  tao  aonc,  dal  quale  si  è  lotto, 


•;  $  l  Deputare  «>  ^r  Mettere  tu  cauto 
ik  itìf.  S,  Be%.  64.  Quello  che  uosa  par- 

■»<■■  drl  padn  «pirUaale  SÌ  fa,  a  prasuu- 
auw  MTÌ  deputilo,  e  a   Taoigloiia,   e  ooo  a 

V£f  tTTATO.  Jdél,  Ha  Deputare,  lai.  ^- 
UtMt.  p.  btUxréi*  G.  K  S.  «3.  jS.  Audao- 

^  ccraado  e  uccideodo  col  toro  balzello, 
tf  dato  fg  lo  popolo  sopn  dò.  Cron.  Jl/o- 
rWl.  tri. lUpfiortj  allj  signoria,  o  verameute 
■fi  afiaa  Aitato  alla  piardia  della  cttlà. 
St»r.  Emt.L  ISa.  Nel  pdazao  di  Carlo  Ma- 
ptk  per  ^emu  pertoDaggì  di  onore,  deputali 
«buMMlt  a  coUdIo  uffixio,  fu  collocalo  il 
IVìMfcaMfo  wpra  uà  «cggio  eminente.  tS«^r. 
fìM.  Jrt.  gaerr.  [I.  16.]  Cominciarono  U- 
hmmmÀt  t  pcraetlere  che  gli  uomtut  depu- 
Wi  M  foefli  t*«7rili,  oc.  •  Pallad,  f .  18.  Da 
•pi  Lia  dcIU  Kaletia  abbiano  i  canali  i  loro 
fctbaai  U  onde  il  viuo  eica  in  TaM  «  o  caiM- 
I«ti«  ai  ai  piedi  depuloti  a  ciò.  Mor.  .V.  Greg. 
l,M.QiM3tÌeoUU,  i  qu^li  si  laKÌaoo  tirale 
dk  Mmr«a  onÌMoaì  taulo  auggiomente  «>• 
m  itfaialì  ad  aTcr  jMca  temporale,  (|oaulo 
•■  Maa  piò  loulaui  Mila  paca  clerua. 

•  5  l.'//r  Fissato,  Stmbiiito.  Coiuerta- 
h.  Lete.  Iittrod.  mtia  Ceit.  3.  Ma  poiché  il 
pvvedt  ae  m*»p,  tulli  qu^iili  all'ora  deputata 
a  tnaafmo  al  dcteraùiiato  ÌQopt.  E  Ceu.  S. 
•v.  i  All'ora  dapataL»  vennero  il  Pilucca  ed 
ti  Manco. 

•  SS.  Per  CoMdmfUtato.  Cavale.  Bspoe. 
Sue.  I  3*1.  TttUi  gli  eaipii  deputali  all'  a- 
t«n«  iBfflìcìo  fono  puailì  |>er  la  loro  iniquità, 

•  S I.  'Sim/oraa  di  siitt.  Coiai  c/te  con 
ù^ei nmtméseiime  è  eUfstinato  dal  PHH' 
fife,  «da/  Comune  a  trattare  alcuna  fme-' 
inde,  0  m  eomptire  alcuno.  Crttsc.  Tav. 
aMrw.aaf.M.Uaasti  dapntati  furono  Moiiii- 
pM  Vjaccosio  Èorghioi,  il  Senator  Ba«liaao 
AatiMiicc. 

t  $  I.  E  per  Caini  che  mette  in  campo  il 
caliere  nel  duella,  ad  aetietelo.  ^r.  Far, 
H-  TÌ>  Qoaodo  di  qaa  a  di  là  veuuero  fuora 
I  depotati  ;  e  questi  ia  ciaacun  capo  De  gli 
bacati  ì  nadiglMMii  tirano. 

:  OfiPOTAZIONR.  Hnmcro  di  persona 
étaimete  dal  Principe ,  o  dal  Comnua  a 
*rtttart  alcuna  facceìula j  o  a  eomptire  al' 
CKao.  Uiir.  Cane.  4.  £  quanto  alla  depuU- 
BMC  dc'Canerlìngbi  ec.  ai  date  osservare  il 
difetta  aal  cap.  V.  *:  Cae.  teff.  I.  SI*.  Ca- 
ia che  la  aia  cdisioue  della  Crusca  Ibue  rico- 
"""Baia  ddfaa  d'entrar  iu  concorso,  debbo  io 
■■a4«v  illa  reputaxioiie  li  primi  sei  Tomi 
^  pabblicalì? 

OtREUTTO.^cW.  Jbbandonato.  lat  de- 
fdicius.  gr.  xscT^iXit^bsii.  Dant.  /*ar.9.  Per 
^aesfa  l' uaugelk»,  è  i  Dottor  magni  Son  do- 
fdiUi.  Dtel.  S,  Greg.  31.  Ci  rendono  testi* 
*"**!  cba  non  siano  al  tulio  diiprtti,  e  de- 
»*»*h  dal  nostro  criatore.  Uor.  S.  jGreg.  \ 
foli  «11*0  Usti  lungo  tempo  derelitti. 

H&CUZlON£.  Astratto  di  Derelitto; 
^*^^^denomeHto.  bt.  destituì  io,  desertio.[gu 
KX^iat^.]  Segner.  Mann.  Lngl.  13.  17.  Cri- 
^  tra  dolori,  In  Ira  daliaìe  ;  Cristo  tra  dere- 
l«N«.to  (radtporti. 

•  VÌM:tKSO.SuMt.La parte  di  dietro,  lat. 
Mn  poetica,  jér.  Fur.n,  3».  Un'alUaCA/- 
tri*}  «M  li  pnò  mover  davanti,  E  '1  deretano 
■^2?"***^«  *ooàa, 

DQtrrAKO.  Jdd.  [Che  è  dalla  parte 
e'4ietro;i  Diratano.  lat.  reirorsns.  [gr.diTI- 
2»?*«-l  Jr.  Fur.  41.  37.  E  gli  feri  ne* 
*Maa  gioocchi  U  daslrter  di  percossa  in  me- 
mns,Che  seitta  tadu^  è  fona, che  traboccbi. 

S^  Per  Ultimo,  bt.  itìtimns,  poslrenms, 
ff-  t»erfler9{.  Bocc.  nov.  W.  I .  Il  derctaiH>  luo- 
^riimaodij  «  Idoneo.  Uv.  M.  [Dee.  I.  3. 
*^r-)  Qaasta  r  U  dereUaa  opera.  Lncau,  Fu 
***dMo  Gasare  nella  deretana  Spagna,  per  far 
ftttbolario. —  4. 


dicitura  alla  gente.  Albert,  iti.  O'^i  dt  a  d^  or- 
dinare, come  se  fosse  lo  dereUiio  della  vita  »ia. 

:  DERETARE,  f.  ^.  Diseredare,  MiL 
M.  Poi,  314.  £  contro  colui,  che  viene  con* 
tro  a  ragione ,  é  vuoici  deretare  delle  nostre 
terre,  e  cacciar  via  tutte  le  noatra  famiglie. 

^  DERIDERE.  Schernire,  [Beffara.\  Ut. 
dertdere.  gr.  xorocyrìUtv.  Patr.  Vom.  ili.  Lo- 
dando l'asprezza,  e  la  temerità,  e  derìdoudu  la 
tardsua  del  compagno.  Dant.  Purg.  20.  Tcg- 
giolo  !>•*  altra  volta  esser  deriso. 

*  5  ^*'*  Hidere.  «  Frane. Sacch, nov.  ISI. 
[E«li  contrastando,  parendogli  essere  Alfotiso, 
O  Tolomeo,]  deridendo  verso  me ,  nime  egli 
avesse  iunaiiat  ciò,  che  dovea  venire,  [e  io  del 
presente  non  vedessi  alcaoa  cosa.] 

DERIDITORE.  fVr^«/.  masc,ate[o  Chi] 
deride;  Derisore,  Schernitore,  lat.  dertsor. 
gr.  ffXMTTTiTf.  Fr.  Giord.  Pred.  H.  Sono  giù- 
subente  derìdttorì  di  Xiiutt  loro  avarisìa. 

DERIDITRICE.  Fem.  di  Dcriditore  ;  He/- 
fatricCf  SchernUrice.  lai.  conteniptrijc,  [gr. 
ffXflMtreuffoc]  Fiamm.  7.  74.  Oh  generiiaioae 
ingrata,  e  derìdilrìce  delle  semplici  donna  1 

DERISIBILE,  ['jédd.  Degno  di  essere 
deriso,]  Ut.  risiùilis,  rtsu  dignus.  gr.  ytX%- 
orói.  Buon,  Fior.  3. 1 .  9.  Conosco  e  non  cono* 
SCO  questo  siile:  Derisibìl  non  è;  può  esser  me- 
glio, E  può  aocb'esser  pe^io.  E  4.  4.  S.  De- 
risibili al  monflo,  che  del  mondo  Non  san  trar- 
re alcun  frnlto.  \  Segnar,  Incred,  I.  17.  8. 
L'impossibile  è  odiabile  al  maggior  s^no,  è 
dilngiabìlr,  e  derisìbile. 

DERISIONE.  //  deridere.  Scherno,  ht.  rfe- 
risus ,  irrisio.  gr.  X'^'>'^^JU^«*  ^*  ^*  ^-  ^3. 
Il  quale  in  effetto  coitteneH,  come  in  dcrtsimie, 
u  in  contento  della  santa  Chiesa  L-'davano  le'n- 
vestiture,  yn,  Pint.  U  Duroni,  noi  abbiamo; 
per  verità  Consolo  degno  di  derisione.  Ca- 
tv/c.  Frutt.  tiHg.[%^,  «'ar.]  Che  grande  cario 
deriaiona,  ed  irriverauu  è  gridare  e  dire ,  ce. 

•  5  S  Mettere,  Pigliare  o  Prendere  uno  in 
derisione,  vale  Deriderlo,  Metterlo  in  can^ 
sona.  D.  Gio.  Ceti.  Parad,  Cic.  34.  Lo  gio 
colature,  sa  pure  uu  poco  si  muove  fuoro  del 
numero  degli  altri  ec.,  è  sibilato  e  pigliato  in 
derisione. 

DERISIVAMENTE.  ^iHwrA.  Con  derisio- 
ne. \vl\,  per  eontentptnm,  derisorie,  ^c.  Xflc- 
Tapj30w>jT«Mtìi.  Olt,  Com.  inf.  36.  [441.]  Que- 
sto verbo  gantUo ,  es,  che  l'aotora  pone  in 
3uesto  principio  del  capitolo,  ò  siguìficasione 
•  spirituale  allegrezza;  ma  qui  è  posto  deri- 
sivamente. 

:  DERISIVO.  Add.  ^tto  a  derisione, 
Scharnitivo.  Uden.  Nis,  Proginn.%,%.  14.  Di- 
ce a  sé  stessa  neir  animo  suo  molte  parola  de- 
risive. 

DERISO,  r.  A.  Sust.  Derisione,  lai.  /r- 
risio.  gr.  x^^^f^i'  Gttitt.  leti.  (14.  Li  cui 
figliuoli,  non  regi  ora,  ma  servi  vili,  e  miseri 
tenuti,]  ove  che  Vanno,  in  broU»io,  e  in  deri- 
so d'altra  gente. 

•  ;  J  4.  Avere  in  deriso,  vale  Deridere, 
ffegrare.  Fr.  lac.  Tod.  6.  33  4.  Quando  giu- 
bilo ha  preso  Lo  core  innamoralo,  la  gente 
r  ha  iu  deriso,  Pensando  al  suo  parlalo. 

.  *  S  S.  Metterà  in  derito,  vale  Deridere. 
Mens.  sat,  7.  E  che  'I  destino  rattrappito  e 
monco.  Per  metter  poi  la  nobiltà  *n  deriso , 
Non  adoprasse  ad  estirparli  un  ronco? 

DERISO.  Add.  da  Deridere.  Ut.deristts, 
irrisus.  gr.  ytXv.rTÓi.  •  Cavale.  Pungil.  178. 
Questi  tali,  derisi,  e  scherniti  nelle  loro  pene 
e  fortune,  debbono,  per  confortarsi ,  pensare 
alle  derisioni,  che  furono  falle  a  Cristo. 

DERISORE,  rcrb^il.  masc.  Oie  [o  Chi] 
deride.  laL  derisor,  subsennator.  gr.  ^ìtutt- 
m}$.  Pass,  38.  Parlando  ìn  persona  di  coloro, 
che  furono  derisori,  oioé  schernitori  da'giusti. 
Med.  Arb.  cr.  [80.1  Centra  qne'cani  arrab- 
biati di  crodelti,  e  di  furia,  suoi  mortali  deri- 
sori. 

DERISORIO.  Add.  Che  mostra  derisione. 
But.  Inf.  36.['666.  var.  lex*]  Dipartendosi  dalla 
sua  materia,  pone  una  derisoria  esclamaaioua. 

•  DERITTO.  f  .  A.  Diritto.  Frane.  Barb. 
4.  5.  E  le  due  poseranno  Che  mo  derilta  slaii- 
uo.  B  78.  14.  Tener  sempre ,  quanto  poi,  te 
scritte  OpiwHion  derille.  A*  85.  3.  Egli  avvien 
lalnra,  Che  non  ti  va  si  ileritta  la  mena,  KI49. 
II.  Onore  Dona  al  dcrìlto,  e  leal  servidore. 


:  PÉRIVAUENTO.  Derivaiiotta,  Bus,  13. 
Ma  couviena  che  la  materia,  di  che  parlare  si 
vuole,  dipenda  da  quella -con  die  s'argomenta 
o  |»Cr  derivameuto,  o  per  esaempnt. 

•  DERIVANTE.  Che  deriva.  Borgh.  Hip. 
3.  Seco  rivolgendo  la  dolco  aruonJa ,  da  con- 
trarii  corsi,  tra  sé  discordevoli,  suavissima  deri- 
vante, ^^fittr.  Crisi,  instr.  4. 17.  11.  L'aasor 
della  roba  promette  tolti  i  beni  ad  uà  tmnpo, 
e  lutti  i  piaceri  derivanti  da  tali  beni.  Salvin, 
Dite,  I.  8.  Chiamanla  gl'Indiaui  in  lor  lingua 
Picielt,  gli  Spagnaoli  Tabae^;  voce  derivan- 
te, direi,  diU'ebraica  Abach,  cba  significa  pol- 
vere, o  polviglìo. 

DERIVARE.  ["PropriffmeNta  vale  Trarre 
il  rivo,  Avere  Parigine  dal  riva^  ed  ancora 
yolgere  il  rivo,  od  il  c^frso  del  rivo.  Sgarga- 
re; ed  è  att.  nentr.  e  Hentr.pass.]  lat.  derivare, 
gr,  ['éx*Ttùtiv.]  Dant.  Purg.  83.  Ma  vedi  Eu- 
noè,  che  U  deriva.  E  Par.  4.  Colai  fu  1'  on- 
deggiar del  santo  rio.  Ch'uscì  del  fonia,  ondo 
mui  ver  deriva.  E  SO.  Chinandomi  all'onda 
Che  si  deriva,  perche  vt  s'imme^^i.  Petr.  san, 
134.  L'oliva  è  secca,  ed  ^  rivolta  altrove  L'ac- 
qua che  di  Parnaso  si  deriva.  «  Bart.  Hicr, 
Sa*\  9.  IO.  Chi  lor  conduce  e  dinuaa  le  ac- 
que da  in^arle,  facendo  serpeggiare  per  tutto 
i  6umì7  a  perchè  non  allaghino  eo.  derivando- 
li in  mare  7  •:  BemÒ.  Star.  3. 135.  Aflinchi  i 
nemici  ec.  quella  |Mirte  del  fiume  cba  va  a  Pa- 
dova non  potesaen/derivare  nell'altra  parte. 

^  5  *•  ' F^ala  aneha  in  generate  Depen- 
dere, Trarre  origine  ,  Procedere»  laL  de- 
pendere,  derivare,  or igiuem  dncere.  gr.  ^A- 
ffTfvftfiU.  Cron.  Morell.  353.  Qaeslo  fu  il 
primo  danno,  che  iioi  nce\'emrao,  d'esser  pic- 
coli rimasti  senza  padre;  a  da  questo  primi> 
derivò  il  seeondo,  che  ec.  E  354.  Da  questi 
sette,  eh'  i'i'ho  nominati,  uà  derivano  assai 
danni.  •*  Vinc,  Trat4.  Piti.  44. 1  lumi  sono  di 
due  nature:  l'uno  sì  domanda  originale;*e  l'ullro 
derivativo.  L'originale  dico  esser  quello  che 
deriva  da  vampa  di  fuoco  o  dal  lume  del  sole 
o  aria. 

:  5  9,  Per  Ritrarre,  Ì}edttrre.  «  M.  F". 
9.  44.  E  ciò  fare  non  volle,  perchè  qnari  nien- 
te derivava  da*  ragion  aménti  fatti  cogli  aibba- 
scìadori  da'  delti  Comuni  ». 

;  S  ^,  Derivare,  vale  anche  Deviare.  Car. 
leti.  4.  83.  Ad  una  gran  piena  si  ripara  più 
facilmente  a  darle  il  sao  corso,  che  a  farla  ri- 
le^no.  Avendo  adunque  derivato  una  parte  del- 
rimpelo  suo  ec.  potremo,  ec  *;  Sodar.  Agric. 
446.  Se  occorresse  fondare  in  pantani,  o  lacu- 
na, cerchisi  dì  derivar  l'acana,  e  vi  sì  fàccìin 
le  fosse  per  i  fondamenli  più  cupe  che  ri  pos- 
sa a  trovare  il  sodo. 

•  S  4.  Per  Dedurre,  Rica^pre.  Car.  leti, 
f.  443.  Ella  ce.  ha  letto  tanti  precolti,  ha  ve- 
duti tanti  esempi,  è  passata  per  Unti  altri  iu- 
Ibrtunìi,  che  può  e  deve  per  se  stessa  ec.  deri- 
vare da  tulli  questi  casi  in6uiti  ad  efficacissimi 
conforti. 

*•  %  5.  Derivare,  dicasi  anche  delle  voci 
0  simili,  che  hatmo  origine  da  altre,  But. 
Par.  43.  Domenico  ec.  i  nome  possessivo,  die 
si  deriva  da  questo  noma  Domfntt.  Car.  Apol, 
460.  Se  la  regola  grammaticale  ri  dovesse  met- 
tere in  pratica  senza  consulta  dell'uso,  nel  modo 
ch^  voi  derivala  da  Pigmeo  ,  Pigmaica  ;  sfa- 
rebbe da  Filisteo  a  derivare  Fiìistaica.  Sai- 
vin.Annot.BuoH,  Fier.^^k.  lo  deriverei  questa 
joee(allibita)  piuttosto  dall'ebraico  //&  cuore. 

S  S  6.  Derivare.  T.  de'MediCi.  Condurre, 
ilnidare,  incamminare.  Inviare,  Mandare. 
lai.  ducere,  gr.  dìyttv.  Red.  Cane,  4.  401.  Sa- 
rebbe necessario  preparare,  ed  avtcuare  que- 
sti amori,  derivargli,  e  revellergli  alle  parti  al- 
le quali  la  natura  è  solita  di  mandargli. 

•  DERIVATIVO.  Add.  Che  deriva;  e  per 
lo  pia  è  aggiunto  di  vocaboli,  che  derivano 
da  altri,  laU  derivali%Hts.  gr.  itXfiàyarfOf. 
*:  Fine.  Tratt,  Pili,  44.  I  lumi  sono  di 
due  nature:  Tnoo-si  domanda  originale;  e 
raltro  derivativo.  L'originale  dico  esser  quel- 
lo che  deriva  da  vampa  di  fuoco  o  dal  lume 
del  sola  o  aria  ;  lume  derivativa  fia  il  lume  re- 
flesse. 

•  :  S  Sin/orsa  disttsf.  Magai,  lett.scipnt. 
333.  Prima  eziandio  di  spiegare  loUttralmentc 
il  suo  dcriviilivo  ec. 

%  DERIVATO.  Add.  da  Deriv<tre,  lat.  de- 
^  40 


Digitized  by 


Google 


u 


DEP 


DEP 


DEI* 


tettta  it  motto  con  cui  Gesù  Cfisiojit  depo- 
sto  daila  croce ,  che  anche  dicesi  tf  u  depo- 
rto dìillii  croce.  yas.[Op.  Fif.  4.  135.  Avea 
Baccio  in  aueilo  tempo  medennio  fatto  uua 
itoria  di  figure  pìccole  dì  bauo  e  meno  rì- 
lieTo  d'una  [)eposÌ£Ìone.di  croce.  E  84S.  Ave- 
va dopo  queAte  a  scgnitare  negli  altri  canti  la 
Crocifissione  e  Depoiìnone  di  croce.] 

DEl»OSTO.  5«j/.  to  stesso  che  Deposi- 
sioite,  nei  significa  del  %  ^  lat.  depositio.  gr. 

•  S  I .  £  per  Cosa  deposta,  Ar.  Fttr.  7. 
74.  Come  fanciullo,  che  maturo  frutto  Ripone, 
e  poi  li  «corda  uv'  è  riposto,  E  flojK)  molti  fior- 
ai è  rìcondulto  Là  dove  trova  a  caso  il  tuo 
deposto. 

*l  $  ^.Deposto,  dicesi  anche  nel signijìc. 
dei  S  5.  ras.  Op.  nt.  3.  4B4.  Mediante  la 
quale  lia  potuto  vedere  il  mondo  non  soIé- 
nenle  la  fiaccanena,  U  battaglia  de'  mostri 
marini,  il  deposto  di  croce  ec.,  ma  le  maniere 
ancora  di  tutti  gli  artefici  cbe  tono  stali. 

^  DEPOSTO.  Add.  da  Deporre,  lai.  *i*- 
pcsifns.  gr.  ffa^flotaTot^c/;. 

J  $  Per  Privato  di  carica ,  dignità  ,  e 
tintiti,  «  Sega.  Stor.  S.  58.  Mostrtndo  all'ul- 
timo, che«  deposto  di  quel  grado,  sarebbe  stato 
piò  agevole  a  ben  consigliare  la  repubblica  ». 

DEPRAVARE,  r.  Z.  Far  prapo.  lat.  de- 
pravare, pr.  iiKf^tiptrj.  nt,  S.  jint.  I  pec- 
cati de'  primi  uomini  depravarono  la  natura 
delle  rose.  Bemb.  Stor.  S.  15,  Dandogli  sopra 
ciò  esiaudjo  corrattori  a  depravare  il  puerilo 
ingegno.  Fir.  Disc.  an.  90.  Il  Carpigna,  che 
aveva  già  depravato  l' intelletto  dalla  esorbi- 
tante ambisione  ec,  si  partì  a  rotta. 

•  $  i.  E  ueiitr.  pass.  Santiaz.  Are.  Kgl.  6. 
Pensando  al  tempo  buon ,  cbe  ugaor  depra- 
vasi, 

•  S  9.  P^r  infamare.  Diat.  S,  Greg.  9.  9. 
Vedendo  che  noi  poteva  tanto  depravare,  che 
la  sua  fama  sempre  più  non  cresceste. 

DEPRAVATO.  Add.  da  Depmvarr.  lat 
comtpttts,  pravris.  gr.  ^ttf^otppivOi.  Afin. 
Pand.  [98 .  «'<rr].  Crescono  [in]  loro  dì  di  in  dì  i 
vìait,  o  per  ingegno  depravatolo  per  brutta  con- 
-Versaaione,  e  consuetudiue,  guasti  e  corrotti. 
*  Pallai'.  Stor.  Cene.  933.  Udirsi  aiierela  di 
molti  coiitra  i  depravali  costumi  d^li  uomini. 

!  S  1.  Rimaner  depravato  in  tuta  cosa  , 
vate  Corrompersi,  o  Gna starsi  in  qitetta, 
Paitav.  Stor.  Conc.  S.  45.  Aver  desiderato 
che  la  reina  d' IiighìTlcrra,  e  i  Protestanti  in- 
tervenissero al  Concilio,  non  perchè  questo  ne 
rimanesse  depravalo  in  Ugonotto ,  ma  perchè 
gli  Ugonotti  ri  fossero  convertiti  in  Cattolici. 

S  $  9.  f  col  secondo  caso.  Pallav.  Stor. 
CoNc.  1.  647.  Parte  depravata  di  molti  abbagli. 

:  $  8.  B  in  fona  di  sttst.  Pallav,  Stor. 
Cane.  3.  870.  Rammemorò  le  cagioni,  che  a- 
vevauo,  mosso  il  Pontefice  ec.  a  raunar  ec.  il 
concilio  per  illustrazione  dell'oscuro,  e  per 
correiione  del  depravato. 

•  DEPRAVATORE.  Nerbai,  masc.  Che 
[o  Chi]  deprava  ,  Corrtittore.  Uden.  yis. 
[Progimi,  3.90.935.  E  perciò  mi  sono  spesso 
inrìgidìto  contro  i  depravatori  del   decoro.] 

DEPRAVAZIONE.  //  depravare,  lat.  de- 
pravano, cormpteta.  gr.  iia^bopà.  Bitt.  La 
pena  ec.  dee  essere  nna,  benché  maggiore ,  e 
Bsinore,  seeoudo  la  depravaxione,  malìiia  della 
volontà.  :  Pallav.  Stor.  Conc.  444.  1*  dot- 
trina, quando  si  accoppia  «Ila  passione,  è  pos- 
sente a  depravazione  dell'intelletto. 

DEPRECABILE.  K.  X.  Add.  Preghevole, 
Atto  a  pregare,  lat.  depreeabiUs,  \stipplex. 
gr.  Jxéni;,]  Coli.  Ah.  Isaac  30.  Oh  messere, 
non  boe  lacrime  deprerabilì. 

•  DEPRECATIVAMENTE.  Awerb,  In 
modo  deprecativo.  Uden,  Kis.  Proginn.  3. 
455.  [445.]  Quel  polca  è  un  modo  noslro  di 
dire  deprecai  iva  mente  o  desiderativamente. 

•  DEPRECATIVO.  Add.Deprecaòile,  Af- 
to  a  pregare,  lat.  deprecans,  depreca fartiis. 
gr.  ^enrtxói.  Il  Focabol.  alla  voce  DEH, 

•  DEPRECAZIONE.  Preghiera  ;  e  pro- 
priamente Quella  che  si  fa  per  divertire 
it  mate.  lai.  deprecatio.  gt.  •JtetptdTO'nt-  Se- 
gnar, Mamt.  Ottùbr.  16.  9.  L*  altra,  che  ci 
salvi  da  quello  feh'  é  vero  male  ;  ch'è  dò  che 
più  propriamente  sì  chiama  deprecaiione,  E 
37.  I.  tKffirrcudo  in  ciò  le  precaaioni  dalle  de- 


precazioni; che  le  precauout  tono  ordinale  al 
conseguimento  del  bene,  e  le  deprecaxioni  al 
divertimento  dal  male. 

*  S  Deprecazione,  dicesi  anche  la  Pre- 
ghiitra,  che  t'  oratore  indirissa  a  qualche- 
duna  ,  per  implorare  l'aiuto  di  lui,  o  simi- 
le. Aitim.  Pind.  [66.]  Esordio  contiene  la  de- 
precasione,  o  il  volo  alla  niii&  Camarìna,  per- 
chè ella  benignamente  ammetta  le  lodi  di  Psan- 
mida. 

.  DEPREDAMENTO.  Sa  echeggi  amento, 
Depredaziotie.  Segnar,  Crisi,  instr.  1.  25. 
47.  Che  cosa  sono  >  balli,  ì  concorsi,  le  con- 
irersasioni ,  gli  amori  se  non  cbe  tanti  perìcoli 
alla  verginità  di  depredamento?  E  appresso  : 
Che  se  tal  depredamento 4)nò  a  noi  fin  venire 
dall'occhio  noslro,  immagiuatevi  se  può  venìra 
dall'altrui. 

^  DEPREDARE.  Predare.  lat.  praedari. 
gr.  ffuAàv.  «  Tass.  Ger.  ,Z.  14.  Un  Franco 
stuolo  ec.  Che ,  come  è  l'uso,  a  depredar  pre- 
corse. E  8. 47.  Ecco  molti  tornar,  che  per  usan- 
za Eran  d' intorno  a  depredare  usciti.  ;  Car, 
En.  10.  194.  E  degna  cosa  Ti  par  che  muova 
Enea  Ja  guerra  a  Lazio  ?  Ch'assalga,  cbe  sog- 
gioghi, chedepredeJjC  terre  altrui  7  *;  Ar,  Pur, 
90. 1 3.  Questi,  armato  un  suo  legno,  a  dar  di  pì- 
glio Si  pose  e  a  depredar  per  la  manna. 

*  SI.  E  meta  far,  dicesi  dì  Cosa,  che  di" 
strugga,  o  guasti  con  ruina ,  o  danno. 
m  Alam.  Colt.  ^.  3.  Ivi  entro  passa  Qnant'ac- 
qua  scende,  e  gli  depreda  i  campì.  Cas.  sott. 
9.  Ch'io  temo,  non  gli  spirti  in  ogni  vena  Mi 
s"^>t  *f  l>  n)i<i  vila  arda,  e  deprede  ». 

*  S  9.  Detto  pur  metaforicamente  delle 
Formiche,  delVApi  ,  e  simili,  Car.  Eneid, 
4.  614.  Pensose  (le  formiche)  e  procaccievoK 
si  danno  A  depredar  di  biade  un  grande  acer- 
vo, l  l'ass.  Bint,  1.  36.  I  dolci  umori  Depredò 
susurraudo,  ape  ingegnosa. 

*  ^  3.  E  [per  Cogliere,  Portar  <•/«,]  in 
senso  gentile.  Ar.  Ftir.  34.  51.  E  quella 
(l'aura)  ai  fiori,  ai  pomi,  alla  veraura  Gli  odor 
diversi  depredando  giva,  E  di  tutti  faceva  una 
mistura  Cbe  di  soavità  l'alma  nutriva. 

*  S  4.  Per  semplicemente  Bacrogliere. 
^/am.C6//.l.[98.]  E  ben  più  largamente  il  buon 
villano  Può  depredare  il  mei,  perchè  1'  estate 
ec.  (cioè  smelare.) 

*  DEPREDATO.  Add.  da  Depredare. 
Bronz.  Son,  37.  Cedi  ornai,  cedi;  e  dcirafflilta 
gente  T'ìnrresca,  a  torto  depredata  e  bruna. 

DEPREDATORE,  rerbal.  masc.  Che  [o 
Chi  'depreda.^  lai.  praedator,  deprnedator. 
gr.  i^0T»Ì5,  Xoi.pupy.yjr/òi.     ' 

*:'  DEPREDAZIONE.  //  depreda  re.  Serd. 
Fatt.  Arm.  498.  Usci  del  paese  degli  Ernici 
per  defendergli  delle  depredazioni.  Segr.  Fior, 
Ritr.  Frane.  94.  Fanno  piuttosto  depredazio- 
ni e  scon-t;rit^  che  altro. 

DEPREMERE.  Deprimere,  [Abbassare.] 
lai.  deprimere  y  proterere.  gr.  xarKTiitet», 
wffOySàiJUtv.  Ott.  Com,  Par.  9.  [31.]  Caino 
fraticida  fue  deprerouto  nella  eterna  notlc. 
*  Boez,  85.  La  leggerezza  tira  la  fiamma  io  su, 
e  *l  pe$o  di  sotto  la  terra  depreme. 

1  DEPREMUTO.  Add.  da  Depremere; 
Depresso,  hi.  depressus. 

;  DEPRESO.  F,  t.  Add.  Colto,  Sorpreso, 
lat.  deprehensus.  Bfedit.  Fit.  Crisf.  460. 
In  qnesto  modo  lo  menano  a  Pilato;  ed  egli 
li  seguitava  come  se  fosse  depreso  in  colpa,  e 
non  si  potesse  :iìntare. 

DEPRESSIONE.  //  deprimere, ["L' a tto.o 
l'effetto  del  deprimere.] 

S  [Figurat. per]AtvilÌmento,  {Umiliazio- 
ne, ]  lat.  depressio.  [gr.  T«7r«tv6Wt;.]  Dant. 
Conv.  19.  A  perpetuale  inramia,e  depressione 
de* malvagi  uomini  d'Italia.  But.  La  superbia, 
per  depressione  del  prossimo  5Uo.  ;  Guicc, 
Stor.  9.  403.  Questi  erano  i  pensieri  e  le  ope- 
re del  Pontefice  intento  con  tutto  l'animo  alla 
sollevazione  dei  Veneziani,  ma  da  atira  piirte 
il  Re  de'  Romani,  e  il  Re  dì  Francia  deside- 
rosi parimente  della  loro  depressione  ec.  con- 
vennero d*  assalire  ec.  i  Veneziani. 

1  DEPRESSO.  Add.  da  Deprimere,  lat. 
depressus,  gr.  KVtO(.TtU9Òti^.  Sagg.nat.  esp, 
68.  Sulla  rima  il  livello  I,  rìmane  sensibil- 
mente depresso. 

:  S  *•  ™'  hchiacciato.  Piatto.  F.  Fili. 
Fit.  pag.  43.  Fu  il  poeta  di  statura  alquanto 


grassa,  nu  grande:  faccia  louda,  ma  col  uj» 
sopra  le  nari  un  poco  depresw. 

•  S  9.  Per  Compresso,  m  Fir.  Diat.  Mi 
donn.  407.  Voi  dovete  sapere,  die  ordiuira- 
nientc  sì^orme  più  iti  salii  tempia  destri,  che  io 
sulla  sinistra;  laonde  avviene,  cbe  quella  par- 
te, per  essere  più  depressa  e  zmiaaccala.  Tie- 
ne a  avvallare  ». 

•  S  3.  E metaffx  Bocc.Fit.  Dant.ìiì.Vet 
coloro,  li  quali  erano  depressi,  fotte  cbiaoula 
ec.  un  fratello  ec.  di  FÌIìp|)o  allon  He  ili 
Francia  ». 

*t  S  *•  E  pur  fgurittam.  per  VniiU. 
n  Bocc.  Lett.  Pin.  Ross.  970.  Qoautati- 
quo  la  bassezza  del  mìo  stato,  e  la  drprnu 
mia  condizione  tolgano  mollo  di  Tede,  e  d'au- 
torìtade  alle  mie  parole  ».  E  S74.  E  *f  il  mìo 
picciolo  e  depresso  nome  meritasse  d'cjim 
tra  gli  eccellenti  uomini  ec.  ìo  dirn  ec. 

DEPRIMERE.  *Depremer^,  Abbnsun. 
^^gg'  ""'•  '*p-  38.  Si  vedde  deimnere  tea- 
sìbilmente  l'argento  vìvo  (qui  nenlr.ast.^ ii 
signi f  di  Discendere.) 

S  *E  metaf  per  Avvilire,  ConruUsrt, 
Tener  sotto.  Lab.  316  Non  ti  partivi  ec.  di 
quelli,  che  esaltar  ti  possono,  dove  costei 
sempre  lì  deprìmerebbe.  Boee,  Ht.  Dant. 
990.  Non  sansa  grandissima  aOlìztoa  di  anina 
possiamo  vedere  er.  li  buoni  scacciare,  deprì- 
mere, e  abbassare,  Fiamm.  4.  lOi.  Od  in  on 
caso  r  esalti,  o  in  un  altro  il  dcprìnu.  !  Stv. 
Ettr.  4.  9.  S|H)gliaudusi  poi  ad  no  Irrilo  il  si- 
no a  qniyi  mentito  riso,  lo  depreue  sì  (alta- 
mente, che  senza  manifesta  vìoleuxa  di  geuli 
strane  lo  condusse  vecchio,  smualsto  e  wlo 
a  mendicare  il  vitto  e  il  vestilo.  Tait.  Rim.  i. 
34.  Me  novello  Issiun' rapida  agj^ira  la  roti 
di  fortuna,  e,  se  in  sublime  Parte  m'inuitu, 
o  pur  se  mi  deprìme.  Sempre  però  m' sfflif- 
ge  e  mi  martira. 

DEPURALE.  Purgare,  Far  pttro;  [tti 
dice  specialmente  d'  una  operazime  Ai- 
mica  ,  per  la  quale  al  latte  si  teglie  il  ca- 
cio ed  il  burro  ;  o  ad  altra  cosa  loì^onti 
quelle  materie,  da  che  si  gindict  fntté  im- 
pura.] lat.  purgare,  gr.  nttBttpi^Stv.  Reti. 
Cons.  4.  4  3S.  Senza  servirsi  nel  deporarlo  ,i/ 
siero)  di  altra  cosa,  che  delle  semplid  churc 
d'uovo. 

DEPURATO.  Add. do  Demtmre.  lat-/""^. 
gatus.  gr.  xtx^dpfSiihei.  Red.  lett.  ì.ìit 
Loderei  il  siero  dì  capra  depurato.  E  Co»s.  I. 
438.  Sieru  di  Ulte  depurato,  non  raddolctiocoa 
cosa  venina,  ma  puro  e  semplice,  e  depuralo- 
E  apprejtso:  Usato  per  molti  gtorai  q»ola 
siero  depurato,  crederei  che  fosse  beae  farp»- 
saggio  al  siero  i>on  depurato.  E  13?-  Eivudo- 
fii  fatto  il  passaggio  dal  sottilissimo  iirm  de- 
puralo al  latte  gentilissimo  di  asina.  £210. Pn 
lai  ragione  dunque  si  potrebbe  eoii«iderarc,« 
fosse  per  cs%erc  di  utilità  all'  Emiueosa  lui  d 
darle  ogni  mattina  un  buon  bicchiere  di  ùcro 
di  latte  depurato. 

*I  S  K  figuratom.  S.  Bonav.  Med-  ''*' 
Crisi.  489.  Si  conviene,  che  nella  viU  atlm 
sia  prìina  la  mente  purgata,  depiuati,  e  «m- 
forlata    per  studio  di  virtù. 

•  DEPURATORIO.  Specie  di  eoanri^-u 
dove  si  raccolgon  l'  acque  ,  e  si  deptirnH», 
prima  dì  proseguire  iljoro  corso,  o  di  pas- 
sare in  altra  conserva.  Cocck.  /Irt^fW) 
Che  siano  fatti  dei  deporalorii  nei  luoghi  pi» 
opportuni  per  le  acque  provenieuli  dalle  ric- 
che sorgenti. 

•  DEPURAZIONE.  //  depurare.  laL  rf^- 
faecatio,  gr.  X9t^v.pt<spii.  Red.  leti.  I.  '« 

Prorcuro  che  nelle  glandule  si  facria  boooa  e 
perfelta  separazione,  e  depuratioae. 

1  DEPUTARE.  Dìputare,  ["Ordinare, 
leggere  a  fare,  Constituirenaa^opinp*'" 
sone  con  mandato  speciale  per  fare  ivt  /«* 
lasciata,  trattare  qualche  negozio,  "*?'"' 
re  ordini,  e  simili.]  Z  Ctticc.  Stor.  M.  »■ 
Della  quale  tutta  (armata)  era  depotalota- 
pitano  generale  a  istanza  del  re. 

•  S  Ì.Fale  anche  semplicemente Elegiii^r, 
Determinare,  Assegnare  un  luogo,  n»  tem- 
po, ec.  m  Cr.  5.  94.  4,  A  questa  geueras-w 
di  arbori  deputerai  quelle  pianure,  («»«« 
mónti,  i  quali  non  possono  ad  altri  ariwn  ei- 
«ere  utili  u. 

.  S  »•  Pfr  Collocare  ,  Porre  alcnao  i» 


Digitized  by 


Google 


1}RP 

/iMf*  MMt^togfi.  m  Pmu^  S44,  Mabucodo- 
•uMT  |;tfijC0  ■Jh)  fuori  della  ngnorfot  o  li*»  I* 
k«t«JcpflAjto  •  .  Cmvmtc,  Espos,  Simo.  4. 
H  Talli  fli  «ttptì  depuUtt  all'eterno  su|t|»li- 
(M^HM  poaiU  pcf  la  loro  iuiquitii. 

l^X^  Jtiriiuirt, appropriare.  Trmtt, 
CéT.  1  Kefiuuu  cota  appropnaao  oè  attri- 
biaw  t  MI  ne  (klla  scieosa,  b«  delle  dognì- 
U,  m»  lati»  al  Uhi  nome,  del  quale  si  é  lutto, 


.*  5 1,  Dtpntmrt  •yptr  lfw/<rr«  m  conto 
ìl  B»g.  X  Ben,  64.  Quello  che  uosa  {met- 
■■uoDf  del  padre  apùUoale  si  fa,  a  presuu- 
MHc  Ktfà  dtpatdlOi  e  a    Taoaglorìa,   «  non  a 

Btfcrdc 

PSf'UTATa.  JdiL  da  Deputare,  lai.  e- 
UctMS.  gr.  bùtXTÓi.  G.  K  8.  83.  3.  Audau- 
«feti  ccraede  e  uccideudo  col  loro  bargello, 
ii^uUto  fa  lo  popolo  sopra  ciò.  Croìi.  AIo~ 
r^i  fìl.lUp]>orU  alla  signorìa,  o  veraaeule 
dt  oftaa  A^l4to  alla  guardia  della  città. 
A«r.  fio-,  i.  119.  Nel  palaxto  di  Girlo  Ha- 
pa,  per  limai  personaggi  di  Miore,  deputati 
telhùtma^t  a  ootanlo  uffiaio,  fu  collocalo  il 
ftiMcyaawo  wpra  uu  sc^io  emineute.^^r. 
Fm*\  Jrt.  guerr.  [I.  IO.]  Coniuciaroiio  li- 
WaafiMe  »  pcnactlcre  cbc  gli  uomiuì  depu- 
titi a  ^utgK  eserciti,  ce.  •  J'atiad.  1.  Ì9.  Da 
«!■  Ijift  della  scalcila  abbiano  i  canali  i  loro 
iitotui  U  oode  il  viuo  esca  in  rarì ,  o  caoa- 
btti,  vi  ai  piedi  deputati  a  ciò.  3Jor.  S.  Greg . 
I.NS.  QMsti  colali,  i  quali  sì  lasciano  tirare 
iO<  perttfic  oniinooi  lauto  maffgiormcato  so- 
a*  4efvluU  ad  aver  pace  temponle,  qoanlo 
aa  «aae  piò  lootani  dialla  pace  eterna. 

•  5  t.'Per  Fissato,  SiabiUto.  CoiUerta* 
tv.  Uk.  Imtroi.  ai/a  Cen.  2.  Ma  poiché  il 
ptiréi  a«  T*aup,  tutti  quanti  all'ora  deputata 
■  trMifveo  al  dctemàuato  luogo.  E  Cen.  2. 
•V.  4.  All'ora  deputaU*  Tennero  il  Pilucca  ed 
JMmko. 

"i  t.  Ptr  CcadaMnata,  Cavale.  Bspo$. 
Stmk.  I.3r  Tulli  gli  enpii  deputati  all'  e- 
tcnu> «pplicio  Mmo  puoìlì  |ier  la  loro  iuiquit^. 

•  S  )  'E  im  forma  di  tiitt.  dritti  checon 
uperiéi  evmmisgione  i  destinato  dai  Pritf 
tip*,  »  dmt  Comiioa  a.  trattare  alcuna  /ae~ 
faida,  o  e  eempiire  alcuno.-  Crusc.  Tav. 
aUrw.  aaf.  9S.  QumU  deputali  furono  Mouii- 
por  Vutceuio  Borghini ,  il  Senator  Bastiano 
Aattii«ricc. 

l\\.  E  per  Colui  che  mette  iu  campo  il 
temtiert  aei  dtteiia,  ad  assistalo,  ^r.  Fur. 
H  7S.  Qnaado  di  qua  e  di  U  vennero  fuora 
I  dcfoitaii  ;  e  questi  in  ciascun  capo  De  gli 
^exB*A  i  padigliotii  tirano. 

:  UEPUTAZIONR.  Sumero  di  persone 
éeaìMMtte  dmt  Principe,  o  dal  CÓmuua  a 
iTMltan  aicnma  Jacceiula ,  o  a  comptire  at- 
tuto, Ustr.  Cane.  A.  E  quauto  alla  depula- 
Boae  dc*Caaierlii^i  ec.  si  dere  osservare  il 
difesi»  ne)  eap.  V.  ••  Ces.  te/t.  1.  316.  Ca. 
•»  che  la  aua  edisiouc  della  Cnisca  Ibsse  rico- 
■**o«t8  degna  d'entrar  in  concorso,  debbo  io 
■Mdare  «Ila  renuUxione  li  mimi  sei  Tomi 
lifcpeMicU* 

DERELITTO.  ^(M.  Abbandonato,  lai.  de- 
rdietui.  gf.  xmraXufòtii.  Dani.  Par.9.  Per 
%waSo  Tnaugelio,  é'Ì  Dottor  magtit  Son  do- 
ttici. Diel.  S,  Greg,  Al.  Ci  rciidouo  testi- 
*o*iD,  che  Km  siano  al  tutto  dispelli,  e  de- 
itlit^  dal  anatro  crtitore.  Mor.  S.  £rag.  l 
^li  erano  itali  lungo  tempo  derelilli. 

1»ERELIZ10N£.  Astratto  di  Derelitto; 
JÌ^mdstitmeMio.ì^destitutio,desertiù.hT. 
rt*i«/H  1  S^suer.  3/auu.  lugl.  U.  17.  Cri- 
*»  Cn  dolori,  tu  Ira  dclisie  ;  Cristo  tra  dere- 
laiaec,  in  frs  diporti. 

•  ^^MTKSO.Sust.La parte  di  dietro,  lai. 
f*n  postica.  Ar.  Fnr.ìZ.  39.  Un'alUaCA/- 
«W<J  aoo  «ì  poi  mover  davanti,  E  '1  deretano 
ladano  «^gìra,  •  snoda. 

DERCrANO.  Add.  [Che  è  dalla  parte 
^distro,]  DirotnRo.  lai.  retrorsus.  \a,òltt- 
^•7«»«l  Ar.  Fur.  41.  87.  E  gli  ÌTeri  ne' 
*(<lae  linocclu  U  destrìer  di  percossa  iu  mo- 
mt«,Gbcse»«a  indugio  è  ff>raa,  che  trabocchi. 

S^  P*r  Ultimo,  lat.  ultimttSy  postremus» 
P  ierctO{.  fiore,  nof.  W.  1.  Il  derctaiM>  luo- 
K»rticrvaii4o  a  Idoneo.  XiV.  A/.  [Dee.  I.  3. 
*^r.)  QncKa  è  la  dereUi»  opera.  Lucan.  Fu 
'  '  3  Cesare  oella  deretana  Spagna,  per  ht 
focnboierie. —  I. 


dicitura  alla  goule.  Ailtert.  6i.  O^ni  dì  è  da  or- 
dinare, corno  se  fosse  lo  deretano  della  vita  sua. 
:  DERBTARE.  f.  A.  Diseredare.  Mil. 
A/.  Fot.  314.  £  contro  colui,  cbe  viene  con- 
tro a  ragione ,  é  vuoici  deretare  delle  nostre 
terre,  e  cacciar  via  tutte  le  nostre  làmiglie. 

^  DERIDERE.  Schernire,  [Beffare.]  lat. 
deridere,  gr.  xaTOtycXàv.  Pctr.  Vom.  ili.  Lo- 
dando l'asprena,  e  la  icuerilìi,  e  derideudula 
tardcxaa  del  compagno.  Vani,  Purg.  20.  Veg- 
gìoto  ìM%'  altra  volta  esser  deriso. 

*  $  Per  Ridere,  h  Frane.  Sa  celi.  nov.  151. 
[Egli  contrastando,  parendogli  essere  Alfonso* 
0  Tolomeo,]  deridendo  verso  me,  come  egli 
avesse  iunansi  ciò,  che  dovea  venire,  [e  io  del 
presente  non  vedessi  alcuna  cosa.] 

DERIDITORE.  rerAo/.  mase.Che[o  Chi] 
deride;  Derisore,  Schernitore,  lat.  derisor. 
gr.  ffxwTrriK-  ^^f'  Giord.  Pred.  H.  Sotto  giu- 
slajpenle  derìdìtorì  di  tanlu  loro  avarìsìa.' 

DEIUDITRICE.  Fem.  di  Dcriditore  ;  Bef- 
fatriee,  Schernitrica.  lai.  contentptrix.  [gr, 
9XcMtreU9cc.]  Fiamm.  7.  74.  Oh  generaxioue 
ingrata,  e  deridilrìce  delle  semplici  donne  ì 

DERISIBILE.  [*Add.  Degne  di  essere 
deriso.]  lat.  risibitis,  risu  dignns.  gr.  yiX%- 
<rrd{.  Buon,  Fior.  3. 4 .  9.  Conosco  e  uou  cono- 
SCO  questo  stile:  Derìsibìl  non  è;  può  esser  me- 
glio, E  ptiò  anch' esser  pcf^io.  E  A.  4.  3.  De- 
risibili al  mondo,  che  del  mondo  Nou  san  Irar- 
re  alcun  (rnltu.  X  Segner.  increti.  ì.  17.  8. 
L'impossìbile  e  odiabile  al  maggior  s^no,  e 
dileggiabilf,  e  derisibile. 

DERISIONE.  //  deridere.  Scherno,  lai.  de- 
risHs  ,  irHsio.  gr.  x^cv<C7/id{.  A/.  /''.  7.  33. 
Il  quale  in  effetto  caiiteueH,  come  in  derisione, 
e  iu  contento  della  santa  Chiesa  e' davano  le 'n- 
vesliture.  F'it,  Pini.  O  Baroni,  noi  abbi<imot 
per  verità  Consolo  degno  di  derisione.  Ca- 
t'ttic.  Frutt.  liHg.[2ì.  var.]Che  grande  certo 
derisione,  ed  irrivcreuaa  e  gridare  e  dire ,  ce. 
0*  S  Mettere,  Pigliare  o  Prendere  uno  in 
derisione,  vale  Deriderlo,  àlelterlo  in  ca»- 
Jone.  D.  Gio.  Celi.  Farad.  Cie.  34.  Lo  gìo 
colatore,  se  pure  uu  poco  sì  muove  fuore  del 
numero  degli  altri  ec.,  è  sibilato  e  pigliato  in 
derisione. 

DERISIVAMENTE.  Avxwb.  Con  deristo- 
ne.  lat.  per  eontemptnm ,  derisorie,  gr.  xa- 
xKfpo-^reeat^^.  Olt.  Com.  in/.  38.  [441.]  Que- 
sto verbo  gaudeo ,  es,  che  l'autore  pone  iu 
3ueaio  priiKÌpio  del  capitolo,  ò  sigiiiocasione 
i  spirituale  allegreaaa;  ma  qui  è  posto  dcri- 
sivameole. 

:  DERISIVO.  Afld.  Atto  a  derisione. 
Schernitilo.  Uden.  His,  ProginH.%.^.  14.  Di- 
ce a  se  stessa  oeir  animo  suo  molte  parole  de- 
risive, 

DERISO,  y.  A.  Susi.  Derisione,  lat.  /r- 
risia,  gr.  x^^'^f-^i'  Guitt.  leti.  (14.  Li  cui 
fìgliooli,  non  regi  ora,  ma  senn  vili,  e  miseri 
tenuti,]  ove  che  vanno,  Ìh  brobbìo,  e  in  derì- 
so d'altra  gente. 

è'  5  4.  Avere  in  deriso,  vale  Deridere, 
tteff'are.  Fr.  ìac.  Tod.  5.  82.  4.  Quando  giu- 
bilo ha  preso  Lo  core  innamorato,  \a  gente 
r  ba  iu  derìso,  Pensando  al  suo  parlalo. 

*  S  3.  Mettere  in  deriso,  vale  Deridere, 
àlenz.  sai.  7.  E  ehe  '1  destino  raltrappito  e 
monco.  Per  metter  poi  la  nobiltà  'u  deriso , 
Non  adoprasae  ad  eslirpurli  uu  ronco? 

DERISO.  Add.  da  Deridere,  lat.  derisns, 
irrisHS.  gr.  y«Jla»TÓ«.  *  Cavale.  Pungil.  178. 
Questi  lati,  derìsi,  e  scherniti  nelle  loro  pene 
e  fortune,  debbono,  per  confortarsi ,  pensare 
alle  derìsioni,  che  furono  (atte  a  Crìsto. 

DERISORE.  rerb„i.  masc.  Oie  [o  Chi] 
deride.  laU  derisor,  snbsannator.  gr.  x^€U»' 
OTiìf.  Pass,  38.  Parlando  in  persona  di  coloro, 
che  furono  derìsorì,  «oè  Kberuitorì  de'giosti. 
Med.  Arb.  er.  [80.1  Coutra  qne'cani  arrab- 
biati dì  crudeltà,  e  di  furìa,  suoi  mortali  cjorì- 
sorì. 

DERISORIO.  Add.  Che  mostra  derision